Connect with us

Spettacolo

Amadeus, ad Rai Sergio: “Impossibile contrastare...

Published

on

Amadeus, ad Rai Sergio: “Impossibile contrastare scelta di vita”

La risposta su Facebook ad alcuni commenti al vetriolo: "Nessuna grande fuga dalla Rai"

Roberto Sergio e Amadeus - (Fotogramma)

Impossibile contrastare una scelta di vita”. Così l’ad Rai, Roberto Sergio, parla su Facebook dell’addio di Amadeus alla Rai, rispondendo ad alcuni commenti sotto a un suo post, in cui saluta il conduttore uscente con un “buona vita Ama e arrivederci!” scritto accanto a una foto che li ritrae insieme abbracciati. Ad un commentatore che annota “si chiama grande fuga, in italiano”, l’Ad risponde: “Caro amico dissento”. E di fronte alla controreplica (“beh Ama non è un caso isolato, direi. E' che oggi ci sono tante ‘mamme’ oltre a Raiset. Questo è pluralismo”) argomenta: “Vero. Ma faccio fatica a fare la lista infinita di talent, conduttori, giornalisti contrattualizzati con Rai ed in molti casi rinnovati proprio in quest’ultimo anno”.

Un concetto ribadito anche in un successivo post dedicato ai 70 anni della televisione: “La Rai ha 100 anni di vita e da 70 anni è la televisione. Negli anni ha visto andare via Mike, Corrado, Raimondo e Sandra, Maurizio, Raffaella, Pippo, Rosario, Fabio e tanti altri, ora Ama. Molti poi sono ritornati. Il servizio pubblico, quest’anno, compie 100 anni ed è sempre al fianco degli Italiani, leader del mercato Radiotelevisivo”. Ad un follower che chiede “ora avanti con Flavio Insinna, che ne pensi?”, Sergio replica: “Spero rimanga nella squadra Rai”.

Ad a chi commenta contento l’uscita di Amadeus perché “far iniziare le meravigliose fiction Rai alle 21,47 è veramente uno scandalo” e aggiunge “speriamo che porti via pure i pacchi”, Sergio risponde: “Ormai puoi vedere tutto su RaiPlay quando vuoi comodamente”.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Spettacolo

Tv, Domenico Cuomo tra ‘Mare fuori’ e...

Published

on

(Us Giffoni)

E’ il volto di alcune delle serie più amate e seguite degli ultimi anni, ‘Gomorra’, ‘Mare Fuori’, ‘Un Professore’, ‘L’amica geniale’, ma Domenico Cuomo, classe 2004, si presenta davanti alla platea del Giffoni Film Festival con una dolcezza e un candore che conquista subito. “Scusate, sono molto ansioso”.

“Da ragazzino non avevo tante occasioni di uscire perché quando andavo a scuola dovevo anche lavorare, e avevo l’ansia di restare indietro con lo studio. Poi un giorno il mio Istituto ha organizzato una sorta di gita a Giffoni. Ero seduto in ultima fila con il mio compagno di banco, emozionatissimo di vedere un film e poter prendere parte poi al suo dibattito. E’ stata un’esperienza indimenticabile per me”, così l’attore inizia l’incontro con i giovani giurati del Festival, ragazzo tra ragazzi, voce delle fragilità della sua generazione, ma allo stesso tempo fuori dal coro comune “Ora combatto l’ansia con la preghiera. Pregare mi aiuta a pensare a cose serene”, rivela candidamente.

“Spero di aiutare qualcuno raccontando la mia esperienza. I ragazzi sono impauriti dal mondo dei grandi, ma io vi dico di non avere paura perché in realtà quando crescete tutto vi apparirà diverso e meno insormontabile. Così a quel ragazzo seduto in ultima fila dico ‘Non avere paura’”.

A teatro con ‘Tredici – il musical contro il bullismo’, Cuomo racconta di essere stato anche lui vittima di questo comportamento “Ho superato tutto quando ho capito chi era in realtà la persona che mi stava bullizzando: ovvero qualcuno non sereno, che cercava vendetta, ingabbiato nella rabbia. Anche lui una vittima del male. I bullizzati in realtà sono i veri liberi, quelli che hanno il coraggio di essere diversi, di restare soli, mentre i bulli sono i non liberi”. “La libertà - ha proseguito - è una cosa che si conquista ogni secondo, perchè può accadere sempre qualcosa che ci chiude”.

La libertà è una condizione che l’attore sente impellente, ma anche fil rouge che lega i suoi personaggi “Voglio fare cose che mi risuonano nell’animo e sposano le mie battaglie”. Narratore del documentario ‘Mi chiamo Giancarlo Siani’, a proposito di questo ruolo, ha detto “E’ stato un onore interpretare Siani, una persona che ha lottato e sacrificato la vita per la libertà ed è quello che voglio fare io. Aldilà del momento in cui l’arte diventa un lavoro. Questo è il mio modus operandi per il cinema, la televisione o il teatro”. Ma aggiunge “Anche Mimì e Cardiotrap, pur diversi hanno dei punti in comune: aiutano il prossimo, non prendono parte alla violenza e hanno il coraggio di sottrarsi per rispettare la libertà del prossimo”. “In questo sono simili a me - prosegue - ma forse Cardiotrap è più coraggioso di me”.

Sollecitato dalle domande dei ragazzi, Cuomo ha tracciato un ritratto dei suoi ruoli. Il personaggio di ‘Mare Fuori’ è stato senza dubbio centrale nella sua carriera ed è cresciuto con lui “Cardiotrap si è evoluto. Nelle ultime stagioni ha metabolizzato il male ma ha cercato sempre di fare le cose giuste, avendo anche il coraggio di non chiedere aiuto. La sua fonte di energia è la musica, come per me la recitazione”. E rivela “Nelle ultime puntate sono proprio io che canto e suono, sono andato a lezione sia di canto che di pianoforte perchè voglio sempre dare il meglio”.

“Mimì invece, - aggiunge a proposito del ruolo di ‘Mimì - principe delle tenebre’ - mi ha fatto scoprire lati di me che non conoscevo, mi ha fatto esplorare quelle che sono le mie zone d’ombra. Credo molto nella spiritualità e in questo film è centrale la metamorfosi: la purezza per continuare a sopravvivere diventa esattamente il suo opposto”. Mentre sul personaggio di Mimmo in ‘Un professore’ dice “Penso che Mimmo già conoscesse e accettasse la sua sessualità, per lui non c’è stata nessuna rivelazione”.

Giovanissimo, Domenico ha già tante esperienze alle spalle, tra cinema, tv, teatro. Non manca l’America che ha sperimentato con ‘Catch-22’, miniserie che vede protagonisti George Clooney, Kyle Chandler e Hugh Laurie “Lavorare in America è completamente diverso, i set sono diversi. Allora avevo 12 anni e mi sembrava di essere in un’altra dimensione. E’ stato come vivere un film nel film”.

E, in attesa delle nuove stagioni di “Un professore 3” e di “Mare Fuori 5”, svela quelli che sono i ruoli che avrebbe voluto interpretare “Brad Pitt in ‘Fight Club’ al cinema e Berlino ne ‘La casa di carta’ per le serie tv”, mentre i suoi miti restano Robert de Niro, Johnny Depp e Gary Oldman “Trasformisti incredibili”.

Continue Reading

Spettacolo

Venezia 81, un elefante in Laguna nell’immagine del...

Published

on

E' firmata da Lorenzo Mattotti, autore anche della sigla

Venezia 81, un elefante in Laguna nell'immagine del manifesto ufficiale

L'illustratore e autore italiano Lorenzo Mattotti firma per il settimo anno l'immagine del manifesto ufficiale, che raffigura un elefante in Laguna, e per il sesto anno la sigla della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, giunta all'81/a edizione (28 agosto – 7 settembre).

Spiega Lorenzo Mattotti: "Cosa ci fa un elefante in Laguna? Sicuramente è un'immagine inconsueta, inaspettata, ma che ci porta indietro con la memoria, quando, molti anni fa, un elefante era arrivato a Venezia e si aggirava per le strette calli veneziane durante un famoso Carnevale della Biennale, quello del 1981. Questo elefante ora attraversa la Laguna e percorre le vie della Fantasia, del Mistero e della Magia che si scopre nel Cinema. È lui stesso Memoria e anche Storia del Cinema: una festa, una parata, uno spettacolo! E questo speciale elefante colorato ci ricorda anche l'Esotico, il Lontano, l'Oriente, uno sguardo verso altre civiltà, altre culture. Alla Biennale Cinema si sono sempre incontrati altri mondi, altri linguaggi, altri immaginari, che da 92 anni arrivano in laguna. Un elefante che va verso Oriente, ma che ha la capacità di accogliere".

Lorenzo Mattotti vive e lavora a Parigi. Esordisce alla fine degli anni ‘70 come autore di fumetti e nei primi anni ‘80 fonda con altri disegnatori il gruppo Valvoline. Nel 1984 realizza Fuochi, che, accolto come un evento nel mondo del fumetto, vincerà importanti premi internazionali. Per il cinema, ha collaborato nel 2004 a Eros di Wong Kar-Wai, Soderbergh e Antonioni, curando i segmenti di presentazione di ogni episodio. E’ stato consulente creativo per Pinocchio di Enzo D’Alò. Con Incidenti, Signor Spartaco, Doctor Nefasto, L'uomo alla finestra e molti altri libri fino a Stigmate edito in Italia da Einaudi, il lavoro di Mattotti si è evoluto secondo una costante di grande coerenza. Oggi i suoi libri sono tradotti in tutto il mondo. Pubblica su quotidiani e riviste come The New Yorker, Le Monde, Das Magazin, Suddeutsche Zeitung, Nouvel Observateur, Corriere della Sera e Repubblica. Per l'infanzia illustra vari libri tra cui Pinocchio e Eugenio che vince nel '93 il Grand Prix di Bratislava. Numerose le sue esposizioni personali tra le quali l'antologica al Palazzo delle Esposizioni di Roma, al FransHals museum di Haarlem ai Musei di Porta Romana. Realizza manifesti, copertine, campagne pubblicitarie ed è suo il manifesto di Cannes 2000 e i manifesti per l'Estate Romana. Nel maggio 2019 ha presentato con grande successo a Cannes, nelle sezione Un certain regard, il suo primo lungometraggio animato come autore e regista "La famosa invasione degli orsi in Sicilia", ispirato alla favola/apologo di Dino Buzzati. Dal settembre 2023 a gennaio 2024 si è tenuta a Brescia, al Museo di Santa Giulia, la mostra Lorenzo Mattotti. Storie, ritmi movimenti. Attualmente, disegni originali dell'artista sono esposti alla grande mostra sui maestri del fumetto al Centre Pompidou di Parigi, intitolata "La BD à tous les étages".

Continue Reading

Spettacolo

Roma, problemi tecnici: stop di 35 minuti per spettacolo...

Published

on

Lo spettacolo, interrotto intorno alle 22, è ripreso da pochi minuti

Roma, problemi tecnici: stop di 35 minuti per spettacolo Bolle a Caracalla

Problemi tecnici hanno causato un'interruzione di 35 minuti durante lo spettacolo Roberto Bolle and friends in corso questa sera alle Terme di Caracalla per il Caracalla Festival 2024, la stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma. Lo spettacolo, interrotto intorno alle 22, è ripreso da pochi minuti.

Continue Reading

Ultime notizie

Esteri55 minuti ago

I punti di forza di Kamala Harris secondo Alcaro (IAI)

Secondo Riccardo Alcaro dell'Istituto Affari Internazionali, Harris è l'unica candidata possibile. Con Trump-Vance uno scontro duro ma entusiasmante "Kamala Harris...

Esteri1 ora ago

Ritiro Biden, la sfida di Kamala Harris: oltre 500 deputati...

Per la vicepresidente più di 10 ore al telefono con oltre 100 leader di partito, membri del Congresso, governatori, dirigenti...

Esteri2 ore ago

Trump: “Biden non ha il covid, oggi dimenticherà di...

Il tycoon tra accuse e colpi bassi nei confronti del presidente Usa: "Se non può candidarsi, non può governare il...

Cronaca3 ore ago

Caldo in pausa, torna qualche temporale: ecco dove e per...

Ma già dal weekend le cose potrebbero cambiare Finalmente una tregua dal caldo africano. Una pausa breve, ma pur sempre...

Ultima ora4 ore ago

Kamala Harris, vietato sbagliare: ora la vice di Biden non...

Dopo il flop del 2020 e i gli ultimi, difficili anni alla Casa Bianca, la possibile candidata dem alle presidenziali...

Cronaca4 ore ago

Temporali e forti piogge al Centro-Sud, allerta maltempo...

Dopo le forti ondate di calore, tornano rovesci di forte intensità: ecco le regioni interessate Dopo le forti ondate di...

Cronaca10 ore ago

Roma, tre evasi da carcere minorile Casal del Marmo

Tre giovani tunisini hanno approfittato del caos dopo una rissa Tre minori tunisini sono evasi dal carcere minorile di Roma...

Esteri10 ore ago

Zelensky: “Ucraina grata a Biden, Usa rimangano con...

Il messaggio del leader ucraino per il presidente americano Volodymyr Zelensky rende omaggio a Joe Biden, per "l'incrollabile sostegno" dato...

Esteri11 ore ago

Biden si ritira: la resa del presidente in 24 ore, dalla...

La decisione, il contatto con gli amici, la lettera affidata a X Joe Biden ha deciso di ritirare la candidatura...

Esteri11 ore ago

Biden si ritira, Trump: “Via il presidente peggiore,...

L'ex presidente: "Pensate che Joe abbia il covid? Voleva solo scappare" Joe Biden ritira la candidatura, Donald Trump si prepara...

Esteri11 ore ago

Biden-Harris, il passaggio di testimone non è scontato:...

Con la rinuncia del presidente, a Chicago si avrà una convention aperta con la possibilità di diversi candidati: Kamala front...

Esteri11 ore ago

Biden si ritira e lancia Kamala Harris: “Mi...

Il presidente Usa cede al pressing e lascia. Endorsement alla vice, Trump esulta: "Ora più facile vincere" Dopo settimane di...

Esteri12 ore ago

Biden si ritira, Tajani: “Usa amici dell’Italia...

Le reazioni dopo l'annuncio del presidente americano Joe Biden ritira la candidatura per le elezioni Usa 2024 e cede il...

Esteri13 ore ago

Elezioni Usa, Rizzo (Atlantic Council): “Harris...

L'Adnkronos ha contattato la senior fellow di uno dei più importanti think tank americani per discutere degli scenari per il...

Esteri13 ore ago

Biden ritira candidatura, Putin osserva e aspetta:...

Il Cremlino apparentemente disinteressato dopo la svolta Joe Biden si ritira dalle elezioni Usa 2024 e Vladimir Putin osserva, apparentemente...

Esteri14 ore ago

La ‘pioniera’ Kamala Harris, chi è la vice di...

Prima vice donna alla Casa Bianca, prima donna di colore eletta procuratore distrettuale della California, poi prima donna attorney general...

Esteri14 ore ago

Biden rinuncia alla corsa alla Casa Bianca, ipotesi ricorsi...

Il monito (e la minaccia) di Mike Johnson, lo Speaker repubblicano della Camera Dopo l'annuncio del ritiro di Joe Biden...

Esteri14 ore ago

Biden ritira la candidatura, nel 1968 il passo indietro di...

Non è il primo presidente a compiere il passo indietro Joe Biden ritira la candidatura per le elezioni del 5...

Ultima ora15 ore ago

Biden si ritira, chi sfida Donald Trump? Cosa succede ora

Il presidente esprime il sostegno a Kamala Harris, ma la candidatura della vicepresidente non è scontata Joe Biden ritira la...

Sport15 ore ago

Per Pogacar doppietta Giro-Tour, i precedenti

Ancora un accostamento tra il campione sloveno e Marco Pantani Ancora un accostamento tra Tadej Pogacar e Marco Pantani, dopo...