Connect with us

Salute e Benessere

Kirsten (Merck), ‘in Italia condizioni per...

Published

on

Kirsten (Merck), ‘in Italia condizioni per investimenti a lungo termine’

l’Ad all’evento aziendale, ‘ oltre a condizioni strutturali altro elemento chiave l’eccellenza delle persone’

Kirsten (Merck), 'in Italia condizioni per investimenti a lungo termine'

“Gli investimenti in Italia rappresentano un elemento molto interessante per due motivi. Da un lato, troviamo in Italia condizioni che supportano le nostre ambizioni di investimento, il che significa alcune strutture, anche dal punto di vista politico, che ci permettono di investire a lungo termine nel Paese. Credo che lo dimostri anche la crescita dell'8,5% negli ultimi tre anni degli investimenti che abbiamo fatto e che continueremo a fare in Italia. È importante, naturalmente, che la situazione sia stabile anche per il futuro. Il secondo elemento, molto importante per noi, e il motivo per cui l'Italia è attraente per investire per un'azienda come Merck, è l'eccellenza delle persone”. Lo ha detto Jan Kirsten, Amministratore delegato divisione Healthcare di Merck Italia, a margine della conferenza stampa organizzata ieri a Roma dall’azienda sul tema ‘Il valore della differenza’.

“Il sistema educativo in Italia è molto forte - sottolinea Kirsten - migliore di quello di molti altri Paesi europei. Questo ci permette di assumere davvero persone con un alto livello di istruzione o un'ottima prima esperienza lavorativa, essenziale per un'azienda che produce e fa ricerca in ambienti molto complessi. E credo che possiamo dimostrarlo: sono più di 1.200 i dipendenti che abbiamo in questo Paese, direttamente e indirettamente. Credo che il tema della diversità di genere sia molto importante per le aziende che devono lavorare con un alto tasso di creatività, come nel settore farmaceutico. È importante ricordare che non si tratta solo di diversità in sé, ma di inclusione”.

A tale proposito "credo - aggiunge Kirsten - che questo sia l'aspetto che farà la differenza per Merck in Italia e anche nel resto del mondo. L'inclusione come parte della leadership è un principio che portiamo avanti creando un ambiente sicuro, ma anche” facendo in modo che “le donne, per esempio, abbiano davvero possibilità di occupare ruoli strategici, favorendo molta più creatività. E la creatività, ovviamente, porta a risultati migliori. Quindi, a mio avviso - conclude - è molto importante capire e sottolineare che il tema della diversità deve andare di pari passo con quello dell'inclusione. E per noi, come azienda, è importante investire in questo sistema”.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Salute e Benessere

In Italia 1 mln di caregiver al fianco di chi ha disturbi...

Published

on

In Italia 1 mln di caregiver al fianco di chi ha disturbi del linguaggio

Un milione di italiani 'angeli custodi' delle persone con disturbi del linguaggio. Caregiver che agiscono da 'partner comunicativi' dei pazienti, spesso colpiti anche da problemi di deglutizione. Casi, questi, in cui i caregiver forniscono un aiuto chiave nell'organizzare e gestire i pasti in raccordo con il logopedista. Al loro "ruolo cruciale" è dedicata la Giornata europea della logopedia che si celebra il 6 marzo. Come ogni anno, nella settimana in cui cade la ricorrenza - dal 4 all'8 marzo - la Federazione dei logopedisti italiani (Fli) apre un filo diretto con i cittadini. Telefonando dalle 10 alle 12 al numero 345.2754760, sarà possibile ottenere informazioni sulle principali problematiche del linguaggio e sull'assistenza ai pazienti. Gli esperti sono inoltre a disposizione all'indirizzo email info@fli.it. Tutte le informazioni sul sito www.fli.it.

"Anche per il paziente con problemi di linguaggio - spiegano i logopedisti - il caregiver è un pilastro fondamentale. Dei 3 milioni in Italia che assistono molti pazienti, circa un terzo si occupa proprio di supportare coloro che seguono cure logopediche. I caregiver possono contribuire alla prevenzione e alla rieducazione dei disturbi della comunicazione e della deglutizione, e sono anche un 'ponte comunicazionale' nel dialogo con persone con demenze e afasia come Bruce Willis. Agiscono tramite l'utilizzo di approcci codificati e con una serie di azioni e strategie condivise con familiari, amici e altri professionisti per favorire il dialogo e l'interazione".

"I logopedisti - afferma Tiziana Rossetto, logopedista e presidente Fli - riconoscono il ruolo cruciale del caregiver nella gestione del paziente e della persona fragile con disturbi del linguaggio. La nostra collaborazione con queste figure di riferimento è una pratica consolidata già da ben prima del 2020, anno della pandemia, in cui è emerso a pieno titolo il loro valore nel tessuto sociale, e che si è incrementata nel tempo. La collaborazione con il caregiver comincia dunque dal primo incontro, con la stesura dell'anamnesi e la valutazione indiretta tramite interviste e questionari, e prosegue via via fino ai follow-up e alle dimissioni".

Il supporto del caregiver "diviene fondamentale in caso di disturbi del linguaggio come l'afasia o le difficoltà comunicativo-linguistiche - sottolinea Ilaria Ceccarelli, logopedista Fli (Asl Roma 4) - Qui il caregiver agisce da partner comunicativo tramite l'utilizzo, ad esempio, di approcci codificati come il Communication Partner Training o la Comunicazione aumentativa alternativa, e con una serie di azioni e strategie condivise con familiari, amici e altri professionisti per favorire il dialogo e l'interazione". Non solo. "Anche in casi di disturbi della deglutizione - evidenzia Raffaella Citro, logopedista Fli (Aou Ruggi D'Aragona, Salerno) - il caregiver fornisce un aiuto chiave nell'organizzare e gestire i pasti secondo quanto concordato con il logopedista in termini di consistenza dei cibi, tempi di somministrazione, posture facilitanti, con un importante ruolo di monitoraggio per la sicurezza della persona assistita, i cui gusti e preferenze, con il supporto del caregiver, sarà possibile rispettare".

"Negli ultimi anni, inoltre - aggiunge Anna Giulia De Cagno, logopedista e vicepresidente Fli - si è affermato il fondamentale ruolo del caregiver nella terapia indiretta o mediata, soprattutto per l'età evolutiva, in cui il logopedista condivide con le figure di riferimento strategie da utilizzare nei contesti di vita quotidiana per una stimolazione adeguata delle competenze socio-conversazionali e linguistiche".

"Inoltre - ricorda Rossetto - quando si parla di caregiver non dobbiamo dimenticare che si tratta soprattutto di donne. E' su di loro che ancora maggiormente grava l'assistenza in famiglia, secondo le stime diffuse dal ministero degli Affari sociali. Eppure, il loro valore nel tessuto sociale non è riconosciuto e non riceve la giusta dignità in rapporto all'operato offerto. Anche perché, secondo dati dell'Istituto superiore di sanità, sono a maggior rischio per sintomi depressivi (34% vs 14% nell'uomo) e in generale per un peggioramento dello stato di salute complessivo (67% vs 53%). Anche per questo, come in tutta Europa, si è deciso di dedicare al caregiver la giornata più importante dell'anno" per la logopedia, conclude la presidente Fli che sarà presente il 6 marzo nella sede del Parlamento europeo di Bruxelles, insieme ai presidenti di tutte le associazioni nazionali dei logopedisti affiliate alla European Speech and Language Therapy Association (Esla), per celebrare insieme la Giornata europea della logopedia e la collaborazione tra caregiver e logopedista.

Continue Reading

Salute e Benessere

Smog, in periferie più danni a salute, tassi decesso quasi...

Published

on

Smog, in periferie più danni a salute, tassi decesso quasi doppi

La cappa di smog che aleggia sulle nostre città sta diventando più soffocante e letale nelle periferie, dove nei quartieri meno verdi e ad alta densità di traffico e di abitanti over 65, i tassi di decessi attribuibili a biossido di azoto e polveri sottili arrivano fino al 50-60% in più rispetto alla media delle aree centrali. Quasi il doppio. Sotto accusa il mix smog e stili di vita peggiori legati alle condizioni socio-economiche sfavorevoli, più comuni nei quartieri più periferici. Questa l'allerta lanciata a pochi giorni dal varo della nuova direttiva europea sulla qualità dell'aria e alla luce dei dati di una indagine condotta dall'Agenzia per la tutela della salute di Milano (Ats-Mi), recentemente pubblicata sulla rivista Epidemiologia&Prevenzione. Della 'relazione pericolosa' fra smog e salute parlano circa 200 scienziati da tutto il mondo, riuniti a Milano fino a oggi per la conferenza RespiraMi: Recent Advances on Air Pollution and Health 2024, co-organizzata dalla Fondazione Menarini in collaborazione con Fondazione Irccs Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico, e dall'Imperial College di Londra, con il patrocinio dell'Associazione italiana di epidemiologia.

Alle 15, alla Fondazione Cariplo, interverranno alla conferenza RespiraMi il sindaco di Milano Giuseppe Sala e Poppy Lyle, responsabile dell'inquinamento atmosferico della Greater London Authority, che nell'agosto scorso ha deciso di estendere il divieto di circolazione dei veicoli più inquinanti a tutta l'area metropolitana (Ultra-Low Emission Zone), che si è tradotto in ampi benefici per la salute. Una revisione pubblicata su Lancet Public Health dell'Imperial College di Londra ha infatti dimostrato una chiara riduzione dei problemi cardiaci, con meno casi di ipertensione, ricoveri, morti per infarti e ictus quando si adottano queste misure.

Anche Milano ha bisogno di aria più pulita. Con una popolazione di quasi 1,4 milioni di abitanti, la seconda città metropolitana d'Italia è storicamente afflitta dal problema dello smog. Per valutare gli effetti sanitari a lungo termine sulla popolazione, l'Ats ha condotto uno studio con cui ha stimato i livelli di concentrazione media degli inquinanti (No2, Pm10 e Pm2.5) per il 2019 con una risoluzione spaziale senza precedenti, pari a 25 metri quadrati. I dati sono stati poi incrociati con le informazioni sanitarie e anagrafiche georeferenziate già utilizzate per studi di popolazione in Ats-Mi. "I risultati permettono di definire una mappa dell'inquinamento, e dei suoi effetti, quartiere per quartiere e rivelano, per la prima volta, che biossido di azoto e polveri sottili hanno tassi di decesso per 100.000 abitanti che possono arrivare fino al 60% in più in alcune zone della periferia milanese rispetto al centro città", evidenzia Sergio Harari, co-presidente del congresso, della Divisione di malattie dell'Apparato respiratorio e di Medicina interna dell'ospedale San Giuseppe MultiMedica Ircss e dell'Università di Milano.

"Il caso di Milano potrebbe avvicinarsi a quello che accade anche in altre grandi città italiane nelle aree periferiche - aggiunge Harari - che presentano elevati livelli di inquinamento atmosferico dovuti all'elevato numero di abitanti, a strade a intenso traffico veicolare come le tangenziali e al poco verde con ristagno d'aria. Il combinato disposto di smog e condizioni socio-economiche svantaggiate sovrapponibili alle aree periferiche, inducendo stili di vita peggiori come ad esempio più fumo e sedentarietà, produce un effetto moltiplicativo della mortalità da inquinamento nelle aree più lontane dal centro. Il fatto di essere più fragili ed essere esposti a inquinanti si traduce quindi in un danno maggiore", chiosa l'esperto.

"Gli oltre 1.600 decessi l'anno per tutte le cause attribuibili al Pm2.5 e gli oltre 1.300 decessi annui attribuibili al biossido di azoto a Milano non sono infatti distribuiti allo stesso modo sul territorio. L'inquinamento ha effetti più grandi soprattutto nei quartieri periferici attraversati da strade molto trafficate, densamente abitati e dove c'è una maggior quantità di persone con oltre 65 anni, quindi più fragili - rimarca Francesco Forastiere, co-presidente del congresso, del Consiglio nazionale delle ricerche e del Gruppo di ricerca ambientale dell'Imperial College London - Il tasso di decessi risulta decisamente maggiore in alcune zone rispetto ad altre, meno urbanizzate e più verdi".

"Per quanto riguarda l'esposizione al biossido di azoto, responsabile del 10% delle morti per cause naturali (130,3 su 100 mila abitanti), i tassi di decessi più alti si sono registrati in quartieri periferici come Quarto Oggiaro con 158 morti su 100.000 abitanti e a Gallaratese con 170 su 100.000, a fronte di valori attorno a 100 nel centro città", illustra Pier Mannuccio Mannucci, co-presidente del congresso, della Fondazione Irccs Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico e del Centro emofilia e trombosi Angelo Bianchi Bonomi di Milano. "Per il Pm2.5, responsabile del 13% delle morti per cause naturali (160 su 100 mila abitanti) e del 18% dei decessi per tumore del polmone, le conseguenze più pesanti si hanno in zone periferiche come Mecenate, Lorenteggio e Bande Nere dove i tassi di decesso superano i 200 per 100.000 abitanti, mentre in pieno centro si attestano attorno a 130 su 100.000 abitanti". Infine, gli effetti del Pm10 si sentono soprattutto nella zona di Niguarda, Bande Nere e Gallaratese a ovest e Buenos Aires in centro.

"L'esposizione cronica allo smog è dannosa per la salute in termini globali, con ripercussioni non soltanto sull'apparato respiratorio, ma anche su quello cardio-circolatorio e un incremento di infarti e ictus. L'inquinamento può avere inoltre conseguenze negative a livello cerebrale, causando ritardi cognitivi nell'infanzia e un impatto sullo sviluppo delle malattie neurodegenerative, come ad esempio il Parkinson", concludono gli esperti.

A 'salvare' il centro città sono le zone a traffico limitato, che giocano un ruolo molto importante nel ridurre inquinanti e effetti deleteri sulla salute, come dimostra una review pubblicata sulla rivista Lancet Public Health dall'Imperial College di Londra. La revisione ha passato in rassegna 16 studi condotti sulle Ztl in Germania, Giappone e Regno Unito, in cui si dimostra appunto una chiara diminuzione dei problemi a carico dell'apparato cardiovascolare, con meno casi di ipertensione, ricoveri, morti per infarto e ictus. In particolare, uno studio tedesco su dati ospedalieri di 69 città con Ztl ha riscontrato un calo del 2-3% dei problemi cardiaci e del 7-12% degli ictus, con benefici (soprattutto per gli anziani) che hanno comportato un risparmio di 4,4 miliardi di euro per la sanità. Diversi studi hanno inoltre evidenziato effetti benefici per l'apparato respiratorio, anche se i dati sembrano meno consistenti.

"Un capitolo a parte lo merita la speciale Ztl di Londra. La scorsa estate, la capitale britannica ha deciso di estendere il divieto di circolazione dei veicoli più inquinanti a tutta l'area metropolitana (suscitando non poche polemiche). Il transito nella cosiddetta Ulez (Ultra Low Emission Zone) è consentito solo ai veicoli Euro 4 se a benzina o Euro 6 se a Diesel. Chi non possiede una vettura in linea con questi standard può utilizzarla previo pagamento di un pedaggio", commenta Harari. E l'iniziativa è stata elogiata da Maria Neira, direttrice del Dipartimento di sanità pubblica e ambiente dell'Oms, che in un'intervista sul British Medical Journal ha definito la Ulez londinese come un "esempio per tutti i sindaci del mondo".

Continue Reading

Salute e Benessere

Radiologia, 2 nuove soluzioni per ictus e interventi...

Published

on

All'Ecr 2024 presentata l'evoluzione di Azurion e Zenition di Royal Philip che semplificano procedure

Radiologia, 2 nuove soluzioni per ictus e interventi neurovascolari complessi

In occasione del Congresso europeo di radiologia (Ecr) 2024 in corso a Vienna, sono state presentate le ultime evoluzioni dei sistemi Azurion e Zenition di Royal Philips, progettati per fornire al personale sanitario standard di cura di alta qualità in interventi complessi, garantendo così la massima flessibilità ed efficienza, migliorando la diagnosi e il trattamento delle patologie neurovascolari come l'ictus. L'azienda, leader globale nell'Health Technology, rafforza il proprio posizionamento nel segmento dell'Image Guided Therapy (Igt).

"Oggi le équipe mediche hanno bisogno di strumenti efficienti per ottimizzare il flusso di lavoro ed efficaci nella cura del paziente. I nuovi sistemi Azurion e Zenition 90 Motorized nascono proprio dalla relazione costante che Philips ha con i professionisti sanitari e rappresentano l'ultima evoluzione di tecnologie pensate per migliorare la qualità della vita dei pazienti e per supportare i clinici nel loro lavoro quotidiano - afferma Alessandro Albonico, Business Manager Image Guided Therapy (Igt) Italy, Israel, Greece di Philips - La nuova piattaforma Azurion può fare la differenza in un ampio range di procedure interventistiche grazie a una geometria innovativa e una connettività avanzata offrendo ai medici interventisti pieno controllo e flussi operativi eccellenti. Zenition 90 potenzia e completa la nostra gamma di archi a C mobili: una soluzione motorizzata con funzionalità automatizzate per procedure chirurgiche complesse".

Il nuovo sistema neuro biplano Azurion - spiega una nota - è progettato per semplificare le procedure neurovascolari, in particolare per il trattamento dell'ictus, dove ogni minuto può fare la differenza per preservare la qualità della vita del paziente. Altamente flessibile, è progettato per semplificare i flussi di lavoro in cui è necessaria una combinazione di imaging 2 e 3D per una diagnosi sicura e un trattamento di precisione. In questo modo i clinici possono prendere decisioni più velocemente e ottenere risultati migliori nella cura del paziente. Utilizzato insieme ai software e ai servizi Philips Neuro Suite più recenti, fornisce ai neuro interventisti una soluzione completamente integrata che combina l'imaging a basso dosaggio ClarityIQ con una gamma di strumenti neuro dedicati e servizi a valore aggiunto che offrono livelli di efficienza, flessibilità e controllo. Tra questi, grazie a un miglioramento della rotazione, angolazione e posizionamento dell'arco a C, è possibile passare velocemente dall'imaging 2D a quello 3D, avere un controllo completo a bordo tavolo, ottenere immagini orientate correttamente per ogni angolazione. Un nuovo immobilizzatore per la testa consente una migliore cura dell'ictus.

L'introduzione del nuovo sistema Azurion rafforza l'impegno di Philips nel portare innovazione nella cura dell’ictus. L'azienda, infatti, sostiene lo studio clinico We-Trust (Workflow Optimization to Reduce Time to Endovascolare Reperfusion for Ultra-fast Stroke Treatment), il cui obiettivo è valutare i benefici del flusso Direct-to-Angio-Suite (Dtas), che consente di eseguire diagnosi complete dell'ictus direttamente nell'unità operativa di neuro-angiografia utilizzando la Tac Cone Beam.

Progettato per supportare le équipe mediche in procedure chirurgiche complesse per l'interventistica cardiovascolare, ma anche per interventi urologici e terapie del dolore, Zenition 90 Motorized è caratterizzato da un nuovo arco a C motorizzato, che garantisce al chirurgo un controllo intuitivo e flessibile dal lato del tavolo. Con una qualità d'immagine all'avanguardia a supporto delle procedure più impegnative, il sistema consente una maggiore efficienza clinica grazie a flussi di lavoro automatizzati, soluzioni software avanzate e un controllo delle immagini tramite touchscreen.

Questi benefici sono stati riconosciuti anche dal personale medico che ha già sperimentato Zenition 90 Motorized. Secondo i dati emersi da alcuni studi indipendenti condotti in Europa e Stati Uniti in ambienti simulati - conclude la nota - il 100% degli operatori ha affermato di avere un controllo completo sui movimenti dell’arco a C, mentre il 97% ha riconosciuto un risparmio di tempo legato alle funzionalità del flusso di lavoro. Nell'ambito del proprio impegno per la sostenibilità e per offrire ai clienti la possibilità di intraprendere scelte responsabili, Philips ha sfruttato il processo di EcoDesign per Zenition 90 Motorized, migliorando la durata del prodotto del 25% e l'efficienza energetica del 13%.

Continue Reading

Ultime notizie

Esteri5 ore ago

Meloni-Biden, l’incontro: crisi umanitaria a Gaza e...

La presidente del Consiglio ricevuta alla Casa Bianca, ora tappa in Canada L'atmosfera è confidenziale, 'cara Giorgia', 'caro Joe'. La...

Cronaca5 ore ago

Strage Erba, si torna in aula il 16 aprile. Il pg:...

Olindo e Rosa, condannati in via definitiva all'ergastolo per il massacro dell'11 dicembre 2006, si sottraggono alle telecamere. La difesa:...

Esteri6 ore ago

Meloni a Washington, punto stampa non era programmato

La precisazione dell'ufficio stampa di Palazzo Chigi "Il punto stampa del Presidente Meloni a Washington non è mai stato programmato...

Sport6 ore ago

Lazio-Milan 0-1, gol di Okafor nel finale. Tre espulsi tra...

I rossoneri passano all'Olimpico, la rete decisiva all'88'. La squadra di Sarri chiude in 8 Il Milan vince 1-0 sul...

Cronaca6 ore ago

Lite tra vicini a Palermo, pitbull attacca donna incinta

La donna rischia di perdere il bambino Una donna e la figlia, in stato di gravidanza, sono state aggredite da...

Cronaca7 ore ago

Superenalotto, numeri combinazione vincente oggi 1 marzo

I numeri estratti oggi Nessun '6' né '5+1' nell'estrazione del Superenalotto di oggi, 1 marzo 2024. Centrati due '5' che...

Esteri7 ore ago

Biden e la gaffe nel colloquio con Meloni: Gaza diventa...

Il presidente americano si confonde nel colloquio con la presidente del Consiglio Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, si...

Politica8 ore ago

Israele-Hamas, Meloni a Biden: “Italia sostiene...

La presidente del Consiglio alla Casa Bianca dal presidente americano: "Nostro Paese lavora a soluzione a due Stati" "La crisi...

Ultima ora8 ore ago

Chico Forti, chi è: la sua storia, dalla condanna al...

E' stato condannato all'ergastolo senza appello nel giugno del 2000 per l'omicidio di Pike in Florida Si avvicina il momento...

Spettacolo9 ore ago

Maninni: “Sanremo è ‘Spettacolare’ e per...

Il giovane cantautore sull'esordio sul palco dell'Ariston: "Sono arrivato da sconosciuto, le persone adesso stanno scoprendo la mia musica ed...

Politica9 ore ago

Giorgia Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in...

L'annuncio della presidente del Consiglio: "Dopo 24 anni di detenzione negli Stati Uniti, è stata appena firmata l'autorizzazione al trasferimento...

Cronaca9 ore ago

Vannacci e la tentazione della politica: “Devo...

Il generale: "Le richieste sono tante". E sulle inchieste che lo riguardano dice: "Non ho mai pensato a complotti". I...

Spettacolo9 ore ago

Chiara Ferragni riceve il Tapiro di ‘Striscia’:...

"Purtroppo è un periodo molto doloroso. Penso che nessuno sia contento" "Non ho abbandonato Federico e questa non è una...

Cronaca10 ore ago

Strage Palermo, sì a perizia psichiatrica su Giovanni...

Accolta la richiesta del legale del muratore 54enne che si è autoaccusato di aver ucciso la moglie Antonella Salamone e...

Cultura10 ore ago

Gerardo e Viviana Sacco illuminano Aula Magna Università...

Nell'incantevole scenario dell'Aula Magna "Ludovico Quaroni", Plesso di Architettura dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, ieri si è dipinta una mattinata...

Cronaca10 ore ago

Coisp: “Volantini anarchici a Pisa per incitare a...

"All'improvviso anche i 'sinceri democratici' scoprono che la Polizia picchia: è il loro mestiere ed è proprio questo l'ordine pubblico....

Cronaca10 ore ago

Vannacci contro la gonna di Marco Mengoni e Mariotto...

Vannacci: "Quando si vede un uomo con la gonna ci si fa una risatina sotto i baffi". Lo stilista: "Mengoni...

Esteri10 ore ago

A Mosca i funerali di Navalny, folla davanti alla chiesa

Otto Paesi Ue chiedono nuove sanzioni contro la Russia Folla davanti alla chiesa di Mosca oggi per i funerali di...

Spettacolo10 ore ago

Buoni ascolti per ‘Tg2 Italia Europa’

Trend positivo per la trasmissione che cresce di due punti sulla settimana scorsa Ottimi ascolti per “Tg2 Italia – Europa”...

Sport10 ore ago

La finanza ‘scommette’ sul calcio: giro...

Usa in testa con 9 mandatari e il possesso di 14 club Il mondo della finanza è sempre più interessato...