Connect with us

Finanza

Mediobanca, ad assemblea vince la lista del Cda

Published

on

Ha votato a favore il 52,60% dell'azionariato presente, equivalente al 40,4% del capitale sociale. Per la lista Delfin ha votato invece il 41,74%, equivalente al 32,06% del capitale

Mediobanca - Fotogramma

All’assemblea dei soci di Mediobanca nella sede di Piazzetta Cuccia, a Milano, ha votato a favore della lista del cda il 52,60% dell'azionariato presente, equivalente al 40,4% del capitale sociale. Per la lista Delfin ha votato invece il 41,74% dell'azionariato presente, equivalente al 32,06% del capitale. A favore della terza lista, quella di Assogestioni, ha votato il 4,64% dell'azionariato presente, pari al 3,5% del capitale.

Molto basso il dato che ha riguardato le astensioni, pari allo 0,99% dell’azionariato presente, mentre la percentuale dei non votanti si è attestata allo 0,02%. Voto contrario è stato invece espresso dallo 0,01% dell’azionariato presente.

Con il voto dell’assemblea dei soci di Mediobanca entrano in cda 12 consiglieri della lista board, con i nomi di Renato Pagliaro, Alberto Nagel, Laura Cioli, Valérie Hortefeux, Francesco Saverio Vinci, Laura Penna, Vittorio Pignatti Morano, Angel Vilà Boix, Virginie Banet, Marco Giorgino, Mana Abedi, e Maximo Ibarra; due consiglieri di Delfin, Sandro Panizza, Sabrina Pucci e uno di Assogestioni, Angela Gamba.

Via libera dall’assemblea degli azionisti di Mediobanca al bilancio dell'esercizio 2022-2023 chiuso il 30 giugno 2023 e al dividendo. Il bilancio è stato approvato dal 99,93% delle azioni presenti, mentre il dividendo dal 99,92%. Presente in assemblea il 76,81% del capitale sociale, un'affluenza record registrata dall'istituto di piazzetta Cuccia negli ultimi dieci anni.

"Il Cda potrà contare sul pieno sostegno di risorse di alto profilo, per la prima volta indipendenti, e in grado di offrire il proprio contributo al rinnovamento della banca, supportandola nella realizzazione degli obiettivi previsti nel piano strategico" fanno sapere fonti vicine a Delfin, al termine dell'assemblea degli azionisti di Mediobanca.

Il verdetto dell'assemblea, che rappresenta uno snodo cruciale per la governance di Mediobanca, arriva oggi dopo mesi di scontri e di tensioni tra l'istituto di Piazzetta Cuccia e Delfin nel tentativo, fallito, di arrivare a una soluzione condivisa per il rinnovo del consiglio di amministrazione. Per la lista presentata Delfin, azionista con il 19,8% del capitale, ha votato infatti il 41,74% dell'azionariato presente, equivalente al 32,06% del capitale, mentre per Assogestioni, ha votato il 4,64% dell'azionariato presente, pari al 3,5% del capitale. Molto basso il dato delle astensioni, pari allo 0,99% dell’azionariato presente.

A ripercorrere il periodo difficile attraversato da Mediobanca negli ultimi mesi è stato lo stesso Nagel, rispondendo alle domande dei soci. "Abbiamo ricercato attivamente sia con il socio Delfin sia con il socio Caltagirone una quadra, un accordo sulla composizione sul consiglio. Sempre all’interno di un dialogo costruttivo e facile", spiega. "Ci sono stati due temi che hanno impedito di trovare un accordo. Il primo di carattere tecnico, perché sarebbe stato un accordo fatto per la prima volta nel sistema bancario. Tra un cda e due azionisti, per di più con una partecipazione superiore al 25% che è la soglia autorizzativa per l’opa obbligatoria, ci sono state diverse tematiche che non hanno reso facile questo tipo di predisposizione".

Il secondo tema, prosegue Nagel, "è che all’interno del dialogo costruttivo si è registrata una differenza di vedute sull’impianto di governance tra il cda e principalmente Delfin, che è stato il nostro principale interlocutore più che il gruppo Caltagirone. Abbiamo messo tutti e tre la massima buona volontà, non c’è stato nessuno che non ha voluto fare questo accordo". "Ci sono stati questi due temi, quindi non è stato un tema di 3-4-5 posti", puntualizza ancora l'ad, ma "un tema di impostazione e di tecnica". E "siamo ben contenti che Delfin partecipi al nostro consiglio, dia il suo contributo. Le voci critiche, con critiche che esse siano, per noi sono salutari e utili, quindi è un problema che da questo punto di vista non si pone", assicura. E toni distensivi si registrano anche sul fronte di Delfin. "Oggi si apre un nuovo capitolo nella storia della governance di Mediobanca" e che il cda "potrà contare sul pieno sostegno di risorse di alto profilo, per la prima volta indipendenti, e in grado di offrire il proprio contributo al rinnovamento della banca, supportandola nella realizzazione degli obiettivi previsti nel piano strategico".

Chiusa la partita del rinnovo del cda, ora Mediobanca guarda avanti. E sulla rotta da seguire, Nagel non ha dubbi: occorre proseguire sul percorso di crescita intrapreso nell'ultimo decennio che vede risultati "molto buoni" che verranno confermati anche nei prossimi trimestri. "Bisogna continuare a investire per crescere. L'abilità di Mediobanca di fronteggiare le incertezze, la diversificazione e il progetto di crescita hanno prodotto risultati molto buoni, che prevediamo vengano confermati anche nei prossimi trimestri", dice Nagel nel suo intervento in assemblea. Il piano di Mediobanca One brand One culture "ha degli asset secondo noi unici nel panorama italiano, ha un suo brand, una cultura e una specializzazione nell’investment banking che molte altre banche in Italia non hanno. Abbiamo pensato di far leva su questi aspetti unici per la crescita baricentrandolo sul Wealth management".

Il piano 2013-16, ha ricordato Nagel, prevedeva due miliardi di euro di ricavi, un Rote del 7%, un Cet1 pari al 12% e una distribuzione totale di 0,5 miliardi. Nel piano 2016-19 erano previsti ricavi da 2,5 miliardi, un Rote del 10%, Cet1 al 14% e una distribuzione pari a 1,3 miliardi. Successivamente, il piano 2019-2023 ipotizzava ricavi da 3,3 miliardi, un Rote del 13%, Cet1 al 15,9% e una distribuzione di 2,2 miliardi. Nagel ha infine rivendicando i risultati di successo e l'implementazione del piano 2023-2026 'One Brand One Culture' apprezzato dal mercato, che prevede 3,8 miliardi di ricavi, un Rote di circa il 15%, Cet1 superiore al 14,5% e una distribuzione pari a 3,7 miliardi.

"Questi numeri li facciamo perché abbiamo un gruppo eccezionale di persone che ogni mattina viene a lavorare con passione e ci dà l'incentivo di fare meglio e rimanere ancorati a quella cultura che ha reso possibili questi risultati", dice Nagel rivolgendo il ringraziamento "sentito e caloroso" ai dipendenti di Mediobanca. Dal canto suo, Delfin, che è riuscita a ottenere la nomina di due consiglieri assicura che "oggi si apre un nuovo capitolo nella storia della governance di Mediobanca" e che il cda "potrà contare sul pieno sostegno di risorse di alto profilo, per la prima volta indipendenti, e in grado di offrire il proprio contributo al rinnovamento della banca, supportandola nella realizzazione degli obiettivi previsti nel piano strategico".

Chi sono i membri del nuovo Consiglio

Ecco chi sono i membri del nuovo consiglio:

Renato Pagliaro: viene confermato alla presidenza per un nuovo mandato. Nato a Milano nel 1957, bocconiano, Pagliaro è presidente di Mediobanca dal maggio 2010. A Piazzetta Cuccia è entrato nel 1981 e vi ha ricoperto diversi ruoli tra cui quello di vice direttore generale a partire dall'aprile 2002, di condirettore generale-segretario del consiglio di amministrazione dall’aprile 2003, di direttore generale dall’ottobre 2008 al maggio 2010. Ha poi ricoperto le cariche di presidente del consiglio di gestione dal luglio 2007 all'ottobre 2008 e di consigliere di amministrazione dall'ottobre 2008.

Alberto Nagel: nato nel 1965 a Milano, ha conseguito una laurea in Economia aziendale presso l’Università Bocconi di Milano. Assunto nel 1991, la sua carriera si è svolta all’interno del gruppo Mediobanca con crescenti responsabilità fino a diventare direttore centrale nel febbraio del 1998, vice direttore generale nell’aprile del 2002, direttore generale nell’aprile del 2003 e consigliere delegato nel luglio del 2007. Riveste la carica di ad dal 2008. Negli anni Novanta ha partecipato alle privatizzazioni italiane seguite da Mediobanca. Tra queste, le privatizzazioni di Enel (1999), Bnl (1998), Banca di Roma (1999) e Finmeccanica (2000). Negli stessi anni ha partecipato ad alcune delle più grandi operazioni di M&A italiane. Nel '94/'95 ha curato l'Opa del Credito Italiano sul Credito Romagnolo; nel '99 ha partecipato all'Opa dell'Olivetti su Telecom Italia e nel 2000/'01 ha seguito l'Opa di Generali su Ina. Si è occupato inoltre del processo di consolidamento delle Banche popolari italiane.

Laura Cioli: laureata in Ingegneria Elettronica all'Università di Bologna e master in business administration alla Bocconi, è amministratore delegato di Sirti dal 2022. Tra i diversi incarichi, Dal 2018 al 2020 ha rivestito l'incarico di ad del gruppo editoriale Gedi. Sempre nell'editoria, è stata ad di Rcs MediaGrou. Prima di questo incarico, è stata ad di CartaSì (ora Nexi), e dg di Sky Italia.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Finanza

Biodiversità, il ruolo della finanza sostenibile

Published

on

Per affrontare le sfide ambientali bisognerebbe investire di più in Nature-Based Solution

Finanza sostenibile

Scarsità di acqua, erosione del territorio, frane e inondazioni sono solo alcuni degli effetti del cambiamento climatico. Fenomeni a cui si sta cercando di porre rimedio con esiti al momento incerti. Tra le soluzioni a cui viene dato crescente interesse ci sono le Nature-Based Solutions (NBS) ovvero rimedi alternativi per conservare e gestire in maniera sostenibile le biodiversità per esempio attraverso il ripristino degli ecosistemi naturali con opere di riforestazione o di salvaguardia delle coste dall'erosione del mare. Per sostenere lo sviluppo di soluzioni di NBS sono necessari investimenti considerevoli. Ad oggi, secondo l'UNEP, il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente, gli investimenti in NBS ammontano a 154 miliardi di euro l'anno, una cifra che dovrebbe essere almeno triplicata entro il 2030 per fare in modo che le soluzioni basate sulla natura possano esprimere il loro potenziale in termini di salvaguardia della biodiversità.

Investimenti privati e fondi pubblici

Se da un lato è vero che numerosi Governi sono impegnati nello stanziamento di fondi pubblici per cercare di sostenere il delicato equilibrio ambientale nei confronti del cambiamento climatico, dall'altro, questi risultano insufficienti. Senza contare poi che i fondi con capitale privato rappresentano al momento solo il 17% degli investimenti complessivi. Un dato che fa riflettere, specie considerando che è proprio il settore finanziario ad essere tra quelli maggiormente a rischio per la perdita di biodiversità. Parallelamente, appare chiaro che gli operatori finanziari abbiano un ruolo strategico nell'aumentare gli investimenti in NBS. Il legame tra finanza sostenibile ed economia mondiale, infatti, fa in modo che le scelte di investimenti ESG, una volta allineate agli obiettivi di difesa della biodiversità, orientino i capitali verso le imprese realmente impegnate sul fronte sostenibilià ambientale, producendo effetti positivi. Non per nulla, negli ultimi due anni i fondi domiciliati in Europa legati al tema biodiversità hanno registrato una decisa spinta, raggiungendo la cifra complessiva di 854 milioni di euro, così come sta crescendo sul mercato il numero di prodotti finanziari legati alla tutela degli ecosistemi.

Le azioni virtuose da mettere in atto

Per poter dare una ulteriore accelerazione agli investimenti in finanza sostenibile e sostenere le NBS, sono necessarie diverse azioni. Prima di tutto mettere a disposizione dati certi e trasparenti sugli effettivi impatti delle soluzioni basate sulla natura e sulle imprese impegnate in questo ambito. Tali dati andrebbero così a costituire una base concreta su cui gli operatori possano effettuare le loro scelte. Un altro aspetto centrale è l'adeguata informazione degli investitori sul come possano contribuire a difendere e ripristinare gli ecosistemi. Non è sufficiente, infatti, la sola maggiore sensibilità verso certi temi, ma serve un'informazione corretta e completa. Infine, per accelerare l'azione per la biodiversità servirebbe la nascita di un ecosistema dove pubblico e privato agiscano in sinergia in modo da sostenere attivamente un'economia a impatto positivo sulla natura.

Continue Reading

Finanza

Finanza sostenibile, cresce la consapevolezza verso gli ESG

Published

on

Gli Istituti Nazionali di Promozione UE e la sfida della transizione in corso

Finanza sostenibile

Un'Europa consapevole delle sfide ambientali, sociali e di governance si sta impegnando attivamente in un approccio sostenibile allo sviluppo economico. È quanto emerge da un’indagine condotta da BVA Doxa in Italia, Francia, Germania, Spagna e Polonia, paesi che rappresentano una significativa percentuale della popolazione e del PIL dell'Unione Europea. Questa consapevolezza è stata principalmente diffusa grazie all'attenzione dedicata a tali tematiche da parte di televisioni e social media.

Nonostante ciò, l'indagine rivela che persiste una mancanza di chiara comprensione delle diverse dimensioni ambientali, sociali e di governance. Tuttavia, la sostenibilità sta diventando sempre più una necessità, anche dal punto di vista economico. La maggioranza schiacciante dei cittadini europei è favorevole ad accettare un orizzonte temporale di medio-lungo periodo nei rendimenti degli investimenti sostenibili, con oltre il 70% degli intervistati. Inoltre, la riduzione del costo dei prestiti alle imprese che perseguono obiettivi sociali o ambientali è vista positivamente da una vasta parte della popolazione, come afferma il 51% degli intervistati. C'è anche un ampio consenso (oltre il 30%) sul fatto che la sostenibilità avrà un impatto positivo sull'occupazione nel prossimo futuro.

Nonostante il cambiamento climatico rimanga una delle principali preoccupazioni, l'attenzione inizia a spostarsi verso l'importanza della dimensione sociale. In particolare, sono emerse preoccupazioni significative riguardo alle infrastrutture, come scuole, ospedali e alloggi.

Il ruolo chiave agli Istituti Nazionali di Promozione

La maggioranza schiacciante dei cittadini intervistati (il 57%) ritiene che le sfide della sostenibilità possano essere affrontate solo attraverso un patto tra governi e cittadini, assegnando un ruolo chiave agli Istituti Nazionali di Promozione nell'accelerare la crescita e lo sviluppo sostenibile dei diversi Paesi europei. La fiducia nella collaborazione tra istituzioni pubbliche e cittadini emerge come un elemento cruciale per superare le sfide e costruire un futuro più sostenibile per l'Europa.

L'indagine è stata presentata durante l'evento "Eyes on a sustainable future" organizzato da Cassa Depositi e Prestiti (CDP) in collaborazione con Borsa Italiana; l'evento ha riunito i vertici di importanti istituti finanziari europei, tra cui Caisse des Dépôts (CDC), Instituto de Crédito Oficial (ICO), Kreditanstalt für Wiederaufbau (KFW) e Banca Europea per gli Investimenti (BEI).

Gli Istituti di Promozione stanno attivamente lavorando per creare una rete comune a livello europeo, mirando a potenziare gli investimenti sostenibili in un contesto in rapida evoluzione. Questo progetto si propone di migliorare il coordinamento tra gli attori coinvolti, promuovendo un approccio comune alle tematiche ESG e cercando un allineamento degli standard europei in ambito di sostenibilità.

Complessivamente, le oltre 30 NPBI europee hanno un patrimonio di oltre 2.700 miliardi di euro e svolgono un ruolo cruciale nel finanziare investimenti per la crescita sostenibile e inclusiva dell’Europa. L'impegno congiunto degli Istituti Nazionali di Promozione si configura come una risposta fondamentale per affrontare le sfide e promuovere lo sviluppo sostenibile nel panorama finanziario europeo.

Continue Reading

Finanza

Fininvest, in cda entrano Eleonora Berlusconi e Michele...

Published

on

Assemblea delibera modifiche statutarie previste dal patto parasociale tra i 5 fratelli Berlusconi

La sede  di Fininvest (Fotogramma)

Via libera dalle holding che controllano Fininvest alle modifiche statutarie previste dai patti parasociale sottoscritti dai 5 eredi di Silvio Berlusconi lo scorso 11 settembre. A seguire a mezzogiorno si è tenuta l'assemblea Fininvest che, nella parte straordinaria, ha deliberato le modifiche statutarie previste dal patto parasociale tra i 5 fratelli, e, nella parte ordinaria, ha determinato in 10 il numero dei componenti del cda. Confermata l’entrata in consiglio di Michele Carpinelli e Eleonora Berlusconi, i quali dureranno in carica fino alla scadenza dell’intero cda, ovvero fino alla data dell’assemblea per l’approvazione del bilancio dell’anno 2023. È stato inoltre nominato Sindaco effettivo il commercialista milanese Roberto Spada, al posto di Francesco Giampaolo, che è stato nominato sindaco supplente. Al termine dell’assemblea si è riunito il cda.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca2 ore ago

SuperEnalotto, numeri estrazione vincente oggi 11 dicembre

Realizzati due '5' che vincono 62.628 euro ciascuno Nuova estrazione oggi, lunedì 11 dicembre, dei numeri del SuperEnalotto. Quando sarà...

Esteri2 ore ago

Israle-Hamas, media: si apre spiraglio per negoziare nuovo...

Possibile un'intesa umanitaria con il rilascio di donne, feriti, anziani e bambini Si starebbe aprendo uno spiraglio per negoziare un...

Cronaca2 ore ago

Sondaggi politici La7, chi vincerebbe se si andasse ora a...

I dati della ricerca Swg Chi vincerebbe se si andasse ora a elezioni? E' la domanda a cui cerca di...

Immediapress2 ore ago

FP Markets enhances its Corporate Social Responsibility...

FP Markets, a global multi-asset broker announces sponsorship deal with ICC associate member Cricket Brasil to support its Youth Development Programme. SYDNEY, Dec. 11, 2023 /PRNewswire/ -- FP Markets, an...

Spettacolo2 ore ago

Sanremo Giovani, Nausica: “Sul palco porto la magia...

"Il brano 'Favole' nato dalla fine dolorosa di una relazione, un mix tra classico e urban" Nausica è catanese, ha...

Sport2 ore ago

Autogol di Rafia e rete di Banda, Empoli e Lecce pareggiano...

Un punto a testa nella sfida salvezza del 'Castellani' Empoli e Lecce pareggiano 1-1 la sfida salvezza del 'Castellani', primo...

Esteri3 ore ago

Polonia, Tusk eletto nuovo premier: “Sistemeremo ogni...

La soddisfazione del primo ministro: "Oggi è un giorno meraviglioso" Con 248 voti favorevoli e 201 contrari, il Parlamento polacco...

Cronaca3 ore ago

La Spezia, donna uccisa in albergo: fermato il marito

Sequestrati anche tre cellulari e un portatile E' stato convalidato il fermo di Alfredo Z., il marito della donna di...

Economia3 ore ago

Moncler Grenoble apre flagship a St. Moritz e lancia...

La boutique progettata dallo studio di architettura Küchel Architects Moncler presenta nel cuore di St. Moritz il suo primo flagship...

Cronaca3 ore ago

Clima, Legambiente: “Ghiacciai sotto scacco per...

I dati del rapporto Il 2023 è stato un anno con un record di eventi climatici negativi in montagna. A...

Ultima ora3 ore ago

Barbara De Rossi si è sposata: nozze in Toscana con...

Rito civile a Montevarchi, dove la coppia vive L'attrice Barbara De Rossi, 63 anni, si è sposata in Toscana con...

Cronaca3 ore ago

Case di proprietà, il mattone resta ‘bene...

Timori però per i costi di mantenimento considerati troppo gravosi Per gli italiani la casa di proprietà resta un 'bene...

Immediapress3 ore ago

Noor Riyadh 2023, il più grande festival annuale di luce e...

Marinella Senatore, We Rise By Lifting Others, 2023 Photo © Noor Riyadh 2023, a Riyadh Art Program https://www.globenewswire.com/NewsRoom/AttachmentNg/14fe9949-a97b-4238-973f-4f5068e82715/it RIAD, Arabia...

Cronaca3 ore ago

Ospedali in Italia, Fiaso: “Modello ponte Morandi per...

Il presidente Giovanni Migliore all'Adnkronos Salute: "Dobbiamo avere il coraggio di fare una verifica puntuale" "Noi abbiamo un esempio straordinario...

Cronaca3 ore ago

Piazza Fontana: il racconto di Paolo Dendena, ‘mia...

Esiste un’immagine iconica che racconta meglio di tutte le altre la strage di piazza Fontana. È una foto in bianco...

Economia4 ore ago

Mps, l’assoluzione di Profumo e Viola faccia notizia...

I tempi della giustizia dovrebbero indurre anche la stampa a occuparsi delle vicende giudiziarie con maggiore cautela Alessandro Profumo e...

Immediapress5 ore ago

The European Commission granted Marketing Authorisation for...

®®1,2 3®MILAN, Dec. 11, 2023 /PRNewswire/ -- Bracco Imaging S.p.A., an innovative world leader delivering end-to-end products and solutions through a comprehensive...

Sport5 ore ago

Weah torna in gruppo: report Juve

Allegri ritrova il giocatore che torna ad allenarsi in gruppo. Rabiot a parte Allenamento mattutino per la Juventus di Massimiliano Allegri....

Cronaca5 ore ago

Scoperta proteina chiave per rigenerare i muscoli

Ricerca Cnr: guida le cellule staminali muscolari a differenziarsi o ad autorinnovarsi Una ricerca internazionale, coordinata dall’Istituto di genetica e...

Sport5 ore ago

Report Napoli: tornano Kvara e Cajuste, assente Osimhen

Gli azzurri al lavoro dopo la sconfitta con la Juventus Anche questa mattina il Napoli di Walter Mazzarri ha continuato ad allenarsi...