Connect with us

Cronaca

Caso Orlandi, De Priamo: “Commissione per ora non...

Published

on

Caso Orlandi, De Priamo: “Commissione per ora non sentirà Agca. Pista Londra? Non sottovalutiamo nulla”

Il presidente della Commissione a due giorni dall'anniversario della scomparsa di Emanuela: "Al lavoro e indagini a 360 gradi"

Manifesti per Mirella Gregori ed Emanuela Orlandi - Fotogramma

Avanti con un'indagine "a 360 gradi". A due giorni dal 41esimo anniversario della scomparsa di Emanuela Orlandi, della quale si persero le tracce il 22 giugno 1983, il senatore Andrea De Priamo (FdI), presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulla scomparsa di Emanuela Orlandi e di Mirella Gregori, in un'intervista all'Adnkronos, fa il punto sui lavori della Commissione di inchiesta, entrati ormai nel vivo, anticipando che per ora non c'è l'intenzione di ascoltare Alì Agca, l'attentatore di Papa Giovani Paolo II che aveva chiesto di essere sentito, ma che si procederà con le audizioni di avvocati e magistrati, tra i quali Giancarlo Capaldo.

"Questa Commissione non può fare audizioni su richiesta, non siamo un programma di intrattenimento o un quiz televisivo - osserva De Priamo - Abbiamo preso atto di un video e alcune comunicazioni stampa di Agca che facevano riferimento a un'audizione della Commissione, non abbiamo ricevuto nessuna richiesta formale di audizione, tuttavia andando oltre le formalità, abbiamo scritto al suo presunto procuratore segnalandogli che prima di prendere in considerazione una eventuale audizione era per noi presupposto indispensabile una relazione che motivasse l'utilità di questa audizione”. “Ci è stata data una risposta- ha precisato - che non fornisce nulla di interessante per l'audizione quindi per il momento non abbiamo intenzione di sentirlo perché non ci sono stati dati i minimi presupposti per un'utilità di questa audizione". Oltre ad Agca, riferisce De Priamo, "abbiamo ricevuto mail da alcuni personaggi", ma verranno analizzate anche perché "questa vicenda ha prodotto innumerevoli di mitomani che si sono palesati per pubblicità". Inoltre, attraverso alcuni consulenti, l'avvocato Biscotti ha espresso la volontà di proporre documentazione, della quale ha parlato che in un'intervista, relativa a un dossier sulle sparizioni di altre ragazze in quel periodo: "Noi lo attendiamo perché è noto che in quegli anni c'è anche la pista delle molte sparizioni".

Le possibili audizioni: da Capaldo fino a Chaouqui

"Sentiremo magistrati ma anche avvocati delle parti che ci sono stati negli anni, proseguiremo con giornalisti e testimoni per noi importanti", continua De Priamo assicurando che "la Commissione non sarà soggetta a nessun tipo di pressione dall'esterno, la nostra volontà è audire tutti coloro che a vario titolo possono avere qualcosa da dire sulla vicenda". Tra le persone che saranno ascoltate ci sarà dunque, riferisce, anche l'ex magistrato Giancarlo "Capaldo" mentre "sul fronte vaticano sentiremo sicuramente padre Lombardi che, all'epoca, era addetto alla sala stampa vaticana e sicuramente altre persone in una interlocuzione rispettosa dei rapporti internazionali". Quanto a Francesca Immacolata Chaouqui, riguardo alla quale il fratello di Emanuela Pietro Orlandi ha consegnato delle chat, De Priamo precisa: "Su questo la Commissione non si è ancora pronunciata ma personalmente penso sarà inevitabile sentire anche lei quando sarà il momento opportuno". Inoltre potrebbero essere audite anche "persone che collaboravano con Gangi (l'ex agente segreto che si occupò del caso) e che sono in vita. Certamente ci sono anche dinamiche da chiarire sulla figura di Gangi, sul modo in cui è entrato in scena".

"La Commissione ha avviato un'attività molto intensa. Abbiamo cercato di creare il più possibile un clima di collaborazione istituzionale all'interno della Commissione anche in un momento politicamente abbastanza agitato nei rapporti tra maggioranza e opposizione. Quello che ho chiesto a tutti i commissari, fino ad oggi ricevendo un comportamento che va in questa direzione, è di costruire un quadro di massima unità perlomeno nell'indirizzo della Commissione, nel metodo di lavoro e nella condivisione delle scelte", sottolinea il senatore. "Dopo 41 anni da una vicenda annosa, che come è noto ha ricevuto una serie di omissioni, piste sbagliate, piste che hanno intossicato tutte le indagini svolte, sarebbe sbagliatissimo che la Commissione iniziasse a dividersi sulla ricerca di una verità piuttosto che un'altra - aggiunge - Credo si debba avere un metodo di indagine a 360 gradi. Ciò comporta un lavoro complesso perché ci sono migliaia e migliaia di pagine di atti da studiare e vedere ma a mio avviso una scelta diversa, prendere da subito un indirizzo preciso rispetto alle varie ipotesi, significherebbe ripetere gli errori fatti in passato e non porterebbe nulla di nuovo".

La pista di Londra

Riguardo alla pista inglese, salita alla ribalta nuovamente nelle scorse settimane, e ai contatti tra Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, e un presunto ex Nar, De Priamo osserva: "Sono oggetto di una parte secretata dell'audizione quindi, per motivi di tutela dell'indagine, non posso entrare nei dettagli. Sicuramente non sottovalutiamo nulla, ma allo stesso tempo dobbiamo impegnarci tutti per lavorare su tesi che abbiano fondamenti adeguati e non siano facilmente smontabili".

Gli atti acquisiti

La Commissione è al lavoro su una serie di atti e documenti richiesti. "Rileviamo con grande piacere che dalla procura di Roma c'è stata grande correttezza nel far pervenire subito la documentazione sui fascicoli dei procedimenti precedenti", ha spiegato. Tra il materiale acquisito dal ministero degli Affari Esteri, inoltre, è emersa una "corrispondenza diplomatica" e dall'analisi della documentazione "che abbiamo cominciato a reperire, emerge un'ampia collaborazione, diversamente da quanto spesso è stato riportato, tra Stato italiano e Santa Sede", riferisce De Priamo. "Dai primi esami, per quanto mi riguarda, smentisce anche alcune ricostruzioni di un Vaticano reticente o indifferente rispetto a questa vicenda, ma al contrario mostra un quadro molto diverso - precisa De Priamo - Una forte preoccupazione e una volontà di collaborazione per risolvere il caso". La corrispondenza, riferisce De Priamo, si riferisce soprattutto alla "fase iniziale, tra luglio e agosto dell'83".

Il caso Mirella Gregori

"Sono soddisfatto di aver onorato, in questa prima fase, l'impegno che avevamo preso di dare pari dignità alle due vicende Orlandi e Gregori. Non sarebbe per me ammissibile lasciare la vicenda di Mirella come un'appendice di quella di Emanuela e abbiamo iniziato in questo modo. Abbiamo audito, oltre alla sorella, il marito, l'amica Sonia De Vito, e proseguiremo anche con altre persone della cerchia di amicizie, gli avvocati e le parti processuali. E' un impegno morale verso Mirella che ognuno di noi vuole mantenere", osserva ancora De Priamo.

"E' prematuro dire se i casi di Emanuela e Mirella siano collegati, ma la prima impressione è che il collegamento possa essere stato successivo e non all'origine delle due vicende, ma si tratta di impressioni che dovranno essere suffragate da tante indagini - aggiunge - Cerchiamo la verità sulle due vicende con umiltà perché in 41 anni ci si sono dedicati inquirenti di altissimo livello e non sono riusciti ad arrivare a un risultato". “Dobbiamo cercare la verità ma prima ancora scoprire perché non si è raggiunta la verità e come si sono intossicate entrambe le indagini, quella di Emanuela più dell'altra - conclude - Magari in questo modo potremo dare un contributo eliminando dei rami secchi".

"La sensazione, rispetto a quando ero meno addentro alla vicenda, che oggi posso avere, è quella che sia Mirella sia Emanuela possano essere state tratte in inganno da qualcuno di cui si fidavano nella loro scomparsa perché in entrambi i casi difficilmente sarebbero potute essere prelevate con la forza passando inosservate", sottolinea De Priamo. "Per tutto il resto abbiamo lunghe indagini da compiere - ricorda - Nell'oggetto della legge e delle nostre indagini c'è anche inquadrare tutto il contesto che ha determinato l'allontanamento dalla verità: possono essere subentrati elementi di carattere geopolitico rispetto ai rapporti tra Stato e Vaticano o alle grandi vicende di quel periodo storico, la caduta del muro di Berlino, i rapporti tra Est e Ovest. Abbiamo anche questo impegno di contestualizzazione". "Inoltre va segnalato che l'istruttoria parlamentare cade in un periodo in cui sono aperte due inchieste, quella di Roma e quella del Vaticano, ed è precisa volontà mia e della Commissione evitare qualsiasi forma di incomprensione e di contrapposizione", prosegue.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Cronaca

Caldo estremo sull’Italia, oggi bollino rosso in 12...

Published

on

Domani i capoluoghi monitorati dal ministero e interessati dal super caldo diventeranno 13

Super caldo e turisti a Roma - Afp

Ancora una giornata rovente sull'Italia, colpita da Nord a Sud dall'ondata di super caldo. Oggi, martedì 16 luglio, l'allerta è massima in 12 città contrassegnate dal bollino rosso (livello 3, il massimo) nel bollettino sulle ondate di calore del ministero della Salute.

Dei 27 capoluoghi monitorati dal ministero, oggi sono ancora da bollino rosso Ancona, Bologna, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Perugia, Pescara, Rieti, Roma, Trieste e Viterbo. All'elenco, per la giornata di domani mercoledì 17 luglio, si aggiungerà. Domani sarà anche il giorno più caldo di questa prima metà di settimana.

Il livello 3 di allerta, ricorda il ministero della Salute, indica "condizioni di emergenza (ondata di calore) con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive, e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche". Queste fasce, più fragili, sono invece quelle interessate dal livello di allerta 2, il bollino arancione, che contrassegna Palermo oggi insieme a Torino e Bolzano.

Con il super caldo 25% pazienti in più al pronto soccorso

Aumenta intanto l'afflusso nei pronto soccorso per malori provocati dal caldo. "Rispetto al normale siamo almeno sul 20-25% di pazienti in più". A causa di colpi di calore, disidratazione, collassi cardiocircolatori soprattutto "per pazienti anziani e pluri patologici". A tracciare il quadro, in questi giorni di temperature elevate, Pierino Di Silverio, segretario nazionale del sindacato dei medici ospedalieri Anaao Assomed.

"Ogni anno il caldo provoca un aumento degli accessi in pronto soccorso, non è una novità. Quindi noi, come sempre, oltre a dare i consigli e le linee guida per proteggersi - come bere, evitare di uscire nelle ore calde e tutto quanto il resto - auspichiamo sempre che venga elaborato un piano per le emergenze a livello ministeriale, attraverso il quale si dovrebbe potenziare il personale nei pronto soccorsi, dove la richiesta 'esplode'".

Allo stesso modo "andrebbe rafforzata la medicina territoriale, organizzando punti di primo soccorso, presidi territoriali in grado di dare risposta immediata e fare da filtro per i pronto soccorso. Purtroppo anche sul territorio la carenza di medici è drammatica".

Continue Reading

Cronaca

Etna, il vulcano oggi è attivo: cenere da cratere Voragine

Published

on

Si lavora per capire dove si dirigerà la nube

L'Etna

L'Etna attivo oggi, lunedì 15 luglio 2024. L'Osservatorio dell'Ingv di Catania ha segnalato una attività stromboliana dal cratere Voragine dell'Etna. Si registra inoltre una blanda emissione di cenere dal cratere di Nord-Est e dallo stesso cratere Voragine che si disperde velocemente al di sopra dei crateri sommitali. Il modello previsionale della dispersione dell'eventuale nube eruttiva indica una direzione sud-sud-est.

Continue Reading

Cronaca

Ragno violino, boom di chiamate al centro antiveleni: ecco...

Published

on

Dopo la morte del carabiniere a Palermo si riaccendono i riflettori sull'aracnide presente in Italia, ma l'esperto rassicura: "Non allarmarsi, tutto passerà in pochi giorni"

Ragno violino - Wikipedia /CCbySa/Luis Fernandez Garcia

Paura del ragno violino? "I ragni nostrani non hanno una tossicità elevata. Ne abbiamo due o tre che possono fare del male in Italia, ma non sono ragni mortali o potenti come i ragni americani, australiani, africani". Il consiglio è dunque di "non allarmarsi" per il ragno violino perché "non è un'urgenza medica". Il suo morso può essere letale? "A noi non risulta, in medicina e in letteratura scientifica, così come nella nostra casistica, un morto da morso di ragno violino. Fra le richieste di consulenze ricevute dal nostro centro ne abbiamo un centinaio all'anno che risultano essere per morsi accertati da questo ragno". In rari casi si rilevano problematiche "e tutti comunque guariscono". A spiegarlo all'Adnkronos Salute è Carlo Locatelli, direttore del Centro Antiveleni e Tossicologia Maugeri (Pavia), struttura che viaggia al ritmo di 105mila consulenze l'anno di cui oltre l'80% per ospedali del Ssn.

I riflettori sull'aracnide "normalmente presente in Italia, anche nelle nostre case", si sono riaccesi perché se n'è parlato in relazione alla morte di un carabiniere 52enne a Palermo. E negli ultimi due giorni, dopo che la notizia è finita alla ribalta delle cronache, c'è stato un boom di chiamate al Centro dettate da timori e paure per il ragno violino, riferisce Locatelli. "Abbiamo avuto un notevole aumento di richieste - dice l'esperto - ci hanno chiamato diverse persone spaventate. Chi era di guardia ieri, ha ricevuto una quarantina o una cinquantina di richieste di consulenza di questo tipo. Le domande più frequenti: se io avessi un morso di ragno violino, se avessi il ragno violino in casa, e così via. La risposta è: il ragno violino in casa ce l'abbiamo un po' tutti e se ne sta per i fatti suoi. Non attacca l'uomo e se dovesse mordere perché involontariamente disturbato e sulla parte colpita non si vede niente, il tutto passerà nell'arco di pochi giorni". Se dovesse evolvere in una lesione un po' più significativa "si applica una crema antibiotica" e si valuta un'eventuale terapia antibiotica anche per via orale, come riporta una scheda disponibile sul portale del centro antiveleni pavese. "Se diventa una lesione necrotica occorre richiamare e si verrà valutati e trattati a seconda del caso", spiega Locatelli.

Quando una persona viene morsa da un ragno violino cosa dovrebbe dunque fare? "Non allarmarsi - ripete Locatelli - Se il ragno violino è stato visto e preso o fotografato, noi del Centro antiveleni lo mandiamo dall'aracnologo per il riconoscimento. Se c'è solo un piccolo segno rosso si mette un po' di crema, e si può stare a casa" e monitorare da sé finché non passa. "Se viene fuori un'area più scura, rossastra, che fa la crosta, allora la vediamo e interveniamo, ma succede in una minoranza di casi", assicura Locatelli. Nel focus pubblicato online si precisa che l'evoluzione da semplice morso a lesione necrotica è molto rara e solo meno dell'1% di questi casi evolve ulteriormente comportando sintomi simil-influenzali, febbricola, dolori articolari.

Continue Reading

Ultime notizie

Spettacolo50 minuti ago

Shannen Doherty, addio a Brenda star di Beverly Hills 90210...

Una battaglia durata 9 lunghi anni, il mondo dello spettacolo dice addio all’attrice Shannen Doherty ‘icona’ degli anni ’90 diventata...

Tecnologia56 minuti ago

Degrii Zima Pro (2024): il robot da piscina che stravolge...

Il robot da piscina wireless di alta gamma protagonista del Prime Day di Amazon Il Degrii Zima Pro (2024) si...

Cronaca8 ore ago

Caldo estremo sull’Italia, oggi bollino rosso in 12...

Domani i capoluoghi monitorati dal ministero e interessati dal super caldo diventeranno 13 Ancora una giornata rovente sull'Italia, colpita da...

Politica8 ore ago

Von der Leyen cerca i voti di Meloni, oggi il confronto con...

La presidente uscente della Commissione europea a caccia dei voti necessari per iniziare il suo secondo mandato, cosa dice Fratelli...

Tecnologia9 ore ago

EA Sports FC 25, Buffon sulla copertina della Ultimate...

Insieme con lo storico portiere della nazionale, sulla cover ci saranno anche Gianluigi Buffon, Aitana Bonmati, Jude Bellingham, Zinedine Zidane...

Tecnologia9 ore ago

Jensen Huang e Mark Zuckerberg discuteranno il futuro della...

I leader di Nvidia e Meta, insieme sul palco, parleranno del futuro dell'IA e delle simulazioni grafiche alla 50ª edizione...

Esteri10 ore ago

Trump sceglie Vance, il senatore contro gli aiuti...

"Kiev non può vincere la guerra con la Russia, bisogna trattare con Putin" Donald Trump sceglie il senatore JD Vance...

Esteri10 ore ago

Biden attacca: “Trump e Vance vogliono aumentare...

Il post su X del presidente Usa dopo l'annuncio del tycoon sulla scelta del suo vice. Kamala Harris e il...

Tecnologia10 ore ago

AI GIRLS: il futuro inclusivo delle STEAM grazie alla...

Un percorso formativo rivoluzionario promosso da IGT e Codemotion per avvicinare le studentesse italiane al mondo STEAM Il programma AI...

Cronaca10 ore ago

Etna, il vulcano oggi è attivo: cenere da cratere Voragine

Si lavora per capire dove si dirigerà la nube L'Etna attivo oggi, lunedì 15 luglio 2024. L'Osservatorio dell'Ingv di Catania...

Salute e Benessere11 ore ago

Bimbi capaci di capire gli altri già a 3 anni, tutto merito...

La ricerca italiana pubblicata sulla rivista scientifica 'Pnas' Già a 3 anni i bambini sono capaci di capire gli altri,...

Tecnologia11 ore ago

Vtex e Pinterest rivoluzionano il social commerce

La partnership ha come obiettivo espandere le opportunità per i brand globali, migliorando connessioni e conversioni Vtex (NYSE: VTEX), la...

Esteri11 ore ago

Trump, l’attentato e le teorie del complotto

Le 'accuse' dei liberal, tra il sangue finto e la foto 'taroccata' Da sabato impazzano sui social le più svariate...

Cronaca11 ore ago

Ragno violino, boom di chiamate al centro antiveleni: ecco...

Dopo la morte del carabiniere a Palermo si riaccendono i riflettori sull'aracnide presente in Italia, ma l'esperto rassicura: "Non allarmarsi,...

Ultima ora11 ore ago

Cade in un crepaccio su Pale di San Martino, morta...

La vittima è una donna americana scivolata a valle, precipitata successivamente in un crepaccio per circa 25 metri Un'escursionista americana...

Demografica11 ore ago

Cuneo, coppia gay respinta da un B&B. Ancora troppe...

Una coppia gay è stata respinta da un B&B di Busca, in provincia di Cuneo, a causa del proprio orientamento...

Spettacolo12 ore ago

Nicolas Cage non sarà al Taormina Film Festival:...

L'attore avrebbe dovuto presenziare alla prima del film di cui è protagonista, 'The Surfer', il prossimo 17 luglio Nicolas Cage...

Esteri12 ore ago

Trump incoronato dalla convention, Vance sarà il candidato...

A Milwaukee ufficializzata la nomination dell'ex presidente. Il senatore dell'Ohio preferito a Rubio e Burgum Donald Trump, 'incoronato' candidato alla...

Ultima ora12 ore ago

Trump e la scelta del vice, tre candidati per la rosa...

A Milwaukee ufficializzata la nomination dell'ex presidente. Il senatore dell'Ohio preferito a Rubio e Burgum Donald Trump, 'incoronato' candidato alla...

Ultima ora12 ore ago

De Kerckhove: “Trump se l’è un po’...

Il sociologo e massmediologo: "E' vivo per miracolo, ma il vero miracolo è se imparasse" "Donald Trump, in quanto guerrafondaio...