Connect with us

Lavoro

Ancot, 40 anni in difesa e al fianco dei tributaristi

Published

on

Il presidente Bottoni: "Realtà radicata sul territorio nazionale e viva, grazie al contributo quotidiano di ogni singolo associato"

Ancot, 40 anni in difesa e al fianco dei tributaristi

Ancot, Associazione nazionale consulenti tributari, compie 40 anni di promozione, tutela e difesa dei tributaristi. “L’Associazione nazionale consulenti tributari - ha dichiarato il presidente Celestino Bottoni in occasione dell'incontro organizzato per i 40 anni - è una realtà radicata sul territorio nazionale e viva, grazie al contributo quotidiano di ogni singolo associato. Quando penso al passato, riaffiorano alla mente innumerevoli episodi, molte persone amiche che sono da sempre al nostro fianco oppure che, purtroppo, ci hanno lasciato e di cui serbiamo un meraviglioso ricordo. Idee, battaglie, conquiste, emozioni: questo è il nostro patrimonio che non disperderemo, il punto di partenza per continuare a far vivere, quotidianamente, la nostra associazione. Insieme”.

“L’Ancot - spiega Lucia Albano sottosegretario di Stato del Mef - è un importante punto di riferimento a livello nazionale nell’ambito della consulenza tributaria, che svolge un ruolo importante e centrale anche nell’ambito della riforma del fisco, la quale sta procedendo con grande rapidità. La delega fiscale ha visto già dodici decreti attuativi in approvazione, su cui stiamo lavorando sulla linea della semplificazione, della chiarezza e della certezza del diritto”.

Per Andrea Putzu, consigliere regionale delle Marche e presidente della seconda Commissione consiliare permanente “sono quarant’anni importanti quelli dell’Ancot, perché voi tributaristi siete le sentinelle e i consiglieri delle imprese. Il vostro è un lavoro fondamentale, soprattutto in tempi come questi di crisi economica. Auspico a breve un incontro con tutti i referenti provinciali e il referente regionale per una collaborazione sempre più stretta. Anche noi nelle Marche stiamo supportando gli investimenti delle imprese con la programmazione europea e con il fondo 'Credito futuro Marche'. La vostra opera, che svolgete egregiamente a livello nazionale, potrebbe portare anche nelle Marche alla creazione di un tavolo in cui potreste esporci le vostre idee”.

Marco Giuliani, dell'Università Politecnica delle Marche, ha ricordato il primo master sui principi contabili, organizzato con l’Ancot nel 2014 seguito poi da numerosi altri momenti di formazione: “Voi siete oggi chiamati ad essere parte attiva, al fianco delle imprese, di numerosi mutamenti: la riforma in atto cambierà radicalmente l’approccio alla fiscalità e voi ne sarete interpreti attivi, ma anche altri temi come la sostenibilità e la digitalizzazione renderanno ancor più importante il vostro ruolo”.

“I vostri quarant’anni di lavoro sono d’ispirazione per l’intera confederazione - ha aggiunto il presidente della confederazione Aepi, Mino Dinoi - perché non si può raggiungere tale traguardo senza competenza ed entusiasmo, senza voglia di crescere: si tratta di un patrimonio per l’intera comunità e anche per la Confederazione, che intende festeggiare i quarant’anni Ancot a maggio, durante il prossimo Meeting Aepi”.

“Nei nostri quarant’anni di attività - sottolinea il presidente Bottoni - ci sono stati momenti in cui gli uomini dell’associazione hanno deciso di passare il testimone ai giovani, dopo aver dato ampia testimonianza del loro valore. Vedo tanti giovani che ci permettono di immaginare, fra dieci anni, un cinquantennale ancora più ricco di episodi da ricordare e traguardi da festeggiare. Loro saranno la nuova classe dirigente nella misura in cui ognuno di noi, oggi, saprà interessarli, aiutarli, sostenerli. In fondo, le persone da cui abbiamo imparato tutto, in associazione, non sono quelle che ci hanno rimbrottato per ogni minimo errore, ma che ci hanno lasciati liberi anche di sbagliare, purché il nostro lavoro fosse stato svolto con spirito positivo e proattivo”.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Lavoro

SitoWP.it: rivoluziona la gestione di siti web WordPress, e...

Published

on

SitoWP.it: rivoluziona la gestione di siti web WordPress, e compie 18 anni dedicati alle aziende e i professionisti

In collaborazione con WP-hosting.it

Il panorama digitale in continua evoluzione richiede soluzioni innovative: sempre più aziende e professionisti si affidano a piattaforme come WordPress per costruire la loro presenza online. Tuttavia, la gestione di un sito web e’ spesso un'impresa complessa, con una serie di sfide tecniche e burocratiche da affrontare.

WordPress e’ attualmente la piattaforma OpenSource piu grande al mondo, e annovera tra i suoi contributori partner come il Pentagono, la Nasa, ma anche i Rolling Stones, la Ferrari, Microsoft e innumerevoli altri attori dello stesso calibro, ma anche centinaia di migliaia di piccole e piccolissime imprese in tutto il mondo.

SitoWP.it, e’ una startup fondata da un team di giovani sviluppatori italiani, che ha recentemente celebrato un importante traguardo: compie quest’anno diciotto anni di impegno nel rendere il mondo di WordPress più semplice e accessibile per aziende e professionisti.

SitoWP.it rappresenta un unicum nel panorama del web, fornendo ai propri clienti ben tre portali di appoggio per tutti i servizi che rappresentano l’intero panorama delle esigenze di un'azienda di grandi o piccole dimensioni che investe nel web.

Questi servizi possono essere acquistati separatamente attraverso sistemi automatizzati: Hosting, Assistenza per il sito web e Realizzazione di progetti web e visibilità, tutto è automatizzato, ma dietro questi sistemi una squadra di tecnici lavora in modo instancabile per i nostri siti web.

SitoWP.it nasce per rispondere all’incessante esigenza di web: una startup che sta rivoluzionando il mondo dei siti WordPress e dei servizi ad esso associati (dall’hosting alla consulenza strategica), semplificando la vita di migliaia di utenti.

Oltre a offrire soluzioni professionali e accessibili per la gestione di siti WordPress, SitoWP.it si distingue per la sua attenzione a diversi aspetti cruciali per il successo online delle aziende:

  •  Sicurezza informatica: SitoWP.it aiuta le aziende a proteggere i loro siti web da minacce informatiche, garantendo la sicurezza dei dati e la tranquillità dei propri clienti.
  •  Consulenza web esperta: SitoWP.it mette a disposizione dei propri clienti un team di consulenti web esperti, pronti a fornire supporto tecnico e una guida personalizzata per ogni esigenza.
  • Scelta dell'hosting ideale: SitoWP.it aiuta le aziende a scegliere il giusto piano di hosting, garantendo prestazioni ottimali e scalabilità in base alle reali necessità.
  •  Miglioramento delle performance: SitoWP.it offre servizi di ottimizzazione del sito web per migliorare velocità, caricamento e user experience, favorendo un aumento del fatturato online.
  • Sviluppo della presenza online: SitoWP.it affianca le aziende nella creazione di una strategia di marketing digitale efficace, per aumentare la visibilità online e raggiungere nuovi clienti.

Il recente ciclo di finanziamento chiuso da SitoWP.it conferma il crescente interesse degli investitori per il settore della gestione dei siti web. Questo importante traguardo permetterà all'azienda di accelerare la propria crescita, sviluppare ulteriormente la piattaforma e ampliare la propria presenza sul mercato.

"Semplificare il processo di gestione dei siti web per tutti" e’ la visione di questa azienda e la scritta che campeggia sui muri dei loro uffici.

SitoWP.it si afferma come un leader nel campo della gestione dei siti web WordPress, guadagnandosi la fiducia e il sostegno di aziende e professionisti in tutta Italia. La loro continua innovazione, la dedizione al servizio clienti e l'attenzione a tutti gli aspetti cruciali del successo online pongono SitoWP.it come partner ideale per le aziende che desiderano sfruttare al massimo il potenziale del web.

Continue Reading

Lavoro

Turismo: lungo la Wild Atlantic Way, dove il saper fare...

Published

on

Lungo l'itinerario turistico che accompagna da 10 anni i visitatori si possono conoscere aziende che tramandano attività tradizionali

Turismo: lungo la Wild Atlantic Way, dove il saper fare irlandese diventa esperienza

Da dieci anni la Wild Atlantic Way, la strada che per 2.500 chilometri segue la costa occidentale dell’Irlanda affacciata sull’Oceano, attira i visitatori di tutto il mondo per la sua natura incontaminata e i suoi paesaggi selvaggi. Grazie all’itinerario turistico segnalato creato nel 2014 da Fáilte Ireland, l’autorità nazionale per lo sviluppo del turismo, e promosso all’estero da Tourism Ireland. Ma a renderla unica è anche la sua gente, con la sua rinomata ospitalità e quell’essere laboriosa che tenacemente ha portato anche questo angolo più remoto dell’isola ad affermarsi come meta internazionale. Così, oltre ad ammirare panorami mozzafiato e a praticare tutto ciò che una vacanza ‘active’ possa offrire, dal biking al surf, si può entrare in contatto con le tante piccole e grandi aziende che, spesso da generazioni, portano avanti attività tradizionali, conoscere prodotti e produzioni, immergersi nella vita dei piccoli centri come un ‘temporary citizen’. In tempi in cui il turista è sempre di più a caccia di esperienza, la Wild Atlantic Way è sicuramente una destinazione dove ‘sperimentare’ il saper fare.

A cominciare dalla più settentrionale delle nove contee attraversate dall’itinerario, il Donegal. Una parte dell’isola remota e bellissima, schiacciata tra l’Oceano - su cui si gettano scogliere tra le più alte d’Europa, come Sliabh Liag, gettonatissima meta di escursioni tanto da vantare un nuovissimo Visitors Centre - e l’invisibile confine con l’Irlanda del Nord, che neanche la Brexit ha accentuato. E che si è riscattata come nuova destinazione tutta da scoprire proprio grazie alla Wild Atlantic Way.

Il Donegal è la ‘patria’ del celebre tweed, come a dire che il ‘saper fare’ qui non è secondo a nessuno. Con questo elegante tessuto in lana a trama spinata si confezionano giacche, abiti, cappelli e persino cravatte, anche per conto dei più grandi brand di moda internazionale. Sono molte le aziende che tramandano questa tradizione e qualcuna ha deciso anche di condividerla con i turisti, aprendo la propria fabbrica al pubblico per una visita guidata. Lo ha fatto, ad esempio, da un anno, Hanna Hats, dove Eleanor Hanna, terza generazione di un’azienda che lavora al centro della città di Donegal dal 1924, mostra come le sarte cucitrici e macchiniste sono in grado di realizzare in mezz’ora un cappello, che sia un’iconica coppola da uomo o una femminile cloche.

Non lontano, ad Ardara, una ‘summa’ di prodotti artigianali, tessili ma non solo, della regione si può trovare nella galleria Donegal Designer Makers. E i pezzi più interessanti sono esposti anche in alcuni degli esclusivi resort che la zona offre, come Harvey’s Point, premiato come ‘Miglior albergo d’Irlanda’ da Tripadvisor ed esso stesso un’esperienza, che racchiude una intrigante storia famigliare celata nella pace del lago Eske.

Quanto a storie, miti e leggende, infatti, l’Irlanda ne ha da vendere. E un modo speciale per averne un assaggio è anche l’esperienza notturna al Nephin National Park nella Mayo’s Dark Sky Reserve: per raggiungerlo ci si affida alle guide del parco che offrono il pick up nell’albergo in cui si alloggia (tra i più vicini i Mulranny Park Hotel affacciato sulla laguna) per condurre i visitatori, nel bel mezzo della notte, fino al Visitor Centre dove ad attenderli c’è un prestigiatore che tra giochi e magie narra racconti e aneddoti a lume di candela. I più fortunati, se il cielo è limpido, potranno anche mettersi in osservazione delle stelle, con spiegazione di galassie e pianeti.

Tra le attività più importanti lungo la Wild Atlantic Way, certamente quelle legate al mare. In particolare in quel tratto protetto da Achill Island, la più grande ‘isola dell’isola’ di Irlanda, collegata al resto del paese solo dal Michael Davitt Bridge, oltrepassato il quale si scoprono spiagge pluripremiate, come Keem beach, raggiungibili anche in bici lungo la Great Western Greenway. Poi, scogliere a picco ma anche ruderi di castelli e il famoso ‘Villaggio deserto’, impronta di un passato che ha segnato questa nazione con povertà e carestia costringendo milioni di irlandesi ad abbandonare le proprie case ed emigrare.

Se la pesca è certamente nota, soprattutto di merluzzo (lo provano fritto tutti i golosi di fish&chips) e di salmone (dal sentore selvatico, questa specie irlandese a torto poco conosciuta all’estero), non tutti sanno che qui ci sono allevamenti di ostriche di primissima qualità, che nulla hanno da invidiare a quelle francesi, grazie al particolare microclima che caratterizza le insenature che ritagliano la costa. Temperatura, umidità, venti, flora, marea, tutto contribuisce a questo processo che dura dai 3 ai 6 anni, quanti ne servono per ottenere un’ostrica pronta per il consumo, portato avanti da un’acquacoltura ormai eroica, minacciata costantemente dal cambiamento climatico.

A raccontarla gli ‘oyster farmers’, come Padraic Gannon, che questo mestiere lo fa da 30 anni nell’azienda di famiglia, da lui stesso trasformata da agricola ad allevamento di ostriche, dopo l’illuminante incontro con un francese, che nel 1984 gli ha aperto gli occhi sull’acquacoltura. Oggi l’azienda Croagh Patrick Seafoods si è aperta ai visitatori e ha appena creato una nuova struttura per accogliere chiunque voglia saperne di più sulle ostriche. Un tour esperienziale che porta a passeggiare tra l’acqua dove affiorano le ceste in cui il prezioso mollusco si sviluppa, provando a scuoterle con quel preciso movimento che solo gli esperti allevatori conoscono; si può poi imparare come aprire il guscio con lo speciale coltellino e naturalmente assaporarle nel ricco tasting proposto con i più gustosi abbinamenti, alghe comprese.

E proprio le alghe aprono una nuova frontiera per il turismo, in questa parte di Irlanda, legato al wellness. Sono ancora poche le strutture che lo fanno ma c’è chi offre trattamenti benessere ed estetici con bagni alle alghe, massaggi con oli essenziali e un’intera linea cosmetica che sfrutta i principi nutritivi di questa pianta acquatica. E’ il caso di Voya Seaweed Bath, dove questa antica pratica viene riproposta in cabine lusso e all’avanguardia, con vista fronte oceano e spalle alla cosiddetta ‘montagna piatta’, il Ben Bulben. Si trova a Strandhill, spiaggia famosa per il surf, tanto da essersi dotata del nuovissimo National Surf Centre, una struttura per accogliere sportivi e appassionati ma anche per offrire un’esperienza, non solo atletica, al visitatore. Come per esempio una passeggiata sugli scogli accompagnati dalle guide di Nourished by Sea Rocks, che spiegheranno tutto sulle alghe, compreso il loro uso per preparare dolci, decotti, medicinali e altro ancora, fra storytelling e degustazione.

Chi invece, in fatto di benessere, ama i ‘rimedi della nonna’ può fare un salto all’Old Irish Goat Centre, dove un gruppo di volontari si prende cura delle poche centinaia di esemplari rimasti e salvati dall’estinzione di questa razza autoctona di capra, che vive sul suolo irlandese da cinquemila anni, simbolo evocativo nella cultura pagana gaelica e fonte di sopravvivenza nel periodo della grande carestia, e da cui ricavano solo il latte per farne una linea speciale di sapone dal forte potere nutriente.

Quella culinaria, si sa, è una delle esperienze di viaggio più ricercate e non manca di certo lungo la Wild Atlantic Way. Basta andare, su tutte, nella cittadina di Sligo: il vivace centro pedonale che si snoda lungo il fiume Garavogue pullula di ristorantini che non ti aspetti. Da qui l’idea di Anthony Gray, imprenditore ed ex golfista, proprietario di due ristoranti, Eala Bahn per il fine dining e Hooked, più informale, di creare ‘Taste of Sligo’: un tour gastronomico guidato attraverso almeno 5 locali della città, compresi un oyster bar, una cioccolateria e un’enoteca, per assaggiare quanto di meglio la costa ovest dell’Irlanda ha da offrire in fatto di prodotti tipici. Un’idea lanciata appena prima della pandemia e ora diventata un must per chi visita questa parte d’Irlanda, che ha reso questo appassionato ristoratore un vero ambasciatore della Wild Atlantic Way.

Chiunque vada in Irlanda, poi, almeno una volta, prova il celebre Irish coffee, vero e proprio simbolo del paese. Ma non tutti sanno come si prepara. In soccorso arrivano le ‘lezioni’ offerte al Clew Bay Hotel di Westport, pittoresca cittadina affacciata sul mare, una delle poche nel paese con un piano regolatore geometricamente disegnato, molto frequentata pure dagli irlandesi nella bella stagione ma anche per congressi, nonché meta di pellegrinaggi per la vicinanza del monte sacro dedicato a St.Patrick (Croagh Patrick), patrono d’Irlanda, e nota anche per l’antica dimora dei discendenti della leggendaria ‘Regina pirata’, Grace O’Malley, che sarebbe vissuta a cavallo del 1500.

In questo albergo, una gestione famigliare avviata fin dagli anni Cinquanta cominciando da un ‘fish&chips’ (una novità per l’epoca in questo angolo del paese), si organizzano, infatti, dei mini-corsi per gli ospiti con tanto di parte pratica e, ovviamente, degustazione finale seguita, per i più meritevoli, da diploma. I proprietari, Maria con suo marito Darren Madden, svelano i segreti di un Irish coffee preparato ad arte - unendo nell’ordine whiskey, zucchero di canna, caffè e, parte più difficile, la panna - ma, soprattutto, raccontano la storia di una famiglia che, nonostante le difficoltà, continua a credere nella Westport Bay, la baia che si apre di fronte alla città e che la Wild Atlantic Way ha portato a riscoprire.

A pochi passi, immancabile il Matt Malloy's Pub, sempre aperto per una autentica serata irlandese: il proprietario, da cui prende il nome, è un flautista che si esibisce con una delle più famose band irlandesi di musica tradizionale, The Chieftains, nel ‘back bar’ di fronte al caminetto acceso. Quella del pub, del resto, è una delle esperienze da non perdere in Irlanda. Ad Ardara, il Nancy’s Bar, gestito da sette generazioni dalla stessa famiglia, sembra una casa d’altri tempi, dove tra cimeli e collezioni di pinte si può degustare una pluripremiata soup a base di pesce.

In una città come Sligo, poi, non c’è che l’imbarazzo della scelta: si può andare da Hargadon’s, che conserva gli arredi originali risalenti al 1864 e serve un’ampia scelta di birre artigianali locali, oppure al Thomas Connolly’s Bar, il più antico della città, dove sin dal 1861 sono passati personaggi famosi. Uscendo, non passa inosservata la statua in bronzo del poeta e drammaturgo irlandese William Butler Yeats, Premio Nobel per la letteratura, che trascorse molto tempo proprio a Sligo. Una “terra dei desideri e del cuore” la definisce nei suoi tanti scritti dedicati a questi luoghi. Perché anche questo angolo d’Irlanda “va dritto al cuore”, e ci resta.

Continue Reading

Lavoro

Turismo, in Irlanda compie 10 anni la Wild Atlantic Way:...

Published

on

E’ la via costiera segnalata più lunga del mondo, con 188 Discovery Point in un paesaggio incontaminato

Turismo, in Irlanda compie 10 anni la Wild Atlantic Way: meta iconica e volano per l'economia

Compie dieci anni la Wild Atlantic Way, la strada che corre lungo la costa occidentale dell’Irlanda, guardando all’Oceano, in quell’angolo estremo d’Europa dove il mare nei secoli ha scolpito insenature e scogliere. E’ la via costiera segnalata più lunga del mondo, si estende per ben 2.500 chilometri, dalla regione più settentrionale dell’isola, il Donegal, alla contea di Cork, a sud-est. Si può percorrere in entrambe le direzioni, verso Nord fino a Malin o in direzione Sud fino a Kinsale, attraversando nove contee. Un itinerario turistico creato con lungimiranza un decennio fa, per sviluppare un turismo sostenibile in questa area poco conosciuta, ma anche fragile, e contrastare la crisi che ha colpito pure questo settore dopo il 2007. E che, con i suoi 188 Discovery Point, diventati essi stessi icone da immortalare in foto, ha accompagnato i viaggiatori attraverso località remote e pressoché inesplorate.

Un paesaggio incontaminato che ha attratto non solo turisti a caccia di esperienze lontane dai sentieri battuti, ma anche registi e produttori di tutto il mondo: ‘Star wars’, ‘Gli spiriti dell’isola’, ‘Normal People’ e ‘La figlia di Ryan’ sono solo alcuni dei film girati in questo set cinematografico a cielo aperto.

A distanza di 10 anni, la Wild Atlantic Way mantiene inalterato il suo fascino e si è rivelata una delle iniziative turistiche di maggiore successo del paese. Un vero e proprio brand che ha contribuito allo sviluppo di una fiorente industria turistica, che ha portato all’economia locale e nazionale un indotto di 3 miliardi di euro. Rispetto al 2013 si registra un +29% di visitatori e un 57% di spesa generata da stranieri. In questi primi dieci anni, le attività legate al turismo sono aumentate del 60% e sono 400 le nuove esperienze offerte ai turisti, dal cicloturismo al trekking.

Un percorso epico e selvaggio, fra rocce scoscese, grotte nascoste e spiagge deserte, che può essere esplorato a piedi, in bicicletta, in moto o in auto, in qualsiasi momento dell’anno, sotto il proverbiale cielo di un’isola dove le quattro stagioni si possono vivere in un’ora, con il sole a sorprendere anche nelle giornate tipicamente uggiose. Lungo la Wild Atlantic Way si susseguono 63 spiagge, cinque parchi nazionali, 26 isole abitate e altre centinaia completamente selvagge. E, ancora, due Dark Sky Reserve e il sito di Skelling Michael, patrimonio mondiale dell’Unesco. Di fama mondiale, poi, i campi da golf immersi nel verde, che è emblema dell’isola, e le spiagge dove si può praticare surf nelle migliori condizioni di onde e vento.

Con le sue bellezze naturali la Wild Atlantic Way, nei suoi primi dieci anni, è ormai diventata una destinazione famosa a livello internazionale. Ma a renderla caratteristica sono anche i villaggi e le cittadine che si incontrano percorrendola da Nord a Sud, tra fari, castelli, antiche dimore e cottage dai tetti di paglia. Si può soggiornare in piccole ‘accomodation’ a conduzione famigliare o in lussuosi resort, assaporare cucine stellate e prodotti tipici, con il pesce dell’Atlantico a farla da padrone.

E tra un tè accompagnato dagli scones di eredità britannica, una birra artigianale o una immancabile Guinness, un must è anche la degustazione di whisky direttamente in distilleria. Come pure non si può fare a meno di entrare in un pub, luogo di ritrovo per definizione, dove si respira lo spirito irlandese più autentico e si ascolta musica tradizionale. Né si può rinunciare a provare un Irish coffee preparato ad arte, che riscalda corpo e anima. Proprio come la gente, ospitale e generosa, orgogliosa e tenace, che la Wild Atlantic Way fa incontrare.

Per celebrare questo 10° anniversario, Tourism Ireland nel 2024 ha promosso una campagna dedicata specificatamente alla Wild Atlantic Way. Come spiega Alice Mansergh, Ceo di Tourism Ireland, “in questo traguardo di dieci anni, mostreremo quanto la Wild Atlantic Way ha da offrire in 14 mercati del mondo, attraverso media e canali tv e digitali”. “Con il nostro partner Fáilte Ireland, insieme con i governi e le comunità locali, abbiamo creduto in questa strada che oggi compie dieci anni come itinerario turistico - aggiunge - ma che rappresenta un paesaggio naturale e una eredità culturale con una storia millenaria. Ed è stato un piacere contribuire a rendere la Wild Atlantic Way famosa in tutto il mondo”.

Anche il mercato italiano è coinvolto nella campagna. “La Wild Atlantic Way è un progetto che ha saputo dialogare autenticamente con i territori, diventare un’effettiva risorsa per le comunità locali, generando un’economia basata sul turismo in tutte e nove le contee attraversate lungo la costa occidentale dell’isola, mettendo sempre al primo posto la difesa del nostro bene più prezioso: la nostra terra e il nostro mare. Il fattore umano è uno degli elementi importanti per il successo della Wild Atlantic Way, che, coinvolgendo le comunità, le aziende e le istituzioni locali nello sviluppo di prodotti, infrastrutture ed esperienze turistiche, ha generato 35mila nuovi posti di lavoro nel turismo, raggiungendo un totale pari a 121mila posti, diventando il primo percorso turistico del Paese, con un indotto annuale di circa 3 miliardi di euro”, commenta Marcella Ercolini, direttrice di Turismo Irlandese in Italia.

“Gli italiani amano la Wild Atlantic Way, e i collegamenti aerei diretti tra diverse città italiane verso i tre aeroporti regionali, Shannon, West Ireland Knock e Cork, consentono di arrivare direttamente sulla costa ovest, permettendo ai viaggiatori italiani di scoprire aree lontane dalle rotte più battute, partendo da nord, pensiamo al Donegal, scendendo poi al centro verso Galway, il Connemara e le isole Aran, per poi proseguire verso sud con il Kerry e la capitale gastronomica d’Irlanda, Cork”, sottolinea.

Fáilte Ireland, l’autorità nazionale per lo sviluppo del turismo, che dieci anni fa ha scommesso su questo itinerario, ha investito oltre 120 milioni di euro in almeno 50 progetti e lanciato 10 piani di sviluppo delle destinazioni. “Un decennio fa, la Wild Atlantic Way ha trasformato il paesaggio turistico irlandese, mettendo insieme coste selvagge, antica eredità e calorosa ospitalità, in una cornice che ha catturato cuori in tutto il mondo”, afferma il Ceo di Fáilte Ireland, Paul Kelly.

“Fáilte Ireland - ricorda - ha lanciato la Wild Atlantic Way nel 2014 per rispondere a una crisi globale che ha colpito in particolare la costa occidentale. Il brand mirava a creare un’esperienza che reimmaginasse la costa. L’ambizione era di unire la regione attraverso una strada turistica continua e definita, presentandola in modo che fosse attrattiva per i turisti e che fungesse da motore economico per l’Irlanda occidentale. Un progetto su cui abbiamo avuto una straordinaria collaborazione sia delle istituzioni pubbliche sia del settore privato. Le comunità locali hanno abbracciato questo progetto dall’inizio, lo hanno fatto proprio e continuano a incarnarne l’essenza”.

“Come agenzia di sviluppo - conclude - abbiamo continuato a investire nella Wild Atlantic Way, dalle grandi attrazioni alle piccole esperienze per i visitatori. E nei prossimi 5 anni investiremo oltre 70 milioni di euro nello sviluppo sostenibile di questo prodotto turistico. I trend turistici evolvono, i viaggiatori cercano esperienze autentiche e crediamo che la Wild Atlantic Way possa offrirle. Oggi la Wild Atlantic Way è diventata molto di più che una strada turistica, è un invito internazionalmente riconosciuto a esplorare il cuore e l’anima dell’Irlanda dell’Ovest. E’ un brand ancora giovane, con molte potenzialità da sviluppare e questo anniversario segna un primo decennio di quello che sappiamo sarà una eredità durevole”.

Continue Reading

Ultime notizie

Economia2 ore ago

Olio: Calabria protagonista Premio Verga per migliori...

Si è svolta sabato e domenica a Cotronei l’ottava edizione del Premio Verga per i migliori oli extravergini di oliva...

Economia2 ore ago

Caffè, per 7 italiani su 10 berlo è esperienza che va oltre...

Secondo la ricerca realizzata da AstraRicerche per Consorzio Promozione Caffè Sono poche le cose che mettono d’accordo gli italiani e...

Cronaca2 ore ago

Maturità 2024, impazza toto-tracce: D’Annunzio, Pirandello...

Tra i pronostici ci sono anche gli 'usati sicuri' Ungaretti e Montale, l'intelligenza artificiale e il delitto Matteotti A un...

Ultima ora2 ore ago

Fedez è stato male ma non è ricoverato

Il rapper avrebbe dovuto partecipare sabato alla registrazione della prima puntata del programma di Alessandro Cattelan "Federico è stato male,...

Economia2 ore ago

A ‘Lezione di sicurezza informatica’ al...

La 1ª edizione della Cybsec-expo, l’innovativo appuntamento interamente dedicato alla sicurezza informatica, alla protezione dei dati e delle infrastrutture critiche,...

Economia2 ore ago

Agricoltura, Corsi (Syngenta): “Collaborazione...

La responsabile globale ricerca Crop protection Syngenta, a margine del panel 'Ricerca pubblica e privata: un intreccio sempre più indissolubile?',...

Cronaca2 ore ago

Matteo Salvini, ladri nella sua casa di Roma

Alcune persone, dopo essersi introdotte nel giardino, avrebbero alzato l'avvolgibile e forzato la porta finestra Ladri ieri sera prima di...

Gastronomia2 ore ago

Grande successo de “La Spagna al Femminile” a...

Padova, 15 maggio 2024 – Ieri sera la città di Padova è stata l’epicentro di un incontro culinario senza precedenti,...

Cronaca2 ore ago

Peculato e truffa, divieto dimora a Cefalù per Gianfranco...

L'ex presidente dell'Ars avrebbe usato l'auto blu in maniera irregolare: "Andrò a spiegare tutto ai magistrati, non credo di avere...

Economia3 ore ago

Scuola, Cida-Censis: giudizio positivo su dirigenti per...

E per 65,6% italiani la sanità ha tenuto nel tempo per abnegazione medici Il 52,7% degli italiani in famiglie con...

Ultima ora3 ore ago

Lavoro, Cida-Censis: impegno e talento non riconosciuto per...

Riconoscere ruolo decisivo fattore umano per 88,1% italiani Il 57,9% degli italiani ritiene che in Italia impegno nel lavoro e...

Ultima ora3 ore ago

Consumi, Cida-Censis: per 59,7% italiani proprio tenore di...

Per 59,6% italiani pensionati che lo vogliono possono lavorare  Il 54,2% degli italiani prova un senso di declassamento, la sensazione...

Ultima ora3 ore ago

Redditi, Cida-Censis: 11,3% si sente ceto medio con reddito...

Per 76% italiani sempre più difficile salire scala sociale Tradizionalmente il ceto medio ingloba la maggioranza della popolazione italiana. Il...

Esteri3 ore ago

Kharkiv ancora sotto attacco, forze Kiev controllano 60% di...

Per le autorità "i raid son ben lontani dal fermarsi" Le Forze Armate ucraine controllano "circa il 60%" di Vovchansk,...

Cronaca3 ore ago

Agricoltura, focus di Syngenta sul valore della sinergia...

Nell’ambito dell’ottava edizione del Mantova Food & Science Festival si è svolto il panel "Ricerca pubblica e privata: un intreccio...

Cultura3 ore ago

L’Oreal sottolinea il coraggio delle donne in terapia...

Nella cornice di Palazzo Giureconsulti in Piazza dei Mercanti a Milano, si è svolta la presentazione della mostra “Il diritto...

Salute e Benessere3 ore ago

Sindrome della ‘testa che scivola sul collo’,...

Quali sono i sintomi della spondilolistesi, come intervenire Nella mitologia greca, Atlante era stato condannato, per aver contrariato Zeus, a...

Immediapress3 ore ago

Luca Maurogiovanni e Filippo Cirrincione: “Innovazione,...

Roma, 20 Maggio 2024. Nel panorama contemporaneo del marketing, dove l'innovazione tecnologica e l'impegno sociale diventano sempre più intrecciati, Vivenda...

Salute e Benessere3 ore ago

Sla, per Aisla bilancio ok e passaggio in Aps

L'Assemblea dei soci ha anche eletto i 13 consiglieri nazionali che guideranno l'associazione per i prossimi tre anni L'Assemblea dei...

Spettacolo3 ore ago

Morto Dimitri Iannone de Il Collegio, tra vittime incidente...

Ventiquattro anni, aveva preso parte al docu-reality in onda su Rai2 quando era 17enn. Il toccante post del professor Maggi...