Connect with us

Coronavirus

Il medico risponde: Il “Fumo di Sigaretta” nel...

Published

on

Il medico risponde: Il “Fumo di Sigaretta” nel periodo del Coronavirus

“Il Medico risponde”

Il “Fumo di Sigaretta” nel periodo del Coronavirus

DOMANDA

“Dottore salve, come annunciato in un mio commento, le porgo una serie di domande con la speranza che non siano troppe. Volevo sapere in questo periodo, i fumatori sono più a rischio di contrarre il virus del Covid-19? I fumatori sono più a rischio di complicazioni e dovrebbero essere più attenti? Vale la pena di smettere di fumare in questo periodo della pandemia? Comunque se sono troppe le domande può anche non rispondermi a tutte. La ringrazio e le auguro una buona giornata.”
Carmen Grieco, 28 anni

RISPOSTA

A cura del Dr. Ferdinando Martinez

ATTENZIONE: "Le informazioni contenute in questa rubrica medica, non devono ASSOLUTAMENTE, in alcun modo, sostituire il rapporto Medico di Famiglia/Assistito. Si raccomanda per buona regola, di chiedere SEMPRE il parere del proprio Medico di Famiglia, o Specialista di fiducia, il quale conosce in dettaglio la storia clinica del proprio Paziente. La nostra rubrica, non avendo fatto un'anamnesi di chi ci scrive, impossibile online, ha il solo ed esclusivo scopo  informativo, decliniamo quindi tutte le responsabilità nel mettere in pratica qualsiasi chiarimento o indicazione riportata al solo scopo esplicativo e divulgativo. Qualsiasi domanda umanamente  intrattabile via web, verrà automaticamente cestinata. Grazie per la gentile comprensione."

Salve Carmen, le sue domande sono davvero interessanti considerando il periodo che stiamo vivendo e non si preoccupi, non sono tante, sarò quindi  lieto di rispondere a tutte, nessuna esclusa. 

I fumatori sono più a rischio di contrarre il virus?

Sappiamo già che questo è il caso di altre malattie infettive polmonari come l’influenza stagionale, la tubercolosi, la polmonite pneumococcica o la legionellosi. Per quanto riguarda il coronavirus, invece, Carmen, mancano le prove. Non è quindi ancora possibile affermare con certezza che un fumatore contrarrà il coronavirus più velocemente di un’altra persona.

I fumatori sono più a rischio di complicazioni?

 È molto probabile , anche se questi meccanismi sono ancora in fase di studio. Quello che è certo è che le persone che soffrono di malattie cardiovascolari, malattie polmonari o diabete corrono un rischio maggiore di sviluppare una forma grave di coronavirus. Tuttavia, il tabacco ha un’influenza su due di queste tre malattie.

Sappiamo anche che, il sistema di difesa dei bronchi è compromesso dal tabacco. Tuttavia, è un meccanismo di difesa efficace contro altri attacchi virali come l’influenza. Possiamo quindi sospettare un effetto simile anche con il COVID-19.È noto da tempo che il fumo danneggia le ciglia nelle vie aeree . Il movimento di queste ciglia è necessario per rimuovere batteri, ma anche polvere, virus e muco dalle vie respiratorie. Quando le ciglia vengono messe a confronto con il fumo, vengono paralizzate o danneggiate e questo importante meccanismo protettivo si spegne.

I fumatori dovrebbero essere ancora più attenti?

 Tutti devono stare estremamente attenti Carmen. Si raccomanda a tutti, indistintamente tra fumatori e non fumatori, di rispettare scrupolosamente in toto le misure preventive comunicate dalle autorità sanitarie, igiene delle mani, limite di contatto, mascherine sanitarie ecc.

Lavarsi bene le mani prima di accendere una sigaretta e portarla alla bocca. Inoltre, evitare di condividere una sigaretta, uno “spinello” o un “narghilè” con un’altra persona, anche se si presume sia sana. Come promemoria le ricordo Carmen, che il coronavirus si trasmette principalmente per via respiratoria, “droplets” di saliva. È anche possibile contrarre il virus se si tocca un oggetto infetto e poi si adagiano le mani sul viso. Il virus può anche sopravvivere per ore ed ore o addirittura giorni su oggetti, superfici, ecc.

Vale la pena smettere di fumare adesso?

Certamente Carmen! Astenersi dal fumo dovrebbe anche far parte delle linee guida sulla prevenzione. Pensare di smettere di fumare adesso è un buon momento per provare anche perché, smettere di fumare, è anche sempre un’ottima decisione per proteggersi dalle complicazioni legate a molte malattie.

Ma ci sono buone notizie Carmen! Dopo aver smesso di fumare,  viene creato un sistema di pulizia nei polmoni e ci si potrà così riprendere meglio in caso di malaugurata infezione delle vie respiratorie. Dopo aver smesso di fumare la tosse potrebbe continuare ad accompagnarci e non dimentichiamo di tossire sul gomito e seguire le regole di igiene in vigore. Se questa tosse persiste o peggiora, se si ha la febbre, non esitiamo  a chiamare il nostro medico di fiducia, o la guardia medica o i numeri di soccorso dedicati, anche solo per un semplice consiglio.

Fumare aumenta anche il rischio di molti altri problemi di salute che vanno dall’ictus al reflusso gastrico. Smettere di fumare è quindi anche un gesto civico in questo periodo di problematica crisi sanitaria, per evitare di sovraccaricare gli ospedali e sovraccaricare il personale infermieristico e medico.

Spero di esserle stato d’aiuto con le mie risposte e non esiti a ricontattarmi in caso di ulteriori questioni. Buona giornata a lei!

Aspettiamo le vostre domande, inviatecele via mail a info@sbircialanotizia.it

Docente di Medicina Clinica e Chirurgia Generale: si occupa principalmente della nostra rubrica “Il medico risponde”, ma anche della creazione di articoli riguardanti il campo della medicina. Tutti gli articoli vanno considerati a scopo esclusivamente informativo.

Coronavirus

Covid, forte legame tra smog e virus: lo studio

Published

on

Ricerca Enea-Università di Roma Tor Vergata

Covid, forte legame tra smog e virus: lo studio

Uno studio Enea - Università di Roma Tor Vergata ha evidenziato una forte affinità tra il particolato atmosferico (Pm2.5) e la proteina Spike del virus Sars-Cov-2 responsabile del Covid. I risultati, che descrivono l’interazione tra le polveri sottili e il virus attraverso simulazioni di dinamica molecolare eseguite con il supercalcolatore Cresco6, sono stati pubblicati sulla rivista online Science of The Total Environment e rientrano nell’ambito del progetto Pulvirus.

“Durante la fase iniziale della pandemia la Lombardia e, in generale, tutta l’area della Pianura Padana sono state colpite più duramente dall’infezione virale rispetto al resto del Paese. Parliamo di una parte d’Italia tra le più inquinate e questo ha portato la comunità scientifica a ipotizzare un possibile ruolo del particolato atmosferico nella diffusione del virus”, spiega Caterina Arcangeli, ricercatrice Enea del Laboratorio Salute e Ambiente e coautrice dello studio insieme ai colleghi Barbara Benassi, Massimo Santoro e Milena Stracquadanio e ai ricercatori del Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma Tor Vergata Alice Romeo, Federico Iacovelli e Mattia Falconi.

Lo studio è partito dalla verifica e dimostrazione della presenza del genoma del virus responsabile del Covid-19 su almeno il 50% dei campioni di filtri per il Pm2.5 raccolti nella città di Bologna nell’inverno del 2021. “A seguire abbiamo realizzato al computer modelli molecolari semplificati di Pm2.5 e di Sars-Cov-2 e abbiamo valutato la loro interazione mediante simulazioni ad alte prestazioni eseguite con il supercalcolatore Cresco6”, aggiunge Arcangeli.

Le simulazioni - spiega una nota - hanno mostrato chiaramente che i glicani (zuccheri) presenti sulla superficie della proteina Spike giocano un ruolo importante nell’interazione tra virus e particolato, mediando il contatto diretto con la corrispondente superficie del nucleo di carbonio del Pm2.5. Inoltre, dallo studio emerge anche una stretta correlazione tra Pm2.5 e virus anche rispetto alle caratteristiche chimiche del particolato fine, il cui contenuto in carbonio elementare sembra avere una funzione guida nell’interazione con il Sars-Cov-2.

“Sebbene l’affinità tra Pm2.5 e Sars-Cov-2 appaia plausibile, la simulazione non permette di valutare se queste interazioni siano sufficientemente stabili per trasportare il virus nell’atmosfera o se il virione mantenga la sua infettività dopo il trasporto. La possibilità che il virus possa essere ‘sequestrato’ dal Pm, con conseguente riduzione di infettività e diffusione, o inattivato da questa forte interazione con il particolato non può essere quindi esclusa”, prosegue la ricercatrice Enea.

La forza delle simulazioni al computer effettuate da questo studio risiede nella capacità di modellare diversi tipi di particolato, variando sia la concentrazione che la composizione chimica degli inquinanti atmosferici. Queste simulazioni possono, dunque, rappresentare uno strumento utile per valutare rapidamente l’eventuale interazione delle polveri sottili con virus, batteri o altri bersagli cellulari rilevanti. “Questa possibilità potrebbe dimostrarsi utile per contrastare o controllare la diffusione di future malattie trasmesse per via aerea in regioni altamente inquinate e fornire informazioni utili per elaborare piani di controllo dell'inquinamento dell’aria”, conclude Arcangeli.

Continue Reading

Coronavirus

Doug Pitt: l’uomo oltre il nome famoso

Published

on

Nel mondo delle celebrità, spesso i riflettori sono puntati su nomi familiari come Brad Pitt, ma dietro ogni grande figura c’è un intero universo di individui che contribuiscono in modo significativo al loro settore e alla società nel suo complesso. Uno di questi casi è quello di Doug Pitt, fratello minore dell’acclamato attore Brad Pitt. Ma Doug è molto di più di “il fratello di”. È un imprenditore di successo, un filantropo appassionato e una figura che merita sicuramente di essere conosciuta più a fondo. Personalità sfaccettata e di grande successo, ha un nome costruito grazie alle sue aziende votate alla tecnologia e alle numerose attività di filantropo nel corso degli anni.

Dal fratello di Brad Pitt all’individuo di successo

Nato il 2 novembre 1966 a Springfield, nel Missouri, Doug Pitt è soprattutto conosciuto perché condivide lo stesso sangue con l’attore hollywoodiano Brad Pitt. Spesso cresciuto all’ombra del più celebre fratello maggiore, Doug ha intrapreso una strada di successo contando sulle proprie capacità e i propri interessi. Dopo aver completato gli studi all’università della sua contea, infatti, ha iniziato una carriera tutta in salita nei settori immobiliare e finanziario, mostrando sin da subito il suo talento nel mondo degli affari. Risale all’aprile del 1991 la fondazione della sua prima azienda, la ServiceWorld Computer, occupata nella fornitura di servizi informatici. A soli 25 anni inizia così la scalata che lo porterà nel mirino del club dei milionari.

Nel 2007 decide di cedere il 75 per cento degli interessi dell’azienda a Miami Nations Enterprises rimanendone però il proprietario e principale partner operativo. Nel 2012 fonda quindi TSI Integrated Services in collaborazione con TSI Global. Nel 2013 Pitt e Miami Nations Enterprises decidono di fondere ServiceWorld con TSI Global. Nel 2017 Pitt ricompra la sua prima società di computer creando la nuova Pitt Development Group, società specializzata in sviluppi commerciali e territoriali. Con questa azienda si è proposto come leader indiscusso nel settore.

Imprenditore e Filantropo

Doug Pitt non è solamente un uomo d’affari di successo, ma un filantropo impegnato che usa i suoi mezzi a disposizione per intervenire in aree critiche del mondo. “Care to Learn”, di cui è il fondatore, è un’organizzazione benefica che fornisce risorse essenziali a bambini che vivono in contesti difficili. L’organizzazione si concentra su bisogni fondamentali come cibo, vestiti e attrezzature scolastiche, permettendo ai più giovani di crescere e imparare in un ambiente positivo e accogliente.

Doug è anche collaboratore di Waterboys.comWorldServe International e Africa 6000 International (a cui partecipa anche la sorella Julie), organizzazioni impegnate nella fornitura di acqua potabile nei paesi africani più in difficoltà, come Tanzania e Kenya. Nel 2010 l’allora presidente della Tanzania Jakaya Kikwete lo ha insignito del titolo di Ambasciatore di buona volontà per la Repubblica Unita di Tanzania. Con questo titolo opera in qualità di intermediario per tutte quelle aziende che vogliono contribuire alla rinascita economica e culturale del paese. Nel 2011 il presidente americano Bill Clinton lo ha premiato con l’Humanitarian Leadership Award.

Dietro le quinte dell’industria del vino

Oltre al suo coinvolgimento nel settore immobiliare e nell’ambito delle opere di beneficenza, Doug Pitt ha anche sviluppato una passione per il mondo del vino. È coinvolto nella gestione di “Pitt Vineyards”, un’azienda vinicola che produce vini di alta qualità. Questa dedizione per il vino riflette la sua grande curiosità e il suo interesse per settori imprenditoriali differenti.

Una vita riservata

La famiglia di primo piano non ha impedito a Doug Pitt di mantenere un profilo relativamente basso nel mondo dei media. Ha cercato, infatti, di proteggere la sua privacy e di concentrarsi sul suo lavoro e sulle sue passioni, piuttosto che sfruttare la sua connessione familiare per attirare l’attenzione dei riflettori. Nel 1990 ha sposato Lisa Pitt, conosciuta all’università, e insieme hanno tre figli: Landon, Sydney e Reagan.

Nonostante abbia sempre cercato di non farsi notare, in certe occasioni è apparso sui media presentandosi in modo scherzoso come il fratello del più celebre Brad. Ha girato diversi spot pubblicitari, come quello per Virgin Mobile Australia, e in alcuni ha vestito persino i panni del fratello, come nella pubblicità per Mother’s Brewing Company. In diverse interviste rilasciate (come quella all’emittente Nova FM) ha anche ammesso di essere scambiato per il fratello almeno 3 volte a settimana da sconosciuti che lo incontrano per strada. Questo perché i due fratelli oltre a condividere carriere di successo, hanno effettivamente un fisico e dei lineamenti molto simili.

L’eredità di Doug Pitt

La storia di Doug Pitt dimostra come dietro a ogni individuo ci siano esperienze, imprese e passioni diverse che meritano di essere riconosciute. Pur essendo spesso additato come “il fratello di Brad Pitt”, la sua dedizione per il mondo degli affari, il suo coinvolgimento nella beneficenza e la sua capacità di perseguire le sue passioni lo rendono un esempio di impegno e di successo. Il suo lavoro nel settore imprenditoriale e filantropico dimostra come sia possibile creare un’eredità significativa indipendentemente dal nome di famiglia e che ognuno ha il potenziale per influenzare positivamente sulla vita degli altri.

Continue Reading

Coronavirus

È finalmente nelle sale cinematografiche il film “Tic Toc”

Published

on

E continua anche il suo tour promozionale con vari appuntamenti.

Girato a Terni negli studios di Papigno, la commedia è stata diretta dal regista Davide Scovazzo mentre la produzione è stata affidata ad Anteprima Eventi Production e Management S.r.l. di Massimiliano Caroletti. Il film vanta un cast di eccezionali attori noti al pubblico tra cui Eva Henger, Maurizio Mattioli, Sergio Vastano, Fausto Leali, Donatella Pompadour, Valentino Marini, Paolo Pasquali alias Doctor Vintage, Cristiano Sabatini alias Bike Chef, Simone Bargiacchi alias Antonio Lo cascio, Samuel Comandini Alisa Zio_ Command, Fabio Stirlani alias Stirlo , Dimitri Tincano, Jennifer Caroletti, Antonella Scarpa alias Himorta, Vanessa Padovani alias Miss Mamma Sorriso, Chaimaa Cherbal, Claudia Letizia ,Elena Colombi , Paola Caruso, Luigi Iocca, Giuseppe Lisco, Rosy Campanale, Daniel Bellinchiodo, Francesco Aquila, Michela Motoc.

E proprio Eva Henger con Massimiliano Caroletti insieme alla figlia Jennifer, al suo debutto sul grande schermo, sono ospiti della prestigiosa kermesse cinematografica Ischia Global Fest, e incontreranno il pubblico prima della proiezione con Doctor Vintage, anche lui nel cast della pellicola, nella serata del 13 luglio.

Filo conduttore del film il rapporto con i social. Tic Toc è una commedia che intreccia tante vicende e scopre tante realtà partendo dalla storia di quattro intraprendenti scansafatiche che per guadagnare qualche soldo decidono di rapire Eva Henger. Un progetto che frana a causa del Covid e che innesca un susseguirsi di intoppi divertenti: “Un gruppo di Sinti, una sorta di gang Fedeli al triste, ma vero, gioco di parole “è tutto LORO quello che luccica”, i quattro passano giornate ad invidiare le superstar di oggi , ovvero gli, e soprattutto le, Influencers, attribuendo a ognuno e a ognuna di loro vite principesche, fatte di limousines, jet privati, champagne della migliore categoria, ville gigantesche e stuoli di servitori, tutto ciò che, nella loro miseria, è loro negato dalla vita, in una maniera che, dal loro punto di vista, reputano ingiusta ed immorale. Stufi di raccogliere le briciole di quello che loro credono essere solo un mondo dorato e pieno di privilegi, i quattro mascalzoni vengono a sapere che la star Eva Henger inaugurerà una Escape Room (cosa che loro non hanno idea di cosa sia) a Terni, per cui a Zagaja, ma ben presto condiviso dagli altri pur se con qualche perplessità soprattutto da parte di Bike Chef, viene la “brillante” idea: appostarsi poco prima dell’entrata della Escape Room e rapire la Diva, che per lui è anche il suo sogno erotico da sempre, in modo da chiedere il riscatto ai suoi numerosi sponsor”, ha spiegato l’ideatore Fabio Stirlani. La trama affronta in chiave drammatica argomenti comici che riflettono l’attualità.

Un film che segna il grande ritorno al cinema di Eva Henger che per l’occasione ha interpretato se stessa. Un ruolo cucito alla perfezione su di lei: “Ho interpretato me stessa. Pensavo fosse facile, invece è stato difficilissimo. Quando si interpreta la propria persona ci si rende conto di non conoscerla realmente. Ho dovuto metterci dell’ironia, verve e passione, anche perché sarà un film comico, che farà ridere molto”. Assieme a lei sul set la figlia Jennifer Caroletti interessata a seguire le orme della madre.

Continue Reading

Ultime notizie

Esteri7 ore ago

Elezioni Usa, con Harris candidata ecco chi potrebbe essere...

Sono nove i possibili candidati alla vice presidenza degli Stati Uniti con Kamala Harris che punta alla Casa Bianca Dal...

Esteri7 ore ago

Ritiro Biden, Harris e il piano B: tutte le domande dei dem

Le regole del Partito democratico Usa forniscono alcune risposte, per altre bisognerà aspettare invece gli sviluppi politici (ed eventuali ricorsi...

Esteri8 ore ago

Duello Harris-Trump, la possibile sfida tra l’ex...

Se la vice di Biden diventerà la candidata dem ufficiale, lo scontro potrebbe basarsi sui diversi background dei due Se...

Cronaca8 ore ago

Napoli, crolla ballatoio nella Vela Celeste a Scampia: un...

Vigili del fuoco evacuano i piani alti dell'edificio, gravi due tra i feriti nel crollo avvenuto al terzo piano Un...

Esteri8 ore ago

Terremoto a Panama, scossa magnitudo 5.7

Il sisma a 5 km da Puero Armulles Un terremoto di magnitudo 5,7 è stato registrato oggi a 5 km...

Esteri9 ore ago

Attentato a Trump, boss Secret Service sotto torchio:...

Toni durissimi nell'audizione alla Camera "Sta dicendo solo cazz... oggi. Vuole usare questi 5 minuti per firmare la sua lettera...

Esteri10 ore ago

Vance ‘difende’ Biden:”Ritiro? Lo hanno...

Il candidato repubblicano alla vice presidenza: "Con un altro paio dell'elite dem si sono riuniti in una stanza fumosa e...

Spettacolo10 ore ago

“RA TA TA”, il nuovo singolo di MAHMOOD, è certificato...

“RA TA TA”, il nuovo singolo di MAHMOOD, è oggi certificato DISCO D’ORO. Disponibile in radio e su tutte le...

Spettacolo10 ore ago

Il Grand Prix Corallo torna a brillare: Premi e star sotto...

Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del...

Spettacolo10 ore ago

Sebastiano Somma: il talento versatile tra cinema, teatro e...

Tra gli ospiti della XII Edizione dell’Ariano International Film Festival figura Sebastiano Somma, noto attore italiano che vanta una carriera...

Ultima ora10 ore ago

Fisco, con pace contributiva possibilità di riscatto fino a...

L'Istituto in una circolare recepisce la norma prevista dalla legge di bilancio, che ha reintrodotto per il biennio 2024/2025 la...

Spettacolo10 ore ago

Patrizio Rispo: l’attore poliedrico che unisce...

Patrizio Rispo, attore di grande talento e versatilità, si distingue nel panorama artistico italiano per la sua straordinaria carriera che...

Cronaca10 ore ago

Etna, vulcano oggi attivo: nube di cenere da cratere...

Il modello previsionale di dispersione dell'eventuale nube vulcanica indica una direzione verso Est L'Etna nuovamente attivo oggi, 22 luglio 2024....

Ultima ora12 ore ago

Tragedia a Brembate, 44enne muore nelle acque del fiume...

Dalle prime ricostruzioni, pare che si fosse appena tuffato nel fiume, a poca distanza da una cascata, senza riuscire a...

Ultima ora12 ore ago

Rintracciato a L’Aquila uno dei tre evasi dal carcere...

Uno rintracciato alla stazione Termini, l'altro a L'Aquila. Il 15enne fuggito con loro dalla struttura di Casal del Marmo, invece,...

Esteri12 ore ago

Elezioni Usa, il fattore tempo: tre domande per i prossimi...

Dal duello Biden-Trump del 27 giugno, passando per l'attentato del 13 luglio, al passo indietro di Biden del 21 luglio...

Spettacolo12 ore ago

E’ morto Aldo Puglisi, attore con Germi e De Sica...

Il decesso sabato scorso a Catania in seguito a delle complicazioni polmonari dovute al contagio da Covid. Il debutto con...

Cronaca13 ore ago

Cruciverba e sudoku amici del cervello? Cosa dicono i...

Diversi studi suggeriscono possibili benefici e le promuovono come allenamento per mantenere mente giovane Protagonisti indiscussi dell'estate nelle ore di...

Economia13 ore ago

Dal Fabbro (Iren): “Hub RigeneRare utile per analisi...

"Il tema della dipendenza dei materiali critici è sicurezza nazionale" E' un hub che "serve a tre funzioni: la prima...

Lavoro13 ore ago

Miwa Energia, ecco primo Report di Sostenibilità

L'azienda attiva dal 2010 su tutto il territorio nazionale nel settore gas ed energia elettrica, Il consiglio di amministrazione di...