Connect with us

Esteri

Capri, si apre G7 di ‘pace’. Tajani:...

Published

on

Capri, si apre G7 di ‘pace’. Tajani: “Lavoriamo per de-escalation”

Al via sull'isola il vertice dei ministri degli Esteri. Tajani: "Lavoriamo per de-escalation"

Il G7 a Capri - (Afp)

Al via in una Capri il G7 dei ministri degli Esteri. Tanti i temi spinosi sul tavolo di un vertice che, parola del padrone di casa Antonio Tajani, vuole essere di "pace e stabilità". A partire dalla crisi in Medio Oriente, dove la guerra di nervi tra Iran e Israele rischia di sfociare in uno scontro aperto e di trascinare l'intera regione nel caos. E mentre, ha detto Tajani, si cerca "una soluzione per infliggere delle sanzioni all'Iran", a Gaza i negoziatori continuano a cercare affannosamente un accordo sul cessate il fuoco ed il rilascio dei prigionieri, la situazione a livello umanitario nell'enclave palestinese resta disastrosa. Collegata alla crisi a Gaza, i sette ministri degli Esteri dei 'Grandi' della Terra (Italia - che dal primo gennaio ha assunto per la settima volta la presidenza di turno - Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti) discuteranno anche della situazione nel Mar Rosso, dove gli Houthi - alleati dell'Iran - continuano a minacciare il traffico mercantile, bersagliando le navi legate a Israele.

Accordo di massima su sanzioni contro individui Iran

All'interno del G7 c'è un accordo di massima sulla necessità di imporre nuove sanzioni all'Iran per l'attacco contro Israele. Le misure restrittive, riferiscono fonti della Farnesina, andrebbero a colpire individui e personaggi che contribuiscono alla catena di rifornimento dei droni e dei missili balistici utilizzati in Ucraina, dagli Houthi nel Mar Rosso e contro Israele, che è la stessa catena di comando che li fornisce alla Russia e ai proxy di Teheran nella regione. Dal G7 che si riunisce a Capri arriverebbe un messaggio 'politico', un auspicio rivolto alla comunità internazionale. L'indicazione dovrebbe poi essere tradotta sul campo dai singoli Paesi, come nel caso degli Stati Uniti e del Regno Unito, e dall'Ue.

Tajani: "Lavoriamo per de-escalation"

"Noi lavoreremo per cercare insieme innanzitutto l'unità. Vedremo se si potrà trovare una soluzione per infliggere delle sanzioni all'Iran e di che tipo. Ieri durante la riunione dei ministri degli Esteri dell'Unione europea l'orientamento europeo era quello di dare sanzioni a chi dà missili e droni come quelli utilizzati contro l'Ucraina, contro Israele e contro i mercantili nel Mar Rosso", ha dichiarato il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, incontrando i giornalisti prima dell'inizio del vertice.

Il titolare della Farnesina ha poi sottolineato che nel bilaterale con il segretario di Stato, Antony Blinken, in programma nelle prossime ore parlerà di de-escalation in Medio Oriente. "Stiamo lavorando per una de-escalation. Ieri ho parlato a lungo con il ministro degli Esteri di Israele e gli ho detto qual era la nostra posizione", ha spiegato Tajani, che riferendosi all'attacco di Teheran ha affermato che lo Stato ebraico ha ottenuto "una vittoria militare perché il 99% dei missili e dei droni non ha raggiunto l'obiettivo e quindi ha perso l'offensiva iraniana". "Bisogna vedere cosa accadrà, che tipo di reazione ci sarà" da parte di Israele, ha proseguito Tajani, aggiungendo: "Noi ci auguriamo che prevalga sempre la prudenza. Ne parleremo certamente tutti insieme. Lavoreremo per una de-escalation".

L'Italia, come presidente del G7, lavora per la "de-escalation", ha assicurato il titolare della Farnesina, che lo scorso 12 aprile ha dato disposizione di convocare l'ambasciatore iraniano a Roma, prima che dalla Repubblica islamica partisse l'operazione 'Vera Promessa' sotto forma di centinaia di droni-kamikaze e missili, e ha ripreso il dialogo con il suo omologo della Repubblica islamica, Hossein Amir-Abdollahian. Un dialogo lungo, durato circa un'ora, segnale chiaro che l'Italia lavora per la pace.

Bilaterale Tajani-Blinken, sanzioni a Iran segnale politico a Israele

Sono un segnale politico e di solidarietà a Israele, affinché la sua reazione non mandi la situazione in Medio Oriente fuori controllo, le sanzioni all'Iran sul quale c'è convergenza all'interno del G7 Esteri. E' quanto emerso dal bilaterale a Capri tra il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, ed il segretario di Stato americano, Antony Blinken, i quali hanno concordato sulla necessità di accelerare le sanzioni contro gli individui iraniani legati alla produzione e alla commercializzazione di droni e missili balistici anche per convincere Israele alla moderazione nella sua attesa rappresaglia.

Blinken, in particolare, ritiene che il futuro di Israele sia in un contesto di integrazione politica e di sicurezza con i Paesi della regione - chiaro riferimento al processo di normalizzazione con i Paesi arabi e agli accordi di Abramo - e che questo sia l'orizzonte che Tel Aviv deve tenere ben presente qualora decidesse di reagire in maniera massiccia contro la Repubblica islamica. Uno scenario che appare sempre più probabile nonostante la contrarietà degli alleati. Il segretario di Stato ha fatto capire che i Paesi che possono continuino a dialogare con l'Iran per far capire a Teheran che l'attacco del 13 aprile, malgrado gli ayatollah lo ritengano 'telefonato', sia stato visto da Israele come una minaccia per la sua sicurezza. E l'Italia può essere uno degli interlocutori.

In merito alla crisi a Gaza, Tajani e Blinken hanno concordato sulla necessità di arrivare rapidamente a una tregua nella guerra tra Israele e Hamas, ottenere la liberazione degli ostaggi e l'ingresso massiccio di aiuti umanitari nell'enclave palestinese.

Guerra Ucraina Russia

Ampio spazio sarà dedicato poi alla crisi Ucraina: negli ultimi giorni il presidente Volodymyr Zelensky ha lanciato segnali di insofferenza per il ritardo degli alleati nel fornire aiuti militari a Kiev, mettendo in evidenza il rapido soccorso invece che è stato dato a Israele, dove un'insolita alleanza tra lo Stato ebraico, le monarchie sunnite, Washington, Londra, Parigi ed Amman - per il momento 'una tantum' - ha bloccato la scenografica rappresaglia iraniana, a sua volta una reazione al raid contro i generali dei pasdaran del giorno di Pasquetta a Damasco. Zelensky continua a premere sul Congresso americano perché sblocchi i 60 miliardi di aiuti militari che Kiev ritiene fondamentali per riequilibrare le forze sul campo di battaglia, dove la Russia continua la sua lenta avanzata ad est. A Capri ci sono anche il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, e il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg.

Stabilità dell'Indo-Pacifico

Si parlerà anche della stabilità dell'Indo-Pacifico, regione prioritaria per gli equilibri politici e per il commercio mondiale e di migrazione, con l'Italia che intende rinnovare la collaborazione con l'Africa in una chiave di partenariato paritario. Non a caso ci sarà una sessione alla quale parteciperà anche il ministro degli Esteri della Mauritania, Mohamed Salem Ould Merzoug, in quanto presidenza dell'Unione Africana. Infine troveranno spazio grandi temi globali, dalla sicurezza alimentare a quella energetica, dalla lotta ai cambiamenti climatici all'intelligenza artificiale.

Capri e Napoli blindate

Il livello di allerta a Capri e a Napoli è altissimo ed è stato ulteriormente innalzato ulteriormente negli ultimi giorni. La prefettura del capoluogo campano ha messo in campo 1.200 e 1.400 uomini, con un'attenzione particolare alla giornata di venerdì, quando a conclusione dei lavori le varie delegazioni si muoveranno verso gli aeroporti. Accanto ai reparti mobili sono schierati sommozzatori e cinofili, che eseguiranno tutte le operazioni nei luoghi interessati dalle riunioni e dagli spostamenti. Saranno utilizzati anche droni per i pattugliamenti lungo la costa e nei porti.

"Perché ho scelto Capri? Ho scelto Capri perché è una bellissima isola italiana, il fiore all'occhiello della Regione Campania e il fiore all'occhiello della città di Napoli. Un sito amato da tutti, quindi i miei ospiti hanno accolto con grande entusiasmo la decisione italiana di svolgere qui tre giorni di lavoro", ha detto Tajani, in un video girato al suo arrivo nell'isola e pubblicato sul suo account X. "Naturalmente parleremo della situazione in Medio Oriente, quello che è accaduto tra Iran e Israele, la situazione a Gaza, la situazione nel Mar Rosso, ma anche la guerra in Ucraina. Noi vogliamo sostenere la libertà e l'indipendenza di Kiev". ha aggiunto il titolare della Farnesina.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Esteri

Kharkiv ancora sotto attacco, forze Kiev controllano 60% di...

Published

on

Per le autorità "i raid son ben lontani dal fermarsi"

Attacchi a Kharkiv - (Afp)

Le Forze Armate ucraine controllano "circa il 60%" di Vovchansk, nella regione di Kharkiv, ma la zona resta nel mirino di attacchi. Lo afferma il vice governatore Roman Semenukha, in dichiarazioni rilanciate da Rbc-Ukraine. "Stiamo affrontando bombardamenti continui. Il nemico persiste nell'assalto, concentrandosi soprattutto sulle direzioni degli insediamenti di Lyptsi e Vovchansk - ha detto - Il nemico continua a cercare di allontanare le Forze Armate ucraine dal centro della città di Vovchansk. Circa il 60% della città è sotto il controllo delle Forze Armate ucraine e questo significa che gli attacchi son ben lontani dal fermarsi".

Negli ultimi mesi, le forze russe hanno preso l’iniziativa nel conflitto, mentre Kiev si trova ad affrontare una grave carenza di riserve e armi, in parte causata dallo stallo al Congresso Usa sul pacchetto di aiuti militari.

Le forze russe hanno lanciato un assalto a sorpresa nella regione di Kharkiv il 10 maggio, che ha portato alla più grande conquista territoriale in un anno e mezzo. Funzionari ucraini hanno accusato i soldati russi a Vovchansk di aver catturato dozzine di civili e di usarli come “scudi umani” per difendere il quartier generale del comando, ma la notizia non è stata ancora verificata in modo indipendente.

Bombardamenti su Kherson

I bombardamenti russi hanno ucciso una persona nella regione meridionale ucraina di Kherson. Lo ha scritto su Telegram il governatore della regione Oleksandr Prokudi , aggiungendo che nell'attacco è rimasto ferito anche un uomo di 72 anni. Kherson è stata riconquistata dalle forze ucraine alla fine del 2022, mesi dopo che le forze russe avevano invaso l’Ucraina, ma da allora la regione e la sua città più grande sono state oggetto di persistenti attacchi russi.

 

Continue Reading

Esteri

Morte Raisi, parla il marito della Nobel Mohammadi:...

Published

on

''E' Khamenei che decide e Raisi non rappresentava il Paese. Mia moglie Narges resterà in carcere''

Morte Raisi, parla il marito della Nobel Mohammadi: ''Nessun impatto in Iran, era un burattino''

''La morte del presidente della Repubblica islamica dell'Iran Ebrahim Raisi non avrà alcun impatto significativo sulla politica interna o estera del paese perché chi decide è la guida suprema Ali Khamenei'' e lui ''era un burattino''. Così il giornalista e attivista iraniano Taghi Rahmani, marito del Premio Nobel per la Pace Narges Mohammadi, ha commentato con Adnkronos la morte di Raisi in un incidente in elicottero. ''Raisi non rappresentava per niente il Paese. Durante le elezioni presidenziali la maggioranza della popolazione si è astenuta dal voto perché era scontenta del suo programma e voleva una volta per tutte andare oltre'', ha sottolineato Rahmani.

Non c'è nemmeno nessuna prospettiva di scarcerazione per la moglie, vice-presidente del Centro dei Difensori dei Diritti Umani, che ''no'', non potrebbe tornare libera dopo la morte di Raisi e resterà ''detenuta nel carcere di Evin'', dove si trova dal maggio 2016.

Definito da Reporter sans frontieres ''il giornalista più spesso incarcerato'', Rahmani ha ricordato che ''secondo i principali sostenitori e attivisti politici, Raisi faceva parte di un gruppo di tre persone che condannarono a morte migliaia di prigionieri politici nel 1987''. Esiliato in Francia dal 2012 insieme ai due figli, Rahmani ha spiegato che ''secondo la maggioranza del popolo iraniano Raisi era un presidente burattino e inutile che ha reso la situazione economica dell'Iran più difficile per un popolo già soffocato dalla tutte le sanzioni internazionali''.

Continue Reading

Esteri

Morte Raisi, Tajani: “Una disgrazia, no ipotesi...

Published

on

Il vice premier e ministro degli Esteri esprime le sue condoglianze e aggiunge: "Per momento in Iran non ci sono conseguenze negative o segnali di incidenti"

Il vice premier e ministro degli Esteri Antonio Tajani - (Fotogramma)

"Esprimiamo le nostre condoglianze all'Iran" per la morte del presidente Ebrahim Raisi e del capo della diplomazia di Teheran Hossein Amir-Abdollahian. Lo ha dichiarato il vice premier e ministro degli Esteri Antonio Tajani ricordando di aver ''parlato con ministro degli Esteri poche settimane fa, siamo dispiaciuti''.

Tajani aggiunge che ''non ci sono segnali'' che ''possa essersi trattato di un attentato". ''Tutto lascia pensare si sia trattato di un incidente, senza condizionamenti esterni. E' stata una disgrazia dovuta al maltempo, forse a un guasto'', ha detto il vice premier sottolineando che ''non dovrebbero esserci grandi scossoni. Vorrei tranquillizzare tutti che non ci saranno conseguenze all'estero negative''.

"Questa mattina presto ho avuto con il nostro ambasciatore a Teheran. I nostri concittadini stanno benissimo. Per momento in Iran non ci sono conseguenze negative o segnali di incidenti'', ha aggiunto ricordando che ''da ieri stiamo seguendo minuto per minuto quello che accade in Iran''.

"Ci auguriamo che la nuova dirigenza dell'Iran possa lavorare per la stabilità dell'area, per la pace e anche per il dialogo", ha poi ribadito dopo la riunione con la presidente del Consiglio Giorgia Meloni e i vertici dell'Intelligence, "in cui abbiamo fatto un'analisi della situazione e continuiamo a monitorare gli sviluppi dell'intera area del Medio Oriente. Noi continuiamo a lavorare per la pace e per la soluzione dei due popoli e due Stati".

Continue Reading

Ultime notizie

Economia1 ora ago

Olio: Calabria protagonista Premio Verga per migliori...

Si è svolta sabato e domenica a Cotronei l’ottava edizione del Premio Verga per i migliori oli extravergini di oliva...

Economia2 ore ago

Caffè, per 7 italiani su 10 berlo è esperienza che va oltre...

Secondo la ricerca realizzata da AstraRicerche per Consorzio Promozione Caffè Sono poche le cose che mettono d’accordo gli italiani e...

Cronaca2 ore ago

Maturità 2024, impazza toto-tracce: D’Annunzio, Pirandello...

Tra i pronostici ci sono anche gli 'usati sicuri' Ungaretti e Montale, l'intelligenza artificiale e il delitto Matteotti A un...

Ultima ora2 ore ago

Fedez è stato male ma non è ricoverato

Il rapper avrebbe dovuto partecipare sabato alla registrazione della prima puntata del programma di Alessandro Cattelan "Federico è stato male,...

Economia2 ore ago

A ‘Lezione di sicurezza informatica’ al...

La 1ª edizione della Cybsec-expo, l’innovativo appuntamento interamente dedicato alla sicurezza informatica, alla protezione dei dati e delle infrastrutture critiche,...

Economia2 ore ago

Agricoltura, Corsi (Syngenta): “Collaborazione...

La responsabile globale ricerca Crop protection Syngenta, a margine del panel 'Ricerca pubblica e privata: un intreccio sempre più indissolubile?',...

Cronaca2 ore ago

Matteo Salvini, ladri nella sua casa di Roma

Alcune persone, dopo essersi introdotte nel giardino, avrebbero alzato l'avvolgibile e forzato la porta finestra Ladri ieri sera prima di...

Gastronomia2 ore ago

Grande successo de “La Spagna al Femminile” a...

Padova, 15 maggio 2024 – Ieri sera la città di Padova è stata l’epicentro di un incontro culinario senza precedenti,...

Cronaca2 ore ago

Peculato e truffa, divieto dimora a Cefalù per Gianfranco...

L'ex presidente dell'Ars avrebbe usato l'auto blu in maniera irregolare: "Andrò a spiegare tutto ai magistrati, non credo di avere...

Economia2 ore ago

Scuola, Cida-Censis: giudizio positivo su dirigenti per...

E per 65,6% italiani la sanità ha tenuto nel tempo per abnegazione medici Il 52,7% degli italiani in famiglie con...

Ultima ora2 ore ago

Lavoro, Cida-Censis: impegno e talento non riconosciuto per...

Riconoscere ruolo decisivo fattore umano per 88,1% italiani Il 57,9% degli italiani ritiene che in Italia impegno nel lavoro e...

Ultima ora2 ore ago

Consumi, Cida-Censis: per 59,7% italiani proprio tenore di...

Per 59,6% italiani pensionati che lo vogliono possono lavorare  Il 54,2% degli italiani prova un senso di declassamento, la sensazione...

Ultima ora2 ore ago

Redditi, Cida-Censis: 11,3% si sente ceto medio con reddito...

Per 76% italiani sempre più difficile salire scala sociale Tradizionalmente il ceto medio ingloba la maggioranza della popolazione italiana. Il...

Esteri3 ore ago

Kharkiv ancora sotto attacco, forze Kiev controllano 60% di...

Per le autorità "i raid son ben lontani dal fermarsi" Le Forze Armate ucraine controllano "circa il 60%" di Vovchansk,...

Cronaca3 ore ago

Agricoltura, focus di Syngenta sul valore della sinergia...

Nell’ambito dell’ottava edizione del Mantova Food & Science Festival si è svolto il panel "Ricerca pubblica e privata: un intreccio...

Cultura3 ore ago

L’Oreal sottolinea il coraggio delle donne in terapia...

Nella cornice di Palazzo Giureconsulti in Piazza dei Mercanti a Milano, si è svolta la presentazione della mostra “Il diritto...

Salute e Benessere3 ore ago

Sindrome della ‘testa che scivola sul collo’,...

Quali sono i sintomi della spondilolistesi, come intervenire Nella mitologia greca, Atlante era stato condannato, per aver contrariato Zeus, a...

Immediapress3 ore ago

Luca Maurogiovanni e Filippo Cirrincione: “Innovazione,...

Roma, 20 Maggio 2024. Nel panorama contemporaneo del marketing, dove l'innovazione tecnologica e l'impegno sociale diventano sempre più intrecciati, Vivenda...

Salute e Benessere3 ore ago

Sla, per Aisla bilancio ok e passaggio in Aps

L'Assemblea dei soci ha anche eletto i 13 consiglieri nazionali che guideranno l'associazione per i prossimi tre anni L'Assemblea dei...

Spettacolo3 ore ago

Morto Dimitri Iannone de Il Collegio, tra vittime incidente...

Ventiquattro anni, aveva preso parte al docu-reality in onda su Rai2 quando era 17enn. Il toccante post del professor Maggi...