Connect with us

Salute e Benessere

Il punto su Dengue, Vaia: “Tra i primi in Ue a varare...

Published

on

Il punto su Dengue, Vaia: “Tra i primi in Ue a varare misure, ad oggi la zanzara Aedes aegypti in Italia non c’è”

Il bilancio del lavoro fatto in questi mesi sulla prevenzione contro la malattia infettiva. "Viaggi sicuri in Italia grazie al contributo delle compagnie aeree e navali"

Francesco Vaia

La Dengue "non deve destare allarme" e la zanzara vettore, l'Aedes aegypti, "non è - ad oggi - presente in Italia, grazie a questo grande lavoro che abbiamo messo in campo come ministero e di cui siamo orgogliosi. Siamo tra i primi paesi in Europa ad aver varato le azioni necessarie di prevenzione anti-Dengue, che così come dice il nostro ministro, la prevenzione è centrale nell'azione di questo dicastero. E noi concretamente lo stiamo facendo". Così' all'Adnkronos Salute il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Francesco Vaia. Oggi i nuovi dati dell'Iss sui casi di Dengue in Italia, 259 contagi confermati dall'inizio dell'anno ad oggi e tutti importati. "Noi vogliamo che l'Aedes aegypti non attecchisca in Italia e che la Dengue non determini quello che ha determinato in altri paesi, tanti casi e decessi", chiarisce Vaia.

"Tutto ciò che accade nel mondo ci riguarda. Soprattutto in un mondo globalizzato, i 7 mln e mezzo di casi di Dengue e gli oltre 3mila morti - prevalentemente in America Latina - non potevano non determinare delle azioni da parte del ministero della Salute - osserva Vaia - Quindi tra i primi in Europa e nel mondo, e infatti l'Oms Europa ci ha chiesto di intervistarci per capire cosa abbiamo fatto e i nostri dati, abbiamo disposto 3 circolari tra febbraio e marzo. I provvedimenti disponevano alcune misure per le Usmaf, che sono le nostre unità territoriali di sanità transfrontaliera che operano prevalentemente nei porti degli aeroporti, per le regioni e per i comuni, perché venissero messe in campo una serie di azioni intese innanzitutto alla sorveglianza. Quindi - prosegue - a verificare che gli operatori aeroportuali e portuali mettessero in campo le azioni di disinfestazione per evitare che la 'Aedes aegypti', la zanzara vettore del virus della Dengue non attecchisca in Italia".

"Ricordiamo che in Italia c'è invece la cosiddetta zanzara tigre, ovvero 'Aedes albopictus', che però potrebbe essere anche responsabile della malattia perché la trasmissione non è uomo-uomo, ma è animale- zanzara-uomo e poi zanzara-uomo. Quindi, è sempre la zanzara che trasmette il virus, non l'uomo. Se la zanzara 'italiana', in questo caso la zanzara tigre, punge un uomo che invece ha la dengue, è evidente che quella zanzara, se poi punge una altra persona, trasmette il virus", ricorda Vaia.

"Il nostro tema è fare in modo che le zanzare, soprattutto nel periodo pre-estivo ed estivo, non colpiscano l'uomo. C'è bisogno di azioni di buonsenso da parte dell'individuo che ribadiamo: utilizzare i repellenti, evitare che ci siano accumuli di acqua stagnante, se vai negli orti o nei giardini, ti copr i. Oltre a queste - ricorda il direttore Vaia - c'è bisogno di azioni di sistema e quindi le regioni devono fare anche formazione e informazione rispetto a questo tema. I comuni, poi a cui rinnovo un appello perché mettano in campo azioni di bonifica, di sfalcio dell'erba, affinché i giardini vengano resi fruibili ai cittadini e non ci siano accumuli di acqua stagnante".

"Oggi la visione deve essere di 'One Health', e la Dengue è una tipica malattia che non può non essere ascritta ad una visione di 'sanità unitaria', in cui c'entra molto l'ambiente e la sanità animale. E quindi di cosa c'è bisogno? - avverte il direttore - I nostri operatori devono controllare che siano svolte sulle navi e sugli aerei le azioni di disinfestazione, o disinsettazione, e loro ci devono consegnare un certificato di disinsettazione residua. Nel caso che le compagnie aeree che operano in Italia non diano la prova di aver effettuato la disinfestazione, o meglio la disinsettazione, noi - attraverso gli operatori - le disponiamo. E a mesi di distanza - osserva Vaia - mi sembra che questa azione ha ottenuto dei risultati, perché se è vero che c'è tendenzialmente un aumento dei casi d'importazione di Dengue, anche perché ci avviamo ovviamente alla stagione in cui la zanzara è molto presente, la cosa importante - conclude - è che nessun caso è autoctono e nessun ha dato una malattia severa".

"Faccio un invito alle compagnie aeree e ai vettori aeroportuali affinché non prendano come vessatorie le misure anti-Dengue messe in campo dal ministero della Salute. Io ho incontrato e sto incontrando le compagnie e sto spiegando bene il senso di queste misure e di queste azioni - avverte Vaia - Capisco che possano creare indubbiamente anche qualche lavoro in più ma è teso al raggiungimento di un bene comune, al quale tutti dobbiamo tenere, cioè quella della tutela della salute pubblica. Oggi in Italia si viaggia in modo sicuro grazie proprio al contributo delle compagnie aeree e navali".

"Quindi, ci saranno dei piccoli fastidi o qualche incombenza in più, ma l'obiettivo è il grande risultato al quale tutti quanti dobbiamo essere legati. Ricordo, che durante la pandemia Covid l'aeroporto di Fiumicino è diventato lo scalo più sicuro d'Europa grazie alle misure che all'epoca mettemmo in campo e che Spallanzani suggerimmo. Tutto il sistema deve unirsi per rilanciare un messaggio di sicurezza a chi viaggia e viene in Italia attraverso gli aerei e le navi", rimarca il direttore.

"Noi ci muoviamo in questa direzione e vogliamo continuare a farlo perché la prevenzione sia effettivamente attrice possibile del cambiamento - auspicabile in Italia - di paradigma: mai più lutti nel nostro Paese. Noi siamo pronti", conclude.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Salute e Benessere

Tumori, Carrafiello (Sirm): “Radiologia...

Published

on

Al congresso dei radiologi: "Terapie molto mirate migliorano anche chemio e immunoterapie"

Gianpaolo Carrafiello, presidente del 51esimo Congresso nazionale Sirm

"Fino a qualche anno fa avevamo tre grandi pilastri per il trattamento del cancro: la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia. Oggi c'è anche la radiologia interventistica che ha a disposizioni tanti sistemi di ablazione, cioè delle apparecchiature che si consentono", come dice il termine, "di ablare il tumore, cioè di bruciarlo sia utilizzando il caldo delle microonde, che il freddo con la crioablazione, ma abbiamo anche dei trattamenti ablativi non termici che hanno appunto il vantaggio di distruggere solo le cellule tumorali e non tutto quello che c'è intorno. Sono terapie molto mirate, molto focalizzate, che sicuramente evitano complicanze maggiori e ci consentono di ottenere dei risultati che oggi in molti ambiti sono sovrapponibili alla chirurgia stessa. Mi riferisco, in particolare, ai trattamenti dei tumori epatici, del polmone, dei tumori del rene e di quelli del pancreas". Così Gianpaolo Carrafiello, presidente del 51esimo Congresso nazionale Sirm, Società italiana di radiologia medica e interventistica, partecipando questa mattina a un incontro con la stampa sulle novità della radiologia in ambito oncologico, nel contesto del congresso Sirm, al MiCo di Milano.

"Oggi le nostre terapie non vanno viste solo come isolate, ma all'interno di un percorso del paziente oncologico, all'interno di una valutazione multidisciplinare - sottolinea Carrafiello - Le nostre terapie, inoltre, consentono anche di dare un boost", un aiuto, anche "alla chemioterapia". Questi trattamenti, quindi, "non solo hanno un'azione lesiva nei confronti della cellula tumorale - conclude - ma favoriscono anche una migliore azione della chemioterapia e, in particolar modo, dell'immunoterapia".

Continue Reading

Salute e Benessere

Tumori, Giovagnoni (Sirm): “Diagnosi oncologica...

Published

on

A congresso congiunto area radiologica, con intelligenza artificiale generativa in 3 minuti immagini che ne richiedevano 30'

Andrea Giovagnoni, presidente Sirm,

Diagnosi sicure veloci ed accurate. Oggi la diagnostica per immagini è al centro della stragrande maggioranza dei percorsi diagnostici e terapeutici, con risultati importanti soprattutto in oncologia. "Le nuove tecnologie hanno aperto la strada a una nuova tecnica di elaborazione che si chiama radiomica, cioè quella appunto di elaborare dei nuovi criteri diagnostici proprio dal dato numerico. Queste tecniche si applicano a tutta la parte oncologica, cioè quando il tessuto, da normale, passa e diventa patologico. Queste tecniche riescono, con la texture analysis, cioè l'analisi del tessuto, a individuare" minime alterazioni in fase precocissima, che sfuggirebbero all'occhio umano. "Questo è possibile solo attraverso un'analisi computerizzata del dato numerico: solo questo può portare all'individuazione di minime alterazioni del tessuto normale che sarebbero assolutamente invisibili all'occhio umano che può distinguere fino a 20 scale di grigio". Lo ha detto Andrea Giovagnoni, presidente Sirm, Società italiana di radiologia medica e interventistica, intervenendo questa mattina a Milano nella terza giornata del 51esimo Congresso nazionale della Sirm, che riunisce fino a domani, domenica 23 giugno, per la prima volta, le tre società scientifiche dell'area radiologica: medici radiologi (Sirm), medici nucleari (Ainm) e radioterapisti (Airo).

Le nuove tecnologie stanno pervadendo l'attività del radiologo. "La quasi totalità delle Tac presenti - spiega Giovagnoni - possono fare diagnosi arrivando alla biopsia liquida, cioè senza prelevare il tessuto, ma solo analizzando i dati. In particolare, l'intelligenza artificiale generativa, cioè in grado di proporre immagini evocative di quello che potrebbe esserci" in base all'altissimo numero di dati acquisiti, "può trasformare una immagine Tac anche in una immagine ecografica, e definire quindi anche la migliore tecnologia da impiegare in base alle patologie. Ci sono risonanze che, sull'informazione acquisita in 3 minuti - conclude Giovagnoni - genera immagini che prima richiedevano 30 minuti. Questo è possibile proprio grazie alla quantità di dati che il sistema ha a disposizione e che continua ad accumulare. Questo significa che anche i tempi di gestione del paziente si riducono a livello tecnologico, ma questo è a vantaggio di un migliore rapporto con lui da parte del medico".

Continue Reading

Salute e Benessere

Tumori, Gandolfo (Sirm): “Imaging radiologico...

Published

on

"Ha un ruolo preventivo nelle neoplasie della mammella e del polmone"

Nicoletta Gandolfo, presidente eletto Sirm

"Il radiologo ha sempre avuto un ruolo fondamentale in tutto quello che è l'imaging oncologico e, in alcuni settori, ha addirittura un ruolo preventivo. La tecnologia che supporta l'imaging diagnostico è di fondamentale importanza per uno degli screening oncologici principali come quello della mammella" e, ultimamente, "anche per il tumore al polmone". Lo ha detto Nicoletta Gandolfo, presidente eletto Sirm, Società italiana di radiologia medica e interventistica, all'Adnkronos, intervenendo questa mattina a Milano in un incontro con la stampa all'interno del 51esimo Congresso nazionale dell'area radiologica.

"Come sappiamo - continua Gandolfo - una diagnosi precoce attraverso programmi di screening organizzati riduce la mortalità di quello che è il tumore più importante nella donna. I programmi di screening organizzati come la mammografia, che è un'indagine tradizionale, si sono evoluti passando dall'analogico al digitale" e oggi queste a tecnologie si sono "affiancate la tomosintesi e la mammografia con mezzo di contrasto. Oggi il radiologo ha un ruolo fondamentale anche nello screening del polmone, una neoplasia che è uno dei big killer sia per l'uomo che per la donna - aggiunge la specialista - L'Unione europea ha attenzionato questa importante problematica e, per lo screening del tumore polmonare, è partito lo studio Risp", Rete italiana screening polmonare, indirizzato "ai soggetti a rischio, come i grandi fumatori o ex fumatori. Il progetto Risp impiega una Tc a bassa dose e, rispetto alla radiografia tradizionale, riesce a individuare le lesioni" significative prima della comparsa dei sintomi. Inoltre, "riducendo la dose" delle radiazioni, "non si espongono troppo i pazienti asintomatici, ma a rischio”.

"Metodiche come la Tc - sottolinea Gandolfo - hanno un ruolo fondamentale anche nella stadiazione dei tumori in tutto l'ambito corporeo, dall'encefalo alla pelvi, e permettono" non solo "una diagnosi precoce", ma anche il "follow-up che misura la risposta alla terapia, cioè se c'è una ripresa oppure una risposta adeguata alle chemioterapie o alle terapie cosiddette neoadiuvanti, che vengono fatte nei casi di neoplasia localmente avanzata". Inoltre, “sicuramente, oggi la radiologia è un pilastro fondamentale nell'equipe multidisciplinare - conclude - specie se consideriamo la radiologia interventistica che, nel tumor board, è il quarto pilastro di riferimento, insieme all'oncologo, al chirurgo e al radioterapista".

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca3 ore ago

Dopo il caldo il maltempo, è allerta gialla in 8 regioni

Rovesci e temporali al Centro-Nord per una perturbazione che porta un deciso calo delle temperature Peggiorano oggi, domenica 23 giugno,...

Cronaca4 ore ago

Roma, 51enne accoltellato in strada a Pietralata: è grave

A chiamare i soccorsi è stato un passante che, intorno alle 19, ha notato l’uomo ferito Un 51enne italiano è...

Cronaca5 ore ago

Morte Satnam Singh, datore lavoro indagato per caporalato...

E' quanto emerge da un documento mostrato in esclusiva dal Tg di La7 Renzo Lovato, padre di Antonello Lovato, il...

Cronaca6 ore ago

SuperEnalotto, numeri combinazione vincente 22 giugno 2024

Nessun 6 né 5+1, jackpot sale a 39,7 milioni Nessun '6' né '5+1' all'estrazione del Superenalotto di oggi, sabato 22...

Spettacolo6 ore ago

Claudia Gerini: “Sul set sono ‘cattiva’...

L'attrice ospite del Filming Italy Sardegna Festival: "Il cinema italiano deve fare più rete" "Fare la cattiva sul set è...

Esteri6 ore ago

Ucraina-Russia, assist di Farage: “Putin è stato...

Il leader di Reform UK critica l'Occidente: "Ha provocato Mosca" "L'Occidente ha provocato Putin". Nigel Farage non fa marcia indietro...

Esteri7 ore ago

William si scatena con Taylor Swift, il principe con i...

Per il suo compleanno l'erede al trono ha partecipato con George e Charlotte alla tappa londinese del 'The Eras Tour'...

Sport7 ore ago

Euro 2024, Turchia-Portogallo 0-3

I lusitani si qualificano per gli ottavi di finale con una gara d'anticipo. Nell'altro match, Georgia-Repubblica Ceca 1-1 Il Portogallo...

Politica7 ore ago

Satnam Singh, Mattarella: “Italia Paese civile,...

Le parole del presidente della Repubblica alle celebrazioni per i 160 anni della Croce rossa italiana Monito di Mattarella contro...

Cronaca8 ore ago

Caso Orlandi, sit-in a Roma a 41 anni da scomparsa Emanuela

“La verità è luce e nessuno di noi rimarrà invisibile”, la scritta sui fogli esposti da diversi manifestanti. Il fratello...

Spettacolo8 ore ago

Black out in aereo prima del decollo, Max Giusti tra i...

Il comico ha raccontato su Instagram quanto accaduto al volo diretto a Olbia Brutta avventura per Max Giusti che ha...

Cronaca8 ore ago

Aborto, Ruiu: “Siamo popolo della speranza,...

La portavoce di “Scegliamo la Vita” durante la Manifestazione Nazionale per la Vita, tenutasi a Roma “Accogliere la vita oggi...

Cronaca8 ore ago

Aborto, Gandolfini: “Coerenza per cambiamento...

Il portavoce di “Scegliamo la Vita”, durante la manifestazione nazionale per la vita ''L’Unione Europea, purtroppo, negli anni passati non...

Cronaca8 ore ago

Aborto, Coghe (Pro Vita): “Va riconosciuto a bimbi...

Il portavoce di Pro Vita & Famiglia Onlus durante la Manifestazione per la Vita, tenutasi a Roma ''È un popolo...

Cronaca9 ore ago

Aborto, Pro Vita: ‘in 30.000 al corteo di Roma...

Letto il messaggio di Papa Francesco, 'nessun compromesso sulla vita umana!' In 30.000, secondo gli organizzatori, hanno sfilato per le...

Economia9 ore ago

Morte Satnam Singh, a Latina manifestazione fiume contro il...

Schlein: "Abolire la Bossi-Fini". Il sindaco: “Guerra di civiltà da combattere tutti assieme”. Flai Cgil: "Scioperiamo in difesa dignità umana"....

Ultima ora9 ore ago

Morte Satnam Singh, manifestazione a Latina. Mattarella:...

Schlein: "Abolire la Bossi-Fini". Il sindaco: “Guerra di civiltà da combattere tutti assieme”. Flai Cgil: "Scioperiamo in difesa dignità umana"....

Cronaca9 ore ago

Tax free shopping, come funziona

Le novità introdotte da quest'anno C'è sempre maggior interesse da parte dei turisti per il tax free shopping e da...

Economia9 ore ago

Avogadro (illycaffè): “Corto è storia d’amore tra due...

“‘6 minuti per farla innamorare’ è la storia di un incontro tra due giovani che sperimentano lo stesso momento d'amore...

Esteri9 ore ago

Libia, Batacchi: “Navi russe a Tobruk? Putin cerca...

"Avere accesso al 'mare caldo' rappresenta uno degli elementi tradizionali della politica estera russa", dice all'Adnkronos il direttore della Rivista...