Connect with us

Attualità

Napoli, Maradona ha la sua statua

Published

on

Diego Armando Maradona, il Pibe de Oro, ha la sua, meritata, statua, nella città di Partenope.

Sui muri, sulle maglie ma soprattutto nei pensieri e nel cuore: Diego Armando Maradona è ancora ovunque a Napoli. E in occasione del primo anniversario della morte del “Pibe de Oro”, è stata installata una statua davanti allo stadio che porta il suo nome per celebrare il legame “eterno” tra la città e il più napoletano dei napoletani, ma argentino di nascita.

Alla stazione, o per le strade, si sente chiamare “Diegooooooo” il visitatore, il turista o il passante dai capelli che ricordano il Pibe de Oro. Sulle bancarelle, o allo store ufficiale del Napoli, fanno capolino le maglie o gli accessori con il volto della star deceduta un anno fa all’età di 60 anni.

Simbolo de “l’eredità lasciata dalla leggenda argentina”, le cui gesta sono ricordate per sempre, la casacca commemorativa è stata indossata dai giocatori del club Napoli nel mese di novembre. Prodotta in serie limitata, viene venduta a scopo non lucrativo, ma di “beneficenza”… e sold out sul sito del club stesso.

Per il visitatore, il turista o il semplice passano alla ricerca della memoria, l’immenso affresco con l’effigie del campione, realizzato negli anni ’90 nel cuore dei popolari “quartieri spagnoli” , costituisce generalmente la prima tappa del pellegrinaggio.

Il più delle volte, ci sono soste davanti a una folla di disegni sui muri e manifesti del film “La mano di Dio” – un riferimento all’espressione che è diventata cult del giocatore per qualificare il suo gol segnato volontariamente a mano, nelle semifinali del Mondiale 1986, l’omaggio di Paolo Sorrentino al Napoli degli anni Ottanta, nelle sale cinematografiche, ancora per poco, in questo periodo.

“Era importante venire a Napoli, si sono una ragazza, ma dai racconti dei miei genitori, ho amato di riflesso anch’io questo indiscusso campione”, assicura una ragazza di soli 17 anni, che ha sfidato la pioggia per venire a scoprire il famoso “murale”, su questa spianata dedicata al culto del “Dio” Maradona, con foto, bandiere, magliette e altre reliquie.
La giovane ragazza è venuta dalla Sicilia con la sua famiglia di origini napoletane, per dare degno saluto ad un intramontabile Campione.

Si vede che non sono solo le maglie del Napoli, ma la maggior parte delle squadre con cui ha giocato e le foto del giocatore, ma anche dell’uomo. È interessante come le persone normali, non solo i tifosi, si siano legate a lui“.

Anche Facundo Perez, 26 anni, argentino residente in Europa, è venuto apposta a Napoli per “salutare” Maradona, un anno dopo la sua morte.

Nuove immagini dell’icona calcistica, sbocciano regolarmente ai piedi del Vesuvio. Lo street artist Mario Casti, già autore di “dieci” da un anno, era ancora impegnato questa settimana per ultimarne un nuovo lavoro, in occasione dell’anniversario.

Maradona, idolo di tutti i napoletani, ha ispirato anche lo scultore Domenico Sepe, la cui opera è stata installata davanti all’ex stadio San Paolo, ribattezzato lo scorso dicembre con il nome di Maradona.

“Dio greco”

L’opera è nata da un’esigenza personale. All’annuncio della sua morte, qualcosa è venuto a mancare nella mia vita quotidiana e da tifoso e scultore ma anche napoletano, ho deciso di dare una mano, un’opera che gli offra l’eternità“, ha raccontato guardando compiaciuto la sublime scultura.

Scultore dalla vena classica, ha voluto fare di Maradona un “Dio greco”. Il bronzo con lo sguardo concentrato e le possenti gambe, lanciato in una folle corsa con la palla davanti al piede, su un campo. Spiegare questo monumento commemorativo è difficilissimo, ogni plausibile tentativo risulterebbe riduttivo, tale è la magnificenza che sprigiona.

Riconosciamo il “Diego” campione del mondo con l’Albiceleste nel 1986, ma con indosso la maglia partenopea, emblematica N.10 sulla schiena. Maradona, tutto muscoli, ci appare quasi a “dimensione reale”, precisa.

Perla città, la statua di Maradona è l’augurio di vincere lo scudetto, “scudetto” vinto solo due volte nella storia del Club Napoli, era il lontano 1987 e il 1990, si, naturalmente con “lui”, “Diego”…

Lui, anche in allenamento ti faceva venire i brividi, tale era la sua abile destrezza…
Allora, durante una partita Juventus-Napoli nello spogliatoio ci dicemmo che l’unico modo per fermare Maradona, era menargli di brutto… Ma dopo dieci minuti in campo, ci guardammo e ci dicemmo che NO!!! Era troppo, troppo bello vederlo giocare…

(Zbigniew Boniek)

Una sofisticata esperta in viaggi, turismo e tempo libero, che esplora con passione le frontiere del settore turistico per fornire ai nostri lettori intuizioni uniche e consigli preziosi. Con una profonda conoscenza che va dalle destinazioni esotiche alle gemme nascoste locali, la sua competenza è indispensabile per chi cerca di trasformare ogni viaggio in un’esperienza memorabile. Le sue analisi ricche di sfumature e le sue raccomandazioni su misura sono fondamentali per offrire un panorama completo di tutto ciò che il mondo del turismo ha da offrire.

Attualità

Nuova “Casa dell’Acqua” inaugurata a...

Published

on

Il giorno 12 giugno si è distinto nel calendario di Roma per l’avvio di un servizio che si prefigge di rivoluzionare l’approccio alla risorsa idrica nella capitale: è stata inaugurata una nuova Casa dell’Acqua. Questo particolare punto di erogazione si trova vicino alla Via Sacra, un luogo carico di storia, che funge da connessione vitale tra il Colosseo e il Foro Romano, due dei più significativi siti archeologici della città. Questo nuovo impianto si inserisce all’interno di una più ampia visione ambientale del gruppo Acea, avviata una decade fa, mirata a sensibilizzare la popolazione e i numerosi visitatori sulle tematiche del risparmio idrico e della sostenibilità. L’obiettivo di tale iniziativa è doppio: da un lato, stimolare una maggiore coscienza nell’uso dell’acqua, dall’altro, promuovere attivamente l’abbandono delle bottiglie di plastica monouso a favore di soluzioni più sostenibili come i contenitori riutilizzabili.

Decennale del progetto Casa dell’Acqua: tecnologia e tradizione

Le Case dell’Acqua rappresentano una moderna evoluzione delle storiche fontane di Roma, coniugando tradizione e innovazione tecnologica. Oltre alla distribuzione di acqua naturale e frizzante, queste strutture offrono servizi aggiuntivi quali prese di alimentazione elettrica per la ricarica di dispositivi mobili e la geolocalizzazione tramite l’app Acea Waidy Wow. Questa applicazione permette agli utenti, tra le altre cose, di monitorare il proprio livello di idratazione.

Un network in espansione

Da Roma, il progetto si è esteso in altre regioni quali Lazio, Toscana, Umbria, Campania e Molise. Ad oggi, il gruppo Acea gestisce circa 430 Case dell’Acqua, che distribuiscono gratuitamente oltre 110 milioni di litri d’acqua all’anno. L’espansione di questo network promuove la riduzione dei rifiuti plastici grazie all’uso di contenitori ricaricabili.

Commenti istituzionali sull’inaugurazione

Ornella Segnalini, assessora ai Lavori pubblici di Roma Capitale, ha espressamente lodato l’inaugurazione della nuova casetta dell’acqua, ricordando che solo due mesi fa sono stati installati tre nuovi nasoni nell’area del Colosseo. L’apertura della nuova Casa dell’Acqua rappresenta un ulteriore impegno verso la modernizzazione e l’ecosostenibilità.

Barbara Marinali, presidente del gruppo Acea, ha evidenziato l’importanza del decennale del progetto, sottolineando come esso risponda alle esigenze del territorio e della popolazione locale e dei visitatori, specie in previsione del prossimo Giubileo. All’evento è stata presente anche la vicepresidente del I municipio Alessandra Sermoneta.

L’impegno del Parco Archeologico del Colosseo

Alfonsina Russo, direttrice del Parco Archeologico del Colosseo, ha rimarcato l’integrazione di queste iniziative nel progetto PArCo Green, evidenziando come l’eco-sostenibilità rappresenti un obiettivo prioritario per il Parco. Questa sinergia tra il progetto delle Case dell’Acqua e le politiche ambientali del Parco Archeologico del Colosseo illustra un modello di gestione del patrimonio culturale che tiene conto della sostenibilità ambientale.

L’apertura della nuova Casa dell’Acqua di Roma è un esempio emblematico di come le infrastrutture moderne possano integrarsi armoniosamente con il contesto storico e culturale di una città, contribuendo al contempo alla salvaguardia ambientale e alla qualità della vita urbana. Questo progetto offre una risorsa preziosa per i residenti e i visitatori, sottolineando anche l’importanza di politiche ambientali proattive in contesti urbani densamente popolati e ricchi di storia.

Con ogni nuova Casa dell’Acqua inaugurata, rafforziamo il nostro impegno verso un futuro in cui la sostenibilità ambientale e la salvaguardia delle risorse idriche diventano pilastri fondamentali nella costruzione di una comunità più consapevole e responsabile.” — Anna Del Bene

Continue Reading

Attualità

Rai Pubblica Utilità al centro di We Make Future 2024

Published

on

Rai Pubblica Utilità si afferma come attore centrale nel panorama dell’evento We Make Future, un appuntamento di rilevanza internazionale che si dedica alle nuove frontiere della tecnologia, del digitale e dell’intelligenza artificiale. L’edizione del 2024 si tiene a Bologna, dal 13 al 15 giugno, trasformando la città in un hub di innovazione e scambio culturale.

La cerimonia di apertura, elemento distintivo dell’evento, viene impreziosita dalla presenza di performer esperti nella Lingua Italiana dei Segni (LIS), che offrono una dimostrazione delle più avanzate produzioni di Rai Accessibilità.

Durante il We Make Future, Rai Pubblica Utilità non si limita a partecipare ma emerge come una delle figure di spicco, guidando dibattiti e panel di discussione e prendendo parte attiva a convegni e interviste. La sua presenza si distingue per l’impegno nel promuovere temi di accessibilità e inclusione, due pilastri fondamentali della sua missione.

Un inizio ricco di significato: La cerimonia di apertura

Gli artisti della LIS, presenti come abbiamo detto durante la cerimonia di apertur, trasformano un linguaggio tradizionalmente visivo in uno strumento di partecipazione e inclusione, dimostrando in modo tangibile come le barriere comunicative possano essere non solo superate ma trasformate in ponti di comprensione reciproca. La scelta di includere questi performer è un’affermazione potente del valore dell’accessibilità come principio fondamentale in tutte le sfere della società, dalla cultura alla tecnologia.

Attraverso questa performance di apertura, il We Make Future stabilisce subito un ambiente che celebra la diversità e l’accessibilità, sottolineando che l’innovazione tecnologica deve andare di pari passo con l’avanzamento sociale e l’inclusione di tutti gli individui, indipendentemente dalle loro capacità fisiche o sensoriali. Questo inizio simbolico ma potente serve come promemoria che la tecnologia, quando usata correttamente, è uno strumento che può demolire le barriere e costruire comunità più coese e inclusive.

Focalizzazione sull’accessibilità: una giornata di incontri e riflessioni

Il Venerdì 14 giugno si distingue come giornata chiave nel calendario del We Make Future, con un programma densamente popolato di incontri dal vivo, pianificato tra le 9:20 e le 13:00.

1. Televideo: Innovazione continua nell’accessibilità

La giornata si apre con l’intervento sul Televideo, la storica piattaforma che per quarant’anni ha giocato un ruolo cruciale nell’accessibilità dei contenuti media. Giuseppe Sangiovanni, Direttore di Rai Pubblica Utilità, insieme a Guido Barlozzetti, autore per la Rai, riflette su come questa tecnologia abbia continuato ad evolversi per rimanere rilevante e efficace. Particolare attenzione viene data ai servizi come i sottotitoli a pagina 777, che rappresentano un aiuto indispensabile per gli spettatori con difficoltà uditive, garantendo l’accesso alle informazioni anche in zone del paese meno servite dalla rete internet.

2. Design accessibile: Creare senza escludere

Segue un approfondimento sul design accessibile tenuto da Dina Riccò, Associate Professor al Dipartimento di Design del Politecnico di Milano. Il suo intervento pone l’accento su come il design possa e debba essere un catalizzatore per l’inclusione, attraverso la creazione di prodotti che non solo rispondano alle esigenze di tutti gli utenti, ma che anche ne facilitino l’autonomia nelle attività quotidiane. L’approccio che propone è radicale: progettare pensando a tutti gli utenti fin dalle prime fasi di concezione del prodotto, per evitare qualsiasi forma di esclusione.

3. Diritto alla cultura accessibile attraverso il Museo Omero

Il terzo appuntamento della giornata è incentrato sulla cultura accessibile, presentato da Andrea Socrati, noto per il suo impegno nell’educazione inclusiva e accessibilità nell’ambito artistico. Il focus è sul Museo Omero, situato in Italia, riconosciuto come un esempio pionieristico di accessibilità nell’arte. Questo museo, unico nel suo genere, ha implementato soluzioni innovative per rendere le opere d’arte accessibili a persone con disabilità visive, consentendo loro di esplorare e apprezzare l’arte attraverso il tatto e altri sensi, una pratica che sfida e arricchisce la percezione convenzionale dell’arte visiva.

4. Favorire l’accesso all’arte e alla cultura sin dall’infanzia

Segue una discussione su come l’accessibilità sia stata integrata nei programmi per bambini, presentata da Maria Chiara Andriello, manager dell’accessibilità per Rai Pubblica Utilità, insieme ad Angela Senatore, rappresentante dell’Antoniano di Bologna. Un esempio emblematico è la trasformazione dello Zecchino d’Oro, un celebre programma televisivo per bambini, adattato per essere fruibile anche da bambini con disabilità sensoriali. Questi adattamenti includono l’introduzione di audiodescrizione, sottotitoli e traduzione in Lingua dei Segni Italiana, dimostrando l’impegno nel rendere la cultura e l’intrattenimento accessibili fin dalla più tenera età, promuovendo così un ambiente inclusivo sin dall’inizio della formazione culturale e sociale dei giovani spettatori.

Pomeriggio di venerdì: Riflettori sulla comunicazione accessibile

Il segmento pomeridiano del We Make Future continua a concentrarsi sull’importanza dell’accessibilità, stavolta con un approccio particolare alla comunicazione. Tra le 15:20 e le 15:40, si svolge un panel di discussione che vede protagonisti Maria Chiara Andriello, Dina Riccò, e Andrea Socrati, che condividono riflessioni e approfondimenti tratti dal loro libro “Accessibilità comunicativa. Progettare contenuti per tutti”. Questo testo rappresenta una raccolta significativa di ricerche e case study che evidenziano le varie metodologie e pratiche migliori per assicurare che i contenuti mediatici siano fruibili da un pubblico il più vasto possibile, includendo quindi persone con disabilità sensoriali o cognitive.

Moderata da Michela La Pietra, vicedirettore di Rai Pubblica Utilità, la sessione offre un’occasione unica per esplorare le sfide e le soluzioni innovative nel campo della produzione di contenuti accessibili. Questo dialogo mira a sensibilizzare ulteriormente i creatori di contenuti e i professionisti dei media sull’importanza di considerare l’accessibilità fin dalle prime fasi di sviluppo di programmi, prodotti e servizi.

Approfondimenti scientifici e impatto sociale: Il sabato di We Make Future

La giornata di sabato si apre con un focus sulle ultime tecnologie nel campo della meteorologia, iniziando con un panel alle 9:20. Durante questo incontro, figure di spicco come Carlo Cacciamani, direttore dell’agenzia Italia Meteo, e Gabriella Scipione, Responsabile Data Management & Analytics HPC, esplorano come strumenti come satelliti, intelligenza artificiale, Digital Twins e tecnologie di realtà aumentata stiano rivoluzionando la raccolta e l’analisi dei dati meteorologici. Queste tecnologie non solo migliorano la precisione delle previsioni meteorologiche ma anche la comprensione e la gestione dei cambiamenti climatici a scala globale.

Campagna “Weather Kids” dell’UNDP: Educazione e azione

A seguire, alle 10:20, l’attenzione si sposta sulla sensibilizzazione al cambiamento climatico attraverso l’iniziativa “Weather Kids”, una campagna promossa dall’UNDP in collaborazione con RAI Meteo. Questa sessione, che vede la partecipazione di Malak Chabar, Communication and Project Analyst del UNDP Rome Centre for Climate Action and Energy Transition, e un contributo video di Boaz Paldi, Communications and Partnerships Specialist di UNDP, si propone di educare e mobilitare i giovani e il pubblico generale. La campagna “Weather Kids” punta a infondere una maggiore consapevolezza delle problematiche legate al clima e stimolare un’azione collettiva per affrontare questi impellenti problemi ambientali, sottolineando l’importanza dell’educazione climatica fin dalla giovane età.

Chiusura innovativa: Tecnologie forensi in evidenza

La sessione finale di We Make Future, prevista per le 10:40, si focalizza sulle recenti innovazioni nel campo delle tecnologie forensi, in particolare quelle applicate all’analisi degli incidenti stradali. Questo segmento evidenzia la collaborazione tra la Polizia Stradale e Rai Mobilità, che hanno unito le forze per sviluppare e implementare soluzioni tecnologiche avanzate. Questi nuovi strumenti permettono analisi più precise e rapide dei veicoli coinvolti in incidenti, migliorando così l’efficacia delle indagini e la sicurezza stradale.

Un palcoscenico per l’innovazione e l’inclusione

Con la conclusione di questo evento, We Make Future si riafferma come un punto di riferimento essenziale per il dibattito e lo sviluppo nel settore dell’accessibilità, dell’inclusione e della tecnologia avanzata. Rai Pubblica Utilità, attraverso la sua partecipazione attiva e le iniziative presentate, ha dimostrato un impegno costante e una leadership efficace, sottolineando il suo ruolo chiave nel promuovere un futuro più inclusivo e accessibile per tutti.

Continue Reading

Attualità

Books for Peace: A Claudia Conte il prestigioso premio per...

Published

on

Durante l’evento sul disagio giovanile sono intervenuti insieme all’autrice, Questore Antidroga Antonio Pignataro, Carla Garlatti Autorità Garante per l’Infanzia, l’attrice Elisabetta Pellini. Ha moderato Marzia Roncacci TG2.

Il “Books for Peace 2024”, prestigioso riconoscimento dedicato alla valorizzazione dei libri, dell’arte e della cultura che trattano temi fondamentali quali la violenza di genere, il bullismo, le discriminazioni razziali e religiose, l’integrazione, la pace, è stato assegnato alla giornalista, attivista per i diritti umani e scrittrice Claudia Conte grazie al suo ultimo libro “La Voce di Iside”, romanzo che testimonia e offre uno sguardo intenso e profondo sul complesso tema del disagio giovanile, dell’isolamento, dei cambiamenti emotivi e sociali, e delle insicurezze delle nuove generazioni.

La cerimonia si e’ svolta mercoledì 12 giugno alle 18.30 a Roma presso la sede di Banca Generali, all’interno di una serata moderata dalla giornalista del Tg2 Marzia Roncacci, che ha avuto al centro il dibattito dal titolo ‘Disagio giovanile, come prevenire il male dei nostri giorni’. Insieme a Conte sono intervenuti il Questore antidroga Consulente Presidenza del Consiglio Antonio Pignataro, Carla Garlatti Autorità Garante dell’infanzia e dell’adolescenza , Claudio Saltari (Presidente Associazione di volontariato Donatorinati della Polizia di Stato). A leggere i brani del libro l’attrice e regista Elisabetta Pellini.

L’evento culturale, e’ stato organizzato da Andrea Petrangeli private banker di Banca Generali, ed è proseguito con firmacopie de “La voce di Iside” e cocktail di saluti

Con Carla Garlatti Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza.

Continue Reading

Ultime notizie

Sport48 minuti ago

Golf, Mirabilandia special sponsor dell’81° Open...

DUrante la manifestazione mascotte e alcuni artisti di Mirabilandia arriveranno ad animare i momenti pre o post gara. Dal 27...

Economia58 minuti ago

Ita-Lufthansa, verso ok a fusione entro il 4 luglio

Le parti hanno presentato informalmente alla Commissione Europea misure che pongono rimedio in modo soddisfacente alle preoccupazioni per la concorrenza...

Immediapress1 ora ago

Festival Nazionale delle Università, Giusti (Rettore Link):...

Roma, 18 giugno 2024. Dal 19 al 20 giugno 2024, all’Università degli Studi LINK di Roma, si terrà la terza...

Sostenibilità2 ore ago

Sostenibilità, accordo Amiat, Lions e Leo Club

Al via 'ricicliamo cellulari, piantiamo alberi' Contribuire alla transizione ecologica e al miglioramento della qualità dell’ambiente attraverso un accordo che...

Esteri2 ore ago

Mattarella: “Sostegno all’Ucraina senza...

Il presidente della Repubblica: "Operare per una pace giusta, che rispetti i principi della Carta delle Nazioni Unite e che...

Immediapress2 ore ago

Milano-Bicocca lancia i dottorati internazionali in Nursing...

Multidisciplinari, in lingua inglese e dalla forte vocazione scientifica e professionalizzante, il corso in Scienze Infermieristiche e Ostetriche e il...

Economia2 ore ago

Realme, in arrivo serie Flagship Killer realme Gt 6 con gli...

Congiuntamente al lancio degli smartphone, realme presenterà le Buds Air6 Pro, con tecnologia audio avanzata Realme, il marchio di smartphone...

Ultima ora2 ore ago

Si schianta in scooter contro un cervo, turista milanese...

Il 68enne stava percorrendo viale Fra Nazareno a Is Molas, località di Pula, quando si è scontrato con l'animale Un...

Sport2 ore ago

Sport e contrasto al bullismo, presentato progetto...

Presso la sala Koch del Senato della Repubblica, alla presenza di numerose autorità civili, politiche e militari, si è svolto...

Tecnologia2 ore ago

3 Migliori Siti per Comprare Like Instagram (Reali e Sicuri)

Ecco una recensione dei 3 migliori siti per acquistare Mi Piace su Instagram nel 2024. Offrono Mi Piace reali al...

Sport2 ore ago

Mbappé e la frattura al naso, per ora il capitano della...

La nazionale francese in un comunicato: "Per lui verrà realizzata una maschera affinché possa rientrare in campo il prima possibile"...

Immediapress2 ore ago

Esami di maturità: una corretta idratazione favorisce la...

Il Professore Alessandro Zanasi, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino e membro della International Stockholm Water Foundation, spiega l’importanza dell’idratazione per migliorare le...

Sport2 ore ago

Vela d’epoca, dal 28 giugno a Venezia torna il Trofeo...

Le Signore del Mare tornano nella Serenissima con il Trofeo Principato di Monaco le Vele d'Epoca in Laguna Coppa BNL...

Immediapress2 ore ago

Space economy, STAM broker tecnologico di ESA per...

Genova, 18 giugno 2024 – Cercare le migliori tecnologie abilitanti e innovative per le future missioni spaziali, promuovendo il trasferimento...

Cronaca3 ore ago

La ricetta della longevità

Dalla tavola allo sport i consigli per vivere di più e bene. David Della Morte Canosci: "Sembra un concetto banale,...

Cronaca3 ore ago

Palermo, spento incendio in discarica Bellolampo. Sindaco:...

Il sindaco di Capaci: limitare al "minimo indispensabile l'esposizione all'aperto". Arpa monitora l'aria Mantenere chiuse le imposte e limitare al...

Cronaca3 ore ago

‘Un goal per la ricerca’, primo memorial...

Le squadre in campo saranno: All Stars Sicilia, Catania Rossazzurra, Maletto Calcio e Stefano Bonina and Friends Tutto pronto per...

Immediapress3 ore ago

Seducente e metropolitana. È Titano Steel, la nuova...

Milano, 18 giugno 2024 - Conquista per la sua geometria perfetta ed essenziale Titano Steel, la nuova proposta in alluminio...

Economia3 ore ago

For Women in Science, assessora Cappello: “Parità di genere...

“La parità di genere è un obiettivo non solo dell'agenda 2030 internazionale, ma anche e soprattutto del nostro Paese, perché...

Cultura3 ore ago

Giubileo, reperti piazza Pia: via libera a delocalizzazione

Sangiuliano su decisione Commissione patrimonio culturale: "Ottimo risultato, frutto collaborazione istituzionale" E' stato autorizzato lo scavo a esaurimento, lo smontaggio,...