Connect with us

Ultima ora

Ue, la roadmap di Draghi: “Ha perso slancio, Usa e...

Published

on

Ue, la roadmap di Draghi: “Ha perso slancio, Usa e Cina corrono”

L'ex premier inquadra gli scenari attuali e indica le prospettive per la competitività europea

Mario Draghi - Fotogramma

L'ex presidente della Bce Mario Draghi ha partecipato quest'oggi al seminario di inizio anno dei commissari europei che si è tenuto, a porte chiuse, a Jodoigne, un comune di 12mila anime ad una cinquantina di chilometri a sudest di Bruxelles, nel Brabante Vallone, in Belgio. A volere l’incontro è stata la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, che nello scorso autunno ha deciso di affidare all'ex presidente del Consiglio l'incarico di redigere un rapporto sulla competitività dell'Ue, che delinei una "visione per l'economia del futuro".

Draghi è stato invitato a Jodoigne proprio per discutere di quel rapporto, ha spiegato von der Leyen ai commissari nella riunione del collegio del 21 novembre scorso, come riporta il verbale della riunione pubblicato ieri. La presidente oggi ha ringraziato pubblicamente l’ex premier: "Grazie caro Mario - ha detto via social - per l'eccellente scambio oggi con il collegio dei commissari sulla competitività. Abbiamo discusso di molte sfide e ambiti delle politiche. Non vedo l'ora di avere il rapporto, che aiuterà a portare avanti il dibattito su come rafforzare l'economia Ue”.

Da'Ia a transizione green: gli scenari del cambiamento

Nell’incontro con i commissari europei, informano i suoi collaboratori, Draghi ha inquadrato brevemente le dinamiche che hanno determinato gli scenari attuali e le prospettive per la competitività europea. Partendo dal 2016, ha osservato, abbiamo assistito a una serie di fatti nuovi e rilevanti per l’Europa negli ambiti più diversi, dall’elezione di Donald Trump negli Usa all’affacciarsi prepotente della transizione green nell’agenda di governi e organizzazioni, fino all’avvento, ben più veloce del previsto, dell’intelligenza artificiale. In questo contesto, ha sottolineato ancora, l’economia europea ha fatto registrare un progressivo indebolimento, perdendo slancio e cedendo centralità nelle catene dell’offerta, a beneficio di altri Paesi come Stati Uniti e Cina.

La guerra in Ucraina, ha continuato l'ex premier, non ha fatto che confermare le fragilità del Vecchio Continente, non solo dal punto di vista economico, ma anche in termini di modello geopolitico. Ne consegue, questo in sostanza il ragionamento fatto da Draghi, la necessità di definire una roadmap ampia e dettagliata, che identifichi chiaramente priorità, linee d’azione e politiche da mettere in atto nei diversi settori. L’individuazione di questi percorsi, ha spiegato ancora Draghi riproponendo un approccio a lui caro, non potrà che essere basata su un’analisi accurata dei dati.

Le sfide da affrontare

Dunque la relazione sulla competitività europea, che l’ex premier sta preparando su incarico della presidente della Commissione Ursula von der Leyen, sarà un esercizio il più possibile aperto all’ascolto di tutti gli stakeholder rilevanti, aperto ai contributi di tutti coloro che siano interessati a darne, aperto alla ricerca di soluzioni incisive e ambiziose. Quali siano le sue idee, l'ex governatore di Bankitalia lo ha lasciato chiaramente intuire nel settembre scorso quando, in un intervento pubblicato dall'Economist, ha ricordato che l'Europa deve affrontare una serie di sfide sovranazionali, che richiederanno ingenti investimenti in un periodo di tempo limitato: nella difesa, per la transizione verde e per quella digitale. Draghi ha sottolineato che, al contrario degli Usa che hanno lanciato l’Ira usando la leva fiscale, l'Ue non ha alcuna strategia federale per finanziare quegli investimenti.

I rischi per l'Europa

Se non agisce, avvertiva, l'Europa corre il "serio rischio" di mancare gli obiettivi climatici che si è data, di non riuscire a fornire "sicurezza" ai suoi cittadini e di "perdere” la propria base industriale, a favore di aree del mondo che si autoimpongono "meno vincoli". Piuttosto che dare mano libera agli aiuti di Stato, argomentava l’ex presidente della Bce, sarebbe meglio “ridefinire” il quadro delle regole sui bilanci e il processo decisionale dell’Unione, per renderli “adeguati” alle sfide comuni. Questo dilemma, continuava, può essere risolto solo “trasferendo maggiori poteri di spesa al centro”, cosa che a sua volta renderebbe possibile avere regole più “automatiche” per gli Stati membri.

Dall'economia alle sfide energetiche: come muoversi

Se l’Ue riuscisse a “federalizzare” alcuni degli investimenti necessari a raggiungere gli obiettivi comuni che l’Unione si è data, potrebbe riuscire a raggiungere un “equilibrio” simile a quello di cui beneficiano gli Usa. Spendere a livello federale, indebitandosi in comune, porterebbe, notava Draghi, “maggiore efficienza” e fornirebbe “maggior spazio fiscale”, dato che i costi del servizio del debito sarebbero inferiori. In questo modo, le politiche nazionali potrebbero focalizzarsi maggiormente sulla “riduzione del debito”, per ricavare “cuscinetti” nei bilanci per i periodi di magra. In vista dell’allargamento a est, occorrerà “evitare”, ammoniva ancora Draghi, gli errori del passato, espandendo la periferia senza rafforzare il centro. Un processo decisionale più centralizzato, continuava, comporterà “il consenso dei cittadini”, nella forma di una “revisione dei trattati”.

E dunque: le strategie che hanno assicurato la “prosperità e la sicurezza” dell’Europa in passato (“affidarsi all’America per la sicurezza, alla Cina per le esportazioni e alla Russia per l’energia”), sono diventate “insufficienti, incerte o inaccettabili”. In questo “nuovo mondo”, ammoniva, la “paralisi” è chiaramente “insostenibile”, mentre l’opzione di uscire dall’Ue, percorsa con decisione dal Regno Unito, ha dato risultati “decisamente misti”. Pertanto, concludeva, “forgiare un’Unione più stretta si dimostrerà in ultima analisi essere l’unica via per assicurare la sicurezza e la prosperità cui aspirano i cittadini europei”. Si scoprirà presto in quale misura il rapporto Draghi riecheggerà questi concetti, che l’ex presidente del Consiglio aveva già parzialmente espresso quando stava a palazzo Chigi.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Ultima ora

Siti nucleari e fabbriche di droni, ecco perché Israele ha...

Published

on

L'impianto target del raid israeliano nell'Iran centrale

Le immagini del raid israeliano in Iran - Fotogramma /Ipa

Importanti siti nucleari, una grande base aerea e fabbriche associate alla produzione di droni e di altro equipaggiamento militare: è per la presenza di tutte queste strutture che Israele nella notte ha colpito Isfahan, nell'Iran centrale. Nell'area di Zedenjan, a sudest della città, si trovano i siti per la conversione dell'uranio, che invece viene arricchito negli impianti di Natanz, nella stessa provincia.

L'impianto di Isfahan

Nell'impianto di Isfahan, costruito a partire dal 1999, operano tre piccoli reattori di ricerca nucleare forniti dai cinesi e viene gestita la produzione di combustibile e altre attività per il programma nucleare civile dell'Iran. A Isfahan si trova anche un'importante base aerea che ospita la vecchia flotta di F-14 Tomcat di fabbricazione americana, acquistati prima della rivoluzione islamica del 1979. Secondo alcune ipotesi iniziali, l'obiettivo dell'attacco potrebbe essere stato una struttura radar della base.

A Isfahan e intorno alla città si trovano inoltre altre siti di produzione di armi. Nei mesi scorsi, un attacco attribuito a Israele e condotto, come quello di oggi, con droni, avrebbe colpito un impianto per la produzione avanzata di armi.

Continue Reading

Salute e Benessere

Covid Italia, Rt sotto soglia epidemica: dati ultima...

Published

on

Il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità: Basilicata, Calabria e Bolzano non segnalano casi

Tampone covid - Fotogramma

L'Rt, l’indice di trasmissibilità Covid calcolato con dati aggiornati al 17 aprile, in Italia "risulta sotto la soglia epidemica, pari a 0,96 (0,79–1,15), in leggera diminuzione rispetto alla settimana precedente (Rt 1,01); l’incidenza di casi diagnosticati e segnalati (8-14 aprile) è pari a 0,82 casi per 100.000 abitanti, sostanzialmente stabile rispetto alla settimana precedente; l’incidenza settimanale ha un andamento eterogeneo nelle diverse regioni e province rispetto alla settimana precedente. L’incidenza più elevata è stata riportata in Lombardia (1,6 casi per 100.000 abitanti), non sono stati segnalati casi dalle regioni Basilicata, Calabria e provincia autonoma di Bolzano. I dati delle ultime due settimane possono variare in quanto soggette a consolidamento". Lo evidenziano i dati del monitoraggio settimanale Covid dell'Istituto superiore di sanità (Iss).

Continue Reading

Spettacolo

Renzo Rubino: “Torno con un disco felice come una...

Published

on

Il nuovo album 'Il silenzio fa Boom' arriva a 7 anni di distanza dall'ultimo: "Ho vissuto cose che mi hanno portato a scrivere per necessità"

(Foto di Clarissa Ceci)

"Scrivo per necessità e per esorcizzare i momenti bui". Il risultato "è un disco felice come una festa di piazza". Renzo Rubino, descrive così il suo nuovo progetto discografico 'Il silenzio fa Boom'. Il nuovo album arriva a distanza di sette anni dall’ultimo lavoro in studio 'Il gelato dopo il mare': sette anni in cui Renzo non ha distolto nemmeno per un attimo lo sguardo dalla musica in tutte le sue declinazioni, dedicandosi anima e corpo anche al suo festival Porto Rubino, nato da un'idea visionaria e diventato - alla sua quinta edizione - un gioiello tra i festival estivi italiani, capace di attirare grandi nomi della musica nazionale e internazionale in un'atmosfera unica e coinvolgente.

In questi anni, racconta l'artista "mi sono nutrito del successo di Porto Rubino ma poi ad un certo punto l'essere musicista mi ha riportato a scrivere canzoni. La vita ti segna con cose belle e anche brutte, e io scrivo per stare meglio ed esorcizzare i momenti bui: ho perso delle persone a me care, mi è cambiata la vita, ho subito un'operazione e ho fatto delle cose che mi hanno portato a scrivere per necessità".

E questa necessità "si è trasformata in un disco felice, come la festa di piazza, in questo caso la festa pugliese", simbolo di comunità e di condivisione emotiva. L’album di Rubino è un viaggio attraverso le emozioni umane: l’amore, la vanità, la celebrazione della diversità. È un disco intimo e personale, che riflette un importante cambiamento nella vita dell’artista. "Questo disco - sottolinea l'artista - ha tanto di me. Con questo lavoro mi sono reso conto che per troppo tempo avevo messo da parte quella che è la mia vera natura, stare in giro come musicista e suonare".

Ad arricchire questo ritorno sulle scene musicali, in contemporanea con l'uscita dell'album approda in rotazione radiofonica 'Patchouli (resta)', il nuovo intenso singolo estratto dal disco del cantautore pugliese. Il brano è accompagnato da un videoclip dal taglio onirico, nato da un’idea del regista e scrittore ai vertici delle classifiche Donato Carrisi. Nel cuore de 'Il silenzio fa Boom' pulsa la forza della Sbanda, che accompagna Rubino nei dieci brani che compongono il disco. Una formazione unica nel suo genere, che rievoca l'anima della banda di paese, con i suoi componenti provenienti da diverse parti d'Italia e uniti dalla passione per la musica.

Non musicisti professionisti, ma persone comuni che, come il panettiere, il macellaio o l'assicuratore, si ritrovano a suonare per ricrearsi dagli impegni quotidiani. E proprio da questa spontaneità nasce un suono antico eppure moderno, capace di emozionare e coinvolgere. Un suono che affonda le sue radici nella tradizione musicale italiana, un patrimonio prezioso da salvaguardare e valorizzare. "Lavoro con loro perché ho bisogno della loro autenticità e quindi sono davvero contento e felice che tutto questo stia accadendo in questo periodo perché ne avevo bisogno", commenta l'artista.

Per celebrare la pubblicazione de 'Il silenzio fa boom', oggi, presso l’Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini di Roma, Renzo e la Sbanda suoneranno in anteprima le canzoni del nuovo album nel corso di una grande festa serale che ha già registrato il tutto esaurito in prenotazione. L’evento sarà un vero e proprio battesimo live dell'album, che sarà seguito da un calendario di impegni estivi attualmente in fase di allestimento. A dieci anni dal suo esordio discografico e dalla sua prima partecipazione al Festival di Sanremo, Renzo Rubino torna con un progetto intimo e autobiografico, che è al contempo un invito alla sua personalissima festa patronale.

Continue Reading

Ultime notizie

Interviste2 ore ago

Riflessi artistici: il percorso luminoso di Lorenzo Balducci

A cura di Pierluigi Panciroli Lorenzo Balducci inizia il suo viaggio nell’arte all’età di quattordici anni immergendosi negli studi di...

Immediapress3 ore ago

Bruno Mafrici (Dongfeng): con CA Auto Bank impegno a...

Per Bruno Mafrici, entrante CEO di Dongfeng Italia, l’accordo con CA Auto Bank mira a fornire soluzioni finanziarie innovative per...

Immediapress3 ore ago

Schneider Electric lancia il programma Materialize per la...

Stezzano (BG), 19 aprile 2024 – Schneider Electric, il leader nella trasformazione digitale della gestione dell’energia e dell’automazione, ha presentato...

Ultima ora3 ore ago

Siti nucleari e fabbriche di droni, ecco perché Israele ha...

L'impianto target del raid israeliano nell'Iran centrale Importanti siti nucleari, una grande base aerea e fabbriche associate alla produzione di...

Immediapress3 ore ago

Winter Garden a Merlata Bloom Milano, un’opera...

By Rubner Grandi Strutture In Legno Milano, 19 aprile 2024 – Praticamente una serra bioclimatica che garantisce un comfort ottimale...

Salute e Benessere3 ore ago

Covid Italia, Rt sotto soglia epidemica: dati ultima...

Il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità: Basilicata, Calabria e Bolzano non segnalano casi L'Rt, l’indice di trasmissibilità Covid calcolato con...

Immediapress3 ore ago

Faraone.shop, approfittare della moda 2024 diventa...

Milano, 19 aprile 2024. Faraone.shop emerge come punto di riferimento essenziale per chiunque desideri immergersi nelle ultime tendenze della moda....

Immediapress3 ore ago

Pneumatici estivi per auto, l’indagine Altroconsumo aiuta i...

I test hanno coinvolto 16 diversi pneumatici. I primi classificati: Continental, Michelin e Kumho. Milano, 19 aprile 2024 - In...

Immediapress3 ore ago

Logistica e-commerce: perché è sempre più importante

Roma, 19 aprile 2024 - Il mondo del commercio online ha subìto una crescita esponenziale negli ultimi anni, diventando una...

Spettacolo3 ore ago

Renzo Rubino: “Torno con un disco felice come una...

Il nuovo album 'Il silenzio fa Boom' arriva a 7 anni di distanza dall'ultimo: "Ho vissuto cose che mi hanno...

Economia3 ore ago

Pa, Pucci (Telecomunicazioni): “Sistemi di...

Il report durante gli Stati generali, i dati emersi dall’indagine “Abbiamo fatto un'indagine per capire livelli di adozioni livelli Iot...

Economia3 ore ago

Innovazione, Iannicelli (Ordine Ingegneri): “Digital...

Il presidente della Commissione Tlc durante gli Stati generali: 'Portare la fibra alle nostre imprese' “Nelle digital skill degli individui...

Ultima ora3 ore ago

Taylor Swift sorprende i fan con un doppio album

'Tortured Poets Department' è fuori e la popstar annuncia a sorpresa 15 canzoni extra C'era grande attesa per 'The Tortured...

Spettacolo4 ore ago

Fiorello all’ad Discovery: “Nessun progetto per...

La giornata di ‘VivaRai2!’ si apre con l’in bocca al lupo di Fiorello ad Amadeus, ufficialmente passato al Nove. Anche...

Cronaca4 ore ago

Tornano freddo e neve, weekend invernale sull’Italia

Temperature sotto la media del periodo fino alla fine del mese Freddo e anche neve nel weekend sull'Italia. Le previsioni...

Politica4 ore ago

Europee, Vannacci: “Io tv con Ilaria Salis? Nessun...

Così il generale dopo le parole di Salvini: "Per ora non ho sentito nulla in proposito, le proposte me le...

Spettacolo5 ore ago

Ex-Otago, il ritorno dopo 4 anni di silenzio – Ascolta

Lontani dai riflettori da 4 anni tornano con l'album 'Auguri' gli Ex-Otago.

Esteri5 ore ago

Israele attacca Iran, il raid nel giorno del compleanno di...

La Guida suprema iraniana è nata il 19 aprile 1939, la storia dell'ayatollah che sfida l'Occidente L'annunciata rappresaglia israeliana contro...

Ultima ora5 ore ago

Iran, Tajani: “Da Israele no reazione per...

"Al momento non c'è nessuna criticità per gli italiani che vivono nel Paese", ha assicurato il titolare della Farnesina ''Da...

Salute e Benessere5 ore ago

Malattie rare, Uniamo: “Con diario fari accesi su...

Scopinaro, "Vademecum per pazienti e specialisti che vogliono conoscere patologia misconosciuta" “L’anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi (Cad) è una...