Connect with us

Lavoro

Consulente SEO: il partner ideale per la tua strategia di...

Published

on

Consulente SEO: il partner ideale per la tua strategia di marketing digitale

Il mondo del marketing digitale è un campo in costante evoluzione, plasmato dalle dinamiche mutevoli degli algoritmi dei motori di ricerca e dai rapidi cambiamenti nelle preferenze degli utenti online.

In questa cornice dinamica, il posizionamento sui motori di ricerca rappresenta non solo una sfida, ma anche un’opportunità cruciale per distinguersi dalla concorrenza e stabilire una presenza digitale significativa, ed è qui che entra in gioco il consulente SEO.

L’importanza della strategia SEO e a cosa serve un consulente

L’importanza di una strategia SEO ben strutturata è evidente nel contesto odierno, dove la ricerca online è diventata la prima tappa di qualsiasi processo decisionale. Gli utenti, sempre più informati e esigenti, tendono a fidarsi di risultati di ricerca ben posizionati, e pertanto, per un’azienda, emergere in cima a tali risultati è sinonimo di visibilitàcredibilità e, in definitiva, successo.

In questo scenario complesso, il consulente SEO si afferma come il facilitatore chiave per le imprese che cercano di navigare attraverso il labirinto dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Il suo ruolo va oltre la semplice implementazione di tecniche di SEO standard; esso implica un’approfondita comprensione del settore specifico di ciascun cliente, delle sue sfide e delle sue opportunità uniche.

L’analisi SEO completa fornita dal consulente SEO non si limita a una mera valutazione dei parametri tecnici di un sito web; essa si estende all’analisi della concorrenza, all’identificazione delle tendenze di ricerca emergenti e alla comprensione approfondita del comportamento degli utenti nel contesto specifico del settore di riferimento. Questo livello di dettaglio consente al consulente di sviluppare una strategia SEO su misura, capace di affrontare le sfide specifiche e di capitalizzare sulle opportunità uniche di crescita.

La definizione di una strategia di link building da parte del consulente SEO si inserisce nel contesto di costruzione di una presenza online autorevole e affidabile. La qualità dei collegamenti in entrata non è solamente una questione di quantità, ma piuttosto una questione di rilevanza e autenticità. La costruzione di relazioni significative online, attraverso la condivisione di contenuti di qualità e la partecipazione a conversazioni pertinenti, contribuisce a posizionare l’azienda come un’autorità nel suo settore.

La definizione di una strategia di contenuti mirata è il fondamento su cui si costruisce l’impatto a lungo termine. Il consulente SEO si occupa di creare contenuti informativi, coinvolgenti e pertinenti, capaci di rispondere alle domande degli utenti e di soddisfare le loro esigenze informative. Questo approccio non solo attira e trattiene il pubblico target, ma contribuisce anche a consolidare la posizione del sito web nei risultati di ricerca.

In tale ottica, i report analitici periodici forniti dal consulente SEO sono uno strumento prezioso per le aziende che cercano di valutare l’efficacia delle strategie implementate. Attraverso dati accurati e indicatori chiave di performance (KPI), i clienti possono prendere decisioni informate, regolare la loro strategia e mantenere un vantaggio competitivo nel panorama digitale.

Il consulente SEO non è semplicemente un fornitore di servizi; esso è un partner strategico impegnato nel successo online delle aziende. La sua professionalità, competenza e impegno costante garantiscono che ogni cliente sia seguito in modo attento e personalizzato, contribuendo a costruire una presenza digitale robusta e sostenibile nel lungo termine.

In definitiva, optare per i servizi del consulente SEO rappresenta un investimento nella visibilità, nella credibilità e nel successo online. In un panorama digitale in costante evoluzione, il consulente SEO si presenta come la guida affidabile per navigare attraverso le sfide e capitalizzare sulle opportunità emergenti.

A chi affidarsi?

Romeo Ausoni è un esperto consulente SEO con anni di esperienza nel settore. Ha lavorato con numerosi clienti, aiutandoli a migliorare la loro presenza online e a raggiungere maggiori risultati sui motori di ricerca.

Il suo approccio metodico e la sua attenzione ai dettagli gli consentono di sviluppare strategie personalizzate per ogni cliente, che si adattano perfettamente alle loro esigenze e obiettivi. Grazie alla sua vasta conoscenza nel campo della SEO, Romeo Ausoni è in grado di fornire consulenza tecnica accurata e di suggerire soluzioni efficaci per migliorare la visibilità online e l’efficienza del loro sito web.

La sua reputazione nel settore è indiscussa e i suoi servizi vengono sempre altamente raccomandati dai suoi clienti. Vuoi saperne di più? Allora contattalo tramite il sito web romeoausoni.com.

Un asso della comunicazione e maestro nelle relazioni con i media, questa figura chiave gestisce con destrezza la nostra strategia di promozione, elevando la visibilità e l’immagine del nostro marchio. Con un occhio sempre attento ai dettagli e una rete di contatti nell’industria dei media, è responsabile di costruire e mantenere relazioni fruttuose con i nostri partner strategici. Il suo tocco esperto nel plasmare la narrativa pubblica è fondamentale per posizionarci come leader nel nostro settore.

Continue Reading

Lavoro

Infrastrutture, Accenture: “La trasformazione...

Published

on

Teodoro Lio: "Obiettivo chiave è quello di promuovere il trasporto sostenibile attraverso il rinnovo dei treni regionali con tecnologie pulite come l’elettrico e l'idrogeno"

Teodoro Lio responsabile consumer & manufacturing industries di Accenture

"L’utilizzo delle tecnologie innovative è fondamentale per la pianificazione, la costruzione e il monitoraggio delle infrastrutture stradali, ferroviarie, portuali, aereoportuali e logistiche nel nostro Paese. Il digitale - e l’intelligenza artificiale in particolare - rappresenta una delle sfide e delle opportunità più rilevanti del nostro tempo ed è cruciale che l'Italia si posizioni in modo strategico per trarne il massimo beneficio, anche nel mondo delle infrastrutture fisiche". A dirlo in un'intervista all'Adnkronos/Labitalia Teodoro Lio, responsabile consumer & manufacturing industries di Accenture.

"In relazione - spiega - al contesto delle infrastrutture stradali, autostradali, ferroviarie, aeroportuali e marittime italiane - complesse anche a causa dell’articolazione del nostro territorio - la trasformazione digitale basata sulle tecnologie innovative costituisce una grande opportunità da cogliere. Crediamo che l’Italia debba puntare a raggiungere obiettivi specifici che riguardano la promozione della sostenibilità ambientale e la digitalizzazione, così come lo sviluppo delle infrastrutture. In questo contesto Il Pnrr ne rappresenta il punto di partenza per l’avvio di numerose iniziative volte alla loro modernizzazione".

"Nello specifico - sottolinea - per quanto riguarda il sistema di strade e autostrade l’obiettivo principale attualmente consiste nell’incrementare la sicurezza e nell’integrare le tecnologie digitali - ad esempio, per rendere possibile il monitoraggio dinamico e il controllo a distanza e, allo stesso tempo, migliorare l’impatto ambientale attraverso il rinnovamento delle flotte. Per il settore ferroviario un obiettivo chiave è quello di promuovere il trasporto sostenibile attraverso il rinnovo dei treni regionali con tecnologie pulite come l’elettrico e l'idrogeno".

"La digitalizzazione - osserva Teodoro Lio - sta portando poi una significativa trasformazione anche al settore aeroportuale - nonostante l'assenza di misure specifiche nel Pnrr - permettendo infatti di rendere le operazioni più scalabili e consentendo una forza lavoro più flessibile, grazie a tecnologie avanzate e all’automazione che porteranno a ruoli altamente specializzati. Inoltre, su tutte le tipologie di infrastrutture, l’adozione della tecnologia digitale può consentire di ottimizzare l’utilizzo delle reti, con impatto positivo sull’economia e sui cittadini, pur a capacità fisica data. Un elemento molto importante vista la conformazione del nostro territorio e la difficoltà in molti casi di trovare lo spazio fisico per nuove opere".

"In base alla nostra diretta esperienza - avverte - con i principali operatori delle infrastrutture nazionali, riteniamo che ci sia la possibilità concreta di migliorare tutte e tre le fasi chiave relative ad un’opera infrastrutturale: pianificazione, costruzione e gestione operativa. Con gli interventi in fase di pianificazione è possibile dimensionare al meglio le infrastrutture e di conseguenza ottimizzare gli investimenti necessari e nello stesso tempo consentire di disegnare un modello che sarà poi ottimale dai diversi punti di vista: sicurezza, attrattività e sostenibilità".

"In fase di costruzione - spiega - le tecnologie digitali abilitano l’efficientamento dei cantieri, con conseguente riduzione di tempi e costi; il monitoraggio degli avanzamenti e la gestione degli imprevisti, con l’obiettivo di contenere varianti, ritardi ed extra costi. Non ultimo, consentono di aumentare la sicurezza del lavoro attraverso l’adozione di strumenti di Intelligenza Artificiale, tema fondamentale ed evidentemente di grande attualità. Anche in fase di operatività dell’infrastruttura una volta costruita, le tecnologie digitali abilitano numerosi vantaggi: dalla ottimizzazione delle attività manutentive al monitoraggio operativo, fino all’ottimizzazione e alla gestione dei flussi di traffico".

3Ma quali sono le specifiche tecnologie che abilitano questi benefici? "L’elemento chiave - argomenta Teodoro Lio - è l’utilizzo degli strumenti tecnologici attraverso il BIM (Building Information Modeling) - un modello per l'ottimizzazione della pianificazione, realizzazione e gestione di costruzioni tramite l’aiuto di un software - che rappresenta il punto di partenza fondamentale per gestire in modo digitale ed efficiente l’intero ciclo di vita delle infrastrutture. Il passo successivo consiste nella creazione di gemelli digitali o digital twins delle opere infrastrutturali: ossia una copia digitale dell’infrastruttura reale che permette di identificare ed indirizzare i requisiti fondamentali della singola opera. In fase di costruzione, la disponibilità di un Cantiere Digitale rappresenta la base per una gestione agile, integrata ed efficiente della costruzione di un’infrastruttura".

"Non dimentichiamo - avverte - le tecnologie di Iot (Internet delle cose) e le piattaforme di asset management – oltre al già citato ampio utilizzo dell’Intelligenza Artificiale. In un contesto dove le infrastrutture sono caratterizzate da diversi operatori sia pubblici che privati coinvolti nelle diverse fasi, un prerequisito essenziale è la creazione di standard di comunicazione e in ultima analisi di una base dati comune sulle infrastrutture".

"Questo - afferma - il compito del regolatore, possibilmente anche attraverso una Cabina di Regia specifica sulla Digitalizzazione delle Infrastrutture, aperta alla partecipazione di tutti gli attori attivi su temi di digitalizzazione delle attività di pianificazione, costruzione, gestione e monitoraggio delle infrastrutture portuali, aeroportuali, stradale e autostradali, ferroviarie e logistiche".

"Accenture - dice - supporta imprese e istituzioni nell’accelerare l’evoluzione tecnologica nell’intera filiera della progettazione e produzione delle grandi infrastrutture. In questa ottica ci poniamo come attore che coniuga la tecnologia più avanzata con il capitale umano, promuovendo l’adozione di innovazione e digitalizzazione allo scopo di creare valore per imprese e cittadini. Crediamo fortemente nel potenziale delle innovazioni tecnologiche per supportare la crescita dell’Italia, grazie alla piena adozione delle tre tecnologie chiave che rappresentano il 'digital core' delle organizzazioni innovative: il cloud, i Dati e l’Intelligenza Artificiale (AI). Abbiamo investito, ad esempio, nella creazione di una rete di centri di innovazione e poli di eccellenza su tutto il territorio nazionale, per supportare i percorsi di trasformazione delle aziende italiane e sperimentare soluzioni all’avanguardia".

"A Milano - ricorda - abbiamo creato Mixic (Milan industry x innovation center for engineering), un centro per l’ingegneria industriale interamente dedicato all’innovazione nel campo della realizzazione dei grandi impianti e delle infrastrutture. Per fare un esempio, abbiamo realizzato recentemente un progetto con l’industria italiana per monitorare lo stato di avanzamento e la qualità delle costruzioni, accelerando la ricognizione e aumentando la sicurezza in cantiere, grazie all’utilizzo di rilevazioni di droni e di robot guidati da remoto in aree a rischio. Siamo inoltre tra i membri del Most - Centro nazionale per la mobilità sostenibile - dove in collaborazione con università e grandi imprese, ci occupiamo di ricerca e trasferimento tecnologico.

Continue Reading

Lavoro

Gruppo Federmanager: certificazione per parità di genere,...

Published

on

Stefano Cuzzilla, presidente Federmanager

Il Gruppo Federmanager rafforza e rilancia il suo impegno per realizzare un futuro sempre più inclusivo. È stata infatti ottenuta la certificazione UNI/PdR 125:2022 che riconosce la capacità di aver adottato negli anni misure concrete per promuovere una cultura aziendale e un ambiente di lavoro inclusivi e rispettosi delle pari opportunità. Sono cinque le società del sistema di rappresentanza del management valutate conformi alla normativa UNI sulla parità di genere: si tratta di Federmanager, di Manager Solutions, società di servizi del Gruppo, della management school Federmanager Academy, del broker assicurativo Praesidium SpA e del Fondo di assistenza sanitaria Assidai.

Federmanager diventa così la prima organizzazione di rappresentanza nazionale di lavoratrici e lavoratori ad essere certificata in Italia, e sceglie di farlo con un’azione allargata alle altre organizzazioni del Gruppo: un traguardo collettivo che testimonia l'impegno concreto di un intero sistema nell'affrontare le sfide legate alla valorizzazione della diversità di genere, a partire dalla promozione di modelli di leadership inclusivi. La certificazione è stata ottenuta dopo un lavoro intenso e rappresenta un valore sostanziale per Federmanager e le altre società. Non è nei fatti solo un riconoscimento simbolico ma un acceleratore per il cambiamento e l’inclusione, temi da sempre al centro dell’attenzione della Federazione.

Il lavoro propedeutico alla certificazione ha impegnato tutte le risorse delle cinque società certificate ed è stato realizzato grazie alla collaborazione di Ambire Società Benefit. Il riconoscimento è stato formalizzato dall’ente certificatore GCerti Italy sulla base di un processo di valutazione di kpi qualitativi e quantitativi rispetto a sei aree di osservazione: 1) cultura e strategia, 2) governance, 3) processi hr, 4) opportunità di crescita e inclusione delle donne in azienda, 5) equità remunerativa per genere, 6) tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro.

"Questa certificazione corona l’impegno che abbiamo profuso negli anni per garantire a uomini e donne pari opportunità all’interno della nostra Federazione, che per noi significa attenzione e cura delle persone e promozione di modelli positivi e inclusivi delle specificità di ciascuno", ha spiegato Stefano Cuzzilla, presidente Federmanager.

"Sappiamo bene che il nostro Paese deve ancora fare molta strada per riconoscere alle donne lo spazio giusto nella società e nell’economia: noi che rappresentiamo la dirigenza italiana vogliamo essere di stimolo per abbattere il gender gap, per aumentare il numero di donne lavoratrici dato che soltanto una su due oggi ha un impiego e, in definitiva, per costruire una cultura aziendale moderna e competitiva", ha continuato.

Il processo di certificazione è stato proposto alla governance del Gruppo Federmanager da Anita Marina Cima, presidente Manager Solutions, leader del progetto stesso, che ha affermato: "Credo fortemente che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che ha introdotto la certificazione della parità di genere, possa veramente spingere le aziende ad adottare politiche atte a ridurre le differenze di genere, soprattutto per quanto riguarda quegli aspetti dove le disparità sono più spiccate: opportunità di crescita in azienda; differenze di retribuzione; gestione delle differenze di genere; tutela della maternità. Come Gruppo Federmanager siamo avanti su tanti aspetti e ritengo che la nostra azione rappresenti un esempio per molte altre realtà per lavorare in un ambiente più equo e rispettoso delle differenze".

"La certificazione appena ottenuta è per noi un importante traguardo, che si inserisce nel solco dell’attenzione posta alle tematiche di parità di genere dal nostro Fondo di assistenza sanitaria, già all’interno del proprio processo di gestione certificato da molti anni”, ha dichiarato Armando Indennimeo, presidente Assidai.

"Le persone sono un asset unico all’interno delle organizzazioni, per questo ritengo fondamentale garantire un alto livello di benessere alle donne e agli uomini, che, ogni giorno, con dedizione e impegno, consentono ad Assidai di raggiungere la propria mission, così come è altrettanto importante il work-life-balance perché un buon equilibrio tra vita privata e vita lavorativa è un altro elemento centrale per la filosofia del Fondo", ha continuato.

Per il presidente di Federmanager Academy, Marco Bertolina, "la certificazione di parità di genere riflette il nostro impegno nel promuovere un ambiente di lavoro inclusivo e rispettoso, dove ogni individuo ha pari opportunità di crescita e successo, ma rappresenta anche la nostra visione per il futuro. La mission di Federmanager Academy è quella di promuovere la diversità e l'uguaglianza di genere, non solo come un principio etico, ma anche come un vantaggio strategico che si basa sull'empowerment e l'inclusione di tutti i generi. La parità di genere non solo favorisce la crescita economica e sociale, ma anche migliora la produttività, la creatività e l'innovazione aziendale. Con questa certificazione, Federmanager Academy riafferma il proprio impegno ad offrire programmi formativi che incoraggino la diversità, l'equità e il rispetto reciproco nel mondo del lavoro. Guardiamo al futuro con fiducia, sapendo che attraverso la formazione manageriale possiamo contribuire a costruire un mondo del lavoro più equo e inclusivo per tutti", ha continuato.

"La valorizzazione e l’attenzione alle persone e la loro unicità sono parte integrante del dna di Praesidium", ha affermato Giacomo Gargano, presidente di Praesidium SpA.

"Per raggiungere questo obiettivo è stato fondamentale sviluppare le potenzialità di ciascuna persona, valorizzando le diversità e le capacità al fine di generare un impatto positivo, coerentemente con la vision e la mission della nostra società, grazie soprattutto ad un sistema di governance sempre più attento a queste tematiche. Le persone sono una risorsa fondamentale e continueremo a lavorare per garantire un ambiente di lavoro in cui ogni persona possa sentirsi pienamente realizzata e motivata, promuovendo una cultura inclusiva che valorizzi l’unicità e la diversità come elementi distintivi per la crescita stessa di Praesidium. La certificazione UNI/PdR 125:2022 conferma l’efficacia del nostro impegno e del nostro sistema Federmanager e ci sprona a perseguire obiettivi ancor più ambiziosi in futuro", ha concluso.

Continue Reading

Lavoro

Driverso: in Ue fatturato a 169 mln per car hiring d’alta...

Published

on

Al Museo Maxxi di Roma il secondo global meeting della prima piattaforma digitale europea

Driverso: in Ue fatturato a 169 mln per car hiring d’alta gamma, 45 mln in Italia

Un comparto in grande espansione a livello europeo, con 169 milioni di euro di fatturato nel 2023, 192 imprese attive e un parco auto di 3.456 unità. E per quanto riguarda l'Italia i dati parlano di 45 milioni di euro di fatturato con circa 1000 auto. I numeri che arrivano da Driverso’s Analysis Lab riguardano il mercato del car hiring d’alta gamma nel Continente e segnalano anche un costo medio per noleggio di 2.916 euro per 58.074 transazioni nell’anno.

La durata media dei contratti è stata di 5,4 giorni per 313.600 giornate complessive, con ricavi medi sul singolo veicolo pari a 49mila euro. Ma c’è soprattutto un’aspettativa di crescita rilevante: il fatturato del settore è atteso a 195 milioni di euro già alla fine di quest’anno, per poi salire via via fino ai 714 milioni previsti nel 2030. Il bacino di mercato potenziale, comunque, è enorme, dato che il giro d’affari del luxury travel è calcolato oggi in 1.380 miliardi di euro.

Circa 40 di queste aziende, che rappresentano il meglio dell’offerta del car hiring d’alta gamma e rispettano standard di qualità predefiniti, operano su Driverso, la prima piattaforma digitale europea, nata in Italia, per il noleggio auto premium. L’aggregatore online mette a disposizione centinaia di veicoli di tutti i marchi più prestigiosi, forniti dai player attivi su 10 Paesi (Austria, Francia, Germania, Italia, Olanda, Portogallo, Principato di Monaco, Regno Unito, Spagna, Svizzera).

Decine di aziende, esperti, stakeholder qualificati e appassionati provenienti da tutta Europa si sono ritrovati oggi nel suggestivo scenario del Museo Maxxi di Roma per il secondo global meeting di Driverso, da cui sono emersi numeri, scenari e tendenze di un ramo dell’automotive che incrocia i temi del lusso, del lifestyle, dell’economia digitale e soprattutto le sempre mutevoli abitudini di consumo turistico. Il servizio, infatti, si rivolge soprattutto a un target di clientela legata al tempo libero e alla ricerca di un’esperienza esclusiva di viaggio e di mobilità del tutto customizzata.

Durante la giornata al Maxxi, sono intervenuti esperti del calibro di Ryan Sarver, Partner Redpoints Ventures e soprattutto ex direttore della piattaforma Twitter, Massimiliano Archiapatti, Ceo di Hertz Italy, Jasmine Boni-Ball, Executive assistant di ‘Tuscany Now and More’, Ferruccio Rossi, Direttore generale di Sanlorenzo Yacht, Leopoldo Gasbarro, direttore di Wall Street Italia, e Maurizio Iperti, Ceo di LoJack.

Pierluigi Galassetti, co-founder con Saverio Castellaneta di Driverso, ha detto: “Il noleggio auto di alta gamma riveste un ruolo chiave nell’offerta turistica italiana e internazionale e agisce come un elemento in grado di caratterizzare e arricchire l’intera esperienza di viaggio. Questa proposta di mobilità è apprezzata sia dai visitatori nazionali che da quelli internazionali e si inserisce in un contesto in cui la clientela ricerca non solo comfort ed esclusività, ma richiede esperienze immersive e personalizzate in ogni dettaglio del soggiorno, dalla cucina all'alloggio, fino agli spostamenti in auto, che completano la gamma dei servizi”. “Nell’ambito del settore lusso, fortemente in crescita

Continue Reading

Ultime notizie

Motori4 minuti ago

Nuova MINI Aceman: una new entry

Sarà completamente elettrica la nuova MINI Aceman e debutterà in anteprima mondiale al prossimo 18° Salone Internazionale dell’Automobile di Pechino...

Cronaca2 ore ago

Applausi di alcuni studenti a scena omicidio Siani durante...

Paolo Siani: "Andremo in quella scuola ad incontrare quei ragazzi, a raccontare loro chi era Giancarlo" "La gravità del gesto...

Economia2 ore ago

Ambiente: Generali presenta l’Oasi Gregorina per la...

Tornerà presso al pubblico l’oasi Gregorina situata a Castrocaro Terme e Terra del Sole in provincia di Forlì-Cesena. Un’area naturalistica...

Economia3 ore ago

Ambiente, Di Tizio (Wwf): “Generali dà grande...

“Abbiamo un obiettivo preciso: entro il 2030 bisogna avere il 30 per cento del territorio protetto sia in mare sia...

Economia3 ore ago

Ambiente, Fancel (Generali): “L’Oasi Gregorina e 1mln...

“Oggi presentiamo il progetto ‘Generali for green’ che ci vedrà impegnati ad istituire l’Oasi Gregorina di Castrocaro Terme e la...

Economia3 ore ago

Ambiente, Lucini (Generali): “Oasi Gregorina esempio...

“L’iniziativa di oggi si inserisce nella nostra azione di sostenibilità e responsabilità sociale. L’oasi Gregorina a Castrocaro Terme e Terra...

Economia3 ore ago

Agricoltura, il ministro Lollobrigida: “Bene...

“Generali considera l’agricoltura un settore strategico ed investe, per questo, su di una visione di decenni. Negli ultimi anni abbiamo...

Economia3 ore ago

Ambiente, Nozza (Generali): “Azienda mette al centro...

“L’iniziativa di oggi è un esempio concreto di quanto Generali mette al centro della propria strategia la sostenibilità. Alcuni esempi...

Ultima ora3 ore ago

Ticket a Venezia, l’ira di Cacciari: “Folle e...

"Inaudito e incostituzionale, in nessuna città del mondo si paga per entrare" "Una pura follia, del tutto illegittima, incostituzionale, in...

Sport3 ore ago

Capello: “Yamal? Sarà un crack ma non è un genio come...

"I geni sono Pelé, Maradona e Messi. Non Cristiano Ronaldo..." "Lamine Yamal? Ho visto Messi al Trofeo Gamper quando aveva...

Ultima ora3 ore ago

“Kadyrov in condizioni gravissime”, le news...

Da cinque anni il leader ceceno soffre di necrosi pancreatica acuta Ramzan Kadyrov è in gravissime condizioni di salute. Da...

Spettacolo3 ore ago

Lory Del Santo a Belve: dal carcere alle relazioni con i...

Nella puntata in onda domani martedì 23 aprile su Rai2 Dalla povertà assoluta al carcere, alla ricerca del successo, alle...

Cronaca3 ore ago

Malattie rare, Roccella: “Valorizzare ruolo e...

La ministra della Famiglia e delle Pari opportunità: " "Le donne sono storicamente caregiver, hanno inventato l'assistenza sul piano sociale,...

Demografica4 ore ago

“Niente più vino al matrimonio”, sposo ubriaco in tribunale...

Finché vino non ci separi… Uno sposo è finito in tribunale a Varese per danneggiamento, danni morali e materiali e...

Sostenibilità4 ore ago

Lionello (Unisalento): “Continente europeo più...

Il professore spiega le tendenze climatiche a margine del rapporto Copernicus In Europa le temperature medie sono aumentate più che...

Spettacolo4 ore ago

Diaco: “al lavoro per serata evento...

Un viaggio in prime time tra conduttori e conduttrici del passato che hanno fatto la storia del secondo canale "Confermo...

Salute e Benessere4 ore ago

Malattie rare, Graffigna (Cattolica): “Figura...

"Il libro bianco contiene dati e proposte concrete per migliorare la qualità di vita delle donne" Nelle malattie rare "esiste...

Ultima ora4 ore ago

Roma, detenuto suicida a Regina Coeli

L'uomo, 36 anni, si è impiccato. Si tratta del trentaduesimo suicidio di un detenuto in Italia dall'inizio dell'anno, il secondo...

Salute e Benessere4 ore ago

Vaccini, esperti: “L’assistente sanitario è...

Rosselli (Asl3 Liguria), ‘mantenere relazione e sviluppare rapporto di fiducia con paziente’ L’assistente sanitario figura sempre più centrale nel mondo...

Ultima ora4 ore ago

Aumento biglietto bus e metro Roma, Gualtieri:...

Il sindaco della Capitale: "Non metteremo un ticket per Roma, abbiamo però aumentato la tassa di soggiorno" A Roma aumento...