Connect with us

Coronavirus

Intervista esclusiva a Roberto Chevalier: «Sono una persona...

Published

on

Intervista esclusiva a Roberto Chevalier: «Sono una persona che ama la semplicità e la tranquillità»

Attivo sin da bambino nel cinema e soprattutto in televisione, Roberto Chevalier a 9 anni diede la voce a Lucky nel lungometraggio della Walt Disney La carica dei 101 e a 13 anni divenne noto al grande pubblico impersonando il giovane David Copperfield nell’omonimo sceneggiato televisivo della Rai. Presta la sua voce a molti attori internazionali, tra cui Tom Cruise, Tom Hanks, Andy García, Dennis Quaid, John Travolta, Kurt Russell e molti altri. Chevalier iniziò a doppiare Tom Cruise nel 1986, nel film film Top Gun. Dopo oltre 30 anni, nel 2021, arriverà nelle sale cinematografiche il sequel di Top Gun, dove Roberto ha diretto il doppiaggio. Chevalier è inoltre direttore del doppiaggio e dialoghista delle serie tv CSI: Scena del crimine, CSI: Miami e CSI: NY, partecipando come attore, alla terza e alla quarta stagione di Distretto di polizia. È stato direttore di doppiaggio di circa 100 film, tra i quali Moulin Rouge!, La cena dei cretini, Ma mère, L’apparenza inganna, Juno, Transamerica, Little Miss Sunshine, The Core, Blade e Il grande match. Nel luglio 2006 ha vinto il premio Leggio d’oro per la miglior interpretazione maschile dell’anno per il doppiaggio di Tom Hanks ne Il codice Da Vinci. Ma questo è solo un accenno della sua biografia: noi lo abbiamo incontrato e ci ha concesso una bellissima intervista, raccontandoci in esclusiva un po’ di se, della sua vita, dei suoi progetti e di molto altro…

A cura di Junior Cristarella e con la preziosa collaborazione di Sante Cossentino per Massmedia Comunicazione

Ciao Roberto e benvenuto su Sbircia la Notizia Magazine. Chi è Roberto Chevalier nella vita di tutti i giorni, fuori dalla sala di doppiaggio?
Beh, chi è Roberto Chevalier… Sono una persona normale, con valori importanti quali onestà, rispetto, famiglia… Amo l’attenzione ai dettagli e conduco una vita senza eccessi. Sono legato a questi valori e cerco di tenerli sempre presenti, perché sono le cose importanti della vita. Parlando di famiglia, l’amore per i figli per me viene prima di ogni altra cosa. Ma soprattutto, io sono una persona che ama la semplicità e la tranquillità, la serenità soprattutto.

Quali sono le differenze sostanziali tra doppiaggio e recitazione?
Il doppiaggio è fatto di recitazione, per quanto più sai recitare, tanto più è facile poi applicarlo con le tecniche del doppiaggio. Il doppiaggio richiede una discreta conoscenza delle tecniche del mestiere che sono quelle del sincrono, quelle delle regole di sala e di sapere usare la voce… Ma la recitazione è alla base di tutto e saper recitare ti permette di immedesimarti appunto nel personaggio/attore che segui sullo schermo, di cui devi dare una corretta reinterpretazione al pubblico italiano. Bisogna quindi saper innanzitutto recitare per entrare in empatia con l’attore sullo schermo e applicando le tecniche di doppiaggio, restituire un’interpretazione fedele all’originale.

Come hai scoperto la tua passione per il doppiaggio?
Non è che ho scoperto la passione per il doppiaggio: il doppiaggio è una specializzazione dell’essere attore che è venuta nel cammino artistico che ho intrapreso sin da bambino. Quindi come ho imparato a recitare, a stare sul palcoscenico, a dar vita a personaggi quando faccio l’attore, così ho imparato a fare il doppiatore e a migliorare studiando sempre, naturalmente, perché per migliorarsi bisogna sempre studiare. Andando avanti nella carriera ho scoperto nuove sfide, nuovi attori e nuove interpretazioni con le quali cimentarmi.

Sei ormai la voce ufficiale italiana di Tom Hanks e Tom Cruise, ma hai anche doppiato Andy García, Dennis Quaid, John Travolta ed altri volti ben noti. Hai mai incontrato qualcuno di loro?
Ho doppiato tantissimi attori ma ne ho incontrati pochissimi. Ho incontrato Greg Kinnear; John James, l’attore che ho doppiato in Dynasty ma soprattutto, il mio incontro fondamentale è stato con Tom Cruise. Ci siamo incontrati tantissime volte, lui è stato sempre molto carino con me: abbracci, strette di mano, chiacchierate… Il momento più lungo in cui ci siamo incontrati è stato nel 2000 a Taormina quando io ho preso il Nastro D’Argento per averlo doppiato in Magnolia, lo ha ricevuto nello stesso tempo anche lui alla carriera e insieme abbiamo presentato sul palcoscenico il primo Mission Impossibile. Poi siamo stati a chiacchierare per parecchio tempo… E’ una persona molto gradevole, alla mano, disponibile ed è un attore senz’altro in ascesa ancora ma che deve, secondo me, ritornare a film con le storie. Perché ha dimostrato di essere un grande attore e che desse spazio alla storie e non solo ai muscoli, anche pensando al futuro… perché non andiamo ringiovanendo (ride, ndr).

Ci racconti qualche aneddoto divertente successo in sala di doppiaggio?
Beh, aneddoti divertenti ce ne sono a decine, a centinaia… Potremmo starci le ore a parlarne. Aneddoti divertenti che riguardano ad esempio il doppiatore non molto “smart” oppure gli scherzi che si fanno in sala di doppiaggio che mi sono stati fatti e che talvolta faccio anche io ai colleghi (ride, ndr)… Ce ne sono una miriade, ma la cosa più importatane, secondo me, è che il nostro è un lavoro, si, ma che va fatto anche con leggerezza… Ti devi divertire quando lavori, quindi se ogni tanto riesci a spezzare l’atmosfera estremamente professionale con qualche battuta, con qualche scherzo, con qualche calembour, l’atmosfera si alleggerisce e quindi anche la fatica diventa minore e si affronta tutto con il sorriso sulle labbra.

Stai organizzando dei corsi di doppiaggio, come è nata questa idea? Parlaci un po’ di questa iniziativa…
I miei corsi di doppiaggio sono nati casualmente, nel senso che io ho imparato a fare appunto il doppiaggio perché c’erano grandi direttori, grandi registi che ti insegnavano la professione e fino a qualche anno fa c’era tempo per poter crescere i nuovi doppiatori, nel senso che tu vedevi un giovane di talento e allora cercavi di insegnargli il mestiere e di migliorarlo. Oggi, purtroppo, c’è sempre meno tempo in sala in quanto i programmi di doppiaggio sono sempre molto intensi, per contenere i costi per la fretta dei clienti, eccetera e quindi c’è poco tempo per poter formare le nuove leve. Questo è un mestiere che va anche tramandato e di conseguenza gli attori e doppiatori con i quali lavoro quando faccio il direttore mi hanno dato l’idea di insegnarlo: ed è così che è nato questo nuovo filone professionale. Ho il mio sito (www.robertochevalier.it) dove do indicazioni con una mail dedicata (lezioni@robertochevalier.it), dove appunto attingere informazioni per iscriversi ai vari corsi, che sono divisi in due categorie: uno per principianti e l’altro avanzato, che è dedicato a chi viene già da altre scuole di doppiaggio, oppure è già un attore o doppiatore professionista che vuole migliorarsi o un doppiatore alle prime armi che vuole approfondire. Ci sono quindi varie tipologie di possibilità di accedere, sempre previa audizione, svolgendo un colloquio conoscitivo e fornendo il proprio curriculum, non solo professionale ma soprattutto per i principianti anche un curriculum “di vita” perché aiuta a conoscere la persona che si ha di fronte. Ormai sono una decina di anni che insegno e lo faccio proprio come l’hanno insegnata a me, aborrisco i corsi on-line perché chi fa un corso on line millanta credito. Insomma, non si può insegnare il doppiaggio on-line e quindi nel mio piccolo cerco di fare quello che vorrei fosse fatto per tutti, cioè insegnare il doppiaggio, la recitazione applicata al doppiaggio, l’aderenza all’attore guida, nelle migliori condizioni possibili e con la maggiore professionalità possibile per tramandare questa tradizione italiana.

Anche i tuoi figli si sono appassionati a questo mestiere, come è successo?
I miei figli si sono appassionati forse all’inizio un po’ per imitazione: David era particolarmente bravo ma quando era bambino io l’ho un po’ fermato perché non volevo che gli fosse sottratta la vita da bambino come è successo a me. Poi ha ripreso dopo qualche anno e l’ho rifermato un’altra volta… A 18 anni ha espresso il desiderio di volerlo fare come professione e allora gli ho detto “ti faccio fare il militare, ti insegno io in maniera rigida e severa come si fa, dopo vedrai che sarà tutto in discesa” perché appunto nessuno meglio di un padre, con amore, dedizione e soprattutto con una certa severità, può darti i giusti insegnamenti. Crescere ed educare un figlio non vuol dire essere cattivi ma vuol dire insegnare certi principi che poi ti aiutano nella vita, quindi se con me superi certi ostacoli poi tutto il resto ti sembrerà, come dicevo, in discesa. Le bambine, Fiore ed Arlena, invece, si sono appassionate però poi Arlena ha perso un po’ la passione ed ha intrapreso altri studi, coltivando nuovi interessi: adesso ha 17 anni ed ha smesso da due o tre anni. Mentre invece Fiore che ne ha 13 continua, anche perché è una commediante nata nella vita e vedremo se anche a lei passerà la voglia oppure continuerà nella formazione. Comunque anche per loro due ho sempre limitato il tempo di lavorazione, perché non volevo che fossero sottratte sia alla scuola che alla vita di bambine.

Sei doppiatore ma anche attore: avevi solo 5 anni quando hai cominciato a recitare per il grande schermo. Adesso ti stai dedicando solo al doppiaggio o continui anche a lavorare come attore?
Continuo sempre la mia carriera professionale ma soprattutto come doppiatore. Ogni tanto faccio ancora qualcosa come attore ma molto poco perché, a parte che il doppiaggio mi assorbe molto ma anche perché ormai sono un po’ fuori da certi giri, da certi casting, da certe conoscenze dell’ambiente che aiutano molto a rimanere inseriti come attori.

Che impatto ha avuto il Coronavirus sul mondo del doppiaggio?
Il Coronavirus ha avuto un impatto devastante, come in tutto il settore artistico. Nel senso che sono diminuite le occasioni di lavoro e pur lavorando in sicurezza, le modalità di lavoro sono cambiate e si lavora dieci volte in meno rispetto a prima. Questo è un danno non solo per il settore del doppiaggio e per tutte le maestranze coinvolte ma anche per i teatri, per i cinema e per la televisione – è tutto un settore che coinvolge migliaia di persone che è in crisi profonda. Già era un po’ in crisi prima e adesso ne sta sprofondando, speriamo quindi che tutto questo finisca presto.

C’è qualche progetto in cantiere per il breve o lungo termine?
Ci sono molti progetti in corso. Ho diretto un film molto bello con Johnny Depp, dal titolo “Minamata” che non so quando e se uscirà al cinema. Ho doppiato Tom Hanks in un film bellissimo che si chiama “Notizie dal mondo“, che probabilmente finirà su Netflix. Ho diretto un altro film di un giovane autore italiano dal titolo “American Night” ma anche in questo caso non si sa se uscirà al cinema o andrà sulle piattaforme. Adesso sto dirigendo l’integrazione dei dialoghi di una serie molto bella “La fuggitiva” che il regista Carlo Carlei ha preparato e che dovrebbe andare in onda in televisione, spero presto. Con Carlei, per esempio, ho lavorato come attore sia nella serie “Padre Pio” con Sergio Castellitto che ne “Il confine” e ho diretto molti altri suoi doppiaggi televisivi e non. Poi siamo qui in attesa che passi questo maledetto virus per poter riprendere la nostra professione con il giusto valore che da alla cultura e all’intrattenimento, perché la gente ha bisogno anche di distrarsi e di vivere in maniera libera e diversa da questo momento che stiamo attraversando. Quindi viva il mondo dell’arte, viva la cultura e speriamo di riprenderci tutti quanto prima.

Per seguire Roberto Chevalier su Instagram, vi rimandiamo al suo profilo ufficiale.

© Sbircia la Notizia Magazine, è vietata qualsiasi ridistribuzione o riproduzione del contenuto di questa pagina, anche parziale, in qualunque forma.

Animato da un’indomabile passione per il giornalismo, Junior ha trasceso il semplice ruolo di giornalista per intraprendere l’avventura di fondare la sua propria testata, Sbircia la Notizia Magazine, nel 2020. Oltre ad essere l’editore, riveste anche il ruolo cruciale di direttore responsabile, incarnando una visione editoriale innovativa e guidando una squadra di talenti verso il vertice del giornalismo. La sua capacità di indirizzare il dibattito pubblico e di influenzare l’opinione è un testamento alla sua leadership e al suo acume nel campo dei media.

Coronavirus

Covid, forte legame tra smog e virus: lo studio

Published

on

Ricerca Enea-Università di Roma Tor Vergata

Covid, forte legame tra smog e virus: lo studio

Uno studio Enea - Università di Roma Tor Vergata ha evidenziato una forte affinità tra il particolato atmosferico (Pm2.5) e la proteina Spike del virus Sars-Cov-2 responsabile del Covid. I risultati, che descrivono l’interazione tra le polveri sottili e il virus attraverso simulazioni di dinamica molecolare eseguite con il supercalcolatore Cresco6, sono stati pubblicati sulla rivista online Science of The Total Environment e rientrano nell’ambito del progetto Pulvirus.

“Durante la fase iniziale della pandemia la Lombardia e, in generale, tutta l’area della Pianura Padana sono state colpite più duramente dall’infezione virale rispetto al resto del Paese. Parliamo di una parte d’Italia tra le più inquinate e questo ha portato la comunità scientifica a ipotizzare un possibile ruolo del particolato atmosferico nella diffusione del virus”, spiega Caterina Arcangeli, ricercatrice Enea del Laboratorio Salute e Ambiente e coautrice dello studio insieme ai colleghi Barbara Benassi, Massimo Santoro e Milena Stracquadanio e ai ricercatori del Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma Tor Vergata Alice Romeo, Federico Iacovelli e Mattia Falconi.

Lo studio è partito dalla verifica e dimostrazione della presenza del genoma del virus responsabile del Covid-19 su almeno il 50% dei campioni di filtri per il Pm2.5 raccolti nella città di Bologna nell’inverno del 2021. “A seguire abbiamo realizzato al computer modelli molecolari semplificati di Pm2.5 e di Sars-Cov-2 e abbiamo valutato la loro interazione mediante simulazioni ad alte prestazioni eseguite con il supercalcolatore Cresco6”, aggiunge Arcangeli.

Le simulazioni - spiega una nota - hanno mostrato chiaramente che i glicani (zuccheri) presenti sulla superficie della proteina Spike giocano un ruolo importante nell’interazione tra virus e particolato, mediando il contatto diretto con la corrispondente superficie del nucleo di carbonio del Pm2.5. Inoltre, dallo studio emerge anche una stretta correlazione tra Pm2.5 e virus anche rispetto alle caratteristiche chimiche del particolato fine, il cui contenuto in carbonio elementare sembra avere una funzione guida nell’interazione con il Sars-Cov-2.

“Sebbene l’affinità tra Pm2.5 e Sars-Cov-2 appaia plausibile, la simulazione non permette di valutare se queste interazioni siano sufficientemente stabili per trasportare il virus nell’atmosfera o se il virione mantenga la sua infettività dopo il trasporto. La possibilità che il virus possa essere ‘sequestrato’ dal Pm, con conseguente riduzione di infettività e diffusione, o inattivato da questa forte interazione con il particolato non può essere quindi esclusa”, prosegue la ricercatrice Enea.

La forza delle simulazioni al computer effettuate da questo studio risiede nella capacità di modellare diversi tipi di particolato, variando sia la concentrazione che la composizione chimica degli inquinanti atmosferici. Queste simulazioni possono, dunque, rappresentare uno strumento utile per valutare rapidamente l’eventuale interazione delle polveri sottili con virus, batteri o altri bersagli cellulari rilevanti. “Questa possibilità potrebbe dimostrarsi utile per contrastare o controllare la diffusione di future malattie trasmesse per via aerea in regioni altamente inquinate e fornire informazioni utili per elaborare piani di controllo dell'inquinamento dell’aria”, conclude Arcangeli.

Continue Reading

Coronavirus

Doug Pitt: l’uomo oltre il nome famoso

Published

on

Nel mondo delle celebrità, spesso i riflettori sono puntati su nomi familiari come Brad Pitt, ma dietro ogni grande figura c’è un intero universo di individui che contribuiscono in modo significativo al loro settore e alla società nel suo complesso. Uno di questi casi è quello di Doug Pitt, fratello minore dell’acclamato attore Brad Pitt. Ma Doug è molto di più di “il fratello di”. È un imprenditore di successo, un filantropo appassionato e una figura che merita sicuramente di essere conosciuta più a fondo. Personalità sfaccettata e di grande successo, ha un nome costruito grazie alle sue aziende votate alla tecnologia e alle numerose attività di filantropo nel corso degli anni.

Dal fratello di Brad Pitt all’individuo di successo

Nato il 2 novembre 1966 a Springfield, nel Missouri, Doug Pitt è soprattutto conosciuto perché condivide lo stesso sangue con l’attore hollywoodiano Brad Pitt. Spesso cresciuto all’ombra del più celebre fratello maggiore, Doug ha intrapreso una strada di successo contando sulle proprie capacità e i propri interessi. Dopo aver completato gli studi all’università della sua contea, infatti, ha iniziato una carriera tutta in salita nei settori immobiliare e finanziario, mostrando sin da subito il suo talento nel mondo degli affari. Risale all’aprile del 1991 la fondazione della sua prima azienda, la ServiceWorld Computer, occupata nella fornitura di servizi informatici. A soli 25 anni inizia così la scalata che lo porterà nel mirino del club dei milionari.

Nel 2007 decide di cedere il 75 per cento degli interessi dell’azienda a Miami Nations Enterprises rimanendone però il proprietario e principale partner operativo. Nel 2012 fonda quindi TSI Integrated Services in collaborazione con TSI Global. Nel 2013 Pitt e Miami Nations Enterprises decidono di fondere ServiceWorld con TSI Global. Nel 2017 Pitt ricompra la sua prima società di computer creando la nuova Pitt Development Group, società specializzata in sviluppi commerciali e territoriali. Con questa azienda si è proposto come leader indiscusso nel settore.

Imprenditore e Filantropo

Doug Pitt non è solamente un uomo d’affari di successo, ma un filantropo impegnato che usa i suoi mezzi a disposizione per intervenire in aree critiche del mondo. “Care to Learn”, di cui è il fondatore, è un’organizzazione benefica che fornisce risorse essenziali a bambini che vivono in contesti difficili. L’organizzazione si concentra su bisogni fondamentali come cibo, vestiti e attrezzature scolastiche, permettendo ai più giovani di crescere e imparare in un ambiente positivo e accogliente.

Doug è anche collaboratore di Waterboys.comWorldServe International e Africa 6000 International (a cui partecipa anche la sorella Julie), organizzazioni impegnate nella fornitura di acqua potabile nei paesi africani più in difficoltà, come Tanzania e Kenya. Nel 2010 l’allora presidente della Tanzania Jakaya Kikwete lo ha insignito del titolo di Ambasciatore di buona volontà per la Repubblica Unita di Tanzania. Con questo titolo opera in qualità di intermediario per tutte quelle aziende che vogliono contribuire alla rinascita economica e culturale del paese. Nel 2011 il presidente americano Bill Clinton lo ha premiato con l’Humanitarian Leadership Award.

Dietro le quinte dell’industria del vino

Oltre al suo coinvolgimento nel settore immobiliare e nell’ambito delle opere di beneficenza, Doug Pitt ha anche sviluppato una passione per il mondo del vino. È coinvolto nella gestione di “Pitt Vineyards”, un’azienda vinicola che produce vini di alta qualità. Questa dedizione per il vino riflette la sua grande curiosità e il suo interesse per settori imprenditoriali differenti.

Una vita riservata

La famiglia di primo piano non ha impedito a Doug Pitt di mantenere un profilo relativamente basso nel mondo dei media. Ha cercato, infatti, di proteggere la sua privacy e di concentrarsi sul suo lavoro e sulle sue passioni, piuttosto che sfruttare la sua connessione familiare per attirare l’attenzione dei riflettori. Nel 1990 ha sposato Lisa Pitt, conosciuta all’università, e insieme hanno tre figli: Landon, Sydney e Reagan.

Nonostante abbia sempre cercato di non farsi notare, in certe occasioni è apparso sui media presentandosi in modo scherzoso come il fratello del più celebre Brad. Ha girato diversi spot pubblicitari, come quello per Virgin Mobile Australia, e in alcuni ha vestito persino i panni del fratello, come nella pubblicità per Mother’s Brewing Company. In diverse interviste rilasciate (come quella all’emittente Nova FM) ha anche ammesso di essere scambiato per il fratello almeno 3 volte a settimana da sconosciuti che lo incontrano per strada. Questo perché i due fratelli oltre a condividere carriere di successo, hanno effettivamente un fisico e dei lineamenti molto simili.

L’eredità di Doug Pitt

La storia di Doug Pitt dimostra come dietro a ogni individuo ci siano esperienze, imprese e passioni diverse che meritano di essere riconosciute. Pur essendo spesso additato come “il fratello di Brad Pitt”, la sua dedizione per il mondo degli affari, il suo coinvolgimento nella beneficenza e la sua capacità di perseguire le sue passioni lo rendono un esempio di impegno e di successo. Il suo lavoro nel settore imprenditoriale e filantropico dimostra come sia possibile creare un’eredità significativa indipendentemente dal nome di famiglia e che ognuno ha il potenziale per influenzare positivamente sulla vita degli altri.

Continue Reading

Coronavirus

È finalmente nelle sale cinematografiche il film “Tic Toc”

Published

on

E continua anche il suo tour promozionale con vari appuntamenti.

Girato a Terni negli studios di Papigno, la commedia è stata diretta dal regista Davide Scovazzo mentre la produzione è stata affidata ad Anteprima Eventi Production e Management S.r.l. di Massimiliano Caroletti. Il film vanta un cast di eccezionali attori noti al pubblico tra cui Eva Henger, Maurizio Mattioli, Sergio Vastano, Fausto Leali, Donatella Pompadour, Valentino Marini, Paolo Pasquali alias Doctor Vintage, Cristiano Sabatini alias Bike Chef, Simone Bargiacchi alias Antonio Lo cascio, Samuel Comandini Alisa Zio_ Command, Fabio Stirlani alias Stirlo , Dimitri Tincano, Jennifer Caroletti, Antonella Scarpa alias Himorta, Vanessa Padovani alias Miss Mamma Sorriso, Chaimaa Cherbal, Claudia Letizia ,Elena Colombi , Paola Caruso, Luigi Iocca, Giuseppe Lisco, Rosy Campanale, Daniel Bellinchiodo, Francesco Aquila, Michela Motoc.

E proprio Eva Henger con Massimiliano Caroletti insieme alla figlia Jennifer, al suo debutto sul grande schermo, sono ospiti della prestigiosa kermesse cinematografica Ischia Global Fest, e incontreranno il pubblico prima della proiezione con Doctor Vintage, anche lui nel cast della pellicola, nella serata del 13 luglio.

Filo conduttore del film il rapporto con i social. Tic Toc è una commedia che intreccia tante vicende e scopre tante realtà partendo dalla storia di quattro intraprendenti scansafatiche che per guadagnare qualche soldo decidono di rapire Eva Henger. Un progetto che frana a causa del Covid e che innesca un susseguirsi di intoppi divertenti: “Un gruppo di Sinti, una sorta di gang Fedeli al triste, ma vero, gioco di parole “è tutto LORO quello che luccica”, i quattro passano giornate ad invidiare le superstar di oggi , ovvero gli, e soprattutto le, Influencers, attribuendo a ognuno e a ognuna di loro vite principesche, fatte di limousines, jet privati, champagne della migliore categoria, ville gigantesche e stuoli di servitori, tutto ciò che, nella loro miseria, è loro negato dalla vita, in una maniera che, dal loro punto di vista, reputano ingiusta ed immorale. Stufi di raccogliere le briciole di quello che loro credono essere solo un mondo dorato e pieno di privilegi, i quattro mascalzoni vengono a sapere che la star Eva Henger inaugurerà una Escape Room (cosa che loro non hanno idea di cosa sia) a Terni, per cui a Zagaja, ma ben presto condiviso dagli altri pur se con qualche perplessità soprattutto da parte di Bike Chef, viene la “brillante” idea: appostarsi poco prima dell’entrata della Escape Room e rapire la Diva, che per lui è anche il suo sogno erotico da sempre, in modo da chiedere il riscatto ai suoi numerosi sponsor”, ha spiegato l’ideatore Fabio Stirlani. La trama affronta in chiave drammatica argomenti comici che riflettono l’attualità.

Un film che segna il grande ritorno al cinema di Eva Henger che per l’occasione ha interpretato se stessa. Un ruolo cucito alla perfezione su di lei: “Ho interpretato me stessa. Pensavo fosse facile, invece è stato difficilissimo. Quando si interpreta la propria persona ci si rende conto di non conoscerla realmente. Ho dovuto metterci dell’ironia, verve e passione, anche perché sarà un film comico, che farà ridere molto”. Assieme a lei sul set la figlia Jennifer Caroletti interessata a seguire le orme della madre.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca1 ora ago

Milano, incendio in autofficina: 3 morti e e 3 feriti

Le fiamme sono state domate, i vigili del fuoco hanno evitato che si propagassero ai piani superiori dell'edificio Tre persone...

Spettacolo1 ora ago

Amadeus condurrà ‘La Corrida’ sul Nove in...

Lo storico format vedrà il debutto in prima serata del conduttore sulla rete di Warner Bros come rivela in esclusiva...

Spettacolo1 ora ago

Da domani rassegna su Alberto Sordi nella sua villa di Roma

In programma 9 film che si potranno vedere gratuitamente previa prenotazione obbligatoria Alberto Sordi non se n’è mai andato veramente,...

Cronaca2 ore ago

Il ‘Gran Prix Storico di Roma’ accende i motori...

L'evento fino a domani, sabato 15 giugno, ai marmi del Foro Italico nella Capitale Auto storiche e Made in Italy...

Economia2 ore ago

Imprese, De Margheriti (Grant Thornton): “Apertura...

In provincia di Vicenza il 58° evento di Industria Felix “Oggi imprenditori e manager di organizzazioni, per poter perseguire la...

Sport2 ore ago

Mille Miglia, quarto pomeriggio di gara da 335 chilometri

È stato il Controllo Orario di ripartenza da Solomeo a inaugurare il dodicesimo settore di gara. Una volta passata la...

Esteri2 ore ago

Europei 2024, tensione prima del calcio d’inizio:...

A far scattare l'allarme uno zaino sospetto. Resta chiusa zona allestita per i tifosi vicino al Reichstag Tensione a Berlino...

Economia2 ore ago

Gruppo Aspi a summit G7, nuove tecnologie per mobilità...

Il gruppo Aspi è stato scelto dal governo per rappresentare le eccellenze italiane durante questo importante evento Autostrade per l'Italia...

Cronaca2 ore ago

G7, corteo a Fasano: “Forum si costruiscono con...

(dall’inviata Assunta Cassiano) - Un corteo pacifico ha attraversato questo pomeriggio le strade di Fasano, organizzato dal Contro Forum G7...

Cronaca2 ore ago

Milano, 2 detenuti evasi dal Beccaria: hanno scavalcato le...

De Fazio (Uilpa: "Sono in corso le ricerche da parte della polizia penitenziaria e delle altre forze dell’ordine" Due detenuti...

Esteri3 ore ago

Kate, domani prima apparizione pubblica: “Sto meglio...

Il messaggio della principessa, che assisterà alla parata per il compleanno di re Carlo La principessa Kate sta facendo "buoni...

Spettacolo3 ore ago

Roma e vip, ecco chi ha scelto la Capitale come casa

Post Content

Cronaca3 ore ago

Truffa figli in Brasile, appello al governo:...

L'avvocato d'affari Nunzio Bevilacqua prosegue la sua battaglia contro l'attribuzione di paternità Assume i tratti di un intrigo internazionale la...

Cultura3 ore ago

Dalla pietra all’Ia, la storia delle armi in...

I due autori ripercorrono il lungo viaggio compiuto dalla storia delle armi dal paleolitico ai giorni nostri, dai primi utensili...

Economia3 ore ago

IA e cinema WMF, l’intelligenza artificiale nel cinema

Frisari (Fantomatica) :"Deciderà il pubblico, ma credo che si sceglieranno sempre storie umane, magari con immagini generate dall'intelligenza artificiale, ma...

Sport3 ore ago

Euro 2024, tifosi Scozia guidano contromano: grave...

Appena atterrati a Dusseldorf si sono messi in viaggio per Monaco Cinque tifosi della Scozia in ospedale in Germania dopo...

Cronaca3 ore ago

Violenza su donne, moda e istituzioni insieme con la...

La Polizia di Stato sceglie anche la strada della moda per dire no alla violenza di genere. Con la presentazione...

Spettacolo3 ore ago

Jonathan Safran Foer si trasferisce a Roma. Tutte le star...

Da Willem Dafoe ad Abel Ferrara passando per Matt Dillon ecco chi ha deciso di trasferirsi e perché "Mi trasferisco...

Spettacolo3 ore ago

Jonathan Safran Foer si trasferisce a Roma. Tutte le star...

Da Willem Dafoe ad Abel Ferrara passando per Matt Dillon ecco chi ha deciso di trasferirsi e perché "Mi trasferisco...

Lavoro3 ore ago

Aggregazione della spesa alla luce del nuovo codice degli...

Valorizzare l’esperienza decennale dei professionisti in una nuova ottica volta a supporto del sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti e...