Ftse Mib chiude in rialzo e vede i 26mila punti


Avvio di settimana decisamente positivo per la borsa di Milano. Grazie al +0,99% registrato nella prima seduta della settimana, il Ftse Mib ha chiuso a 25.824,71 punti e messo ufficialmente nel mirino la soglia dei 26 mila punti, toccata per l’ultima volta a inizio ottobre 2008.  

All’interno del paniere delle blue chip spicca la performance di UniCredit (+3,47%), top performer del Ftse Mib dopo la promozione a “buy” arrivata dagli analisti di Jefferies. Poco mossa invece Intesa Sanpaolo (+0,2%), che ha visto il giudizio scendere a “hold”. Denaro anche sull’accoppiata formata da Banco Bpm e Bper Banca, salite rispettivamente dell’1,5 e dell’1,34 per cento.  

Tra i pochi titoli in rosso sul paniere delle blue chip segnaliamo il -1,37% di STMicroelectronics: secondo quanto riportato dal Financial Times, il gruppo Singapore Flex stima che la carenza di semiconduttori durerà almeno fino a metà 2022. 

Sul completo balza il rally di Saras (+12,63%), spinta dai rumor sull’interesse da parte di fondi di investimento e dall’upgrade a “comprare” da parte degli analisti di Bank of America, e d’Amico (+5,45%), che invece ha capitalizzato il forte rialzo registrato dal prezzo dei noli delle navi.  

Dopo la conferma da parte dell’agenzia Fitch sull’Italia del giudizio “Bbb-” con outlook stabile, comunicata venerdì a mercati chiusi, nella seduta odierna lo spread tra Btp e Bund è salito a 105 punti base (+2,3%). Oggi il Tesoro ha annunciato di aver affidato ad un pool di banche il mandato per il collocamento sindacato di un nuovo Btp a 10 anni. (in collaborazione con money.it).  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Finanza Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *