Galli: “Non ho bisogno di fare il nano o la ballerina”


“Io non ho bisogno di fare il nano o la ballerina di nessuno”. Il professor Massimo Galli si esprime così a L’aria che tira su La7. “Sono un anziano professore che ha fatto la carriera che voleva fare, che non ha altre aspirazioni e che è prossimo alla pensione. Non ho bisogno di inchinarmi davanti a nessuno. Quando sono stato chiamato a collaborare per la funzione ricoperta, l’ho fatto. Ai tempi della Prima Repubblica si parlava di nani e ballerine che lavoravano a favore di questo o quello”, dice il responsabile di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano.  

Galli viene interpellato sulla campagna di vaccinazione. “Abbiamo perso tempo, anche con AstraZeneca. Per ricoprire la differenza tra noi e la Gran Bretagna dovremmo fare 25-30 milioni di dosi di vaccino. Se tutto andasse bene e facessimo 500mila dosi somministrate al giorno, che non abbiamo mai raggiunto, ci vorrebbero 60 giorni per arrivare al punto in cui la Gran Bretagna è ora”, aggiunge. In materia di riaperture “si sarebbe dovuto considerare tutto quanto e non dare un segnale che, l’impressione è quella, venga percepito come un liberi tutti”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *