Connect with us

Immediapress

Conviene optare per PAC su ETF o fondi? L’analisi di...

Published

on

Conviene optare per PAC su ETF o fondi? L’analisi di SoldiExpert SCF con le informazioni necessarie

Conviene optare per PAC su ETF o fondi? L’analisi di SoldiExpert SCF con le informazioni necessarie

Milano 23 gennaio 2024- In situazioni in cui si riesce a mettere da parte una quota del proprio stipendio ma si nutrono timori riguardo agli investimenti in Borsa, è frequente che un consulente finanziario o una banca consiglino la sottoscrizione di un Piano di Accumulo del Capitale (PAC). Si tratta di un investimento mensile a rate, più o meno del medesimo importo. Ma la questione che emerge è: quale strumento finanziario specifico selezionare?

Una banca, probabilmente, proporrà un fondo comune di investimento o una serie di fondi. Al contrario, un consulente finanziario indipendente sarà più propenso a suggerire un PAC in ETF. La ragione è semplice: i piani di accumulo in ETF consentono di ridurre notevolmente le spese, senza pregiudicare i potenziali guadagni. Diverse ricerche hanno inoltre evidenziato che, nella maggior parte dei casi, gli ETF offrono rendimenti superiori rispetto ai fondi comuni d’investimento. E con minori rischi contrariamente a quello che viene falsamente veicolato (in evidente conflitto d’interessi) che i fondi “attivi” si comportano meglio dei fondi “passivi”. Quindi, nella scelta di un piano di accumulo, si pone il dilemma: ETF o fondi comuni di investimento? Considerando i dati concreti, l'ammontare finale a disposizione al termine del piano può variare significativamente. SoldiExpert SCF, società di consulenza finanziaria indipendente al riguardo ha pubblicato sul proprio sito SoldiExpert.com un’analisi completa con tutte le informazioni indispensabili di cui qui condividiamo alcune informazioni rilevanti.

PAC in ETF o fondi: le informazioni da conoscere prima di investire

Quando si decide di investire una porzione del proprio capitale, occorre informarsi accuratamente. Quali sono, allora, le informazioni più rilevanti da conoscere quando si investe a rate su un fondo o su un ETF?

Per cominciare, sia i PAC su ETF che quelli in fondi sono caratterizzati da costi di gestione che, inevitabilmente, ne riducono i guadagni. Tali commissioni devono essere versate alla società che gestisce il prodotto, all'emittente nel caso degli ETF, o alla società di gestione per i fondi comuni. È evidente che, maggiore è il costo del prodotto, minore sarà il guadagno potenziale. Tra fondi ed ETF, quale opzione sottrae più capitale al risparmiatore? Senza dubbio, il fondo. Perché, allora, le banche consigliano il prodotto più costoso, se l'ETF è meno oneroso? La risposta è semplice: una parte delle commissioni di gestione che gravano sul fondo viene retrocessa alla banca, trasformandosi in una fonte di guadagno. Al contrario, consigliando un ETF, la banca non percepisce alcun ritorno economico.

I vantaggi che derivano da un PAC in ETF

Quando si parla di PAC, si fa riferimento ad un servizio proposto ai risparmiatori dalle banche o da intermediari finanziari, che permette di investire su uno o più strumenti, in modo rateale. Selezionando gli ETF come oggetti dell’investimento, ad esempio, ci si impegna a versare, mensilmente, una cifra più o meno fissa, al fine di accumulare un capitale sempre maggiore. A differenza di un normale fondo d’investimento, inoltre, l’ETF è quotato in Borsa, il che significa che può essere negoziato come una normale azione. Il PAC in ETF, in particolare, rappresenta una delle soluzioni potenzialmente più efficienti.

PAC in ETF, strumenti liquidi e convenienti

Se accuratamente selezionato e ben gestito, un piano di accumulo del capitale con ETF porta concreti vantaggi. Tanto per cominciare, si tratta di uno strumento liquido, versatile e piuttosto conveniente. Rispetto ai fondi d'investimento a gestione cosiddetta attiva, dove un gestore aggiorna costantemente il portafoglio in cui il fondo investe, si sostiene spesso che il limite degli ETF risieda nel loro seguire fedelmente il benchmark assegnato. Quest'ultimo può essere un indice, un insieme di titoli, una materia prima o altro. Che ciò costituisca un limite reale non è confermato nella maggior parte dei casi, considerando che la gestione attiva comporta costi elevati e spesso scostamento dai benchmark ma in negativo. Ovvero la media della categoria di tutti i fondi non riesce a superare nel tempo le performance di indici come il FTSE MIB, l'S&P500. E anche i fondi che ci riescono un anno o per 2 o 3 anni raramente riescono a mantenere questa extra-performance, sottoperformando successivamente (talvolta in modo clamoroso) come documentato anche da SoldiExpert SCF in diverse analisi e studi dedicati.

Commissioni d’acquisto di un piano d’accumulo: ETF e fondi a confronto

Tra gli aspetti più rilevanti da considerare quando si sottoscrive un piano d'accumulo vi sono le commissioni di acquisto relative e le implicazioni fiscali. La questione fiscale è facilmente risolta poiché i guadagni derivanti dai PAC su ETF e quelli provenienti dai fondi sono soggetti a una tassazione del 26% sui guadagni. Da questo punto di vista, dunque, c’è una completa parità. Anche sul fronte peggiore che prevede per fondi d’investimento ed ETF la non compensazione diretta dei 2 strumenti fra plusvalenze e minusvalenze. Per quanto riguarda le commissioni, nel caso di un PAC su ETF, occorre prestare attenzione alle spese di intermediazione, ossia alle commissioni di acquisto. È importante chiarire con la banca o l'intermediario qual è l'importo mensile previsto per l'acquisto delle quote degli ETF inclusi nel PAC. D'altra parte, nei fondi d'investimento o SICAV, la banca o il consulente finanziario potrebbero menzionare anche commissioni d'ingresso (che possono essere totalmente scontate fino al 100%, ma spesso i risparmiatori non ne sono consapevoli e le accettano passivamente), spese amministrative e addirittura commissioni di uscita e commissioni legate alle performance. Si tratta di spese che appaiono ingiustificate e spesso insensate. Anche i consulenti finanziari indipendenti del team di SoldiExpert SCF invitano ad analizzare con attenzione ciò che viene proposto, effettuare dei confronti o, eventualmente, richiedere una consulenza ad hoc.

I PAC con ETF multi-asset

Se si decide di optare per un PAC su ETF, è sufficiente acquistarne quote scaglionate nel corso del tempo. Si può comprare a intervalli mensili, trimestrali, semestrali o annuali. È possibile selezionare anche un singolo strumento, come ad esempio un ETF azionario mondiale. In alternativa, si può attuare una diversificazione fra obbligazionario e azionario. In quest'ultimo caso, i PAC multi-asset rappresentano un'opzione interessante per diversi risparmiatori. Con un unico strumento, infatti, permettono di prendere una posizione più o meno bilanciata con diversi profili di rischio. Un’ulteriore opzione è quella di costruire un piccolo portafoglio di ETF o di fondi su cui effettuare un PAC, ma prestando sempre attenzione ai costi. Esistono diversi modi per ridurre parzialmente i costi d'intermediazione. Nel caso degli ETF, alcune banche online offrono tariffe speciali per la sottoscrizione di un PAC. In alternativa, l'acquisto di un ETF segue le condizioni normali previste per le altre spese di compravendita, ad esempio lo 0,19% con minimi e massimi definiti dalla banca o dal broker.

Un esempio concreto: l’ETF Replay di Fineco

Fineco, con il piano Replay, è stata una delle prime banche online a offrire un servizio appositamente progettato per l'investimento automatico attraverso PAC su ETF. Permette di accumulare il proprio capitale su uno o più ETF, mediante piccoli investimenti mensili e commissioni fisse più basse. Tuttavia, è importante notare che al di sotto di una certa soglia di capitale investito, questo piano potrebbe non essere conveniente, a meno che l'investitore sia molto giovane. Una volta individuato un ETF o una combinazione di ETF in linea con il proprio profilo di rischio, l'investitore deve soltanto decidere un ammontare fisso da versare periodicamente nel portafoglio selezionato. A seconda della quota scelta, sarà possibile determinare il piano più idoneo. I costi associati sono i seguenti:

2,95€ al mese, se il PAC include 1 o 2 ETF;

6,95€ al mese, se il PAC include dai 3 ai 6 ETF;

13,95€ al mese, se il PAC include dai 7 ai 12 ETF.

Come procedere concretamente con un PAC su ETF

Nel caso della piattaforma Fineco, è possibile selezionare individualmente gli strumenti da includere nel proprio PAC in ETF. Le opzioni disponibili sono numerose, con migliaia di strumenti tra cui scegliere, che possono essere cercati per nome o tramite codice ISIN.

In seguito, si dovrà decidere la modalità di investimento, tra tre opzioni diverse:

1.Per quantità: si stabilisce il numero preciso di quote degli ETF da acquistare, ad esempio, 120 quote dell'ETF X e 25 quote dell'ETF Y. Il prezzo di ciascun ETF varia continuamente, quindi l'importo investito sarà diverso ogni mese.

2.Per importo: si indica un importo di riferimento da investire mensilmente. Tuttavia, la cifra effettivamente investita potrebbe differire. Ad esempio, se si desidera investire 200 euro sull'ETF Y, ma il suo prezzo è di 80 euro, Fineco acquisterà solo 2 quote dell'ETF per un totale di 160 euro.

3.Con bilanciamento: si specifica l'importo totale che si vuole investire mensilmente tramite il Piano Replay. Inoltre, si sceglie la percentuale di peso che ciascun ETF dovrebbe avere nell'intero portafoglio. Il sistema calcolerà e acquisterà mensilmente la quantità adeguata di ciascun ETF per mantenere la distribuzione nel tempo.

Directa: alcuni PAC su ETF con commissioni gratuite

Un altro interessante servizio online che riguarda i PAC in ETF è fornito da Directa Sim. Con Directa, è possibile acquistare tutti gli ETF come si farebbe con qualsiasi altra banca o broker, e organizzare gli investimenti pianificando acquisti periodici. Il vantaggio? È che in caso di diversi emittenti e che su alcuni strumenti e importi al di sotto di una certa cifra, le commissioni di negoziazione sono a costo zero. Con Directa, è possibile negoziare gli ETF per il PAC tramite la piattaforma DLite. Sono estremamente semplici da gestire e si configurano come un'attività di trading online automatizzata. Per effettuare le operazioni, è sufficiente stabilire l'importo da investire nel piano di accumulo e scegliere la frequenza di invio dell'ordine, che può essere il primo o il quindicesimo giorno del mese, oppure entrambe le date. In ogni caso, quanti desiderano approfondire le proprie esigenze e necessità riguardo ad un PAC, possono rivolgersi a SoldiExpert SCF. Grazie all'apposito servizio di consulenza una tantum i consulenti di questa società fra le prime in Italia a offrire consulenza pura senza conflitti di interesse ed essere autorizzata sono in grado di suggerire come creare il proprio portafoglio al meglio, anche investendo piccole somme, per cominciare a costruire il proprio capitale del futuro.

Informazioni su SoldiExpert SCF

Questo contributo è stato realizzato con SoldiExpert SCF una delle principali società di consulenza finanziaria (SCF) indipendenti in Italia, specializzata nel assistere senza conflitti d’interesse (la remunerazione è esclusivamente a parcella, fee only) investitori piccoli e grandi nella gestione del proprio patrimonio, selezionare i migliori strumenti (azioni, obbligazioni, ETF, fondi..) o prodotti in base alle specifiche di ciascun cliente e supportarli con il proprio Ufficio Studi come strategie d’investimento e analisi.

Link e approfondimenti

Sito ufficiale: https://soldiexpert.com

Newsletter gratuita: https://soldiexpert.com/lettera-settimanale/

E-mail: ufficiostudi@soldiexpert.com

Canale video Youtube: https://www.youtube.com/user/SoldiExpert

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Immediapress

Daniele Camicia nuovo Direttore Generale di Andriani

Published

on

 <span id=

L’ingresso del manager coincide con la rapida ascesa dell’azienda pugliese, pronta a consolidare anche a livello internazionale la propria leadership nell’healthy food

Gravina in Puglia, 21 febbraio 2024 – Daniele Camicia, forte di un’esperienza ventennale nelle operazioni di finanza straordinaria al servizio delle PMI italiane a conduzione familiare, maturata principalmente in UBS, raggiunge Andriani S.p.A. Società Benefit in qualità di Direttore Generale.

Il suo arrivo coincide con il rapido processo di crescita in atto presso l’headquarter pugliese, accelerato dalla partnership siglata a fine 2022 con NUO S.p.A. e guidato da un nuovo Piano Industriale improntato sull’incremento della brand awareness, sulla penetrazione dei mercati internazionali e su una crescita importante dell’organico, del fatturato e degli investimenti, finalizzati a consolidare la posizione dell’azienda come guida della food transition su scala globale.

Andriani, che nel 2023 ha superato i 100 milioni di fatturato e si appresta quest’anno ad inaugurare un nuovo sito produttivo in Canada di circa 6.000 mq, ambisce a diventare il punto di riferimento dell’healthy food, promuovendo anche all’estero nuovi e più responsabili modelli alimentari e gli ormai consolidati principi di sostenibilità nei confronti dei propri stakeholders. Solo per citarne alcuni: la valorizzazione e l’attrazione di talenti, il consolidamento del proprio Value Network, la co-evoluzione delle filiere produttive e il raggiungimento della Carbon Neutrality entro il 2025.

Daniele Camicia guiderà una squadra di C-level recentemente integrata da profili senior provenienti da diverse multinazionali, che hanno scelto di mettere le proprie professionalità ed esperienze al servizio del Gruppo Andriani, motivati dal suo fare impresa innovativo e rigenerativo, unico nel panorama italiano dell’agro-industria.

Michele Andriani, Presidente e AD di Andriani S.p.A. Società Benefit, ha dato il benvenuto a Daniele Camicia dichiarando: “Negli ultimi anni abbiamo avuto l’opportunità di lavorare con Daniele e questo ci ha permesso di comprendere appieno quanto sia importante il capitale umano nelle aziende. La sua professionalità, la sua integrità e la sua lungimiranza di visioni sono state accolte come ulteriori ingredienti necessari al completamento della già avviata fase di crescita del Gruppo. Siamo certi che Daniele saprà guidare e aiutare tutta la squadra a tradurre passione e innovazione in azioni concrete, a favore della prosperità per il bene comune. Lo farà con grande consapevolezza ed energia positiva, fondamentali per affrontare sfide difficili e raggiungere obiettivi molto ambiziosi in un contesto macroeconomico tutt’altro che semplice”.

Gli ha fatto eco Daniele Camicia, Direttore Generale di Andriani S.p.A. Società Benefit: “Il forte senso di appartenenza alla famiglia Andriani che ho maturato negli ultimi anni mi ha permesso di cogliere in modo naturale l’opportunità di entrare nel Gruppo. Siamo dinanzi a un percorso di crescita tanto sfidante quanto virtuoso, che abbiamo il dovere di affrontare con un grande senso di responsabilità nei confronti di tutta la filiera, dai fornitori ai consumatori. Alimenteremo la nostra resilienza attraverso la continua innovazione, il talento ed una forte ed attenta cultura del lavoro”.

Andriani S.p.A. Società Benefit, con sede a Gravina in Puglia, dal 2009 è specializzata nella produzione di pasta naturalmente senza glutine di alta qualità, sia con il suo brand Felicia sia conto terzi. Le materie prime utilizzate, tra cui mais, riso integrale, riso, grano saraceno, avena, teff, lenticchie, ceci e piselli, sono accuratamente selezionate. La lavorazione avviene all'interno di uno stabilimento produttivo 100% allergen free e gluten free: nove linee produttive, oltre 55 differenti formulazioni e più di 1.000 Sku gestite. Tra i principali player del mercato della pasta gluten free, Andriani è presente nelle maggiori catene distributive di oltre 30 Paesi nel mondo. Flessibilità, organizzazione dinamica, ricerca, innovazione e impegno verso uno sviluppo sempre più sostenibile, con azioni concrete e buone pratiche nei confronti di tutti gli stakeholder, sono i fattori che guidano le performance dell’azienda, che contribuisce al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) dell’Agenda 2030, promossi dall’ONU per un’economia globale più sostenibile.

Contatti per la Stampa: 6.14 Creative Licensing

Gioia Sottocasa - Désirée Baldini

gsottocasa@6punto14.comd - baldini@6punto14.com

Mob. +39 335 6096429 - Mob. +39 335 6404897

Continue Reading

Immediapress

Giovanni Maugeri: “Sfatiamo un mito: a molti direttori...

Published

on

Giovanni Maugeri

Le conoscenze manageriali sono indispensabili per il successo del direttore d’albergo e dell’intera struttura ricettiva. Il Metodo Maugeri® si configura come un alleato prezioso che offre strumenti e approcci avanzati per eccellere nella moderna gestione di un hotel.

Roma, 21 febbraio«Il direttore d’albergo riveste un ruolo cruciale all’interno della struttura ricettiva, in quanto è l’elemento trainante che contribuisce in modo significativo al successo e al buon funzionamento dell’intero hotel o, al contrario, al suo fallimento. Una figura come la sua, priva della formazione necessaria, può influire notevolmente non solo sull’efficienza operativa, ma anche sull’esperienza complessiva della clientela. La sua preparazione è quindi essenziale», così esordisce Giovanni Maugeri, 20 anni di esperienza nel settore dell’hotellerie e creatore del Metodo Maugeri® che supporta gli albergatori nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo aziendale.

Il lavoro di formazione condotto da Maugeri e dal suo team prende le mosse proprio da questa figura che ha subìto un significativo cambiamento rispetto al passato: «Nonostante l’evoluzione in corso di questo ruolo - sottolinea - molti direttori di hotel conservano una visione arcaica delle proprie mansioni e adottano standard e comportamenti ormai superati. Talvolta, non si rendono conto che gli alberghi non rappresentano solo luoghi di ospitalità, ma sono vere e proprie entità aziendali che richiedono una gestione adeguata: la verità è che oggi per progredire e raggiungere gli obiettivi è cruciale possedere competenze manageriali».

Nelle sue consulenze, Maugeri incontra quotidianamente direttori d’albergo che desiderano cambiare il loro approccio e acquisire nuove capacità: «Durante i nostri incontri, affrontiamo e sviluppiamo competenze chiave per garantire che il direttore d’albergo acquisisca un approccio distintivo rispetto al tradizionale modello di gestione alberghiera. Concentrandoci sulle competenze di management e gestione aziendale, promuoviamo il superamento delle concezioni obsolete, spingendo il direttore a lasciare alle spalle approcci antiquati, superando altresì le tradizionali gerarchie “militari” all’interno della struttura a favore di una conduzione più etica e inclusiva del personale. È essenziale che questa figura dirigenziale assuma un profilo sempre più orientato al management, focalizzato sui risultati, ma consapevole che tali successi derivano anche dall’impegno di tutta la squadra. Ecco perché la gestione efficace delle risorse umane è una priorità fondamentale e richiede la capacità di costruire team e collaborare tutti insieme per garantire la redditività».

Quindi, la formazione deve necessariamente includere una solida preparazione manageriale, una conoscenza del controllo di gestione e delle dinamiche finanziarie, nonché competenze nella gestione delle risorse umane e nell’elaborazione di un piano di marketing.

«Con il nostro Metodo approcciamo questa formazione con attenzione, analizzando i punti di forza e le debolezze del direttore e lavorando su queste ultime per ottenere risultati concreti. Il nostro obiettivo principale è sempre il profitto etico, un guadagno in un ambiente armonico e sostenibile. Non riconcorriamo un profitto che metta sotto pressione e sfrutti tutti, ma miriamo a ottenere importanti risultati attraverso un team unito e efficiente. Gli incontri di leadership e le sessioni di coaching continuo mirano ad aprire nuove prospettive e, cosa importante, insegnano al direttore come delegare con successo. Nel vecchio sistema, questa figura aveva spesso competenze specifiche su determinate aree della struttura ricettiva, come per esempio la zona ristorazione o l’accoglienza. Oggi, invece, con il nostro percorso formativo, sia a livello manageriale che conoscitivo, il direttore acquisisce la capacità di delegare, in modo sereno, così da fornire le giuste direttive agli altri specialisti all’interno dell’azienda».

La formazione di Maugeri e le sue consulenze specializzate hanno ottenuto un tale successo e suscitato così tante richieste da spingerlo a creare un master appositamente dedicato ai direttori d’albergo: «A partire da ottobre prenderà il via il primo master in Italia dedicato ai direttori d’albergo: sarà un percorso di 6 settimane progettato per rispondere alle esigenze di coloro che aspirano a ricoprire il ruolo di direttore all’interno di un’azienda o desiderano acquisire maggiori competenze. L’obiettivo è quello di formare una generazione di direttori in grado non solo di eccellere nelle proprie strutture, ma anche di ambire a dirigere strutture più ampie e prestigiose. In questo modo, miriamo a migliorare il panorama alberghiero italiano».

Contatti: https://giovannimaugeri.com/

Continue Reading

Immediapress

Una notte da Champions con Nicola Ventola:...

Published

on

 <span id=

Grazie alla seconda edizione dell’iniziativa PlanetChampiONs, organizzata dal portale di intrattenimento con la storica community, due supporter hanno vissuto l'andata degli ottavi tra Inter e Atletico Madrid in compagnia dell'ex attaccante neroazzurro

Roma, 21 febbraio 2024 – Una serata di grande calcio con la sfida tra Inter e Atletico Madrid, ma anche un'occasione speciale per condividere le emozioni della Champions League con un ospite d'eccezione. È quello che hanno vissuto ieri sera due tifosi nerazzurri insieme a Nicola Ventola, ex attaccante di Bari, Atalanta e Inter e ora noto opinionista sportivo. Il tutto grazie alla seconda edizione di PlanetChampiONs, l’iniziativa di engagement con focus sulle emozioni della Champions League, organizzata da Planetwin365.News, il portale di intrattenimento e informazione sportiva di Planet Entertainment - SKS365 Group, e Operazione Nostalgia, la storica community dedicata a storie e personaggi del calcio.

La sinergia tra i due brand ha premiato nei giorni scorsi due followers di Planetwin365.News e Operazione Nostalgia, Agostino e Lele, scelti attraverso un contest editoriale lanciato nei giorni scorsi sui canali social delle due community. L'incontro con Ventola ha avuto luogo a Pioltello (MI), a casa di Agostino: una sorpresa del tutto inaspettata per lui e Lele e resa possibile grazie alla complicità della moglie di Agostino con gli organizzatori della serata. Una volta smaltito lo stupore iniziale, i due tifosi hanno vissuto insieme a Ventola la partita di ieri, condividendo emozioni e aneddoti sui nerazzurri. "Quando è entrato Arnautovic ho pensato: 'vinciamo 1-0 con un suo gol'. Così è stato e sono contentissimo", ha commentato Lele a fine partita. A fargli eco c’è Agostino: “L’1- 0 ci sta anche stretto. Al ritorno sarà una partita infuocata, ma se giochiamo come oggi passiamo al 100%”. Risultato a parte, passare la serata con un ex calciatore ha dato un valore in più alla vittoria dell’Inter: “Quando ti giri non c’è il tuo solito amico a vedere la partita con te, ma Ventola. È stato totalmente inaspettato ma bello”, continua sorridendo Agostino. Un piacere condiviso anche dall’ex attaccante: “Abbiamo parlato di ricordi, delle prime volte che siamo stati allo stadio, qualche volta mi hanno pure visto giocare. È stato emozionante anche per me, mi fa piacere vivere questi momenti insieme. Alla fine la passione per il calcio è la stessa, sia per chi l'ha giocata da professionista, sia per il tifoso”.

Le prime pillole della tappa di ieri di PlanetChampiONs sono già live sulla pagina Instagram di Planetwin365.News, mentre nei prossimi giorni, sui canali social del portale di infotainment, verrà pubblicato un video emozionale realizzato in collaborazione con Operazione Nostalgia per rivivere i momenti più belli della serata. La sinergia tra i due brand proseguirà nel corso della stagione con nuove iniziative di brand activation all’insegna della passione sportiva e dell’intrattenimento per poi culminare con i due Raduni di Operazione Nostalgia, per i quali Planetwin365.News sarà presente nella veste di Official Main Partner.

Il primo è in programma l'8 giugno allo Stadio Arechi di Salerno, dove hanno già confermato la loro presenza Antonio Di Natale, che scenderà in campo anche al secondo Raduno, gli indimenticabili bomber di provincia Arturo Di Napoli e Pasquale Luiso oltre che le Legend della Salernitana Igli Vannucchi, David Di Michele e Luca Fusco. Al primo appuntamento seguirà poi quello del 7 luglio a Novara, dove altri campioni del recente passato scenderanno in campo per nuova amichevole di caratura internazionale, all'insegna della passione sportiva e dei valori positivi del calcio.

Planetwin365.News è un prodotto editoriale realizzato dal gruppo SKS365, uno dei principali operatori nel mercato internazionale del betting e gaming, presente anche nel mercato italiano, online e retail, per il tramite di SKS365 Malta Limited (titolare della concessione GAD15242 e delle concessioni rete fisica 72002 e 4584)

Continue Reading

Ultime notizie

Attualità49 minuti ago

Introduzione al Marketing Transmedia: Cos’è e Come...

Grazie all’incessante cambiamento delle abitudini dei consumatori e dalla sempre crescente competizione nel panorama commerciale  il marketing transmedia si è...

Ultima ora2 ore ago

F1 test 2024, Verstappen comanda in Bahrain: Leclerc...

L'olandese della Red Bull è il più veloce L'olandese della Red Bull Max Verstappen è il più veloce a metà...

Immediapress2 ore ago

Daniele Camicia nuovo Direttore Generale di Andriani

L’ingresso del manager coincide con la rapida ascesa dell’azienda pugliese, pronta a consolidare anche a livello internazionale la propria leadership...

Esteri2 ore ago

“Navalny ucciso con un pugno al cuore”

Lo sostiene l'attivista russo per i diritti umani Vladimir Osechkin che parla di un "tecnica in perfetto stile Kgb" Il...

Cronaca2 ore ago

Per gli italiani gli investimenti nella salute sono...

Presentata una ricerca Ipsos alla sesta edizione dell''Inventing for Life Health Summit' Come è cambiata la percezione degli italiani sulle...

Immediapress2 ore ago

Giovanni Maugeri: “Sfatiamo un mito: a molti direttori...

Le conoscenze manageriali sono indispensabili per il successo del direttore d’albergo e dell’intera struttura ricettiva. Il Metodo Maugeri® si configura...

Economia2 ore ago

In Europa identità digitale sotto attacco, Italia terza per...

L'Europa è stata la regione più bersagliata nel 2023 sul fronte dei furti di identità digitali con il 32% degli...

Sport2 ore ago

Messi mania negli Stati Uniti, costo biglietti alle stelle...

Per debutto stagionale prezzi medi in salita del 585% E' Lionel Messi mania negli Stati Uniti. I prezzi dei biglietti...

Sport2 ore ago

Tuchel lascia il Bayern a fine stagione: esodo allenatori...

Dopo Klopp e Xavi, un altro addio: si libera l'ennesima panchina di una big Un altro allenatore di una big...

Immediapress2 ore ago

Una notte da Champions con Nicola Ventola:...

Grazie alla seconda edizione dell’iniziativa PlanetChampiONs, organizzata dal portale di intrattenimento con la storica community, due supporter hanno vissuto l'andata...

Sostenibilità2 ore ago

Case Green, gli italiani spenderanno dai 20.000 ai 50.000...

La Direttiva verrà discussa a metà marzo, a rischio il 43% del patrimonio residenziale italiano Milioni di famiglie italiane potrebbero...

Economia2 ore ago

Cosmetica Italia: 15 miliardi di euro fatturato 2023

Il valore è trainato dall'export, 7 miliardi La cosmetica tra le eccellenze del Made in Italy. "I dati preconsuntivi sul...

Cronaca2 ore ago

Natalità, il sistema Italia rischia di saltare

Gli esperti riuniti agli Stati Generali di Bologna, a breve potrebbero esserci più pensionati che lavoratori attivi

Immediapress2 ore ago

Tendenze delle vacanze nel 2024: dove andare...

Milano, 21 febbraio 2024. L'anno 2024 offrirà un'entusiasmante serie di tendenze per le vacanze che ispireranno gli appassionati di viaggi...

Cronaca2 ore ago

Napoli, voragine al Vomero: inghiottite 2 auto

Due persone sono state portate in salvo senza aver riportato danni fisici Ancora un cedimento stradale a Napoli. Una voragine...

Cronaca2 ore ago

Rosina: “Italia in denatalità da 40 anni”

"Da 2 figli per donna ora il dato dice 1,25, Paese con la situazione più difficile in Europa" così Alessandro...

Cronaca2 ore ago

De Palo: “500 mila Nascite o salta il sistema”

"Bisogna fare squadra o rischiamo di perdere la partita più importante" così Gigi De Palo, presidente della Fondazione per la...

Spettacolo2 ore ago

Morto a 64 anni Tony Ganios, star di Porky’s

L'attore comico ha interpretato il personaggio dello studente superdotato Anthony 'Pilone' Tupperello nella serie di commedie sexy degli anni '80...

Immediapress2 ore ago

Europa League – Roma contro il Feyenoord ti guida Lukaku...

Roma, 21 febbraio 2024 – Il fortino Olimpico, 8 successi e un pareggio negli ultimi 9 incontri a eliminazione diretta,...

Immediapress3 ore ago

Eugenio Falco Rivela Le 5 Strategie Vincenti per la...

Eugenio Falco, pioniere del marketing digitale con oltre 20 anni di esperienza e un comprovato track record di successi, ha...