Connect with us

Economia

Spese veterinarie 2023, detrazione su modello 730: ecco il...

Published

on

Spese veterinarie 2023, detrazione su modello 730: ecco il vademecum

Importi e come ottenere il rimborso, la guida

(Foto )

Chi ha animali domestici può detrarre, mediante modello 730 o Redditi PF (Persone Fisiche ex Unico), le spese veterinarie sostenute nel corso del 2023 per la loro cura. Tuttavia, è importante precisare che non tutte le spese danno diritto alla detrazione Irpef. A fare il punto fiscale sulle detrazioni dei nostri amici a quattro zampe l'associazione 50&Più.

Detrazioni

Alla detrazione per spese veterinarie ha diritto chi detiene legalmente animali per compagnia o attività sportiva, ed effettua pagamenti relativi a: prestazioni professionali veterinarie; acquisto di medicinali; analisi di laboratorio e interventi in cliniche veterinarie; acquisto di farmaci senza obbligo di prescrizione medica effettuato on-line presso farmacie ed esercizi commerciali autorizzati.

Non danno invece diritto a detrazione le somme spese per i mangimi speciali destinati ad animali di compagnia (anche se prescritti dal veterinario). Inoltre, non è possibile usufruire della detrazione Irpef per animali: utilizzati in ambito agricolo o commerciale; allevati a scopo riproduttivo o alimentare.

Importi

L’importo massimo che può essere portato in detrazione è di 550 euro, ed è rimborsato nella misura del 19%, con una franchigia di euro 129,11. Anche chi ha sostenuto spese veterinarie per più di un animale deve attenersi al tetto massimo di 550 euro. A partire dall’anno d’imposta 2020 può usufruire dell’agevolazione Irpef chi ha un reddito complessivo inferiore o uguale a 120.000 euro. Se il reddito è superiore, l’importo detraibile si riduce, fino ad azzerarsi in caso di reddito complessivo fino a 240.000 euro.

Come ottenere il rimborso

Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate, per ottenere il rimborso Irpef non è necessario conservare la prescrizione medica, è sufficiente presentare: l’autocertificazione in cui venga dichiarato che l’animale è legalmente detenuto a scopo di compagnia o per la pratica sportiva; e in copia: (per l’acquisto di farmaci) lo scontrino parlante, anche detto scontrino descrittivo, contenente informazioni dettagliate su natura, qualità e quantità dei prodotti acquistati, oltre al codice fiscale di chi ha sostenuto la spesa; (per prestazioni professionali veterinarie) fattura del medico veterinario; (per prestazioni non erogate da strutture pubbliche o private accreditate) ricevute fiscali o documenti commerciali comprovanti l’utilizzo di sistemi di pagamento tracciabili.

I pagamenti devono essere stati effettuati tramite carta di debito o credito, o bollettino postale/MAV/PagoPA, estratto conto, ed essere documentati attraverso relativa ricevuta di versamento. I veterinari devono comunicare al sistema TS i dati relativi alle spese veterinarie sostenute dalle persone fisiche nell’anno precedente e ammesse al beneficio della detrazione fiscale. Nella dichiarazione precompilata dell’Agenzia delle Entrate sono, infatti, presenti anche le spese per l’acquisto di farmaci veterinari e le spese relative a prestazioni veterinarie comunicate dagli iscritti agli albi professionali dei veterinari, riguardanti animali da compagnia o per la pratica sportiva.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Economia

La Borsa di Londra supera Parigi e Milano sciopera, cosa...

Published

on

Due notizie che hanno un filo conduttore: politica e finanza per produrre valore devono remare dalla stessa parte

Piazza Affari, Milano

Due notizie diverse, solo apparentemente lontane tra loro. La Borsa di Londra torna prima per capitalizzazione, dopo i danni prodotti da Brexit, ai danni di Parigi, dove le quotazioni crollano per l'instabilità politica. Il Cac 40, il principale listino francese, ha bruciato la crescita dei primi 5 mesi del 2024 a causa delle elezioni europee e delle conseguenze del voto. Per la prima volta nella storia, è stato proclamato uno sciopero a Piazza Affari, con i sindacati che denunciano un disinvestimento dall'Italia del gruppo Euronext. Cosa succede? Perché esiste un legame?

Una prima parte della risposta è nel peso che le decisioni politiche riflettono sui mercati finanziari, con la stabilità e la fiducia che spingono la crescita e l'incertezza che, al contrario, penalizza il valore. La seconda parte è nella lettura inversa e riguarda il peso che invece le strutture finanziarie hanno come volano per la crescita economica e la stabilità finanziaria, con evidenti ripercussioni anche per la politica. Non servono valutazioni nazionaliste, o sovraniste, per evidenziare che il legame tra una Borsa forte e l'economia di ogni singolo Paese è oggettivo. Forte, nel caso di Piazza Affari, non vuol dire che debba essere per forza controllata da capitale italiano ma che deve funzionare.

Nelle motivazioni che hanno portato alla proclamazione del primo sciopero nella storia di Borsa Italiana per il prossimo 27 giugno c'è la convinzione che non sia così. Si va dalla "profonda preoccupazione per la tenuta occupazionale sul territorio nazionale", alla "questione salariale" perché si dimostra di "non voler proteggere il potere di acquisto dei lavoratori italiani". Si passa per "l'organizzazione del lavoro sempre più fragile" e si arriva all'ultimo elemento, forse quello più rilevante: "la governance e della progressiva perdita di autonomia direzionale e strategica delle società italiane del Gruppo Borsa Italiana", con "un progressivo trasferimento al di fuori dell’Italia dell’indirizzo strategico del Gruppo".

Londra ha pagato la Brexit, Parigi paga l'instabilità politica e Milano rischia di pagare le scelte di una proprietà, Euronext, che a detta dei sindacati sta scegliendo di delocalizzare. Il tema di fondo resta uno: politica e finanza per produrre valore devono remare dalla stessa parte. (Di Fabio Insenga)

Continue Reading

Economia

For Women in Science 2024: L’Oréal Italia premia sei...

Published

on

“L’Oréal Italia per le Donne e la Scienza” giunge alla sua ventiduesima edizione in Italia e premia sei ricercatrici con 20 mila euro ciascuna, così che possano portare avanti il loro progetto di ricerca. “For Women in Science”, nato su iniziativa di Unesco e L’Oréal nel 1998, è stato il primo premio internazionale dedicato alle donne che operano nel settore scientifico e oggi si inserisce nell’ambito di un vasto programma che promuove la vocazione scientifica a livello internazionale e mira a valorizzare e riconoscere l’operato delle ricercatrici di tutto il mondo. Grazie all’iniziativa, in questi anni sono state sostenute nel loro percorso di carriera 3.900 ricercatrici in oltre 110 Paesi, compresa l’Italia.

Continue Reading

Economia

La materia oscura? Potrebbe non esistere

Published

on

La materia oscura? Potrebbe non esistere

La materia oscura, come intesa finora, potrebbe non esistere affatto. A mettere in discussione i modelli cosmologici generalmente condivisi su una delle grandi domande dell’astrofisica moderna, l’enigma della materia oscura, è un nuovo studio di un gruppo di ricerca di cui fa parte anche l’Istituto Nazionale di Astrofisica. Lo studio, infatti, rileva che l'influenza di quella che chiamiamo materia oscura si estende ben oltre le stime precedenti, ovvero per almeno un milione di anni luce dal centro galattico. Una forza così estesa potrebbe indicare paradossalmente che la materia oscura, come intesa finora, potrebbe non esistere affatto.

Il gruppo di ricerca che ha firmato lo studio, pubblicato oggi su arXiv.org e in stampa su The Astrophysical Journal Letters, ha dimostrato che le velocità di rotazione delle galassie rimangono inaspettatamente costanti anche a distanze molto grandi dal loro centro, confermando le previsioni della teoria della gravità modificata 'Modified Newtonian Dynamics' che non contempla la presenza di materia oscura nell’universo. Per questo lavoro è stata sviluppata una nuova tecnica che consente di misurare le cosiddette curve di rotazione delle galassie, ovvero le velocità di rotazione delle galassie dal loro centro, fino a grandissime distanze, pari a circa due milioni e 500 mila anni luce. La tecnica utilizzata sfrutta il fenomeno della lente gravitazionale debole (weak gravitational lensing).

Le implicazioni di questa scoperta potrebbero essere potenzialmente molto ampie, portando a ridefinire la nostra comprensione della materia oscura anche tramite teorie cosmologiche alternative. Risultato, spiega Federico Lelli, primo ricercatore presso l’Inaf di Arcetri, "le curve di rotazione continuano a rimanere piatte per centinaia di migliaia di anni luce, possibilmente fino a qualche milione di anni luce: questo è sorprendente perché a tali distanze ci si aspetterebbe di aver raggiunto il ‘bordo’ dell'alone di materia oscura, quindi le curve di rotazione dovrebbero iniziare a mostrare una decrescita kepleriana, ma invece rimangono piatte”.

Esiste una particella elementare 'invisibile' ancora da scoprire?

La presenza di materia oscura nelle galassie è stata dedotta studiando proprio le curve di rotazione, negli anni a cavallo tra il 1970 e 1980. Si ritiene che le curve di rotazione delle galassie debbano diminuire con l’aumentare della distanza dal centro della galassia. Secondo la gravità newtoniana, le stelle che si trovano ai margini esterni della galassia dovrebbero essere più lente a causa di una minore attrazione gravitazionale. Ipotesi che non corrisponde alle osservazioni. Ed è per questo che lo studio mette in dubbio questa ipotesi, fornendo una rivelazione sorprendente: l'influenza di quella che chiamiamo materia oscura si estende ben oltre le stime precedenti, ovvero per almeno un milione di anni luce dal centro galattico. Una forza così estesa potrebbe indicare paradossalmente che la materia oscura, come intesa finora, potrebbe non esistere affatto.

Per Tobias Mistele della Case Western Reserve University e primo autore dello studio "questa scoperta mette in discussione i modelli esistenti, suggerendo che esistono o aloni di materia oscura molto estesi o che dobbiamo rivedere radicalmente la nostra comprensione della teoria gravitazionale". Non solo: lo studio intende chiarire quale sia la natura della materia oscura, ovvero se questi fenomeni gravitazionali siano dovuti a un nuovo tipo di particella elementare 'invisibile' ancora da scoprire, oppure se vi sia la necessità di rivedere le leggi gravitazionali di Newton ed Einstein.

Sono ora necessari ulteriori studi per chiarire l’avvincente rompicapo cosmologico e scrivere una nuova pagina di storia dell’astrofisica moderna.

Continue Reading

Ultime notizie

Salute e Benessere2 ore ago

Malattie rare, Scd e Tdt: dati positivi a lungo termine per...

All'Eha i risultati potenzialmente trasformativi dell'editing genetico per l'anemia falciforme grave e la beta-talassemia trasfusione-dipendente Sono positivi i nuovi dati...

Salute e Benessere2 ore ago

Maturità, il ricordo di Burioni: “Cascai in un...

Il virologo e la notte prima degli esami: "Con un gruppo di compagni pensammo di avere in mano le tracce...

Economia2 ore ago

La Borsa di Londra supera Parigi e Milano sciopera, cosa...

Due notizie che hanno un filo conduttore: politica e finanza per produrre valore devono remare dalla stessa parte Due notizie...

Cultura2 ore ago

‘Eroi senza confine’, le opere di Ida Saitta in...

L’Ambasciata di Bulgaria a Roma ospita le opere della nota artista siciliana Ida Saitta, celebre per il suo stile unico...

Politica2 ore ago

Vannacci: “Niente diffamazione, archiviata querela...

L'annuncio dell'europarlamentare della Lega La querela di Paola Egonu nei confronti del generale Roberto Vannacci è stata archiviata. Lo annuncia...

Cronaca2 ore ago

Salute, Gornati (Trenord): “Sosta per recupero...

"Andare nelle sale soste permette un recupero anche per la deambulazione" “Per noi di Trenord la sosta è un momento...

Cultura3 ore ago

Da oggi ‘Il Mondo Della Ragione’, il nuovo...

Disponibile da oggi in tutte le librerie e negli store online 'Il Mondo della Ragione', una collezione di 161 biografie...

Esteri3 ore ago

Ripristino della natura, Ue approva la legge: Italia vota...

Il Consiglio Ambiente dell'Ue adotta la Nature Restoration Law, cos'è e cosa prevede Il Consiglio Ambiente dell'Ue adotta la Nature...

Sport3 ore ago

Euro 2024, la Nazionale spopola sui social: già 12 milioni...

Nel solo sabato 15 giugno, giorno dell'esordio con la vittoria per 2-1 sull'Albania, le interazioni hanno superato i 3 milioni,...

Cronaca3 ore ago

Salute, Cesana (Lombardia): “Trombosi venosa poco...

"Ho deciso di portare la patologia in Commissione Sanità del Consiglio regionale, fondamentali la conoscenza e la prevenzione" "Ho iniziato...

Cronaca3 ore ago

Salute, Santagata (Arriva Italia): “Con Spedali di...

Condizione statica e rischio di trombosi, 'la prevenzione importante’ Con “Spedali di Brescia” abbiamo potuto “fare una specifica valutazione del...

Cronaca3 ore ago

Sanità, Bertolaso: “Per trombosi venosa in Lombardia...

"Stutture quali San Raffaele e Policlinico sono vere eccellenze, in molti vengono arrivano da altre parti d’Italia per trovare una...

Cronaca3 ore ago

Maturità 2024, ricordi e consigli di Bassetti, Viola,...

C'è chi l'ha vissuta bene, chi ancora se la sogna di notte e chi era un secchione. La maturità è...

Salute e Benessere3 ore ago

Salute, Lucente (Lombardia): “Trombosi venosa...

L’assessore regionale ai Trasporti e Mobilità sostenibile: "Sicurezza di chi guida i mezzi pubblici e degli utenti per noi è...

Salute e Benessere3 ore ago

Sanità, Osnato (FdI): “Dal 2023 al 2024 stanziamenti...

Il presidente VI Commissione Finanza alla Camera: "Abbiamo puntato su qualificazione personale sanitario" "In questi anni difficili del post pandemia...

Ultima ora3 ore ago

Processo piazza San Carlo, Cassazione: “Appello bis...

I supremi giudici hanno dichiarato irrevocabile la responsabilità penale per l'ex sindaca Nuovo processo di appello per Chiara Appendino. Lo...

Moda3 ore ago

Zegna, nell’oasi del lino sfila Mads Mikkelsen

L'attore danese, ambassador del marchio, sulla passerella della p/e 2025 del brand disegnato da Alessandro Sartori: "Nostro vocabolario assestato, ora...

Economia3 ore ago

For Women in Science 2024: L’Oréal Italia premia sei...

“L’Oréal Italia per le Donne e la Scienza” giunge alla sua ventiduesima edizione in Italia e premia sei ricercatrici con...

Ultima ora4 ore ago

Napoli, crollo all’interno dell’ospedale di...

Sindaco di Lacco Ameno: "Un miracolo che non ci siano feriti" Crollo oggi pomeriggio di una parte della controsoffittatura e...

Tecnologia4 ore ago

Meta blocca i piani per l’uso di dati social degli...

Dopo le pressioni degli enti europei, Meta sospende le operazioni destinate ad utilizzare i dati degli utenti di Facebook e...