Vaiolo delle scimmie, 67 casi in Ue: sintomi lievi, come si trasmette


Vaiolo delle scimmie, “tra il 15 e il 23 maggio, sono stati segnalati in totale 67 casi nell’Ue in 9 Stati membri (Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia)”. Lo riporta l’Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, in una valutazione rapida del rischio ‘monkeypox’ pubblicata oggi. “La maggior parte dei casi attuali”, spiega Andrea Ammon, direttore dell’Ecdc, “si è presentata con sintomi lievi e per la popolazione più ampia la probabilità di diffusione è molto bassa. Tuttavia, la probabilità di un’ulteriore diffusione del virus attraverso uno stretto contatto, ad esempio durante le attività sessuali tra persone con più partner sessuali, è considerata alta”.  

I casi di vaiolo delle scimmie, precisa l’Ecdc, attualmente “sono stati diagnosticati principalmente tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, il che suggerisce che la trasmissione potrebbe aver luogo durante le relazioni intime”. Il contagio, ricordano gli esperti, può avvenire attraverso il contatto ravvicinato della mucosa o della pelle non integra con materiale infettivo di lesioni, o attraverso grandi goccioline respiratorie durante il contatto prolungato faccia a faccia. Alle persone contagiate si consiglia quindi “di astenersi dall’attività sessuale e da uno stretto contatto fisico fino alla guarigione del rash cutaneo”. “La maggior parte dei casi può rimanere a casa con cure di supporto”, ha aggiunto l’Ecdc. 

“Le persone infette – si spiega ancora l’Ecdc – dovrebbero rimanere isolate fino alla caduta delle croste” che si creano a seguito dell’eruzione cutanea causata dalla malattia, “e in particolare dovrebbero evitare contatti ravvicinati con persone immunosoppresse e animali domestici”, raccomanda quindi l’Ecdc. Quanto ai contatti stretti dei casi di vaiolo delle scimmie questi “dovrebbero auto-monitorarsi per verificare l’eventuale sviluppo di sintomi per 21 giorni dopo l’ultima esposizione”, aggiunge l’Ecdc.  

L’ente Ue continuerà a “monitorare da vicino gli sviluppi e aggiornerà la valutazione del rischio non appena saranno disponibili nuovi dati e informazioni”. 

“Se si verifica la trasmissione da uomo ad animale e il virus si diffonde in una popolazione animale, c’è il rischio che la malattia possa diventare endemica in Europa”, spiega l’Ecdc.  

L’Ecdc evidenzia l’importanza di evitare che il contagio dall’uomo passi e si diffonda in popolazione animali in Ue e chiede vigilanza su questo fronte: “E’ necessaria una stretta collaborazione intersettoriale tra le autorità sanitarie pubbliche dei settori umano e veterinario – ammoniscono gli esperti – per gestire gli animali domestici esposti” al virus “e prevenire la trasmissione della malattia alla fauna selvatica”.  

“Sono preoccupata per l’aumento del numero di casi di vaiolo delle scimmie segnalati nell’Ue e nel mondo. Stiamo monitorando da vicino la situazione e, sebbene attualmente la probabilità di diffusione” della malattia “nella popolazione più ampia sia bassa, il quadro è in evoluzione”, sottolinea Stella Kyriakides, commissaria europea per la Salute e la Sicurezza alimentare.  

“Dobbiamo restare tutti rimanere vigili”, esorta Kyriakides che invita a “garantire la disponibilità di tracciamento dei contatti e un’adeguata capacità diagnostica; garantire la disponibilità di vaccini, farmaci antivirali e dispositivi di protezione individuale” Dpi, “necessari per gli operatori sanitari”.  

“Siamo stati in stretto contatto con gli Stati membri fin dalle prime segnalazioni di casi di virus del vaiolo delle scimmie nell’Ue, e siamo pronti – assicura la commissaria – a sostenere e coordinare attivamente la risposta dell’Unione europea con tutte le risorse a disposizione”. 

“Il Comitato per la sicurezza sanitaria dell’Unione europea discuterà domani del vaiolo delle scimmie, e la nostra Autorità di risposta e preparazione alle emergenze sanitarie (Hera), l’Ecdc” e l’Agenzia europea del farmaco “Ema stanno lavorando a stretto contatto per garantire che le informazioni sulla situazione epidemiologica e la disponibilità di vaccini e trattamenti siano assicurate”, evidenzia Stella Kyriakides.
 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.