Connect with us

Esteri

Aitana: “Che invidia il vostro Sanremo, ora sogno un...

Published

on

Aitana: “Che invidia il vostro Sanremo, ora sogno un duetto con Annalisa”

La cantautrice catalana all'Adnkronos: "Adoro il vostro Paese, la pasta e il vostro essere veri e appassionati"

Aitana

Ha adorato partecipare in coppia con Sangiovanni alla serata delle cover di Sanremo, un festival che ci invidia. Ama l'Italia e gli italiani e spera presto di esibirsi di nuovo nel nostro Paese. Promuove 'La noia' di Angelina Mango come brano che rappresenterà l'Italia all'Eurovision Song Contest. E dopo la collaborazione con Sangiovanni sogna quella con Annalisa. Ma gli artisti italiani che ammira sono molti, da Ramazzotti, Pausini e Bocelli a Mahmood e Blanco. La popstar spagnola Aitana, unica artista internazionale insieme a Skin a calcare il palco del Teatro Ariston nella serata dei duetti di Sanremo 2024, si racconta in un'intervista esclusiva all'Adnkronos.

Nel suo Paese è una delle star più acclamate dell'ultimo decennio: salita alla ribalta nel 2017 con la partecipazione alla nona edizione del talent show 'Operación Triunfo', con la successiva pubblicazione del singolo di debutto Lo malo, nel gennaio 2018, ha ottenuto un grandissimo successo, raggiungendo la vetta della classifica di vendita della Spagna. Ha all'attivo tre album in studio, tutti entrati al primo posto della classifica spagnola, un album live e anche la colonna sonora della serie Disney+ 'La nostra ultima occasione' (2022), per la quale ha anche vestito i panni della protagonista Candela. Del post su Instagram con cui Sangiovanni ha annunciato 'intenzione di fermarsi e rimandare sia l'uscita del nuovo album 'Privacy' che il concerto previsto al Forum di Assago il 5 ottobre 2024, Aitana preferisce non dire niente. Ma sulla performance condivisa con il cantante vicentino a Sanremo torna volentieri.

Com'è nato il duetto con Sangiovanni al festival di Sanremo? "Mi è stato proposto dal team Sangiovanni e ho detto: 'Wow, posso davvero avere la possibilità di andare a Sanremo? Nel giorno dei duetti?' Mi sembrava anche il modo più bello per godersi Sanremo, perché era meno forte la pressione della gara. Potevo divertirmi ed accompagnare un amico", dice. Tanto che per esserci ha cambiato la sua agenda: "Dovevo essere a Los Angeles in quei giorni e ho chiesto a tutto il mio team di provare ad anticipare il viaggio perché volevo essere a Sanremo. Quella che mi offriva Sangiovanni mi sembrava un'occasione incredibile. Quindi lo hanno proposto alla Rai e quando è arrivato l'ok, ero molto emozionata". E anche un po' spaventata: "Sono spagnola, in Italia non mi conosceva quasi nessuno, avevo paura dell'impatto che questo poteva avere sulla performance di Sangiovanni. Ma lui non era affatto preoccupato, era determinato a farlo. Diceva che voleva 'ricambiare il favore' di quanto due anni fa avevamo cantato insieme ai 'Los 40 Music Awards. Ma non doveva ricambiare nessun favore perché anche allora quel duetto era venuto spontaneo, dal cuore", sottolinea. Nella serata delle cover hanno proposto 'Farfalle - Mariposas', un medley tra la versione italiana e quella spagnola del successo di Sangiovanni: "Lui mi ha dato una grande opportunità perché Farfalle era stato un grande successo, arrivato al numero 2 su Spotify Italia, e lui mi ha permesso di trasformarla in una canzone italo-spagnola, un ottimo modo di presentarmi all'Italia. Ho accettato con il cuore, non collaboro a una canzone se davvero non mi piace. Adoro quella canzone, amo lui come artista e tutto è avvenuto in modo molto naturale".

Il risultato l'ha lasciata soddisfatta nonostante un po' di ansia da prestazione: "Mi piacciono molto le esibizioni dal vivo, ma cantare in diretta in un programma televisivo mi ha sempre messo un po' di paura. Ho paura che il suono non si senta bene a casa o di essere nervosa, o di stonare. La televisione mi spaventa anche se fa ridere perché anche io, come Sangiovanni con 'Amici', esco da talent show televisivo. Ma Sangiovanni mi ha fatto sentire tranquilla, è stato incollato a me tutto il tempo aiutandomi con tutto. Ho provato una grande gioia dentro di me e mi sono detta 'divertiti'".

Il festival di Sanremo lo conosceva bene, anche se non ci era mai stata. "Ovviamente lo conoscevo, l'ho guardato in tv e su YouTube. Il vostro festival esiste da 74 anni e so benissimo che Eros Ramazzotti, Andrea Bocelli e Laura Pausini, tra gli altri, sono diventati famosi grazie al festival di Sanremo. Quindi, quando ero lì, quasi non potevo davvero crederci. Sanremo è davvero importantissimo in tutto il mondo e mi fa un po’ invidia perché mi piacerebbe che il mio Paese avesse qualcosa che ci unisse tutti in quel modo. Che ci siano 11 milioni di spettatori per cinque sere su una rete televisiva e che un intero paese si riunisca per selezionare, scegliere e vedere chi potrebbe essere il più bravo a rappresentare il proprio paese all'Eurovision, mi sembra assolutamente incredibile".

Qualcosa che ora la Spagna sta cercando di fare con il Benidorm Fest: "Sì, sono 3-4 anni, vediamo come procede. È un programma che si tiene anche per selezionare chi andrà all'Eurovision a rappresentare la Spagna. Ma non c'è un'orchestra dal vivo, ogni concorrente porta la sua proposta e porta i propri musicisti. Non si può paragonare a Sanremo, che esiste da moltissimi anni. È davvero incredibile quanta gente ha calcato il palco del Teatro Ariston. Ho camminato per i corridoi dei camerini ed erano tutti pieni di quadri di artisti che ammiro e ammirerò sempre. Trovarmi in quello stesso posto, camminare in quei corridoi, mi ha fatto sentire molto felice. Non potevo crederci", ribadisce.

Oltre agli idoli Ramazzoti, Pausini e Bocelli, che "ascolta sempre", Aitana segue anche gli artisti italiani della sua generazione, "come Mahmood, Blanco, e ovviamente Sangiovanni...". Ma ha un debole per una in particolare: "Adoro Annalisa, ho avuto il piacere di conoscerla di più quest'anno e di incontrarla anche nei corridoi e la verità è che la ammiro tantissimo. Ha una voce incredibile, impeccabile e adoro la sua canzone 'Sinceramente'. La mia preferita tra quelle in gara quest'anno", scandisce. Per questo non fa mistero che, dopo Sangiovanni, le piacerebbe "davvero tanto collaborare con Annalisa, semplicemente perché sento che le nostre voci si abbinerebbero molto bene".

Degli artisti in gara a Sanremo dice: "Mi ha colpito quanto fossero tutti molto preparati, intonati, super sicuri di sé stessi e della proposta che portavano sul palco. Sarebbe stato molto difficile per me sceglierne uno, sentivo che tutti potevano rappresentare l'Italia all'Eurovision in modo fantastico. La canzone vincitrice 'La noia' di Angelina Mango è una canzone che adoro. Senza dubbio è stata una delle mie preferite ma davvero mi sembravano tutti incredibili".

Farai dei concerti in Italia? "Non ancora ma mi piacerebbe. Ci penseremo. Vedremo". Prima di fare una dichiarazione d'amore al nostro Paese: "In Italia mi sento a casa, sento che nonostante sia un paese che parla una lingua diversa, sembra un prolungamento di casa mia. Ho già visitato Firenze, Venezia, Roma, la Sicilia, la Sardegna, Milano, Sanremo... Tanti posti e mi sento sempre a casa. Abbiamo un modo di essere molto simile. Il cibo - aggiunge sorridendo - è la cosa che più mi piace del vostro paese, onestamente. Sono un amante della pasta e della pizza e anche se ovviamente c'è molto di più. Ma quando vado in Italia la prima cosa che faccio sempre è ordinare un piatto di pasta", ride.

"Quello che mi fa stare bene da voi è che sento che gli italiani sono davvero brave persone e super divertenti. In Spagna diremmo 'dicharacheros' (qualcosa di simile a "socievoli", ndr.) ma non credo che esista una traduzione in italiano", dice scoppiando a ridere. "È come dire che siete gente con molta voglia di stare bene e fare quello che sentite di fare. E questa cosa la sento. Adoro andare nel vostro Paese e mi piace molto la passione che mettete nelle cose che fate".

Sul palco dell'Ariston il suo outfit, con un abitino Versace a scacchi giallo e argento che le lasciava le gambe e tutta la schiena scoperta, è stato ammiratissimo. Ma per lei era importante soprattutto che "il mio stare sul palco - dice - e il mio sguardo fossero un riflesso della mia anima. Credo che la cosa più importante sia essere connessi con quello che stai cantando, con il tuo partner se stai facendo un duetto e con il pubblico che hai davanti. Poi certo, la bellezza degli abiti di scena aiuta. Ma è dallo sguardo che si capisce se sei in sintonia con quello che stai facendo: una volta che sali sul palco devi connetterti con chi ti ascolta", conclude.

(di Antonella Nesi)

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Esteri

Attacco Iran contro Israele, Tajani: “Pronti a...

Published

on

Il ministro degli Esteri: "Ho chiesto prudenza a Teheran per evitare un allargamento del conflitto"

Antonio Tajani

"Seguiamo con attenzione e preoccupazione quanto sta accedendo in Medio Oriente. Sono in costante contatto con le ambasciate d'Italia a Tel Aviv e a Teheran. Sentiti il Presidente del Consiglio e il Ministro della Difesa, il Governo è pronto a gestire qualsiasi tipo di scenario". Lo ha scritto su X il ministro degli Esteri Antonio Tajani dopo l'inizio dell'attacco iraniano a Israele.

"Ci auguriamo che sia una reazione, quella iraniana all'attacco di Israele al consolato di Damasco, che si fermi all'attacco di questa sera", ha detto poi Tajani al Tg1.

"Noi cerchiamo sempre una de-escalation, ieri ho parlato quasi un'ora con ministro Esteri dell'Iran, ho chiesto prudenza per evitare un allargamento del conflitto, mi ha fatto capire che l'attacco ci sarebbe stato comunque stato. Il ruolo dell'Italia, che guida il G7, è quello di invitare tutti alla prudenza per evitare l'esplosione di una crisi che nessuno vuole che ci sia", ha aggiunto.

L'Iran mi ha garantito "la massima attenzione e la massima responsabilità" per quanto riguarda i 1.100 militari italiani schierati tra "Hezbollah e Israele, sud Libano e nord Israele. Da parte iraniana c'è una rassicurazione, quindi un impegno, a fare tutto perché non vengano assolutamente coinvolti gli italiani", ha precisato il titolare della Farnesina.

Crosetto: "Reazione Iran era attesa"

"E una reazione che ci aspettavamo tutti. I droni ci metteranno 9 ore ad arrivare, bisogna vedere se saranno utilizzati missili, potrebbero concentrarsi tutti nello stesso momento in modo da mettere in difficolta le difese israeliane". Lo ha detto al Tg2 il ministro della Difesa Guido Crosetto.

"La reazione di Israele dipenderà dal danno che darà quest'attacco, ci auguriamo tutti che non sia un attacco con danni che obblighino Israele a una reazione più forte, che non ci sia un'escalation. Stiamo monitorando costantemente la situazione", ha affermato, aggiungendo che i soldati italiani in missione in Libano "sono stati avvisati e messi in condizioni di sicurezza".

Continue Reading

Esteri

Attacco Iran, ‘allerta totale’ in Israele:...

Published

on

In Israele scuole chiuse e niente assembramenti. Decolla l'aereo del premier

Droni iraniani

L'Iran ha lanciato un attacco contro Israele usando centinaia di droni divisi in 3 ondate. Le prime news sono state diffuse sul social X dal giornalista di Axios, Barak Ravid, che ha citato quattro funzionari americani e israeliani. Poco dopo, il portavoce dell'esercito israeliano, Daniel Hagari, ha confermato in conferenza stampa che l'attacco della Repubblica islamica è partito.

"Ci vorrà del tempo prima che i droni lanciati dall'Iran entrino nel nostro spazio aereo", ha detto Hagari. Le misure adottate da Israele prevedono la chiusura dello spazio aereo da mezzanotte alle 7 del mattino di domenica 14 aprile (le 6 in Italia).

Come attacca l'Iran

Contemporaneamente, la tv di Stato iraniana ha confermato che le forze dei Guardiani della Rivoluzione hanno lanciato un attacco con droni contro Israele.

I Guardiani della Rivoluzione hanno quindi annunciato il lancio di "decine di droni e missili" verso "i territori occupati e le posizioni del regime sionista", come ha riferito l'agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna, secondo cui si tratta della "risposta ai numerosi crimini commessi dal regime sionista, tra cui l'attacco alla sezione consolare dell'ambasciata iraniana a Damasco e il martirio di un gruppo di comandanti e consiglieri militari del nostro Paese in Siria". Secondo i pasdaran, l'attacco è contro "obiettivi specifici all'interno dei territori occupati".

L'account X della Guida Suprema iraniana, Ali Khamenei, nella serata di sabato ha ripubblicato un video del suo discorso pronunciato in occasione dell'Eid al-Fitr, la festa di fine Ramadan, in cui annunciava che "il regime malvagio" sarebbe stato "punito" per l'attacco al consolato iraniano a Damasco.

Come si difende Israele

Il piano di Israele prevede di intercettare il maggior numero possibile di droni fuori dallo spazio aereo nazionale con l'aiuto degli Stati Uniti e di altri Paesi. Le forze armate, però, devono fare i conti anche con un'ondata di droni lanciati dallo Yemen, presumibilmente dai ribelli Houthi, alleati di Teheran.

Dopo le 23 italiane di sabato 13 aprile, Israele ha iniziato a intercettare droni iraniani su Siria e Giordania grazie ad un ombrello di difesa aerea creato con gli Stati Uniti in cooperazione con alleati regionali.

In Israele è scattata l'"allerta totale". Il portavoce delle forze di difesa israeliane ha precisato che "decine di aerei sono pronti al decollo". Gli obiettivi dell'attacco iraniano contro Israele dovrebbero essere "non civili", secondo funzionari israeliani citati dall'emittente Kan sulla base delle informazioni ricevute e delle valutazioni dell'intelligence.

Il discorso di Netanyahu

"Cittadini israeliani, negli ultimi anni, e ancor più nelle ultime settimane, Israele si sta preparando alla possibilità di un attacco diretto da parte dell'Iran. I nostri sistemi di difesa sono schierati, siamo preparati per qualsiasi scenario, sia in difesa che in attacco. Lo Stato di Israele è forte, le Idf sono forti", ha detto il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, in un discorso al Paese.

"Ho stabilito un principio chiaro: a chiunque ci farà del male, noi faremo del male. Ci difenderemo da ogni minaccia e lo faremo con calma e determinazione", ha aggiunto il primo ministro, che ha espresso "apprezzamento" per gli Stati Uniti "per essere stati al fianco di Israele" e per "il sostegno del Regno Unito, della Francia e di molti altri Paesi". "Restiamo uniti e, con l'aiuto di Dio, insieme sconfiggeremo tutti i nostri nemici", ha aggiunto Netanyahu.

Negli stessi minuti, l'aereo di Stato 'Ala di Sion' è decollato dalla base di Nevatim, nel sud di Israele, come mostrano i dati dei siti web di monitoraggio dei voli. L'aereo, costruito per il premier Netanyahu, non è mai stato utilizzato ufficialmente.

Le nuove misure per la popolazione

Intanto, Israele ha varato nuove regole per la popolazione civile. Le scuole resteranno chiuse domenica 14 aprile (primo giorno della settimana) e lunedì, come ha stabilito il Comando del fronte interno. Le nuove disposizioni, che sono valide dalle 23 di sabato 13 aprile alle 23 di lunedì, prevedono anche il divieto di assembramento oltre mille persone. Ulteriori restrizioni sono state previste nelle zone vicino Gaza.

Biden torna alla Casa Bianca, nuovi aiuti Usa a Israele

Mentre negli Stati Uniti il presidente degli Stati Uniti è tornato in anticipo alla Casa Bianca "per consultazioni con il suo team di sicurezza nazionale sugli eventi in Medio Oriente", Israele ha reso noto di aver ricevuto da Washington e dagli alleati "nuove capacità" per difendersi dall'attacco iraniano, come ha indicato il ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant.

"Stiamo monitorando da vicino un attacco pianificato da parte dell'Iran e dei suoi proxy contro lo Stato di Israele. Negli ultimi giorni abbiamo rafforzato la nostra difesa aerea e il nostro schieramento offensivo", ha affermato Gallant in una nota. "Abbiamo aggiunto nuove capacità sulla terra, in cielo, in mare, nell'intelligence, all'interno dello Stato di Israele insieme ai nostri partner, guidati dagli Stati Uniti", ha aggiunto.

"L'Iran ha iniziato un attacco aereo contro Israele. Il presidente Biden è regolarmente aggiornato sulla situazione dal suo team di sicurezza nazionale e si incontrerà con loro questo pomeriggio alla Casa Bianca", ha detto in una nota la portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, Adrienne Watson, secondo cui "il suo team è in costante comunicazione con i funzionari israeliani e con altri partner e alleati".

"È probabile che questo attacco si svolga nell'arco di diverse ore", ha affermato Watson, ribadendo che Biden "è stato chiaro: il nostro sostegno alla sicurezza di Israele è ferreo. Gli Stati Uniti saranno al fianco del popolo di Israele e sosterranno la loro difesa contro le minacce dell'Iran".

Tajani sente Meloni e Crosetto: "Pronti a ogni scenario"

La premier Giorgia Meloni segue con "grande attenzione" l'attacco sferrato dall’Iran a Israele. Appresa la notizia, la presidente del Consiglio -riferiscono fonti di Palazzo Chigi- ha sentito telefonicamente il vicepremier e ministro agli Affari Esteri Antonio Tajani, il responsabile dellla Difesa Guido Crosetto e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega ai Servizi, Alfredo Mantovano.

"Seguiamo con attenzione e preoccupazione quanto sta accedendo in Medio Oriente. Sono in costante contatto con le ambasciate d’Italia a Tel Aviv e a Teheran. Sentiti il Presidente del Consiglio e il Ministro della Difesa, il Governo è pronto a gestire qualsiasi tipo di scenario, ha scritto Tajani su X.

Continue Reading

Esteri

Forze armate israeliane: “Iran pagherà conseguenze...

Published

on

"Teheran finanzia, addestra e arma i gruppi terroristici in Medio Oriente e oltre"

"L'Iran pagherà la conseguenze per la scelta di un'ulteriore escalation della situazione". E' l'avvertimento rilanciato dal portavoce delle Forze di difesa israeliane, Daniel Hagari, dopo che Teheran ha rivendicato il sequestro di una nave di proprietà di un armatore israeliano nello stretto di Hormuz, episodio a cui comunque non fa riferimento. "L'Iran finanzia, addestra e arma i gruppi terroristici in Medio Oriente e oltre", denuncia Hagari.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca3 ore ago

Attacco Iran contro Israele, misure di sicurezza in Italia...

Allerta al massimo livello già da ottobre L'attacco sferrato dall'Iran contro Israele non muta le condizioni di sicurezza in Italia,...

Esteri3 ore ago

Attacco Iran contro Israele, Tajani: “Pronti a...

Il ministro degli Esteri: "Ho chiesto prudenza a Teheran per evitare un allargamento del conflitto" "Seguiamo con attenzione e preoccupazione...

Attualità3 ore ago

Roberto Cavalli: L’addio a un gigante della moda

Il 12 aprile 2024, il mondo della moda ha dovuto fare i conti con la perdita di uno dei suoi...

Ultima ora5 ore ago

Superenalotto, oggi centrato un ‘5+1’ da oltre...

Il jackpot sale a oltre 90 milioni Nessun 'sei' al concorso Superenalotto - SuperStar numero 59 di oggi, 13 aprile...

Economia6 ore ago

‘La Dolce Vita Orient Express’fa tappa al...

Il treno di lusso annuncia le eccellenze enologiche italiane a bordo e un menù firmato Heinz Beck 'La Dolce Vita...

Sport6 ore ago

Torino-Juventus 0-0, derby della Mole senza gol

Un tempo per uno, bianconeri più pericolosi in avvio e granata più incisivi nella ripresa Torino e Juventus pareggiano 0-0...

Esteri6 ore ago

Attacco Iran, ‘allerta totale’ in Israele:...

In Israele scuole chiuse e niente assembramenti. Decolla l'aereo del premier L'Iran ha lanciato un attacco contro Israele usando centinaia...

Sport7 ore ago

MotoGp Austin, Vinales in pole e Bagnaia quarto

Tre spagnoli davanti, poi la Ducati del campione del mondo Maverick Vinales in pole nella classe MotoGp del Gp delle...

Ultima ora7 ore ago

Scintille Fedez-Gramellini, il rapper: “Di essere...

Il rapper da Los Angeles: "Nemmeno topo Gigio vorrebbe esserlo" Dopo le polemiche sulla cover del cellulare con l'immagine di...

Ultima ora8 ore ago

Ammirati (Rai): “Incendio a Stromboli grande ferita,...

Le parolele della direttrice di Rai Fiction a margine degli Stati generali del Cinema in corso a Siracusa "Anche noi,...

Economia8 ore ago

Blue Economy, Di Meo: “Serve rafforzare regolamentazione...

“L’Europa ha iniziato un percorso di consapevolezza della risorsa mare. Di quello che sviluppa non solo come fonte primaria, energia,...

Sport8 ore ago

Sinner e la sconfitta a Montecarlo: “Errore...

L'azzurro e la palla decisiva nel terzo set: "Giocavo davvero bene in quel momento..." Jannik Sinner battuto in semifinale a...

Economia8 ore ago

Imballaggi, Pichetto: “Trattativa difficile ma...

Le parole del Ministro dell’Ambiente e Sicurezza Energetica partecipando al talk promosso dal gruppo Hera "Quella del regolamento imballaggi è...

Cronaca8 ore ago

Weekend estivo da Nord a Sud ma da lunedì cambia tutto: le...

Nel fine settimana temperature sopra la media con picchi di 31 gradi in Puglia Fine settimana dal clima estivo con...

Finanza8 ore ago

Fmi, Kristalina Georgieva confermata per altri 5 anni come...

Il Comitato esecutivo del Fondo Monetario Internazionale ha confermato Kristalina Georgieva come amministratore delegato per un secondo mandato di 5...

Ultima ora8 ore ago

Israele, gen. Bertolini: “L’Iran non ha...

L'analisi dell'ex comandante del Comando operativo di vertice interforze all'Adnkronos: "Una escalation trascinerebbe anche la Russia e Mosca non ha...

Spettacolo9 ore ago

Amadeus via da Rai? Il ‘caso’ accende il web,...

Arcadia analizza le conversazioni online: il sentiment positivo verso Amadeus cala Amadeus firma o non firma? Il mondo dei media...

Ultima ora9 ore ago

Amadeus via da Rai? Il ‘caso’ accende il web,...

Arcadia analizza le conversazioni online: il sentiment positivo verso Amadeus cala Amadeus firma o non firma? Il mondo dei media...

Salute e Benessere9 ore ago

Dengue, Burioni: “Unico modo per stare tranquilli?...

Il microbiologo: "Abbiamo eradicato la malaria nel 1946, eliminare il rischio di questo virus nel 2024 è una scelta" "L'unico...

Lavoro9 ore ago

Lavoro, De Luca: “Da innovazione tecnologica nuove...

Il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro è intervenuto a Milano, agli Stati generali dell’Economia di Forza...