Connect with us

Attualità

Il futuro dell’energia rinnovabile grazie al mare

Published

on

In Italia, in seguito all’insediamento del nuovo Governo Meloni, abbiamo il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica che va a sostituire il precedente Ministero per la Transizione Ecologica. Come dice il nome, lo scopo del vecchio ministero era quello di utilizzare fondi europei e nazionali (come il PNRR) per completare la transizione dallo sfruttamento di fonti non rinnovabili a fonti di energia pulita. Il bisogno di dover affrontare questo cambiamento è stato messo in risalto dai recenti avvenimenti accaduti in Ucraina, l’invasione russa ha portato gravi conseguenze a livello energetico in tutta Europa. Questo è accaduto perché nel momento in cui la Russia, divenuta “nemica” dell’UE, ha smesso di rifornire di gas i paesi come l’Italia che ne so rimasti praticamente senza. Se in passato avessimo sfruttato più risorse per costruire impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili piuttosto che acquistare gas, in questo momento l’Italia non avrebbe avuto tutte queste preoccupazioni.

Ora come ora nel nostro Paese l’energia proveniente da fonti pulite copre il 38% della produzione elettrica, 10% dei consumi relativi ai trasporti e 20% dei consumi termici per le infrastrutture. Il settore che fornisce più energia è quello idroelettrico col 41% del totale, seguito dagli impianti fotovoltaici (21%), dalle biomasse (17%), dall’eolico che è in lenta ma continua crescita (16%) e dal geotermico (5%). Rispetto agli altri paesi europei, siamo al terzo posto nella classifica dei consumatori di energia rinnovabile. Ecco, adesso arriva il dato importante: in Italia è poco, o per niente, sfruttata l’energia derivata dal mare nonostante si abbiano le tecnologie adeguate per realizzare gli impianti.

Come può essere sfruttato il mare per produrre energia

Esistono moltissimi modi per poter ricavare energia dal mare in maniera efficiente, e parecchi di questi sono applicabili anche sulle coste dell’Italia.

Tutti gli esempi di tecnologia che verranno elencati e brevemente spiegati sono frutto dell’intelletto dei giovani ricercatori delle università italiane in collaborazione con gli istituti nazionali di ricerca come ENI e ENEA.

Vicino le coste di Marina di Pisa dal 2015 è presente un convertitore di energia sottomarino attivo 24 ore al giorno, 7 giorni a settimana. Questo è composto da una parte semovente immersa in acqua collegata ad una guida ancorata al fondale: la prima parte è in grado di raccogliere l’energia del moto ondoso e, eventualmente, anche quella delle correnti. Permette di generare fino a 50kW che vanno a soddisfare i bisogni di circa 40 famiglie. In questo momento, grazie all’investimento di Eni e Invitalia Ventures nei confronti della start-up che ha ideato il convertitore, questo tipo di impianto h24 è in fase di commercializzazione.

Un altro esempio è il prototipo PEWEC 2.0 realizzato dall’impegno congiunto di ENEA e Politecnico di Torino. Questo tipo di impianto ha superato con successo la fase di sperimentazione presso l’università Federico II di Napoli ed è in corso la costruzione del modello in scala 1:1. Il sistema si basa su una struttura galleggiante che genera energia elettrica sfruttando l’oscillazione, dovuta alla forza del moto ondoso, di un pendolo posto al suo interno. Se il progetto dovesse essere ultimato e portasse ai risultati sperati, potrebbe essere impiegato per rendere energeticamente autonome isole di medie e piccole dimensioni.

Un altro tipo di tecnologia italiana è GEMSTAR. Stavolta si tratta di un sistema composto da due turbine marine orizzontali collegate ad un galleggiante fissato al fondo del mare. Queste si trovano a 15 metri di profondità, nel momento in cui si palesano delle correnti le turbine si allineano con il loro flusso come farebbe un aquilone in aria, facendo ciò generano energia pulita.

Da questo elenco si può notare come l’Italia sia uno dei paesi con le tecnologie più all’avanguardia nel campo della ricerca per l’energia marina. Si tratta purtroppo di ricerca e non di applicazioni di tipo industriale, infatti se ampliati e migliorati questi impianti potrebbero fornire una buonissima percentuale dell’energia necessaria al Paese e lo renderebbero sempre più indipendente dal consumo di risorse fossili.

I vantaggi degli impianti marini

Gli impianti per la produzione di energia marina possiedono dei vantaggi e benefici da non sottovalutare.

Le centrali oceaniche e marine possono essere installate in molti più luoghi rispetto a quelle eoliche e idroelettriche che, per esempio, richiedono elevate pendenze che nel territorio italiano sono presenti quasi esclusivamente solo nelle Alpi. Per produrre energia dal mare in Italia sarebbe necessario installare gli impianti lungo le coste della Sardegna, dello Stretto di Messina e nella Laguna Veneta, ma anche nelle vicinanze di Salerno e Civitavecchia dove sono già presenti dei prototipi sperimentali. Questa selezione è necessaria perché non tutti gli 8000 e più km di costa italiana possono fornire un moto ondoso sufficientemente potente.

Un altro vantaggio che presenta questo tipo di energia è il fatto di avere meno possibilità di contaminare la biodiversità e il terreno del luogo nel quale vengono costruiti gli impianti. Riguardo a questo sono stati fatti numerosi studi che hanno portato alla luce un metodo con il quale è possibile stabilire se il progetto può influire negativamente sull’ambiente marino circostante. Questo permette di cercare il luogo più appropriato per installare i convertitori o le turbine.

Un ulteriore beneficio che si può avere dalla produzione dell’energia marina, è la sua costanza e affidabilità. Infatti, rispetto all’eolico e agli impianti fotovoltaici, le correnti marine, il moto ondoso e le maree sono attive 24 ore al giorno e possono garantire una produzione di energia costante.

Energia marina in Italia e nel mondo

Come abbiamo visto l’energia marina è molto sperimentata in Italia ma non è stata ancora applicata su larga scala. Questo è causato in parte dai costi ancora troppo alti per la realizzazione degli impianti ma anche perché mancano i fondi da parte dello stato. A quanto pare la transizione ecologica non sarà uno dei punti da raggiungere del nuovo esecutivo che, invece, si impegnerà per riuscire a garantire sufficienti scorte energetiche per il Paese.

Sono state fatte stime molto promettenti riguardanti il settore dell’energia marina che, entro il 2050, dovrebbe raggiungere il valore di circa 53 miliardi di euro portando oltre 400mila posti di lavoro nella sola Europa. Lo sfruttamento responsabile del mare può portare a miglioramenti nel campo delle energie sostenibili e può velocizzare il processo di decarbonizzazione, punto chiave per la lotta contro i cambiamenti climatici. Detto ciò, l’energia marina potrebbe coprire fino al 10% del fabbisogno energetico europeo e aiuterebbe moltissimo le comunità costiere che rappresentano circa la metà della popolazione del Vecchio continente.

In Italia, i luoghi più adatti per produrre questo tipo di energia alternativa sono le coste della Sicilia, dello stretto di Messina, della Sardegna, di alcune aree del Tirreno e nella Laguna Veneta. Nella maggior parte di queste zone sono già presenti impianti sperimentali che hanno dato risultati positivi e, in futuro, potrebbero costituire un punto di riferimento per la produzione di energia marina.

Nel resto del mondo, invece, le aree migliori per sfruttare il mare da un punto di vista energetico sono le isole dei Caraibi e tutte le coste che si trovano a livello dell’Equatore e dei tropici.

Animato da un’indomabile passione per il giornalismo, Junior ha trasceso il semplice ruolo di giornalista per intraprendere l’avventura di fondare la sua propria testata, Sbircia la Notizia Magazine, nel 2020. Oltre ad essere l’editore, riveste anche il ruolo cruciale di direttore responsabile, incarnando una visione editoriale innovativa e guidando una squadra di talenti verso il vertice del giornalismo. La sua capacità di indirizzare il dibattito pubblico e di influenzare l’opinione è un testamento alla sua leadership e al suo acume nel campo dei media.

Attualità

Il Comune di Viareggio presenta la mostra d’arte...

Published

on

Il Comune di Viareggio, in collaborazione con l’Adac di Modena, è lieto di presentare una straordinaria mostra d’arte contemporanea intitolata “I Pittori della Metacosa”.

Sette illustri artisti – Giuseppe Bartolini, Giuseppe Biagi, Gianfranco Ferroni, Bernardino Luino, Sandro Luporini (celebrato pittore e storico paroliere di Giorgio Gaber per quasi quarant’anni) Lino Mannocci e Giorgio Tonelli – esporranno le loro opere presso la Galleria GAMC di Viareggio dal 1 giugno al 13 ottobre 2024.

L’inaugurazione, fissata per il 1 giugno alle ore 18, promette un’esperienza imperdibile di approfondimento nella tradizione della pittura figurativa, guidata dal curatore Adriano Primo Baldi e arricchita dal saggio critico di Luca Pietro Nicoletti.

(di Lino Manocci)

“I Pittori della Metacosa” si unirono nel 1979 con un manifesto di poche parole che sottolineava l’importanza della ricerca artistica comune e la stima reciproca tra gli artisti: “Anche se non si può parlare proprio di un gruppo, la mostra che presentiamo vuole essere qualcosa di diverso da una collettiva. Ci siamo uniti non solo per stima reciproca, ma soprattutto per verificare la possibilità di una ricerca in comune”.

Questo gruppo ha rappresentato una vera e propria epopea creativa, sfidando le convenzioni artistiche fin dal suo inizio.

Un breve passaggio indietro nel tempo ci porta alla Viareggio del 1983, quando al Palazzo Paolina Giuseppe Bartolini, Gianfranco Ferroni, Bernardino Luino, Sandro Luporini, Lino Mannocci e Giorgio Tonelli tennero una delle loro prime mostre.

Oggi, dopo quarant’anni e un lungo percorso, di gruppo e individuale, ritornano insieme a Viareggio.

Gli artisti della Metacosa animarono l’ambiente culturale milanese negli anni ’80, operando nello studio di Gianfranco Ferroni e dando vita al movimento di tendenza chiamato “Metacosa”. La loro prima mostra a Brescia nel 1979, curata dal famoso critico Roberto Tassi, segnò l’inizio di una serie di esposizioni che hanno coinvolto città come Milano, Bergamo, Vicenza e molte altre.

Un momento significativo nella storia del gruppo è stata la mostra intitolata “Fenomenologia della Metacosa” allo Spazio Oberdan di Milano nel 2004, curata da Philippe Daverio. Questo evento, che segnò il debutto di Daverio come curatore, testimoniò il riconoscimento dell’importanza e della rilevanza del movimento artistico.

Philippe Daverio, noto critico d’arte e gallerista di fama, fu il curatore di questa mostra e, in precedenza, uno straordinario assessore alla cultura del comune di Milano. La sua partecipazione alla mostra “Fenomenologia della Metacosa” del 2004 rappresentò un momento significativo nel panorama artistico italiano.

La mostra “I Pittori della Metacosa”, curata da Adriano Primo Baldi, ex storico collaboratore di Philippe Daverio, si ispira al progetto ideato dallo stesso Daverio vent’anni fa nel capoluogo meneghino. Gli artisti del Gruppo sono gli stessi, ma le opere esposte attraversano il tempo, rappresentando l’intero percorso della loro attività, dal 1979 fino ad oggi.

Ogni pittore di questo gruppo ha la propria luce; la qualità e la sostanza della luce essendo diversa in ognuno di loro; la coincidenza di poetica non comporta coincidenza di stile o di poesia. Il fascino e la verità della mostra sta proprio in questo, nell’unire intorno a una comune idea, e quasi filosofia, della pittura, artisti molto diversi.

L’evento, celebrato come una vittoria della cultura e della pluralità artistica, offre un’opportunità senza precedenti di immergersi nell’universo affascinante di artisti che hanno resistito alla marea delle avanguardie per abbracciare una visione unica e audace della pittura figurativa.

Sandro Luporini e Giorgio Gaber

Il Comune di Viareggio è orgoglioso di ospitare questa straordinaria esposizione, offrendo al pubblico l’opportunità di esplorare l’opera di artisti che hanno segnato in modo indelebile il panorama artistico del secondo Novecento.

Alla mostra “I Pittori della Metacosa” è dedicato un voluminoso catalogo di 230 pagine con 110 riproduzioni a colori edito da Edizioni Pendragon.

Continue Reading

Attualità

Margarita: dopo 20 anni arriva il sequel di Floricienta per...

Published

on

È il 2004 quando “Flor, speciale come te” entra nei cuori di milioni di telespettatori, portando con sé una ventata di freschezza e magia. Vent’anni dopo, l’eredità di Florencia Fazzarino e del Conte Massimo continua a vivere, non solo nei ricordi, ma anche in una nuova generazione. “Margarita, que tu cuento valga la pena” è il titolo della nuova serie, la cui protagonista sarà l’attrice Mora Bianchi, che ci riporta nel mondo incantato creato da Cris Morena.

La protagonista è Margarita (interpretata da Mora Bianchi), la figlia di Flor e Massimo, erede al trono del regno immaginario di Krikoragán. Lei è una giovane ragazza cresciuta in un orfanotrofio, in quanto in tempi di grande tumulto nel Regno, i suoi genitori esiliarono lei (allora una bambina) e i suoi fratelli Federico e Andrés, per proteggerli, prima di scomparire. Margarita è ignara delle sue nobili origini e della complessa rete di bugie tessute attorno alla sua nascita. Il destino, però, ha in serbo per lei un’avventura straordinaria: partecipando a un programma televisivo per giovani talenti, entra in contatto con Delfina, la vecchia nemica della madre, che ora dirige lo show con il suo consueto machiavellismo.

Il trailer ufficiale

Tra amicizie sincere e inganni subdoli, Margarita si ritrova a scoprire pezzi del suo passato, lentamente ricostruendo il puzzle della sua identità. La serie promette di far rivivere agli spettatori le emozioni di un tempo, con un mix di musica, amore e dramma che ha reso indimenticabile la storia di Flor. La colonna sonora, iniziata con il brano “Mucho, poquito o nada”, già risuona nei cuori dei fan, richiamando alla mente le melodie che hanno accompagnato le avventure della loro eroina.

Nel cast di “Margarita” ci saranno anche Julia Calvo e Maria Del Cerro, accanto a nuovi talenti che promettono di arricchire la narrazione con interpretazioni fresche e appassionate. Un ritorno particolarmente atteso è quello di Isabel Macedo, nei panni dell’intrigante Delfina, e Graciela Stefani, la perfida Malala, due personaggi che hanno lasciato un’impronta indelebile nella serie originale. Macedo ha espresso la sua grande felicità nel tornare a interpretare il ruolo della cattiva, un personaggio che ha saputo incarnare due decenni fa. “Non riesco a smettere di piangere quando vedo video e immagini di tutto quello che è successo in questi 20 anni di Floricienta e di tutto quello che verrà”, ha scritto su Instagram.

Ma dove eravamo rimasti?

Negli ultimi episodi della seconda stagione di Floricienta, Flor scopre di essere incinta di Massimo e di aspettare non due, ma tre gemelli: Federico Augusto, Margarita Anna e Andrés Florencio. Ogni nome porta con sé un significato profondo: Federico Augusto: in onore del primo ed eterno amore di Flor, Federico, e del secondo nome di Massimo, Augusto; Margarita Anna: combinazione dei nomi della madre di Flor, Margarita, e di Anna, la madre di Massimo; Andrés Florencio: unisce il secondo nome del defunto padre di Massimo, Andrés, e una versione maschile del nome Flor.

Delfina, ormai in carcere, evade e rapisce la piccola Margarita per chiedere un riscatto. Tuttavia, nel corso del rapimento, Delfina inizia a provare affetto per la bambina, comprendendo il vero significato dell’amore e restituendola ai suoi genitori. Questa esperienza la porta a confessare di essere legalmente sposata con Lorenzo, invalidando i suoi matrimoni con Massimo e Federico, permettendo finalmente a Flor e Massimo di sposarsi. Massimo, rinunciando al titolo di Conte, adotta i fratelli Fritzenwalden e sposa Flor, completando così il loro sogno di una grande famiglia unita.

Florencia Bertotti ha spiegato la sua assenza nella serie, dicendo: “Il personaggio di Floricienta aveva appena avuto tre gemelli e non potevo immaginarla come madre, perché sarebbe stata irresponsabile. Quel personaggio portato alla maternità mi sembrava difficile da raccontare. Sentivo che fino a quel momento era stato perfetto, che si trattava più di voler approfittare del successo che stavamo avendo. Mi sembrava che il risultato ottenuto fosse buono. La gente mi vede molti anni dopo e mi associa a un momento bellissimo, o a un ricordo della propria famiglia, dell’andare a teatro. Sarei ingrata se non lo apprezzassi e se non lo prendessi come una benedizione che le persone mi ricordino con affetto.“.

L’attesa è (quasi) finita: Margarita si presenta come un collegamento tra passato e futuro, un’occasione per vecchi e nuovi fan di immergersi in una storia che, come vent’anni fa, parla di sogni, speranza e amore. Prepariamoci a vivere una nuova fiaba, dove ogni episodio è una finestra aperta sulla magia che solo Cris Morena sa creare. La prima puntata sarà pubblicata su HBO Max probabilmente a giugno/luglio o settembre 2024. Non si sa ancora quando la serie arriverà in Italia, ma i fan sperano che possa accadere presto.

Margarita è pronta a conquistare il pubblico, e noi siamo pronti a sognare ancora una volta… Perché, come ci ha insegnato Floricienta, l’amore e i sogni possono cambiare il mondo.

E in ogni sussurro di vento che attraversa il tempo, ricorda: le leggende non nascono, si risvegliano nelle storie che viviamo ogni giorno. Quando i sogni sembrano lontani e le speranze sbiadiscono, è proprio allora che qualcuno, da qualche parte, sta vivendo la sua favola grazie a loro… Grazie a Floricienta, abbiamo imparato che la magia è sempre viva, basta crederci, perché in ogni storia c’è un po’ della nostra vita, pronta a riemergere.” (Junior Cristarella)

Continue Reading

Attualità

Inaugurato a Sant’Antimo il centro antiviolenza...

Published

on

Oggi è stato inaugurato il nuovo Centro Antiviolenza intitolato a Giulia Tramontano, la giovane donna tragicamente uccisa lo scorso anno insieme al figlio Thiago. La cerimonia ha visto la partecipazione dei genitori di Giulia, Loredana Femiano e Franco Tramontano, che hanno svelato un murale raffigurante Giulia, opera della street artist Trisha Palma.

Il centro è stato creato per offrire sostegno alle vittime di violenza e rappresenta un punto di riferimento per chi ha bisogno di supporto psicologico e legale. La Commissaria straordinaria Gabriella D’Orso ha sottolineato l’importanza di questa struttura per la comunità, un luogo dove le donne possono trovare accoglienza e aiuto concreto.

Il murale, situato in via Lavinaio, non solo omaggia Giulia, ma serve anche come simbolo di consapevolezza e prevenzione della violenza di genere. La presenza dei familiari di Giulia ha reso la cerimonia ancora più toccante, trasformando il dolore in un messaggio di speranza e cambiamento.

Il centro fa parte del progetto “La città invisibile“, un’iniziativa volta a sensibilizzare il pubblico e promuovere la cultura della non violenza. Con questa inaugurazione, Sant’Antimo si impegna a costruire una società più sicura e giusta per tutte le donne, rendendo omaggio alla memoria di Giulia Tramontano e lavorando concretamente per un futuro migliore.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca3 ore ago

Palermo, ucciso il marito dell’eurodeputata Francesca...

Il corpo senza vita dell'uomo è stato trovato con una fascetta stretta al collo nella sua auto alla periferia della...

Economia3 ore ago

Superbonus, Giorgetti: “Ora si vergogna anche chi lo...

"Siamo tornati sulla Terra dopo una gita su Marte" "Con l'ultimo decreto legge l'opera di disintossicazione dal Superbonus è terminata,...

Sport3 ore ago

Stampa estera, a Lukaku il premio ‘Miglior giocatore...

"Sono felice di ricevere questo premio", ha dichiarato l'attaccante ricevendo il premio a Trigoria E' stato consegnato a Trigoria il...

Sport4 ore ago

MotoGp Catalogna, Espargaro vince la Sprint. Bagnaia cade

Gara costellata dalle cadute tra cui quella dello spagnolo Raul Fernandez e poi il sudafricano Brad Binder Aleix Espargaro si...

Cronaca4 ore ago

Chico Forti, quando il fratello della vittima scrisse:...

Bradley Pike, fratello di Anthony Dale Pike ucciso nel 1998 inviò una lettera al governatore della Florida affermando di essere...

Politica5 ore ago

Meloni e l’ironia sul monopolio Rai:...

La premier torna con i suoi 'Appunti di Giorgia' ribattezzati appunto 'Telemeloni': "La sinistra è abituata a occupare le tv...

Cronaca5 ore ago

Caso Yara, procura chiede archiviazione pm. Bossetti si...

Contraddizioni nei verbali, Ruggeri indagata per depistaggio e frode processuale su Dna "Abbiamo chiesto che non gli sia consentito di...

Lavoro5 ore ago

Professioni, De Luca: “Consulente del lavoro figura...

Il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine è intervenuto a Trento al Festival dell’economia “Quella del consulente del lavoro si conferma...

Salute e Benessere5 ore ago

“Italia vieti sculacciate ai bambini”,...

I medici inglesi chiedono di chiarire in norme che non esistono punizioni fisiche ragionevoli. Farnetani: "Meglio dire quei no che...

Politica5 ore ago

Guido Crosetto dimesso dall’ospedale

Il ministro della Difesa ha lasciato ieri sera il nosocomio dove era ricoverato da martedì Il ministro della Difesa Guido...

Economia6 ore ago

Incentivi auto 2024, pubblicato il decreto: il nuovo piano

Fino a 13.500 euro per elettriche e veicoli commerciali con rottamazione e Isee fino a 30mila euro. La nuova piattaforma...

Economia6 ore ago

Auto, Assogasliquidi: “Decreto ecobonus fondamentale,...

Una nota è Andrea Arzà, il presidente di Assogasliquidi-Federchimica commentando il Decreto Ecobonus che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

Cronaca6 ore ago

Dengue, primo caso a Rovigo

Una giovane donna, di rientro dall’estero, è attualmente sotto osservazione: scatta la disinfestazione Una giovane donna di Rovigo, di rientro...

Economia7 ore ago

Oltre la metà degli italiani arriva a fine mese con...

Eurispes: pesano bollette e affitto Poco più di un italiano su quattro riesce a risparmiare (28,3%) mentre il 36,8% attinge...

Politica7 ore ago

Ucraina e armi Nato per colpire in Russia, Tajani a...

Il vicepremier avverte: "Gli strumenti militari mandati dall'Italia vengono usati all'interno dell'Ucraina". Salvini: "Non siamo in guerra" Altolà dell'Italia alla...

Economia7 ore ago

Pasta, Italia leader mondiale indiscussa in produzione

Con 3, 6 milioni di tonnellate e un fatturato che sfiora i 7 miliardi di euro Italia leader mondiale indiscussa...

Economia7 ore ago

Detrazione spese di assistenza per anziani e disabili nel...

Anche per le spese di assistenza per anziani e persone con disabilità spetta una detrazione IRPEF del 19 per cento....

Spettacolo8 ore ago

Domenica In, il ricordo di Mike Bongiorno: ospiti Mara...

Oltre a Daniela Bongiorno, i Ricchi e Poveri, Zucchero e Orietta Berti È affidato a Daniela Bongiorno il ricordo del...

Esteri8 ore ago

Incontro Tajani-premier Anp: “L’Italia riparte...

La presidente del Consiglio: "Sostegno a tutti gli sforzi per un cessate il fuoco sostenibile". Stanziati 35 milioni di euro...

Economia8 ore ago

Gruppo Bracco, Bracco: “Rispettare l’ambiente e...

Intervenendo al Festival dell’Economia di Trento "Nella nostra esperienza lo abbiamo toccato con mano: rispettare l’ambiente con cicli produttivi all’avanguardia...