Connect with us

Demografica

La crescita economica italiana e il paradosso delle culle...

Published

on

La crescita economica italiana e il paradosso delle culle vuote

L’Italia sta affrontando una fase di crescita economica mentre si confronta con sfide demografiche sempre più pressanti. Negli ultimi anni, la nostra economia ha superato quella di molti paesi europei, inclusi Spagna, Francia e Germania. Tuttavia, il benessere dei cittadini italiani non ha seguito lo stesso trend positivo. Secondo il rapporto annuale dell’Istat, il potere d’acquisto è diminuito, i salari non hanno tenuto il passo con l’inflazione e la povertà assoluta è in aumento.

Negli ultimi anni, l’economia italiana ha superato la media continentale, ma questo successo non si è tradotto in un miglioramento significativo della qualità della vita per tutti i cittadini. Secondo l’Istat, l’aumento dei salari non ha tenuto il passo con l’inflazione, portando a una diminuzione del potere d’acquisto e a maggiori difficoltà finanziarie per molti italiani. Questo ha portato a un aumento della povertà assoluta, colpendo soprattutto le fasce già svantaggiate della popolazione. Il crescente divario economico preoccupa soprattutto le giovani generazioni, con il 10% della popolazione che vive in condizioni di povertà assoluta.

La questione demografica

Uno degli aspetti più critici della situazione attuale riguarda la diminuzione delle nascite. Nel 2023, l’Italia ha toccato un nuovo minimo storico in termini di nascite, portando il saldo naturale della popolazione in territorio negativo. L’Istat evidenzia che la diminuzione della fecondità è uno dei principali fattori dietro questo calo, con il numero medio di soli 1,20 figli per donna che si avvicina al minimo storico registrato nel 1995. Le tendenze indicano una popolazione sempre più anziana e una diminuzione significativa della popolazione giovane.

Nel 2023 nascite al minimo storico in Italia

Il 2023 ha segnato un triste record per l’Italia, con un nuovo minimo storico di nascite registrato nel paese. Nonostante una riduzione dei decessi dell’8% rispetto all’anno precedente, il saldo naturale della popolazione rimane fortemente negativo. Questo declino è attribuibile principalmente alla diminuzione della fecondità, con il numero medio di figli per donna che scende a 1,20 nel 2023, avvicinandosi al minimo storico registrato nel lontano 1995. È interessante notare che, mentre la fecondità delle donne italiane si attesta a 1,18 figli, quella delle straniere raggiunge 1,86, mostrando una differenza significativa.

Le sfide demografiche riguardano principalmente le nuove generazioni, che si trovano ad affrontare difficoltà sempre maggiori. L’analisi dell’Istat evidenzia un cambiamento nei comportamenti dei giovani italiani, che tendono a protrarre le transizioni verso l’età adulta. Nel 2022, il 67,4% dei giovani adulti tra i 18 e i 34 anni vive ancora in famiglia, con percentuali ancora più elevate nelle regioni meridionali del paese. La transizione verso l’età adulta è più lunga e complicata, con un ritardo sia nella nuzialità che nella procreazione. Questo ritardo nella nuzialità e nella procreazione si riflette nell’età media al matrimonio, che nel 2022 ha raggiunto i 36,5 anni per gli sposi e i 33,6 anni per le spose.

Le scelte di genitorialità delle coppie italiane, che optano per meno figli e più tardi nella vita, hanno contribuito a questa situazione. Il rapporto dell’Istat mette in luce come le transizioni verso l’età adulta si siano prolungate nel tempo, con un aumento dell’età media al matrimonio e alla prima procreazione. Inoltre, si evidenzia una tendenza al posticipo della nuzialità e della procreazione, con conseguenze significative sulla struttura familiare e sul tessuto sociale.

Un dato sorprendente è la stima fornita dall’Istat, secondo cui mancano circa 200.000 bambini in Italia a causa delle scelte di genitorialità delle coppie italiane degli ultimi decenni. Questo calo significativo delle nascite ha radici profonde e riflette le decisioni delle generazioni passate, che hanno optato per una maternità tardiva e un minor numero di figli. Queste tendenze si perpetuano ancora oggi, contribuendo al continuo declino demografico del paese.

Le previsioni demografiche indicano uno scenario inquietante di spopolamento e invecchiamento della popolazione nel prossimo mezzo secolo: entro il 2042, la popolazione italiana potrebbe ridursi di circa 3 milioni di unità, e in 50 anni, entro il 2072, potremmo assistere a una diminuzione di oltre 8,6 milioni.

Nonostante la diminuzione della popolazione autoctona, l’Italia ha visto un rallentamento del declino demografico grazie all’immigrazione. L’ingresso di nuovi cittadini contribuisce a mantenere stabile la popolazione residente; inoltre, l’Italia rimane uno dei paesi con la maggiore longevità al mondo, un dato incoraggiante nonostante le sfide demografiche.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Demografica

Infertilità, colpita una coppia su sette in Svizzera

Published

on

L’infertilità in Svizzera colpisce una coppia su sette. Negli ultimi anni, questo problema ha raggiunto portata globale, configurandosi come un tema di salute pubblica. L’accesso alle tecnologie che consentono la riproduzione assistita, però, è spesso limitato dai costi elevati o da legislazioni severe.

L’Oms ha definito la sterilità come l’incapacità di concepire dopo 12 mesi o più rapporti sessuali regolari non protetti. Si configura, quindi, come un problema che causa disagio, stigma e anche difficoltà finanziare, coinvolgendo il 18% degli adulti in tutto il mondo. In Svizzera, stime nazionali riportano che circa il 15% delle coppie siano colpite da infertilità. Ogni anno, tra le 3 mila e le 4 mila donne avviano un programma di fecondazione assistita o congelamento degli ovuli.

Infertilità e pma

L’infertilità è uno dei disturbi cronici più comuni nelle persone in età fertile. Le stime dell’Oms riportano che la diffusione del fenomeno può variare dal 10% al 20% a seconda della regione del mondo. In Europa, ad esempio, pare ne siano colpite 25 milioni di persone.

Sulle cause, la ricerca medica gioca un ruolo di prim’ordine nell’analisi quotidiana di quei fattori non ancora individuati. Stile di vita, esposizione climatica, problemi al sistema riproduttivo: l’aumento dell’infertilità viaggia di pari passo anche con l’età delle madri al primo figlio, sempre in aumento e con sempre meno probabilità di riuscire ad avere un bambino senza l’ausilio delle tecniche di procreazione medicalmente assistita.

In Svizzera la fecondazione in vitro, però, non è coperta dall’assicurazione sanitaria ordinaria e fa i conti con un aumento notevole delle coppie svizzere sterili che cercano trattamenti di questa natura e che sono costretti ad andare all’estero. Anche una legislazione restrittiva, oltre i costi elevati, contribuisce a rendere dispendiosa in termini di salute mentale, la scelta di avere un figlio in modo non del tutto naturale. Alcuni paesi, come la Repubblica Ceca, la Danimarca e soprattutto la Spagna, sono specializzati nell’accoglienza di cittadini provenienti da tutta l’Europa che sperano di avere dei figli.

Oltre i confini della Svizzera si diffonde l’idea che i governi dovrebbero fare qualcosa per combattere l’infertilità nell’ambito delle loro politiche familiari. Tomas Sobotka, vicedirettore dell’Istituto di demografia di Vienna, ha dichiarato che “è fondamentale che le persone che ne hanno bisogno abbiano accesso ai trattamenti per l’infertilità”.

Preoccupati per il calo dei tassi di natalità nei loro paesi, alcuni governi sembrano pronti ad andare in questa direzione. Il Giappone ha annunciato nel 2022 che il sistema di assicurazione sanitaria pubblica giapponese ora coprirà diverse tecnologie utilizzate per la Pma, così come alcune città cinesi e province canadesi. Per non parlare del piano di Emmanuel Macron in Francia, dedicato proprio alla costante analisi della fertilità dei giovani con check up gratuiti e supporto alla genitorialità con incentivi.

Il calo demografico svizzero

Per più di un secolo la Svizzera ha conosciuto una crescita demografica continua e spesso forte. Il 1978 è stato l’ultimo anno in cui si registrato un calo demografico. Tra il 2010 e il 2020, i tassi di crescita annuali sono stati per lo più superiori all’uno per cento, a partire dal 2018 leggermente inferiori. Le cifre pubblicate l’anno scorso dall’Ufficio federale di statistica (UST) hanno comunque sorpreso: nel 2022, il tasso di fecondità è sceso al di sotto dell’1,4, il livello più basso dal 2001. Questo nonostante 9 persone su 10 vorrebbero, idealmente, avere almeno due figli, in linea con la tendenza di tanti altri Paesi con medio o alto reddito.

Continue Reading

Demografica

Attacco hacker russo a Snylab: dati sanitari di migliaia di...

Published

on

L’attacco hacker russo a Snylab tocca uno degli aspetti più avvertiti dalla popolazione nell’ultimo decennio: la “privacy”. Con l’avanzamento della tecnologia, del digitale e dei meccanismi di tracciamento, i cittadini sanno che i propri dati personali sono esposti.

Se poi si tratta di dati sanitari, che la legge fa rientrare nei “dati personalissimi”, la situazione diventa ancora più delicata, come quella che riguarda migliaia di pazienti italiani vittime dell’attacco a Synlab, una tra le principali aziende sanitarie private d’Italia e d’Europa.

L’attacco hacker russo a Snylab

Dati personali, referti, esami diagnostici e documenti d’identità di migliaia di italiani sono stati sottratti lo scorso 18 aprile dagli archivi di Snylab. L’attacco hacker è stato sferrato da un gruppo di matrice russa denominato Black Basta e rischia di essere solo la prima puntata di un massiccio attacco russo studiato da Putin contro l’Occidente, in programma verso la fine dell’estate.

Non si sa ancora il numero precise dei pazienti vittime dell’attacco hacker russo, e ciò che si sa è mastodontico: sono stati pubblicati sul dark web dati sanitari per 1,5 terabyte. Negli oltre 380 laboratori di Synlab, distribuiti in Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Campania e Toscana, si eseguono ogni anno circa 35 milioni di esami e l’azienda ha comunicato che si impegnerà a “informare opportunamente i soggetti coinvolti”.

Dopo l’attacco di aprile, il gruppo Black Basta aveva chiesto un riscatto all’azienda, minacciando di pubblicare i dati qualora non fosse stato pagato. Synlab aveva ribadito di non essere disposta a pagare e quindi, il 14 maggio, i dati sono stati pubblicati dall’organizzazione russa sul dark web.

Radiografie, ecografie, analisi del sangue con tanto di nome e cognome e altri dati personali dei pazienti sono ora alla mercè di chiunque. Ma anche domicili, numeri di telefono e altri dati sono a rischio. Un danno difficile da misurare. Queste informazioni, inoltre, vengono spesso utilizzate per orchestrare altri reati, a partire dalle truffe online.

Il contesto

Che la sicurezza digitale sia sempre più a rischio lo ha sottolineato anche la presidente della Commissione Ue von der Leyen al Summit per la Democrazia di Copenaghen: “Una volta rilevate informazioni o propaganda maligne, dobbiamo garantire che vengano rapidamente rimosse e bloccate. Questo è il ruolo delle piattaforme online, che ora hanno una serie di responsabilità. Dobbiamo essere vigili e intransigenti nel garantirne la corretta applicazione. Non è solo una responsabilità morale, ma è diritto dell’Ue. Ora, a mano a mano che le cose evolvono, dobbiamo valutare se ciò è sufficiente” (cosa è lo “Scudo per la Democrazia”).

A tal proposito, il governo italiano è al lavoro per potenziare la crescita digitale e la cybersecurity. 623 milioni di euro, attinti ai fondi del Pnrr, andranno a rafforzare la sicurezza informatica, mentre poco più di un miliardo di euro è stato investito nel 2022 per prodotti e servizi nel settore.

Gli attacchi hacker alle istituzioni italiane

Stando ai dati raccolti nel 2023 dal rapporto Clusit, l’Associazione italiana per la sicurezza informatica, i casi di attacchi hacker sono aumentati notevolmente dal 2018 al 2022 e già nel primo semestre del 2023 si erano verificati diversi episodi, di cui quattro hanno interessato portali nell’orbita del governo.

Già nel 2022, in Italia gli attacchi hacker erano aumentati del 169% rispetto all’anno precedente.

A marzo 2023 i siti ufficiali della Camera, dei Ministeri di Difesa, Esteri e Trasporti e dell’esecutivo sono stati bersaglio di un attacco del tipo DDoS, una tipologia di attacco che inonda gli indirizzi IP dei server in questione con richieste di accesso finte per sovraccaricare tali pagine fino a mandarle fuori uso. Un attacco analogo ha colpito anche il Ministero del Made in Italy qualche mese più tardi, a maggio. Ad agosto scorso il Ministero della Giustizia è stato oggetto di un pericoloso attacco di tipo ransomware: i pirati informatici hanno bloccato l’accesso al sito richiedendo un riscatto al governo, affinché ottenesse nuovamente l’accesso ai dati.

Ma gli attacchi hacker russi sono sempre più frequenti. L’ultimo in ordine cronologico è di pochi giorni fa, quando a inizio maggio gli hacker filorussi del gruppo Noname hanno messo nel mirino il sito personale della presidente del Consiglio Giorgia Meloni e dei ministeri dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture. Soprattutto in questi tipi di attacco, i gruppi filorussi puntano alla propaganda contro i Paesi che aiutano l’Ucraina.

Come difendersi da attacchi hacker

Evitare del tutto questi attacchi è, ad ora, impossibile. Cittadini e istituzioni possono però ridurre al minimo i danni per garantire i propri dati personali sul web, in un contesto in cui il 96% delle persone è ogni giorno in rete.

In via preventiva si può:

Installare sistemi antivirus aggiornati, ma non affidarsi solo a quelli “tradizionali” che spesso non sono più sufficienti;
formare il personale a tutti i livelli, perché un errore di una sola persona può compromettere i dati di tutta l’azienda;
effettuare regolarmente backup dei dati su supporti esterni e offline;
aggiornare sempre i sistemi operativi e le applicazioni con le ultime patch di sicurezza;
utilizzare password complesse e cambiarle periodicamente;
diffidare di email, link e allegati sospetti che potrebbero contenere malware.

La situazione diventa più complessa quando l’attacco si è già subito, per cui è cruciale fare in modo che nel web gli hacker trovino meno dati possibili. Dopo aver subito un attacco hacker:

Anche pagando il riscatto chiesto dai cybercriminali non c’è alcuna garanzia di recuperare i dati;
denunciare l’accaduto alle autorità competenti;
contattare un esperto di cybersecurity per analizzare l’attacco, capirne la fonte e ripristinare i sistemi;
cambiare immediatamente tutte le password compromesse;
monitorare attentamente i propri conti bancari e carte di credito per individuare eventuali transazioni sospette;
in caso di aziende o istituzioni, informare eventuali clienti e partner coinvolti.

Quello a Snylab è solo l’ultimo attacco russo, ma il tempo stringe e la sicurezza digitale diventa una priorità politica per tutti i cittadini italiani ed europei.

Continue Reading

Demografica

Giornata Internazionale contro l’Omofobia, impatti e...

Published

on

Nel panorama globale, la lotta contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia non può essere ignorata né minimizzata. Queste forme di discriminazione non solo violano i diritti umani fondamentali, ma hanno anche impatti significativi sul tessuto stesso delle nostre società. Oggi 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Bifobia e la Transfobia (IDAHOBIT – International Day against Homophobia, Biphobia, Transphobia) che non rappresenta solo una celebrazione simbolica, ma costituisce un momento cruciale per riflettere sulle sfide ancora presenti e per rinnovare il nostro impegno per una maggiore tolleranza e inclusione.

L’omofobia e la transfobia non sono semplicemente questioni personali o individuali; esse minano i fondamenti stessi su cui si basa una società civile e progressista. Queste forme di discriminazione non solo danneggiano direttamente le persone LGBTQ+ che ne sono vittime, ma minano anche i valori di uguaglianza e tolleranza su cui dovrebbero essere fondate le nostre comunità.

Dal microcosmo delle relazioni personali al macrocosmo dei contesti lavorativi e istituzionali, l’omofobia, la bifobia e la transfobia persistono come ostacoli significativi sulla strada verso una società veramente inclusiva e rispettosa della diversità. Queste manifestazioni di discriminazione non solo infliggono ferite emotive e psicologiche profonde, ma hanno anche effetti corrosivi sul tessuto sociale, minando la coesione e il benessere di intere comunità.

Definendo le discriminazioni

Definire le discriminazioni è fondamentale per comprendere appieno la complessità delle sfide che affrontano le persone LGBTQ+ nella loro lotta per l’uguaglianza e il rispetto. Questi termini non sono solo etichette; rappresentano le manifestazioni tangibili di pregiudizio e oppressione che molte persone affrontano quotidianamente.

L’omofobia è un termine che descrive la paura, l’odio o la discriminazione rivolta verso le persone lesbiche, gay e bisessuali. Si tratta di una forma di discriminazione che può manifestarsi in vari modi, dall’uso di linguaggio offensivo e stereotipi dannosi, fino a violenze fisiche e discriminazioni istituzionali. L’omofobia crea un clima di intolleranza e ostracismo che può avere gravi conseguenze sul benessere e sulla sicurezza delle persone LGBTQ+.

La bifobia riguarda la discriminazione e il pregiudizio nei confronti delle persone bisessuali. Queste persone sono spesso oggetto di negazione o ignoranza della propria identità sessuale da parte sia della comunità eterosessuale che di quella LGBTQ+. La bifobia può derivare da stereotipi che dipingono le persone bisessuali come indecise o promiscue, contribuendo a un clima di discriminazione e alienazione.

La transfobia è una forma di discriminazione rivolta verso le persone transgender, non binarie o di genere non conforme. Queste persone possono essere soggette a pregiudizi, violenze ed esclusioni basate sulla loro identità di genere. La transfobia può manifestarsi attraverso discriminazioni sul posto di lavoro, accesso limitato ai servizi sanitari, discriminazioni legali e violenze fisiche o verbali.

L’impatto demografico delle discriminazioni LGBTQ+

Le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere non solo minano i diritti umani fondamentali, ma hanno anche un impatto significativo sulle dinamiche demografiche delle comunità e delle società. Le persone LGBTQ+ possono essere soggette a discriminazioni sistematiche e strutturali nel lavoro, nell’accesso ai servizi sanitari e nei contesti sociali, influenzando profondamente le loro decisioni di vita.

Decisioni di vita e famiglia

Le discriminazioni possono influenzare le scelte riguardanti la convivenza, il matrimonio e la genitorialità tra le persone LGBTQ+. La mancanza di protezioni legali e di supporto sociale può ostacolare la formazione di relazioni stabili e la creazione di famiglie, limitando così le opportunità di realizzazione personale e di sviluppo familiare.

Fertilità e natalità

La segregazione e l’isolamento sociale possono anche influenzare la fertilità e la natalità tra le persone LGBTQ+. La mancanza di accesso a servizi di salute riproduttiva adeguati e la discriminazione possono scoraggiare le persone LGBTQ+ dal formare famiglie, limitando così il tasso di natalità all’interno di queste comunità.

Impatti sulla composizione demografica

Queste dinamiche possono avere impatti significativi sulla composizione demografica delle comunità e delle società. La mancanza di inclusione e di supporto può portare a una diminuzione della popolazione LGBTQ+ all’interno di determinate aree geografiche, con possibili conseguenze sulla diversità e sulla ricchezza culturale delle stesse.

Gli stereotipi e l’ignoranza

Le discriminazioni LGBTQ+ sono spesso radicate in stereotipi, ignoranza e rigidità culturale. L’educazione e la consapevolezza sono strumenti cruciali per combatterle, poiché contribuiscono a sfidare i pregiudizi e a promuovere un clima di rispetto e inclusione.

La situazione in Italia

Recenti dati rilasciati da Gay Help Line evidenziano una realtà allarmante riguardante l’omofobia, la bifobia e la transfobia in Italia. Nel corso dell’ultimo anno, su un totale di 21.000 contatti registrati dal servizio su tutto il territorio nazionale, il 53% delle persone ha subito violenze. Questo dato preoccupante conferma che tali forme di discriminazione continuano a crescere, con un impatto sociale negativo significativo sulla comunità LGBTQ+ italiana.

L’Italia si trova al 36º posto su 48 paesi europei monitorati per quanto riguarda la gestione dell’omofobia e della transfobia. I dati indicano che il 36% delle violenze avviene all’interno della famiglia, con una percentuale ancora più alta tra i giovani e gli adolescenti. Il coming out in famiglia ha spesso scatenato reazioni violente, con il 32,3% dei casi segnalati dalla Gay Help Line che hanno visto una risposta aggressiva da parte dei parenti, e il 27% delle vittime sono minori di età compresa tra gli 11 ei 18 anni.

Le violenze familiari contro i minori, in seguito al coming out, sono aumentate fino al 26,7%, mentre nel 27% dei casi sono stati riportati attacchi a coppie dello stesso sesso in luoghi pubblici come i trasporti e i locali della comunità LGBTQ+. Inoltre, il fenomeno delle rapine violente ai danni di ragazzi omosessuali ha visto un aumento significativo, rappresentando il 5,4% dei casi registrati, soprattutto nelle regioni del Lazio e dell’Umbria.

Le risposte delle istituzioni

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sottolineato l’importanza dei principi di eguaglianza e non discriminazione sanciti dalla Costituzione italiana, evidenziando la necessità di combattere l’intolleranza e garantire la piena realizzazione di ogni persona umana. Il Capo dello Stato ha ribadito che l’omotransfobia mina la convivenza democratica e ha richiamato l’attenzione sulle violenze e gli atti discriminatori che molte persone LGBTQ+ continuano a subire nel paese. “L’Italia non è immune da episodi di omotransfobia: persone discriminate, schiacciate da pregiudizi, che spesso sfociano in inaccettabili discorsi d’odio, aggredite verbalmente e fisicamente. Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità. La violenza dei giudizi, di cui tanti cittadini sono vittime solo per il proprio orientamento sessuale, rappresenta un’offesa per l’intera collettività” ha dichiarato il Presidente della Repubblica in occasione della Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Transfobia e la Bifobia.

L’impegno delle Istituzioni deve essere orientato a fornire, soprattutto alle nuove generazioni, gli strumenti per comprendere le diversità delle esistenze e delle diverse esperienze umane, per una società inclusiva e rispettosa delle identità“, conclude il Capo dello Stato nel suo messaggio.

La premier Giorgia Meloni ha sottolineato l’impegno del governo nel contrastare ogni forma di discriminazione, violenza e intolleranza, assicurando il supporto alle vittime e la promozione di una società inclusiva e rispettosa delle identità. Meloni ha inoltre evidenziato l’importanza di mantenere alta l’attenzione sulle persecuzioni e gli abusi legati all’orientamento sessuale anche a livello internazionale, ribadendo il ruolo dell’Italia nel combattere queste ingiustizie: “Discriminazioni e violenze inaccettabili, che ledono la dignità delle persone e sulle quali i riflettori non devono mai spegnersi. Anche su questo fronte, il governo è, e sarà, sempre in prima linea“.

La Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Bifobia e la Transfobia è molto più di una celebrazione simbolica; è un richiamo all’azione per affrontare le ingiustizie e promuovere la tolleranza e l’inclusione. L’omofobia, la bifobia e la transfobia non solo minano i diritti umani fondamentali, ma hanno anche impatti significativi sulle dinamiche demografiche e sociali.

Affrontare queste forme di discriminazione è essenziale per costruire un mondo in cui ogni individuo possa vivere pienamente e autenticamente, contribuendo così a una società più equa, prospera e sostenibile per le generazioni presenti e future.

Continue Reading

Ultime notizie

Sport3 ore ago

Allegri, Giletti: “Era solo in una Juve...

"In finale di Coppa Italia ho visto una ferocia inaudita" "Io ero lì mercoledì, a pochissimi metri, c'è un primo...

Ultima ora3 ore ago

Giro d’Italia, oggi quattordicesima tappa: orario,...

Si corre la crono di 31 km da Castiglione delle Stiviere a Desenzano del Garda Il Giro d'Italia 2024 propone...

Ultima ora3 ore ago

Ucraina, Zelensky manda i detenuti in guerra. Russia:...

Kiev vara la legge per aumentare gli uomini al fronte. Putin: "Non vogliamo arrivare a Kharkiv" L'Ucraina si prepara a...

Spettacolo3 ore ago

Verissimo, ospiti puntate oggi sabato 18 maggio e domani...

Oggi ampio spazio ai finalisti di amici Amici, con i 6 finalisti, 'invade' Verissimo nella puntata di oggi, sabato 18...

Cronaca3 ore ago

Maltempo, oggi tregua meteo ma ancora allerta rossa in...

La pioggia inizia a mollare la presa ma la guardia resta alta sul territorio Il maltempo comincia a mollare la...

Cronaca4 ore ago

Vercelli, bimbo di 5 mesi ucciso dal pitbull di famiglia

Il bimbo aggredito mentre si trovava in braccio a un familiare Un bimbo di 5 mesi ucciso dal pitbull di...

Sport5 ore ago

Allegri, dopo l’esonero il messaggio di Andrea...

"Un mix straordinariamente unico: superbia e umanità che si fondono continuamente durante un viaggio decennale" Un tweet dell'ex presidente all'ex...

Politica5 ore ago

Omofobia, Roccella: “Italia non firma dichiarazione...

La ministra: "Noi in prima linea contro discriminazione". Schlein attacca: "Posizione inaccettabile" "Noi siamo molto chiari: il nostro governo ha...

Cronaca6 ore ago

Superenalotto, numeri combinazione vincente oggi 17 maggio

Si torna a giocare domani, sabato 18 maggio, per l'ultima estrazione della settimana Nessun '6' né '5+1' nell'estrazione del Superenalotto...

Cronaca6 ore ago

Franco Di Mare ha sposato Giulia Berdini prima di morire....

Il giornalista e storico inviato Rai è morto oggi a 68 anni per mesotelioma Franco Di Mare ha sposato la...

Spettacolo7 ore ago

Festival lirico Teatri di Pietra 2024, le anticipazioni

Sarà la “meraviglia” a contraddistinguere la nuova edizione del Festival Lirico dei Teatri di Pietra diretto da Francesco Costa e...

Sport7 ore ago

Allegri, l’esonero e il comunicato: Juve chiude con...

Una nota gelida per liquidare l'allenatore. Giuntoli prepara l'era di Thiago Motta Dieci righe durissime. La Juventus ufficializza l'esonero di...

Spettacolo7 ore ago

‘Amici’ macchina per talenti anche se non si...

Molti artisti, pur non avendo conquistato il primo posto, hanno costruito una straordinaria carriera. L'esempio di Angelina Mango e Annalisa...

Cronaca8 ore ago

Morto il giornalista Franco Di Mare: una vita tra reportage...

Franco Di Mare, noto giornalista e volto della Rai, si è spento a Roma all’età di 68 anni. La notizia,...

Cronaca8 ore ago

Franco Di Mare e il mesotelioma, 2mila casi all’anno...

Si tratta di un tumore raro 'molto cattivo' che colpisce con maggiore frequenza gli uomini. Quasi sette su dieci sono...

Esteri8 ore ago

Filippo Mosca, confermata in appello condanna a 8 mesi di...

Il giovane, originario di Caltanissetta e detenuto da oltre un anno nel Paese, si è sempre detto innocente. A marzo...

Lavoro8 ore ago

Digithon 2024, al via call for ideas per 100 startup fino...

Per intercettare i migliori nuovi progetti che si confronteranno nel corso della 9ª edizione della competition, in programma dal 5...

Sport8 ore ago

Giro d’Italia, Milan vince tredicesima tappa e...

La maglia ciclamino conquista il terzo successo Jonathan Milan ha vinto oggi in volata la tredicesima tappa del Giro d'Italia,...

Politica9 ore ago

Europee, Mannheimer: “Mancato duello tv...

Lo dice il sondaggista all'Adnkronos: "Sicuramente avrebbe attirato voti sui partiti principali delle due aree di riferimento" Il mancato confronto...

Ultima ora9 ore ago

Franco Di Mare, Fabio Fazio commosso: “E’ un...

Meno di un mese fa, il 28 aprile, il giornalista aveva parlato della sua malattia in una puntata di Che...