Connect with us

Attualità

Lavinia Abate svela il suo talento musicale con “Non sto...

Published

on

Lavinia Abate svela il suo talento musicale con “Non sto bene con me”

Fuori ora il videoclip ufficiale del brano “Non sto bene con me” di Lavinia Abate

Quando Lavinia Abate fu incoronata Miss Italia 2022, il pubblico aveva scorto soltanto la punta dell’iceberg del suo talento multiforme. Oltre al titolo e al sorriso che ha conquistato l’Italia, si cela una giovane donna il cui amore per la musica ha radici profonde, che affondano nell’infanzia. A soli 12 anni, Lavinia iniziò a scrivere canzoni, suonando il pianoforte in un’esplorazione precoce del suo talento innato.

Il suo debutto musicale con il singolo “Non sto bene con me”, uscito il 3 novembre, è stato un’introduzione intima al suo mondo interiore: il brano esplora temi di autostima e ricerca di approvazione, riflettendo un’esperienza universale di insicurezza personale esacerbata dall’isolamento durante la quarantena. La sua apertura vulnerabile, “È come se io tutto quello che faccio lo faccio per compiacere qualcuno, non per me stessa”, mette a nudo il conflitto tra vivere per se stessi e sotto il peso delle aspettative altrui.

Un riflesso di emozioni condivise

Il singolo di Lavinia cattura una dualità emotiva palpabile: il desiderio di indifferenza verso le opinioni altrui contrapposto alla sete di approvazione. Il ritornello, “Perché non sto bene con te se non sto bene da me”, risuona come un mantra di autoconsapevolezza che parla direttamente all’anima degli ascoltatori, ricordando l’importanza di trovare la propria identità e autostima prima di cercare l’accettazione altrui.

Lavinia Abate non solo ha rivelato una dimensione inaspettata di sé ma ha anche mostrato di essere una promettente voce nel panorama musicale italiano. Il suo messaggio, intriso di profondità sull’autoaccettazione, si staglia in un contesto culturale dominato dall’immagine pubblica e dai giudizi esterni.

La metamorfosi di un’artista

Il 9 novembre segna l’evoluzione della narrazione musicale di Lavinia Abate, con il lancio del videoclip ufficiale di “Non sto bene con me”. Attraverso immagini potentemente simboliche, il video apre una finestra sull’anima dell’artista. “La sedia rappresenta il peso che mi devo trascinare dietro per essere accettata dagli altri”, dichiara Lavinia, sottolineando la lotta interiore tra la ricerca di auto-approvazione e la pressione di conformarsi alle aspettative sociali.

Le riprese a casa di Lavinia aggiungono un altro strato di intimità: rivelano “la vera me con un animo sensibile e insicuro,” nelle sue stesse parole. Il videoclip mostra una casa incompleta, con scatole ammucchiate, metafora visiva del suo caos interiore. Il piano è il suo rifugio, un’ancora nella tempesta delle sue incertezze.

La casa e il cuore: scene di vita vissuta

Il video prosegue mostrando un’abitazione che simboleggia lo stato d’animo di Lavinia. Non è solo un set, ma una rappresentazione del suo “essere interiore molto confusionario e disordinato“. Il disordine esterno è una metafora dello stato interno, come ci spiega la stessa Lavinia, offrendo agli spettatori uno sguardo più profondo nel suo mondo. La sua connessione con il pianoforte è palpabile, un legame che trascende la musica per diventare una forma di espressione personale. Il suo tocco non è solo una performance ma un dialogo, un modo per Lavinia di comunicare le sue emozioni più profonde.

Il finale lascia lo spettatore di fronte a una sedia vuota, simboleggiando il fallimento nell’ottenere l’approvazione esterna e la difficoltà di trovare accettazione interiore. È una scelta artistica audace che sottolinea il messaggio della canzone: senza pace interiore, la ricerca di un posto nel mondo è infruttuosa.

Lavinia non cerca di offrire soluzioni facili. La sedia vuota non è una risposta ma un punto di partenza per un dialogo più ampio su autoaccettazione e realizzazione personale. “Il video finisce con la sedia vuota che simboleggia il mio tentativo non riuscito di trovare un posto dove sto bene con me,” afferma Lavinia, invitando all’introspezione.

Una promessa per il futuro

Il cammino di Lavinia non si fermerà con “Non sto bene con me”: questo brano rappresenta l’apertura di un capitolo artistico, pieno di potenzialità e aspettative per il futuro. Il singolo, già apprezzato per la sua sincerità e profondità, si arricchisce ora di una dimensione visiva che promette di lasciare un’impronta duratura. Il videoclip è disponibile su YouTube, è inoltre possibile ascoltare il brano su Spotify e su tutte le principali piattaforme.

Animato da un’indomabile passione per il giornalismo, Junior ha trasceso il semplice ruolo di giornalista per intraprendere l’avventura di fondare la sua propria testata, Sbircia la Notizia Magazine, nel 2020. Oltre ad essere l’editore, riveste anche il ruolo cruciale di direttore responsabile, incarnando una visione editoriale innovativa e guidando una squadra di talenti verso il vertice del giornalismo. La sua capacità di indirizzare il dibattito pubblico e di influenzare l’opinione è un testamento alla sua leadership e al suo acume nel campo dei media.

Attualità

Violenze sugli animali, il 25 a Milano corteo a sostegno...

Published

on

“La #legge IGNORA gli #animali”: è questo il titolo della manifestazione indetta domenica 25 febbraio a Milano per chiedere pene più severe per chi maltratta, abbandona e uccide.

Si tratta di un corteo pacifico e assolutamente apartitico per sostenere la proposta di legge bipartisan AC30, a prima firma dell’on. Michela Vittoria Brambilla e sottoscritta da parlamentari di tutti gli schieramenti politici. Il testo è attualmente all’esame della commissione Giustizia della Camera e l’on. Brambilla ne è anche relatrice.

“Si tratta – precisa l’on. Brambilla, presidente della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente e dell’Integruppo parlamentare per i diritti degli animali – di un moto spontaneo di cittadini indignati per un fenomeno che ha assunto proporzioni intollerabili per un paese civile: ogni giorno leggiamo di criminali che, in tutta Italia, maltrattano, abbandonano o uccidono gli animali. Ogni giorno scopriamo, purtroppo, che nessuno di loro va in carcere. Grazie a questa importante riforma, che va incontro alla sensibilità della stragrande maggioranza degli italiani, avremo finalmente la possibilità di fare giustizia”.

La manifestazione partirà alle ore 14 dai bastioni di Porta Venezia, a Milano, e si concluderà alle 18,30 in piazza della Scala.

Continue Reading

Attualità

Introduzione al Marketing Transmedia: Cos’è e Come...

Published

on

Grazie all’incessante cambiamento delle abitudini dei consumatori e dalla sempre crescente competizione nel panorama commerciale  il marketing transmedia si è affermato come un framework di riferimento per coinvolgere il pubblico e differenziarsi dalla massa.

Ma cosa significa esattamente marketing transmedia? E come può essere utilizzato in modo efficace dalle aziende per promuovere i propri prodotti e servizi? In questo articolo, esploreremo in dettaglio il concetto di marketing transmedia, analizzando i suoi principi fondamentali e fornendo consigli pratici su come implementarlo con successo nelle strategie di marketing digitale.

Definizione rapida di marketing transmedia

Il marketing transmedia va oltre la semplice diffusione di messaggi pubblicitari su diversi canali di comunicazione. È una forma d’arte che coinvolge gli utenti attraverso una narrazione coinvolgente e avvincente, portandoli a immergersi completamente nell’universo del brand. Con il marketing transmedia, le storie vengono raccontate attraverso una varietà di piattaforme e media, creando un’esperienza multi-sensoriale che si distingue per la sua originalità e creatività.

Il marketing transmedia rappresenta il futuro dello storytelling del brand, offrendo alle aziende l’opportunità di creare esperienze uniche e memorabili per i propri clienti. È tempo di esplorare questo affascinante mondo e scoprire il potenziale creativo che si cela dietro il marketing transmedia.

Principi fondamentali

Il marketing transmedia si basa su alcuni principi fondamentali che ne definiscono l’essenza e la strategia. Uno di questi principi è la necessità di estendere la narrazione attraverso diversi canali piuttosto che limitarsi a un singolo medium. Questo permette di raggiungere un pubblico più ampio e diversificato, aumentando le possibilità di coinvolgimento e interazione.

Un altro principio chiave è quello della continuità, che implica la coerenza e l’omogeneità della storia raccontata attraverso i vari canali. È importante che ogni elemento della narrazione si integri in modo armonioso, contribuendo alla costruzione di un’esperienza complessiva per l’utente. Inoltre, il concetto di immersione è fondamentale nel marketing transmedia, poiché si tratta di coinvolgere attivamente il pubblico e renderlo parte integrante della storia.

La costruzione del mondo è un altro aspetto cruciale del marketing transmedia, che si riferisce alla creazione di un universo narrativo ricco di dettagli e sfumature. Questo mondo immaginario fornisce lo sfondo per la narrazione e offre agli utenti una cornice in cui immergersi completamente. La serialità è un altro principio importante, che implica la suddivisione della storia in episodi o segmenti, ciascuno dei quali contribuisce a sviluppare la trama complessiva.

La subiettività è un concetto centrale nel marketing transmedia, poiché implica il coinvolgimento emotivo e personale dell’utente nella storia. Infine, il rendimento si riferisce alla valutazione dei risultati ottenuti attraverso la campagna di marketing transmedia, che può essere misurato in termini di coinvolgimento dell’utente, aumento delle vendite o miglioramento del riconoscimento del brand.

Canali Utilizzati nel Marketing Transmedia

Il marketing transmedia sfrutta una vasta gamma di canali e piattaforme per trasmettere la storia di un brand e coinvolgere il pubblico in modo interattivo e coinvolgente. Questi canali possono includere sia mezzi tradizionali come la televisione e la stampa, sia piattaforme digitali come i social media, i siti web e le app mobili.

Uno dei canali più utilizzati nel marketing transmedia è il social media, che offre un’ampia gamma di opzioni per la condivisione di contenuti e l’interazione con il pubblico. I social network come Facebook, X, Instagram e LinkedIn consentono alle aziende di pubblicare contenuti multimediali, interagire con i follower e creare discussioni intorno al proprio brand.

Altri canali digitali utilizzati nel marketing transmedia includono i siti web aziendali, che possono ospitare contenuti multimediali come video, immagini e articoli di blog, e le app mobili, che offrono un’esperienza interattiva e personalizzata agli utenti. Le piattaforme di streaming video come YouTube e Netflix sono anche popolari nel marketing transmedia, consentendo alle aziende di distribuire contenuti video di alta qualità e raggiungere un vasto pubblico online.

Oltre ai mezzi digitali, il marketing transmedia può anche sfruttare i mezzi tradizionali come la televisione, la radio e la stampa. Le pubblicità televisive e radiofoniche possono essere integrate con contenuti digitali per creare un’esperienza cross-mediale per il pubblico. Allo stesso modo, la stampa può essere utilizzata per diffondere contenuti multimediali come articoli, interviste e recensioni che incoraggiano l’interazione e l’engagement del pubblico.

In definitiva, il marketing transmedia sfrutta una varietà di canali e piattaforme per trasmettere un messaggio coerente e coinvolgente ai consumatori. Questa approccio multi-canale consente alle aziende di raggiungere un pubblico più ampio e diversificato e di creare esperienze uniche che si estendono oltre i confini dei singoli media. Nelle prossime sezioni, esamineremo alcuni consigli pratici su come utilizzare questi canali in modo efficace per creare una campagna di marketing transmedia di successo.

Ti piacerebbe approfondire o richiedere una consulenza? Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Andrea Gabrielli di Verbena Contents, qui trovi il sito con i contatti.

Continue Reading

Attualità

Scalzo Hair Beauty: Eccellenza, professionalità e stile...

Published

on

Mattia Scalzo, con una solida formazione acquisita presso la scuola professionale per acconciatori a Como, ha maturato dal 2008 al 2020 un’importante esperienza lavorativa nel salone di famiglia. Oggi, questa competenza si è trasferita in Svizzera, dove dal 2021 Scalzo ha inaugurato con grande entusiasmo il suo salone “Scalzo Hair Beauty” a Mendrisio, situato nel cuore del centro storico.

Il salone offre servizi di bellezza unisex, rivolti a clienti di ogni età, dai più giovani ai più anziani, includendo servizi specializzati come le acconciature da sposa. La versatilità di Mattia, però, non si ferma all’acconciatura: dopo aver partecipato a un corso a Roma, si è specializzato anche in hair tattoo, una moda molto in voga tra i giovani di Mendrisio. Ma le novità non si fermano qui: Mattia è in procinto di diventare formatore ufficiale, completando il percorso formativo necessario.

La carriera di Mattia è costellata di successi e riconoscimenti. Scalzo Hair Beauty si è guadagnato una collaborazione con la squadra di calcio locale, e la qualità del suo lavoro è evidenziata dal sito web, dai profili sui social media e dalle numerose recensioni positive online.

Mattia Scalzo condivide la sua visione: “Il mio obiettivo è esaltare le persone a partire dalla loro immagine. Oggi, avere un’immagine curata è essenziale nella società, un valore che arricchisce e motiva a migliorarsi. Per questo motivo, oltre all’hair tattoo, offriamo anche servizi molto apprezzati come le extension. Ciò che offriamo non è semplicemente un servizio, ma un’esperienza memorabile che i nostri clienti vivono con passione, e questa è la mia soddisfazione più grande.”

Con un approccio innovativo e un’attenzione particolare verso ogni cliente, Mattia Scalzo e il suo salone Scalzo Hair Beauty si confermano punti di riferimento nel settore della bellezza, portando lo stile e la professionalità italiana nel cuore della Svizzera.

Continue Reading