Connect with us

Coronavirus

A Mauritius, la rinascita dei coralli per combattere...

Published

on

A Mauritius, la rinascita dei coralli per combattere l’erosione costiera

Assorbendo l’energia delle onde, le barriere coralline svolgono un ruolo di essenziale importanza. A Flic-en-Flac, 20.000 talee saranno quindi impiantate a una profondità di dodici metri.

La meravigliosa spiaggia di Flic-en-Flac, sulla costa occidentale di Mauritius, è il paradiso dei vacanzieri. Tuttavia, sotto le sue acque turchesi, il paesaggio è sempre meno idilliaco. Stressati dal riscaldamento globale e dalle attività umane, i coralli si trovano in condizioni disastrose.

Un’osservazione generale: secondo i dati del Governo mauriziano, il 75% delle barriere coralline che circondano le lagune di Mauritius è gravemente danneggiato. A Flic-en-Flac, il tasso di sbiancamento dei coralli, un fenomeno di scolorimento che può portare, nel peggiore dei casi, alla morte di quest’ultimi, raggiunge il 75%.

Va detto che la temperatura media annua dell’acqua del mare è passata da 29° C nel 2012 a 32° C nel 2015,  fino a 33° C in estate tra il 2018 e il 2020. Altrove sulla costa occidentale, così come a sud, è salito di 1° C.

L’ecosistema corallino è sconvolto anche dall’aumento delle costruzioni sulla costa, soprattutto nelle zone umide; dall’invasione della “Corona di spine” (Acanthaster planci), una stella marina che attacca i coralli; dalla pesca eccessiva… Per non parlare dell’impatto persistente di antiche pratiche come la rimozione dei coralli da parte degli hotel per creare aree di piacevole balneazione o la pesca con la dinamite.

A Flic-en-Flac, la lotta è ora in corso per cercare di riabilitare le barriere coralline, sotto la guida del ricercatore Nadeem Nazurally, docente di acquacoltura e biologia marina presso l’Università di Mauritius. Ecologi, pescatori, scienziati e volontari si incontrano da circa tre anni, davanti all’ incantevole hotel La Pirogue per poter impiantare il prezioso corallo. Si occupano di un vivaio di 3.000 m² che ospita 5.000 talee. Si prevede che questo numero salirà a 20.000 il prossimo anno. In definitiva, il tutto dovrà essere sommerso a dodici metri di profondità dietro la barriera corallina, nella speranza di vedere ricreare nuove splendide barriere coralline.

Il Centro di ricerca marina situato a La Pirogue vuole incoraggiare la condivisione di esperienze tra i ricercatori internazionali. Finanziato dalla Commissione per l’istruzione terziaria di Mauritius, questo progetto è supportato anche dall’Università dell’Australia Occidentale, dall’Israel Oceanographic Institute e dall’Unione Europea.

Test su cinque specie

“Abbiamo utilizzato cinque diverse specie di corallo per determinare quale è la più resistente al calore. I risultati sono interessanti. Le talee di 2 cm piantate nel 2013 a Trou-aux-Biches (nel nord di Mauritius) sono ora 35 cm e rifugiano tranquillamente i pesci ”, specifica Nadeem Nazurally, riferendosi ad un precedente programma da lui egregiamente gestito personalmente e che è tuttora oggi.in essere. I primi risultati per Flic-en-Flac mostrano che alcune talee sono cresciute da 2 cm a 8 cm entro due anni, il che è davvero promettente.

Un altro “nursery” corallina, è stata allestita a Pointe-aux-Feuilles (nel sud-est di Mauritius), anch’esso gestito dal team Nadeem Nazurally. Altri gruppi alberghieri dell’isola sono coinvolti in progetti simili, ma anche l’Albion Research Center, del Ministero dell’Economia Oceanica, che lavora lì da più di un decennio. I pescatori sono stati addestrati scrupolosamente nella cultura del corallo negli ultimi tre anni. Con il sostegno del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), questo Centro sta anche lavorando con l’Istituto Oceanografico di Mauritius per l’allevamento di coralli più resistenti al calore.

“Resta da trovare le specie migliori che si adatteranno alle diverse regioni dell’isola”, sottolinea il Professor Rajeev Bhagooli, che ha studiato lo sbiancamento dei coralli in Australia, Florida, Hawaii e Giappone. “Ci vogliono almeno quindici anni per determinare se un allevamento di coralli soddisfa gli obiettivi. In questi giorni, i progetti vengono avviati senza un reale follow-up a lungo termine”, lamenta, riferendosi ai programmi Trou-aux-Biches e Flic-en-Flac. Gli allevamenti sviluppati a Mauritius sono programmati su tre, anche cinque anni e talvolta abbandonati per mancanza di finanziamenti o, come al momento per alcuni, a causa del coprifuoco sanitario legato alla pandemia da Covid-19.

“L’uso degli allevamenti di coralli per combattere lo sbiancamento è un buon inizio. Siamo nella fase di apprendimento. L’errore da non fare è tagliare talee con specie invasive”,  da parte sua avverte l’oceanografo Vassen Kauppaymuthoo.

Bacini di biodiversità

Straordinari serbatoi di biodiversità, i coralli svolgono un ruolo essenziale nella protezione della costa mauriziana assorbendo l’energia del moto ondoso e limitando i fenomeni di erosione. Tuttavia, l’innalzamento del livello del mare di 5,6 mm all’anno, mentre la media mondiale è di 3,3 mm, sottolinea l’urgenza della minaccia.

Per preservare le barriere coralline, il Professor Bhagooli raccomanda misure più generali riguardanti, ad esempio, i piani di utilizzo del suolo e l’uso di fertilizzanti sulla costa. Le autorità mauriziane sono consapevoli della necessità di agire senza indugio e una legge sul cambiamento climatico è stata approvata nel novembre scorso. I sacchetti di plastica monouso sono ora assolutamente vietati, per controllare meglio le fonti di inquinamento dannose per i coralli c’è una piú ferrea vigilanza.

Mauritius ha anche presentato all’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) un elenco di aree da evitare ai mercantili per evitare la riemissione della fuoriuscita di petrolio causata dalla MV Wakashio a Pointe-d’Esny, vicino al Parco marino di Blue Bay, nell’agosto 2020. Questa zona non è stata ancora rilevata, la prua del vettore minerario ad oggi  domenica 23 maggio, è ancora in fase di smantellamento.

“Stiamo collaborando con il Ministero dell’Economia Blu per la tutela delle zone costiere. Oltre alla creazione di aree marine protette che coprono un’area di 7.190 ettari, è stata creata una barriera artificiale a Mon Choisy (nel nord di Mauritius)”, sottolinea il Ministro dell’Ambiente, Kavi Ramano.

Una stella marina che sta scatenando il caos

Il cambiamento climatico sembra aver influenzato il ciclo dell’Acanthaster viola ( Acanthaster planci), nota anche come “Corona di spine”, che attacca i coralli a Mauritius e l’isola autonoma di Rodrigues. “Sfortunatamente, non ci sono stati studi scientifici per determinare se siamo di fronte a una proliferazione. Quando studiavo ad Okinawa, ne sono state raccolte interi camion” precisa il Professor Rajeev Bhagooli.

Questa specie carnivora di stella marina si nutre di corallo e le sue spine causano la necrosi della barriera corallina. La Corona di spine produce decine di milioni di uova a stagione e le sue larve possono spostarsi per centinaia di chilometri. Se l’Acanthaster viola si sta moltiplicando in questo modo, è anche a causa dell’abitudine dei mauriziani di utilizzare il suo predatore naturale, il Tritone gigante ( Charonia tritonis ) un mollusco gasteropode ricercato per le sue bellissime conchiglie, come elemento di decorazione e vendita ai turisti come souvenir. La reintroduzione e il divieto assoluto di pesca intensiva di questo mollusco gasteropode è allo studio.

Un’altra minaccia incombe sulle barriere coralline, la rimozione dei Ricci di mare per rendere le spiagge “più pulite” e “soft”. Questo porta alla gravissima proliferazione di alghe che soffocano i coralli, secondo un attento e meticoloso studio  dell’Università di Mauritius.

Il viaggio non finisce mai…. Solo i viaggiatori finiscono, ma, anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione… Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e guardando l’infinità dell’oceano ha detto: «Non c’è altro da vedere!», sapeva, in cuor suo, che non era vero…” (José Saramago)

Una sofisticata esperta in viaggi, turismo e tempo libero, che esplora con passione le frontiere del settore turistico per fornire ai nostri lettori intuizioni uniche e consigli preziosi. Con una profonda conoscenza che va dalle destinazioni esotiche alle gemme nascoste locali, la sua competenza è indispensabile per chi cerca di trasformare ogni viaggio in un’esperienza memorabile. Le sue analisi ricche di sfumature e le sue raccomandazioni su misura sono fondamentali per offrire un panorama completo di tutto ciò che il mondo del turismo ha da offrire.

Coronavirus

Covid, forte legame tra smog e virus: lo studio

Published

on

Ricerca Enea-Università di Roma Tor Vergata

Covid, forte legame tra smog e virus: lo studio

Uno studio Enea - Università di Roma Tor Vergata ha evidenziato una forte affinità tra il particolato atmosferico (Pm2.5) e la proteina Spike del virus Sars-Cov-2 responsabile del Covid. I risultati, che descrivono l’interazione tra le polveri sottili e il virus attraverso simulazioni di dinamica molecolare eseguite con il supercalcolatore Cresco6, sono stati pubblicati sulla rivista online Science of The Total Environment e rientrano nell’ambito del progetto Pulvirus.

“Durante la fase iniziale della pandemia la Lombardia e, in generale, tutta l’area della Pianura Padana sono state colpite più duramente dall’infezione virale rispetto al resto del Paese. Parliamo di una parte d’Italia tra le più inquinate e questo ha portato la comunità scientifica a ipotizzare un possibile ruolo del particolato atmosferico nella diffusione del virus”, spiega Caterina Arcangeli, ricercatrice Enea del Laboratorio Salute e Ambiente e coautrice dello studio insieme ai colleghi Barbara Benassi, Massimo Santoro e Milena Stracquadanio e ai ricercatori del Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma Tor Vergata Alice Romeo, Federico Iacovelli e Mattia Falconi.

Lo studio è partito dalla verifica e dimostrazione della presenza del genoma del virus responsabile del Covid-19 su almeno il 50% dei campioni di filtri per il Pm2.5 raccolti nella città di Bologna nell’inverno del 2021. “A seguire abbiamo realizzato al computer modelli molecolari semplificati di Pm2.5 e di Sars-Cov-2 e abbiamo valutato la loro interazione mediante simulazioni ad alte prestazioni eseguite con il supercalcolatore Cresco6”, aggiunge Arcangeli.

Le simulazioni - spiega una nota - hanno mostrato chiaramente che i glicani (zuccheri) presenti sulla superficie della proteina Spike giocano un ruolo importante nell’interazione tra virus e particolato, mediando il contatto diretto con la corrispondente superficie del nucleo di carbonio del Pm2.5. Inoltre, dallo studio emerge anche una stretta correlazione tra Pm2.5 e virus anche rispetto alle caratteristiche chimiche del particolato fine, il cui contenuto in carbonio elementare sembra avere una funzione guida nell’interazione con il Sars-Cov-2.

“Sebbene l’affinità tra Pm2.5 e Sars-Cov-2 appaia plausibile, la simulazione non permette di valutare se queste interazioni siano sufficientemente stabili per trasportare il virus nell’atmosfera o se il virione mantenga la sua infettività dopo il trasporto. La possibilità che il virus possa essere ‘sequestrato’ dal Pm, con conseguente riduzione di infettività e diffusione, o inattivato da questa forte interazione con il particolato non può essere quindi esclusa”, prosegue la ricercatrice Enea.

La forza delle simulazioni al computer effettuate da questo studio risiede nella capacità di modellare diversi tipi di particolato, variando sia la concentrazione che la composizione chimica degli inquinanti atmosferici. Queste simulazioni possono, dunque, rappresentare uno strumento utile per valutare rapidamente l’eventuale interazione delle polveri sottili con virus, batteri o altri bersagli cellulari rilevanti. “Questa possibilità potrebbe dimostrarsi utile per contrastare o controllare la diffusione di future malattie trasmesse per via aerea in regioni altamente inquinate e fornire informazioni utili per elaborare piani di controllo dell'inquinamento dell’aria”, conclude Arcangeli.

Continue Reading

Coronavirus

Doug Pitt: l’uomo oltre il nome famoso

Published

on

Nel mondo delle celebrità, spesso i riflettori sono puntati su nomi familiari come Brad Pitt, ma dietro ogni grande figura c’è un intero universo di individui che contribuiscono in modo significativo al loro settore e alla società nel suo complesso. Uno di questi casi è quello di Doug Pitt, fratello minore dell’acclamato attore Brad Pitt. Ma Doug è molto di più di “il fratello di”. È un imprenditore di successo, un filantropo appassionato e una figura che merita sicuramente di essere conosciuta più a fondo. Personalità sfaccettata e di grande successo, ha un nome costruito grazie alle sue aziende votate alla tecnologia e alle numerose attività di filantropo nel corso degli anni.

Dal fratello di Brad Pitt all’individuo di successo

Nato il 2 novembre 1966 a Springfield, nel Missouri, Doug Pitt è soprattutto conosciuto perché condivide lo stesso sangue con l’attore hollywoodiano Brad Pitt. Spesso cresciuto all’ombra del più celebre fratello maggiore, Doug ha intrapreso una strada di successo contando sulle proprie capacità e i propri interessi. Dopo aver completato gli studi all’università della sua contea, infatti, ha iniziato una carriera tutta in salita nei settori immobiliare e finanziario, mostrando sin da subito il suo talento nel mondo degli affari. Risale all’aprile del 1991 la fondazione della sua prima azienda, la ServiceWorld Computer, occupata nella fornitura di servizi informatici. A soli 25 anni inizia così la scalata che lo porterà nel mirino del club dei milionari.

Nel 2007 decide di cedere il 75 per cento degli interessi dell’azienda a Miami Nations Enterprises rimanendone però il proprietario e principale partner operativo. Nel 2012 fonda quindi TSI Integrated Services in collaborazione con TSI Global. Nel 2013 Pitt e Miami Nations Enterprises decidono di fondere ServiceWorld con TSI Global. Nel 2017 Pitt ricompra la sua prima società di computer creando la nuova Pitt Development Group, società specializzata in sviluppi commerciali e territoriali. Con questa azienda si è proposto come leader indiscusso nel settore.

Imprenditore e Filantropo

Doug Pitt non è solamente un uomo d’affari di successo, ma un filantropo impegnato che usa i suoi mezzi a disposizione per intervenire in aree critiche del mondo. “Care to Learn”, di cui è il fondatore, è un’organizzazione benefica che fornisce risorse essenziali a bambini che vivono in contesti difficili. L’organizzazione si concentra su bisogni fondamentali come cibo, vestiti e attrezzature scolastiche, permettendo ai più giovani di crescere e imparare in un ambiente positivo e accogliente.

Doug è anche collaboratore di Waterboys.comWorldServe International e Africa 6000 International (a cui partecipa anche la sorella Julie), organizzazioni impegnate nella fornitura di acqua potabile nei paesi africani più in difficoltà, come Tanzania e Kenya. Nel 2010 l’allora presidente della Tanzania Jakaya Kikwete lo ha insignito del titolo di Ambasciatore di buona volontà per la Repubblica Unita di Tanzania. Con questo titolo opera in qualità di intermediario per tutte quelle aziende che vogliono contribuire alla rinascita economica e culturale del paese. Nel 2011 il presidente americano Bill Clinton lo ha premiato con l’Humanitarian Leadership Award.

Dietro le quinte dell’industria del vino

Oltre al suo coinvolgimento nel settore immobiliare e nell’ambito delle opere di beneficenza, Doug Pitt ha anche sviluppato una passione per il mondo del vino. È coinvolto nella gestione di “Pitt Vineyards”, un’azienda vinicola che produce vini di alta qualità. Questa dedizione per il vino riflette la sua grande curiosità e il suo interesse per settori imprenditoriali differenti.

Una vita riservata

La famiglia di primo piano non ha impedito a Doug Pitt di mantenere un profilo relativamente basso nel mondo dei media. Ha cercato, infatti, di proteggere la sua privacy e di concentrarsi sul suo lavoro e sulle sue passioni, piuttosto che sfruttare la sua connessione familiare per attirare l’attenzione dei riflettori. Nel 1990 ha sposato Lisa Pitt, conosciuta all’università, e insieme hanno tre figli: Landon, Sydney e Reagan.

Nonostante abbia sempre cercato di non farsi notare, in certe occasioni è apparso sui media presentandosi in modo scherzoso come il fratello del più celebre Brad. Ha girato diversi spot pubblicitari, come quello per Virgin Mobile Australia, e in alcuni ha vestito persino i panni del fratello, come nella pubblicità per Mother’s Brewing Company. In diverse interviste rilasciate (come quella all’emittente Nova FM) ha anche ammesso di essere scambiato per il fratello almeno 3 volte a settimana da sconosciuti che lo incontrano per strada. Questo perché i due fratelli oltre a condividere carriere di successo, hanno effettivamente un fisico e dei lineamenti molto simili.

L’eredità di Doug Pitt

La storia di Doug Pitt dimostra come dietro a ogni individuo ci siano esperienze, imprese e passioni diverse che meritano di essere riconosciute. Pur essendo spesso additato come “il fratello di Brad Pitt”, la sua dedizione per il mondo degli affari, il suo coinvolgimento nella beneficenza e la sua capacità di perseguire le sue passioni lo rendono un esempio di impegno e di successo. Il suo lavoro nel settore imprenditoriale e filantropico dimostra come sia possibile creare un’eredità significativa indipendentemente dal nome di famiglia e che ognuno ha il potenziale per influenzare positivamente sulla vita degli altri.

Continue Reading

Coronavirus

È finalmente nelle sale cinematografiche il film “Tic Toc”

Published

on

E continua anche il suo tour promozionale con vari appuntamenti.

Girato a Terni negli studios di Papigno, la commedia è stata diretta dal regista Davide Scovazzo mentre la produzione è stata affidata ad Anteprima Eventi Production e Management S.r.l. di Massimiliano Caroletti. Il film vanta un cast di eccezionali attori noti al pubblico tra cui Eva Henger, Maurizio Mattioli, Sergio Vastano, Fausto Leali, Donatella Pompadour, Valentino Marini, Paolo Pasquali alias Doctor Vintage, Cristiano Sabatini alias Bike Chef, Simone Bargiacchi alias Antonio Lo cascio, Samuel Comandini Alisa Zio_ Command, Fabio Stirlani alias Stirlo , Dimitri Tincano, Jennifer Caroletti, Antonella Scarpa alias Himorta, Vanessa Padovani alias Miss Mamma Sorriso, Chaimaa Cherbal, Claudia Letizia ,Elena Colombi , Paola Caruso, Luigi Iocca, Giuseppe Lisco, Rosy Campanale, Daniel Bellinchiodo, Francesco Aquila, Michela Motoc.

E proprio Eva Henger con Massimiliano Caroletti insieme alla figlia Jennifer, al suo debutto sul grande schermo, sono ospiti della prestigiosa kermesse cinematografica Ischia Global Fest, e incontreranno il pubblico prima della proiezione con Doctor Vintage, anche lui nel cast della pellicola, nella serata del 13 luglio.

Filo conduttore del film il rapporto con i social. Tic Toc è una commedia che intreccia tante vicende e scopre tante realtà partendo dalla storia di quattro intraprendenti scansafatiche che per guadagnare qualche soldo decidono di rapire Eva Henger. Un progetto che frana a causa del Covid e che innesca un susseguirsi di intoppi divertenti: “Un gruppo di Sinti, una sorta di gang Fedeli al triste, ma vero, gioco di parole “è tutto LORO quello che luccica”, i quattro passano giornate ad invidiare le superstar di oggi , ovvero gli, e soprattutto le, Influencers, attribuendo a ognuno e a ognuna di loro vite principesche, fatte di limousines, jet privati, champagne della migliore categoria, ville gigantesche e stuoli di servitori, tutto ciò che, nella loro miseria, è loro negato dalla vita, in una maniera che, dal loro punto di vista, reputano ingiusta ed immorale. Stufi di raccogliere le briciole di quello che loro credono essere solo un mondo dorato e pieno di privilegi, i quattro mascalzoni vengono a sapere che la star Eva Henger inaugurerà una Escape Room (cosa che loro non hanno idea di cosa sia) a Terni, per cui a Zagaja, ma ben presto condiviso dagli altri pur se con qualche perplessità soprattutto da parte di Bike Chef, viene la “brillante” idea: appostarsi poco prima dell’entrata della Escape Room e rapire la Diva, che per lui è anche il suo sogno erotico da sempre, in modo da chiedere il riscatto ai suoi numerosi sponsor”, ha spiegato l’ideatore Fabio Stirlani. La trama affronta in chiave drammatica argomenti comici che riflettono l’attualità.

Un film che segna il grande ritorno al cinema di Eva Henger che per l’occasione ha interpretato se stessa. Un ruolo cucito alla perfezione su di lei: “Ho interpretato me stessa. Pensavo fosse facile, invece è stato difficilissimo. Quando si interpreta la propria persona ci si rende conto di non conoscerla realmente. Ho dovuto metterci dell’ironia, verve e passione, anche perché sarà un film comico, che farà ridere molto”. Assieme a lei sul set la figlia Jennifer Caroletti interessata a seguire le orme della madre.

Continue Reading

Ultime notizie

Motori1 ora ago

Nuova MINI Aceman: una new entry

Sarà completamente elettrica la nuova MINI Aceman e debutterà in anteprima mondiale al prossimo 18° Salone Internazionale dell’Automobile di Pechino...

Spettacolo2 ore ago

Liorni: “Sono antifascista, a...

Il conduttore interviene in un video dopo le polemiche scatenate da una domanda del game show di ieri "Volevo dire,...

Ultima ora2 ore ago

Biden e sindaco New York condannano proteste antisemite...

Lezioni online per sicurezza durante Pasqua ebraica. Il rabbino agli studenti ebrei: "Tornate a casa" Non si placa la tensione...

Sport2 ore ago

Raul: “Bellingham sarà una delle leggende del Real...

"Sa muoversi nello spazio, entra in sintonia con le persone e questo lo rende speciale" "Bellingham? È stato il giovane...

Sport3 ore ago

Desailly: “Mbappè al Real? Fa bene suo business, io...

"Se vince il Pallone d'Oro quest'anno, può andare in Arabia Saudita" "Mbappé al Real Madrid? È bello quello che fa,...

Sport3 ore ago

Laureus Awards, Djokovic vince premio ‘Miglior...

Aitana Bonmatí, la Nazionale femminile di calcio, Jude Bellingham e Simone Biles sono i grandi vincitori Novak Djokovic, Aitana Bonmatí,...

Sport3 ore ago

Roma-Bologna 1-3, Motta insegue la Juve e vede la Champions

I rossoblù consolidano il quarto posto Il Bologna batte 3-1 la Roma nel posticipo della 33/a giornata di Serie A,...

Sport3 ore ago

Milan-Inter 0-1, gol di Acerbi: nerazzurri campioni...

La formazione di Inzaghi conquisterebbe lo scudetto con un successo nella sfida con i rossoneri Milan e Inter in campo...

Cronaca3 ore ago

Applausi di alcuni studenti a scena omicidio Siani durante...

Paolo Siani: "Andremo in quella scuola ad incontrare quei ragazzi, a raccontare loro chi era Giancarlo" "La gravità del gesto...

Economia4 ore ago

Ambiente: Generali presenta l’Oasi Gregorina per la...

Tornerà presso al pubblico l’oasi Gregorina situata a Castrocaro Terme e Terra del Sole in provincia di Forlì-Cesena. Un’area naturalistica...

Economia4 ore ago

Ambiente, Di Tizio (Wwf): “Generali dà grande...

“Abbiamo un obiettivo preciso: entro il 2030 bisogna avere il 30 per cento del territorio protetto sia in mare sia...

Economia4 ore ago

Ambiente, Fancel (Generali): “L’Oasi Gregorina e 1mln...

“Oggi presentiamo il progetto ‘Generali for green’ che ci vedrà impegnati ad istituire l’Oasi Gregorina di Castrocaro Terme e la...

Economia4 ore ago

Ambiente, Lucini (Generali): “Oasi Gregorina esempio...

“L’iniziativa di oggi si inserisce nella nostra azione di sostenibilità e responsabilità sociale. L’oasi Gregorina a Castrocaro Terme e Terra...

Economia4 ore ago

Agricoltura, il ministro Lollobrigida: “Bene...

“Generali considera l’agricoltura un settore strategico ed investe, per questo, su di una visione di decenni. Negli ultimi anni abbiamo...

Economia4 ore ago

Ambiente, Nozza (Generali): “Azienda mette al centro...

“L’iniziativa di oggi è un esempio concreto di quanto Generali mette al centro della propria strategia la sostenibilità. Alcuni esempi...

Ultima ora4 ore ago

Ticket a Venezia, l’ira di Cacciari: “Folle e...

"Inaudito e incostituzionale, in nessuna città del mondo si paga per entrare" "Una pura follia, del tutto illegittima, incostituzionale, in...

Sport4 ore ago

Capello: “Yamal? Sarà un crack ma non è un genio come...

"I geni sono Pelé, Maradona e Messi. Non Cristiano Ronaldo..." "Lamine Yamal? Ho visto Messi al Trofeo Gamper quando aveva...

Ultima ora4 ore ago

“Kadyrov in condizioni gravissime”, le news...

Da cinque anni il leader ceceno soffre di necrosi pancreatica acuta Ramzan Kadyrov è in gravissime condizioni di salute. Da...

Spettacolo5 ore ago

Lory Del Santo a Belve: dal carcere alle relazioni con i...

Nella puntata in onda domani martedì 23 aprile su Rai2 Dalla povertà assoluta al carcere, alla ricerca del successo, alle...

Cronaca5 ore ago

Malattie rare, Roccella: “Valorizzare ruolo e...

La ministra della Famiglia e delle Pari opportunità: " "Le donne sono storicamente caregiver, hanno inventato l'assistenza sul piano sociale,...