Connect with us

Politica

Partiti, Follini: “Anni di antipolitica e questione...

Published

on

Partiti, Follini: “Anni di antipolitica e questione morale ancora attuale”

Il punto di vista di Marco Follini per Adnkronos

Marco Follini

"Gli occhi di Berlinguer che ci guardano dalle tessere del Pd, appena stampate, ci ricordano che la 'questione morale' è ancora attuale (e controversa), come a quei tempi. E per chi fosse tentato di rimuovere l’argomento, provvede la cronaca quotidiana dei nostri giorni a segnalarci come il malaffare abbia affermato ormai un suo paradossale diritto di cittadinanza nelle contrade della nostra vita pubblica.

Non passa giorno senza che le cronache politico-giudiziarie ci raccontino la criticità di questa situazione. Certo, occorrerebbe sempre attendere l’esito dei processi per decretare innocenze e colpevolezze. E sarebbe il caso di non dimenticare le troppe volte in cui agli annunci e ai sospetti abbia poi fatto seguito un certo numero di assoluzioni. Resta il fatto però che dagli episodi di questi giorni promana nell’insieme un sentore di malcostume che non sembra certo deporre a favore della limpidezza della politica.

Dunque, attendiamo pazientemente l’esito di tutte queste vicende. Imparando a distinguere un caso dall’altro e possibilmente evitando di fare di ogni erba un fascio. Ma senza lasciarsi andare né a un’eccessiva indulgenza né a un eccessivo ottimismo.

Nel frattempo converrà forse chiedersi come mai anni e anni di prediche e di denunce ci abbiano lasciato infine al punto di prima. Quasi che una certa disinvoltura negli affari pubblici sia un destino a cui il nostro paese non trova mai il modo di sottrarsi. Magari passando da una parte all’altra a seconda di come di volta in volta cambiava il vento elettorale.

Personalmente non ho mai creduto che la corruzione, o almeno la disinvoltura, fosse il dubbio privilegio di una parte piuttosto che dell’altra. Galantuomini e faccendieri si distribuiscono da tempo lungo tutto l’arco delle posizioni politiche. E se una volta si poteva pensare che il destino di governo degli uni e di opposizione degli altri, secondo i canoni di una democrazia senza ricambio, scavasse una sorta di differenza etica, ora di quella differenza non c’è traccia. Semmai si può segnalare come la gran parte degli amministratori finiti sotto il tiro delle indagini si siano messi in mostra anche per l’estrema disinvoltura con cui, negli anni, sono passati da un partito all’altro portando in dote i loro voti ma anche, si teme, i loro affari. O almeno, le loro clientele.

Lasciamo da parte, quindi, gli argomenti che hanno segnato il destino della prima repubblica -che pure non meritava affatto il vituperio di cui è stata oggetto. E cerchiamo piuttosto di capire perché la seconda e la terza edizione della nostra esperienza repubblicana non si sono rivelate affatto migliori -anzi, tutt’altro. Il fatto è che anni e anni di predicazione antipolitica, anni e anni di questioni morali malamente invocate e utilizzate con spirito di parte, anni e anni di sospetti diffusi a piene mani, anni e anni improntati ad una estrema sfiducia verso quanti si dedicavano alla cosa pubblica, insomma anni e anni così come li abbiamo vissuti e soprattutto raccontati, invece che migliorare le cose hanno prodotto risultati ancora peggiori. Segno che magari il giustizialismo non arreca maggiore giustizia e che il moralismo non contiene maggiore morale. Il minimo che se ne possa dire è che la descrizione della politica come sentina dei vizi del paese non ha affatto prodotto quella virtù che andavamo cercando non si sa bene dove.

Piuttosto dovremmo considerare che forse c’era qualcosa di sbagliato proprio in alcuni dei rimedi che andavamo cercando. Lo spirito antipolitico che ha improntato questi ultimi tempi ci ha portato infatti verso due esiti assai discutibili, tutti e due. Da un lato ci ha fatto pensare che l’attività pubblica fosse una cosa disdicevole in sé e per sé, spingendo molte persone lungo la china del disimpegno. Dall’altro ci ha convinto che il rimedio migliore fosse quello della semplificazione e verticalizzazione della catena di comando, generando infine l’illusione che le leadership solitarie e assertive che ormai vanno di moda fossero l’unico modo per sbrogliare tutta questa matassa.

Così, con le migliori intenzioni, abbiamo finito per peggiorare le cose. La cronaca di questi giorni ce lo ricorda in modo perfino impietoso".

(di Marco Follini)

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Politica

M5S, Grillo contro gli ‘Altri’: “Un...

Published

on

Nuovo post sul blog per il fondatore dei Cinquestelle: "Ho coperto l’esistenza di un altro me, anzi di centomila odiosissimi e cattivissimi altri me"

Beppe Grillo - Fotogramma

"Da quando mi vedo negli Altri non mi sopporto più. Ogni Altro mi mostra un me che mi è estraneo e detestabile. Così ho scoperto l’esistenza di un altro me, anzi di centomila odiosissimi e cattivissimi altri me". Inizia così l'ultimo post di Beppe Grillo sul suo blog, dedicato all'attacco degli 'Altri'.

"Ho provato - scrive il fondatore pentastellato - a consolarmi pensando che chi mi detesta deve essere altrettanto odioso e cattivo. Ma poi mi sono ricordato che di Altri ne ho stroncati tantissimi anch’io: chi sono io per giudicarli? Soprattutto se a giudicarli è un odiosissimo e cattivissimo me? Il mio pensiero è diventato circolare e si è avviluppato. Sicché mi sono intervistato, e ho aspettato… Per rivedere negli Altri gli odiosissimi e cattivissimi me che avevo già visto mille altre volte. Ma chi sono gli Altri? Persone come me. Dunque anche loro sono odiosissimi e cattivissimi? Eh no, questa volta non ci casco: voglio pensare che siano persone ferite, fragili, tormentate e bisognose".

"C’è l’Altro - aggiunge - che tiene famiglia e non può accettare che ciò che gli è stato ingiustamente dato gli sia giustamente tolto. C’è l’Altro che ha vinto la lotteria delle elezioni e non vuole cedere il passo. C’è l’Altro che dice tutto e il contrario di tutto per non scontentare nessuno, finendo per scontentare tutti. C’è l’Altro buono solo a criticare gli Altri. E così via. Non c’è nulla di male, sia chiaro, perché siamo tutti così. Per questo dobbiamo amare gli Altri come amiamo noi stessi. D’altronde siamo gli animali più egocentrici del pianeta. Non è colpa nostra. Senonché è proprio dalla coscienza di ciò che sono gli Altri, e dunque ciò che siamo noi, che dovremmo fondare le nostre regole. Siamo i pazzi che ci hanno provato per davvero, al punto da invocare la nostra fine una volta finito il lavoro".

"Forse - conclude Grillo - arriverà un giorno in cui le istituzioni non saranno infestate dagli Altri, in cui non ci affideremo più a pifferai e decideremo autonomamente il nostro destino, in cui penseremo al futuro dei giovani e non dei vecchi. Forse, ma non è oggi questo giorno".

Continue Reading

Politica

Elezioni comunali 2024, seggi aperti fino alle 15

Published

on

Dopo inizierà lo spoglio delle schede

Urne ancora aperte per i ballottaggi fino alle 15 per il secondo turno della Amministrative. Dopo inizierà lo spoglio delle schede. Alle 23 di ieri affluenza al 37%, in calo rispetto al primo turno.

Continue Reading

Politica

Pnrr, Meloni: “Smentiti pronostici negativi, avanti...

Published

on

La presidente del Consiglio: "Italia al primo posto in Ue per obiettivi raggiunti e avanzamento finanziario. Primi a chiedere sesta rata, doppio primato"

Giorgia Meloni - (Fotogramma)

"Più di qualcuno, fuori da qui, aveva formulato pronostici negativi e aveva scommesso che con questo governo il Pnrr sarebbe fallito, e che avremmo perso i soldi dell’Europa. Con il nostro lavoro di questi mesi abbiamo smentito quei pronostici, e abbiamo dimostrato che si sbagliavano e che abbiamo tutte le carte in regola centrare un obiettivo molto ambizioso: portare a compimento l’intero Piano, e utilizzare nel modo meglio le risorse europee". Così Giorgia Meloni, in un passaggio del suo intervento in cabina regia a Palazzo Chigi sul Pnrr, sottolineando che "la Cabina di regia di oggi è chiamata ad avviare la procedura per richiedere alla Commissione europea il pagamento della sesta rata del Pnrr da 8,5 miliardi di euro".

"È un momento molto importante, perché questo ci consente di centrare un doppio primato e di essere la prima Nazione in Europa a richiedere il pagamento della sesta rata, dopo essere stati anche i primi a richiedere la quinta", ha quindi sottolineato affermando poi: "Arriviamo a questo appuntamento dopo un lavoro complesso e molto impegnativo, soprattutto negli ultimi giorni".

"Non aggiungo altro, se non ribadire che la messa a terra del Pnrr rimane una priorità assoluta dell’intero governo - ha proseguito Dobbiamo essere fieri di ciò che siamo riusciti a fare in questo anno e mezzo, e andare avanti così. E continuare a mettere nel nostro lavoro quotidiano quella stessa determinazione, costanza e la attenzione che ci hanno consentito di essere i primi in Europa per obiettivi centrati e avanzamento finanziario"

"I dati di questi giorni sul Pil e sull’incremento dell’occupazione, che vedono il Mezzogiorno crescere di mezzo punto in più rispetto alla media nazionale rappresentano un ulteriore stimolo ad intensificare la pianificazione di politiche virtuose, finalizzate a colmare concretamente i divari territoriali di competitività e produttività della Nazione. Anche per la sesta rata come accaduto per la quinta l’Italia è il primo a livello europeo a presentare la sesta richiesta di pagamento", ha detto inoltre la premier che ha ringraziato "il ministro Fitto e la Struttura di missione per aver coordinato una settimana particolarmente intesa di incontri tecnici con la delegazione della Commissione europea per il monitoraggio e la verifica dello stato di avanzamento del Piano".

"Ci lasciamo, quindi, alle spalle un lavoro estremamente produttivo, che ha permesso di confermare un risultato di cui andiamo orgogliosi: l’Italia è al primo posto in Europa per obiettivi raggiunti e avanzamento finanziario del Pnrr. Primato certificato dalla Valutazione a medio termine della Commissione europea, e che è frutto dei tanti traguardi che abbiamo superato in questi mesi, come la revisione e l’approvazione del nuovo del Pnrr comprensivo anche del REPowerEU e il pagamento della terza e della quarta rata, per un totale di 35 miliardi di euro. Siamo ora in attesa che la Commissione europea adotti la valutazione positiva per il pagamento della quinta rata, e se la valutazione sarà positiva come siamo sicuri che sia il via libera di Bruxelles ci consentirà di incassare altri 10,6 miliardi di euro e far salire complessivamente le risorse ricevute a oltre 113 miliardi sui 194,4 stanziati dalla UE per il Pnrr italiano", ha sottolineato il premier.

Continue Reading

Ultime notizie

Ultima ora5 minuti ago

Padova, bimba di 3 anni cade e muore in un canale di scolo

La piccola, che era in compagnia del padre e altri amici per un pic-nic, si è allontanata sfuggendo alla vigilanza...

Ultima ora9 minuti ago

Travolti e uccisi da un treno, muoiono sul colpo un uomo e...

L'incidente ferroviario a San Zeno Naviglio Un uomo e una donna sono morti travolti da un treno a San Zeno...

Ultima ora17 minuti ago

Coppia di coniugi uccisa in casa a Fano, ascoltato il figlio

A chiamare i soccorsi stato proprio il 40enne, che vive nell'appartamento al piano superiore Lui riverso sul letto, con la...

Immediapress18 minuti ago

HKSTP’s Startup BioMap Secured Funding from HKIC for AI and...

HONG KONG SAR - Media OutReach Newswire - 24 June 2024 - Hong Kong Science Park Corporation (HKSTP) congratulates BioMap,...

Ultima ora19 minuti ago

Trovato morto in Francia l’ex prete Preynat, al centro di...

Condannato nel 2020 a cinque anni di reclusione per “violenza sessuale su minori”, era stato rilasciato con un braccialetto elettronico...

Ultima ora49 minuti ago

Incidente nella tenuta di Gatcombe Park, commozione...

La reale ricoverata al Southmead Hospital di Bristol dopo una caduta "come misura precauzionale in osservazione" La principessa Anna è...

Ultima ora50 minuti ago

Ucraina, nuove sanzioni Ue alla Russia: cosa prevede il...

Contiene nuove misure contro il gas naturale liquefatto (gnl) russo e misure contro le navi che sostengono la guerra Un...

Lavoro53 minuti ago

Welfare, Pellegrini (Aiceo): “Ceo sono agenti chiave...

La presidente: "Una sfida importante è l’impegno ancora inadeguato sulla parità di genere, un tema prioritario che necessita di sempre...

Economia1 ora ago

ManagerItalia Lombardia, Paolo Scarpa riconfermato...

L’assemblea annuale degli associati a Manageritalia Lombardia, che si è svolta il mese scorso presso gli spazi dell’Hotel Principe di...

Tecnologia1 ora ago

Gruppo fortunato di Instagram, la nuova truffa su WhatsApp:...

Il raggiro inizia con un semplice messaggio su WhatsApp, in cui la vittima viene attirata con la prospettiva di guadagnare...

Demografica1 ora ago

“Vogliamo tenere il nostro cognome”, il Giappone potrebbe...

“Nomen omen’ dicevano i romani, che credevano che nel nome della persona sia indicato il proprio destino (letteralmente, “il nome...

Spettacolo1 ora ago

Tamayo Perry, attore dei Pirati dei Caraibi muore per un...

Il corpo, mutilato del braccio e di una gamba, è stato recuperato e portato sulla spiaggia di Malaekahana, ma non...

Politica1 ora ago

M5S, Grillo contro gli ‘Altri’: “Un...

Nuovo post sul blog per il fondatore dei Cinquestelle: "Ho coperto l’esistenza di un altro me, anzi di centomila odiosissimi...

Salute e Benessere1 ora ago

Vitiligine, dermatologo Paro Vidolin: “Sì al sole ma...

'Ad alta protezione per raggi Uva e Uvb, esposizione da evitare tra le 12 e le 16' Le persone che...

Salute e Benessere2 ore ago

Salute, dermatologo Paro Vidolin: “Per vitiligine...

'Il primo dedicato alla patologia si applica sulla cute e può essere associato anche a fototerapia', il 25 giugno la...

Salute e Benessere2 ore ago

Scoperto nuovo gene collegato a epilessia, coinvolto anche...

La ricerca Mnesys coordinata dall'Università di Napoli per individuare trattamenti più efficaci nei bimbi Fare luce sulle alterazioni genetiche coinvolte...

Ultima ora2 ore ago

Milano, ubriaco investe e trascina con auto ragazza:...

La giovane è stata trascinata dal veicolo che proveniva da piazza Schiavone fino a piazza Bausan, per alcune centinaia di...

Demografica2 ore ago

Long-Term Care in Italia, luci e ombre delle recenti riforme

L’Italia, con un quarto della popolazione di almeno 65 anni, è uno dei paesi dove il rischio di cure sanitarie...

Cultura2 ore ago

Cultura, Sangiuliano: “Bisogna creare un grande...

'Avevo contattato direttori italiani di musei esteri ma lì stipendi più alti' "Bisogna creare un grande sistema culturale e valorizzarlo....

Economia2 ore ago

Bper Banca, a Francesco Casciaro il ‘Green Innovation...

Conferito nel corso dell'evento “Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana 2024”, presso l’Altafiumara Resort di Reggio Calabria Si è svolto presso l’Altafiumara Resort...