Salman Rushdie aggredito a New York, identificato l’assalitore


Lo scrittore Salman Rushdie è stato aggredito mentre parlava sul podio di un evento letterario alla Chautauqua Institution nello stato di New York. L’aggressore identificato come Hadi Matar, un 24 enne del New Jersey, ha raggiunto il palco durante e ha aggredito Rushdie e il moderatore dell’evento. Lo scrittore anglo indiano, riferiscono i media statunitensi citando la polizia, sarebbe stato colpito sia al collo che all’addome e, una volta in ospedale, è stato sottoposto a un intervento chirurgico. La governatrice di New York Kathy Hochul ha detto ai giornalisti venerdì che Rushdie è “vivo” e “riceve le cure di cui ha bisogno”. 

Secondo quanto riferisce la polizia di New York, l’aggressoreavrebbe agito da solo. Prima dell’aggressione, riferisce la Cnn, non ci sarebbero state minacce e non ci sarebbe nessuna indicazione sulle motivazioni.  

Secondo quanto ha riferito al New York Times una dottoressa presente all’evento, Rita Landman, che ha partecipato ai primi soccorsi, lo scrittore, ha raccontato, era vivo dopo l’aggressione e non è stato sottoposto a rianimazione cardiopolmonare. Sotto il suo corpo si era formata una pozza di sangue. 

Il moderatore dell’evento letterario, Henry Reese, co-fondatore di una ong che offre protezione a scrittori perseguitati, ha riportato una leggera ferita al capo. 

Un video mostra l’agitazione in sala e sul palco subito dopo l’aggressione, con i soccorritori che cercano di rianimare lo scrittore. L’aggressore è stato fermato sul posto dai presenti ed è sotto custodia delle forze dell’ordine. 

“E’ stata una cosa assolutamente orribile cui assistere”, ha dichiarato un testimone, Carl Levan, secondo il quale – dopo essere corso sul palco proveniente dalla parte sinistra della sala – l’aggressore ha “colpito ripetutamente” con un’arma da taglio lo scrittore. Parlando con BBC News Channel l’uomo – che era seduto a 14, 15 file di distanza dal palco – ha riferito che i presenti sono ancora “profondamente scossi” per quanto hanno visto.  

Altri testimoni presenti all’attacco hanno riferito che l’aggressore indossava una maschera nera. Gli stessi testimoni hanno raccontato che dieci-quindici persone sono intervenute salendo sul palco per fermare l’aggressione.  

Contro lo scrittore la leadership religiosa iraniana lanciò alla fine degli anni ’80 una ‘fatwa’ condannandolo a morte per il libro ‘I versetti satanici’, considerato blasfemo.  

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora