Connect with us

Cronaca

Scontri a corteo centri sociali contro presenza Israele a...

Published

on

Scontri a corteo centri sociali contro presenza Israele a fiera Vicenza

Tensione alla manifestazione, deviato il percorso concordato. Sindacato di polizia: "Nove agenti feriti"

Scontri tra polizia e centri sociali a Vicenza - (Afp) - (Afp)

Scontri oggi al corteo organizzato a Vicenza dai centri sociali per protestare contro la presenza di un padiglione di Israele alla fiera VicenzaOro. Il corteo, dove sventolavano diverse bandiere della Palestina, è partito dal parcheggio di via Rossi ai Ferrovieri e poi ha deviato dal percorso concordato, avvicinandosi ai padiglioni della Fiera. In testa al corteo striscioni e cartelli con le scritte 'Blocchiamo Israele', 'stop war' e 'free Palestine'. A quel punto sono scattate le cariche della forze dell'ordine in tenuta anti-sommossa che hanno usato anche gli idranti.

I manifestanti denunciati sono al momento cinque. Gli antagonisti hanno tentato di forzare il blocco della polizia che sbarrava loro l'accesso alla Fiera dell'Oro, aggredendo e lanciando fuochi d'artificio contro gli agenti. Varia la provenienza dei manifestanti denunciati, tra questi un vicentino, un bresciano, un teramano e un croato. Le indagini della Digos proseguiranno anche nei prossimi giorni con l'analisi dei filmati e non si esclude che possano esserci altre persone denunciate.

Il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, ha telefonato al questore di Vicenza, Dario Sallustio, per manifestare la propria solidarietà agli agenti, aggrediti da alcuni manifestanti. Nell'occasione, il titolare del Viminale si è voluto sincerare delle condizioni degli agenti e ha espresso al questore il proprio "apprezzamento per come le forze di polizia hanno saputo gestire ancora una volta, con la consueta professionalità, una situazione difficile, evitando guai peggiori e confermandosi presidio fondamentale di difesa della democrazia e della libertà".

"Esprimo la mia massima vicinanza e profonda solidarietà alla polizia di Stato e ai suoi agenti aggrediti a Vicenza da violenti partecipanti a una manifestazione anti-israeliana" commenta il sottosegretario al Ministero dell’Interno, Nicola Molteni. "Polizia di Stato e Forze dell’ordine sono il baluardo della nostra democrazia" sottolinea.

"L'antisemitismo violento sta rialzando la testa. Mancano pochi giorni al 27 gennaio, ci stiamo arrivando nel modo peggiore. A furia di guardare e stare zitti, poi finisce così. Guai alla politica che deve avere coraggio per difendere i suoi cittadini dall’odio, dall'intolleranza" ha scritto su X Filippo Sensi del Pd.

"Solidarietà incondizionata alle forze dell’ordine aggredite dalla violenta galassia dei centri sociali in queste ore a Vicenza" dichiara in una nota Andrea Delmastro delle Vedove, deputato di Fratelli d’Italia e sottosegretario di Stato alla Giustizia. "Ancora una volta la galassia anarchica svela il suo vero volto: violenza, delinquenza, antisemitismo, odio verso le divise. Orgogliosi di aver aggravato le pene nel dl sicurezza per le aggressioni ai nostri uomini e donne in divisa. Basta impunità per gli annoiati figli di papà che giocano a fare i rivoluzionari del nulla aggredendo le forze dell’ordine. Mi auguro che tutte le forze politiche condannino senza tentennamenti le violenze dei centri sociali e si schierino, senza se e senza ma, al fianco delle divise".

"Trovo grave e ingiustificabile quanto avvenuto oggi a Vicenza, dove dei manifestanti dei centri sociali hanno deviato il percorso del loro corteo per protestare contro la presenza di alcuni operatori di Israele alla Fiera Vicenza, venendo a contatto con le forze dell’ordine" dice il presidente del Senato Ignazio La Russa. "La condanna per questi atti di violenza e antisemitismo deve essere netta e unanime. Nessuna tolleranza è ammissibile. A Israele e agli agenti di polizia rimasti feriti giunga la vicinanza mia personale e del Senato della Repubblica".

"Esprimo ferma condanna per gli atti di violenza e di discriminazione avvenuti a Vicenza" dichiara il presidente della Camera dei deputati, Lorenzo Fontana. "Auspico che tutti i responsabili ne rispondano in sede giudiziaria. Rivolgo la mia più sentita vicinanza e solidarietà agli agenti della Polizia di Stato rimasti feriti e un ringraziamento alla Prefettura e alla Questura, impegnate a mantenere l'ordine e la sicurezza".

Sindacato di polizia: "Nove agenti feriti"

“Oggi a Vicenza l’ennesima grave aggressione ai poliziotti, in occasione di una manifestazione anti-israeliana, si è conclusa con nove colleghi feriti, uno seriamente ustionato, e un attentato a ordine e sicurezza" ha detto Valter Mazzetti, Segretario generale Fsp Polizia di Stato. "Una manifestazione di assoluta violenza, con tanto di artifizi modificati e contenenti schegge metalliche, che dimostrano una chiara volontà di fare più male possibile e come in questo come in tanti altri casi ci si trovi di fronte a veri criminali organizzati. Che poi si usi come scusa per tentare di ammazzare dei poliziotti una manifestazione pro o contro un popolo afflitto dalla guerra è l’apice del delirio. Continuiamo a chiedere prevenzione e repressione severa contro chi compie questi gesti criminali e idonee regole d’ingaggio, perché non siamo buttafuori da strada né lavoriamo per farci ammazzare da finti manifestanti di un inesistente dissenso. E’ in ballo la salute dei nostri poliziotti e pretendiamo che si assumano adeguate e più serie contromisure”.

“Quando i manifestanti hanno preteso di avanzare nonostante l’alt delle forze di polizia è scoppiato il caos – dice Maurizio Ferrara, Segretario regionale Fsp Veneto -, e il lancio ad altezza d’uomo contro i colleghi di fuochi d’artificio infarciti di materiale ferroso ha provocato numerose ferite agli agenti, uno dei quali anche ustionato. E’ stata un’aggressione molto seria e si è reso necessario l’intervento con l’idrante per arginare i violenti. Alcune persone sono state fermate e portate in Questura, e ora c’è da sperare che tutti i responsabili non se la cavino con poco o nulla come fosse stata una bravata, perché non sarebbe la prima volta”.

“Tanti feriti per un corteo contro un padiglione a una fiera? Questa è follia – si infuria Luca Capalbo, Coordinatore nazionale Reparti mobili -. Una follia di cui oggi pagano le spese i poliziotti del Reparto mobile di Padova -. E’ rimasto ferito anche un collega della Digos di Venezia, ma purtroppo sono i componenti del Reparto mobile quelli che il più delle volte subiscono gli effetti della violenza bestiale che si scatena in strade e piazze, e che non è davvero motivata da altro se non dall’intenzione di fare male al ‘nemico’ che indossa la divisa, sempre buono come bersaglio per tutto e tutti”.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Attualità

Roberto Cavalli: L’addio a un gigante della moda

Published

on

Il 12 aprile 2024, il mondo della moda ha dovuto fare i conti con la perdita di uno dei suoi più grandi innovatori, Roberto Cavalli. Cavalli, morto all’età di 83 anni, ha lasciato un’impronta indelebile nell’industria grazie al suo spirito indomito e alla sua straordinaria capacità di reinventare il concetto di lusso. Famoso per le sue audaci stampe animalier, Cavalli ha spesso mescolato l’opulenza con un tocco di provocazione, rendendo ogni collezione un’affermazione di libertà e audacia.

Roberto Cavalli non è stato vero pioniere nel campo dei materiali innovativi. La sua ricerca costante di nuove tecniche di lavorazione e la sua sperimentazione con diversi tessuti hanno portato alla creazione di capi che erano tanto rivoluzionari quanto esteticamente impressionanti. Questa propensione per l’innovazione ha fatto sì che Cavalli tracciasse nuovi sentieri nell’industria della moda, introducendo metodi che sarebbero stati adottati e adattati da molti altri dopo di lui.

Le sue collezioni, caratterizzate da un mix vibrante di colori, stampe e materiali, hanno sempre sfidato le convenzioni, offrendo una nuova visione del lusso che è stata sia celebrata che imitata in tutto il mondo. L’uso caratteristico delle stampe animalier, in particolare, è diventato un segno distintivo del marchio Cavalli, simbolo di una moda senza paura che abbraccia la propria selvaggia bellezza.

L’eredità di Cavalli è tangibile non solo nelle collezioni che portano il suo nome ma anche nell’ispirazione che continua a offrire a stilisti e designer di tutto il mondo. La sua capacità di fondere arte e moda con un audace senso estetico garantirà che il suo impatto perdurerà per le generazioni a venire.

Le radici Fiorentine di Roberto Cavalli: Tra arte e innovazione

Roberto Cavalli è nato in una famiglia dove l’arte non era solo un passatempo, ma un vero e proprio modo di vivere. I suoi nonni, entrambi artisti riconosciuti, hanno instillato in lui una profonda apprezzazione per la bellezza e la creatività fin dalla più tenera età. Crescendo a Firenze, una città che è stata da sempre un crogiolo di arte e cultura rinascimentale, Cavalli ha assorbito l’influenza del suo ricco patrimonio culturale, che ha poi sapientemente trasfuso nelle sue creazioni di moda.

La propensione di Cavalli per il design si è manifestata inizialmente nel campo del design tessile. Qui ha iniziato a sperimentare con tecniche innovative, soprattutto nella stampa su pelle, un materiale che fino a quel momento era stato utilizzato in modo tradizionale e convenzionale. La sua capacità di trasformare la pelle in un tessuto stampato ad alta moda ha rivoluzionato l’industria, portando freschezza e novità in un settore che stava cercando nuove direzioni creative.

Il vero punto di svolta nella carriera di Cavalli arriva nei primi anni ’70, quando brevetta una tecnica rivoluzionaria per la stampa su tessuti leggeri. Questo metodo non solo ha permesso di superare numerosi limiti tecnici dell’epoca ma ha anche introdotto un nuovo livello di dettaglio e vivacità nei disegni su tessuti morbidi e fluttuanti, che hanno catturato l’immaginario del pubblico globale. La sua innovazione ha attirato l’attenzione di influenti figure della moda e ha segnato l’inizio del suo riconoscimento internazionale come pioniere del design tessile moderno.

Questa fusione di arte e innovazione tecnica è diventata la firma di Cavalli, distinguendolo come uno stilista che non solo ha compreso i suoi materiali ma ha anche osato spingerli oltre i loro confini tradizionali. Le sue prime sperimentazioni e successi hanno posto le basi per una carriera leggendaria, segnando l’inizio di un nuovo capitolo nella storia della moda, dove l’arte non si limita a decorare la vita ma la trasforma in modo audace e vivace.

L’ascesa di Roberto Cavalli negli anni ’90: Icona di una moda sfrenata

Gli anni ’90 rappresentano un periodo di definitiva consacrazione per Roberto Cavalli, anni in cui il suo nome diventa sinonimo di un lusso audace e irriverente. In questo decennio, Cavalli ha saputo incarnare lo spirito di un’epoca caratterizzata da un rinnovato desiderio di espressione individuale e di rottura con gli schemi tradizionali della moda.

Le collezioni di Cavalli di quel periodo sono dominate da stampe animalier, una scelta stilistica audace che diventa rapidamente il marchio di fabbrica del designer. Questi motivi, ispirati alla natura ma reinterpretati attraverso una lente glamour e sofisticata, simboleggiano una libertà espressiva che si distacca nettamente dalle tendenze minimaliste dominanti nell’industria della moda del tempo.

L’uso di colori vivaci e tagli audaci aggiunge un ulteriore livello di dinamismo alle sue creazioni, rendendo ogni capo una dichiarazione di indipendenza e audacia. Questa capacità di Cavalli di mescolare il lusso con l’anticonformismo attira l’attenzione di celebrità di tutto il mondo, che trovano nelle sue creazioni un alleato perfetto per i loro momenti pubblici più scrutati.

Figure iconiche come Madonna, Sharon Stone e Victoria Beckham diventano ambasciatrici dello stile Cavalli, consolidandone la fama a livello internazionale. La scelta di queste celebrità di indossare abiti Cavalli sui red carpet e in occasioni pubbliche trasforma ulteriormente il designer in un simbolo di un glamour audace e senza compromessi.

Innovazione e anticipazione: Il segno distintivo di Roberto Cavalli

Roberto Cavalli non si è mai limitato a seguire le tendenze; al contrario, ha spesso giocato un ruolo chiave nel definirle. La sua propensione per l’innovazione si è manifestata non solo nell’introduzione di nuove tecniche di stampa e nell’uso pionieristico di materiali insoliti, ma anche nella sua visione unica del design di moda. Cavalli ha infatti ridefinito il concetto stesso di moda attraverso una filosofia di design senza compromessi, che poneva al centro l’espressione libera e audace.

Il designer fiorentino ha saputo abbracciare il rischio con entusiasmo, vedendolo non come un ostacolo, ma come un’opportunità per esplorare e innovare. Questa apertura al nuovo ha reso le sue collezioni anticipatrici di tendenze, spesso introducendo stili e motivi che sarebbero diventati popolari solo anni dopo. Le sue creazioni non erano semplici abiti, ma veri e propri manifesti di un’estetica ricercata e selvaggia, che ha influenzato profondamente il settore della moda e ha ispirato altri designer a seguire il suo esempio.

Le stampe animalier di Cavalli, ad esempio, non erano semplici riproduzioni naturalistiche, ma interpretazioni audaci e artistiche che trasformavano tessuti e pelli in tele per esprimere la sua visione dell’eleganza selvaggia e indomita. Questo approccio ha reso le sue collezioni non solo iconiche ma anche estremamente desiderabili, creando un legame profondo tra l’arte della moda e l’espressione personale.

Questo spirito innovativo e anticipatore ha assicurato a Cavalli un posto d’onore nell’olimpo della moda, dove il suo lascito continua a essere una fonte di ispirazione e di ammirazione. Con ogni collezione, Cavalli ha dimostrato che è possibile rimanere fedeli alla propria visione artistica, anche sfidando le convenzioni e superando le aspettative del pubblico e della critica.

La transizione e l’innovazione sotto la direzione di Fausto Puglisi

Fausto Puglisi ha preso le redini del marchio Roberto Cavalli nel 2020, portando una ventata di freschezza e innovazione. Dopo la partenza del designer precedente, Puglisi ha introdotto nuove idee mantenendo al tempo stesso il rispetto per l’eredità iconica di Cavalli, noto per i suoi audaci motivi animalier e il lusso sfrenato.

Sotto la sua direzione, Puglisi ha effettuato cambiamenti significativi, mantenendo l’essenza del marchio ma aggiungendo il suo tocco personale. Ha esplorato nuove direzioni artistiche, come mostrato nelle recenti collezioni che presentano una fusione di classico e moderno, evidenziando stampe marmoree e nuovi approcci ai materiali e ai design. La collezione autunno/inverno 2024, ad esempio, si distacca dall’estetica “jungle disco” delle stagioni precedenti, optando per un’ispirazione più radicata e maturo, dove il marmo diventa una nuova fonte di ispirazione.

L’approccio di Puglisi ha ricevuto elogi per il suo equilibrio tra innovazione e rispetto del patrimonio di Cavalli, dimostrando una profonda comprensione del DNA del marchio e spingendo i confini della moda con nuove interpretazioni visive e materiali innovativi. Questo cambio di direzione segna un nuovo capitolo, con collezioni che continuano a stupire il pubblico mantenendo l’audacia e il lusso che hanno sempre caratterizzato Roberto Cavalli.

Riconoscimenti e impatto culturale di Roberto Cavalli

Roberto Cavalli non è stato solo un pioniere nel campo della moda, ma anche un influente protagonista nella cultura popolare e nel design. Il suo stile unico e le sue innovazioni hanno attratto l’attenzione non solo nell’ambito della moda ma anche in quello dell’arte e del design, influenzando una vasta gamma di artisti e designer. Questa intersezione tra diverse discipline creative ha contribuito a consolidare la sua fama ben oltre i confini dell’industria della moda.

Le creazioni di Cavalli sono state riconosciute con numerosi premi e riconoscimenti che testimoniano l’importanza del suo contributo al settore. Oltre ai successi commerciali, il modo in cui ha saputo fondere arte e moda in maniera così personale e profonda è stato particolarmente apprezzato. Questo approccio ha permesso di elevare la moda a una forma di espressione artistica, rendendo ogni capo una vera e propria opera d’arte.

La presenza di Cavalli nel panorama culturale va oltre le passerelle. Il suo impatto si estende alla musica, al cinema e alla televisione, dove i suoi abiti sono stati spesso scelti per definire i caratteri di icone di stile e per momenti memorabili. Questo ha contribuito a rendere il marchio Cavalli un simbolo di lusso e audacia, riconoscibile e desiderato a livello globale.

La capacità di Cavalli di mescolare con maestria gli elementi visivi e di utilizzare la moda come strumento di narrazione ha aperto nuove vie per la creatività, mostrando come la moda possa trascendere la sua funzione pratica per diventare un mezzo di comunicazione potente. Questa visione innovativa ha garantito che il suo lascito continuerà a ispirare designer e artisti, influenzando il modo in cui la moda è percepita e realizzata.

L’eredità di Roberto Cavalli

La scomparsa di Roberto Cavalli segna il momento di celebrare una vita dedicata all’innovazione e alla sfida dei confini della creatività. Attraverso il suo lavoro, Cavalli ha lasciato un messaggio duraturo di libertà e bellezza che continua a riecheggiare nel mondo della moda e oltre. I suoi contributi hanno ridefinito l’estetica della moda contemporanea, spingendo i limiti dell’espressione personale e del lusso.

Le innovazioni di Cavalli e il suo audace senso estetico sono stati celebrati in tutto il mondo, attirando tributi da figure di spicco nell’industria della moda e da ammiratori di tutto il globo. Questo riconoscimento universale è la testimonianza dell’ampio impatto che il suo lavoro ha avuto non solo nell’ambito della moda ma anche nella cultura popolare, influenzando stili di vita e percezioni estetiche su scala globale.

Il suo lascito vivrà attraverso le sue creazioni, che continuano a ispirare nuove generazioni di designer e artisti. Il suo approccio rivoluzionario alla moda, che ha sempre privilegiato l’innovazione e la sperimentazione, rimarrà un punto di riferimento essenziale per chi cerca di trasformare la visione artistica in realtà tangibili. Cavalli non è stato solo un designer di moda: è stato un visionario che ha saputo vedere oltre le tendenze del momento, creando un linguaggio visivo che parla di audacia, passione e libertà ineguagliabili.

In ultima analisi, la storia di Roberto Cavalli è quella di un uomo che ha saputo non solo anticipare i tempi ma anche plasmarli, lasciando un’impronta indelebile nel tessuto della moda mondiale. Con tributi che continuano ad affluire, è chiaro che il suo spirito creativo e la sua eredità continueranno a influenzare il mondo della moda per molti anni a venire.

Continue Reading

Cronaca

Weekend estivo da Nord a Sud ma da lunedì cambia tutto: le...

Published

on

Nel fine settimana temperature sopra la media con picchi di 31 gradi in Puglia

Fine settimana dal clima estivo con temperature ben oltre la media stagionale dal Nord al Sud dell'Italia con picchi di 31 gradi in Puglia per l'effetto dell'anticiclone africano che sta attraversando il Paese. Ma a partire da lunedì cambia tutto. A metà settimane si arriverà anche a massime di 5-6 gradi.

Continue Reading

Cronaca

“Ringraziate l’ammazza orsi”, danni per...

Published

on

Il presidente della Provincia di Trento e la sua politica di abbattimento dei plantigradi nel mirino degli animalisti

Il messaggio lasciato dagli animalisti

Distrutte un centinaio di viti per un danno, non assicurato, da 60mila euro come rappresaglia nei confronti del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti e della sua politica sull'abbattimento degli orsi.

E' l'azione messa in atto da un gruppo di attivisti nei confronti dei familiari di Fugatti, proprietari delle piante del vitigno Chardonnay allevate a Guyot, in alcuni terreni agricoli nei pressi di via Mama, a Brentino Belluno (in provincia di Verona) danneggiati nella notte.

A firmare l'azione con uno striscione con scritto 'Ringraziate l'ammazza orsi', lasciato sul posto, l'Alf (Animal liberation front). Nel vigneto sono intervenuti i carabinieri per un sopralluogo e i rilievi.

Continue Reading

Ultime notizie

Attualità2 ore ago

Roberto Cavalli: L’addio a un gigante della moda

Il 12 aprile 2024, il mondo della moda ha dovuto fare i conti con la perdita di uno dei suoi...

Ultima ora3 ore ago

Superenalotto, oggi centrato un ‘5+1’ da oltre...

Il jackpot sale a oltre 90 milioni Nessun 'sei' al concorso Superenalotto - SuperStar numero 59 di oggi, 13 aprile...

Economia4 ore ago

‘La Dolce Vita Orient Express’fa tappa al...

Il treno di lusso annuncia le eccellenze enologiche italiane a bordo e un menù firmato Heinz Beck 'La Dolce Vita...

Sport4 ore ago

Torino-Juventus 0-0, derby della Mole senza gol

Un tempo per uno, bianconeri più pericolosi in avvio e granata più incisivi nella ripresa Torino e Juventus pareggiano 0-0...

Esteri4 ore ago

Attacco Iran, ‘allerta totale’ in Israele:...

Scuole chiuse e niente assembramenti. Le forze armate pronte a mobilitarsi L'"allerta totale" è stata dichiarata dall'esercito di Israele per...

Sport5 ore ago

MotoGp Austin, Vinales in pole e Bagnaia quarto

Tre spagnoli davanti, poi la Ducati del campione del mondo Maverick Vinales in pole nella classe MotoGp del Gp delle...

Ultima ora5 ore ago

Scintille Fedez-Gramellini, il rapper: “Di essere...

Il rapper da Los Angeles: "Nemmeno topo Gigio vorrebbe esserlo" Dopo le polemiche sulla cover del cellulare con l'immagine di...

Ultima ora6 ore ago

Ammirati (Rai): “Incendio a Stromboli grande ferita,...

Le parolele della direttrice di Rai Fiction a margine degli Stati generali del Cinema in corso a Siracusa "Anche noi,...

Economia6 ore ago

Blue Economy, Di Meo: “Serve rafforzare regolamentazione...

“L’Europa ha iniziato un percorso di consapevolezza della risorsa mare. Di quello che sviluppa non solo come fonte primaria, energia,...

Sport6 ore ago

Sinner e la sconfitta a Montecarlo: “Errore...

L'azzurro e la palla decisiva nel terzo set: "Giocavo davvero bene in quel momento..." Jannik Sinner battuto in semifinale a...

Economia6 ore ago

Imballaggi, Pichetto: “Trattativa difficile ma...

Le parole del Ministro dell’Ambiente e Sicurezza Energetica partecipando al talk promosso dal gruppo Hera "Quella del regolamento imballaggi è...

Cronaca6 ore ago

Weekend estivo da Nord a Sud ma da lunedì cambia tutto: le...

Nel fine settimana temperature sopra la media con picchi di 31 gradi in Puglia Fine settimana dal clima estivo con...

Finanza6 ore ago

Fmi, Kristalina Georgieva confermata per altri 5 anni come...

Il Comitato esecutivo del Fondo Monetario Internazionale ha confermato Kristalina Georgieva come amministratore delegato per un secondo mandato di 5...

Ultima ora6 ore ago

Israele, gen. Bertolini: “L’Iran non ha...

L'analisi dell'ex comandante del Comando operativo di vertice interforze all'Adnkronos: "Una escalation trascinerebbe anche la Russia e Mosca non ha...

Spettacolo7 ore ago

Amadeus via da Rai? Il ‘caso’ accende il web,...

Arcadia analizza le conversazioni online: il sentiment positivo verso Amadeus cala Amadeus firma o non firma? Il mondo dei media...

Ultima ora7 ore ago

Amadeus via da Rai? Il ‘caso’ accende il web,...

Arcadia analizza le conversazioni online: il sentiment positivo verso Amadeus cala Amadeus firma o non firma? Il mondo dei media...

Salute e Benessere7 ore ago

Dengue, Burioni: “Unico modo per stare tranquilli?...

Il microbiologo: "Abbiamo eradicato la malaria nel 1946, eliminare il rischio di questo virus nel 2024 è una scelta" "L'unico...

Lavoro7 ore ago

Lavoro, De Luca: “Da innovazione tecnologica nuove...

Il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro è intervenuto a Milano, agli Stati generali dell’Economia di Forza...

Politica7 ore ago

Lega, Bossi: “Nuovo leader? Serve attenzione a...

"Salvini? Non l'ho sentito. Giorgetti? Non voglio fare il suo nome per non massacrarlo"' "Non mi pare che Matteo Salvini...

Economia8 ore ago

Imballaggi, Hera ospita ministro Pichetto per il punto sul...

TAlk in cui è stato fatto un focus sulla leadership delle aziende italiane mercato delle plastiche riciclate Un’Italia ancora più...