Bollettino Coronavirus del 14 Gennaio 2021


In data 14 gennaio l’incremento nazionale dei casi è +0,74% (ieri +0,68%) con 2.336.279 contagiati totali, 1.694.051 dimissioni/guarigioni (+20.115) e 80.848 deceduti (+522); 561.380 infezioni in corso (-3.394). Elaborati 160.585 tamponi totali (ieri 175.429) con 68.603 casi testati (ieri 69.626); 17.246 positivi (target 4.311); rapporto positivi/tamponi totali 10,73% (ieri 8,99% – target 2%); rapporto positivi/casi testati 25,13% (ieri 22,65%, target 3%). Ricoverati con sintomi -415 (23.110); terapie intensive -22 (2.557) con 164 nuovi ingressi del giorno.

Nuovi casi soprattutto in: Lombardia 2.587; Veneto 2.076; Sicilia 1.867; Lazio 1.816; Puglia 1.524; Emilia Romagna 1.515; Campania 1.294. In Lombardia curva +0,51% (ieri +0,44%) con 28.645 tamponi totali (ieri 31.880) e 9.629 casi testati (ieri 9.584); 2.587 positivi (target 1.000); rapporto positivi/tamponi totali 9,03% (ieri 7,04% – target 2%); rapporto positivi/casi testati 26,86% (ieri 23,42% – target 3%); 508.224 contagiati totali; ricoverati -37 (3.614); terapie intensive +6 (468) con 26 nuovi ingressi del giorno; 26.026 decessi (+72).

Stiamo entrando in una fase particolarmente delicata dell’epidemia: i positivi di questi giorni, che riflettono il periodo post Capodanno, ci diranno se a prevalere sono state le zone rosse o i festeggiamenti. Il confronto sui positivi individuati ha perso in buona parte significato, come abbiamo visto nei giorni scorsi, in un periodo caratterizzato da un basso numero di test: 928.145 totali nell’ultima settimana mobile (7-13 gennaio) con una media quotidiana di 132.595. Per quanto “ritardato” l’indicatore più affidabile sullo sviluppo del contagio sarà quello dei nuovi ingressi in terapia intensiva: che ci restituisce una fotografia dell’epidemia risalente a 2-3 settimane prima, ma veritiera.

Meno preciso sarà invece quello che si basa sull’andamento dei ricoveri, perché l’attuale indicazione del sistema sanitario è quella di procedere, in tutti i casi in cui è possibile farlo, alle cure in ambiente domestico: strategia che porta, nei reparti di area medica, un numero di persone inferiore rispetto a quanto sarebbe accaduto adottando gli stessi criteri dei mesi scorsi, che avevano generato una rapida saturazione degli ospedali. Nella settimana mobile 7-13 dicembre le terapie intensive hanno visto, a livello nazionale,1.236 nuovi ingressi contro i 1.110 del periodo mobile 1-7 gennaio (+11,3%). In Lombardia i nuovi ingressi sono stati 168 (7-13 gennaio) contro 147 (1-7 gennaio) con una crescita del 14,2%. Questi valori, lo ricordiamo, riflettono in larga parte i contagi avvenuti tra il 25 e il 31 dicembre 2020. Terremo monitorato questo indicatore anche nei prossimi giorni, seguendo in parallelo lo sviluppo dei principali numeri quotidiani. Un breve aggiornamento sulla Cina: per la prima volta dopo mesi è stato registrato un decesso per Covid-19 (non accadeva dal 16 maggio).

Il totale ufficiale sale a 4.645. Il paziente deceduto era residente nella Provincia dell’Hebei, da metà dicembre epicentro di un focolaio di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi. Segnaliamo oggi anche un potenziale nuovo focolaio nella Provincia dell’Heilongjiang, 38 milioni di abitanti, non confinante con l’Hebei e situata all’estremo Nord-Est del Paese: da qualche giorno si registrano casi sintomatici trasmessi localmente e l’ultimo dato ufficiale, relativo al 13 gennaio, segnala 43 nuovi positivi. In conclusione una nota di servizio: da domani, 15 gennaio, salvo differenti decisioni del ministero della Salute è attesa un’importante variazione nella comunicazione dei test effettuati per la diagnosi della Covid-19: ai tamponi molecolari, che restano il “gold standard”, si affiancheranno i test rapidi di ultima generazione, come previsto dalla Circolare “Aggiornamento della definizione di caso Covid-19 e strategie di testing” firmata lo scorso 8 gennaio dal direttore generale Gianni Rezza. La comunicazione dovrebbe avvenire distinguendo la tipologia dei test, ma cumulando i positivi riscontrati con entrambi i metodi. È pertanto prevedibile una discontinuità con i dati finora raccolti, e se fosse necessario adegueremo le modalità di esposizione che abbiamo finora utilizzato.

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *