Connect with us

Cultura

Sonia Aggio: “L’Impero Bizantino ci aiuta a...

Published

on

Sonia Aggio: “L’Impero Bizantino ci aiuta a capire chi siamo”

La scrittrice, nella dozzina del premio Strega con 'Nella stanza dell’imperatore', racconta la parabola di Giovanni Zimisce e dice: "E' poco conosciuto ma ha posto le basi per l'età dell'oro dell'impero bizantino"

Sonia Aggio:

Un mondo perso per sempre la cui memoria antica ha ancora molto da dire e insegnare sulle nostre lontane origini. Un personaggio ai margini della storia, in parte ignorato del tutto, che ha lasciato un piccolo ma indelebile segno della sua presenza. Un uomo valoroso, forte e caparbio, che da combattente è diventato un imperatore. Giovanni Zimisce è l'uomo d'armi vissuto nel decimo secolo che si siederà, benché per poco tempo, sul trono di Bisanzio assumendo il titolo di Giovanni I Zimisce. Una figura che la giovane scrittrice veneta Sonia Aggio fa rivivere nelle pagine della sua seconda prova narrativa, 'Nella stanza dell'imperatore', pubblicato da Fazi e ora in corsa nella dozzina del premio Strega.

Proposto da Simona Cives - che lo ha presentato come un libro "ambizioso e robusto" scritto con "una lingua ricca, curata fin nel dettaglio, e una trama complessa e piena di sviluppi narrativi" - il romanzo mette in scena un universo sparito, quello dell'impero bizantino, in cui si condensano aspetti significativi e irrinunciabili della nostra identità. Motivi che hanno indotto Aggio a riscoprirne la storia proprio a partire da un personaggio minore e per lo più ignorato. Un personaggio minore che, però, con il suo operato "ha posto le basi per l'età dell'oro dell'impero bizantino".

"Credo che l'impero bizantino possa aiutarci a capire meglio chi siamo. E' stato il tramite per diverse scoperte. Inoltre il nostro Medioevo è stato plasmato dai contatti con Bisanzio", afferma la scrittrice intervistata dall'AdnKronos che aggiunge: "Avere consapevolezza di questa vicenda, ci aiuterebbe a conoscerci meglio, a conoscere le radici da cui proveniamo. In questo senso, trovo l'impero bizantino - prosegue - estremamente affascinante per il grado di raffinatezza e di progresso che ha raggiunto nella sua storia". Un microcosmo che la scrittrice riscopre attraverso Giovanni Zimisce, l'imperatore che ha regnato per soli sei anni e un mese, dal dicembre del 969 fino alla morte avvenuta nel gennaio del 976, intorno al quale costruisce la trama del suo romanzo. Un uomo che, da soldato semplice, riuscì a conquistare il trono di uno degli imperi più vasti e potenti mai esistiti.

"Mi ha colpito molto la vita e l'ascesa politica di Giovanni Zimisce - racconta la scrittrice, la cui prima prova letteraria si intitola 'Magnificat' - un imperatore bizantino del X secolo che rappresenta un caso di studio molto interessante. E' un personaggio abbastanza sconosciuto che però, tramite i suoi gesti e le sue azioni, ha posto le basi per l'età dell'oro dell'impero bizantino. Tecnicamente è un usurpatore, nel senso che non arriva al trono per diritto di nascita, di eredità, ma viene incoronato con una congiura, con un complotto". Come lo vorrebbe definire? "E' stato un guerriero, un uomo cresciuto con il mito della guerra in un contesto militare che conosce solo quel modo di affrontare la vita. E' stato molto coraggioso, talvolta violento e spietato; è un prodotto del suo tempo e di quella società molto militarizzata, sia nel bene che nel male".

"E' stato un buon imperatore", osserva Aggio che argomenta: "Nonostante abbia regnato poco, sono tutti concordi nel dire che abbia regnato bene, lasciando un impero sicuro dal punto di vista militare e ricco. Il suo successore, Basilio II, che sarà uno dei più grandi imperatori di tutta la storia di Bisanzio, si trovò tra le mani un impero in salute. Un fatto non scontato perché venivano da secoli molto bui e drammatici, difficili dal punto di vista militare ed economico. In questo senso, l'eredità più grande di Zimisce è la stabilità che servirà ai suoi successori per trasformare l'impero di nuovo in una grande potenza", riflette l'autrice.

Facendo leva su una lingua "raffinata elegante e ricca ma mai pesante", Sonia Aggio si è posta l'obiettivo di offrire un "romanzo alla portata di ogni lettore, anche di chi normalmente non frequenta il romanzo storico". Un libro utile a riscoprire una figura 'minore' poco considerata dalla narrativa storica e dagli studi scientifici e ad accendere un faro su un universo affascinante e complesso. "La narrativa storica su Bisanzio - osserva infatti - non è ricchissima e si concentra su periodi diversi da quelli che ho trattato. Penso al tempo di Giustiniano e Teodora, alla caduta di Costantinopoli e al periodo delle crociate".

Un dato, però, è certo. La vicenda descritta da Aggio - che aiuta "ad ampliare la nostra visuale" allontanandoci "da un modello di Medioevo molto statico e stereotipato" - è stata già accolta con favore dalla critica tanto che è in corsa tra i 'magnifici 12' del premio Strega. Un traguardo in cui la scrittrice "sperava" ma che l'ha sorpresa dal momento che, confessa, "sapevo che le probabilità erano molto basse". Cosa si aspetta adesso? "Non faccio previsioni ma mi piacerebbe moltissimo passare anche alla cinquina continuando questo percorso. Mi rendo conto, comunque, che è un passaggio che va oltre la mia volontà: tutto quello che verrà sarà guadagnato. Ma sono molto contenta già così", risponde.

(Carlo Roma)

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Cultura

Libri, ‘La cultura del noi’: storia di...

Published

on

Letizia Magnani racconta Orogel, da oltre 50 anni nella produzione di verdure surgelate

Libri, 'La cultura del noi': storia di tradizione e cooperazione agricola

Una storia di tradizione e di cooperazione agricola. In libreria è da poco arrivato 'La cultura del noi. Dai campi a Fruttadoro e Orogel: storia di uomini e di donne, di territorio, di impresa, di cibo buono e di futuro', di Letizia Magnani, edito da Mondadori Electa. La presentazione del libro è in programma il 25 giugno a Milano, presso Rizzoli Galleria, dove l'autrice dialogherà con Massimo Borgnis.

Cooperazione, filiera, cultura del lavoro e futuro sono le parole chiave di questo libro, che racconta la storia di Orogel, gruppo italiano che oltre 50 anni è nella produzione di verdure surgelate e di uomini e donne che si uniscono per dare risposte a problemi concreti. Letizia Magnani è giornalista professionista, consigliera di disciplina in Emilia-Romagna, contributor di 'Grazia', 'Quotidiano Nazionale' e 'Salvagente'. Si occupa di esteri, politica, economia, cultura, salute e grande cronaca. È consulente di Mondadori Media.

Continue Reading

Cultura

Premi, da Nastasi a Gianni Letta: parterre de roi per XVI...

Published

on

La serata evento in Campidoglio condotta da Mara Venier e Alberto Matano, sarà trasmessa su Rai 1 l'8 luglio

Gianni Letta

Da Gigi Marzullo a Salvo Sottile, da Gianpaolo Letta a Enrico Vanzina e Eleonora Daniele, dal sottosegretario con delega all'editoria Alberto Barachini, all'amministratore delegato della Rai Roberto Sergio, a Francesco Giorgino e Simona Ventura in compagnia del marito, il giornalista e scrittore Giovanni Terzi accanto al direttore di Open Franco Bechis, al direttore del 'Mattino' Roberto Napoletano, e al direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali di Rai Com, Marco Frittella. Un parterre de roi per la XVI edizione del Premio Biagio Agnes che ha riunito in Piazza del Campidoglio rappresentanti del mondo della cultura, dello spettacolo, della televisione e della politica per una serata- evento, condotta da Mara Venier e Alberto Matano, che sarà trasmessa l'8 luglio in seconda serata su Rai1.

Nel parterre di Piazza del Campidoglio sono 'sfilati' anche Pierluigi Diaco, l'ex ministro Paola Severino, il direttore di Rai News 24 Paolo Petrecca, i ministri Gennaro Sangiuliano e Matteo Piantedosi, l'ex sindaco di Roma Franco Carraro, il direttore dell'Adnkronos Davide Desario, il segretario nazionale di FI e vice premier e ministro degli Esteri Antonio Tajani, Gianni Letta in compagnia della moglie, Salvo Nastasi, attuale presidente Siae e neo presidente della Fondazione della Festa del Cinema di Roma, il padrone di casa, il sindaco Roberto Gualtieri, Barbara Floridia e Mario Orfeo, rispettivamente presidente della Commissione di Vigilanza Rai e direttore del Tg3. Ed ancora, Giampaolo Rossi, dg Rai, Antonio Di Bella, Luisa Todini, Annalisa Bruchi, Laura Chimenti, Duilio Gianmaria, Serena Autieri, Licia Ronzulli, Maurizio Gasparri, l'assessore capitalino Alessandro Onorato, la deputata Maria Spena.

Accanto a Alda Fendi, signora della moda e rappresentante dell'eccellenza del made in Italy, i direttori Guido Boffo ('Il Messaggero'), Francesco Pionati (Giornale Radio Rai e Rai Radio 1), Antonio Preziosi (Tg2), Paolo Del Brocco (Rai Cinema), Gian Marco Chiocci (Tg1), Elena Capparelli (RaiPlay), Simona Sala (Radio2), Silvia Calandrelli (Rai Cultura), Jacopo Volpi (Rai Sport), Roberto Sommella (Milano Finanza). Sul palco nel cuore della capitale, il già collaudato duo Venier - Matano accolgono rappresentanti delle istituzioni e grandi professionisti dell’informazione, dello spettacolo e della cultura, per una serata di approfondimenti, riflessioni ma anche di intrattenimento, danza e grande musica. Ai microfoni dell'Adnkronos Enrico Vanzina, prima dell'inizio della premiazione, ha dichiarato: "E' la mia prima uscita dopo essere stato operato al cuore e non poteva essere migliore nel 'cuore' di Roma davanti al Marco Aurelio in Piazza del Campidoglio".

La giuria, presieduta da Gianni Letta, ha designato i premiati individuando i migliori professionisti che, in percorsi diversi, dalla carta stampata alla tv, dai nuovi linguaggi alla radio e alla letteratura, hanno compiuto lo sforzo di capire e analizzare il presente per poi raccontarlo con chiarezza ed equilibrio. Nell'edizione 2024 il Premio Radio-Tv è stato assegnato alla Rai - Radiotelevisione italiana, la più importante media-company italiana, che quest'anno festeggia una duplice ricorrenza, i 100 anni della Radio e i 70 della Televisione. A ritirare il Premio sarà Renzo Arbore, autore e conduttore di memorabili trasmissioni televisive e radiofoniche.

Alla serie 'Un professore', andata in onda su Rai 1, è stato assegnato il Premio Fiction. A ritirare il riconoscimento i due protagonisti, Alessandro Gassmann e Claudia Pandolfi. Fondata nel 1912, l’Associazione della Stampa Estera in Italia che da più di un secolo contribuisce a raccontare l’Italia nel mondo, si aggiudica il Premio Stampa Estera che sarà ritirato da Maarten Van Aalderen e Esma Çakir. Riceveranno il Premio Carta Stampata il giornalista parlamentare e vicedirettore de Il Foglio, Salvatore Merlo e l’inviato speciale di Avvenire, reporter internazionale e cronista giudiziario Nello Scavo. Il Premio Divulgazione Scientifica va a Barbara Carfagna, conduttrice del programma di Rai 1 'Codice La vita è digitale', mentre il Premio Generazione Digitale - Podcast sarà consegnato a Justine Bellavita, web editor, social media e digital director delle testate periodiche femminili di Rcs MediaGroup e a Mia Ceran per il podcast di Will Media 'The Essential', un racconto quotidiano in cinque minuti dell’attualità politica, economica e culturale.

Lo storico Francesco Perfetti, professore ordinario di Storia contemporanea, presidente della Giunta Storica Nazionale, riceverà il Premio Informazione Culturale, mentre allo scrittore Giulio Leoni va il Premio Saggista e Scrittore per il libro "Mameli. Un grande romanzo storico sull'Inno che fece l’Italia". Per il suo ultimo reportage di viaggio dal titolo "La speranza africana", Federico Rampini vince il Premio Giornalista Scrittore mentre Officina della Comunicazione si aggiudica il Premio Documentari Culturali. Infine, il Premio Giovani Giornalisti sarà consegnato a Francesco Bechis, classe 1995, cronista politico del quotidiano Il Messaggero.

Come da tradizione, verrà assegnata una Borsa di studio al primo classificato in graduatoria della Scuola Superiore di Giornalismo dell’Università Luiss di Roma. La giuria del Premio Agnes è composta da Gianni Letta (presidente), Giulio Anselmi, Alberto Barachini, Carlo Bartoli, Stefano Folli, Luciano Fontana, Luigi Gubitosi, Paolo Liguori, Pierluigi Magnaschi, Giuseppe Marra, Massimo Martinelli, Antonio Martusciello, Agnese Pini, Antonio Polito, Aurelio Regina, Danda Santini, Roberto Sergio, Marcello Sorgi, Fabio Tamburini, Mons. Dario Edoardo Viganò.

Tra i guest della serata Orietta Berti e Noemi, l'Orchestra di fiati del Conservatorio Santa Cecilia, le due étoiles internazionali Eleonora Abbagnato e la stella del flamenco andaluso Sergio Bernal che riceveranno rispettivamente l'ambito Premio Speciale alla carriera e il Premio Speciale giovane artista dell'anno. Insieme danzeranno 'I will not forget you' sulle note di Maz Richter.

Continue Reading

Cultura

Nuovo record per Ligabue, ‘Lotta di galli’...

Published

on

E' un olio su tela del 1960 firmato dal pittore. L'aggiudicazione all'asta da Pandolfini a Milano

(ufficio stampa Pandolfini)

Nuovo record per Antonio Ligabue (1899-1965): "Lotta di galli" (1960), olio su tela cm 131x181, firmato in basso a destra ha raggiunto la straordinaria aggiudicazione di 473.600 euro, conquistando il titolo di top price per il pittore all'asta milanese di arte moderna e contemporanea di Pandolfini. La vendita ha chiuso il calendario degli appuntamenti live del semestre con un totale di 1.740.908 euro.

"Come in tutte le nostre aste, Antonio Ligabue è la star: l'imponente capolavoro su tela 'Lotta di Galli' ha realizzato il record price per un'opera di Ligabue in asta. Un risultato che, personalmente, è motivo di orgoglio, considerato che nelle nostre aste è un artista sempre presente e che raggiunge i massimi valori di aggiudicazione", ha commentato Susanne Capolongo, capo dipartimento Arte Moderna e Contemporanea di Pandolfini.

"Siamo molto soddisfatti dei risultati conseguiti nell'asta milanese, che è stata animata dai rilanci dei numerosissimi concorrenti in sala, ai telefoni e sulla piattaforma online - ha aggiunto Capolongo - L'entusiasmo sia dei clienti nazionali che internazionali si è palesato sin dai primi lotti con la piccola stagnola argentata di Lucio Fontana, che è stata aggiudicata a 37.800 euro, ma anche con la carta del 1965 di Mario Schifano, battuta a 45.360 euro. Il risultato complessivamente raggiunto, nonostante un mercato internazionale altalenante, ci fa comprendere che la professionalità e la proposta di opere di qualità, che contraddistinguono da 100 anni Pandolfini, ci permettono di consolidare un rapporto di stretta fiducia con la nostra clientela, che con soddisfazione acquista alle nostre aste".

Bene anche per la selezione dedicata al Futurismo, tra cui spiccano le due rare lito latte, 'Parole in libertà futuriste', tattili-termiche olfattive aggiudicata a 65.520 euro e 'L'anguria lirica' venduta per 36.540 euro, nate dalla collaborazione tra Filippo Tommaso Marinetti e Tullio d’Albisola e considerate tra gli esempi più rappresentativi della poesia futurista. Dello stesso periodo, si affiancano 'Aeropittura' di Antonio Marasco, battuta per 63.000 euro e 'Gli agrumi di Sicilia' di Fortunato Depero, aggiudicata a 37.800 euro. Molto combattuta, anche dai buyer oltre Oceano, la brocca in ceramica smaltata 'Visage au nez noir' di Pablo Picasso – numerata 3/200 – che da una stima di 8/15.000 euro ha superato decisamente le aspettative con un’aggiudicazione di 73.080 euro. Ottima, infine, l’aggiudicazione del dipinto 'Acrobati' dell'artista indiano Sakti Burman, che ha più che quadruplicato la sua stima minima arrivando a 32.760 euro dopo molti rilanci

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca1 ora ago

Caso Orlandi, sit-in a Roma a 41 anni da scomparsa Emanuela

“La verità è luce e nessuno di noi rimarrà invisibile”, la scritta sui fogli esposti da diversi manifestanti. Il fratello...

Spettacolo2 ore ago

Black out in aereo prima del decollo, Max Giusti tra i...

Il comico ha raccontato su Instagram quanto accaduto al volo diretto a Olbia Brutta avventura per Max Giusti che ha...

Cronaca2 ore ago

Aborto, Ruiu: “Siamo popolo della speranza,...

La portavoce di “Scegliamo la Vita” durante la Manifestazione Nazionale per la Vita, tenutasi a Roma “Accogliere la vita oggi...

Cronaca2 ore ago

Aborto, Gandolfini: “Coerenza per cambiamento...

Il portavoce di “Scegliamo la Vita”, durante la manifestazione nazionale per la vita ''L’Unione Europea, purtroppo, negli anni passati non...

Cronaca2 ore ago

Aborto, Coghe (Pro Vita): “Va riconosciuto a bimbi...

Il portavoce di Pro Vita & Famiglia Onlus durante la Manifestazione per la Vita, tenutasi a Roma ''È un popolo...

Cronaca2 ore ago

Aborto, Pro Vita: ‘in 30.000 al corteo di Roma...

Letto il messaggio di Papa Francesco, 'nessun compromesso sulla vita umana!' In 30.000, secondo gli organizzatori, hanno sfilato per le...

Economia2 ore ago

Morte Satnam Singh, a Latina manifestazione fiume contro il...

Il sindaco: “Guerra di civiltà da combattere tutti assieme”. Flai Cgil: "Scioperiamo in difesa dignità umana". Soumahoro: "Caporalato sempre esistito,...

Cronaca2 ore ago

Tax free shopping, come funziona

Le novità introdotte da quest'anno C'è sempre maggior interesse da parte dei turisti per il tax free shopping e da...

Economia2 ore ago

Avogadro (illycaffè): “Corto è storia d’amore tra due...

“‘6 minuti per farla innamorare’ è la storia di un incontro tra due giovani che sperimentano lo stesso momento d'amore...

Esteri3 ore ago

Libia, Batacchi: “Navi russe a Tobruk? Putin cerca...

"Avere accesso al 'mare caldo' rappresenta uno degli elementi tradizionali della politica estera russa", dice all'Adnkronos il direttore della Rivista...

Cronaca3 ore ago

Capri senz’acqua, Federalberghi: “Dalle 15 di...

"Grazie a una nuova ordinanza, in sostituzione della precedente" Un messaggio rassicurante arriva dalla Federalberghi di Capri, a seguito dell'emergenza...

Cronaca3 ore ago

Figli in vacanza, cosa portare? Ecco la valigia a misura di...

Finita la scuola comincia il baby-esodo. Ogni viaggio ha il suo bagaglio, con qualche punto fermo: "Palla e costume i...

Ultima ora3 ore ago

Gp Spagna, Norris in pole e Ferrari in terza fila

Il pilota britannico della McLaren, alla seconda pole della carriera, è il più veloce nelle qualifiche con un giro in...

Cronaca3 ore ago

Fake news sull’orticaria, l’immunologo:...

Mauro Minelli consiglia un "approccio il più possibile aperto" per capire cosa si nasconde dietro ai sintomi E' un mondo...

Ultima ora4 ore ago

Sinner e Musetti in finale, erba di Halle e del...

Sabato straordinario per il tennis azzurro sul circuito Atp Jannik Sinner in finale nel torneo di Halle, in Germania. Lorenzo...

Ultima ora4 ore ago

Sinner in finale Atp Halle, Zhang battuto in semifinale

Sinner, a caccia del quarto titolo stagionale e del 14esimo della carriera, domani affronta in finale Hubert Hurkacz Jannik Sinner...

Ultima ora4 ore ago

Investita da un’auto, 39enne muore nel ferrarese

Ai domiciliari l'investitore, risultato positivo all'alcol-test. Lievemente ferito il compagno della vittima Una donna di 39 anni è stata travolta...

Sport4 ore ago

Musetti in finale al Queen’s, Thompson battuto in 3...

Il 22enne azzurro, numero 30 del ranking, in semifinale ha la meglio sull'australiano Lorenzo Musetti in finale al torneo Atp...

Ultima ora4 ore ago

Trentino, due alpinisti precipitano sulla Presanella: un...

Le vittime sono due ragazzi veneti precipitati durante la salita lungo la Parete Nord. Uomo disperso da ieri sera in...

Esteri4 ore ago

Ucraina, ambasciatore russo incontra il Papa:...

Bergoglio ha ricevuto in udienza Ivan Soltanovsky Il Papa stamani ha ricevuto in udienza Ivan Soltanovsky, ambasciatore della Federazione Russa...