Connect with us

Salute e Benessere

Settimana della sclerosi multipla, a Roma il Congresso Fism...

Published

on

Settimana della sclerosi multipla, a Roma il Congresso Fism su prevenzione e diagnosi precoce

Pazienti, clinici e istituzioni a confronto dal 28 al 30 maggio su salute del cervello tra nuovi criteri diagnostici e trattamenti per scongiurare progressione malattia e disabilità

Settimana della sclerosi multipla, a Roma il Congresso Fism su prevenzione e diagnosi precoce

La ricerca sulla sclerosi multipla è in continuo movimento e produce risultati che hanno cambiato la vita delle persone con la malattia. Ma si può e si deve fare di più per una patologia che ogni anno, solo in Italia, colpisce 3.600 persone: sono circa 3 milioni nel mondo, oltre 140 mila nel nostro Paese dove si registra una diagnosi ogni 3 ore. A cominciare dalla prevenzione e dalla diagnosi della malattia, i temi al centro del congresso annuale della Fism, la Fondazione dell’Associazione italiana sclerosi multipla, al via oggi a Roma (Hotel Villa Pamphili) fino al 30 maggio. Si intitola “Salute del cervello: ripensare la diagnosi della sclerosi multipla e delle patologie correlate”. Sempre di più i successi della ricerca sulla Sm e patologie correlate si legano a un’agenda globale che ha come obiettivo la salute del cervello. E a testimonianza di un lavoro di ricerca mondiale il Congresso Fism apre con la presenza di tanti ricercatori internazionali che con Aism e Fism stanno portando avanti considerevoli progetti per trovare quella cura definitiva che ancora non esiste.

Le nuove evidenze scientifiche – riporta una nota - mostrano che la ricerca sulle cause della Sm ha compiuto enormi passi avanti negli ultimi anni: questo oggi consente di immaginare strategie di prevenzione che, se non possono ancora prevenire l’insorgenza della malattia, possono aiutare a identificare i fattori di rischio e scongiurare la disabilità. O a capire quali sono le strade da percorrere. Come accade nel caso del virus Epstein-Barr, ricorda Kjell-Morten Myhr dell’Università di Bergen, ospite della prima giornata di lavori del congresso. “È ormai dimostrato – spiega Myhr - infatti che l’infezione da EBV sia un prerequisito essenziale per lo sviluppo della malattia, ma non è chiaro ancora in che modo un virus così comune possa contribuire alla Sm”. Per scoprirlo Myhr e colleghi hanno lanciato il progetto EBV-MS finanziato dall’Unione europea per un valore di 7 milioni di euro - che vede anche la partecipazione di Fism- per studiare a 360 gradi il virus, le sue interazioni con l’ospite, gli stili di vita e immaginare possibili strategie terapeutiche, dagli antivirali ai vaccini.

Nella seconda giornata Luca Battistini, direttore del Laboratorio di Neuroimmunologia, Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma,con la sua lettura per la consegna del Premio Rita Levi Montalcini ricorderà l’importanza crescente dell’asse intestino-cervello e della disbiosi come ulteriore “trigger” (detonatore) per lo sviluppo della sclerosi multipla e come fattore di rischio su cui è possibile fare prevenzione.

Ma i traguardi della ricerca hanno già prodotto risultati concreti destinati a cambiare la pratica clinica- riferisce la nota. È il caso dei nuovi criteri diagnostici per la Sm che verranno presentati al prossimo congresso Ectrims - in programma per settembre a Copenaghen - ma Xavier Montalban del Cemcat, il Centro per la Sclerosi multipla della Catalogna, ne anticipa i contenuti al congresso Fism. “Grazie al lavoro di revisione portato avanti da esperti radiologi, clinici, epidemiologi e con il contributo del punto di vista dei pazienti - spiega - abbiamo raggiunto un consensus su quelli che saranno i nuovi criteri diagnostici per la sclerosi multipla”. “La revisione periodica dei criteri diagnostici sulla base delle evidenze scientifiche ci consente di poter anticipare sempre di più le diagnosi e così i trattamenti, magari anche prima della manifestazione dei sintomi - aggiunge Montalban - E questo, lo abbiamo dimostrato, si associa a una migliore prognosi sul lungo termine, in grado anche di abbassare il rischio di disabilità e migliorare la qualità di vita dei pazienti”.

Tra i temi al centro della revisione, ha anticipato Montalban, le caratteristiche del nervo ottico, l’analisi di nuovi marcatori di risonanza magnetica e le valutazioni relative ai pazienti con concomitanti fattori di rischio vascolare. “Abbiamo bisogno di una ricerca che produca ricadute concrete sulla vita delle persone con Sm - dichiara Rachele Michelacci, vicepresidente Aism - e l’arrivo di nuovi criteri diagnostici che promettono di migliorare la prognosi e la qualità di vita delle persone risponde appieno al primo dei punti inclusi nella nostra Carta dei Diritti, il diritto alla salute”. Dal congresso della Fism emerge l'importanza di investire in una nuova disciplina: la scienza con e del paziente perché una diagnosi precoce della malattia verso una medicina preventiva può progredire solo conoscendo l’esperienza di malattia della persona e rendendola scientifica per tutti gli attori del sistema.

“La scienza con le persone della persona – sottolinea Paola Zaratin, direttore della ricerca scientifica Fism - deve essere una delle discipline fondamentali di un modello di ricerca e cura multidisciplinare e partecipatorio, unico a garantire che l’innovazione scientifica e la trasformazione digitale possano essere introdotti nella pratica clinica”. In questo spirito i pazienti sono chiamati a unirsi al tavolo della ricerca. “Noi persone con Sm ci dobbiamo sentire co-responsabili nei confronti della ricerca – aggiunge Rachele Michelacci, vice presidente Aism - Per una diagnosi precoce della progressione, per conoscere le cause della malattia, per trovare le cure dobbiamo essere al tavolo della ricerca e dare, insieme a tutti gli altri attori, quelle risposte che ancora non ci sono. Dobbiamo essere parte attiva del disegno scientifico. Ė un lavoro che va fatto insieme, reciprocamente”.

Al centro di un programma per la salute del cervello e di una medicina preventiva anche la creazione di un EU Brain Data System. “In questo contesto - dichiara Marco Salvetti, professore ordinario di Neurologia Università Sapienza Direttore della neurologia dell'Azienda ospedaliero-Universitaria S. Andrea, Roma membro del Consiglio di Amministrazione di Fism - continuiamo il nostro impegno per la creazione di sistema integrato di dati clinici, genetici, di neuroimmagini e riferiti dai pazienti (Barcoding MS), per la caratterizzazione di tutti i nuovi casi diagnosticati di Sm in Italia e in Europa”.

Ripensare la diagnosi della Sm e garantire la salute del cervello, significa però anche continuare a investire nella ricerca di potenziali biomarcatori e fattori di rischio della malattia. Si parlerà anche di questo al congresso, con la presentazione dei risultati dei progetti sostenuti da Fism che hanno indagato, tra l’altro, il ruolo dell’inquinamento atmosferico come possibile trigger dell’infiammazione nella Sm, e la ricerca di biomarcatori nel sangue e nel liquido cerebrospinale per il monitoraggio della malattia e per studiare efficacia ed effetti collaterali delle terapie, anche grazie ai dati clinici che arrivano dal Registro italiano sclerosi multipla e patologie correlate, che oggi comprende oltre 90 mila pazienti.

Nella terza ed ultima giornata del congresso i massimi esperti di cellule staminali si confronteranno con rappresentanti delle istituzioni ed esperti di economia sanitaria e sviluppo di farmaci per discutere delle prospettive concrete che vengono dalle cellule staminali per la Sm e delle sfide - cliniche e regolatorie - poste dall’avvento delle terapie avanzate. Chiuderanno i lavori le presentazioni sul ruolo centrale della riabilitazione attraverso la ricerca fisica e cognitiva svolta dalla Fondazione, come chiave per mantenere in salute il cervello, preservare la funzione e la qualità di vita delle persone.

La presenza sulla scena internazionale di Aism e Fism è “quanto mai fondamentale in un periodo come questo - sottolinea Frédéric Destrebecq, direttore esecutivo dell’ European Brain Councile ospite del congresso - Le elezioni europee sono una grande occasione per portare all'attenzione del nuovo Parlamento l'importanza della salute del cervello. Auspichiamo che questo possa tradursi in una strategia a livello europeo che dialoghi con i piani nazionali. Il numero delle persone in Europa che convivono con problemi neurologici è elevato e le discussioni su questi temi devono avvenire con il contributo di chi è esperto per sua esperienza, per rompere lo stigma e l'isolamento. Il coinvolgimento delle persone aiuterà ad aumentare l'attenzione soprattutto su una condizione come la Sm, dove abbiamo l’opportunità di raccontare di come la ricerca abbia portato allo sviluppo di molte terapie”.

Il congresso è stato reso possibile con la sponsorizzazione non condizionante dei Main sponsor Alexion, AstraZeneca Rare Disease, Biogen, Merck Italia, Neuraxpharm, Novartis Italia e dello Sponsor Bristol-Myers Squibb.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Salute e Benessere

Tumori, Carrafiello (Sirm): “Radiologia...

Published

on

Al congresso dei radiologi: "Terapie molto mirate migliorano anche chemio e immunoterapie"

Gianpaolo Carrafiello, presidente del 51esimo Congresso nazionale Sirm

"Fino a qualche anno fa avevamo tre grandi pilastri per il trattamento del cancro: la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia. Oggi c'è anche la radiologia interventistica che ha a disposizioni tanti sistemi di ablazione, cioè delle apparecchiature che si consentono", come dice il termine, "di ablare il tumore, cioè di bruciarlo sia utilizzando il caldo delle microonde, che il freddo con la crioablazione, ma abbiamo anche dei trattamenti ablativi non termici che hanno appunto il vantaggio di distruggere solo le cellule tumorali e non tutto quello che c'è intorno. Sono terapie molto mirate, molto focalizzate, che sicuramente evitano complicanze maggiori e ci consentono di ottenere dei risultati che oggi in molti ambiti sono sovrapponibili alla chirurgia stessa. Mi riferisco, in particolare, ai trattamenti dei tumori epatici, del polmone, dei tumori del rene e di quelli del pancreas". Così Gianpaolo Carrafiello, presidente del 51esimo Congresso nazionale Sirm, Società italiana di radiologia medica e interventistica, partecipando questa mattina a un incontro con la stampa sulle novità della radiologia in ambito oncologico, nel contesto del congresso Sirm, al MiCo di Milano.

"Oggi le nostre terapie non vanno viste solo come isolate, ma all'interno di un percorso del paziente oncologico, all'interno di una valutazione multidisciplinare - sottolinea Carrafiello - Le nostre terapie, inoltre, consentono anche di dare un boost", un aiuto, anche "alla chemioterapia". Questi trattamenti, quindi, "non solo hanno un'azione lesiva nei confronti della cellula tumorale - conclude - ma favoriscono anche una migliore azione della chemioterapia e, in particolar modo, dell'immunoterapia".

Continue Reading

Salute e Benessere

Tumori, Giovagnoni (Sirm): “Diagnosi oncologica...

Published

on

A congresso congiunto area radiologica, con intelligenza artificiale generativa in 3 minuti immagini che ne richiedevano 30'

Andrea Giovagnoni, presidente Sirm,

Diagnosi sicure veloci ed accurate. Oggi la diagnostica per immagini è al centro della stragrande maggioranza dei percorsi diagnostici e terapeutici, con risultati importanti soprattutto in oncologia. "Le nuove tecnologie hanno aperto la strada a una nuova tecnica di elaborazione che si chiama radiomica, cioè quella appunto di elaborare dei nuovi criteri diagnostici proprio dal dato numerico. Queste tecniche si applicano a tutta la parte oncologica, cioè quando il tessuto, da normale, passa e diventa patologico. Queste tecniche riescono, con la texture analysis, cioè l'analisi del tessuto, a individuare" minime alterazioni in fase precocissima, che sfuggirebbero all'occhio umano. "Questo è possibile solo attraverso un'analisi computerizzata del dato numerico: solo questo può portare all'individuazione di minime alterazioni del tessuto normale che sarebbero assolutamente invisibili all'occhio umano che può distinguere fino a 20 scale di grigio". Lo ha detto Andrea Giovagnoni, presidente Sirm, Società italiana di radiologia medica e interventistica, intervenendo questa mattina a Milano nella terza giornata del 51esimo Congresso nazionale della Sirm, che riunisce fino a domani, domenica 23 giugno, per la prima volta, le tre società scientifiche dell'area radiologica: medici radiologi (Sirm), medici nucleari (Ainm) e radioterapisti (Airo).

Le nuove tecnologie stanno pervadendo l'attività del radiologo. "La quasi totalità delle Tac presenti - spiega Giovagnoni - possono fare diagnosi arrivando alla biopsia liquida, cioè senza prelevare il tessuto, ma solo analizzando i dati. In particolare, l'intelligenza artificiale generativa, cioè in grado di proporre immagini evocative di quello che potrebbe esserci" in base all'altissimo numero di dati acquisiti, "può trasformare una immagine Tac anche in una immagine ecografica, e definire quindi anche la migliore tecnologia da impiegare in base alle patologie. Ci sono risonanze che, sull'informazione acquisita in 3 minuti - conclude Giovagnoni - genera immagini che prima richiedevano 30 minuti. Questo è possibile proprio grazie alla quantità di dati che il sistema ha a disposizione e che continua ad accumulare. Questo significa che anche i tempi di gestione del paziente si riducono a livello tecnologico, ma questo è a vantaggio di un migliore rapporto con lui da parte del medico".

Continue Reading

Salute e Benessere

Tumori, Gandolfo (Sirm): “Imaging radiologico...

Published

on

"Ha un ruolo preventivo nelle neoplasie della mammella e del polmone"

Nicoletta Gandolfo, presidente eletto Sirm

"Il radiologo ha sempre avuto un ruolo fondamentale in tutto quello che è l'imaging oncologico e, in alcuni settori, ha addirittura un ruolo preventivo. La tecnologia che supporta l'imaging diagnostico è di fondamentale importanza per uno degli screening oncologici principali come quello della mammella" e, ultimamente, "anche per il tumore al polmone". Lo ha detto Nicoletta Gandolfo, presidente eletto Sirm, Società italiana di radiologia medica e interventistica, all'Adnkronos, intervenendo questa mattina a Milano in un incontro con la stampa all'interno del 51esimo Congresso nazionale dell'area radiologica.

"Come sappiamo - continua Gandolfo - una diagnosi precoce attraverso programmi di screening organizzati riduce la mortalità di quello che è il tumore più importante nella donna. I programmi di screening organizzati come la mammografia, che è un'indagine tradizionale, si sono evoluti passando dall'analogico al digitale" e oggi queste a tecnologie si sono "affiancate la tomosintesi e la mammografia con mezzo di contrasto. Oggi il radiologo ha un ruolo fondamentale anche nello screening del polmone, una neoplasia che è uno dei big killer sia per l'uomo che per la donna - aggiunge la specialista - L'Unione europea ha attenzionato questa importante problematica e, per lo screening del tumore polmonare, è partito lo studio Risp", Rete italiana screening polmonare, indirizzato "ai soggetti a rischio, come i grandi fumatori o ex fumatori. Il progetto Risp impiega una Tc a bassa dose e, rispetto alla radiografia tradizionale, riesce a individuare le lesioni" significative prima della comparsa dei sintomi. Inoltre, "riducendo la dose" delle radiazioni, "non si espongono troppo i pazienti asintomatici, ma a rischio”.

"Metodiche come la Tc - sottolinea Gandolfo - hanno un ruolo fondamentale anche nella stadiazione dei tumori in tutto l'ambito corporeo, dall'encefalo alla pelvi, e permettono" non solo "una diagnosi precoce", ma anche il "follow-up che misura la risposta alla terapia, cioè se c'è una ripresa oppure una risposta adeguata alle chemioterapie o alle terapie cosiddette neoadiuvanti, che vengono fatte nei casi di neoplasia localmente avanzata". Inoltre, “sicuramente, oggi la radiologia è un pilastro fondamentale nell'equipe multidisciplinare - conclude - specie se consideriamo la radiologia interventistica che, nel tumor board, è il quarto pilastro di riferimento, insieme all'oncologo, al chirurgo e al radioterapista".

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca5 ore ago

Dopo il caldo il maltempo, è allerta gialla in 8 regioni

Rovesci e temporali al Centro-Nord per una perturbazione che porta un deciso calo delle temperature Peggiorano oggi, domenica 23 giugno,...

Cronaca5 ore ago

Roma, 51enne accoltellato in strada a Pietralata: è grave

A chiamare i soccorsi è stato un passante che, intorno alle 19, ha notato l’uomo ferito Un 51enne italiano è...

Cronaca7 ore ago

Morte Satnam Singh, datore lavoro indagato per caporalato...

E' quanto emerge da un documento mostrato in esclusiva dal Tg di La7 Renzo Lovato, padre di Antonello Lovato, il...

Cronaca7 ore ago

SuperEnalotto, numeri combinazione vincente 22 giugno 2024

Nessun 6 né 5+1, jackpot sale a 39,7 milioni Nessun '6' né '5+1' all'estrazione del Superenalotto di oggi, sabato 22...

Spettacolo7 ore ago

Claudia Gerini: “Sul set sono ‘cattiva’...

L'attrice ospite del Filming Italy Sardegna Festival: "Il cinema italiano deve fare più rete" "Fare la cattiva sul set è...

Esteri7 ore ago

Ucraina-Russia, assist di Farage: “Putin è stato...

Il leader di Reform UK critica l'Occidente: "Ha provocato Mosca" "L'Occidente ha provocato Putin". Nigel Farage non fa marcia indietro...

Esteri8 ore ago

William si scatena con Taylor Swift, il principe con i...

Per il suo compleanno l'erede al trono ha partecipato con George e Charlotte alla tappa londinese del 'The Eras Tour'...

Sport9 ore ago

Euro 2024, Turchia-Portogallo 0-3

I lusitani si qualificano per gli ottavi di finale con una gara d'anticipo. Nell'altro match, Georgia-Repubblica Ceca 1-1 Il Portogallo...

Politica9 ore ago

Satnam Singh, Mattarella: “Italia Paese civile,...

Le parole del presidente della Repubblica alle celebrazioni per i 160 anni della Croce rossa italiana Monito di Mattarella contro...

Cronaca9 ore ago

Caso Orlandi, sit-in a Roma a 41 anni da scomparsa Emanuela

“La verità è luce e nessuno di noi rimarrà invisibile”, la scritta sui fogli esposti da diversi manifestanti. Il fratello...

Spettacolo10 ore ago

Black out in aereo prima del decollo, Max Giusti tra i...

Il comico ha raccontato su Instagram quanto accaduto al volo diretto a Olbia Brutta avventura per Max Giusti che ha...

Cronaca10 ore ago

Aborto, Ruiu: “Siamo popolo della speranza,...

La portavoce di “Scegliamo la Vita” durante la Manifestazione Nazionale per la Vita, tenutasi a Roma “Accogliere la vita oggi...

Cronaca10 ore ago

Aborto, Gandolfini: “Coerenza per cambiamento...

Il portavoce di “Scegliamo la Vita”, durante la manifestazione nazionale per la vita ''L’Unione Europea, purtroppo, negli anni passati non...

Cronaca10 ore ago

Aborto, Coghe (Pro Vita): “Va riconosciuto a bimbi...

Il portavoce di Pro Vita & Famiglia Onlus durante la Manifestazione per la Vita, tenutasi a Roma ''È un popolo...

Cronaca10 ore ago

Aborto, Pro Vita: ‘in 30.000 al corteo di Roma...

Letto il messaggio di Papa Francesco, 'nessun compromesso sulla vita umana!' In 30.000, secondo gli organizzatori, hanno sfilato per le...

Economia10 ore ago

Morte Satnam Singh, a Latina manifestazione fiume contro il...

Schlein: "Abolire la Bossi-Fini". Il sindaco: “Guerra di civiltà da combattere tutti assieme”. Flai Cgil: "Scioperiamo in difesa dignità umana"....

Ultima ora10 ore ago

Morte Satnam Singh, manifestazione a Latina. Mattarella:...

Schlein: "Abolire la Bossi-Fini". Il sindaco: “Guerra di civiltà da combattere tutti assieme”. Flai Cgil: "Scioperiamo in difesa dignità umana"....

Cronaca10 ore ago

Tax free shopping, come funziona

Le novità introdotte da quest'anno C'è sempre maggior interesse da parte dei turisti per il tax free shopping e da...

Economia10 ore ago

Avogadro (illycaffè): “Corto è storia d’amore tra due...

“‘6 minuti per farla innamorare’ è la storia di un incontro tra due giovani che sperimentano lo stesso momento d'amore...

Esteri11 ore ago

Libia, Batacchi: “Navi russe a Tobruk? Putin cerca...

"Avere accesso al 'mare caldo' rappresenta uno degli elementi tradizionali della politica estera russa", dice all'Adnkronos il direttore della Rivista...