Connect with us

Gastronomia

Aceto balsamico: una delizia per il palato sempre più...

Published

on

Aceto balsamico: una delizia per il palato sempre più apprezzata dagli italiani

L’aceto balsamico è una vera e propria eccellenza gastronomica, la cui fama e apprezzamento sono cresciuti esponenzialmente negli ultimi anni, soprattutto tra gli italiani. Questo condimento, nato dalle tradizionali tecniche di produzione modenesi e reggiane, si distingue per il suo gusto unico e la sua versatilità in cucina. L’Italia, con la sua ricca tradizione culinaria, ha saputo valorizzare e innovare l’utilizzo dell’aceto balsamico, rendendolo protagonista di ricette classiche e contemporanee.

La crescente ricerca di prodotti di qualità, autentici e con una forte identità territoriale, ha contribuito a rafforzare il legame degli italiani con questo prodotto. L’aceto balsamico non è solo un condimento, ma un elemento di distinzione nella preparazione dei piatti, capace di esaltare sapori e creare armonie gustative sorprendenti. La sua popolarità testimonia l’importanza della tradizione culinaria italiana e la costante ricerca dell’eccellenza gastronomica.

Storia e origini: l’antica tradizione dell’aceto balsamico

La storia dell’aceto balsamico affonda le sue radici nelle profondità della tradizione gastronomica italiana, diventando sinonimo di eccellenza e raffinatezza. Questo prezioso condimento vanta una storia secolare, nata nei territori di Modena e Reggio Emilia, dove l’arte della sua produzione è stata tramandata di generazione in generazione.

Un esempio emblematico di tale tradizione è l’Acetaia Leonardi, custode di un sapere antico, che ha saputo elevarsi a simbolo di qualità e dedizione nella produzione dell’aceto balsamico. Attraverso metodi tradizionali e una cura meticolosa, l’Acetaia Leonardi realizza aceti balsamici di altissima qualità, apprezzati e riconosciuti a livello internazionale. La produzione di aceto balsamico richiede tempo, pazienza e passione, elementi che l’Acetaia Leonardi incarna perfettamente, contribuendo a mantenere viva una tradizione che rappresenta un patrimonio culturale e gastronomico inestimabile per l’Italia.

Il processo produttivo

L’aceto balsamico tradizionale di Modena DOP è ottenuto dalla lavorazione delle uve più pregiate, tipicamente delle varietà Trebbiano e Lambrusco. Queste uve vengono raccolte al culmine della maturazione, garantendone la massima dolcezza. Successivamente l’uva viene pigiata e il mosto ottenuto viene cotto lentamente a fuoco vivo. Questo processo di esalta il sapore e crea il caratteristico colore bruno scuro dell’aceto.

Dopo la cottura, il mosto viene lasciato fermentare naturalmente per diverse settimane. Il mosto fermentato viene poi trasferito in botti di legno, dove subisce un complesso processo di invecchiamento. Le botti sono realizzate con diversi tipi di legno, come rovere, ciliegio, castagno e gelso, ognuno dei quali conferisce all’aceto profumi tipici e sfumature di sapore uniche.

Il processo di invecchiamento dell’aceto balsamico tradizionale di Modena DOP può durare da un minimo di 12 anni per la varietà “Affinato” ad oltre 25 anni per l’”Extravecchio”. Durante questo periodo, l’aceto balsamico viene travasato con cura da una botte all’altra, passando gradualmente dalle botti più grandi a quelle più piccole. Questo meticoloso processo permette all’aceto di sviluppare i suoi straordinari profumi e sapori, dando vita ad un prodotto davvero eccezionale.

Il profilo aromatico e la versatilità dell’aceto balsamico

L’aceto balsamico vanta un profilo aromatico complesso che raggiunge il perfetto equilibrio agrodolce. La sua consistenza ricca e sciropposa, le note di caramello, frutta e legno lo rendono una delizia per il palato. La versatilità di questo aceto è davvero notevole, poiché può essere utilizzato in una vasta gamma di piatti.

Nelle ricette salate, un filo di aceto balsamico aggiungerà profondità e complessità alle insalate, alle verdure arrosto e alle carni alla griglia. La sua dolcezza naturale esalta i sapori di fragole, fichi e altri frutti,rendendolo una scelta eccellente per condimenti e marinateL’aceto balsamico può essere utilizzato anche come tocco finale sui dolci, come il gelato o la panna cottaaggiungendo un pizzico di eleganza alla presentazione finale.

Il crescente apprezzamento tra gli italiani

Il crescente apprezzamento degli italiani per l’aceto balsamico si fonda su una serie di motivazioni che riflettono la profonda connessione tra cultura alimentare e ricerca della qualità. Una delle ragioni principali è la riscoperta dei prodotti autentici e delle tradizioni culinarie locali, in un’epoca in cui l’attenzione verso l’origine e la storia dei prodotti alimentari è sempre più marcata. L’aceto balsamico, con le sue radici profonde nella tradizione italiana e la sua produzione artigianale, incarna questi valori, offrendo un legame tangibile con il territorio e la sua storia. Inoltre, la crescente tendenza a una cucina consapevole e alla valorizzazione di ingredienti di qualitàha portato a una maggiore esplorazione delle potenzialità dell’aceto balsamico in cucina.

Gli italiani hanno riscoperto come questo prodotto possa trasformare piatti semplici in creazioni gastronomiche raffinate, esaltando i sapori e arricchendo l’esperienza culinaria. La varietà di balsamici disponibili, dall’aceto balsamico tradizionale di Modena DOP, all’aceto balsamico di Modena IGP, ai condimenti balsamici, offre, inoltre, una vasta gamma di scelte per i consumatori, adattandosi a diversi gusti e occasioni d’uso. Questa versatilità, unita alla qualità e al valore culturale, spiega il crescente apprezzamento degli italiani per l’aceto balsamico, considerato ormai indispensabile nella dispensa di ogni appassionato di cucina.

Un asso della comunicazione e maestro nelle relazioni con i media, questa figura chiave gestisce con destrezza la nostra strategia di promozione, elevando la visibilità e l’immagine del nostro marchio. Con un occhio sempre attento ai dettagli e una rete di contatti nell’industria dei media, è responsabile di costruire e mantenere relazioni fruttuose con i nostri partner strategici. Il suo tocco esperto nel plasmare la narrativa pubblica è fondamentale per posizionarci come leader nel nostro settore.

Continue Reading

Curiosità

Giuseppe De Lucia un vero fenomeno dell’arte della...

Published

on

Giuseppe De Lucia, ha avuto una vita non sempre semplice. Inizialmente era attraversato da vari tipi di problemi e non solo di natura economica. Questi problemi, lo portano a far nascere dentro di lui, una voglia di riscatto, di rivincita. Inizia così a lavorare e a creare le sue prime pizze. Giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno, inizia a capire che questo non è più un lavoro che gli consente di portare solo lo stipendio a casa, ma, diventa una vera e propria passione.

Vedere la gente soddisfatta del suo lavoro e regalare gioie attraverso il palato lo rendono orgoglioso, inizia così a coltivare questa passione ed ad alimentare il suo genio e creatività. Gli ingredienti principali secondo De Lucia sono: lo studio, la tradizione e la scelta delle materie prime. Il mondo della cucina è fatto di tanti sacrifici, ai giovani consiglia di avere passione, solo con la passione, si possono raggiungere traguardi e soddisfazioni. In attesa di realizzare il suo sogno nel cassetto, ovvero, aprire una seconda location, vi sveliamo dove è possibile trovarlo per degustare la sua cucina. Dove troviamo Giuseppe De Lucia: Cuneo in via sette assedi n. 4 con il nome di “Passione Pizza”.

Continue Reading

Gastronomia

Grande successo de “La Spagna al Femminile” a...

Published

on

Padova, 15 maggio 2024 – Ieri sera la città di Padova è stata l’epicentro di un incontro culinario senza precedenti, in cui Saragozza e l’Italia si sono riunite a tavola per deliziare i presenti con un’esperienza gastronomica unica. “La Spagna al Femminile” si è rivelata un successo strepitoso, riunendo due chef d’eccezione, Susana Casanova e Caterina Ceraudo, in una cena a quattro mani che ha celebrato il meglio della cucina aragonese e italiana.

Susana Casanova, chef del ristorante “La Clandestina” di Saragozza e vincitrice del Best Tapa of Spain nel 2023, insieme a Caterina Ceraudo, chef del ristorante stellato Graya di Padova, hanno proposto una serata in cui i sapori dell’Aragona e la raffinatezza italiana si sono intrecciati magistralmente.

La proposta di Susana Casanova comprendeva la sua pluripremiata tapa “Cruz de navajas”, oltre a polpette di vitello aragonese con salsa thailandese di ananas, cocco e anacardi, e asparagi bianchi di Novillas con la loro vichyssoise, tra gli altri piatti che hanno stupito il pubblico. Da parte sua, Caterina Ceraudo ha presentato creazioni come lo Spaghettone quadrato con pesto di finocchio selvatico, gamberi rossi e agrumi, culminando con un dessert di cioccolato bianco, crumble di liquirizia, gel di lamponi e frutti rossi.

La combinazione di questi talenti culinari, insieme all’abbinamento di squisiti vini aragonesi come il Microcósmico Macabeo 2022 e il Godina Garnacha 2021, ha creato un’esperienza sensoriale che ha lasciato un’impressione indelebile nei 40 ospiti, tra cui professionisti del settore turistico e dei media.

Susana Casanova ha espresso il suo entusiasmo dicendo: “Sono molto emozionata di mostrare parte della gastronomia di Saragozza, i suoi prodotti e i suoi produttori. È una grande responsabilità fare una buona impressione su un pubblico esperto e risvegliare l’interesse per il turismo gastronomico”.

L’evento, promosso da Zaragoza Turismo in collaborazione con l’Ufficio Spagnolo del Turismo di Milano – Turespaña, non solo ha celebrato l’eccellenza gastronomica, ma ha anche messo in evidenza il ricco patrimonio culturale e monumentale di Zaragoza e Padova, nonché il loro impegno per la sostenibilità e la qualità del turismo.

“La Spagna al Femminile” si è rivelata più di un semplice scambio gastronomico; è stato un omaggio ai legami che uniscono queste due città, simboleggiati non solo dalle loro imponenti basiliche, ma ora anche dalla gastronomia. Questa serata ha evidenziato la capacità della cucina di essere ambasciatrice di cultura, storia e passione per la buona tavola.

Saragozza, con oltre 2.000 anni di storia e un impressionante patrimonio monumentale come la Basilica del Pilar e la Cattedrale del Salvatore – La Seo, rimane una destinazione affascinante. La sua vivace scena culturale e la sua ricca gastronomia la rendono una tappa obbligata per chi cerca un’esperienza completa di storia, cultura e sapori.

Nel complesso, “La Spagna al Femminile” è stato un evento memorabile che ha riaffermato il legame tra Saragozza e Padova, e promette di essere il primo di molti incontri che celebrano l’amicizia e la cooperazione tra queste due città.

Continue Reading

Gastronomia

Le chef Susana Casanova e Caterina Ceraudo uniscono i loro...

Published

on

Saragozza, 9 maggio 2024 La gastronomia diventa il ponte che unisce la spagnola Saragozza e Padova rappresentando l’Italia in un evento culinario unico. Il 14 maggio la città italiana sarà teatro di “La Spagna al Femminile”, un incontro che unisce il meglio della cucina spagnola e italiana, grazie a una cena a quattro mani con due chef d’eccezione: Susana Casanova, di Saragozza, e la italiana Caterina Ceraudo.

Susana Casanova, del ristorante “La Clandestina” e vincitrice del Best Tapa of Spain nel 2023 con “Cruz de navajas”, porterà i sapori dell’Aragona. Cominciamo con il suo piatto preferito e premiato, un ajoblanco di cannolicchi, pesca di Calanda, gelatina di Cava d’Aragona e riduzione di stinco di vitello, corallo di borragine e scorza di limone. Un omaggio in miniatura alla regione. Anche piatti come le polpette di vitello d’Aragona con riso Brazal e un’originale salsa tailandese di ananas, cocco e anacardi, o gli asparagi bianchi di Novillas con la loro vichyssoise, promettono di sorprendere i partecipanti.

Caterina Ceraudo, del ristorante stellato Graya di Padova, aggiungerà il suo tocco italiano con creazioni come lo Spaghettone quadrato con pesto di finocchio selvatico, gamberi rossi e agrumi. Un incontro di sapori che si concluderà con un dessert a base di cioccolato bianco, crumble de regcrumble di liquirizia, gel di lamponi e frutti rossi.

Ma “La Spagna al Femminile” va oltre il semplice scambio gastronomico. È un omaggio ai legami tra Saragozza e Padova. Entrambe le città, collegate da voli diretti e con imponenti basiliche come La del Pilar e San Antonio de Padua, trovano ora un nuovo punto di incontro nella gastronomia.

L’abbinamento cibo-vino sarà un altro protagonista della serata, con vini aragonesi come il bianco Microcósmico Macabeo 2022 di Bodegas Frontonio o il Godina Garnacha 2021 di Bodegas Morca, che completeranno ogni piatto.

“Mi emoziona molto mostrare parte della gastronomia di Saragozza, i suoi prodotti e i suoi produttori”, afferma Susana Casanova. “È una grande responsabilità fare una buona impressione su un pubblico esperto e risvegliare l’interesse per il turismo gastronomico, in breve, riuscire a trasmettere che Saragozza ha una gastronomia eccellente”.

Questo evento, promosso da Saragozza Turismo in collaborazione con l’Ufficio Spagnolo del Turismo di Milano – Turespaña, non solo celebra l’eccellenza gastronomica, ma mette anche in evidenza il ricco patrimonio culturale e monumentale di entrambe le destinazioni, nonché la sostenibilità e la qualità del turismo.

Una serata in cui la gastronomia diventa ambasciatrice di due città unite dal sapore, dalla storia e dalla passione per la buona tavola. “La Spagna al Femminile” si preannuncia come un viaggio gastronomico senza confini che lascerà un segno indelebile nei 40 ospiti, tra cui professionisti del settore turistico e media, che avranno il privilegio di partecipare.

Saragozza: un viaggio nel tempo e nei sensi

Saragozza, città con più di 2.000 anni di storia, è una destinazione affascinante che fonde l’eredità di quattro culture: romana, ebraica, musulmana e cristiana. Nota per il suo imponente patrimonio monumentale, come la Basilica del Pilar e la Cattedrale ddel Salvador – La Seo, Saragozza ospita anche una vivace scena culturale con festival d’arte, musica ed eventi unici come Zaragoza Florece o le Fiestas Goyescas. Inoltre, la sua ricca gastronomia, che comprende prodotti tipici aragonesi e una fervente cultura delle tapas, fanno di Saragozza una meta imperdibile per chi vuole immergersi nella storia, nella cultura e nei sapori della Spagna. E soprattutto, con il treno ad alta velocità, Zaragoza si trova a una puntata di Netflix della vostra serie preferita da Madrid e a un film da Barcellona.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca10 minuti ago

Mangiare male aumenta i costi sanitari

Nel 2023 l'eccesso di peso, in Italia, ha interessato il 46,4% della popolazione di maggiore età̀ Mangiare male costa a...

Cronaca14 minuti ago

Omicidio Mollicone, assolti in Appello i Mottola e i due...

La 18enne è stata uccisa ad Arce nel luglio del 2001 Omicidio Mollicone, assolti in Appello i Mottola e i...

Demografica20 minuti ago

Europei di calcio 2024, boom della prostituzione in Germania

Il mestiere più antico del mondo e lo sport (secondo alcuni) più bello del mondo. Un’accoppiata che non è forse...

Cronaca28 minuti ago

Vacanze, nel fine settimana traffico intenso: i consigli...

Giornate di traffico intenso, con situazioni da bollino giallo o rosso, a partire da questo weekend e per i successivi...

Cronaca35 minuti ago

Nuovo nomenclatore tariffario, torna il dialogo tra Uap e...

Incontro al dicastero, Mariastella Giorlandino 'sono sicura che nascerà una collaborazione' Riparte il dialogo, con un clima più sereno, tra...

Cronaca54 minuti ago

Il dilemma della doccia quando fa molto caldo: fredda o...

Durante un'ondata di calore, c'è la tentazione di buttarsi sotto una doccia ghiacciata. I motivi per cui non è la...

Lavoro1 ora ago

Vino, a scuola di dendrochirurgia in vigna per combattere...

Al via a Capriva del Friuli il corso con i Vine master pruners I Vine master pruners Simonit&Sirch hanno messo...

Lavoro1 ora ago

Turismo, Vangstein (Havila Voyages): “Interesse...

Il Chief Communications & Marketing Officer della nuova compagnia crocieristica che opera sulla rotta dei fiordi norvegesi parla di obiettivi...

Lavoro1 ora ago

Turismo:, con Havila Voyages la crociera dei fiordi...

Il nuovo brand naviga lungo l'antica rotta che segue la costa con navi ultra-moderne e tra le più ecologiche al...

Economia1 ora ago

Consap: “Importante lavoro svolto con governo e...

"Appena il provvedimento verrà approvato definitivamente dal Parlamento convocheremo presso Consap il tavolo che abbiamo istituito con Abi e Cdp...

Immediapress1 ora ago

Intelligenza Artificiale una grande opportunità anche per...

Pagine Sì! in prima fila per aiutare le Piccole e Medie Imprese a sfruttare i vantaggi offerti dall'Intelligenza Artificiale Terni,...

Economia1 ora ago

Il lavoro più richiesto senza laurea? E’ il global...

Successo crescente della Mixology academy, scuola di alta formazione 'Che lavoro vuoi fare?' è la domanda che mette in crisi...

Ultima ora1 ora ago

Ucraina, Cremlino: “Piani Nato pericolosa...

L'intervento di Peskov dopo che Kiev ha chiesto di rimuovere limiti posti dall'Occidente sull'uso delle armi Permettere alle forze armate...

Sport1 ora ago

Lazio, infortunio per Gila

Frattura per il difensore, lungo stop Non arrivano buone notizie per Marco Baroni. L'allenatore della Lazio dovrà fare a meno...

Demografica2 ore ago

Popolazione, Onu: “10,3 miliardi di persone entro metà 2080”

La popolazione mondiale raggiungerà il suo picco massimo entro la metà del 2080. Si tratta di una cifra che dovrebbe...

Tecnologia2 ore ago

L’Europa avverte X: il profilo verificato a pagamento...

Le modifiche apportate al sistema di verifica del social ostacolerebbero la capacità degli utenti di verificare l'autenticità degli account con...

Economia2 ore ago

PosteGoFresh, servizio refrigerato per consegna a domicilio...

Il servizio è dedicato alle aziende di prodotti di e-commerce che hanno l’esigenza di un servizio di trasporto logistico sicuro...

Salute e Benessere2 ore ago

L’esperto Testori: “Cure dentali accessibili a tutti...

Sul nuovo corso di laurea in odontoiatria all’Ucbm, ‘tutti i presupposti per formazione tecnologica etica ed empatica’ “Rendere la cura...

Salute e Benessere2 ore ago

Ghirlanda (Andi): “Nel cambio generazionale nuovi...

Il presidente del sindacato, ‘solo 1 giovane professionista su 4 ambisce ad aprire un suo studio’ “Il futuro dell’odontoiatria in...

Salute e Benessere2 ore ago

Di Lazzaro (Ucbm): “Odontoiatria italiana eccellente...

All’evento del Campus Bio-medico il preside dell’Ateneo, ‘il nostro corso di laurea è a elevatissimo contributo tecnologico’ “L’odontoiatria italiana rappresenta...