Connect with us

Ultima ora

“Io, laureata eccellente: le parole del presidente...

Published

on

“Io, laureata eccellente: le parole del presidente Mattarella e il diritto allo studio”

La lettera di Serafina una dei 300 diplomati premiati alla Sapienza davanti al Capo dello Stato: "Dedico il riconoscimento a chi non ha il diritto allo studio e a chi ce l'ha e non lo sfrutta"

Serafina Di Lascio

"C’ero anche io, giovedì 16 maggio, seduta tra quei circa trecento 'Laureati Eccellenti' che sono stati chiamati all’Università Sapienza di Roma per festeggiare insieme il conseguimento di una tappa importante". Inizia così la lettera di Serafina Di Lascio, una delle 300 lauree eccellenti premiate all'università di Roma La Sapienza. "Da una posizione privilegiata ho avuto la possibilità di ascoltare dal vivo il discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il Capo di Stato ha sottolineato quanto sia importante il dialogo tra le persone e l’importanza della formazione e dello studio anche in un periodo geopoliticamente complesso come quello attuale.

In sottofondo, però, era impossibile non sentire il rumore della protesta degli studenti che hanno occupato, con delle tende, il cortile d’ateneo. Sono contro Israele, a causa della guerra in Palestina, e chiedevano al Presidente di esprimersi sul tema".

“Tutto quel che riguarda la dignità delle persone, di ogni persona, la loro libertà, l'esigenza di rispettare il loro diritto umanitario è indicata nella nostra Costituzione ed è doveroso per la Repubblica italiana. Con queste parole e un lungo discorso, il Presidente ha risposto ai giovani, interlocutori prioritari dei suoi interventi pubblici. Mattarella ha ricordato le ragazze stuprate e i ragazzi mentre ascoltavano musica in un rave il 7 ottobre in Israele. I bambini sgozzati quel giorno. Il rapper condannato all'impiccagione in Iran. Masha Amini e le tante ragazze iraniane incarcerate torturate e spesso uccise solo per il rifiuto di indossare il velo o addirittura perché non lo indossavano bene. Ma soprattutto le ragazze a cui è proibito frequentare scuole e università in Afghanistan".

"A me questo privilegio è stato consentito. Da Salerno, tra Covid e restrizioni, ho deciso comunque di trasferirmi a Roma- prosegue l'ex studentessa Serafina Di Lascio -. Da quel settembre 2020 sono passati diversi anni, non piacevoli per la mia generazione, ma che non mi hanno fermata davanti alla mia voglia di prendere quel titolo di studio in 'Media, comunicazione digitale e Giornalismo', conseguito con sudore e determinazione con il massimo dei voti e prima del tempo. Da quel giorno, prima uno stage alla redazione della free press Leggo e poi un contratto nel gruppo Adnkronos hanno dimostrato a me stessa che con caparbietà e serietà si possono avverare anche i sogni d’infanzia. Il premio di “Laureata eccellente” ha dimostrato trecento studenti, me compresa, l’importanza della costanza, della dedizione e della passione che spesso riconosce a tutti il nostro “merito”, sempre a misura dei propri desideri e delle proprie possibilità".

"Io, questo premio, mi sento di dedicarlo a chi questo diritto (a differenza di tanti giovani che vivono in aree difficili del mondo) ce l’ha e non ne capisce l’importanza. A chi per superficialità non coglie quest’opportunità e getta via l’occasione di formarsi e di costruire quel dialogo di cui ha parlato proprio il Presidente Mattarella e sul quale si fonda il vivere civile. Ma non solo. Lo dedico anche a chi, a differenza mia, non è riuscito suo malgrado a conseguire un diploma e una laurea. Rivolgo un pensiero a quelli che ancora non hanno avuto la soddisfazione di sentirsi dire 'Vogliamo te'. A chi studia, ma è costretto a lavorare senza avere almeno un po’ di tempo libero per vivere la giovinezza. A chi viaggia ore e ore per raggiungere la propria università perché l’affitto di un appartamento costa troppo. A chi, come me, solo perché donna, dovrà spesso faticare di più o perché, nata dalla parte sbagliata del mondo, l'accesso allo studio le continuerà ad essere negato".

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Sport

Allegri, Giletti: “Era solo in una Juve...

Published

on

"In finale di Coppa Italia ho visto una ferocia inaudita"

Massimo Giletti

"Io ero lì mercoledì, a pochissimi metri, c'è un primo cortocircuito che chiamo di feroce inaudita di Allegri nei confronti di un arbitraggio secondo me assurdo. Ed è un peccato perché se tu guardi quelle immagini, c'è un Allegri come non abbiamo mai visto. Dentro di lui c'era qualcosa che covava da almeno un anno e mezzo. Si chiama solitudine". Ad affermarlo è Massimo Giletti intervenendo a 'Tutto Campo' su Rai 2 commentando l'esonero dell'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri e la fine della finale di Coppa Italia tra Juve e Atalanta vinta dai bianconeri. Giletti ricorda anche i successi dell'allenatore ("Allegri ha vinto 12 trofei con la Juventus") e che Andrea Agnelli "ha scelto Allegri, gli ha fatto certamente un investimento anche molto oneroso per una società, un contratto molto lungo, pesante".

All'interno della Juventus, spiega Giletti, "c'è una spaccatura" e "non c'è solo il tema Allegri".

Continue Reading

Ultima ora

Giro d’Italia, oggi quattordicesima tappa: orario,...

Published

on

Si corre la crono di 31 km da Castiglione delle Stiviere a Desenzano del Garda

Tadej Pogacar

Il Giro d'Italia 2024 propone oggi la quattordicesima tappa, la cronometro Castiglione delle Stiviere-Desenzano del Garda di 31 km. E' la seconda frazione contro il tempo dopo la Foligno-Perugia (settima tappa) dominata la scorsa settimana dalla maglia rosa Tadey Pogacar. La frazione del 18 maggio, che sarà trasmessa in diretta tv e streaming, dovrebbe adattarsi alle caratteristiche di Filippo Ganna.

La crono di oggi si snoda lungo un tracciato regolare, senza salite e strappi: qualche saliscendi, ma nulla che possa mettere in crisi gli specialisti della prova contro il tempo. Pogacar non rischia nulla e, anzi, potrebbe sfruttare l'opportunità per consolidare ulteriormente il primato in classifica generale.

La quattordicesima tappa in tv e streaming

La quattordicesima tappa del Giro d'Italia sarà trasmessa in diretta in tv in chiaro e in streaming. La Rai racconterà la giornata della seconda tappa in chiaro ogni giorno di gara. La giornata televisiva comincerà con un'ora di 'Giro Mattina' su Rai Sport HD, che proporrà poi 'Prima diretta' per seguire il momento della partenza della tappa, in programma oggi alle 13.20 con il via al primo corridore. L'ultimo corridore parte alle 16.35.

Per la parte clou della programmazione il palinsesto della Corsa Rosa si trasferisce su Rai 2, con 'Giro in Diretta' fino alle 16:15 e 'Giro all’Arrivo'. Subito a ruota, le tradizionali analisi del dopo gara del Processo alla Tappa. Il Giro può essere visto anche su Eurosport 1 HD e in streaming su Rai Play, discovery+, Sky Go, NOW e DAZN.

Continue Reading

Ultima ora

Ucraina, Zelensky manda i detenuti in guerra. Russia:...

Published

on

Kiev vara la legge per aumentare gli uomini al fronte. Putin: "Non vogliamo arrivare a Kharkiv"

Soldati ucraini

L'Ucraina si prepara a mandare in guerra anche i detenuti. La Russia intanto frena nell'offensiva nella regione di Kharkiv, mentre invia messaggi ambivalenti. Dalla Cina, il presidente Vladimir Putin mostra una apparente apertura al negoziato. Da Mosca, nelle stesse ore, piovono nuove minacce verso Usa e Ue.

Sul campo, dopo una settimana ad altissima tensione per l'offensiva russa nell'oblast di Kharkiv, la situazione nella regione sembra stabilizzarsi. La Russia frena, il muro ucraino regge grazie all'invio di uomini e mezzi. L'esercito di Kiev, in difficoltà durante inverno e primavera per carenza di armi e munizioni, pare destinato ad allargarsi nelle prossime settimane. Dopo la mobilitazione che porterà al fronte centinaia di migliaia di uomini di età tra i 25 e i 26 anni, è arrivato il via libera ad una nuova misura.

Il presidente Volodymyr Zelensky ha firmato il decreto di approvazione della nuova legge che permetterà ai detenuti, condannati per reati minori, di ottenere la scarcerazione a condizione di arruolarsi nelle Forze armate. Il controverso provvedimento è stato adottato dopo che il governo di Kiev ha cercato in diversi modi di rafforzare la capacità di inviare forze nuove al fronte, dopo oltre due anni di conflitto. Il Parlamento ha approvato a larga maggioranza la legge che esclude dalla mobilitazione i condannati per omicidio, per attentato alla sicurezza dello stato e per corruzione.

Putin e i messaggi dalla Cina

L'Ucraina lavora per una guerra lunga e dura contro un nemico che continua a riversare uomini al fronte. La Russia ha apparentemente rallentato le operazioni nella regione di Kharkiv. Secondo esperti e analisti, Mosca non ha uomini e mezzi per una reale offensiva su larga scala e potrebbe accontentarsi di creare una zona cuscinetto per costringere i reparti ucraini ad arretrare: in questo modo, le forze di Kiev non avrebbero la possibilità di colpire territori controllati dai russi.

Lo scenario viene prospettato anche da Putin, durante la visita in Cina, con dichiarazioni all'apparenza prudenti. Le operazioni nella direzione di Kharkiv "sono una risposta ai bombardamenti delle aree di confine, compresa Belgorod, dove vengono uccisi civili. Per questo motivo, se le cose continuano in questo modo, siamo costretti a creare una zona di sicurezza. A oggi non abbiamo piani che riguardino Kharkiv".

Il presidente russo risponde a domande sull'ipotesi di un dialogo con l'Ucraina. La Russia, ha detto, non si è mai rifiutata di negoziare. Sarebbero stati i politici ucraini a far naufragare la soluzione diplomatica poiché nella fase iniziale della guerra "si sono ritirati dal processo di negoziazione", non appena le truppe russe sono state ritirate da Kiev. "Siamo stati ingannati ancora una volta", dice Putin. "Ora dobbiamo capire con chi dovremmo avere a che fare e come. Di chi e in che misura possiamo fidarci. E, naturalmente, stiamo analizzando tutto ciò che sta accadendo".

Putin sostiene che, quando le truppe russe erano vicine a Kiev, i partner occidentali hanno insistito affinché si ritirassero: "Nessun documento può essere firmato, se la parte opposta ti punta una pistola alla tempia", avrebbero sostenuto. "Il giorno dopo hanno gettato i nostri accordi nella pattumiera e hanno detto: 'Bene, ora combatteremo fino alla fine'", aggiunge Putin. Il dialogo, secondo Putin, non può decollare con Zelensky. Secondo il Cremlino, il mandato del presidente ucraino scade il 20 maggio: "Se si tratta di firmare alcuni documenti, dovremo firmarli, in un ambito così importante, con le autorità legittime. Questo è ovvio". L'Ucraina, come è noto, avrebbe dovuto tenere le elezioni presidenziali a marzo, ma il voto è stato annullato perché nel Paese è in vigore la legge marziale per via dell'invasione russa.

Mosca, nuove minacce a Usa e Ue

Se da Putin arrivano stoccate e apparenti aperture, a tenere alta la tensione da Mosca provvede Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri. "Il 16 e 17 maggio, il regime neonazista di Kiev ha lanciato un altro massiccio attacco con droni ad ala fissa e imbarcazioni senza equipaggio contro la Crimea, la regione di Krasnodar e altre regioni russe. Ancora una volta, vorremmo mettere in guardia inequivocabilmente Washington, Londra, Bruxelles e altre capitali occidentali, così come Kiev, che è sotto il loro controllo, che stanno giocando con il fuoco: la Russia non lascerà senza risposta simili invasioni sul suo territorio", dice.

Per Zakharova, dietro questo attacchi sarebbero gli americani e i britannici che assistono il presidente ucraino Volodymyr Zelensky: "Non solo gli forniscono missili a gittata sempre maggiore e armi pesanti - aggiunge - ma danno anche il via libera al loro utilizzo contro la Russia, contribuendo così all'ulteriore inasprimento del conflitto. La cricca banderovita (da Stepan Bandera, un ultranazionalista ucraino, figura particolarmente controversa, ndr) sembra credere nella propria impunità, tra le visite degli emissari occidentali, che hanno visitato spesso Kiev", ha concluso.

Continue Reading

Ultime notizie

Sport3 ore ago

Allegri, Giletti: “Era solo in una Juve...

"In finale di Coppa Italia ho visto una ferocia inaudita" "Io ero lì mercoledì, a pochissimi metri, c'è un primo...

Ultima ora3 ore ago

Giro d’Italia, oggi quattordicesima tappa: orario,...

Si corre la crono di 31 km da Castiglione delle Stiviere a Desenzano del Garda Il Giro d'Italia 2024 propone...

Ultima ora3 ore ago

Ucraina, Zelensky manda i detenuti in guerra. Russia:...

Kiev vara la legge per aumentare gli uomini al fronte. Putin: "Non vogliamo arrivare a Kharkiv" L'Ucraina si prepara a...

Spettacolo3 ore ago

Verissimo, ospiti puntate oggi sabato 18 maggio e domani...

Oggi ampio spazio ai finalisti di amici Amici, con i 6 finalisti, 'invade' Verissimo nella puntata di oggi, sabato 18...

Cronaca3 ore ago

Maltempo, oggi tregua meteo ma ancora allerta rossa in...

La pioggia inizia a mollare la presa ma la guardia resta alta sul territorio Il maltempo comincia a mollare la...

Cronaca5 ore ago

Vercelli, bimbo di 5 mesi ucciso dal pitbull di famiglia

Il bimbo aggredito mentre si trovava in braccio a un familiare Un bimbo di 5 mesi ucciso dal pitbull di...

Sport5 ore ago

Allegri, dopo l’esonero il messaggio di Andrea...

"Un mix straordinariamente unico: superbia e umanità che si fondono continuamente durante un viaggio decennale" Un tweet dell'ex presidente all'ex...

Politica5 ore ago

Omofobia, Roccella: “Italia non firma dichiarazione...

La ministra: "Noi in prima linea contro discriminazione". Schlein attacca: "Posizione inaccettabile" "Noi siamo molto chiari: il nostro governo ha...

Cronaca6 ore ago

Superenalotto, numeri combinazione vincente oggi 17 maggio

Si torna a giocare domani, sabato 18 maggio, per l'ultima estrazione della settimana Nessun '6' né '5+1' nell'estrazione del Superenalotto...

Cronaca6 ore ago

Franco Di Mare ha sposato Giulia Berdini prima di morire....

Il giornalista e storico inviato Rai è morto oggi a 68 anni per mesotelioma Franco Di Mare ha sposato la...

Spettacolo7 ore ago

Festival lirico Teatri di Pietra 2024, le anticipazioni

Sarà la “meraviglia” a contraddistinguere la nuova edizione del Festival Lirico dei Teatri di Pietra diretto da Francesco Costa e...

Sport7 ore ago

Allegri, l’esonero e il comunicato: Juve chiude con...

Una nota gelida per liquidare l'allenatore. Giuntoli prepara l'era di Thiago Motta Dieci righe durissime. La Juventus ufficializza l'esonero di...

Spettacolo7 ore ago

‘Amici’ macchina per talenti anche se non si...

Molti artisti, pur non avendo conquistato il primo posto, hanno costruito una straordinaria carriera. L'esempio di Angelina Mango e Annalisa...

Cronaca8 ore ago

Morto il giornalista Franco Di Mare: una vita tra reportage...

Franco Di Mare, noto giornalista e volto della Rai, si è spento a Roma all’età di 68 anni. La notizia,...

Cronaca8 ore ago

Franco Di Mare e il mesotelioma, 2mila casi all’anno...

Si tratta di un tumore raro 'molto cattivo' che colpisce con maggiore frequenza gli uomini. Quasi sette su dieci sono...

Esteri8 ore ago

Filippo Mosca, confermata in appello condanna a 8 mesi di...

Il giovane, originario di Caltanissetta e detenuto da oltre un anno nel Paese, si è sempre detto innocente. A marzo...

Lavoro8 ore ago

Digithon 2024, al via call for ideas per 100 startup fino...

Per intercettare i migliori nuovi progetti che si confronteranno nel corso della 9ª edizione della competition, in programma dal 5...

Sport8 ore ago

Giro d’Italia, Milan vince tredicesima tappa e...

La maglia ciclamino conquista il terzo successo Jonathan Milan ha vinto oggi in volata la tredicesima tappa del Giro d'Italia,...

Politica9 ore ago

Europee, Mannheimer: “Mancato duello tv...

Lo dice il sondaggista all'Adnkronos: "Sicuramente avrebbe attirato voti sui partiti principali delle due aree di riferimento" Il mancato confronto...

Ultima ora9 ore ago

Franco Di Mare, Fabio Fazio commosso: “E’ un...

Meno di un mese fa, il 28 aprile, il giornalista aveva parlato della sua malattia in una puntata di Che...