Connect with us

Economia

Sostenibilità, confronto sulla transizione ecologica...

Published

on

Sostenibilità, confronto sulla transizione ecologica raccontata da chi la fa

Seconda sessione dell'European Colloquium, la parola alle imprese e agli esperti

(Fotolia)

Davanti alle esigenze imposte dalla transizione ecologica molte imprese si muovono per costruire una identità sostenibile e si preparano a rispettare gli impegni presi alla COP28 a Dubai. Un bilancio dettagliato di quello che è stato fatto e quello che rimane da fare è scaturito dal confronto serrato uscito oggi dalla seconda sessione - trasmessa in diretta live dall'Adnkronos, media partner dell'evento -dell’European Colloquium 'La Transizione Ecologica (raccontata da chi la fa), organizzata dall'Istud Business School, la più antica business school privata italiana (oggi integrata con Cottino Social Impact Campus di Torino) diretta da Marella Caramazza. A curare l'evento è stato editorialista e saggista Maurizio Guandalini, autore del libro La Transizione Ecologica (raccontata da chi la fa), edito dalla stessa Istud Business School.

Per Alessandro Marangoni, direttore scientifico dell’Irex, il principale think tank in Italia sulle energie rinnovabili e l’efficienza energetica, "le imprese devono spesso combattere con sistemi normativi, enti territoriali, procedure autorizzative e opposizioni locali che all’atto pratico rendono molto difficile attuare" politiche di sostenibilità. "Nel caso dello sviluppo delle rinnovabili, elemento chiave per la decarbonizzazione, le procedure autorizzative italiane sono troppo lunghe e farraginose, arrivando fino a oltre sei anni, contro i due massimi previsti dall’UE, come ha dimostrato uno studio Althesys per Elettricità Futura. I tempi di attuazione delle policy dichiarate sono poi spesso più lunghi del previsto, come nel caso del Decreto FER-X che dovrebbe sostenere lo sviluppo delle rinnovabili da oggi al 2030. Nel settore idroelettrico l’incertezza che perdura da anni circa il rinnovo delle concessioni, tra indirizzi UE, legislazione italiana e istanze regionali, blocca di fatto gli investimenti".

Quanto all'impatto delle decisioni prese alla COP28 di Doha per Valentino Piana, studioso attivo delle varie conferenze sul clima e docente all’University of Applied Sciences Western Switzerland – Valais l'incontro in Qatar "a sorpresa ha prodotto testi e impegni importanti. La decisione di "abbandonare i combustibili fossili nei sistemi energetici, in modo giusto, ordinato ed equo" impegna a negoziare esplicitamente quote di produzione e consumo (calanti) ed accompagnare il decollo della mobilità elettrica con la prospettiva di chiusura delle pompe di benzina. Robusti meccanismi di protezione e innovazione sono possibili e necessari". Ma per rafforzare questa transizione - aggiunge - "servono meccanismi che aiutino robustamente chi potrebbe essere messo in difficoltà (come i pendolari a basso reddito costretti all’uso dell’auto). Le gambe della transizione sono le città e i movimenti d’innovazione urbana, come i Living Lab".

Roberto Grossi, vice direttore generale di Etica Sgr, evidenzia "un approccio sviluppato dal movimento sindacale per garantire il rispetto dei diritti sociali e delle condizioni di vita dei lavoratori durante la transizione verso produzioni più sostenibili. Per questo motivo, nel 2019 è nata la campagna 'Statement of Investor Commitment to Support a Just Transition on Climate Change' (Dichiarazione d’impegno degli investitori per una transizione giusta ad un’economia a basso impatto per il clima). Vi è un crescente riconoscimento del fatto che la dimensione sociale della transizione verso un’economia resiliente e a basse emissioni di carbonio deve ricevere maggiore attenzione, in particolare in termini d’implicazioni sul lavoro e, in modo più ampio, sulla comunità. Raggiungere una Transizione Giusta, in linea con l’Accordo di Parigi sul cambiamento climatico 2015 (COP21), potrebbe quindi contribuire ad accelerare l’azione per il clima in modo da raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite". E quanto sia centrale la persona dentro i cambiamenti in corso lo valuta Massimiliano Braghin, presidente e co-founder di Infinityhub Spa, Benefit e autore del libro ‘Persone, Energie, Futuro’. "Per nuova dimensione dell’energia ci ispiriamo anche alla scienza, all’analisi, al metodo scientifico che detta le linee guida del nostro modus operandi. Più abbiamo aperto e condiviso il capitale più sono cresciuti i nostri progetti. In questo senso mi piace collegare il concetto americano di serendipity con ‘fai le cose giuste e il resto seguirà’, che non è null’altro che ‘aiutati che il ciel t’aiuta’ dei saggi".

Sul fronte bollette, Romano Stefani, responsabile area mercato di Dolomiti Energia Spa, ha evidenziato come "con la transizione energetica in corso sono sempre più i consumatori e le aziende che, scottate dal caro energia, vogliono avere contratti a lungo termine con energia derivante da impianti rinnovabili. Stanno nascendo gruppi di acquisto anche nel mondo retail per contrattare prezzi e condizioni contrattuali vantaggiose e soprattutto forniti con energia certificata GO. La completa liberalizzazione del 1 luglio 2024 contribuirà ad una sempre maggior mobilità dei consumatori nella ricerca di fornitori affidabili, innovativi, efficienti e sostenibili. Su questi parametri si giocherà la vera partita dell’energia che oggi vede oltre 600 venditori a livello nazionale. Altro tema dalle grandi aspettative, nella logica della transizione energetica, sono le comunità energetiche. La normativa è stata finalmente approvata dal governo qualche settimana fa e mancano ancora le disposizioni tecniche del GSE".

Nel frattempo l’inquinamento da polveri sottili, soprattutto in pianura padana è fuori ogni limite, anche per il 'contributo negativo' di caldaie a metano che dovrebbero cessare la loro vita nel 2029. Riccardo Bani, Presidente di Teon ha sottolineato il contributo di "soluzioni più sostenibili ed economicamente più vantaggiose per le bollette delle famiglie italiane come le pompe di calore di nuova generazione. Grazie a questa tecnologia circa tre quarti del fabbisogno energetico è prelevato gratuitamente dalla natura (calore a bassa temperatura contenuto nell’aria, nell’acqua di prima falda o nel terreno) e solo un quarto del fabbisogno è rappresentato da energia elettrica. Fino ad oggi il limite a un’ampia diffusione di questa tecnologia è stato la difficoltà a produrre il calore a temperature compatibili con i radiatori tradizionali, presenti nel 90% delle nostre abitazioni. L’innovazione tecnologica ha permesso di realizzare una pompa di calore molto efficiente, in grado di produrre calore alle temperature delle caldaie e adatta a sostituirle senza alcun intervento invasivo all’interno delle unità abitative quindi sempre utilizzando i radiatori tradizionali. Con questa tecnologia è oggi possibile azzerare le emissioni nei luoghi in cui viviamo, ridurre la bolletta energetica (dal 40 al 70%!) e aumentare l’autonomia energetica di famiglie e del Paese".

Ricollegandosi all’inquinamento atmosferico in pianura padana, Aldo Fiorini Chief Operation Officer Marcegaglia Carbon Steel Flat Division spiega alcune iniziative che stanno sperimentando. "L’adesione al piano di decarbonizzazione del polo industriale di Ravenna-Ferrara attraverso un progetto per la cattura e lo stoccaggio di CO2, è un intervento cruciale per ridurre le emissioni nell’area della Pianura Padana, creando il primo distretto Net-Zero in Italia. A maggio 2021 abbiamo investito in H2 Green Steel, start up svedese che si prepara a mettere sul mercato acciaio verde prodotto con idrogeno pulito. L’innovativo complesso siderurgico produrrà inizialmente 2,5 milioni di tonnellate di acciaio verde l’anno, con l’obiettivo di arrivare a 5 milioni già nel 2030".

Gli fa eco Fabio Golinelli, Advanced Process and Technologies Manager, ABB Electrification ricollegandosi a quanto detto da Fiorini. "Noi adottiamo un approccio basato su obiettivi net-zero, in linea con lo standard Net-Zero di Science Based Targets initiative (SBTi). ABB adotta i principi di economia circolare lungo la catena del valore, riducendo i rifiuti indifferenziati (nel 2022 ABB ha inviato in discarica il 6,7% dei suoi rifiuti), aumentando il riciclo e la riutilizzabilità dei materiali, e vendendo prodotti più durevoli, con l’obiettivo di applicare l’approccio di circolarità, dal design al fine vita, all’80% dei propri prodotti entro il 2030".

Per Roberto Sancinelli presidente di Montello S.p.A. che guida il più importante impianto italiano di trattamento di rifiuti e riciclo di imballaggi provenienti dalle raccolte differenziate "il riciclato è nato dal basso valore della materia prima. Non vogliamo contributi pubblici a fondo perduto. Un valido aiuto arriva dall’estensione dell’obbligo di materiale riciclato nei manufatti. Se non c’è questa norma, oltre dove siamo arrivati non riusciamo andare. Il rifiuto è una risorsa, un bene. Per affermare questo principio occorre sia data possibilità al mercato a fare le regole. E’ l’economia circolare che ci stando delle regole precise. La transizione ecologica la paga il cittadino consumatore che la pagherà sempre di più se ci sono troppe regolamentazioni. I regolamenti servono per i ‘rifiuti problema’ non per i rifiuti che vanno smaltiti".

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Economia

Industria: Di Maio in visita a Made 4.0, ‘nel Golfo...

Published

on

Industria: Di Maio in visita a Made 4.0, 'nel Golfo grande attenzione a manifattura europea'

Agevolare la collaborazione tra Paesi del Golfo e Unione europea su industria 4.0, intelligenza artificiale e settori cruciali come infrastrutture ed energia. A questo scopo il rappresentante speciale dell’Ue per la regione del Golfo ed ex ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha visitato questa mattina a Milano Made, il Competence Center per l'industria 4.0 nato nel 2019.

"In tutte le economie del Golfo c'è una grandissima attenzione per la manifattura europea, quindi anche quella italiana, e soprattutto per la ricerca di know how ed expertise delle aziende e skills sul lato dei lavoratori", ha raccontato Di Maio parlando con l'Adnkronos al termine della visita al Competence Center, accompagnato dal presidente di Made Marco Taisch. La grande attenzione riservata dalle economie del Golfo, deve però fare i conti - ha riferito l'ex ministro - con "la difficoltà che spesso questi Paesi hanno ad agganciare il tessuto produttivo e di formazione europeo e coinvolgerlo nei grandi programmi d'investimento". Un peccato, se si considerano i grandi programmi di diversificazione economica portati avanti dai sei Paesi del Gcc, dagli investimenti sulle infrastrutture portati avanti dall'Arabia Saudita a quelli sull'intelligenza artificiale su cui puntano gli Emirati arabi.

"Già nel 2018 quando ho fatto la mia prima visita da ministro dello Sviluppo economico avevano il primo ministro al mondo per l'Ai. Questo testimonia come già stessero facendo dei programmi di investimento massiccio. E ovviamente non stiamo parlando solo di risorse, ma anche di brevetti, quindi di grande ricerca scientifica", ha detto Di Maio, evidenziando come "ci siano tutti i presupposti per partnership con realtà come Made".

Se ne sono accorti da tempo anche ad Abu Dhabi, decidendo di mandare in visita nel Competence Center di Milano il loro ambasciatore. "Già due anni fa sono venuti a capire cosa facciamo qui e quale sia il modello utilizzato in Italia per il trasferimento delle competenze su questi temi", racconta il professor Taisch. "Ovviamente - aggiunge - ci ha fatto piacere che ci abbiano individuato come un centro con cui interloquire. Noi siamo pronti a investire tempo, risorse e conoscenze, perché il nostro ruolo è aiutare il sistema industriale italiano, in Italia e fuori".

Made 4.0, Competence Center per l’industria 4.0 nato nel 2019, è un consorzio di 46 partner che collaborano per supportare le aziende manifatturiere italiane nel processo di transizione digitale e sostenibile e condurle verso il modello di fabbrica intelligente, con l'obiettivo di abbattere le inefficienze e ridurre sprechi e consumi durante il ciclo produttivo. Il rappresentante speciale dell’Ue per la regione del Golfo, accompagnato dal presidente Taisch, ha visitato oggi i dimostratori installati presso Made, esempi di tecnologia applicata a case study utili per comprendere al meglio le potenzialità delle tecnologie abilitanti.

"Realtà come queste sono fondamentali, perché unendo all'offerta di conoscenza anche un network pubblico e privato" possono rappresentare per i Paesi del Golfo "un interlocutore che chiavi in mano consente loro di accedere a tutta la filiera", ha evidenziato Di Maio al termine della visita.

Continue Reading

Economia

Congresso Aidp, la finanza del futuro è anche nei fondi...

Published

on

Appuntamento nel quale sono stati esplorati i contorni della 'rivoluzione' che avverrà nei prossimi anni nel campo delle relazioni umane, delle tecnologie, quali l’intelligenza artificiale, dei modelli organizzativi e sociali, e della percezione dello spazio e del tempo

Congresso Aidp, la finanza del futuro è anche nei fondi pensione

'Spazio tempo, la rivoluzione quantistica del lavoro'. Questo il tema del 53esimo congresso dell’Associazione italiana per la direzione del personale Aidp, che si è tenuto a Montesilvano dal 14 al 16 giugno scorsi. Appuntamento nel quale sono stati esplorati i contorni della 'rivoluzione' che avverrà nei prossimi anni nel campo delle relazioni umane, delle tecnologie, quali l’intelligenza artificiale, dei modelli organizzativi e sociali, e della percezione dello spazio e del tempo. Giovani talenti, specialisti delle risorse umane ed imprese, i veri artefici del progresso dell’Italia, sono stati i protagonisti dell’iniziativa. (VIDEO)

Il congresso si è articolato in una serie di conferenze che hanno visto alternarsi relatori di prestigio. E molta attenzione ha destato l’intervento 'Finanza: il ponte per il futuro', tenuto dall’amministratore delegato di Arca Fondi Sgr, Ugo Loeser, che, in collegamento video, ha identificato in giovani, HR ed imprese i tre attori chiave per lo sviluppo del sistema Paese, constatando al contempo la necessità di fornire strumenti e soluzioni che li aiutino a gettare basi solide per la costruzione del futuro. Strumenti e soluzioni che, secondo Loeser, dovrebbero essere forniti dalla finanza.

La finanza, come è stato evidenziato, può infatti rappresentare un collante per il sistema, un catalizzatore per lo sviluppo e un propulsore di crescita. In altri termini, “un ponte per il futuro, in grado di mettere a disposizione gli strumenti per rompere il continuo spazio-tempo, abilitando innovazioni disruptive, accelerando il cambiamento e portando a progressi non prevedibili”.

“Per i giovani, l'accesso a prodotti finanziari adeguati - ha sottolineato Loeser - può significare la differenza tra la realizzazione di un'idea imprenditoriale e l'abbandono dei propri sogni. Nel contesto degli HR, la finanza offre strumenti per gestire in modo efficace i talenti: dalla pianificazione della crescita all'implementazione di programmi di benefit aziendali che migliorano la soddisfazione e la produttività e la fedeltà dei dipendenti. Per le imprese, soprattutto quelle di piccola e media dimensione, la finanza è, poi, vitale: l'accesso al credito, a capitali di rischio e altri strumenti finanziari consente alle aziende di investire in tecnologie (automazione, intelligenza artificiale, Dlt, etc), espandere le attività, esplorare nuovi mercati e, in definitiva, sostenere la crescita e l'innovazione di tutto il sistema Paese”.

Proprio in tema di finanziamento alle imprese l’ad di Arca Fondi Sgr ha aggiunto: “Per rispondere efficacemente alle esigenze dell’economia reale servono investitori di medio/lungo termine, questo ruolo nei principali Paesi sviluppati è appannaggio dei Fondi Pensione. Lo sviluppo dei Fondi Pensione in Italia - ha rimarcato - appare quindi una condizione necessaria per poter garantire un adeguato supporto alle imprese, chiamate oggi ad affrontare uno scenario internazionale sempre più complesso e competitivo”.

"La previdenza complementare e i fondi pensione rappresentano - ha evidenziato Loeser - un ‘opportunità, ancora poco conosciuta e sfruttata, per le imprese, per i lavoratori e per i giovani. Soluzioni di previdenza integrativa saranno tra l’altro una necessità, dato che l’attuale sistema pensionistico pubblico italiano non reggerà all’impatto dei nuovi scenari demografici: nel 2050 infatti il numero dei pensionati supererà quello degli occupati, ci sarà più di un pensionato per ogni lavoratore. Fondi pensione, dunque, come opportunità”. Ma anche come necessità futura. Ed è in quest'ottica che Arca Fondi, insieme a Talents in motion, ha lanciato Previverso, progetto che punta ad educare le nuove generazioni ad una previdenza consapevole. “Perché il problema - ha concluso Loeser - è la mancanza di consapevolezza: solo un giovane su cinque conosce le opportunità associate ai fondi pensione”.

Continue Reading

Economia

Brand Journalism Festival, il 12 a Roma  confronto tra...

Published

on

In un’atmosfera collaborativa e ispirazionale si riuniranno editori, aziende, giornalisti, decision maker, esperti della comunicazione di marca, appassionati del mondo dell'informazione e professionisti della comunicazione per analizzare l'evoluzione del mondo dell'editoria, del giornalismo e della corporate communication

Brand Journalism Festival, il 12 a Roma  confronto tra aziende editori e giornalisti 

Debutterà a Roma il 12 novembre la prima edizione del Brand Journalism Festival, evento di ampio respiro che si pone l’obiettivo di esplorare e ispirare il mondo del giornalismo e della comunicazione aziendale, esaminando le tendenze, i progetti più significativi e le opportunità e generare una collaborazione più fruttuosa tra i vari protagonisti. Un’iniziativa tanto ambiziosa quanto visionaria, che porta la firma di Social Reporters, startup specializzata in Brand Journalism e Live Communication, guidata da Ilario Vallifuoco, Ceo dell’azienda. L’evento, che si terrà nella sede di Roma di Talent Garden, il più importante operatore europeo di digital education nonché la più grande community in Europa di innovatori dell’ecosistema tech, è organizzato in collaborazione con Università degli Studi di Napoli Federico II, Anica, Ferpi, Wec Italia e in attesa del patrocinio del Parlamento Europeo e potrà contare su Gruppo Unipol Spa in qualità di Main Sponsor e su AdnKronos e Ilfattoquotidiano.it in qualità di Main Media Partner.

In un’atmosfera collaborativa e ispirazionale si riuniranno editori, aziende, giornalisti, decision maker, esperti della comunicazione di marca, appassionati del mondo dell'informazione e professionisti della comunicazione per analizzare l'evoluzione del mondo dell'editoria, del giornalismo e della corporate communication, tre mondi apparentemente indipendenti, ma che al contrario devono dialogare costantemente per assicurare l'integrità e l'accuratezza dell'informazione, nonché per promuovere la sostenibilità del giornalismo. Diversi gli spunti su cui i protagonisti si confronteranno: dalle possibilità che un approccio giornalistico offre alle aziende per presentarsi in modo credibile e rilevante per il proprio pubblico di riferimento, alle possibilità offerte dall’AI per veicolare la comunicazione dei brand, e le relative limitazioni legali e morali per non creare ancor più confusione tra comunicazione e informazione. Numerosi appuntamenti scandiranno la giornata con importanti partecipazioni, tra cui quella di Peter Gomez, Direttore de Il Fatto Quotidiano, Emiliano Fittipaldi, Direttore di Domani, Francesco Cancellato, Direttore di FanPage.it, Francesco Piccinini, Direttore Editoriale di Deepinto, Walter Ricciardi, Professore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e Fabio Insenga, Vicedirettore di Adnkronos.

Da tempo, aggiunge Ilario Vallifuoco, Ceo di Social Reporters e organizzatore del Festival, "desideravo organizzare un evento di ampio respiro per esplorare i nuovi trend dei formati digitali, analizzare l'evoluzione del mondo dell'editoria e del giornalismo aziendale e definirne i confini, con l’obiettivo di creare sempre più consapevolezza nel pubblico. Il Festival sarà un momento di osservazione e di discussione tra professionisti – direttori di testate, editori, communication manager di aziende – tutti con sensibilità diverse che, insieme, approfondiranno una tematica che esiste da anni, ma che va disambiguata in un’ottica di democratizzazione, permettendo a tutti di avere gli strumenti adatti per verificare la veridicità delle notizie e sviluppare un pensiero critico".

Continue Reading

Ultime notizie

Tecnologia36 minuti ago

Intervista a Lama Nachman: pioniere dell’Intelligenza...

Lama Nachman, Direttrice dell'Intelligent Systems Research Lab presso Intel Labs, ha un'esperienza di 26 anni nel campo del computing contestuale,...

Tecnologia43 minuti ago

Oppo lancia in Europa i nuovi smartphone AI, Reno12 e...

Un design completamente rivisto e innovative funzioni di intelligenza artificiale per il nuovo mediogamma Oppo, già disponibile nella sua versione...

Attualità56 minuti ago

Intervista esclusiva a Diego Di Flora, voce e cuore del...

Diego Di Flora, appassionato organizzatore di eventi e fervente sostenitore dei diritti civili, è una figura centrale nel panorama dei...

Cronaca1 ora ago

Parkinson, un test del sangue per scoprirlo 7 anni prima...

L'esame del sangue sviluppato da ricercatori utilizza l'Ai per analizzare 8 biomarcatori: finora si è rivelato accurato al 100% Un...

Lavoro2 ore ago

Al via ‘Global Welfare Score’, l’algoritmo del...

Ecco come misurare il reale benessere dei lavoratori Al via il 'Global Welfare Score', l’innovativo algoritmo elaborato dall’Osservatorio Italian Welfare...

Lavoro2 ore ago

Mezzogiorno, Sud opportunity: “Partite Iva e liberi...

Il fondatore Giuseppe Matozza: "Le difficoltà non risiedono nell'accesso alle nuove tecnologie, ma nel loro corretto utilizzo" “Quando si parla...

Lavoro2 ore ago

Turismo, in Norvegia Bodo2024 apre l’estate con...

L'evento apre la nuova stagione della prima Capitale europea della cultura a nord del Circolo polare artico Metti una sera...

Cronaca2 ore ago

Maturità, da Luxuria a Cristina D’Avena e Boldi:...

"Sono molto precisina - confessa Vladimir - forse perché sono ascendente Vergine". D'Avena: "La mia notte prima degli esami? Non...

Spettacolo2 ore ago

Eleonora Abbagnato: “Non mi candido alla Scala come...

Sovrintendente Teatro dell'Opera di Roma Giambrone, 'con Eleonora tandem perfetto, per me può rimanere altri 5 anni' "Non mi candido...

Politica2 ore ago

Premierato, 180 costituzionalisti contro la riforma e al...

L'appello: "Si ascoltino gli allarmi che autorevolmente sono stati lanciati e si prevengano i pericoli. Finché siamo in tempo" "Facciamo...

Sport2 ore ago

Sinner al secondo turno a Halle, prima vittoria da numero 1

Battuto l'olandese Griekspoor. Al Queen's avanti Musetti e Arnaldi Buona la prima partita da numero uno del mondo per Jannik...

Economia2 ore ago

Industria: Di Maio in visita a Made 4.0, ‘nel Golfo...

Agevolare la collaborazione tra Paesi del Golfo e Unione europea su industria 4.0, intelligenza artificiale e settori cruciali come infrastrutture...

Salute e Benessere2 ore ago

Aviaria, da italiani database per tracciare casi in tempo...

"L'influenza aviaria H5N1 è una minaccia zoonotica globale che continua a destare preoccupazione per la salute pubblica. Con la sua...

Economia2 ore ago

Congresso Aidp, la finanza del futuro è anche nei fondi...

Appuntamento nel quale sono stati esplorati i contorni della 'rivoluzione' che avverrà nei prossimi anni nel campo delle relazioni umane,...

Sport2 ore ago

Gravina: “Per Uefa e Fifa Agenzia vigilanza viola...

"La Covisoc funziona in modo straordinario" "Ieri è arrivata un'email molto severa di Uefa e Fifa, in cui ci invitano...

Cronaca2 ore ago

Carceri, Minunzio (Cnel): “Allarme suicidi, centrale...

“Il fenomeno dei suicidi in carcere si sta purtroppo trasformando in una vera e propria emergenza nazionale. Dall’inizio dell’anno ad...

Salute e Benessere2 ore ago

Tumori, con screening polmonare +7 anni sopravvivenza e...

Con 34mila nuovi decessi all'anno, il carcinoma polmonare rappresenta la più frequente causa di morte oncologica in Italia. Per quanti...

Immediapress2 ore ago

Ippica – Mill Stream da battere nel Queen Elizabeth II...

Roma, 18 giugno 2024 – Una tradizione unica, e ineguagliabile, iniziata nel lontano 1711. Se si parla di ippica, a...

Economia2 ore ago

Brand Journalism Festival, il 12 a Roma  confronto tra...

In un’atmosfera collaborativa e ispirazionale si riuniranno editori, aziende, giornalisti, decision maker, esperti della comunicazione di marca, appassionati del mondo...

Motori2 ore ago

Osservatorio Luiss, sempre più IA nelle ‘auto...

Tecnologia cambierà l'interazione fra auto e passeggeri. Orecchini 'serviranno forti investimenti, molte le sfide collegate, dalla privacy all'energia' Tempo pochi...