Connect with us

Economia

Ambiente, studio: i bambini italiani soffrono di ecoansia

Published

on

Promosso da ScuolAttiva e Sanpellegrino, con Università di Pavia e Triplepact Società Benefit

Ambiente, studio: i bambini italiani soffrono di ecoansia

Preoccupazione, tristezza, rabbia: sono solo alcune delle emozioni più associate dai bambini all'ansia sul futuro del pianeta. Il 95% tra bambine e bambini intervistati si dichiara preoccupato per il futuro dell’ambiente e più di uno su 3 (40%) riferisce di aver fatto un brutto sogno sul cambiamento climatico o sull’ambiente in pericolo e di aver fatto fatica a dormire o mangiare a causa di questo pensiero. È quanto emerge dai risultati di un recente studio italiano, nato nel contesto del progetto educativo di Scuolattiva Onlus 'A Scuola di Acqua', realizzato da nove anni in collaborazione con il Gruppo Sanpellegrino e dedicato alla sensibilizzazione dei più giovani sui temi dell’idratazione e della sostenibilità ambientale.

La ricerca condotta sotto la supervisione scientifica del Laboratorio di Psicologia della Salute del Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e del Comportamento dell’Università di Pavia, e in collaborazione con Triplepact Società Benefit, ha previsto la somministrazione di una survey realizzata con metodologia Cawi (Computer Assisted Web Interview) e ha coinvolto un campione di circa 1000 bambini tra i 5 e gli 11 anni.

Diverse ricerche internazionali hanno suggerito una suddivisione in tre categorie per comprendere come i cambiamenti climatici influenzino la salute mentale: impatti diretti, indiretti e vicari. Finora, gran parte della ricerca scientifica ha focalizzato l'attenzione sugli impatti diretti, quelli che si manifestano dopo eventi climatici estremi come alluvioni, terremoti o uragani. Tuttavia, sempre più persone stanno vivendo un senso di angoscia legato alla crisi climatica globale anche senza essere direttamente o indirettamente colpite. Questo emerge chiaramente anche nello studio di ScuolAttiva: l’ecoansia nei bambini non è necessariamente correlata a esperienze realmente vissute, ma piuttosto è frutto della comunicazione e informazione sui temi del climate change che influenzano la percezione del problema da parte dei più piccoli. In altre parole, solo conoscere le conseguenze dei cambiamenti climatici attraverso i media può influenzare la salute mentale.

Nonostante lo stato di marcata preoccupazione, i bambini si sentono strettamente connessi all’ambiente (nel 78% dei casi) e il loro approccio al fenomeno non è passivo ma, al contrario, connotato da un forte spirito di protagonismo e di motivazione ad agire: la quasi totalità del campione si percepisce infatti direttamente responsabile della situazione (95.6%) e pensa che il proprio contributo possa fare la differenza (97.2%). Non solo, agli occhi dei bambini, la soluzione sta nella partecipazione di tutti: anche gli adulti, nei quali è riposta la fiducia del 72% dei più piccoli, devono contribuire attivamente alla salute del Pianeta. Lo studio sottolinea quindi l'importanza di promuovere l’engagement delle nuove generazioni nella tutela dell'ambiente e nel contrasto ai cambiamenti climatici attraverso iniziative formative e di sensibilizzazione.

“Sanpellegrino, attraverso ‘A Scuola di Acqua: sete di futuro’ promuove da anni iniziative per stimolare nelle nuove generazioni comportamenti responsabili legati a un consumo corretto e consapevole di acqua e per educarli al riciclo e alla tutela ambientale. Lo studio realizzato dall’Università di Pavia aggiunge, quindi, un nuovo tassello a questa iniziativa mostrando la preoccupazione dei bambini per il futuro del Pianeta, insieme alla convinzione che il loro contributo possa fare la differenza. Siamo, infatti, convinti che i progetti di formazione ricoprano un ruolo fondamentale nel creare consapevolezza su questi temi perché, attraverso l’informazione e la formazione dei più piccoli, si possono gettare le basi per costruire un futuro più sostenibile”, osserva Fabiana Marchini, Head of Sustainability del Gruppo Sanpellegrino.

“Assistere alle conseguenze del cambiamento climatico può generare sofferenza e preoccupazioni per il futuro, insieme a senso di impotenza e frustrazione per l’incapacità di arrestare questo fenomeno o di fare la differenza. Per questo diventa sempre più necessario investire su iniziative formative e di sensibilizzazione che favoriscano l’empowerment dei cittadini e, soprattutto delle nuove generazioni, in merito al valore dei comportamenti di ciascuno di noi nel contrasto agli effetti del cambiamento climatico. Ciò può proteggere le persone dall’esperienza di eco-ansia, che non è ovviamente una patologia ma rappresenta tuttavia un fattore di rischio per disturbi della salute mentale. È infatti un fattore di stress che può spingere gli individui a reagire all'ansia cambiando non solo il loro comportamento quotidiano, ma anche la loro prospettiva sul mondo e le aspettative per il futuro”, sottolinea la professoressa Serena Barello, direttrice del laboratorio di Psicologia della Salute del Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e del Comportamento dell’Università di Pavia coordinatore scientifico dello studio.

In sintesi, lo studio ha evidenziato un profondo legame emotivo dei più piccoli con il futuro del pianeta, contraddistinto da preoccupazione, tristezza e rabbia. Nonostante questo stato di marcata preoccupazione, i bambini si sentono coinvolti e responsabili, credendo fermamente che il loro contributo possa fare la differenza. La ricerca sottolinea l'importanza di coinvolgere attivamente le nuove generazioni nella tutela dell'ambiente e nel contrasto ai cambiamenti climatici.

“Il progetto A Scuola di Acqua – Sete di Futuro da sempre si propone di sensibilizzare i giovani sui temi dell'ambiente e della sostenibilità, fornendo loro strumenti per affrontare le sfide legate al cambiamento climatico - sottolinea Simona Frassone, presidente di ScuolAttiva Onlus - ma come è nel nostro stile siamo sempre attenti all’emergere di nuove necessità e criticità di docenti e studenti italiani. Per questo abbiamo ritenuto imprescindibile indagare un fenomeno, l'eco-ansia, che ad oggi non è ancora così famoso ma di cui nelle aule italiane si possono già notare alcuni effetti. Abbiamo toccato con mano una profonda sensazione di disagio e paura cronici legata agli effetti del riscaldamento globale, che può influenzare la salute mentale dei bambini. Siamo molto orgogliosi di essere, insieme a Sanpellegrino, all’Università di Pavia e Triplepact, i primi in Europa a dare un contributo scientifico sul fenomeno per il target dei bambini delle scuole primarie. Da vent’anni sosteniamo l'importanza di sostenere la scuola italiana con investimenti privati in iniziative educative volte a sostenere i giovani. E questa ricerca conferma questo nostro impegno”.

E gli insegnanti? La fotografia scattata su cinquecento insegnanti ricalca specularmente i dati forniti dai ragazzi, seppur con qualche nota di maggiore pessimismo. Ad esempio, il senso di efficacia nell’affrontare in prima persona le sfide ambientali risulta forte solo in una persona su 10. Inoltre, a differenza di un’ampia maggioranza di bambini che dichiara di riporre fiducia negli adulti per la gestione della sfida climatica e ambientale, solo 2 docenti su 10 si dichiarano fiduciosi nelle istituzioni in tal senso. La maggioranza crede però convintamente nel valore delle iniziative educative tese ad aumentare la sensibilità delle persone sul valore del proprio contributo individuale per combattere le sfide ambientali.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Economia

Industria Felix, Ravani (M&L Consulting Group):...

Published

on

"Faccio le mie congratulazioni alle imprese premiate in questo evento Industria Felix, 48 eccellenze italiane premiate qui in Veneto, in questa location meravigliosa. Oggi come partner di M&L Consulting Group - ha commentato Silvia Ravani, partner e co-founder della società - abbiamo affrontato temi fondamentali come l’importanza delle operazioni di M&A nel soddisfare molteplici esigenze strategiche degli imprenditori, la cui prima esigenza è quella di crescita ed un’altra esigenza è quella di gestione dei passaggi generazionali; entrambe queste esigenze appunto vengono supportate sia dalle operazioni di M&A sia dalla strutturazione di gruppi societari che permettono di acquisire notevoli vantaggi, per esempio la possibilità da parte della holding di fare attività di direzione e coordinamento, di avere un più agevole accesso al canale bancario, di ridurre il rischio del business perché rimane in capo alle singole società e non a livello di gruppo, quello di mantenere i conflitti all’interno del gruppo, per poi evidentemente avere anche vantaggi fiscali quali la pex, il consolidato fiscale piuttosto che l’iva di gruppo e diciamo che in sintesi - ha concluso Ravani - questo tipo di operazioni appunto permettono la crescita delle industrie e permettono alle stesse di rimanere competitive in mercati sempre più complessi, globalizzati e in rapida evoluzione".

Continue Reading

Curiosità

Roll-up pubblicitari monofacciali o bifacciali: quando...

Published

on

roll-up pubblicitari sono strumenti di comunicazione visiva efficaci e versatili, utilizzati in numerosi contesti per attirare l’attenzione di possibili clienti. Tra le varie opzioni disponibili, i roll-up monofacciali e bifacciali sono tra i più comuni. Ma quando è opportuno utilizzare uno piuttosto che l’altro? Di seguito andremo ad esplorare le caratteristiche, i vantaggi e le situazioni ideali per l’uso dei roll-up monofacciali e bifacciali.

Cosa sono i roll-up pubblicitari?

roll-up pubblicitari sono supporti grafici costituiti da un banner avvolgibile che può essere facilmente montato e smontato. La struttura è leggera e portatile, rendendola ideale per eventi temporanei come fiere, congressi, e presentazioni. I roll-up possono essere monofacciali o bifacciali, a seconda che presentino una sola faccia stampata o entrambe.

Aziende come Delducaprint.com offrono una vasta gamma di modelli di roll-up banner tra cui scegliere, ciascuno caratterizzato dalla funzionalità di auto-avvolgimento del telo sulla struttura portante. Questa caratteristica consente di spostare facilmente il roll-up da un ambiente all’altro, garantendo praticità e versatilità.

In base al budget a disposizione, è possibile scegliere un espositore roll-up banner che combini qualità e convenienza. Il modello più richiesto è il monofacciale, che presenta la grafica stampata su un solo lato, mentre il retro rimane invisibile o posizionato in modo da non attirare l’attenzione.

Caratteristiche dei roll-up monofacciali

roll-up monofacciali presentano una sola superficie stampata, visibile solo da un lato. Questo tipo di roll-up è particolarmente utile in contesti dove l’attenzione del pubblico è concentrata in una direzione specifica. Sono spesso utilizzati in ambienti interni come punti vendita, showroom, e stand fieristici. La loro semplicità li rende facili da installare e da gestire, oltre a essere generalmente più economici rispetto ai modelli bifacciali.

Vantaggi dei roll-up bifacciali

roll-up bifacciali offrono una visibilità a 360 gradi, grazie alla stampa su entrambe le facce del banner. Questa caratteristica li rende ideali per situazioni dove il messaggio deve essere visibile da più angolazioni, come eventi all’aperto, centri commerciali e grandi spazi espositivi. I roll-up bifacciali sono particolarmente efficaci nel catturare l’attenzione del pubblico da diverse direzioni, aumentando così l’impatto del messaggio pubblicitario.

Quando scegliere i roll-up monofacciali

roll-up monofacciali sono la scelta giusta quando si ha bisogno di una soluzione semplice ed economica per un’esposizione diretta. Sono ideali per:

  • Eventi interni: come conferenze, workshop e presentazioni aziendali;
  • Punti vendita: per promozioni temporanee o informazioni sui prodotti;
  • Stand fieristici: dove lo spazio è limitato e l’attenzione del pubblico è diretta verso un’unica direzione.

Quando optare per i roll-up bifacciali

roll-up bifacciali sono preferibili quando si necessita di una visibilità maggiore e da diverse angolazioni. Sono perfetti per:

  • Eventi all’aperto: come fiere, mercati e manifestazioni;
  • Centri commerciali: dove il pubblico si muove in tutte le direzioni;
  • Grandi spazi espositivi: dove è fondamentale catturare l’attenzione da più punti di vista.

Conclusioni finali

La scelta tra roll-up monofacciali e bifacciali dipende dalle specifiche esigenze di visibilità e dal contesto in cui saranno utilizzati. Entrambe le soluzioni possono offrire vantaggi significativi in termini di comunicazione visiva e possono essere facilmente personalizzate per adattarsi a diverse situazioni.

Per una vasta gamma di soluzioni pubblicitarie, inclusi i roll-up monofacciali e bifacciali, è possibile visitare il sito di Delducaprint.com. Del Duca Print è una tra le migliori aziende del settore, specializzata nella realizzazione di insegne pubblicitarie e roll-up, in grado di offrire prodotti di alta qualità per soddisfare ogni esigenza promozionale.

Continue Reading

Economia

Donazzan (Regione Veneto): “Industria Felix utile per...

Published

on

"Industria Felix è un riconoscimento di come sappiamo anche avere ottime gestioni della parte strategica, amministrativa, finanziaria ed è importante per essere attrattivi". Lo ha dichiarato la neo eurodeputata di Fratelli d’Italia e assessore al Lavoro e alla Formazione della Regione del Venet, onorevole Elena Donazzan, a margine del 58esimo evento Industria Felix, organizzato dall’omonimo magazine diretto da Michele Montemurro in collaborazione con Cerved e l’Università Luiss Guido Carli. "Io - ha proseguito l’on. Donazzan - nella gestione delle crisi in questi anni ho trovato alle volte qualcuno che proditoriamente veniva e voleva acquistare aziende, pur ritenendole fragili sotto l’aspetto del bilancio. Rafforzare le nostre aziende e certificarle, che rappresenta esattamente una situazione di solidità, significa anche saperle difendere di più e meglio e soprattutto apprezzarle, con un ringraziamento - ha concluso - per Industria Felix perché ci dà modo così di mettere in luce le migliori aziende venete, emilano-romagnole, friulane e del Trentino Alto Adige".

Continue Reading

Ultime notizie

Economia48 minuti ago

Industria Felix, Ravani (M&L Consulting Group):...

"Faccio le mie congratulazioni alle imprese premiate in questo evento Industria Felix, 48 eccellenze italiane premiate qui in Veneto, in...

Curiosità52 minuti ago

Roll-up pubblicitari monofacciali o bifacciali: quando...

I roll-up pubblicitari sono strumenti di comunicazione visiva efficaci e versatili, utilizzati in numerosi contesti per attirare l’attenzione di possibili clienti. Tra...

Economia53 minuti ago

Donazzan (Regione Veneto): “Industria Felix utile per...

"Industria Felix è un riconoscimento di come sappiamo anche avere ottime gestioni della parte strategica, amministrativa, finanziaria ed è importante...

Spettacolo60 minuti ago

Euro 2024 e ascolti tv, Rai 1 vince di nuovo prima serata...

Secondo posto per 'Segreti di Famiglia' su Canale 5, terzo per Rai3 con 'Report' La partita per Euro 2024 tra...

Demografica1 ora ago

Il Reddito di cittadinanza ha aiutato pochi poveri (veri)

Nonostante i 34 miliardi di euro spesi, il Reddito di cittadinanza (Rdc) ha permesso soltanto a 2 famiglie povere su...

Economia1 ora ago

Sardegna, nuova iniziativa di Ichnusa contro bottiglie...

Post Content

Cronaca1 ora ago

Migranti, nuova tragedia: trovati 10 morti su barcone,...

Nuovi sbarchi a Lampedusa, nella notte arrivati in 173 Nuova tragedia dell'immigrazione nel Mediterraneo. La nave Nadir della Ong tedesca...

Ultima ora1 ora ago

Bottiglie abbandonate in Sardegna, al via nuova iniziativa...

Raccolta del vetro con bidoni decorati da muralisti con messaggi in difesa dell’isola Fare squadra contro il degrado perché la...

Demografica1 ora ago

Donne e giovani, a che punto siamo con i progetti del Pnrr

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) dedica un’attenzione specifica ai temi della coesione sociale. La disparità di genere...

Cronaca1 ora ago

Valle D’Aosta, alpinista precipita e muore sul Gran Paradiso

L'uomo si trovava in vetta quando, per cause in fase di valutazione, è caduto Intervento del Soccorso Alpino Valdostano questa...

Sport1 ora ago

Fedez querela Marcell Jacobs, campione rischia processo per...

Come riporta il Corsera, la Procura di Brescia ha depositato l'avviso di conclusione delle indagini sulla vicenda risalente al 2021...

Immediapress1 ora ago

EURO 2024 nel mirino dei cybercriminali

Kaspersky scopre fake ticket, streaming a basso costo e criptovalute di Harry Kane Milano, 17 giugno 2024 . Con l’inizio...

Moda1 ora ago

Prada, l’uomo tra verità e finzione

Per la prossima primavera-estate dedicata al menswear Miuccia Prada e Raf Simons realizzano una collezione istintiva nella quale invitano a...

Cronaca2 ore ago

Sole e caldo con anticiclone africano, picchi di 40°C...

Le previsioni meteo della settimana L'anticiclone africano porta sole e caldo su tutta l'Italia, ma al Nord non mancheranno annuvolamenti...

Economia2 ore ago

Sicurezza Stradale, test Altroconsumo conferma buoni...

Da settembre cambiano le norme per l'utilizzo, no a prodotti seconda mano Altroconsumo ha svolto un’indagine confrontando diversi modelli di...

Tecnologia2 ore ago

Satelliti e sismologia: verso un sistema di allerta precoce...

Nuove tecnologie identificano anomalie elettromagnetiche che potrebbero preannunciare terremoti Una rivoluzionaria ricerca pubblicata sul "Journal of Applied Geodesy" suggerisce che...

Tecnologia2 ore ago

L’Impatto dell’Intelligenza Artificiale nel...

l'IA sta rimodellando il futuro del reclutamento professionale Una recente indagine condotta da LinkedIn, Future of Recruiting, il più grande...

Economia2 ore ago

Chi è Claudio Graziano, il presidente di Fincantieri...

Classe 1953, al vertice del colosso cantieristico dal 2022, Graziano veniva dal mondo militare, dagli studi all'Accademia di Modena fino...

Tecnologia2 ore ago

Realme: Sky Li, ‘ritorno serie GT con AI dà una scossa...

Il fondatore e Ceo: "Il GT 6 destinato ai giovani utenti" Con l’obiettivo imporsi sul mercato di fascia alta e...

Tecnologia2 ore ago

Realme: la serie GT 6 riparte dall’Europa con l’AI per...

Il lancio del marchio di smartphone a Milano il 20 giugno I nuovi flagship della serie GT 6 faranno il...