Connect with us

Coronavirus

Bollettino Coronavirus di Sabato 8 Maggio 2021, il rapporto...

Published

on

Bollettino Coronavirus di Sabato 8 Maggio 2021, il rapporto positivi/tamponi scende al 3%

In data 8 maggio l’incremento nazionale dei casi è +0,24% (ieri +0,25%) con 4.102.921 contagiati totali, 3.590.107 dimissioni/guarigioni (+17.394) e 122.694 deceduti (+224); 390.120 infezioni in corso (-7.444). Ricoverati con sintomi -532 (15.799); terapie intensive -42 (2.211) con 110 nuovi ingressi del giorno. Elaborati 338.436 tamponi totali (ieri 328.612) di cui 170.705 molecolari (ieri 172.620) e 167.731 test rapidi (ieri 155.992) con 109.485 casi testati (ieri 105.538); 10.176 positivi (target 4.311); rapporto positivi/tamponi totali 3,00% (ieri 3,21% – target 2%); rapporto positivi/casi testati 9,29% (ieri 10,00% – target 3%).

Nuovi casi soprattutto in: Lombardia 1.584; Campania 1.415; Lazio 999; Puglia 979; Emilia Romagna 875; Sicilia 851; Piemonte 719; Toscana 676; Veneto 537. In Lombardia curva +0,19% (ieri +0,21%) con 52.497 tamponi totali (ieri 51.195) di cui 30.389 molecolari (ieri 31.892) e 22.108 test rapidi (ieri 19.303) con 17.985 casi testati (ieri 17.171); 1.584 positivi (target 1.000); rapporto positivi/tamponi totali 3,01% (ieri 3,43% – target 2%); rapporto positivi/casi testati 8,80% (ieri 10,24% – target 3%); 817.088 contagiati totali; ricoverati -118 (2.850); terapie intensive -1 (490) con 13 nuovi ingressi del giorno; 33.149 decessi (+43).

Due temi, oggi: partiamo dai dati relativi al periodo 1-7 maggio, che devono essere letti con una duplice avvertenza: 1) Risentono al ribasso della doppia festività nei giorni di sabato 1° maggio e di domenica 2 maggio. 2) Non riflettono ancora gli effetti delle riaperture del 26 aprile scorso. I nuovi casi individuati sono stati 70.123, in calo del 19,3% dagli 86.974 della settimana precedente. La media dei contagi giornalieri scende da 12.424 a 10.017: il valore resta più che doppio rispetto ai 4.311 casi giornalieri che permetterebbero di riprendere il controllo dell’epidemia.

Pur considerando l’effetto del 1° maggio si nota una discesa dei contagi nei restanti giorni della settimana: dobbiamo però aspettare i giorni dal 10 maggio in poi, quando sarà concluso il “periodo finestra” di due settimane dalla data delle riaperture. La vera cartina tornasole sarà la settimana 15-21 maggio, la prima a restituirci una visione completa degli effetti degli allentamenti. Tornando ai dati segnaliamo la riduzione dei nuovi ingressi in terapia intensiva: 887 nella settimana 1-7 maggio, in calo dell’11,3% sul periodo precedente. In controtendenza, e merita di essere segnalato perché riguarda la Regione più popolosa, il dato della Lombardia: dove i nuovi ingressi in area critica hanno invertito la tendenza (+3,9%) dopo sei settimane consecutive di calo. Segnaliamo come sempre i dati di Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Campania, che segnano una riduzione importante delle infezioni: in Lombardia -21,3% con 10.884 positivi; in Veneto -21,9% (4.552); in Emilia Romagna -18,4% (5.276) e in Campania -20,7% (9.924).

Il calo dei nuovi casi si riflette sui valori di Rt istantaneo (metodo Kohlberg-Neyman) che nel periodo 1-7 maggio si sono mossi così: Italia, range 0.81-0.94; Lombardia 0.86-1.01; Veneto 0.83-0.91; Emilia Romagna 0.86-0.99; Campania 0.85-0.99. Ricordiamo che il valore di 0.89 comunicato ieri dall’Iss è quello medio del periodo 14-27 aprile calcolato sui soli soggetti sintomatici: e riflette quindi, come consueto, la situazione di 10-24 giorni prima rispetto alla data di comunicazione. Veniamo ora allo spunto offerto da un lettore, che cogliamo volentieri per dare una spiegazione di carattere generale. Ieri abbiamo calcolato in circa 8 milioni gli italiani già venuti a contatto con il virus, adottando come valore di partenza il numero dei positivi ufficiali alla sera del 7 maggio: 4.092.747. Il lettore propone invece di usare il numero dei dimessi/guariti (3.572.713 alla stessa data) escludendo “deceduti” e “attualmente positivi” e arrivando così, dopo il raddoppio, a un numero di circa 1 milione inferiore rispetto a quello da noi indicato.

Per quanto interessante e meritevole di attenzione, la proposta devia dalle regole dell’epidemiologia e porta a ottenere un’ampia sottostima. Vediamo perché: come abbiamo visto ieri, sulla base degli studi di sieroprevalenza condotti nei principali Paesi occidentali (l’ultimo in Italia risale purtroppo al 15 luglio 2020) e utilizzando il calcolo inverso a partire dalle terapie intensive possiamo stimare il numero degli infettati reali in “circa il doppio” rispetto a quelli individuati con i test tampone. Un valore che ormai trova ampio consenso nella comunità scientifica e viene spesso citato come del tutto plausibile.

Usando i soli dimessi/guariti escluderemmo dal calcolo non solo i deceduti (122.470 il 7 maggio, che sono a tutti gli effetti soggetti infettati dal Sars-CoV-2) ma anche gli “attualmente positivi”: 397.564 il 7 maggio, anche loro sicuramente venuti a contatto con il virus e quindi da conteggiare per poter procedere a definire le infezioni totali presumibili. Non solo, escludendo i deceduti prima del calcolo ne raddoppiamo implicitamente il numero: come se, oltre ai 122.470 ufficiali, ce ne fossero altri 122.470 tra gli infetti stimati. Per fortuna, dalle rilevazioni Istat/Iss sappiamo che non è così. Inserendo i 122.470 deceduti nel numero da raddoppiare li consideriamo invece solo come positivi, riflessi da altri 122.470 soggetti infettati ma non deceduti (e probabilmente asintomatici).

Quando in epidemiologia si stima l’entità di una popolazione “venuta a contatto” con un virus non si considerano, in quanto ininfluenti da questo punto di vista, gli esiti dell’infezione: ma si devono conteggiare “tutti i soggetti infettati conosciuti” fino al momento del calcolo per poi moltiplicarne il numero utilizzando il criterio stabilito (nel nostro caso occorre moltiplicare per due). In termini più semplici si tratta di rispondere alla domanda: per ogni contagiato individuato, quanti ce ne sono sfuggiti? E il numero di partenza, seguendo le regole dell’epidemiologia, deve contenere “tutti i soggetti venuti a contatto con il virus”: inclusi “deceduti” e “attualmente positivi” perché fanno parte della popolazione sicuramente infettata.

Per lo stesso motivo l’Istituto superiore di Sanità aggiorna quotidianamente il numero delle “infezioni totali”, che ovviamente include deceduti e attualmente positivi. Ieri, scrivendo “diciamo per comodità 8 milioni”, siamo stati conservativi: perché avremmo dovuto raddoppiare i 4.092.747 infetti ottenendo un totale di 8.185.494. Essendoci state più volte raccomandate sintesi e chiarezza per risultare comprensibili a un pubblico vasto, dobbiamo per forza procedere (e lo ricordiamo spesso) a qualche semplificazione e “rinuncia” dal punto di vista scientifico. Cosa che ci sforziamo volentieri di fare, rispettando però le regole di base: in altri termini, magari tagliamo qualche curva, ma senza staccarci dalla strada maestra.

Sbircia la Notizia Magazine è una testata giornalistica di informazione online a 360 gradi, sempre a portata di click! Per info, segnalazioni e collaborazioni, contattaci scrivendo a info@sbircialanotizia.it

Coronavirus

Covid, forte legame tra smog e virus: lo studio

Published

on

Ricerca Enea-Università di Roma Tor Vergata

Covid, forte legame tra smog e virus: lo studio

Uno studio Enea - Università di Roma Tor Vergata ha evidenziato una forte affinità tra il particolato atmosferico (Pm2.5) e la proteina Spike del virus Sars-Cov-2 responsabile del Covid. I risultati, che descrivono l’interazione tra le polveri sottili e il virus attraverso simulazioni di dinamica molecolare eseguite con il supercalcolatore Cresco6, sono stati pubblicati sulla rivista online Science of The Total Environment e rientrano nell’ambito del progetto Pulvirus.

“Durante la fase iniziale della pandemia la Lombardia e, in generale, tutta l’area della Pianura Padana sono state colpite più duramente dall’infezione virale rispetto al resto del Paese. Parliamo di una parte d’Italia tra le più inquinate e questo ha portato la comunità scientifica a ipotizzare un possibile ruolo del particolato atmosferico nella diffusione del virus”, spiega Caterina Arcangeli, ricercatrice Enea del Laboratorio Salute e Ambiente e coautrice dello studio insieme ai colleghi Barbara Benassi, Massimo Santoro e Milena Stracquadanio e ai ricercatori del Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma Tor Vergata Alice Romeo, Federico Iacovelli e Mattia Falconi.

Lo studio è partito dalla verifica e dimostrazione della presenza del genoma del virus responsabile del Covid-19 su almeno il 50% dei campioni di filtri per il Pm2.5 raccolti nella città di Bologna nell’inverno del 2021. “A seguire abbiamo realizzato al computer modelli molecolari semplificati di Pm2.5 e di Sars-Cov-2 e abbiamo valutato la loro interazione mediante simulazioni ad alte prestazioni eseguite con il supercalcolatore Cresco6”, aggiunge Arcangeli.

Le simulazioni - spiega una nota - hanno mostrato chiaramente che i glicani (zuccheri) presenti sulla superficie della proteina Spike giocano un ruolo importante nell’interazione tra virus e particolato, mediando il contatto diretto con la corrispondente superficie del nucleo di carbonio del Pm2.5. Inoltre, dallo studio emerge anche una stretta correlazione tra Pm2.5 e virus anche rispetto alle caratteristiche chimiche del particolato fine, il cui contenuto in carbonio elementare sembra avere una funzione guida nell’interazione con il Sars-Cov-2.

“Sebbene l’affinità tra Pm2.5 e Sars-Cov-2 appaia plausibile, la simulazione non permette di valutare se queste interazioni siano sufficientemente stabili per trasportare il virus nell’atmosfera o se il virione mantenga la sua infettività dopo il trasporto. La possibilità che il virus possa essere ‘sequestrato’ dal Pm, con conseguente riduzione di infettività e diffusione, o inattivato da questa forte interazione con il particolato non può essere quindi esclusa”, prosegue la ricercatrice Enea.

La forza delle simulazioni al computer effettuate da questo studio risiede nella capacità di modellare diversi tipi di particolato, variando sia la concentrazione che la composizione chimica degli inquinanti atmosferici. Queste simulazioni possono, dunque, rappresentare uno strumento utile per valutare rapidamente l’eventuale interazione delle polveri sottili con virus, batteri o altri bersagli cellulari rilevanti. “Questa possibilità potrebbe dimostrarsi utile per contrastare o controllare la diffusione di future malattie trasmesse per via aerea in regioni altamente inquinate e fornire informazioni utili per elaborare piani di controllo dell'inquinamento dell’aria”, conclude Arcangeli.

Continue Reading

Coronavirus

Doug Pitt: l’uomo oltre il nome famoso

Published

on

Nel mondo delle celebrità, spesso i riflettori sono puntati su nomi familiari come Brad Pitt, ma dietro ogni grande figura c’è un intero universo di individui che contribuiscono in modo significativo al loro settore e alla società nel suo complesso. Uno di questi casi è quello di Doug Pitt, fratello minore dell’acclamato attore Brad Pitt. Ma Doug è molto di più di “il fratello di”. È un imprenditore di successo, un filantropo appassionato e una figura che merita sicuramente di essere conosciuta più a fondo. Personalità sfaccettata e di grande successo, ha un nome costruito grazie alle sue aziende votate alla tecnologia e alle numerose attività di filantropo nel corso degli anni.

Dal fratello di Brad Pitt all’individuo di successo

Nato il 2 novembre 1966 a Springfield, nel Missouri, Doug Pitt è soprattutto conosciuto perché condivide lo stesso sangue con l’attore hollywoodiano Brad Pitt. Spesso cresciuto all’ombra del più celebre fratello maggiore, Doug ha intrapreso una strada di successo contando sulle proprie capacità e i propri interessi. Dopo aver completato gli studi all’università della sua contea, infatti, ha iniziato una carriera tutta in salita nei settori immobiliare e finanziario, mostrando sin da subito il suo talento nel mondo degli affari. Risale all’aprile del 1991 la fondazione della sua prima azienda, la ServiceWorld Computer, occupata nella fornitura di servizi informatici. A soli 25 anni inizia così la scalata che lo porterà nel mirino del club dei milionari.

Nel 2007 decide di cedere il 75 per cento degli interessi dell’azienda a Miami Nations Enterprises rimanendone però il proprietario e principale partner operativo. Nel 2012 fonda quindi TSI Integrated Services in collaborazione con TSI Global. Nel 2013 Pitt e Miami Nations Enterprises decidono di fondere ServiceWorld con TSI Global. Nel 2017 Pitt ricompra la sua prima società di computer creando la nuova Pitt Development Group, società specializzata in sviluppi commerciali e territoriali. Con questa azienda si è proposto come leader indiscusso nel settore.

Imprenditore e Filantropo

Doug Pitt non è solamente un uomo d’affari di successo, ma un filantropo impegnato che usa i suoi mezzi a disposizione per intervenire in aree critiche del mondo. “Care to Learn”, di cui è il fondatore, è un’organizzazione benefica che fornisce risorse essenziali a bambini che vivono in contesti difficili. L’organizzazione si concentra su bisogni fondamentali come cibo, vestiti e attrezzature scolastiche, permettendo ai più giovani di crescere e imparare in un ambiente positivo e accogliente.

Doug è anche collaboratore di Waterboys.comWorldServe International e Africa 6000 International (a cui partecipa anche la sorella Julie), organizzazioni impegnate nella fornitura di acqua potabile nei paesi africani più in difficoltà, come Tanzania e Kenya. Nel 2010 l’allora presidente della Tanzania Jakaya Kikwete lo ha insignito del titolo di Ambasciatore di buona volontà per la Repubblica Unita di Tanzania. Con questo titolo opera in qualità di intermediario per tutte quelle aziende che vogliono contribuire alla rinascita economica e culturale del paese. Nel 2011 il presidente americano Bill Clinton lo ha premiato con l’Humanitarian Leadership Award.

Dietro le quinte dell’industria del vino

Oltre al suo coinvolgimento nel settore immobiliare e nell’ambito delle opere di beneficenza, Doug Pitt ha anche sviluppato una passione per il mondo del vino. È coinvolto nella gestione di “Pitt Vineyards”, un’azienda vinicola che produce vini di alta qualità. Questa dedizione per il vino riflette la sua grande curiosità e il suo interesse per settori imprenditoriali differenti.

Una vita riservata

La famiglia di primo piano non ha impedito a Doug Pitt di mantenere un profilo relativamente basso nel mondo dei media. Ha cercato, infatti, di proteggere la sua privacy e di concentrarsi sul suo lavoro e sulle sue passioni, piuttosto che sfruttare la sua connessione familiare per attirare l’attenzione dei riflettori. Nel 1990 ha sposato Lisa Pitt, conosciuta all’università, e insieme hanno tre figli: Landon, Sydney e Reagan.

Nonostante abbia sempre cercato di non farsi notare, in certe occasioni è apparso sui media presentandosi in modo scherzoso come il fratello del più celebre Brad. Ha girato diversi spot pubblicitari, come quello per Virgin Mobile Australia, e in alcuni ha vestito persino i panni del fratello, come nella pubblicità per Mother’s Brewing Company. In diverse interviste rilasciate (come quella all’emittente Nova FM) ha anche ammesso di essere scambiato per il fratello almeno 3 volte a settimana da sconosciuti che lo incontrano per strada. Questo perché i due fratelli oltre a condividere carriere di successo, hanno effettivamente un fisico e dei lineamenti molto simili.

L’eredità di Doug Pitt

La storia di Doug Pitt dimostra come dietro a ogni individuo ci siano esperienze, imprese e passioni diverse che meritano di essere riconosciute. Pur essendo spesso additato come “il fratello di Brad Pitt”, la sua dedizione per il mondo degli affari, il suo coinvolgimento nella beneficenza e la sua capacità di perseguire le sue passioni lo rendono un esempio di impegno e di successo. Il suo lavoro nel settore imprenditoriale e filantropico dimostra come sia possibile creare un’eredità significativa indipendentemente dal nome di famiglia e che ognuno ha il potenziale per influenzare positivamente sulla vita degli altri.

Continue Reading

Coronavirus

È finalmente nelle sale cinematografiche il film “Tic Toc”

Published

on

E continua anche il suo tour promozionale con vari appuntamenti.

Girato a Terni negli studios di Papigno, la commedia è stata diretta dal regista Davide Scovazzo mentre la produzione è stata affidata ad Anteprima Eventi Production e Management S.r.l. di Massimiliano Caroletti. Il film vanta un cast di eccezionali attori noti al pubblico tra cui Eva Henger, Maurizio Mattioli, Sergio Vastano, Fausto Leali, Donatella Pompadour, Valentino Marini, Paolo Pasquali alias Doctor Vintage, Cristiano Sabatini alias Bike Chef, Simone Bargiacchi alias Antonio Lo cascio, Samuel Comandini Alisa Zio_ Command, Fabio Stirlani alias Stirlo , Dimitri Tincano, Jennifer Caroletti, Antonella Scarpa alias Himorta, Vanessa Padovani alias Miss Mamma Sorriso, Chaimaa Cherbal, Claudia Letizia ,Elena Colombi , Paola Caruso, Luigi Iocca, Giuseppe Lisco, Rosy Campanale, Daniel Bellinchiodo, Francesco Aquila, Michela Motoc.

E proprio Eva Henger con Massimiliano Caroletti insieme alla figlia Jennifer, al suo debutto sul grande schermo, sono ospiti della prestigiosa kermesse cinematografica Ischia Global Fest, e incontreranno il pubblico prima della proiezione con Doctor Vintage, anche lui nel cast della pellicola, nella serata del 13 luglio.

Filo conduttore del film il rapporto con i social. Tic Toc è una commedia che intreccia tante vicende e scopre tante realtà partendo dalla storia di quattro intraprendenti scansafatiche che per guadagnare qualche soldo decidono di rapire Eva Henger. Un progetto che frana a causa del Covid e che innesca un susseguirsi di intoppi divertenti: “Un gruppo di Sinti, una sorta di gang Fedeli al triste, ma vero, gioco di parole “è tutto LORO quello che luccica”, i quattro passano giornate ad invidiare le superstar di oggi , ovvero gli, e soprattutto le, Influencers, attribuendo a ognuno e a ognuna di loro vite principesche, fatte di limousines, jet privati, champagne della migliore categoria, ville gigantesche e stuoli di servitori, tutto ciò che, nella loro miseria, è loro negato dalla vita, in una maniera che, dal loro punto di vista, reputano ingiusta ed immorale. Stufi di raccogliere le briciole di quello che loro credono essere solo un mondo dorato e pieno di privilegi, i quattro mascalzoni vengono a sapere che la star Eva Henger inaugurerà una Escape Room (cosa che loro non hanno idea di cosa sia) a Terni, per cui a Zagaja, ma ben presto condiviso dagli altri pur se con qualche perplessità soprattutto da parte di Bike Chef, viene la “brillante” idea: appostarsi poco prima dell’entrata della Escape Room e rapire la Diva, che per lui è anche il suo sogno erotico da sempre, in modo da chiedere il riscatto ai suoi numerosi sponsor”, ha spiegato l’ideatore Fabio Stirlani. La trama affronta in chiave drammatica argomenti comici che riflettono l’attualità.

Un film che segna il grande ritorno al cinema di Eva Henger che per l’occasione ha interpretato se stessa. Un ruolo cucito alla perfezione su di lei: “Ho interpretato me stessa. Pensavo fosse facile, invece è stato difficilissimo. Quando si interpreta la propria persona ci si rende conto di non conoscerla realmente. Ho dovuto metterci dell’ironia, verve e passione, anche perché sarà un film comico, che farà ridere molto”. Assieme a lei sul set la figlia Jennifer Caroletti interessata a seguire le orme della madre.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca46 minuti ago

Milano, incendio in autofficina: 3 morti e e 3 feriti

Le fiamme sono state domate, i vigili del fuoco hanno evitato che si propagassero ai piani superiori dell'edificio Tre persone...

Spettacolo54 minuti ago

Amadeus condurrà ‘La Corrida’ sul Nove in...

Lo storico format vedrà il debutto in prima serata del conduttore sulla rete di Warner Bros come rivela in esclusiva...

Spettacolo57 minuti ago

Da domani rassegna su Alberto Sordi nella sua villa di Roma

In programma 9 film che si potranno vedere gratuitamente previa prenotazione obbligatoria Alberto Sordi non se n’è mai andato veramente,...

Cronaca1 ora ago

Il ‘Gran Prix Storico di Roma’ accende i motori...

L'evento fino a domani, sabato 15 giugno, ai marmi del Foro Italico nella Capitale Auto storiche e Made in Italy...

Economia1 ora ago

Imprese, De Margheriti (Grant Thornton): “Apertura...

In provincia di Vicenza il 58° evento di Industria Felix “Oggi imprenditori e manager di organizzazioni, per poter perseguire la...

Sport2 ore ago

Mille Miglia, quarto pomeriggio di gara da 335 chilometri

È stato il Controllo Orario di ripartenza da Solomeo a inaugurare il dodicesimo settore di gara. Una volta passata la...

Esteri2 ore ago

Europei 2024, tensione prima del calcio d’inizio:...

A far scattare l'allarme uno zaino sospetto. Resta chiusa zona allestita per i tifosi vicino al Reichstag Tensione a Berlino...

Economia2 ore ago

Gruppo Aspi a summit G7, nuove tecnologie per mobilità...

Il gruppo Aspi è stato scelto dal governo per rappresentare le eccellenze italiane durante questo importante evento Autostrade per l'Italia...

Cronaca2 ore ago

G7, corteo a Fasano: “Forum si costruiscono con...

(dall’inviata Assunta Cassiano) - Un corteo pacifico ha attraversato questo pomeriggio le strade di Fasano, organizzato dal Contro Forum G7...

Cronaca2 ore ago

Milano, 2 detenuti evasi dal Beccaria: hanno scavalcato le...

De Fazio (Uilpa: "Sono in corso le ricerche da parte della polizia penitenziaria e delle altre forze dell’ordine" Due detenuti...

Esteri2 ore ago

Kate, domani prima apparizione pubblica: “Sto meglio...

Il messaggio della principessa, che assisterà alla parata per il compleanno di re Carlo La principessa Kate sta facendo "buoni...

Spettacolo2 ore ago

Roma e vip, ecco chi ha scelto la Capitale come casa

Post Content

Cronaca2 ore ago

Truffa figli in Brasile, appello al governo:...

L'avvocato d'affari Nunzio Bevilacqua prosegue la sua battaglia contro l'attribuzione di paternità Assume i tratti di un intrigo internazionale la...

Cultura2 ore ago

Dalla pietra all’Ia, la storia delle armi in...

I due autori ripercorrono il lungo viaggio compiuto dalla storia delle armi dal paleolitico ai giorni nostri, dai primi utensili...

Economia3 ore ago

IA e cinema WMF, l’intelligenza artificiale nel cinema

Frisari (Fantomatica) :"Deciderà il pubblico, ma credo che si sceglieranno sempre storie umane, magari con immagini generate dall'intelligenza artificiale, ma...

Sport3 ore ago

Euro 2024, tifosi Scozia guidano contromano: grave...

Appena atterrati a Dusseldorf si sono messi in viaggio per Monaco Cinque tifosi della Scozia in ospedale in Germania dopo...

Cronaca3 ore ago

Violenza su donne, moda e istituzioni insieme con la...

La Polizia di Stato sceglie anche la strada della moda per dire no alla violenza di genere. Con la presentazione...

Spettacolo3 ore ago

Jonathan Safran Foer si trasferisce a Roma. Tutte le star...

“Mi trasferisco a Roma con mia figlia Alba, che ha un anno e mezzo”. Jonathan Safran Foer, autore di “Ogni...

Spettacolo3 ore ago

Jonathan Safran Foer si trasferisce a Roma. Tutte le star...

Da Willem Dafoe ad Abel Ferrara passando per Matt Dillon ecco chi ha deciso di trasferirsi e perché "Mi trasferisco...

Lavoro3 ore ago

Aggregazione della spesa alla luce del nuovo codice degli...

Valorizzare l’esperienza decennale dei professionisti in una nuova ottica volta a supporto del sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti e...