Connect with us

Ultima ora

Vaccini, Platt (Merck&Co): “Studi su V116 in mix...

Published

on

Vaccini, Platt (Merck&Co): “Studi su V116 in mix con anti-influenza e nei bimbi fragili”

"Come per i coniungati ci attendiamo un'efficacia per 10-15 e fino a 20 anni"

 - (Fotogramma)

Il V116, primo vaccino pneumococcico specifico per adulti, "è stato sviluppato e studiato in varie popolazioni con età superiore ai 18 anni", in particolare "non vaccinati, precedentemente vaccinati, in persone con Hiv, quindi immunodepresse, che hanno indicato una risposta immunitaria efficace e sostenuta. Sono in corso studi negli adulti con fattori di rischio come cardiopatie e diabete, altri che confrontano la co-somministrazione con l'anti-influenzale" per ottimizzare la copertura e "uno specifico nella popolazione pediatrica 2-18 anni con una condizione cronica". Così Heather Loryn Platt, ricercatrice Merck & Co, intervenendo questa mattina a Roma in un incontro con la stampa organizzato da Msd, nel corso del quale sono stati presentati i risultati di numerosi studi di fase 3 che hanno valutato V116, il primo vaccino pneumococcico coniugato 21-valente sviluppato per proteggere in modo specifico gli adulti.

"Il nostro programma di studio - continua Platt - è sviluppato per valutare l'efficacia contro le malattie da pneumococco in tutti gli adulti in base all'età e ai fattori di rischio. Per questo abbiamo coinvolto adulti over 18 che presentino o meno fattori di rischio, per avere dati utili al suo impiego in popolazioni specifiche". Sulla durata della copertura, "dall'esperienza su altri vaccini coniugati riteniamo che vari da 10-15 anni fino a 20. Stiamo quindi valutando la durata della risposta immunitaria negli studi per avere questi dati anche per V116".

Nei bambini, "prima dei vaccini coniugati - spiega la ricercatrice - si registravano 94 casi su 100mila. Dopo, l'incidenza è scesa a 7 su 100mila. Il quadro è simile negli adulti, ma non identico. Prima dei coniugati si registravano 61 casi che poi sono passati a 24 ogni 100mila. E' una buona riduzione, ma è un effetto indiretto per la vaccinazione sui bambini che ha un risultato sugli adulti, è il cosiddetto impatto indiretto. Restano dei bisogni insoddisfatti - sottolinea Platt - e abbiamo disegnato un vaccino che va proprio in questo senso. La decisione di sviluppare V116, specificatamente per gli adulti, è stata fatta analizzando la patologia in base ai sierotipi che, nel corso di un decennio, hanno un impatto sulla salute pubblica. Abbiamo visto che questo approccio apre la strada per una prevenzione efficace". Tra i 21 sierotipi presenti nel V116, 8 sono esclusivi, non presenti in alcuno dei vaccini attualmente autorizzati che sono prevalenti negli adulti".

Nel 2022 Msd, nota come Merck & Co. negli Stati Uniti e in Canada - si legge in una nota - ha investito 13,5 miliardi di dollari in attività di Ricerca & Sviluppo (circa il 26% del fatturato), grazie ai suoi oltre 19.200 ricercatori. Testimonianza di questo impegno in R&S sono i 6 premi Nobel per la Medicina assegnati a ricercatori Msd, l'ultimo dei quali, nel 2015, a William C. Campbell per la scoperta dell'ivermectina, la molecola per la cura della cecità fluviale (oncocercosi).

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Cronaca

Parkinson, un test del sangue per scoprirlo 7 anni prima...

Published

on

L'esame del sangue sviluppato da ricercatori utilizza l'Ai per analizzare 8 biomarcatori: finora si è rivelato accurato al 100%

Esame del sangue -

Un esame del sangue potrebbe predire la malattia di Parkinson 7 anni prima della comparsa dei sintomi. A svilupparlo è stato un team di ricercatori, guidato da scienziati dell'University College London e dell'University Medical Center Goettingen. Il test, spiegano gli esperti nello studio pubblicato su 'Nature Communications', utilizza l'intelligenza artificiale per prevedere precocemente la patologia neurodegenerativa che colpisce attualmente quasi 10 milioni di persone in tutto il mondo ed è fra le malattie neurodegenerative in più rapida crescita. E' un disturbo progressivo causato dalla morte delle cellule nervose nella parte del cervello chiamata 'substantia nigra', che controlla il movimento. Queste cellule nervose muoiono o si deteriorano, perdendo la capacità di produrre dopamina, un'importante sostanza chimica, a causa dell'accumulo della proteina alfa-sinucleina.

Oggi, le persone affette da Parkinson vengono trattate con la terapia sostitutiva della dopamina dopo che hanno già sviluppato sintomi come tremore, rallentamento nei movimenti e nell'andatura e problemi di memoria. Ma i ricercatori ritengono che una previsione e una diagnosi precoce sarebbero preziose per trovare trattamenti in grado di rallentare o fermare il Parkinson proteggendo le cellule cerebrali nel mirino della malattia. "Man mano che diventano disponibili nuove terapie per il Parkinson, dobbiamo diagnosticare la patologia ai pazienti prima che sviluppino i sintomi", osserva l'autore senior dello studio, Kevin Mills, dell'Ucl Great Ormond Street Institute of Child Health. Questo perché, evidenzia, "non possiamo far ricrescere le nostre cellule cerebrali, quindi dobbiamo proteggere quelle che abbiamo".

Al momento, invece, "stiamo chiudendo la porta della stalla dopo che i buoi sono scappati - aggiunge l'esperto - e dobbiamo iniziare trattamenti sperimentali prima. Perciò abbiamo deciso di utilizzare una tecnologia all'avanguardia per trovare biomarcatori nuovi e migliori per la malattia di Parkinson e svilupparli in un test che possiamo tradurre in qualsiasi grande laboratorio del National Health Service. Con finanziamenti sufficienti, speriamo che sia possibile entro due anni". Gli scienziati hanno scoperto che il ramo dell'intelligenza artificiale chiamato machine learning, analizzando un pannello di 8 biomarcatori nel sangue le cui concentrazioni sono alterate nei pazienti con morbo di Parkinson, è riuscito a fornire una diagnosi con un'accuratezza del 100%.

Per vedere se il test fosse in grado di prevedere la probabilità che una persona sviluppi la malattia, il team ha analizzato il sangue di 72 pazienti con disturbo del comportamento del sonno Rem. Questo disturbo fa sì che i pazienti mettano in atto fisicamente i propri sogni senza saperlo (facendo sogni vividi o violenti). Ed è ormai noto che circa il 75-80% delle persone con questo disturbo svilupperanno una sinucleinopatia (un tipo di disturbo cerebrale causato dall'accumulo anomalo di una proteina chiamata alfa-sinucleina nelle cellule cerebrali), incluso il Parkinson. Quando lo strumento di apprendimento automatico ha analizzato il sangue di questi pazienti, ha identificato che il 79% di loro aveva lo stesso profilo di una persona affetta da Parkinson.

I pazienti sono stati seguiti nel corso di 10 anni e le previsioni dell'intelligenza artificiale finora hanno eguagliato il tasso di conversione clinica: il team ha previsto correttamente che 16 pazienti avrebbero sviluppato il Parkinson ed è stato in grado di farlo fino a 7 anni prima dell'esordio di qualsiasi sintomo. Il team sta ora continuando a seguire i pazienti che potrebbero sviluppare la malattia per verificare ulteriormente l'accuratezza del test. "Determinando 8 proteine ​​nel sangue - spiega uno dei primi autori dello studio, Michael Bartl, University Medical Center Goettingen - possiamo identificare potenziali pazienti affetti da Parkinson con diversi anni di anticipo. Ciò significa che le terapie farmacologiche potrebbero essere somministrate in una fase precedente, il che potrebbe rallentare la progressione della malattia o addirittura impedirne la comparsa", ipotizza. "Non solo abbiamo sviluppato un test, ma possiamo diagnosticare la malattia sulla base di marcatori direttamente collegati a processi come l'infiammazione e la degradazione di proteine ​​non funzionali. Quindi questi marcatori rappresentano anche possibili bersagli per nuovi trattamenti farmacologici".

Il coautore Kailash Bhatia, Ucl Queen Square Institute of Neurology, e il suo team stanno attualmente esaminando l'accuratezza del test analizzando campioni provenienti da persone che fanno parte della popolazione ad alto rischio di sviluppare Parkinson, ad esempio chi ha mutazioni in geni particolari come Lrrk2 o Gba. La speranza dei ricercatori è di ottenere finanziamenti anche per creare un test eseguibile in maniera più semplice mettendo una goccia di sangue su una scheda da inviare al laboratorio. Obiettivo capire se può predire la malattia anche prima dei 7 anni antecedenti alla comparsa dei sintomi.

Continue Reading

Lavoro

Al via ‘Global Welfare Score’, l’algoritmo del...

Published

on

Ecco come misurare il reale benessere dei lavoratori

Stefano Castrignanò, direttore dell’Osservatorio Italian Welfare

Al via il 'Global Welfare Score', l’innovativo algoritmo elaborato dall’Osservatorio Italian Welfare che misura il livello globale di benessere dei lavoratori, presentato oggi in Senato nel corso dell'iniziativa 'Le politiche di welfare per la sostenibilità sociale', promosso dal senatore Francesco Zaffini, Presidente della Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale del Senato.

“Dalle elaborazioni del nostro Osservatorio emerge che più del 60% dei lavoratori dipendenti italiani non dispone di un livello adeguato di benessere globale", ha spiegato Stefano Castrignanò, direttore dell’Osservatorio Italian Welfare. “Per questi lavoratori, per lo più dipendenti delle piccole imprese, il welfare contrattuale -ha continuato- costituisce la principale fonte delle misure di welfare, essendo le iniziative aziendali ancora poco diffuse. È pertanto necessario un’azione sinergica tra le politiche di welfare pubblico, contrattuale e aziendale, volta alla diffusione di coperture universalistiche e di impatto sociale soprattutto nelle piccole imprese”.

Il 'Global Welfare Score' quindi è un innovativo algoritmo, elaborato dall’Osservatorio Italian Welfare, in grado di misurare, per la prima volta, il “benessere globale” di un lavoratore. Lo score, basato sul concetto di 'Global Welfare', si compone attraverso l’individuazione di 10 pilastri che, se opportunamente coperti, garantiscono il benessere delle persone a 360 gradi: previdenza, sanità, genitorialità, caregiving, coperture per i cosiddetti 'grandi rischi', work-life integration, wellbeing fisico e psicologico, formazione e crescita personale, misure di sostegno al reddito ed educazione al welfare e comunicazione.

I dati dell’Osservatorio evidenziano che il 62,3% dei lavoratori dipendenti non dispone di un livello adeguato di benessere globale, anche per l’assenza di politiche di welfare di natura aziendale (principalmente a causa dell’aspetto dimensionale). Emerge inoltre che solo il 18,6% dei lavoratori fanno capo ad imprese con un alto tasso di sostenibilità sociale.

Il 'Global Welfare Score' è stato già applicato ad una platea campione di oltre 700.000 lavoratori appartenenti a più di 100 realtà aziendali di varia dimensione, indagando i risultati in un’ottica trasversale e multidimensionale, propria dell’Osservatorio: i risultati di tali elaborazioni restituiscono una fotografia globale del concreto impatto delle politiche di welfare messe in atto dagli attori pubblici, contrattuali e aziendali.

Continue Reading

Lavoro

Mezzogiorno, Sud opportunity: “Partite Iva e liberi...

Published

on

Il fondatore Giuseppe Matozza: "Le difficoltà non risiedono nell'accesso alle nuove tecnologie, ma nel loro corretto utilizzo"

Mezzogiorno, Sud opportunity:

“Quando si parla di digitale e innovazione, spesso si fa riferimento a startup, incubatori, app, e-commerce, intelligenza artificiale. Tuttavia, raramente si considerano le esigenze dei liberi professionisti e di come possono integrare canali e tecnologie digitali in ambito professionale. Questo crea confusione tra i professionisti, bloccandoli e generando immobilismo”. A dirlo all’Adnkronos/Labitalia Giuseppe Matozza, fondatore di Sud opportunity, progetto dedicato alle partite Iva che punta ad aiutare i liberi professionisti a sviluppare i propri business senza rinunciare al territorio d'origine.

"La digitalizzazione rappresenta un'opportunità straordinaria per superare le barriere geografiche e ottenere maggiori possibilità di crescita professionale. Tuttavia, esiste una netta differenza tra lo sviluppo di nuove tecnologie e il loro effettivo utilizzo, soprattutto nel Sud Italia. Viaggiamo a due velocità: da un lato, la tecnologia avanza velocemente, dall'altro, la maggior parte dei liberi professionisti del Sud è ancora lontana dal digitalizzare le proprie attività per renderle competitive in un mercato sempre più complesso e sofisticato", spiega Matozza.

"Per i liberi professionisti - sottolinea - le difficoltà non risiedono nell'accesso alle nuove tecnologie, ma nel loro corretto utilizzo. Non esistono veri punti di riferimento per valutare le soluzioni più adatte alle loro specifiche esigenze, il che porta spesso a errori, sprechi di risorse e mancanza di risultati, scoraggiando ulteriormente i professionisti".

"La mancanza di consapevolezza - avverte - limita anche la gestione delle fasi di esternalizzazione o acquisizione di risorse per delegare compiti tecnici. Questo ostacola la crescita professionale e aziendale, poiché senza informazioni adeguate è impossibile fare valutazioni precise e definire i parametri necessari. Inoltre, al Sud, oltre alle difficoltà legate all'accesso alle infrastrutture tecnologiche, le opportunità di confronto e formazione sono scarse rispetto ad altre aree del paese. E' su questi aspetti che le istituzioni locali potrebbero intensificare gli sforzi per supportare maggiormente i professionisti nel percorso di consapevolezza digitale in ambito professionale".

"Le partite Iva e liberi professionisti del meridione - ricorda - sono pari al 27,8% del totale nazionale secondo Istat e scontano gap di redditi medi annuali notevoli rispetto al resto d’Italia, percentuali che accomunano anche le imprese, il cui tasso di chiusura è del 13,4% rispetto al 9,2% nazionale.

"Solo affiancando i professionisti in base alle loro reali esigenze - auspica Matozza - si può sfruttare al meglio le potenzialità del digitale, generare nuove opportunità di crescita lavorativa in ambito locale e valorizzare i tanti giovani professionisti che spesso sono costretti a lasciare il Sud per affermarsi".

Continue Reading

Ultime notizie

Tecnologia1 ora ago

Intervista a Lama Nachman: pioniere dell’Intelligenza...

Lama Nachman, Direttrice dell'Intelligent Systems Research Lab presso Intel Labs, ha un'esperienza di 26 anni nel campo del computing contestuale,...

Tecnologia1 ora ago

Oppo lancia in Europa i nuovi smartphone AI, Reno12 e...

Un design completamente rivisto e innovative funzioni di intelligenza artificiale per il nuovo mediogamma Oppo, già disponibile nella sua versione...

Attualità1 ora ago

Intervista esclusiva a Diego Di Flora, voce e cuore del...

Diego Di Flora, appassionato organizzatore di eventi e fervente sostenitore dei diritti civili, è una figura centrale nel panorama dei...

Cronaca2 ore ago

Parkinson, un test del sangue per scoprirlo 7 anni prima...

L'esame del sangue sviluppato da ricercatori utilizza l'Ai per analizzare 8 biomarcatori: finora si è rivelato accurato al 100% Un...

Lavoro2 ore ago

Al via ‘Global Welfare Score’, l’algoritmo del...

Ecco come misurare il reale benessere dei lavoratori Al via il 'Global Welfare Score', l’innovativo algoritmo elaborato dall’Osservatorio Italian Welfare...

Lavoro2 ore ago

Mezzogiorno, Sud opportunity: “Partite Iva e liberi...

Il fondatore Giuseppe Matozza: "Le difficoltà non risiedono nell'accesso alle nuove tecnologie, ma nel loro corretto utilizzo" “Quando si parla...

Lavoro2 ore ago

Turismo, in Norvegia Bodo2024 apre l’estate con...

L'evento apre la nuova stagione della prima Capitale europea della cultura a nord del Circolo polare artico Metti una sera...

Cronaca2 ore ago

Maturità, da Luxuria a Cristina D’Avena e Boldi:...

"Sono molto precisina - confessa Vladimir - forse perché sono ascendente Vergine". D'Avena: "La mia notte prima degli esami? Non...

Spettacolo2 ore ago

Eleonora Abbagnato: “Non mi candido alla Scala come...

Sovrintendente Teatro dell'Opera di Roma Giambrone, 'con Eleonora tandem perfetto, per me può rimanere altri 5 anni' "Non mi candido...

Politica2 ore ago

Premierato, 180 costituzionalisti contro la riforma e al...

L'appello: "Si ascoltino gli allarmi che autorevolmente sono stati lanciati e si prevengano i pericoli. Finché siamo in tempo" "Facciamo...

Sport2 ore ago

Sinner al secondo turno a Halle, prima vittoria da numero 1

Battuto l'olandese Griekspoor. Al Queen's avanti Musetti e Arnaldi Buona la prima partita da numero uno del mondo per Jannik...

Economia2 ore ago

Industria: Di Maio in visita a Made 4.0, ‘nel Golfo...

Agevolare la collaborazione tra Paesi del Golfo e Unione europea su industria 4.0, intelligenza artificiale e settori cruciali come infrastrutture...

Salute e Benessere2 ore ago

Aviaria, da italiani database per tracciare casi in tempo...

"L'influenza aviaria H5N1 è una minaccia zoonotica globale che continua a destare preoccupazione per la salute pubblica. Con la sua...

Economia2 ore ago

Congresso Aidp, la finanza del futuro è anche nei fondi...

Appuntamento nel quale sono stati esplorati i contorni della 'rivoluzione' che avverrà nei prossimi anni nel campo delle relazioni umane,...

Sport3 ore ago

Gravina: “Per Uefa e Fifa Agenzia vigilanza viola...

"La Covisoc funziona in modo straordinario" "Ieri è arrivata un'email molto severa di Uefa e Fifa, in cui ci invitano...

Cronaca3 ore ago

Carceri, Minunzio (Cnel): “Allarme suicidi, centrale...

“Il fenomeno dei suicidi in carcere si sta purtroppo trasformando in una vera e propria emergenza nazionale. Dall’inizio dell’anno ad...

Salute e Benessere3 ore ago

Tumori, con screening polmonare +7 anni sopravvivenza e...

Con 34mila nuovi decessi all'anno, il carcinoma polmonare rappresenta la più frequente causa di morte oncologica in Italia. Per quanti...

Immediapress3 ore ago

Ippica – Mill Stream da battere nel Queen Elizabeth II...

Roma, 18 giugno 2024 – Una tradizione unica, e ineguagliabile, iniziata nel lontano 1711. Se si parla di ippica, a...

Economia3 ore ago

Brand Journalism Festival, il 12 a Roma  confronto tra...

In un’atmosfera collaborativa e ispirazionale si riuniranno editori, aziende, giornalisti, decision maker, esperti della comunicazione di marca, appassionati del mondo...

Motori3 ore ago

Osservatorio Luiss, sempre più IA nelle ‘auto...

Tecnologia cambierà l'interazione fra auto e passeggeri. Orecchini 'serviranno forti investimenti, molte le sfide collegate, dalla privacy all'energia' Tempo pochi...