Connect with us

Cronaca

Open Arms, Salvini: “Ho difeso la sicurezza del...

Published

on

Open Arms, Salvini: “Ho difeso la sicurezza del paese”

Lunga deposizione del ministro nel processo per sequestro di persona e rifiuto di atti di ufficio

Matteo Salvini all'Ucciardone

Un'autodifesa lunga 59 minuti in cui il ministro Matteo Salvini spiega che "tra il 2018 e il 2019" le politiche migratorie dell'allora esecutivo giallo-verde, "erano condivise da tutto il governo" e che con lui ministro dell'Interno "non si sono registrati morti in mare" ma anche che con lui al Viminale "gli sbarchi si sono ridotti del 90 per cento", cosa "mai più accaduta né prima né dopo". Sottolinea anche che ha agito "coscientemente" per "la difesa della sicurezza nazionale" e per salvare "la dignità del paese". Ribadendo che "quando c'erano situazioni sanitarie particolari" non si è "mai rifiutato di fare sbarcare dei migranti". E nel caso Open Arms, "io ero continuamente rassicurato sul fatto che non ci fossero emergenze a bordo. Ci dicevano che la situazione sulla nave non era a rischio". E' iniziata con le lunghe dichiarazioni spontanee, arrivate a sorpresa, la nuova udienza del processo Open Arms di Palermo, che vede il vicepremier imputato per sequestro di persona e rifiuto di atti di ufficio, per avere impedito, nell'agosto del 2019, lo sbarco di 147 migranti soccorsi dalla ong spagnola Open Arms.

"Prima di rispondere alle domande, vorrei fare alcune precisazioni”, spiega Salvini, prima dell'esame dell'accusa. In mano tiene decine di fogli. E il Presidente della Corte Roberto Murgia gli dice: “Va bene, ma non può leggere tutti quei fogli". Salvini replica: “Sono solo alcuni appunti”. Inizia così l'autodifesa del ministro che parla, del periodo dal 2018 fino al 2019, delle politiche migratorie del governo Conte e dell'Europa. “In questi ultimi giorni, pur essendo impegnato su altri fronti, ho ripercorso tutto quello che è accaduto in questa vicenda. Era mio dovere e mio puntiglio sottoporre al tribunale alcuni elementi”, spiega a inizia: “La politica in tema di immigrazione, che puntava a contrastare il traffico di essere umani, era condivisa da tutto il governo. Dal presidente del consiglio Conte e dai ministri Di Maio e Toninelli”.

“Io ho solo adeguato il mio comportamento alle indicazioni europee. Era stato il consiglio europeo a dire che non bisognava interferire nelle operazioni della guardia costiera libica, in quest’aula ho invece sentito dire che la guardia costiera libica non è affidabile”. Per Salvini, "Conte premier ha condiviso tutte le scelte di politica migratoria tranne quella relativa alla Open Arms e questo si spiega facilmente se si pensa che tra l'8 e il 9 agosto si era aperta la crisi di governo con la mozione di sfiducia al premier. "In tutte le centinaia di episodi precedenti - ha spiegato Salvini - ci sentivamo al telefono per le varie questioni. Con Open Arms, invece, Conte iniziò un carteggio. Il 14 agosto per la prima volta mi scrisse riferendosi ai minorenni a bordo e invitandomi a prendere le decisioni conseguenti. Noi rispondemmo a Ferragosto mentre coordinavamo le forze pubbliche in un patto anticamorra".

'Non concedere il Pos era una sorte di pressione per l'Ue'

"Il 16 agosto 2019 il presidente del Consiglio tornò a scrivere - racconta ancora Salvini in udienza - contestando le mie scelte, il 17 noi rispondemmo: un comportamento epistolare che rappresenta la cesura politica che ora mi porta qua sul banco degli imputati. Per i 5 Stelle quello che ho fatto con la Diciotti andava bene, quel che ho fatto con la Open Arms no, ma la verità è che il problema era politico". Salvini spiega anche che "non concedere il pos prima di aver chiuso l'accordo con gli altri paesi europei sulla redistribuzione era una sorte di pressione, e grazie al nostro operato finalmente l'Europa è diventata solidale. In ogni caso, in caso di emergenze urgenti, lo sbarco poteva essere disposto, anche in assenza di assegnazione di Pos, da altre autorità, come è avvenuto ad esempio nel caso della Mare Ionio".

Tiene anche a ribadire più volte: "Io tutelavo la sicurezza nazionale come dimostra il fatto che almeno tre episodi delittuosi in Francia, Germania e Belgio sono imputabili a persone sbarcate a Lampedusa". "Al contrario di quel che sostiene qualcuno l'allarme terrorismo c'era. Quindi la particolare attenzione all'immigrazione irregolare era un obiettivo giusto". E sottolinea ancora: "Ho reso un servizio utile al paese e mi faccio pienamente carico di quel che abbiamo fatto con risultati assolutamente mai raggiunti né prima né dopo non solo in termine di contrasto al traffico di esseri umani ma anche di vite salvate". Ha, quindi, ricordato che durante il Governo in cui era ministro dell'Interno gli sbarchi si sono ridotti del 90%. "Meno partenze significa meno morti meno drammi e meno soldi per trafficanti", dice.

'Con me ministro Interno non ci furono eventi luttuosi in mare'

E ancora: "Ho l'orgoglio di dire che quando fui ministro dell'Interno non ci fu alcun episodio luttuoso riferito a migranti, a differenza di quanto avvenuto dopo. La politica del Governo era di contrasto al traffico degli esseri umani e di coinvolgimento dell' Europa". E ribadisce: "Nella maggioranza c'era una politica condivisa sulla gestione dei fenomeni migratori che prevedeva il coinvolgimento delle istituzioni europee e che ebbe inizio con la vicenda della nave Aquarius che terminò con l'assegnazione del porto sicuro in Spagna e proseguì con la Diciotti che vide d'accordo tutti i colleghi di Governo". "Chiudo il mio intervento con un passaggio significativo citando il collega Toninelli: due suoi post pubblicati da Toninelli il 18 agosto: un paese che permette ad una nave di alzare la propria bandiera non può girarsi dall'altra parte. Ringrazio la Spagna che ha fornito un porto alla nave. La guardia costiera fornirà tutto il supporto. Non andare in Spagna sarebbe incomprensibile", dice Salvini. "Il giorno dopo scrive Toninelli che la decisione dell'ong di non andare in Spagna è incomprensibile e viene il sospetto che ci sia malafede. Siamo disponibili noi a portare tutti i migranti in Spagna".

Nel corso dell'esame, tenuto dal Procuratore aggiunto Marzia Sabella, presenti anche i pm Geri Ferrara, applicato dall'Eppo, e Giorgia Righi, tiene a sottolineare che "Non e' mai mancata l'assistenza a Open Arms. E mai ci siamo opposti agli interventi in favore di donne incinta e altri migranti in difficolta'. Per quanto riguarda i minori e' stata l'Avvocatura di stato, il 19 agosto, a usare il termine 'presunti minori', riferendosi a uno sbarco avvenuto il 17 agosto. Il termine 'presunto' non era un dispregiativo ma proveniva dal fatto che poi alcuni di questi non lo erano". "Da Ministro non ritengo che le vicende legate alla crisi di Governo abbiano inciso sulla vicenda Open Arms, ma è chiaro che il successivo atteggiamento del M5s sull'autorizzazione a procedere fosse condizionato da tale scenario. L'atteggiamento sulle politiche migratorie rimase lo stesso con l'insediamento della collega Lamorgese, con tempi anche più lunghi", dice.

'Ho fatto tutto in piena coscienza e ho fatto un servizio utile'

E in più riprese ribadisce: “Ho fatto tutto in piena coscienza e ho fatto un servizio utile". Tornando ai giorni caldi dell'agosto 2019, Salvini dice: "In quel momento l'allora capo di gabinetto Matteo Piantedosi mi disse che a bordo di Open Arms la situazione era sotto controllo, non ricordo se mi dissero che c'erano persone che si lanciavano in acqua. Se ci fosse stata una condizione di pericolo lo sbarco sarebbe stato immediato". Non sono mancati i momenti di tensione in aula, come quando l’avvocata Daniela Ciancimino, legale della parte civile Legambiente, si alza nel corso delle dichiarazioni spontanee per dire: “L’imputato sta anticipando l’esame”. Ma viene interrotta dall'avvocata Giulia Bongiorno che le dice: "Non si possono interrompere le dichiarazioni spontanee". Stessa cosa le dice il presidente del collegio Roberto Murgia: “Avvocato Ciancimino non si possono interrompere le dichiarazioni spontanee di un imputato”. E così Salvini prosegue la sua autodifesa, per dire: “Anche il governo che è venuto dopo ha avuto lo stesso atteggiamento in tema di immigrazione”. Ed elenca altri sbarchi: “Il 17 maggio 2022, il porto sicuro è stato assegnato alla Sea Watch dopo 14 giorni. E non mi sembra che siano stati aperte inchieste”.

Rispondendo alle domande del Tribunale, Matteo Salvini, spiega: “La linea del governo era autorizzare lo sbarco solo dopo aver trovato con gli altri paesi europei un accordo sulla redistribuzione: è chiaro che i territori mediterranei abbiano diverse sensibilità in tema di gestione dei migranti rispetto a paesi più a nord come Polonia e Ungheria. Tutto ciò che abbiamo fatto, inclusi i Decreti sicurezza, ha sempre rispettato le convenzioni internazionali vigenti". "Malta in un primo momento aveva rifiutato l'approdo a Open Arms e quando in un successivo momento ha acconsentito allo sbarco di 39 persone è stata la Ong a rifiutare per motivi di ordine a bordo", aggiunge.

Il processo è stato rinviato al prossimo 16 febbraio per sentire il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi. (di Elvira Terranova)

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Cronaca

Roma, apertura in ritardo metro C nella tratta fra San...

Published

on

Lo comunica Atac

La metro C (Fotogramma)

"Per un precedente problema agli impianti di telecomunicazione, attualmente risolto, il tratto urbano della linea metro C da San Giovanni a Giardinetti apre con oltre un’ora di ritardo". Lo comunica Atac.

"Le procedure di sicurezza in caso di marcia autonoma impongono una verifica dettagliata delle condizioni di tracciato che sono in corso e per questo Atac sta gestendo temporaneamente il servizio tra San Giovanni e Giardinetti con bus sostitutivi", spiega Atac.

Continue Reading

Cronaca

Smog, scienziati: “Aumentano ricoveri, non c’è...

Published

on

Dai risultati di due maxi studi Usa "indicazioni preziose per nuovi standard sulla qualità dell'aria"

(Fotogramma)

Lo smog aumenta il pericolo di finire in ospedale per problemi al cuore e ai polmoni. Secondo due ampi studi americani pubblicati su 'Bmj', l'esposizione a breve e lungo termine all'inquinamento atmosferico da polveri fini Pm2,5 è associata a un maggior rischio di ricovero per gravi malattie cardiache e respiratorie. Non solo: letti nel loro insieme, i risultati dei due lavori indicano che "non esiste una soglia" di inquinanti che si possa considerare "sicura per la salute di cuore e polmoni".

Nel 2021 l'Organizzazione mondiale della sanità ha aggiornato le linee guida sulla qualità dell'aria, raccomandando che i livelli medi annuali di particolato Pm2,5 non dovrebbero superare i 5 microgrammi per metro cubo (μg/m3) e che le concentrazioni medie di Pm2,5 nelle 24 ore non dovrebbero superare i 15 μg/m3 per più di 3-4 giorni all'anno.

Smog e aumento dei ricoveri: c'è correlazione

Nel primo studio, i ricercatori hanno collegato i livelli medi giornalieri di Pm2,5 ai codici postali di residenza di quasi 60 milioni di adulti statunitensi over 65 dal 2000 al 2016, quindi, attraverso dati Medicare hanno monitorato i ricoveri in ospedale di questa popolazione su una media di 8 anni. Correggendo l'analisi, tenendo conto di fattori economici, sanitari e sociali, gli autori hanno osservato che l'esposizione media al Pm2,5 nell'arco di 3 anni era associata a un aumento delle probabilità di un primo ricovero per 7 tipi di patologie cardiovascolari: cardiopatia ischemica, malattia cerebrovascolare, insufficienza cardiaca, cardiomiopatia, aritmia, cardiopatia valvolare, aneurismi dell'aorta toracica e dell'aorta addominale.

Rispetto a esposizioni al Pm2,5 pari o inferiori a 5 μg/m3, esposizioni comprese tra 9 e 10 μg/m3 erano collegate a un +29% del rischio di ricovero per patologie cardiovascolari. Su scala assoluta, le probabilità di ospedalizzazione sono aumentate dal 2,59% con esposizioni pari o inferiori a 5 μg/m3 al 3,35% con esposizioni di 9-10 μg/m3. "Ciò significa che, se riuscissimo a ridurre i livelli di Pm2,5 annuale sotto a 5 µg/m3, potremmo evitare il 23% dei ricoveri per malattie cardiovascolari", calcolano gli scienziati. Con l'adesione alle linee guida Oms si potrebbero dunque ottenere "benefici sostanziali", ma "i risultati - avvertono i ricercatori - suggeriscono che non esiste una soglia" di smog "sicura per l'effetto cronico del Pm2,5 sulla salute cardiovascolare generale". I danni cardiovascolari sono persistiti per almeno 3 anni dopo l'esposizione al Pm2,5 e la suscettibilità variava in base a età, istruzione, accesso ai servizi sanitari e deprivazione dell'area di residenza.

Nel secondo studio, gli scienziati hanno considerato le concentrazioni giornaliere di Pm2,5 a livello di contea e i dati relativi alle richieste mediche, per monitorare i ricoveri ospedalieri e gli accessi al pronto soccorso per cause naturali, malattie cardiovascolari e respiratorie di 50 milioni di adulti americani over 18 dal 2000 al 2016. Durante il periodo di osservazione, sono stati registrati oltre 10 milioni di ricoveri e 24 milioni di visite in pronto soccorso.

Gli autori hanno rilevato che l'esposizione a breve termine al Pm2,5, anche a concentrazioni inferiori a quelle fissate dall'Oms, era associata in modo statisticamente significativo a tassi di ricovero più elevati per cause naturali, patologie cardiovascolari e respiratorie, nonché ad accessi al pronto soccorso per cause naturali e malattia respiratoria.

Entrambi i gruppi di ricerca riconoscono diversi limiti nei loro studi, tra cui una possibile classificazione errata dell'esposizione alle polveri fini, e precisano che fattori non misurati potrebbero aver influenzato i risultati. I dati osservati potrebbero, inoltre, non essere applicabili a cittadini senza assicurazione medica, bambini e adolescenti, e a chi vive fuori dagli Stati Uniti. Ciò detto, per gli scienziati "i risultati offrono un importante contributo al dibattito sulla revisione dei limiti" ai livelli di smog, "delle linee guida e degli standard sulla qualità dell'aria". Complessivamente, concludono, "questi nuovi dati rappresentano un prezioso riferimento per futuri standard nazionali sull'inquinamento atmosferico".

Continue Reading

Cronaca

Smog ‘veleno’ per il cervello, più segni...

Published

on

Le persone che abitano in zone con livelli maggiori di Pm2,5 presentano più placche amiloidi spia di malattia

Milano (Fotogramma)

Lo smog potrebbe avvelenare anche il cervello. Scienziati statunitensi hanno scoperto che le persone più esposte all'inquinamento atmosferico da polveri Pm2,5 hanno una probabilità maggiore di presentare a livello cerebrale alte quantità di placche amiloidi 'spia' di Alzheimer. Lo studio - pubblicato su 'Neurology', rivista ufficiale delll'Accademia americana di neurologia - non dimostra che lo smog causa la malattia neurodegenerativa, ma indica un'associazione da approfondire, precisano i ricercatori. "Questi risultati aggiungono una prova al fatto che il particolato fine derivante dall'inquinamento atmosferico legato al traffico influenza la quantità di placche amiloidi nel cervello. Sono necessari ulteriori studi per indagare i meccanismi alla base di questo collegamento", afferma Anke Huels della Emory University di Atlanta, autore del lavoro.

Gli scienziati hanno esaminato il tessuto cerebrale di 224 persone di età media 76 anni, per la maggior parte residenti nell'area metropolitana di Atlanta, che hanno accettato di donare il cervello dopo la morte per contribuire alla ricerca sulle demenze. Per ognuno di loro, in base all'indirizzo di casa al momento del decesso, i ricercatori hanno analizzato l'esposizione allo smog da traffico: il livello medio di esposizione all'inquinamento atmosferico era di 1,32 microgrammi per metro cubo (μg/m3) nell'anno precedente alla morte e di 1,35 µg/m3 nei 3 anni precedenti. Gli autori hanno quindi confrontato l'esposizione allo smog con la presenza di segni cerebrali dell'Alzheimer, come le placche amiloidi e i grovigli di proteina tau. Hanno così osservato che le persone più esposte all'inquinamento atmosferico uno e 3 anni prima del decesso avevano maggiori probabilità di presentare livelli più elevati di placche amiloidi nel cervello. Più precisamente, chi nell'anno precedente alla morte era stato esposto a livelli di Pm2,5 superiori a 1 µg/m3 aveva una probabilità quasi doppia di presentare più placche amiloidi cerebrali, mentre i più esposti allo smog nei 3 anni prima di morire avevano una probabilità dell'87% superiore di presentare una quantità maggiore di placche.

Gli scienziati si sono anche chiesti se la variante genetica principale associata all'Alzheimer, Apoe e4, avesse qualche effetto sulla relazione tra smog e spie cerebrali della malattia. L'analisi ha mostrato una relazione più forte tra inquinamento atmosferico e segni di Alzheimer nel cervello delle persone senza la variante Apoe e4. "Ciò suggerisce - spiega Huels - che fattori ambientali come lo smog potrebbero contribuire all'Alzheimer nei pazienti in cui la malattia non può essere spiegata dalla genetica".

Due i limiti principali dello studio: da un lato l'esposizione all'inquinamento atmosferico è stato misurato solo in base all'indirizzo di residenza al momento del decesso, il che potrebbe aver portato a una classificazione errata dell'esposizione stessa; dall'altro le osservazioni hanno riguardato principalmente persone bianche con un alto livello di istruzione, pertanto i risultati potrebbero non essere rappresentativi di altre popolazioni. Anche da qui la necessità, rimarcata dagli autori, di andare più a fondo con nuove ricerche per far luce sul link smog-Alzheimer.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca2 ore ago

Roma, apertura in ritardo metro C nella tratta fra San...

Lo comunica Atac "Per un precedente problema agli impianti di telecomunicazione, attualmente risolto, il tratto urbano della linea metro C...

Spettacolo2 ore ago

“Fabio Fazio, a Mediaset? Pier Silvio come...

Corteggiato da Pier Silvio Berlusconi, Fabio Fazio gli ha ricordato che per ora è impegnato con il Nove, per ora....

Cronaca2 ore ago

Smog, scienziati: “Aumentano ricoveri, non c’è...

Dai risultati di due maxi studi Usa "indicazioni preziose per nuovi standard sulla qualità dell'aria" Lo smog aumenta il pericolo...

Esteri9 ore ago

Ucraina-Russia, Europa non crede a vittoria di Kiev: il...

In Austria, Grecia, Ungheria, Italia e Romania l'opinione pubblica chiede ai governi di spingere Kiev ad accettare un accordo A...

Esteri9 ore ago

Ucraina-Russia, 2 anni di guerra: l’analisi del...

I generali Bertolini, Tricarico e Battisti si esprimono sul quadro in campo e le prospettive Due anni di guerra tra...

Esteri9 ore ago

Ucraina, 2 anni di guerra: 10mila civili morti da inizio...

Hanno lasciato il Paese circa 6,5 milioni di persone e 3,5 milioni sono gli sfollati interni. Danni per 486 miliardi...

Esteri9 ore ago

Navalny, Orsini: “Nessuna prova che dietro ci sia...

"Posso solo pronunciare una condanna morale del regime detentivo, non altro" "Non abbiamo i documenti per dire che Putin abbia...

Sport11 ore ago

Napoli-Barcellona 1-1, gol di Lewandowski e Osimhen in...

Catalani in vantaggio, pareggia il bomber nigeriano Napoli e Barcellona pareggiano 1-1 nell'andata degli ottavi di finale di Champions League...

Ultima ora11 ore ago

Strage Palermo, l’amica di Antonella: “Diceva...

"Era preoccupata, mi chiese anche consiglio" Antonella Salomone "era preoccupata" per l'arrivo di Massimo Carandente e Sabrina Fina, la coppia...

Lavoro11 ore ago

Fenimprese: ecco libro ‘E’ nata una...

In occasione dell'inaugurazione a Bari del 'Villaggio dell'Accoglienza - Trenta ore per la Vita' E' stato presentato a Bari, in...

Cronaca11 ore ago

Smog ‘veleno’ per il cervello, più segni...

Le persone che abitano in zone con livelli maggiori di Pm2,5 presentano più placche amiloidi spia di malattia Lo smog...

Esteri11 ore ago

Israele-Hamas, Gantz: “Primi segnali verso accordo su...

Il ministro del gabinetto di guerra israeliano annuncia "qualche progresso". Si muove il direttore della Cia "Ci sono i primi...

Ultima ora12 ore ago

Re Carlo torna al lavoro dopo il cancro e vede Sunak

Ha ripreso le udienze settimanali per discutere le questioni di governo Re Carlo III ha ricevuto oggi in udienza il...

Esteri12 ore ago

Irene Cecchini: “Sogno la cittadinanza russa,...

La studentessa di 23 anni è stata protagonista ieri del dialogo con il presidente russo "Il mio sogno è avere...

Spettacolo13 ore ago

Vittorio Cecchi Gori, medico: “Sta meglio, forse a...

"Ha superato la crisi respiratoria, da due giorni è uscito dalla terapia intensiva ed è ricoverato in reparto" "Vittorio Cecchi...

Economia13 ore ago

Rotocalco n. 8 del 21 febbraio 2024

Aeroporto dello Stretto, un’occasione da non perdere; Dress Your Story di Amazon, culmine del progetto che dà valore a diversità...

Spettacolo13 ore ago

Linguista De Blasi: “bene Geolier a Sanremo, dialetto...

Professore Università Federico II, 'nuove generazioni hanno bisogno di essere ascoltati anche quando non cantano' Non si ferma il dibattito...

Economia13 ore ago

Italia Economia n. 8 del 21 febbraio 2024

Amazon, formazione Stem per giovani donne; Syensqo investe a Bollate, 10 milioni in tre anni per nuovi laboratori; ‘Work on...

Cronaca13 ore ago

Pro Vita Famiglia: “In consiglio regionale presentato...

Durante l'evento “Custodi del Domani” In difesa dei bambini e della famiglia, sempre più spesso - nella società odierna -...

Cultura13 ore ago

Musa tv n. 8 del 21 febbraio 2024

L’arte di Jago a Palazzo Reale di Palermo La Fondazione Federico II espone “Look Down”