Connect with us

Politica

Governo, Crosetto: “Può essere messo a rischio solo...

Published

on

Governo, Crosetto: “Può essere messo a rischio solo da opposizione giudiziaria”. Anm risponde

Il ministro della Difesa in un'intervista al Corriere: "Il governo può essere messo a rischio solo da opposizione giudiziaria". Santalucia: "Fake news, fa male alle istituzioni"

Guido Crosetto e Giuseppe Santalucia (Fotogramma/Ipa)

Il vero pericolo per il governo? "L’opposizione giudiziaria. A me raccontano di riunioni di una corrente della magistratura in cui si parla di come fare a 'fermare la deriva antidemocratica a cui ci porta la Meloni'". Le parole del ministro Guido Crosetto in un'intervista al 'Corriere della Sera' fanno esplodere un caso politico. L'Anm in rivolta. Attacchi delle opposizioni e richiesta di chiarimenti. A cui il titolare della Difesa non si sottrae.

Nel pomeriggio torna sulle sue parole, sostiene di non aver fatto alcun attacco alla magistratura e si dice disponibile a riferire quanto sa in commissione Antimafia o al Copasir. I temi sarebbero troppo delicati per l'aula. A stretto giro arriva la richiesta di un'audizione urgente da parte del Pd. Fonti della presidenza della commissione Antimafia replicano che la richiesta "sarà valutata" quando verrà formalizzata. La data è quella di martedì, dopodomani, quando è prevista la riunione dell'ufficio di presidenza della commissione.

Cosa ha detto Crosetto

Nell'intervista al Corriere della Sera il ministro della Difesa ha detto che "questo governo può essere messo a rischio solo da una fazione antagonista che ha sempre affossato i governi di centrodestra: l’opposizione giudiziaria. Non mi sorprenderebbe, da qui alle Europee, che si apra una stagione di attacchi su tale fronte". Crosetto ha aggiunto: "A me raccontano di riunioni di una corrente della magistratura in cui si parla di come fare a 'fermare la deriva antidemocratica a cui ci porta la Meloni'. Siccome ne abbiamo visto fare di tutti i colori in passato, se conosco bene questo Paese mi aspetto che si apra presto questa stagione, prima delle Europee...".

La replica dell'Anm

A stretto giro la replica dell'Anm. "Una fake news, una cosa che non ha nessun fondamento e che fa male alle istituzioni". Così il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Giuseppe Santalucia, a margine dell'assemblea in Cassazione, riferendosi alle dichiarazioni del ministro della Difesa.

"E' fuorviante l'idea di una magistratura che rema contro, che possa, leggevo oggi sui giornali, anche farsi opposizione politico-partitica", aveva dichiarato in precedenza il presidente dell'Anm, aprendo i lavori dell'assemblea degli iscritti a Roma.

"Tutto questo nasce da un profondo equivoco e da una pretesa, del tutto sbagliata, per cui delle questioni politiche debba occuparsi solo il ceto politico, la parola politica diventa fagocitante, tutto diventa politica non in un senso di inclusione ma per escludere, per impedire a chi non fa parte del ceto politico in senso stretto di potere parlare. Questo è un altro equivoco che si sta diffondendo", ha denunciato Santalucia.

"Il mio timore è che non si tratti di fiammate episodiche ma che ci sia la possibilità di leggere in tutto questo una linea di continuità che ci mette in grande difficoltà - ha spiegato - perché poi veniamo immessi in questa contrapposizione di parte perché abbiamo osato parlare di politica come una controparte partitica". "La magistratura non è forza di contrapposizione politica - ha sottolineato il presidente Anm - ma esercita il suo mandato nell'interesse della comunità, tutela i diritti e non risponde a logiche governative".

Poi, a margine: "La gente che legge i giornali apprende da una voce autorevolissima di un ministro che esiste un gruppo di magistrati, che fa ciò che fanno, più o meno legittimamente, i partiti politici nello scontro di potere per la conquista del governo del Paese, è una cosa che fa male alle istituzioni, fa male a tutti noi - ha spiegato Santalucia - che coinvolge in primo luogo i magistrati ma, e qui sta la miopia, non si comprende che questo è un attacco, una rappresentazione malevola dell'impianto istituzionale del Paese, e quindi è l'intero Paese a esserne in qualche modo coinvolto".

Crosetto, a seguito delle reazioni, è tornato sull'intervista: "Tutto ho fatto tranne che minacciare o delegittimare qualcuno. Ma poi, davvero, dopo i casi Tortora, Mannino, Mori e la storia di centinaia di persone dal '94 ad oggi, si può nascondere come si è comportata, nella storia italiana, una parte (non certo tutta, ripeto) della magistratura? Penso proprio di no. E lo dico proprio nell’interesse della magistratura e di un'idea di Giustizia in cui credo fermamente. E veramente dopo quanto ha raccontato (non è mai smentito) Palamara, qualcuno si stupisce di un mio passaggio, peraltro incidentale, in una lunga intervista che verteva su altro?''.

''Ho fatto quel passaggio non superficialmente, non a cuor leggero, con l’amarezza di chi crede nelle istituzioni ed ha fiducia nella stragrande maggioranza della magistratura e che quindi si sente indignato qualora fosse vero quanto gli è stato riferito - ha aggiunto - Tra l’altro, mi sono premurato anche di comunicare anche ad altri le notizie che mi erano state riferite (da persone credibili) e che ritenevo gravi, ove e se confermate. Ho visto che alcuni parlamentari, come Della Vedova, mi invitano anche a riferire in Parlamento. Lo farò con estremo piacere, se sarà possibile farlo in commissione Antimafia o Copasir, per la necessità di riservatezza e di verifica delle notizie che ho ricevuto. Non ho qui null’altro da aggiungere, anche perché ho molte altre cose di cui occuparmi”.

Le reazioni

Il caso è destinato a protrarsi, almeno nelle intenzioni delle opposizioni che oggi hanno sferzato il titolare della Difesa per le sue parole. "Accuse gravissime. Se sa vada in Procura", incalza Giuseppe Conte. Sarcastico Carlo Calenda: "Non siamo al bar sport". Per Bruno Tabacci si tratta di "chiacchiere in libertà". E comunque la lettura dell'opposizioni sulla mossa di Crosetto converge sul 'solito' complotto evocato per nascondere "i fallimenti del governo'.

Il Pd con la responsabile Giustizia della segreteria Schlein, Debora Serracchiani, chiede un chiarimento: "Siamo stupefatti dalle dichiarazioni rilasciate oggi dal ministro Crosetto. Se il ministro sa qualcosa che mette in pericolo la sicurezza nazionale lo dica. Diversamente, la smetta questo governo di lanciare velate minacce e di lamentare infondati complotti, cercando di nascondere le difficoltà della manovra di bilancio”.

Anche Benedetto Della Vedova di Più Europa chiede che Crosetto "riferisca immediatamente al Parlamento", auspica la convocazione al Copasir e annuncia un'interrogazione perché il ministro vada anche in aula a chiarire. E Riccardo Magi incalza: "Immagino infine che il ministro Crosetto abbia preventivamente informato il presidente Mattarella, che presiede il Csm, di queste sue gravissime accuse".

Per Angelo Bonelli di Avs "il vero motivo delle pericolose esternazioni di Crosetto è che vuole nascondere i fallimenti della premier Meloni e dei suoi imbarazzanti ministri. Alludere ad un complotto contro il governo Meloni da parte dei magistrati, senza aver citato uno straccio di prova, è vera e propria intimidazione. Crosetto quindi riferisca le fonti delle sue informazioni oppure faccia qualcos'altro nella vita, non certo il ministro". E Nicola Fratoianni: "Basta col rilancio continuo della guerra tra poteri che fa male alla democrazia”.

Matteo Renzi invece non mette in dubbio Crosetto: "Se il Ministro della Difesa dice certe cose, sicuramente non parla a caso". Ma il leader di Italia Viva coglie la palla al balzo per un affondo contro il governo Meloni: il problema di Crosetto, osserva, sta nella sua coalizione: "La riforma della giustizia è sparita dal radar per volontà di Giorgia Meloni. La vera domanda è: caro Guido, perché la Meloni ha bloccato la riforma? Di cosa avete paura?".

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Politica

Forza Italia, il Congresso incorona Tajani: “Tutti al...

Published

on

L'assise azzurra elegge il segretario per acclamazione. Via libera anche ai quattro vice: Cirio, Occhiuto, Bergamini e Benigni

 Antonio Tajani eletto segretario nazionale di Forza Italia (Fotogramma)

"Io ce la metterò tutta, grazie Forza Italia. Ora mandiamo un forte applauso a Silvio Berlusconi che ci ascolta da lassù". Conclude così il suo intervento da neo-eletto segretario di Forza Italia, Antonio Tajani, dal palco dell'Eur di Roma, tra l'inno azzurro e un Lucio Battisti d'annata che assicura che "non sarà un'avventura". Sono da poco passate le 18 di sabato e il vicepremier, ora ufficialmente leader di Fi, dopo aver incassato il via libera degli oltre mille delegati che hanno sventolato alti i loro cartellini nella grande sala del Palazzo dei congressi all'Eur, può festeggiare il suo successo.

Le felicitazioni di Marina e Pier Silvio

"I primi messaggi che mi sono arrivati sul cellulare - dice subito - sono della famiglia di Berlusconi, di Marina e Pier Silvio". "Il sostegno della famiglia Berlusconi non è mai mancato" rivendica con la mano sul cuore. Ringrazia tutti Tajani, e promette solo un giorno di vacanza: "Domenica ci riposiamo - avvisa - poi al lavoro per il voto, perché non possiamo deludere l'Europa". Con un messaggio rivolto anche all'interno del partito, dove oggi si respira "un clima di grande unità e amicizia": "Non possiamo permetterci di avere un postificio, non possiamo permetterci di dividerci per piccole questioni, per interessi personali, lo dobbiamo per rispetto a Berlusconi". Lo sguardo è proiettato al voto di giugno alle europee, e oltre, perché "dalla vittoria dipende la sopravvivenza del nostro movimento politico nei prossimi trent'anni".

Comincia l'era Tajani

In Forza Italia con questi impegni inizia l'era Tajani. Il testimone di Silvio Berlusconi passa ora nelle mani del titolare della Farnesina. Nella due giorni del congresso azzurro (il primo senza Berlusconi) che sancisce il nuovo corso non c'è spazio per divisioni e distinguo, come dimostra l'abbraccio a favore di telecamere tra Licia Ronzulli e Antonio Tajani: "Hai il sostegno di tutti noi", scandisce la vicepresidente del Senato, la quale non manca di ricordare che "si vince e si perde tutti insieme".

Il clima di ritrovata concordia è certificato anche dalla scelta di procedere con l'elezione per semplice alzata di mano, evitando 'conte' interne, anche dei quattro vicesegretari (Deborah Bergamini, Alberto Cirio, Stefano Benigni - fedelissimo di Marta Fascina, assente anche oggi al congresso - e Roberto Occhiuto). Toni distesi pure sulle casse azzurre: Tajani assicura che la situazione è ormai sotto controllo "grazie al lavoro del tesoriere, e alla donazioni che, legalmente, riceviamo". La stagione dei 'morosi', ovvero dei parlamentari indietro con i versamenti al partito, afferma il neo-segretario, è alle spalle.

L'elogio di Metsola

Tutti d'accordo anche sul programma da qui al voto europeo dell'8 e 9 giugno: testa bassa pedalare per portare il movimento azzurro più in alto possibile. Il capogruppo alla Camera Paolo Barelli punta per il futuro a un risultato di 'coalizione' pari al 60-70%. I delegati invece si 'accontentano' di quanto promesso dal neosegretario, che in vista della consultazione Ue si tiene più cauto ribadendo l'obiettivo del 10%. Europa sugli scudi del congresso, perché la bandiera di Forza Italia oggi è quella europeista, senza se e senza ma. Dopo la 'benedizione' di Ursula von der Leyen e Manfred Weber di ieri, questa volta la testimonial del vecchio continente al congresso azzurro è un'altra esponente di spicco del Ppe - famiglia politica europea a cui Fi "orgogliosamente" appartiene -, ovvero la presidente del Parlamento Ue, la maltese Roberta Metsola, la quale incassa il sostegno di Fi anche per la guida del prossimo Europarlamento. "Tu Antonio sei una guida, che da sempre si batte per una Europa più forte", l'elogio a Tajani di Metsola, che non manca di ricordare Berlusconi: "Il vostro fondatore, che ha fatto la storia dell'Italia e dell'Europa degli ultimi 30 anni e sarebbe fiero di voi, ha avuto la lungimiranza di capire che il futuro di Forza Italia era nel Ppe".

Il giorno più lungo di Tajani scorre con gli interventi dei delegati, degli amministratori locali e degli ospiti europei, che garantiscono appoggio al vicepresidente del Consiglio, definito punto di riferimento anche dal segretario generale dell'Internazionale democratica di centro Antonio Lopez. Lui incassa felice, spiegando che però qualcosa sull'attualità italiana la deve dire. Sugli scontri tra polizia e manifestanti difende le forze dell'ordine: "Nessuno le tocchi, se qualcuno ha sbagliato pagherà, ma per uno o due che hanno sbagliato non possiamo attaccare chi ci difende per quattro soldi...". A proposito dei manifestanti di Milano, identificati dalla Digos, stessa linea: "Il ministro Piantedosi prenderà i necessari provvedimenti" ma "non vedo il problema a essere identificati, sotto casa mia ci sono le forze dell'ordine che a volte identificano mio figlio o il fidanzato di mia figlia". La chiusura dell'intervento del segretario di Forza Italia è dedicata a Meloni e Salvini: "I nostri alleati non hanno nulla da temere da noi, ma nessuno può chiederci di rinunciare alla nostra identità". Poi la festa sul palco, tutti a cantare e ballare: perché non sarà solo un'avventura, come insegna appunto Battisti.

(di Antonio Atte e Francesco Saita)

Continue Reading

Politica

Tajani: “L’Europa ci chiama non possiamo...

Published

on

In Europa si fidano di noi, ha detto Antonio Tajani, appena rieletto segretario nazionale di Forza Italia. Hanno bisogno di Forza Italia, non li possiamo deludere. Un congresso che ha visto una grande mobilitazione con cui abbiamo fatto un regalo a Silvio Berlusconi.

Continue Reading

Politica

Forza Italia, standing ovation per Tajani eletto segretario...

Published

on

Antonio Tajani eletto segretario nazionale di Forza Italia nella seconda e conclusiva giornata del congresso del partito a cui hanno partecipato un migliaio di delegati da tutta Italia.

Continue Reading

Ultime notizie

Politica3 ore ago

Forza Italia, il Congresso incorona Tajani: “Tutti al...

L'assise azzurra elegge il segretario per acclamazione. Via libera anche ai quattro vice: Cirio, Occhiuto, Bergamini e Benigni "Io ce...

Esteri3 ore ago

Ucraina, Meloni porta in dote a Kiev accordo su sicurezza:...

La presidente del Consiglio ha guidato il summit del G7 nella capitale ucraina Un accordo sulla sicurezza decennale, che spazia...

Sport3 ore ago

Odermatt da record, vince ancora a Palisades e blinda la...

E' la 35esima vittoria della sua carriera Nuova impresa dello sciatore svizzero Marco Odermatt che ha vinto il decimo slalom...

Sport4 ore ago

Genoa più vicino alla salvezza, 2-0 all’Udinese

A segno Retegui e Bani raddoppia Con una vittoria per 2 a 0 sull'Udinese, maturata negli ultimi minuti del primo...

Spettacolo5 ore ago

Berlinale 2024, l’Orso d’Oro va a Dahomey di...

Sebastian Stan e Emily Watson migliori interpreti Dahomey di Mati Diop vince l'Orso d'Oro per il miglior film alla 74esima...

Cronaca6 ore ago

SuperEnalotto, numeri combinazione vincente oggi 24 febbraio

Nessun 6 né 5+ Nessun '6' né '5+1' nell'estrazione del Superenalotto di oggi. Centrato un '5' da 210.526 euro. Il...

Cronaca7 ore ago

Scontri Pisa e Firenze, capo della Polizia Pisani:...

"Momenti di criticità non possono essere una giustificazione" Cariche e manganellate durante il corteo di Pisa e poi a Firenze....

Sport7 ore ago

Maldini e Pessina stendono la Salernitana, il Monza sogna...

I brianzoli salgono a quota 36 in classifica, mentre i granata restano fermi a 13 Seconda vittoria di fila e...

Politica8 ore ago

Tajani: “L’Europa ci chiama non possiamo...

In Europa si fidano di noi, ha detto Antonio Tajani, appena rieletto segretario nazionale di Forza Italia. Hanno bisogno di...

Esteri8 ore ago

Ucraina, G7: “Russia fermi subito guerra e paghi per...

"Inammissibili minacce di Mosca su uso armi nucleari" La guerra tra l'Ucraina e la Russia al centro del G7 di...

Cronaca8 ore ago

Migranti, Tommasi: “Si parla solo di numeri mai di...

Il sindaco di Verona ed ex centrocampista dell'As Roma e della nazionale a Crotone per la partita in memoria delle...

Politica8 ore ago

Forza Italia, standing ovation per Tajani eletto segretario...

Antonio Tajani eletto segretario nazionale di Forza Italia nella seconda e conclusiva giornata del congresso del partito a cui hanno...

Politica8 ore ago

Cariche su studenti a Pisa e Firenze, Fratelli...

Il segretario di Forza Italia, Antonio Tajani: "Responsabilità sono individuali, forze dell'ordine non si toccano: rischiano la vita per quattro...

Cronaca9 ore ago

Strage Cutro, sopravvissuti: “Governo tedesco faccia...

(dall'inviata Elvira Terranova) - "Chiediamo al Governo tedesco che ci permetta di ricongiungerci con i nostri parenti, in Germania e...

Cronaca9 ore ago

Strage Cutro, il dramma di un sopravvissuto: “Ho...

Wahid è venuto a Crotone per il primo anniversario del naufragio costato la vita a oltre 100 migranti A un...

Sport9 ore ago

Jasmine Paolini vince torneo Wta di Dubai, primo titolo...

La 28enne azzurra supera in finale in rimonta la 25enne russa Anna Kalinskaya Impresa di Jasmine Paolini che oggi trionfa...

Cronaca9 ore ago

Corteo per Palestina a Milano, sagome insanguinate di...

Colpito anche un supermercato Carrefour, vetrina in frantumi Il grido 'Palestina libera', 'stop al genocidio' ma anche le sagome del...

Economia10 ore ago

Bonus ristrutturazione 2024, come richiederlo

Detrazione Irpef attiva fino al prossimo 31 dicembre Bonus ristrutturazione, fino al prossimo 31 dicembre è attiva la detrazione Irpef...

Politica10 ore ago

Sardegna domani al voto

Urne aperte domani fino alle 22 Domani in Sardegna si vota per il rinnovo del Consiglio regionale. Più di 1,4...

Ultima ora10 ore ago

Ucraina, a Fazzolari l’onorificenza dell’Ordine...

Lo riferisce Palazzo Chigi "Nell'ambito delle celebrazioni del secondo anniversario dell'aggressione russa all'Ucraina, il sottosegretario Giovanbattista Fazzolari è stato decorato...