Due nuovi quadri nella collezione di Palazzo Barberini


Due dipinti entrano da oggi a far parte della collezione delle Gallerie Nazionali di Arte Antica a Roma, grazie all’acquisizione da parte dello Stato, su indicazione del museo stesso: ‘La morte di Cleopatra’ di Giovanni Lanfranco (Parma 1582 – Roma 1647) e il ‘Ritratto del cardinale Antonio Barberini’ di Simone Cantarini (Pesaro 1612 – Verona 1648). Entrambe le opere sono ora esposte nella sede di palazzo Barberini. 

A palazzo Barberini, l’opera di Lanfranco ‘La morte di Cleopatra’ è stata allestita al piano nobile, accanto alla ‘Venere che suona l’arpa’ dello stesso autore, il quale probabilmente si avvalse della medesima modella per la realizzazione delle due opere. Il ‘Ritratto del cardinale Antonio Barberini’ d
i Simone Cantarini è esposto accanto ai ritratti dipinti e scolpiti di Urbano VIII e dei suoi nipoti realizzati da Gian Lorenzo Bernini, Giuliano Finelli, Carlo Maratti, Lorenzo Ottoni nella sala della Divina Sapienza, dedicata a illustrare i protagonisti della famiglia Barberini. 

“L’acquisizione da parte dello Stato di due opere per le Gallerie Nazionali di Arte Antica è motivo di festa e di orgoglio per tutti i musei italiani, che ancora una volta dimostrano di essere luoghi di riferimento culturale, con un ruolo attivo e dinamico per la conoscenza del patrimonio culturale e per la promozione della sua fruizione: attività che lo Stato è continuamente chiamato a svolgere in attuazione dell’articolo 9 della Costituzione – dichiara Massimo Osanna, alla guida della Direzione generale dei Musei – Nell’ottica di accrescere e valorizzare il patrimonio del sistema museale nazionale, abbiamo volentieri contribuito e partecipato a questo importante processo di acquisizione”. 

Per Flaminia Gennari Santori, direttrice delle Gallerie Nazionali di Arte Antica, “riportare a Palazzo Barberini opere che un tempo si trovavano qui e che sono state disperse nel corso dei secoli, e in maniera definiva negli anni Trenta del Novecento, è operazione culturale di fondamentale rilevanza. I Barberini sono stati tra i principali mecenati europei del XVII secolo e la loro collezione di opere d’arte può essere considerata il manifesto del loro progetto culturale”. 

La direttrice ricorda che “in meno di cinque anni, grazie alle acquisizioni compiute dalle Gallerie Nazionali e dalla Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio e dalla Direzione Generale Musei del ministero della Cultura, sono state acquistate dallo Stato quattro opere straordinarie: il ‘Ritratto di Abbondio Rezzonico’ di Pompeo Batoni, il modello per il monumento funebre di Papa Innocenzo XI di Pierre-Étienne Monnot e ora ‘La morte di Cleopatra’ di Giovanni Lanfranco e il
‘Ritratto del cardinale Antonio Barberini’
di Simone Cantarini”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Cultura Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.