Connect with us

Sostenibilità

Il cambiamento climatico potrebbe ridurre il Pil mondiale...

Published

on

Il cambiamento climatico potrebbe ridurre il Pil mondiale di oltre il 4%

Standard and Poor’s Global lancia l’allarme e spiega quali sono le zone più a rischio

Mano tesa su terreno siccitoso - Canva

Il cambiamento climatico potrebbe provocare la perdita del 4,4% del Pil globale ogni anno, già a partire dal 2050.

L’allerta arriva da uno studio di Standard and Poor’s Global Rating, dove si spiega che è possibile evitare questo scenario disastroso per l’economia mondiale solo tenendo le temperature ben al di sotto dei +2°C rispetto al periodo preindustriale (1850-1900).

Il primo punto chiarito dal report di S&P Global “Lost GDP: Potential Impacts Of Physical Climate Risks” è che il cambiamento climatico non è ‘solo’ un problema ambientale, ma anche finanziario e sociale.

Il riscaldamento del pianeta, causato principalmente dalle emissioni di gas serra derivanti dalle attività umane, ha già effetti tangibili e negativi sulle condizioni di vita di milioni di persone, sulla biodiversità, sulla sicurezza alimentare e idrica, sulla salute e sui diritti umani.

Ma qual è il costo finanziario del cambiamento climatico? Quali sono i settori e i paesi più esposti ai rischi fisici legati al clima e le possibili soluzioni per mitigare il cambiamento climatico prima che le conseguenze diventino irreversibili?

L’impatto economico del cambiamento climatico

Come detto in apertura, secondo S&P le conseguenze del cambiamento climatico possono portare a una perdita del 4,4% del Pil ogni anno tra meno di trent’anni, già a partire dal 2050. Un dato allarmante, se si considera che il Pil globale nel 2020 era di circa 84 trilioni di dollari, secondo il Fondo Monetario Internazionale e che quindi la perdita sarebbe di oltre 3 trilioni di dollari. Sarebbe come perdere il Pil di Germania, Regno Unito o Francia ogni anno. Il report si basa su quattro scenari climatici per esaminare l’esposizione potenziale di 137 paesi a perdite economiche causate dagli impatti fisici del clima.

È possibile valutare i danni anche considerando il trend di crescita delle perdite nel settore assicurativo che dal 1992 al 2022, è cresciuto in media del 5%-7% all’anno a causa dei disastri naturali. I dati Swiss Re certificano che gli eventi climatici più estremi causano la maggior parte delle perdite assicurative.

C’è poi un’altra tendenza sottolineata nel report che getta (ancora più) ombre sul futuro: è probabile che gli impatti di tali rischi non siano lineari, come già è accaduto storicamente. In pratica, l’aumento marginale della temperatura produce più danni quanto più elevata è la temperatura di partenza. In futuro, è quindi probabile che il cambiamento climatico diventi esponenziale una volta raggiunti determinati punti critici.

Quali sono i rischi climatici

L’agenzia di rating con focus sulla sostenibilità ha individuato 7 tipi di rischi climatici:

- Ondate di calore;

- siccità;

- inondazioni;

- tempeste;

- incendi;

- innalzamento del livello del mare.

Utilizzando i dati sui tassi di perdita storici associati a questi rischi, S&P ha quindi stimato i potenziali impatti economici. Ciò che emerge dalla ricerca è che la diffusione dei rischi climatici fisici erode gradualmente la capacità produttiva dei Paesi per vari motivi: gli investimenti sono più deboli perché aumenta il timore di perdere tutto per calamità naturali, c’è minore produttività, i tassi di mortalità diventano più elevati e si perde capitale.

Prendendo in considerazione uno scenario definito “di transizione lenta” S&P Global Ratings utilizza tre parametri per valutare gli impatti economici dei rischi climatici fisici:

- l’esposizione: la percentuale di Pil o di popolazione che può essere messa a rischio dai cambiamenti climatici;

- il Pil a rischio: il valore del Pil che potrebbe essere perso ogni anno a causa dei rischi climatici, espresso in valore assoluto;

- la prontezza: indica la capacità dei paesi di rispondere ad alcune di queste perdite in base alla loro forza economica e istituzionale.

Il report assume uno scenario di surriscaldamento di 3°C entro il 2050, in linea con le attuali politiche climatiche dei paesi. Tuttavia, se le emissioni di gas serra continuassero a crescere al ritmo attuale, il riscaldamento potrebbe essere anche superiore, con conseguenze ancora più gravi per l’economia mondiale.

I territori più esposti ai rischi climatici

Il report evidenzia anche che il costo del cambiamento climatico non è distribuito in modo uniforme tra i paesi e i settori economici.

Si verifica il paradosso per cui, in media, a subire le conseguenze peggiori del cambiamento climatico sono i paesi che meno hanno contribuito all’inquinamento atmosferico. I paesi più poveri e più caldi, infatti, sono quelli che subiscono le perdite maggiori a causa della loro maggiore esposizione e vulnerabilità agli impatti climatici, della loro minore capacità di adattamento e della loro dipendenza da settori sensibili al clima, come l’agricoltura e il turismo.

[Scenari di danni economici da crisi climatica - Fonte: S&P Global]

È evidente, quindi, come tra i diversi territori varino anche rischi ed esigenze di investimento.

Ad esempio, il report stima che il Pil pro capite dell’Africa sub-sahariana e della zona Mena (Medio Oriente e Nord Africa) potrebbe diminuire dell’8% entro il 2050 a causa dei rischi fisici legati al clima, mentre l’Asia meridionale potrebbe perdere addirittura il 12% di Pil, tre volte la perdita prevista a livello globale.

[La previsione sui fenomeni climatici estremi. Fonte: S&P Global]

Al contrario, nelle stime di S&P, Europa e Nord America sarebbero meno esposte e sarebbe a rischio il 2% del loro Pil. Ricordiamo inoltre un recente rapporto Oxfam-SEI dove si dimostra che l’1% più ricco della popolazione inquina quanto i 2/3 della popolazione globale.

Bisogna poi sottolineare che negli ultimi anni il cambiamento climatico sta portando eventi estremi anche in quei territori tradizionalmente miti, dove non esistevano fenomeni come siccità, inondazioni, tempeste, incendi e innalzamento del livello del mare.

Questi eventi possono causare danni ingenti alle infrastrutture, alle proprietà, alle attività economiche e alle vite umane, oltre a generare costi di adattamento e di ricostruzione. A questo va aggiunto che il cambiamento climatico può avere effetti indiretti sull’economia mondiale gravando sulle catene di approvvigionamento, i flussi commerciali e i movimenti migratori.

Gli eventi estremi in Italia

Le aziende italiane risultano particolarmente colpite dall’estremizzazione dei fenomeni, secondo i dati dell’Eib Investment Survey 2023, ricerca annuale svolta dalla Banca Europea per gli Investimenti (Bei) su un campione di 13 mila aziende europee.

L’indagine spiega che le imprese italiane sono tra quelle che hanno subito i danni maggiori dagli eventi climatici estremi: complessivamente ne è stato danneggiato il 73% delle aziende, meno solo della Spagna (80%) e del Portogallo (79%). La percentuale italiana supera di ben 9 punti percentuali quella media delle imprese che hanno subito perdite legate al cambiamento climatico che si assesta al 64%. Anche quest’ultimo dato è molto allarmante se si considera che è cresciuto del 7% in un solo anno (nel 2022, era stato danneggiato il 57% delle aziende).

Il dato italiano è strettamente correlato all’aumento dei fenomeni: nel 2010 nel Belpaese si verificarono 19 eventi estremi, nel 2022 sono saliti a 310, di cui 104 allagamenti, 81 trombe d’aria, 29 grandinate distruttive, per citare i più ricorrenti (dati Legambiente). Una crescita esponenziale che, secondo una ricerca dell’Icsr (International Center for Social Research) potrebbe far spendere alle imprese italiane, complessivamente, fino a 3,24 miliardi di euro all’anno per riparare i danni ma anche per tutelarsi dal rischio ambientale.

Una situazione che ha il proprio risvolto sociale, noto con il termine di “Ecoansia”, una paura che coinvolge quasi 1 italiano su 2!

Le possibili soluzioni

In conclusione, il report di Standard and Poor’s Global Rating ribadisce che il cambiamento climatico rappresenta una minaccia seria e urgente per la stabilità finanziaria, che richiede una rapida e decisa azione da parte dei governi, delle imprese e della società civile. In realtà, la tanto temuta soglia dei +2°C rispetto al periodo preindustriale è stata già raggiunta (e superata) lo scorso 17 novembre e il tempo a disposizione non sembra molto.

L’obiettivo principale resta quello di ridurre le emissioni di gas serra, in modo da limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, come previsto dall’Accordo di Parigi del 2015 registrato nella Cop 21. L’edizione numero 28 della Conferenza delle parti, in corso a Dubai, ha il compito di trovare delle soluzioni condivise per contrastare il cambiamento climatico. Per raggiungere questo obiettivo, sono necessarie politiche efficaci e ambiziose, che incentivino la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, basata sulle energie rinnovabili, sull’efficienza energetica, sulla mobilità sostenibile, sull’innovazione tecnologica e sulla circolarità dei materiali.

Allo stesso tempo, sono necessarie politiche di adattamento, che aiutino i paesi e i settori più vulnerabili a far fronte agli impatti climatici già in atto o inevitabili, aumentando la loro resilienza e capacità di recupero. Queste politiche devono essere integrate e coordinate a livello locale, nazionale e internazionale, tenendo conto delle diverse esigenze e opportunità dei diversi attori coinvolti. Quando però si tratta di passare dalle parole ai fatti, gli accordi non si trovano e gli interessi particolari continuano a prevalere.

Non fosse altro che solo a novembre, il presidente della Cop e ministro dell’Industria degli Emirati Arabi Uniti 28 Sultan Al Jaber ha espresso dubbi sulla possibilità di rinunciare ai combustibili fossili senza “tornare all’età delle caverne”. Lui dice di essere stato frainteso e di avere fiducia nella scienza.

Intanto, anche S&P ha lanciato l’allarme cercando di far leva su ciò che, per alcuni operatori, può essere più preoccupante: la perdita economico-finanziaria a cui la popolazione mondiale va incontro senza una decisa inversione di rotta.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Sostenibilità

Cobat Tessile a Pitti Uomo 2024: dialogo e confronto con le...

Published

on

Cobat Tessile a Pitti Uomo 2024: dialogo e confronto con le aziende del settore

A Pitti Uomo, una delle manifestazioni di riferimento del settore moda, il consorzio Cobat Tessile incontra le aziende del settore, che si stanno preparando all’entrata in vigore del regime di responsabilità estesa del produttore. In attesa che la normativa nazionale, in accordo con le Direttive Europee, regoli le attività del comparto, il consorzio è al fianco dei Produttori e Importatori che desiderano comprendere a pieno cosa comporteranno i nuovi obblighi e fare la propria parte per una filiera a ridotto impatto.

“Il dialogo con le aziende, per conoscerne a pieno esigenze e criticità, è alla base del nostro lavoro di Consorzio per la responsabilità estesa del produttore - spiega Michele Zilla, General Manager di Cobat Tessile - Il nuovo obbligo normativo in via di pubblicazione che introduce un regime di gestione del rifiuto per quanti producono e/o immettono prodotti tessili sul mercato italiano si inserisce in un quadro più ampio che vede e vedrà le aziende del settore sempre più chiamate a rispondere in termini di sostenibilità e competitività”.

“Anche nell’ambito della manifattura sartoriale, uno dei fiori all’occhiello della produzione made in Italy, è di vitale importanza che le imprese siano dotate degli strumenti per interpretare correttamente lo scenario normativo che si sta configurando. Oggi l’eleganza e la creatività non possono non essere legate a doppio filo con un’idea matura di sostenibilità”, dice Michele Zilla durante il convegno organizzato dalla rivista Arbiter presso la Fortezza da basso.

“Per un’impresa come la nostra, che produce tessuti dal 1945, protagonisti delle passerelle di grandi marchi della moda, l’innovazione è sempre stato un motore, pur poggiando sulle solide basi della tradizione. Abbiamo scelto di iscriverci a Cobat Tessile, per conoscere e gestire al meglio, dal punto di vista operativo e amministrativo, il nuovo scenario normativo in arrivo, oltre che per avere la possibilità di valutare a pieno il ruolo che avranno le imprese della filiera”, aggiunge Francesco Marini di Marini Industrie.

Oggi al consorzio aderiscono produttori che operano nel settore dei tessuti, dello sportswear, dell’alta moda e degli accessori. Le parole d’ordine, come sempre, restano i principi dell’economia circolare applicati alla filiera specifica: allungare il ciclo di vita del bene, trasformandolo in nuova materia e/o energia, a partire da una raccolta selettiva, in grado di incrementare quantità e qualità dei materiali recuperati.

Continue Reading

Sostenibilità

Presentato da A2a l’ottavo bilancio di sostenibilità...

Published

on

Quasi mezzo miliardo di euro investito in infrastrutture e impianti per la transizione ecologica, in crescita del 32%; 1,2 miliardi di euro il valore economico distribuito dal gruppo sul territorio

Presentato da A2a l’ottavo bilancio di sostenibilità territoriale di Milano

È stata presentata oggi dal Presidente di A2A Roberto Tasca e dall’Amministratore Delegato di A2A Renato Mazzoncini, alla presenza dell’Assessore al Bilancio e Patrimonio Immobiliare del Comune di Milano Emmanuel Conte, l’ottava edizione del Bilancio di Sostenibilità Territoriale di Milano che rendiconta le prestazioni ambientali, economiche e sociali del Gruppo sul territorio nel 2023 e i suoi piani di attività previsti per i prossimi anni.

“Nel 2023, abbiamo generato e distribuito un valore economico di oltre 1,2 miliardi di euro, confermando il nostro impegno per lo sviluppo sostenibile di questo territorio. Le nostre attività si traducono in benefici tangibili per le comunità locali, contribuendo al miglioramento della qualità della vita dei cittadini” - ha dichiarato il Presidente di A2A Roberto Tasca. “Per la città, a cui siamo legati da un rapporto storico, la nostra missione è continuare a investire in infrastrutture e innovazione tecnologica in grado di renderla un esempio virtuoso di crescita e benessere condiviso in Italia e in Europa. Inoltre, attraverso le attività del Banco dell'Energia offriamo supporto concreto alle famiglie in difficoltà presenti su questo territorio. Forti dei risultati ottenuti e consapevoli delle nuove sfide siamo determinati a proseguire su questa strada.”

“La decarbonizzazione di Milano è al centro della nostra strategia per questo territorio: nel 2023, abbiamo investito quasi 500 milioni di euro per efficientare infrastrutture necessarie alla transizione ecologica. A supporto dell’elettrificazione dei consumi si collocano il recente accordo con Enel da 1,2 miliardi, l’installazione della prima cabina elettrica interrata impermeabile e gli investimenti a piano sulla mobilità elettrica. Inoltre, l’espansione del teleriscaldamento contribuirà significativamente alla riduzione delle emissioni di CO2, fornendo energia pulita a migliaia di utenze.” - ha affermato l'Amministratore Delegato di A2A Renato Mazzoncini. “L’impegno del Gruppo è rivolto anche all’economia circolare: con Amsa adottiamo una gestione integrata dei rifiuti che ne azzera il conferimento in discarica, trasformando ogni scarto in nuova materia o energia e creando un sistema virtuoso. Con il supporto attivo dei nostri stakeholder siamo orgogliosi di fare la nostra parte per rendere il 'modello Milano' una best practice nel percorso verso lo sviluppo sostenibile del Paese''.

Nel 2023, A2A ha generato valore per il territorio e per i suoi stakeholder pari a 1.224 milioni di euro, investendo inoltre più di 485 milioni di euro nelle infrastrutture della Provincia: un dato in crescita del 32% rispetto all’anno precedente.

A Milano, la Società si occupa della gestione dei rifiuti, della produzione, distribuzione e vendita di energia e gas, della rete di teleriscaldamento, di mobilità elettrica e illuminazione pubblica. La presenza del Gruppo sul territorio è capillare, con una centrale termoelettrica, sette impianti di cogenerazione e tredici centrali termiche - oltre a due pompe di calore - per il teleriscaldamento, dieci impianti di trattamento e recupero materia e un termovalorizzatore: infrastrutture essenziali che contribuiscono significativamente alla produzione di energia e alla chiusura del ciclo dei rifiuti, supportando così il percorso della Città verso la transizione ecologica.

Nella Città Metropolitana, A2A recupera il 100% dei rifiuti urbani raccolti: anticipando gli obiettivi dell’Unione Europea al 2035, attraverso una virtuosa gestione integrata, il conferimento in discarica è stato azzerato. Tutti gli scarti raccolti da Amsa - del cui operato oltre il 95% dei cittadini milanesi si è dichiarato soddisfatto - sono stati trasformati in nuova materia (63%) o energia (37%).

È stata avviata con Fri-El Geo – produttore di energia geotermica – una partnership con l’obiettivo di incrementare l'uso di fonti rinnovabili nel teleriscaldamento, un sistema che ora serve l'equivalente di 248.750 appartamenti, con una rete di 390 km, evitando nel 2023 più di 110mila emissioni di CO2.

Per contribuire a decarbonizzare ulteriormente la Città, A2A prosegue anche nello sviluppo dell’energia da fonti rinnovabili e della mobilità sostenibile. Durante lo scorso anno sono continuati i lavori per la realizzazione del più grande impianto fotovoltaico su tetto d’Italia, inaugurato lo scorso maggio a Rho Fiera: composto da circa 50.000 pannelli fotovoltaici, distribuiti su 330.000 metri quadrati di copertura dei padiglioni, la produzione annua attesa è pari al consumo di circa 7.800 famiglie e permetterà di evitare annualmente quasi 10 mila tonnellate di CO2.

Per quanto riguarda invece l’e-mobility, è stata progettata e avviata la prima “Ricarica di Quartiere” con l’installazione delle colonnine City Plug. Niente limiti di sosta, fino a 7 kW di potenza e un design pensato per il contesto urbano: il progetto del Gruppo prevede, in sinergia con il Comune, di installare 4 mila punti di ricarica nei prossimi 2 anni, a fronte di 12 milioni di euro di investimenti nel periodo 2024-2025.

Nel 2023 è stata anche inaugurata a Milano la prima cabina elettrica secondaria interrata e impermeabile d’Italia: il design innovativo riduce il volume occupato e consente una maggiore flessibilità nella posa rispetto a quelle tradizionali.

Gli investimenti nella rete rappresentano parte integrante dell’impegno del Gruppo per Milano: in questa direzione va anche l’accordo firmato con E-distribuzione per l’acquisto del 90% del capitale sociale di un veicolo societario di nuova costituzione (“NewCo”), nel quale saranno conferite le attività di distribuzione elettrica in alcuni Comuni delle province di Milano e Brescia.

Un’altra importante attività sarà la realizzazione della nuova sede di A2A Torre Faro - 144 metri di altezza per un totale di 28 piani – in concomitanza delle Olimpiadi invernali del 2026. Un esempio di edilizia sostenibile ed efficiente, che rispetta i canoni della certificazione internazionale LEED: si stima un 30% circa di riduzione dei consumi e un 35% di risparmio di acqua potabile. I lavori sono iniziati a gennaio 2024 ed entro settembre è prevista la conclusione dei piani interrati.

Il supporto alle proprie persone è un altro pilastro fondamentale per A2A. La Società ha sottoscritto il Manifesto "Imprese per le Persone e la Società" e ha ottenuto la Certificazione Best HR Team 2023. Con il piano A2A Life Caring, recentemente presentato, sono inoltre previsti investimenti per 120 milioni di euro al 2035 a sostegno della genitorialità e del benessere dei dipendenti.

L’impegno del Gruppo sui temi ESG si concretizza anche nelle attività con i propri fornitori: è stato infatti redatto e messo a loro disposizione un vademecum per affiancare soprattutto piccole e medie imprese nell'integrazione della sostenibilità nella loro strategia aziendale. Nel 2023, sono stati attivati 797 fornitori (oltre la metà micro e piccole imprese).

il programma di engagement territoriale

Il percorso dei Forum Multistakeholder di A2A si rinnova anche quest’anno, in continuità con l’impegno portato avanti nelle scorse edizioni per il coinvolgimento degli stakeholder locali attraverso attività di ascolto e co-progettazione. Nel 2024, il programma dei Forum “Territori sostenibili: un’impresa comune” prevede 14 tappe in tutta Italia per la presentazione dei Bilanci di Sostenibilità Territoriale.

Nell’ambito di questa iniziativa, in collaborazione con The European House Ambrosetti, la presentazione del Bilancio a Milano è stata infatti preceduta da due tavoli di lavoro con gli stakeholder territoriali, incentrati rispettivamente su biodiversità e compliance ESG per la catena del valore. I partecipanti hanno discusso per identificare azioni collettive che accelerino la transizione sostenibile delle aziende locali e che aumentino la consapevolezza e la sensibilità delle comunità locali su biodiversità e cambiamento climatico.

Il programma di engagement territoriale ha già coinvolto la Valtellina, la Valchiavenna, il Friuli Venezia Giulia e Brescia, cui si aggiungeranno nel corso dell’anno Calabria, Piemonte, Puglia, Sardegna, Liguria, Campania, Sicilia, Bergamo, Sud Lombardia, Monza e Brianza.

Continue Reading

Sostenibilità

Bioplastiche compostabili, verso un marchio di...

Published

on

Obiettivo per il prossimo futuro indicato dal presidente di Biorepack, Marco Versari, nel suo intervento al 1° Forum italiano delle bioplastiche compostabili,

Bioplastiche compostabili, verso un marchio di riconoscibilità

Un marchio di riconoscibilità (già finalizzato) per aiutare cittadini e operatori a riconoscere e riciclare correttamente gli imballaggi in bioplastica compostabile. Questo uno degli obiettivi per il prossimo futuro indicato dal presidente di Biorepack, Marco Versari, nel suo intervento al 1° Forum italiano delle bioplastiche compostabili, questa mattina a Roma.

"Ecco cosa abbiamo in mente per il futuro: essere più presenti dove lo siamo meno e vogliamo aumentare il numero dei consorziati. Vogliamo adottare un marchio di riconoscibilità: abbiamo registrato un pittogramma e lo abbiamo condiviso con la catena del valore. Io conto che dal gennaio del prossimo anno questo pittogramma possa fare parte delle nostre attività di comunicazione. Vogliamo che non ci siano dubbi sulla riconoscibilità".

E ancora: "Vogliamo contribuire alla riduzione della presenza di materiali non compostabili nella raccolta dell’umido per facilitare il riciclo dei materiali compostabili. Vogliamo supportare l’evoluzione della capacità di trattamento in termini qualitativi, favorendo studi e approfondimenti in modo che l’approccio ai materiali compostabili sia scientifico".

Infine: "Vogliamo intensificare la lotta ai fenomeni illegali: un materiale che non è quello che dice di essere è un problema per la filiera industriale e per il cittadino". Non solo: questi materiali "disturbano la filiera di riciclo della materia organica che riporta fertilità nel terreno - conclude - Non ci possiamo permettere di perdere questa opportunità, se il suolo non è ricco di frazione organica è un suolo che non ci darà da mangiare".

Continue Reading

Ultime notizie

Economia53 minuti ago

Pmi, Gigli (Rtz Advisory): “Sostenibilità un percorso...

‘Ruolo professionista è centrale per diffondere consapevolezza che sostenibilità e criteri Esg sono essenziali per sviluppo a lungo termine aziende’...

Economia56 minuti ago

Pmi, Zacchi (Bper Banca): “Un’azienda più sostenibile...

‘Bisogna raccontare la propria sostenibilità, le imprese devono uscire dalla media’ “Oggi un'azienda che intraprende un percorso di sostenibilità è...

Cronaca1 ora ago

Blitz dei carabinieri al Comune di Caserta, appalti...

Tra gli indagati sono finite agli arresti domiciliari 5 persone, tra cui l'assessore dell'attuale giunta e alcuni dipendenti comunali. L'operazione...

Cronaca8 ore ago

Glioma, tumore cresce con attività cervello: speranza da...

Un team padovano multidisciplinare scopre il ruolo delle connessioni cerebrali nella crescita della neoplasia Nonostante tutti gli sforzi della ricerca,...

Politica9 ore ago

Autonomia, alla Camera botte e sedie che volano: rissa e...

Dalla 'X' del deputato della Lega Furgiuele al 'presente' del collega di Fratelli d'Italia Padovani, passando per una maxi rissa...

Esteri9 ore ago

Gaza, Hamas e la tregua con Israele: “Usa parte...

Secondo Blinken Hamas aveva suggerito numerose modifiche, alcune delle impraticabili, alla proposta di cessate il fuoco. Hezbollah: "Intensificheremo attacchi contro...

Spettacolo9 ore ago

Gianna Nannini compie 70 anni, “ma l’età è...

Per la rockstar senese una vita all'insegna della rinascita Gianna Nannini compie 70 anni "ma l'età è facoltativa", come lei...

Esteri9 ore ago

Ucraina, Nato vuole ‘regia’ per invio armi a...

Oggi vertice dei ministri della Difesa dell'Alleanza Atlantica a Bruxelles La Nato è pronta ad assumere il coordinamento della consegna...

Cronaca9 ore ago

Pioggia al Nord ancora per poco, svolta nel fine settimana:...

Il meteorologo Gussoni: "L'anticiclone africano avanza, la prossima settimana scoppierà l'estate su tutta l'Italia" "Sicuramente queste ore sono abbastanza estreme...

Politica9 ore ago

G7 al via tra Ucraina, Gaza e Cina: verso accordo su asset...

Sul tavolo anche l’Intelligenza artificiale, Africa e migrazioni. Meloni già a Borgo Egnazia Le guerre in Ucraina e in Medio...

Politica9 ore ago

G7, Meloni vicina ad accordo storico su asset Russia ma...

Fonti dell'Italia precisano: "Nessuna richiesta di eliminare il punto sul diritto alla garanzia dell'interruzione di gravidanza" E' l'obiettivo dominus del...

Esteri9 ore ago

G7 Puglia, dalla zona relax con flipper e ping pong alla...

Dodicimila metri quadrati a disposizione degli oltre 1.700 operatori dei media accreditati C'è anche una 'prayer room', una piccola stanza...

Sport10 ore ago

Europei atletica, show Italia: 4×100 oro, Iapichino e...

Altre 4 medaglie per l'Italia, Arese è bronzo nei 1500 Un oro con la staffetta 4x100, due argenti e un...

Politica12 ore ago

Autonomia, Furgiuele (Lega): “Decima? Ho fatto come...

Il deputato del Carroccio: "Gesto fatto per dire che non mi piace Bella ciao" "A X Factor facevano la X...

Politica12 ore ago

Rissa alla Camera, Donno: “Colpito da un pugno...

Il deputato M5S ricostruisce i momenti dell'aggressione: "Calci e pugni da parlamentari di Lega e Fratelli d'Italia, vedrò se prendere...

Cronaca12 ore ago

G7, Meloni a Borgo Egnazia con la figlia. Promossa dal...

Italo Farnetani: "Alla premier consiglio di fare tappa in una spiaggia Bandiera verde e le lancio un appello perché abolisca...

Cronaca13 ore ago

Vaccini, da Aviaria a Dengue per Italia strategia...

No al contratto Ue per l'acquisto del vaccino prepandemico Seqirus. Lopalco: "Scelta miope che ci isola". Rezza: " Passata l'emergenza...

Politica13 ore ago

Autonomia, caos alla Camera: “Pugni in testa a...

Dopo la maxi rissa che ha visto protagonista il deputato del M5S Donno e alcuni parlamentari di Lega, Fratelli d'Italia...

Sport13 ore ago

Automobilismo, Mille Miglia: secondo pomeriggio di gara fra...

Ripartite dopo il pranzo in gara dall’area del porto antico di Genova, le vetture della 1000 Miglia 2024 hanno sfilato...

Esteri13 ore ago

Macron e lo scioglimento dell’Assemblea nazionale:...

Il Presidente francese ha spiegato la decisione: "Con un tale risultato non bastava un rimpasto" "È un voto europeo ma...