Ricerca Fid: per 3 italiani su 4 digitale è opportunità, 73% dice ok smart working


Per 3 italiani su 4 nella trasformazione digitale del Paese prevalgono le opportunità ai rischi. E’ uno dei dati chiave della ricerca della Fondazione Italia Digitale sui temi della digitalizzazione e dell’interazione tra Pa e cittadini illustrata oggi, nel corso dell’evento di presentazione della neonata Fondazione, da parte di Livio Gigliuto, membro del Cda di Fdi e direttore dell’Osservatorio nazionale sulla comunicazione digitale e vice presidente Istituto Piepoli.  

Dalla ricerca emerge inoltre che ben il 74% degli over 55 ritiene l’uso del digitale una opportunità mentre appena il 13% degli italiani che hanno superato i 55 anni lo ritiene un rischio. La ricerca mette in chiaro che questa fascia di popolazione in realtà é ben allineata anche con i nativi digitali visto che ben 75% degli italiani interpellati fra i 18 e i 34 anni ha fatto prevalere le opportunità mentre appena il 10% in questa fascia di età ha messo i rischi davanti ai benefici.  

La ricerca mette in evidenzia anche che l’80% italiani si fida della sicurezza dei servizi digitali, una punta che arriva all’85% negli over 55. Nella ‘classifica’ fra i canali digitali maggiormente usati dagli italiani per per fruire dei servizi pubblici a conquistare il primo posto della ricerca sono i siti web e le app che sono scelti nel 61% dei casi mentre gli sportelli fisici delle amministrazioni sono scelti nel 25% dei casi. Inoltre l’analisi di Fondazione Italia Digitale rileva che il 55% degli italiani interpellati ha attivato lo Spid ed il 24% ha sia lo Spid che la Carta d’Identità Digitale. Infine la ricerca ha affrontato il tema dello smart working rilevando che per il 73% é un’opportunità per far lavorare meglio le persone mentre appena il 21% lo ritiene un rischio. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *