Connect with us

Attualità

Rishi Sunak, chi è il nuovo premier britannico di origini...

Published

on

Rishi Sunak, chi è il nuovo premier britannico di origini asiatiche

Terzo Primo Ministro britannico in meno di tre mesi; primo politico di origini asiatiche e di religione indù a diventare leader del Partito Conservatore; possessore di un patrimonio stimato di oltre 700 milioni di sterline: a soli 42 anni, Rishi Sunak, il 24 ottobre 2022, diventa il nuovo Premier del Regno Unito nello stesso giorno in cui si festeggia il Diwuali, la festa della Luce nella religione induista.

La sua scalata politica è stata a dir poco fulminea: da semplice sottosegretario quasi anonimo, in pochi anni è arrivato al vertice della politica britannica diventando il nuovo leader dei Tory e Premier del regno Unito, affermando che questo è il privilegio più grande della sua vita e che farà di tutto per migliorare la situazione finanziaria e sociale del popolo britannico. Ma chi è il nuovo premier britannico e qual è la sua posizione politica ed economica?

La vita e la formazione

Rishi Sunak nasce a Southampton, nella contea dello Hampshire, nel maggio del 1980 da una famiglia di immigrati africani di origini indiane e di religione indù, benestante: il padre, Yashvir, nato in Kenya, è medico; mentre la madre, Usha nata in Tanzania, è farmacista.

Primo di tre figli, Sunak studia al Winchester College, uno degli istituti liceali privati più antichi e prestigiosi del paese. Nel 2001 consegue una laurea in Filosofia, politica ed economia, il corso di laurea prediletto dall’élite politica anglosassone, presso il Lincoln College a Oxford. Fino al 2004 lavora come analista in una delle banche più grandi e famose al mondo, la Goldman Sachs e si avvicina al Partito Conservatore, condividendone idee, pensieri e teorie politiche ed economiche.

Nel 2006 si trasferisce in America dove arricchisce il suo percorso di studi conseguendo un master in Business Administration presso l’Università di Stanford. Proprio in California, durante il percorso universitario, incontra la sua futura moglie, la miliardaria imprenditrice e stilista Akshata Murthy, figlia dell’indiano Narayana Murthy, fondatore dell’Infosys Technologies Limited, una delle compagnie informatiche più ricche e prestigiose dell’India. I due convolano a nozze nel 2009, hanno due figlie e attualmente vivono a Northallerton, nella contea del North Yorkshire, in una villa con un lago privato; mentre durante la settimana dimorano a Londra, in una casa dal valore di otto milioni di sterline a Kensington, uno dei quartieri più ricchi e presigiosi del paese.

Ritornato in Inghilterra, Sunak si occupa della gestione del fondo speculativo The Children’s Investment Fund Management e della società Theleme Partners. In seguito, diventa direttore della società di investimenti del suocero, la Catamaran Ventures.

L’ascesa politica di Sunak, dagli esordi alla carica di Premier

Rishi Sunak entra in politica nell’ottobre del 2014 come candidato conservatore per il Richmond, ricoprendo il seggio del dimissionario William Hague, ex leader del Partito Conservatore e primo Segretario di stato.

Nelle elezioni generali del 2015 e del 2017 viene eletto deputato ottenendo prima il 36% poi il 40% dei voti. Dal 2015 al 2017 fa parte della commissione dell’ambiente, alimentazione e degli affari rurali, e dal 2018, fino al luglio dell’anno successivo, diventa sottosegretario parlamentare sotto il governo di Theresa May. In seguito alle dimissioni del Primo Ministro nel 2019, Sunak sostiene e appoggia Boris Johnson nelle elezioni del Partito Conservatore e quando quest’ultimo diventa Primo Ministro, Sunak viene nominato, nel luglio del 2109, Primo Segretario al Tesoro, carica che manterrà fino al febbraio del 2020 quando viene promosso Cancelliere dello Scacchiere, nomina che coincide con lo scoppio della pandemia da Covid-19.

Durante l’emergenza, Sunak si oppone all’aumento eccessivo della spesa pubblica per mitigare i disastrosi effetti della pandemia sull’economia britannica e all’emanazione di una tassa sul carbone per ridurre le emissioni di Co2 che, a suo parere, avrebbe minato le finanze delle famiglie meno abbienti.

Nel luglio del 2022, Sunak si dimette dalla carica di Cancelliere, mossa imitata da altri 59 ministri e politici che facevano parte del governo Johnson provocando una crisi di stato che portò inevitabilmente alle dimissioni del premier.

Il giorno dopo l’abbandono della carica, l’8 luglio, Sunak si candida come nuovo leader del Partito ma alle elezioni del settembre ottiene il 42% dei voti perdendo contro Liz Truss. La Premier si dimette il 20 ottobre 2022 e Sunak annuncia nuovamente la sua candidatura e il 24 ottobre la maggioranza dei Tories lo nomina, a soli 42 anni, come il nuovo leader del Partito Conservatore e come nuovo Primo Ministro del Regno Unito, il terzo in meno di tre mesi, in concomitanza con la celebrazione della festa induista del Diwali.

Il caso di Akshata Murthy, la non domiciliata e gli altri scandali

La vita e la carriera politica del nuovo leader britannico non sono però scevre di scandali e pettegolezzi. Ad aprile i media, prima di tutti il quotidiano The Indipendent, hanno scoperto che Akashata Murthy, la ricca moglie di Sunak e figlia del miliardario indiano Narayana Murthy, godeva dello status di non domiciliata che comporta l’esenzione dal pagamento delle tasse in Gran Bretagna su oltre dieci milioni di euro di reddito percepiti all’estero; un’operazione del tutto legale ma che di certo non ha suscitato l’approvazione del popolo, considerando che il patrimonio della coppia ammonta a oltre 900 milioni di dollari. La notizia è emersa proprio nel momento in cui Sunak stava varando un programma economico e finanziario che prevedeva l’innalzamento delle tasse a discapito dei contribuenti. Inoltre, di recente è emerso che Sunak possiede ancora oggi la Green Card, ovvero il permesso di soggiorno permanente negli Stati Uniti d’America

Non finisce qui, perché Sunak è coinvolto anche nel cosiddetto Partygate, uno scandalo risalente al 13 novembre del 2020, otto giorni dopo la decisione di instaurare il lockdown a causa dell’aumento dei contagi da Covid-19, quando Boris Johnson con diversi funzionari del governo, incluso il nuovo premier, hanno organizzato e preso parte ad una affollata festa nella sede del governo britannico, a Downing Street, eludendo le rigide regole di confinamento e distanziamento sociale previste per i cittadini.

La visione politica e finanziaria

Rishi Sunak si definisce un Thathceriano di ferro e, del resto, la sua visione politica ed economica è rigidamente conservatrice.

Nel 2016 si schiera a favore della Brexit, ma con una visione più orientata al dialogo e alla condivisione e nel 2020, durante il suo incarico come ministro del Tesoro, si occupa della situazione economica e fiscale britannica durante la pandemia.

Eroga ingenti fondi pubblici pari a 400 miliardi di sterline per sostenere le imprese e i dipendenti salariati colpiti dalle complicanze economiche provocate dal Covid 19 e si oppone ai tagli fiscali e all’aumento della spesa pubblica del governo Truss.

Per contenere i disastri della pandemia, Sunak dispone di ulteriori misure straordinarie e di aiuti per le famiglie britanniche, tra cui il progetto Eat Out to Help Out (mangia fuori casa per aiutare); un piano molto particolare che incentiva la popolazione a pranzare e cenare fuori casa applicando uno sconto del 50% su cibo e bevande per chiunque mangiasse nei locali e nei ristoranti che avevano aderito all’iniziativa, cercando, così, di mitigare gli effetti economici che la pandemia aveva provocato nel campo della ristorazione.

In ambito di politica estera, Sunak, seguendo la linea conservatrice, è a favore dell’inasprimento delle leggi sull’immigrazione.

Animato da un’indomabile passione per il giornalismo, Junior ha trasceso il semplice ruolo di giornalista per intraprendere l’avventura di fondare la sua propria testata, Sbircia la Notizia Magazine, nel 2020. Oltre ad essere l’editore, riveste anche il ruolo cruciale di direttore responsabile, incarnando una visione editoriale innovativa e guidando una squadra di talenti verso il vertice del giornalismo. La sua capacità di indirizzare il dibattito pubblico e di influenzare l’opinione è un testamento alla sua leadership e al suo acume nel campo dei media.

Attualità

Intervista esclusiva a Diego Di Flora, voce e cuore del...

Published

on

Diego Di Flora, appassionato organizzatore di eventi e fervente sostenitore dei diritti civili, è una figura centrale nel panorama dei Pride italiani. Con un’impegno incrollabile per la causa LGBTQI+ e una particolare attenzione alla qualità e al significato di ogni evento che dirige, Diego si dedica anima e corpo alla realizzazione del Napoli Pride. Quest’anno, oltre al suo ruolo a Napoli, affronta la sfida di dirigere anche il Pride di Noto, raddoppiando il suo impegno per la visibilità e la lotta per l’uguaglianza. La sua vita, animata dalla solidarietà fin da bambino, lo porta a essere non solo un organizzatore di eventi, ma un vero e proprio attivista per il cambiamento sociale.

La nostra intervista esclusiva

Salve Diego, quali eventi e manifestazioni sono previsti quest’anno per il prossimo Napoli Pride?
“In ogni Pride metto tanto ‘cuore’. La città di Napoli ha da sempre accolto con molta inclusione la parata e negli ultimi anni lo show finale. Per questo sono molto fiero della mia Napoli che mi regala ogni anno un’onda d’amore che invade l’intera città. C’è purtroppo ancora molto da fare in Italia, soprattutto in questo periodo storico, dove bisogna a tutti i costi manifestare ai Pride per la tutela dei Diritti fondamentali per ognuno di noi.”

La scelta della madrina dell’evento è ricaduta su Malika Ayane. Per quale motivo?
“Non ho avuto alcun dubbio, le ho scritto un whatsapp e dopo pochi minuti mi ha detto che sarebbe stata onorata di essere la madrina. Malika è sempre stata accanto alla comunità lgbtqi+ ogni giorno della sua carriera. Con la sua presenza conferma ancora una volta la sua posizione, mettendoci la faccia e in questo caso anche la voce per la tutela dei diritti. Senza troppe pretese, senza troppi divismi. Lei è solo felice di essermi accanto in questa edizione del Napoli Pride.”

Quanto è importante al giorno d’oggi, anche in vista della situazione politica italiana, manifestare il proprio orgoglio gay?
“È fondamentale per tutti noi esserci. Fin quando vivremo in un Paese dove esistono diversità legislative tra i cittadini è nostro dovere manifestare. I diritti civili dovrebbero andare di pari passo con le persone. Con tutte le persone. Per questo bisogna manifestare ai Pride, per non perdere quei pochi diritti acquisiti e per avanzare verso una vera uguaglianza. La prima e più banale risposta sull’importanza di manifestare ai Pride ha a che fare con il semplice fatto che un diritto non è mai conquistato per sempre, e che comunque con la legge si può arrivare solo fino ad un certo punto. Il movimento Lgbtqi+ non riguarda solo diritti e libertà legislative, ma anche libertà sociali e culturali che spesso non vanno alla pari con la legge. Ma soprattutto ci tengo a invitare le persone, tutte ad esserci, non si scende in piazza solo per se’: in molte parti del mondo le persone lgbtqi+ sono punite, torturate e allontanate dalla loro comunità. In 72 Paesi essere omosessuali è un reato. E questo va cambiato. E mi piace pensare che da Napoli si possa dare lezioni di coerenza e di inclusione.”

In che modo si può sostenere il Napoli Pride?
“Si può essere parte attiva dell’organizzazione. Le associazioni Alfi le maree, Antinoo Arcigay Napoli, ATN Associazione Trans Napoli e Pride Vesuvio Rainbow che insieme formano il Comitato Napoli Pride cercano l’intervento di volontari, collaboratori ma soprattutto si può sostenerli con una donazione.”

È anche direttore artistico del pride di Noto. Come mai questo doppio ruolo?
“Ho accettato l’invito dell’Arcigay Siracusa e del Comune di Noto come una doppia sfida. Sarà massacrante perché a distanza di soli 30 giorni mi occuperò di due Pride, ma io amo le sfide. Noto è una città molto attenzionata a livello internazionale, turisti da tutto il mondo fanno a gara per arrivare a Noto, quindi per me sarà stimolante dirigere una serata all’insegna della musica in un posto incantevole. Il 27 luglio ci sarà la prima edizione del Noto Pride.”

Quando è nata la sua passione per l’organizzazione degli eventi?
“Un po’ di anni fa ormai. Ho sempre amato il mio lavoro e provo a farlo con tutta la passione che ho. Decido io cosa dirigere, non accetto tutto. Non mi interessa fare numero ma solo la qualità dell’evento. Anzi solitamente quando mi propongono dei lavori a cui non sono interessato giro i numeri dei miei colleghi.”

Quando ha deciso di fare virare questa sua attività anche per cause dal forte valore civile, in tutela dei diritti, come i Pride?
“Sono stato educato alla cultura della solidarietà. Fin da bambino ho sempre aiutato chi era in difficoltà, mi piaceva essere disponibile. Nel tempo ho capito che potevo unire questa mia sensibilità col lavoro. Non mi sono mai più fermato e finché potrò sarò sempre al fianco di chi lotta per i diritti, per le disuguaglianze, per una malattia etc.”

© Sbircia la Notizia Magazine, è vietata qualsiasi ridistribuzione o riproduzione del contenuto di questa pagina, anche parziale, in qualunque forma.

Continue Reading

Attualità

Nuova “Casa dell’Acqua” inaugurata a...

Published

on

Il giorno 12 giugno si è distinto nel calendario di Roma per l’avvio di un servizio che si prefigge di rivoluzionare l’approccio alla risorsa idrica nella capitale: è stata inaugurata una nuova Casa dell’Acqua. Questo particolare punto di erogazione si trova vicino alla Via Sacra, un luogo carico di storia, che funge da connessione vitale tra il Colosseo e il Foro Romano, due dei più significativi siti archeologici della città. Questo nuovo impianto si inserisce all’interno di una più ampia visione ambientale del gruppo Acea, avviata una decade fa, mirata a sensibilizzare la popolazione e i numerosi visitatori sulle tematiche del risparmio idrico e della sostenibilità. L’obiettivo di tale iniziativa è doppio: da un lato, stimolare una maggiore coscienza nell’uso dell’acqua, dall’altro, promuovere attivamente l’abbandono delle bottiglie di plastica monouso a favore di soluzioni più sostenibili come i contenitori riutilizzabili.

Decennale del progetto Casa dell’Acqua: tecnologia e tradizione

Le Case dell’Acqua rappresentano una moderna evoluzione delle storiche fontane di Roma, coniugando tradizione e innovazione tecnologica. Oltre alla distribuzione di acqua naturale e frizzante, queste strutture offrono servizi aggiuntivi quali prese di alimentazione elettrica per la ricarica di dispositivi mobili e la geolocalizzazione tramite l’app Acea Waidy Wow. Questa applicazione permette agli utenti, tra le altre cose, di monitorare il proprio livello di idratazione.

Un network in espansione

Da Roma, il progetto si è esteso in altre regioni quali Lazio, Toscana, Umbria, Campania e Molise. Ad oggi, il gruppo Acea gestisce circa 430 Case dell’Acqua, che distribuiscono gratuitamente oltre 110 milioni di litri d’acqua all’anno. L’espansione di questo network promuove la riduzione dei rifiuti plastici grazie all’uso di contenitori ricaricabili.

Commenti istituzionali sull’inaugurazione

Ornella Segnalini, assessora ai Lavori pubblici di Roma Capitale, ha espressamente lodato l’inaugurazione della nuova casetta dell’acqua, ricordando che solo due mesi fa sono stati installati tre nuovi nasoni nell’area del Colosseo. L’apertura della nuova Casa dell’Acqua rappresenta un ulteriore impegno verso la modernizzazione e l’ecosostenibilità.

Barbara Marinali, presidente del gruppo Acea, ha evidenziato l’importanza del decennale del progetto, sottolineando come esso risponda alle esigenze del territorio e della popolazione locale e dei visitatori, specie in previsione del prossimo Giubileo. All’evento è stata presente anche la vicepresidente del I municipio Alessandra Sermoneta.

L’impegno del Parco Archeologico del Colosseo

Alfonsina Russo, direttrice del Parco Archeologico del Colosseo, ha rimarcato l’integrazione di queste iniziative nel progetto PArCo Green, evidenziando come l’eco-sostenibilità rappresenti un obiettivo prioritario per il Parco. Questa sinergia tra il progetto delle Case dell’Acqua e le politiche ambientali del Parco Archeologico del Colosseo illustra un modello di gestione del patrimonio culturale che tiene conto della sostenibilità ambientale.

L’apertura della nuova Casa dell’Acqua di Roma è un esempio emblematico di come le infrastrutture moderne possano integrarsi armoniosamente con il contesto storico e culturale di una città, contribuendo al contempo alla salvaguardia ambientale e alla qualità della vita urbana. Questo progetto offre una risorsa preziosa per i residenti e i visitatori, sottolineando anche l’importanza di politiche ambientali proattive in contesti urbani densamente popolati e ricchi di storia.

Con ogni nuova Casa dell’Acqua inaugurata, rafforziamo il nostro impegno verso un futuro in cui la sostenibilità ambientale e la salvaguardia delle risorse idriche diventano pilastri fondamentali nella costruzione di una comunità più consapevole e responsabile.” — Anna Del Bene

Continue Reading

Attualità

Rai Pubblica Utilità al centro di We Make Future 2024

Published

on

Rai Pubblica Utilità si afferma come attore centrale nel panorama dell’evento We Make Future, un appuntamento di rilevanza internazionale che si dedica alle nuove frontiere della tecnologia, del digitale e dell’intelligenza artificiale. L’edizione del 2024 si tiene a Bologna, dal 13 al 15 giugno, trasformando la città in un hub di innovazione e scambio culturale.

La cerimonia di apertura, elemento distintivo dell’evento, viene impreziosita dalla presenza di performer esperti nella Lingua Italiana dei Segni (LIS), che offrono una dimostrazione delle più avanzate produzioni di Rai Accessibilità.

Durante il We Make Future, Rai Pubblica Utilità non si limita a partecipare ma emerge come una delle figure di spicco, guidando dibattiti e panel di discussione e prendendo parte attiva a convegni e interviste. La sua presenza si distingue per l’impegno nel promuovere temi di accessibilità e inclusione, due pilastri fondamentali della sua missione.

Un inizio ricco di significato: La cerimonia di apertura

Gli artisti della LIS, presenti come abbiamo detto durante la cerimonia di apertur, trasformano un linguaggio tradizionalmente visivo in uno strumento di partecipazione e inclusione, dimostrando in modo tangibile come le barriere comunicative possano essere non solo superate ma trasformate in ponti di comprensione reciproca. La scelta di includere questi performer è un’affermazione potente del valore dell’accessibilità come principio fondamentale in tutte le sfere della società, dalla cultura alla tecnologia.

Attraverso questa performance di apertura, il We Make Future stabilisce subito un ambiente che celebra la diversità e l’accessibilità, sottolineando che l’innovazione tecnologica deve andare di pari passo con l’avanzamento sociale e l’inclusione di tutti gli individui, indipendentemente dalle loro capacità fisiche o sensoriali. Questo inizio simbolico ma potente serve come promemoria che la tecnologia, quando usata correttamente, è uno strumento che può demolire le barriere e costruire comunità più coese e inclusive.

Focalizzazione sull’accessibilità: una giornata di incontri e riflessioni

Il Venerdì 14 giugno si distingue come giornata chiave nel calendario del We Make Future, con un programma densamente popolato di incontri dal vivo, pianificato tra le 9:20 e le 13:00.

1. Televideo: Innovazione continua nell’accessibilità

La giornata si apre con l’intervento sul Televideo, la storica piattaforma che per quarant’anni ha giocato un ruolo cruciale nell’accessibilità dei contenuti media. Giuseppe Sangiovanni, Direttore di Rai Pubblica Utilità, insieme a Guido Barlozzetti, autore per la Rai, riflette su come questa tecnologia abbia continuato ad evolversi per rimanere rilevante e efficace. Particolare attenzione viene data ai servizi come i sottotitoli a pagina 777, che rappresentano un aiuto indispensabile per gli spettatori con difficoltà uditive, garantendo l’accesso alle informazioni anche in zone del paese meno servite dalla rete internet.

2. Design accessibile: Creare senza escludere

Segue un approfondimento sul design accessibile tenuto da Dina Riccò, Associate Professor al Dipartimento di Design del Politecnico di Milano. Il suo intervento pone l’accento su come il design possa e debba essere un catalizzatore per l’inclusione, attraverso la creazione di prodotti che non solo rispondano alle esigenze di tutti gli utenti, ma che anche ne facilitino l’autonomia nelle attività quotidiane. L’approccio che propone è radicale: progettare pensando a tutti gli utenti fin dalle prime fasi di concezione del prodotto, per evitare qualsiasi forma di esclusione.

3. Diritto alla cultura accessibile attraverso il Museo Omero

Il terzo appuntamento della giornata è incentrato sulla cultura accessibile, presentato da Andrea Socrati, noto per il suo impegno nell’educazione inclusiva e accessibilità nell’ambito artistico. Il focus è sul Museo Omero, situato in Italia, riconosciuto come un esempio pionieristico di accessibilità nell’arte. Questo museo, unico nel suo genere, ha implementato soluzioni innovative per rendere le opere d’arte accessibili a persone con disabilità visive, consentendo loro di esplorare e apprezzare l’arte attraverso il tatto e altri sensi, una pratica che sfida e arricchisce la percezione convenzionale dell’arte visiva.

4. Favorire l’accesso all’arte e alla cultura sin dall’infanzia

Segue una discussione su come l’accessibilità sia stata integrata nei programmi per bambini, presentata da Maria Chiara Andriello, manager dell’accessibilità per Rai Pubblica Utilità, insieme ad Angela Senatore, rappresentante dell’Antoniano di Bologna. Un esempio emblematico è la trasformazione dello Zecchino d’Oro, un celebre programma televisivo per bambini, adattato per essere fruibile anche da bambini con disabilità sensoriali. Questi adattamenti includono l’introduzione di audiodescrizione, sottotitoli e traduzione in Lingua dei Segni Italiana, dimostrando l’impegno nel rendere la cultura e l’intrattenimento accessibili fin dalla più tenera età, promuovendo così un ambiente inclusivo sin dall’inizio della formazione culturale e sociale dei giovani spettatori.

Pomeriggio di venerdì: Riflettori sulla comunicazione accessibile

Il segmento pomeridiano del We Make Future continua a concentrarsi sull’importanza dell’accessibilità, stavolta con un approccio particolare alla comunicazione. Tra le 15:20 e le 15:40, si svolge un panel di discussione che vede protagonisti Maria Chiara Andriello, Dina Riccò, e Andrea Socrati, che condividono riflessioni e approfondimenti tratti dal loro libro “Accessibilità comunicativa. Progettare contenuti per tutti”. Questo testo rappresenta una raccolta significativa di ricerche e case study che evidenziano le varie metodologie e pratiche migliori per assicurare che i contenuti mediatici siano fruibili da un pubblico il più vasto possibile, includendo quindi persone con disabilità sensoriali o cognitive.

Moderata da Michela La Pietra, vicedirettore di Rai Pubblica Utilità, la sessione offre un’occasione unica per esplorare le sfide e le soluzioni innovative nel campo della produzione di contenuti accessibili. Questo dialogo mira a sensibilizzare ulteriormente i creatori di contenuti e i professionisti dei media sull’importanza di considerare l’accessibilità fin dalle prime fasi di sviluppo di programmi, prodotti e servizi.

Approfondimenti scientifici e impatto sociale: Il sabato di We Make Future

La giornata di sabato si apre con un focus sulle ultime tecnologie nel campo della meteorologia, iniziando con un panel alle 9:20. Durante questo incontro, figure di spicco come Carlo Cacciamani, direttore dell’agenzia Italia Meteo, e Gabriella Scipione, Responsabile Data Management & Analytics HPC, esplorano come strumenti come satelliti, intelligenza artificiale, Digital Twins e tecnologie di realtà aumentata stiano rivoluzionando la raccolta e l’analisi dei dati meteorologici. Queste tecnologie non solo migliorano la precisione delle previsioni meteorologiche ma anche la comprensione e la gestione dei cambiamenti climatici a scala globale.

Campagna “Weather Kids” dell’UNDP: Educazione e azione

A seguire, alle 10:20, l’attenzione si sposta sulla sensibilizzazione al cambiamento climatico attraverso l’iniziativa “Weather Kids”, una campagna promossa dall’UNDP in collaborazione con RAI Meteo. Questa sessione, che vede la partecipazione di Malak Chabar, Communication and Project Analyst del UNDP Rome Centre for Climate Action and Energy Transition, e un contributo video di Boaz Paldi, Communications and Partnerships Specialist di UNDP, si propone di educare e mobilitare i giovani e il pubblico generale. La campagna “Weather Kids” punta a infondere una maggiore consapevolezza delle problematiche legate al clima e stimolare un’azione collettiva per affrontare questi impellenti problemi ambientali, sottolineando l’importanza dell’educazione climatica fin dalla giovane età.

Chiusura innovativa: Tecnologie forensi in evidenza

La sessione finale di We Make Future, prevista per le 10:40, si focalizza sulle recenti innovazioni nel campo delle tecnologie forensi, in particolare quelle applicate all’analisi degli incidenti stradali. Questo segmento evidenzia la collaborazione tra la Polizia Stradale e Rai Mobilità, che hanno unito le forze per sviluppare e implementare soluzioni tecnologiche avanzate. Questi nuovi strumenti permettono analisi più precise e rapide dei veicoli coinvolti in incidenti, migliorando così l’efficacia delle indagini e la sicurezza stradale.

Un palcoscenico per l’innovazione e l’inclusione

Con la conclusione di questo evento, We Make Future si riafferma come un punto di riferimento essenziale per il dibattito e lo sviluppo nel settore dell’accessibilità, dell’inclusione e della tecnologia avanzata. Rai Pubblica Utilità, attraverso la sua partecipazione attiva e le iniziative presentate, ha dimostrato un impegno costante e una leadership efficace, sottolineando il suo ruolo chiave nel promuovere un futuro più inclusivo e accessibile per tutti.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca16 minuti ago

Bologna, la madre maltratta il padre disabile: figlia 13 la...

La 46enne arrestata con l'accusa di maltrattamenti in famiglia aggravati Nella notte i poliziotti di Bologna hanno arrestato una 46enne...

Cronaca16 minuti ago

Covid, il cacciatore di varianti: “KP.3.1.1 più...

La stima di Federico Gueli: "Poche sequenze, ma prevalenza sembra essere alta anche nel nostro Paese" Quali varianti Covid circolano...

Politica35 minuti ago

Lega, Consiglio federale sorvola su Bossi: “Ma le...

Nessun provvedimento per il Senatur dopo il presunto voto in dissenso alle ultime europee. Su Grimoldi, invece, si pronuncerà il...

Cronaca50 minuti ago

“Una casa per crescere insieme” nuovo progetto di Agedo...

In occasione del Pride Month 2024 prosegue lacollaborazione tra Amazon e Agedo Milano, l’Associazione di genitori, parenti e amici di...

Sostenibilità59 minuti ago

Calabria, Bianchi (Svimez): “Per sistema idrico...

"L'acqua c’è, bisogna fare in modo che arrivi a famiglie e agricoltura" "È stato un importante incontro perché si parla...

Sostenibilità1 ora ago

A2a, Mazzoncini: “Rapporto con Regione Calabria...

"Il gruppo è interlocutore importante per sviluppo progetti sull’energia" “Il rapporto con il governo calabrese a guida Occhiuto è estremamente...

Sostenibilità1 ora ago

A2a: presentato terzo bilancio di sostenibilità...

Quasi 20 milioni di euro investiti per infrastrutture e impianti, +78% rispetto al 2022, 36 milioni di euro il valore...

Cultura1 ora ago

Milano Pride, ‘The district of joy’ di Serravalle Designer...

La settimana di eventi ed attività dedicata alle tematiche dell’universo LGBTQIA+ e firmata da Serravalle Designer Outlet si è aperta...

Cronaca1 ora ago

Estate con Fido, dieta corretta e altri consigli utili per...

Nel mondo si contano 471 milioni di cani da compagnia, secondo quanto riportato da Statista. L'Italia non fa eccezione. Con...

Cultura1 ora ago

Quel collaudo finito in tragedia, così morì...

Un folle volo di soli 35 secondi trent’anni fa mise fine a Tolosa alla vita di Alberto Nassetti, pilota Alitalia....

Immediapress1 ora ago

Euro 2024– Belgio, Romania, Slovacchia e Ucraina: tutto in...

Roma, 25 giugno 2024 –Un girone incredibile, a Euro 2024, dove tutto può ancora accadere e si attendono 90 minuti,...

Lavoro2 ore ago

Pil, Fontana (Confindustria Puglia): “Sud su strada...

"L'Italia ha avuto così tanti fondi per il Pnrr non perchè gli italiani sono simpatici, ma per colmare il divario...

Salute e Benessere2 ore ago

Malattia renale cronica associata a diabete 2, in Italia...

Ok di Aifa a rimborsabilità finerenone Bayer ha annunciato che Aifa ha ammesso alla rimborsabilità finerenone, nuovo farmaco per il...

Motori2 ore ago

CEOforLife: la decarbonizzazione come sfida epocale

La decarbonizzazione vista come una sfida epocale, il mondo dell’automotive sta vivendo un periodo di profondo cambiamento anche per via...

Motori2 ore ago

Jeep Avenger: oltre 100.000 ordini

Jeep Avenger continua a mietere successi e i numeri lo dimostrano. È entrata a gamba tesa in un segmento di...

Motori2 ore ago

Hyundai Ioniq 5 N conquista Pikes Peak

La Hyundai Ioniq 5 N conquista Pikes Peak, segnando un giro record. Lo scorso 23 giugno, in occasione della Pikes...

Economia2 ore ago

E-commerce, in estate italiani acquistano più...

Con l'inizio dell'estate, i consumatori stanno pianificando viaggi, attività e acquisti. Tuttavia, l'incertezza economica persistente e l'inflazione ancora elevata stanno...

Lavoro2 ore ago

Welfare, Isfor-Fond.Aib: “A lezione di benessere 24...

Cinzia Pollio: "I contesti di lavoro possono fare molto per favorire il benessere dei propri lavoratori" Formazione professionale e benessere...

Esteri2 ore ago

Nomine Ue, accordo negoziatori su von der Leyen (Ppe)-Costa...

L’ex primo ministro portoghese sarà il prossimo presidente del Consiglio e, mentre la premier estone sarà l'Alta rappresentante dell'Unione europea...

Immediapress2 ore ago

La Bouteillerie di Federico Prodon: connubio perfetto tra...

Federico Prodon è un pasticcere e maestro gelatiere che ama sperimentare. Quando si approccia a una nuova creazione cerca di...