Connect with us

Politica

Ucraina, Crosetto: “2024 anno cruciale del conflitto,...

Published

on

Ucraina, Crosetto: “2024 anno cruciale del conflitto, sostegno Italia resta forte”

Il ministro della Difesa nelle comunicazioni alla Camera: "2024 anno cruciale del conflitto. Giunto il momento per incisiva azione diplomatica che affianchi gli aiuti"

Guido Crosetto (Fotogramma)

La Camera ha approvato le risoluzioni presentate dalla maggioranza, dal Pd e da Italia Viva, Azione e Più Europa, sulle comunicazioni del ministro della Difesa, Guido Crosetto, sul nuovo invio di armi all'Ucraina. Il governo aveva espresso parere favorevole sul primo e sul terzo documento, mentre si era rimesso all'Aula sul testo dei dem. Respinte invece le risoluzioni proposte da M5S e Alleanza Verdi Sinistra, sulle quali il parere dell'esecutivo era stato contrario.

"Il 2024 sarà un anno cruciale del conflitto" tra Ucraina e Russia, ha detto il ministro della Difesa nel corso delle comunicazioni in materia di proroga dell'autorizzazione alla cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari in favore delle autorità governative di Kiev.

"L'Italia supporta dall'inizio e con determinazione ogni azione per favorire l'apertura di un confronto diplomatico e per arrivare a una soluzione negoziale che non sia disgiunta da una pace giusta", ha aggiunto il ministro, sottolineando che allo stesso tempo il sostegno da parte del nostro Paese all'Ucraina resta "forte e totalmente inalterato".

"La strada da percorrere è ancora lunga ma sarebbe un errore strategico e politico drammatico fare un passo indietro", ha rimarcato Crosetto, aggiungendo che il sostegno all'Ucraina "deve continuare finché non cesseranno gli attacchi dei russi".

Da parte dell'Italia "serve una scelta di coerenza, sostegno e proroga degli aiuti", ha detto ancora il ministro della Difesa, precisando che gli equipaggiamenti, i sistemi e gli aiuti militari all'Ucraina contenuti nell'ottavo pacchetto approvato "sono volti a rafforzare solo le capacità difensive delle forze armate ucraine".

Caratteristiche della guerra e situazione sul campo

"Purtroppo - ha affermato - la controffensiva estiva dell'Ucraina non ha dato i risultati sperati e l'esercito di Kiev sta affrontando un nuovo inverno di guerra". "Difficoltà" sono legate ai "vasti capi minati: l'intelligence ucraina stima in oltre 8 milioni le mine impiegate dai russi a protezione delle proprie posizioni".

Crosetto ha poi spiegato che "dopo quasi due anni il conflitto presenta le caratteristiche di una tradizionale guerra di posizione". "La stagione invernale tende a cristallizzare la situazione sul campo ed è prevedibile che la reazione russa sia particolarmente dura" con "attacchi massicci con missili e droni", ha continuato il ministro, aggiungendo che lo scopo dei russi "è fiaccare il morale della popolazione ucraina, creando una frattura interna". "La controffensiva ucraina ha avuto un andamento generoso ma irregolare", ha proseguito Crosetto, e la Russia "sembra intenzionata a puntare a un conflitto di logoramento nella convinzione che nel lungo periodo le opinioni pubbliche occidentali si stancheranno e ci saranno defezioni tra i ranghi dei Paesi che hanno sostenuto Kiev ed è inevitabile l'influenza che potrebbero generare le prossime scadenze elettorali in America ed Europa".

"Parrebbe giunto il momento - ha detto Crosetto - per una incisiva azione diplomatica che affianchi gli aiuti che stiamo portando avanti perché si rilevano una serie di segnali importanti da entrambe le parti in causa". E "la Russia deve e dovrà comprendere la risolutezza dei Paesi occidentali per scongiurare nuove velleità di conquista nell'Est Europa", ha affermato ancora, sottolineando la necessità allo stesso tempo di "deterrenza e diplomazia".

Il ministro della Difesa ha poi scandito: "Stiamo con forza ribadendo che se accettiamo che riprenda nel mondo la regola del più forte e se il consesso delle nazioni si piega alla regola del più forte e decide di girarsi dall'altra parte per comodità politica, per tranquillità economica, pezzo dopo pezzo perderemo spazi di libertà, democrazia e sicurezza".

Crosetto si è soffermato sulle "coalizioni di capacità" che "segnano un salto di qualità nelle modalità di supporto all’Ucraina: l’idea è di aggregare gruppi di nazioni, guidati da uno o più leader, che concordino con Kiev lo sviluppo di specifici settori delle Forze Armate, mediante un approccio pluriennale che comprenda gli aspetti materiali, organizzativi, addestrativi, dottrinali e garantisca il supporto finanziario all’impresa. Al riguardo, gli sviluppi nel filone di lavoro delle coalizioni avranno implicazioni in diversi ambiti e saranno il driver principale dello sviluppo della Difesa nazionale ucraina, nell’alveo della Nato e dell’Ue", ha detto il ministro della Difesa.

A margine, in merito alle polemiche per la commemorazione della strage di Acca Larenzia, ha dichiarato: "Non leggo i giornali... Ho sempre preso le distanze da ogni manifestazione che ricordi i regimi passati".

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Politica

Pnrr, Meloni: “Dati positivi, fatto un buon lavoro ma...

Published

on

Approvata la relazione semestrale. La premier in cabina di regia a Chigi: "Spesa complessiva sostenuta è salita a oltre 51 miliardi. Ora rimanere tutti estremamente concentrati e continuare a fare quel gioco di squadra. Fase 2 fondamentale, non sono permessi errori o ritardi"

Giorgia Meloni - Fotogramma

"Questa fotografia" dello stato attuale di attuazione del Pnrr "che ritroviamo nella Relazione, ci dà due dati molto importanti: la spesa complessiva sostenuta è salita a oltre 51 miliardi di euro e il 92% delle misure sono state regolarmente attivate". Così, a quanto si apprende, la premier Giorgia Meloni, in un passaggio del suo intervento nel corso della cabina di regia sul Pnrr, poi terminata, a Palazzo Chigi.

"Ad oggi le Amministrazioni titolari di interventi PNRR hanno attivato 122 miliardi di euro di affidamenti rispetto ad una previsione iniziale di 132 miliardi di euro. E da verifiche della Struttura di missione PNRR, le procedure di attivazione per il restante 8% delle misure, pari a circa 10 miliardi di euro, sono in fase di perfezionamento. Gli investimenti per i quali sono state espletate tutte le procedure di gara sono pari a 111 miliardi di euro, ovvero il 91% delle misure attivate", le parole di Meloni.

"Dati - assicura la premier - molto positivi, che ci dicono due cose: abbiamo fatto un buon lavoro, e dobbiamo essere fieri di quanto fatto, ma non dobbiamo fermarci, perché l’attuazione del PNRR non consente pause e siamo a meno di due anni dal traguardo finale del 30 giugno 2026. Ci lasciamo alle spalle un grande lavoro ma, come ci insegna lo sport, è l’ultimo miglio ciò che determina una vittoria o una sconfitta. Dobbiamo quindi rimanere tutti estremamente concentrati, e continuare a fare quel gioco di squadra che ci ha consentito finora di essere al primo posto in Europa per obiettivi raggiunti e avanzamento finanziario del Pnrr", spiega.

Tra le novità introdotte con il decreto-legge n. 19/2024 c’è "l’istituzione di una Cabina di coordinamento Pnrr permanente presso ogni singola Prefettura, altra iniziativa che ho voluto personalmente inaugurare perché la reputo molto importante, composta dai rappresentanti delle amministrazioni centrali, delle Regioni, delle Province, delle Città metropolitane, dei Comuni", ha poi spigato ancora la premier. "È una novità fondamentale - ha ricordato - per dare seguito a quella che è la Fase 2 del Pnrr, cioè la messa a terra degli investimenti. È una fase fondamentale, forse la più importante, nella quale non sono ammessi errori e ritardi".

"Per questo abbiamo voluto creare uno strumento che mettesse attorno allo stesso tavolo tutti i soggetti coinvolti a livello territoriale nell’attuazione del Piano per risolvere subito i problemi che dovessero emergere nell’attuazione concreta degli investimenti, nel loro avanzamento, nella loro rendicontazione o nel collaudo finale delle opere. Questo è un passaggio decisivo, al quale tutti noi dobbiamo prestare la massima attenzione", ha spiegato Meloni.

"L’altra novità, che è sempre nel decreto-legge n. 19/2024 e che riteniamo altrettanto decisiva per la messa a terra del Pnrr, riguarda l’allineamento della piattaforma REGIS con il reale stato di attuazione del Pnrr. È una norma fondamentale, che ha consentito ai Soggetti attuatori di inserire moltissimi di dati nel sistema e che ci permette, grazie a quei dati, di avere per la prima volta una fotografia attuale dell’avanzamento procedurale e finanziario del Pnrr", ha sottolineato.

"La Cabina di regia di oggi è chiamata ad approvare la quinta Relazione sullo stato di attuazione del Pnrr da trasmettere al Parlamento. La Relazione che esaminiamo oggi riguarda il lavoro che il Governo ha svolto nei primi sei mesi del 2024, anno iniziato con l’entrata in vigore del nuovo Piano e con l’ok della Commissione europea alla revisione tecnica", le parole della premier durante la riunione a Palazzo Chigi.

"Arriviamo all’appuntamento di oggi -sottolinea- con un primato di cui possiamo essere tutti orgogliosi, perché frutto di un grande gioco di squadra tra il Governo, le Amministrazioni e i soggetti attuatori: l’Italia è al primo posto in Europa per obiettivi raggiunti e avanzamento finanziario del Pnrr. Siamo lo Stato membro che ha ricevuto finora l’importo economico maggiore: 113 miliardi e mezzo di euro, a fronte dei 194,4 previsti dal Piano, ovvero il 58,4% del totale. Siamo stati i primi in Europa a chiedere e a ricevere il pagamento della quinta rata da 11 miliardi; siamo stati i primi ad inoltrare la richiesta per la sesta rata da 8 miliardi e mezzo, che abbiamo puntualmente rendicontato lo scorso giugno; e siamo a buon punto anche per quanto riguarda la settima rata, che vale 18 miliardi e 200 milioni di euro e che è stata al centro dei lavori della Cabina di regia del 3 luglio scorso".

Relazione semestrale approvata

La cabina di regia ''si è appena riunita e ha approvato la relazione semestrale sullo stato di avanzamento'' del Pnrr. "Al 31 dicembre 2023 la spesa era di 42 miliardi di euro, ad oggi è 51,4 miliardi, quindi un avanzamento di circa 10 miliardi rispetto al dicembre dello scorso anno". Lo afferma il ministro degli Affari europei, Raffaele Fitto, nel corso della conferenza stampa che si tiene dopo l'incontro. Dalla relazione sul Pnrr ''emerge un quadro di avanzamento molto positivo anche sul fronte della spesa. Questi numeri sono molto più che confortanti'', ha sottolineato il ministro.

''Entro oggi la relazione sarà condivisa ulteriormente per alcuni aspetti, come siamo abituati a fare all'interno della cabina di regia con tutte le amministrazioni e per eventualmente condividere ulteriori passaggi, visto che la relazione è stata anche frutto di un lavoro collettivo e poi nelle prossime ore sarà inviata al Parlamento per il dibattito'', afferma ancora Fitto.

Continue Reading

Politica

Stop a uso del femminile, fonti Lega: “Iniziativa...

Published

on

"I vertici del partito non condividono quanto riportato nel Ddl Potenti il cui testo non rispecchia in alcun modo la linea della Lega"

Manfredi Potenti (Fotogramma)

Mentre infiamma la polemica per il disegno di legge del leghista Manfredi Potenti, che prevede lo stop all'uso del femminile negli atti pubblici e una multa fino a 5mila euro per chi non si adegua, arriva la precisazione da fonti del partito: "La Lega precisa che la proposta di legge del senatore Manfredi Potenti è un’iniziativa del tutto personale. I vertici del partito, a partire dal capogruppo al Senato Massimiliano Romeo, non condividono quanto riportato nel Ddl Potenti il cui testo non rispecchia in alcun modo la linea della Lega che ne ha già chiesto il ritiro immediato".

Contro il ddl si era espressa, tra gli altri, Laura Boldrini, deputata Pd e Presidente del Comitato permanente della Camera sui diritti umani nel mondo: "Vogliono cancellare l’esistenza delle donne dalle professioni, impedendo per legge la declinazione al femminile dei ruoli ricoperti da donne. Con tanto di multa fino a 5.000 euro per punire chi, negli atti pubblici, usa correttamente la lingua italiana declinando ruoli e cariche al femminile. Un distillato di stupidità, ignoranza e misoginia. Solo la Lega di Salvini e Vannacci poteva arrivare a tanto".

Non mancano le reazioni dopo che la Lega ha chiesto il ritiro del ddl. “La Lega ha costretto il senatore del Carroccio Manfredi Potenti a ritirare il disegno di legge ‘Disposizioni per la tutela della lingua italiana, rispetto alle differenze di genere’ grazie alle proteste di tutte le opposizioni. Ne siamo ovviamente contenti, ma a tutte e tutti dico: non sottovalutiamo il problema", dice la senatrice del Pd Valeria Valente. "E’ stato un fatto grave, non un’iniziativa ridicola o antistorica. Pensare che la declinazione femminile di nomi istituzionali o professionali corrompa la lingua italiana e per questo prevedere anche multe salate rivela un pensiero ben preciso: e cioè che le donne nella vita pubblica siano un orpello da cancellare e che il sistema, maschile e maschilista, sia il punto di riferimento per tutti, il neutro della soggettività maschile che tutto ingloba. Questa destra crede nel modello patriarcale di società e lo dimostra di continuo: sull’aborto, sull’occupazione femminile, sulla famiglia. Non abbassiamo la guardia, perché è dal linguaggio che parte il cambiamento", aggiunge Valente.

"Dopo la valanga di polemiche, la Lega è costretta a chiedere il ritiro della proposta al senatore Potenti - afferma la senatrice di Alleanza Verdi e Sinistra Aurora Floridia - Prevedere una multa per chi utilizza il genere femminile nei ruoli pubblici e negli atti ufficiali non è piaciuto al partito di Matteo Salvini. Questa volta la propaganda è andata male, ma resta la natura retrograda e discriminatoria sul ruolo delle donne, sia in ambito pubblico che professionale. La parità di genere dovrebbe essere al centro delle politiche pubbliche e aver pensato a una simile vergognosa proposta significa comunque voler attaccare direttamente i diritti delle donne e la loro legittima rappresentazione. Da parte nostra aspettiamo ancora una risposta alla lettera inviata al presidente La Russa e firmata da 76 senatrici e senatori, in cui le senatrici rivendicano il sacrosanto diritto ad essere interpellate col genere di appartenenza. Alleanza Verdi e Sinistra non consentirà a nessuno che si torni indietro rispetto ai diritti conquistati di identità linguistica, culturale e di genere".

Il disegno di legge non è piaciuto a Francesca Pascale, militante per i diritti Lgbt+ e per oltre dieci anni compagna di Silvio Berlusconi. "L'ho letto - dice raggiunta dall'AdnKronos - e come ogni volta che Salvini si esprime" sui diritti civili "dà voce all’assurdo e spesso al ridicolo". "Il progresso - sottolinea Pascale - non è nel suo programma elettorale". "Per il ministro Salvini fare politica significa dare vita a guerriglie sociali per nascondere l’inefficienza politica e alimentare soltanto il proprio ego", conclude.

Continue Reading

Politica

Conte risponde a Meloni: “Non giustificare tuo...

Published

on

La replica alla premier sulle nomine europee, a cominciare dal bis di Ursula von der Leyen, in un lungo post: "Italia si ritrova confinata in panchina, abbiamo il dovere di dirlo"

Giuseppe Conte - Fotogramma /Ipa

"Cara Meloni, non puoi giustificare il tuo fallimento in Europa attaccando il M5S". Si intitola così il lungo post di Giuseppe Conte pubblicato sulla sua pagina Facebook, dove il leader Cinquestelle replica alla premier sulle nomine europee, a cominciare dal bis di Ursula von der Leyen.

''Ieri, in una intervista al Corriere, Giorgia Meloni - scrive Conte - ha replicato alle critiche che noi del M5S le abbiamo mosso, insieme a quasi tutti gli analisti politici, sul fallimento da lei rimediato in Europa, con due obiezioni: 1. il M5S non ha titolo per attaccarla perché entrambi abbiamo votato contro la von der Leyen; 2. la 'credibilità della predica si valuta sempre anche dall'autorevolezza del pulpito'''.

"Quanto al primo punto - sottolinea Conte - io sono un leader di partito, lei il presidente del Consiglio italiano: non abbiamo giocato la stessa partita. La ragione principale del nostro voto contrario alla von der Leyen è la sua pervicace postura bellicista e il fatto di avere tramutato la transizione ecologica in transizione militare. Questo giustifica il voto contrario del M5S non di FdI che la postura bellicista l’ha abbracciata finanche con soverchio entusiasmo".

"Quanto al secondo punto -precisa l'ex premier- il nostro pulpito è quello di chi, nel 2019, trovandosi nella sua stessa posizione, tra l’alternativa di rimanere fuori dai giochi o subire passivamente l’accordo franco-tedesco, si è dato da fare ottenendo: A. di far saltare il nome originariamente concordato (Timmermans), di schivare la soluzione offerta in seconda battuta (Verstager), per poi essere determinante nella scelta del nuovo commissario (Ursula von der Leyen) ritenendola l’indicazione migliore per il nostro interesse nazionale; B. di poter indirizzare il programma della nuova Commissione in direzione del Green Deal; C. che al Commissario italiano fossero attribuite deleghe pesanti;D. ⁠di poter resistere a chi ci voleva imporre il Mes, per poi creare dal nulla la svolta di Next Generation Eu che ci ha consentito di portare in Italia 209 miliardi".

"In questi due anni Meloni, in Europa, -avverte Conte- ha detto sì a tutto, accogliendo tutte le proposte della von der Leyen. Ha detto sì ai 13 miliardi di tagli l'anno imposti al nostro Paese, che colpiranno pesantemente sanità e istruzione. Ha detto sì al Patto per l'immigrazione che ci lascia soli davanti ai flussi migratori. In cambio di cosa? Cosa ha ottenuto di concreto per l’Italia?''.

"Il fallimento della Meloni - attacca il leader M5S - è duplice: in Consiglio europeo è rimasta totalmente isolata e, poi, all’Europarlamento ha tentato di negoziare qualcosa sino all’ultimo per poi gettare la spugna ed essere costretta a votare contro. Ha fallito, prima, come Premier italiano e, dopo, come leader di partito. Senza contare che a destra si ritrova in Europa superata dal ben più numeroso gruppo creato dai suoi “amici” Orban, Salvini, Le Pen, dal traditore Abascal e tanti altri ancora".

"Ci preoccupa anche quello che succede con la Nato. Il Governo Meloni anche in questo caso aveva fatto tutti i compitini a casa. Non ha mai fiatato con gli Alleati. È stato diligentissimo. Il premio? Perdiamo anche il rappresentante speciale per il fianco Sud della Nato, quello di peso per i rapporti con i Paesi del Mediterraneo. Andrà alla Spagna, alla faccia dei nostri interessi nazionali! Noi non esultiamo per tutti questi fallimenti. Né intendiamo fare polemiche fini a se stesse. Piuttosto, siamo preoccupati per un'Italia che si ritrova confinata in panchina. Abbiamo il dovere di dirlo. È necessario tornare a contare", conclude Conte.

Continue Reading

Ultime notizie

Esteri7 ore ago

Elezioni Usa, con Harris candidata ecco chi potrebbe essere...

Sono nove i possibili candidati alla vice presidenza degli Stati Uniti con Kamala Harris che punta alla Casa Bianca Dal...

Esteri7 ore ago

Ritiro Biden, Harris e il piano B: tutte le domande dei dem

Le regole del Partito democratico Usa forniscono alcune risposte, per altre bisognerà aspettare invece gli sviluppi politici (ed eventuali ricorsi...

Esteri7 ore ago

Duello Harris-Trump, la possibile sfida tra l’ex...

Se la vice di Biden diventerà la candidata dem ufficiale, lo scontro potrebbe basarsi sui diversi background dei due Se...

Cronaca8 ore ago

Napoli, crolla ballatoio nella Vela Celeste a Scampia: un...

Vigili del fuoco evacuano i piani alti dell'edificio, gravi due tra i feriti nel crollo avvenuto al terzo piano Un...

Esteri8 ore ago

Terremoto a Panama, scossa magnitudo 5.7

Il sisma a 5 km da Puero Armulles Un terremoto di magnitudo 5,7 è stato registrato oggi a 5 km...

Esteri9 ore ago

Attentato a Trump, boss Secret Service sotto torchio:...

Toni durissimi nell'audizione alla Camera "Sta dicendo solo cazz... oggi. Vuole usare questi 5 minuti per firmare la sua lettera...

Esteri9 ore ago

Vance ‘difende’ Biden:”Ritiro? Lo hanno...

Il candidato repubblicano alla vice presidenza: "Con un altro paio dell'elite dem si sono riuniti in una stanza fumosa e...

Spettacolo10 ore ago

“RA TA TA”, il nuovo singolo di MAHMOOD, è certificato...

“RA TA TA”, il nuovo singolo di MAHMOOD, è oggi certificato DISCO D’ORO. Disponibile in radio e su tutte le...

Spettacolo10 ore ago

Il Grand Prix Corallo torna a brillare: Premi e star sotto...

Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del...

Spettacolo10 ore ago

Sebastiano Somma: il talento versatile tra cinema, teatro e...

Tra gli ospiti della XII Edizione dell’Ariano International Film Festival figura Sebastiano Somma, noto attore italiano che vanta una carriera...

Ultima ora10 ore ago

Fisco, con pace contributiva possibilità di riscatto fino a...

L'Istituto in una circolare recepisce la norma prevista dalla legge di bilancio, che ha reintrodotto per il biennio 2024/2025 la...

Spettacolo10 ore ago

Patrizio Rispo: l’attore poliedrico che unisce...

Patrizio Rispo, attore di grande talento e versatilità, si distingue nel panorama artistico italiano per la sua straordinaria carriera che...

Cronaca10 ore ago

Etna, vulcano oggi attivo: nube di cenere da cratere...

Il modello previsionale di dispersione dell'eventuale nube vulcanica indica una direzione verso Est L'Etna nuovamente attivo oggi, 22 luglio 2024....

Ultima ora12 ore ago

Tragedia a Brembate, 44enne muore nelle acque del fiume...

Dalle prime ricostruzioni, pare che si fosse appena tuffato nel fiume, a poca distanza da una cascata, senza riuscire a...

Ultima ora12 ore ago

Rintracciato a L’Aquila uno dei tre evasi dal carcere...

Uno rintracciato alla stazione Termini, l'altro a L'Aquila. Il 15enne fuggito con loro dalla struttura di Casal del Marmo, invece,...

Esteri12 ore ago

Elezioni Usa, il fattore tempo: tre domande per i prossimi...

Dal duello Biden-Trump del 27 giugno, passando per l'attentato del 13 luglio, al passo indietro di Biden del 21 luglio...

Spettacolo12 ore ago

E’ morto Aldo Puglisi, attore con Germi e De Sica...

Il decesso sabato scorso a Catania in seguito a delle complicazioni polmonari dovute al contagio da Covid. Il debutto con...

Cronaca12 ore ago

Cruciverba e sudoku amici del cervello? Cosa dicono i...

Diversi studi suggeriscono possibili benefici e le promuovono come allenamento per mantenere mente giovane Protagonisti indiscussi dell'estate nelle ore di...

Economia13 ore ago

Dal Fabbro (Iren): “Hub RigeneRare utile per analisi...

"Il tema della dipendenza dei materiali critici è sicurezza nazionale" E' un hub che "serve a tre funzioni: la prima...

Lavoro13 ore ago

Miwa Energia, ecco primo Report di Sostenibilità

L'azienda attiva dal 2010 su tutto il territorio nazionale nel settore gas ed energia elettrica, Il consiglio di amministrazione di...