Connect with us

Ultima ora

Amadeus lascia la Rai, non rinnoverà il suo contratto

Published

on

Il conduttore ha comunicato l'addio al direttore generale Rossi. Il messaggio su Instagram: "Non è stata per me una scelta facile, la Rai ha fatto sforzi importanti per trattenermi"

Amadeus - (Fotogramma)

Amadeus lascia la Rai. Il conduttore non rinnoverà il suo contratto, in scadenza il 31 agosto. Nel colloquio avuto a fine mattinata con il Dg Giampaolo Rossi, il conduttore - a quanto apprende l’Adnkronos - ha ufficializzato la decisione che era nell’aria da settimane: la volontà di impegnarsi in nuove sfide professionali, che lo attendono - secondo rumors sempre più insistenti - sul canale Nove del gruppo Warner Bros Discovery.

Fiorello: "Amadeus ospite ultima puntata VivaRai2, forse ultima cosa in Rai"

Il messaggio

Amadeus ha diffuso un messaggio video dal proprio profilo Instagram. "Lavorare in Rai per tanti anni è stato per me motivo di orgoglio, di responsabilità ed immenso piacere. Al servizio pubblico va il mio più sentito ringraziamento. Grazie a tutti i Dirigenti che ho incontrato negli anni, che hanno riposto in me fiducia, garantendomi autonomia e serenità", dice il conduttore.

"Non è stata per me una scelta facile anche in considerazione degli sforzi importanti fatti da Rai per trattenermi e senza che io abbia mai fatto alcuna richiesta per favorire i miei familiari o per escludere miei passati collaboratori, a dispetto di quanto è stato fatto circolare sulla stampa negli ultimi giorni Non è nel mio stile", aggiunge.

"Un grazie speciale va alle Maestranze Rai che rappresentano al meglio lo spirito dell’azienda. Grazie anche ai Colleghi e ai tanti Artisti che hanno creduto in me e si sono fatti coinvolgere nelle mie idee. I programmi che ho avuto la possibilità e la gioia di realizzare (Sanremo compreso ) appartengono al Pubblico, ma rappresentano per me, un pezzo di cuore e di vita. Sono entrato ogni giorno nelle case di milioni di persone, ho provato a ripagare il grande affetto e l’apprezzamento ricevuto, con il lavoro, la professionalità, il rispetto e la libertà. Ho dato tutto me stesso. Ora è tempo di nuove sfide professionali e personali. È tempo di nuovi sogni. Grazie a tutti. Ci vediamo in TV", conclude.

La nota della Rai: "Fatte tutte le proposte economiche possibili"

"È con rammarico che Rai prende atto della decisione di Amadeus di interrompere il rapporto di collaborazione con il Servizio Pubblico. Ma resta, forte, il senso di riconoscenza e di gratitudine per il percorso comune, costellato di grandi successi e di momenti che, come il Festival di Sanremo, sono entrati nella storia della Rai e del Paese". E' quanto si legge in una nota ufficiale di Viale Mazzini che ufficializza l'addio ad Amadeus.

"Nell’augurare ad Amadeus buon lavoro, all’Azienda resta la certezza di aver fatto ad Amadeus – proprio per la stima e la considerazione dovuta alla sua professionalità - tutte le proposte possibili in termini economici ed editoriali nella piena garanzia della massima libertà artistica", conclude la nota.

Lo spoiler di Fiorello

Sulla decisione-intenzione di Amadeus di lasciare la Rai ha parlato più volte, più o meno scherzando, Fiorello. Stamattina, parlando dell'ultima puntata della stagione di 'VivaRai2!', aveva detto: "Aspettiamo Jovanotti all'ultima puntata che sarà il 10 maggio". E ci sarà anche Amadeus "e credo che sarà l'ultima cosa che farà in Rai. Potrebbe essere. Ama ti aspettiamo". Nei giorni scorsi, ospite della puntata di Tv Talk, lo showman aveva detto: “Amadeus ha fatto questa scelta. È una scelta di vita. Non c’è dietrologia, non ci sono soldi o tutto quello che si sente: vuole nuovi stimoli…”. E parlando invece di sé ha sottolineato: “Io non sono mai di un’azienda. Io sono libero. Il mio contratto inizia alla prima puntata di un programma e finisce all’ultima”.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Esteri

Ucraina, armi Nato contro Russia? Zelensky: “Sappiamo...

Published

on

Dopo le parole di Stoltenberg, che chiede una riflessione agli alleati, la Svezia apre all'uso di armi contro obiettivi in Russia

Un missile Atacms

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, accende il dibattito invitando i Paesi occidentali a riflettere sull'ipotesi di rimuovere il divieto che impedisce all'Ucraina di colpire obiettivi militari in Russia con armi fornite dai partner nella guerra contro Mosca. Le parole del numero 1 dell'Alleanza innescano una reazione a catena e emergono posizioni diverse tra i paesi che supportano Kiev.

Stoltenberg si rivolge in particolare agli Stati Uniti, che hanno messo a disposizione di Kiev, ad inizio aprile, i missili Atacms a lungo raggio: possono colpire a 300 km di distanza e, quindi, centrare i luoghi da cui le forze russe lanciano quotidianamente missili. A Washington, l'argomento è al centro della discussione, soprattutto - a quanto pare - per il pressing del segretario di Stato Antony Blinken. Il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha dichiarato durante una recente visita a Kiev che spetta all'Ucraina decidere se utilizzare le armi britanniche contro le posizioni in Russia.

Svezia in pole position

Tra gli altri alleati c'è chi sceglie una linea prudente e chi, come la Svezia, non dice no a priori. Il quotidiano Hallandposten riporta la risposta del ministero della Difesa, guidato da Pal Jonsson, alla domanda sulla posizione di Stoccolma nel quadro internazionale: "L'Ucraina è soggetta ad una guerra di aggressione non provocata e illegale da parte della Russia. Secondo il diritto internazionale, l'Ucraina ha il diritto di difendersi con azioni militari indirizzate al territorio del nemico, nel rispetto delle leggi di guerra. La Svezia sostiene la guerra internazionale legge e il diritto dell'Ucraina all'autodifesa".

Zelensky: "Sappiamo dove colpire"

Il tema è di stretta attualità visti i raid che, ogni giorno, la Russia conduce contro il territorio ucraino e in particolare, negli ultimi giorni, contro la regione di Kharkiv.

"Molti leader, rappresentanti di Stati e organizzazioni internazionali, nonché leader della società civile, hanno espresso solidarietà all'Ucraina e a Kharkiv e hanno condannato il terrorismo russo. È importante che tale condanna abbia conseguenze corrette" e porti Kiev a "ricevere finalmente un numero sufficiente di sistemi di difesa aerea per proteggere l'Ucraina e le nostre città. I partner devono dimostrare sufficiente risolutezza per sostenere la protezione preventiva contro i terroristi russi. Un tipo di protezione che verrebbe fornita contro ogni terrorista che verrebbe colpito e distrutto prima di poter iniziare a distruggere la vita", dice Zelensky.

L'Ucraina, come confermano anche report dalle forze armate, conosce le posizioni da cui vengono lanciati i missili. "Possiamo vedere ogni punto in cui sono concentrate le truppe russe. Conosciamo tutte le aree da cui vengono lanciati i missili russi e decollano gli aerei da combattimento. Distruggere questa forza terroristica, salvare migliaia di vite e garantire che la guerra non si espanda è una decisione interamente politica. La decisione che deve essere presa", dice cercando di sfruttare l''assist' di Stoltenberg.

Germania frena, paesi baltici accelerano

All'Ucraina farebbero comodo i missili Taurus, che la Germania sinora non ha accettato di fornire. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz nelle ultime ore ha ribadito di essere contrario all'uso di armi tedesche da parte delle forze armate ucraine per colpire obiettivi in Russia. "Abbiamo concordato regole chiare con l'Ucraina per la consegna delle armi. Regole che funzionano. Almeno questa è la mia teoria", ha detto Scholz in un evento a Berlino in occasione del 75° anniversario della Costituzione tedesca. Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina più di due anni fa, la Germania ha fornito a Kiev pezzi di artiglieria a lungo raggio come il lanciarazzi Mars II, che ha una gittata di oltre 80 chilometri.

I paesi baltici pronti all'azione

Dalla Germania, e in particolare da Der Spiegel, arrivano indiscrezioni che trovano ampio spazio sui media ucraina. La scorsa settimana, a margine di una conferenza sulla sicurezza internazionale a Tallinn, esponenti dei paesi baltici hanno informato rappresentanti di Berlino: Estonia, Lettonia e Lituania sono pronte a inviare soldati in Ucraina se il quadro bellico dovesse diventare totalmente favorevole alla Russia.

I paesi baltici, a cui viene accostata anche la Polonia, non aspetterebbero l'eventuale avanza russa verso i confini occidentali: "Coloro che vogliono limitare la guerra attraverso restrizioni eccessive rischiano in realtà di perdere il controllo", sintetizza il magazine.

Continue Reading

Politica

Stoltenberg, Ucraina e armi Nato contro Russia: cosa dice...

Published

on

Lega pronta a depositare un ordine del giorno o una interrogazione finalizzata a censurare le parole del segretario generale della Nato

Jens Stoltenberg (Afp)

Le dichiarazioni di Jens Stoltenberg continuano ad alimentare il dibattito politico anche in Italia e le reazioni si susseguono. Il segretario generale della Nato ha invitato gli alleati che forniscono armi all'Ucraina a "valutare" di porre fine al divieto di utilizzarle per colpire obiettivi militari in Russia, perché Kiev "ha il diritto di difendersi e questo include anche colpire obiettivi in territorio russo". Ma qual è allo stato la posizione del nostro Paese?

Lega: "Governo censuri Stoltenberg"

Nella maggioranza l'affondo a Stoltenberg arriva dalla Lega. "Questo signore o chiede scusa, o rettifica o si dimette", dice senza mezzi termini Matteo Salvini. La Lega è pronta a depositare un ordine del giorno o una interrogazione finalizzata a censurare le parole del segretario generale della Nato. Primo firmatario il senatore Claudio Borghi, candidato in Ue, che all'Adnkronos spiega: "Con il primo strumento disponibile depositeremo un testo parlamentare per invitare il governo a censurare le parole di Stoltenberg che, senza alcun mandato per farlo, ha previsto un utilizzo offensivo e non difensivo degli aiuti militari mandati a Kiev a supporto dell'Ucraina".

"Non abbiamo bisogno di alcuna escalation militare e non siamo in guerra con nessuno - scandisce il leghista - Prevedere impieghi di soldati italiani o l'uso delle nostre armi per colpire il territorio di un'altra nazione è una pazzia e Stoltenberg non ha alcun diritto di trascinarci in conflitti armati". "La Nato è un'alleanza difensiva, la guerra se vuole vada lui a farla ma senza di noi", conclude Borghi.

Meloni: "Bisogna essere prudenti"

Sulla questione Nato e le parole di Stoltenberg la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, a In mezz'ora su Rai 3, osserva: "Credo che bisogna essere prudenti, ma credo pure che sia giusto che la Nato mantenga la sua fermezza".

"Fermo restando che ci sono incognite, ritengo controproducente il racconto allarmante di una Europa sull'orlo di un conflitto ampio, irresponsabile chi alimenta questo racconto. La deterrenza è l'unico rimedio, se si parla di via diplomatica è perché finora si è mantenuto equilibrio tra le forze", dice Meloni ricordando il motto latino 'se vuoi pace prepara la guerra'.

Quanto all'annuncio della Lega, "vedremo esattamente il testo e valuteremo", commenta ad Affaritaliani.it Raffaele Speranzon, vice capogruppo di Fratelli d'Italia e componente della Commissione Difesa ed Esteri di Palazzo Madama. "Di sicuro è inaccettabile che il segretario della Nato o un solo Paese membro possano dettare la linea dell'Alleanza Atlantica".

Parole sulla scia di quelle pronunciate in un'intervista a La Stampa dal ministro della Difesa, Guido Crosetto: "Non esiste un segretario Nato o una nazione che decide la linea per tutte le altre". E questo vale per Stoltenberg "ma vale anche per Macron, quando ha detto 'manderemo i nostri soldati in Ucraina'. La Nato si muove, e si muoverà nell'incontro che avremo a Washington a luglio, portando dei progetti, dei piani, delle idee. Le singole spinte valgono poco".

Forza Italia si fa sentire per voce del suo leader, Antonio Tajani: ''Non manderemo nessun soldato italiano in Ucraina, non useremo i nostri strumenti militari per sparare in Russia. Le decisioni vengono prese dalla Nato tutti insieme. Noi siamo già d'accordo con gli ucraini che tutti i nostri strumenti militari, e noi ne controlliamo l'uso, non possono essere utilizzati al di là dei confini dell'Ucraina''.

''Noi non siamo in guerra con la Russia - ribadisce - Vogliamo difendere soltanto l'integrità territoriale dell'Ucraina, perché puntiamo alla pace, perché soltanto se Putin non vincerà sarà costretto a sedersi al tavolo con Zelensky e firmare la pace. E lo stesso vogliamo fare in Medio Oriente''.

Il Pd punge la premier. "Quando è partito il governo Meloni, la maggioranza sembrava unita su tutto. Oggi sono in disaccordo su tutto. E sull'unità del governo riguardo la politica estera? Cosa pensa Meloni dell'interrogazione della Lega di Salvini sulle parole di Stoltenberg?", chiede il deputato del Pd e capogruppo Pd in Commissione Difesa di Montecitorio Stefano Graziano.

Secondo Massimiliano Smeriglio, eurodeputato Avs, "c’è grande confusione al governo. Stoltenberg, che è in scadenza di mandato, lavora su un’ipotesi che per me è terribile perché è una ulteriore escalation e ci mette nelle condizioni di diventare oggettivamente cobelligeranti".

Continue Reading

Sport

Frosinone in Serie B, Empoli batte Roma allo scadere e si...

Published

on

Ciociari sconfitti in casa 1-0 dall'Udinese, toscani vincono 2-1 contro i giallorossi

L'Empoli esulta, Di Francesco in B

L'Empoli batte 2-1 la Roma nell'ultima giornata della Serie A e si salva con il successo allo scadere. Il Frosinone perde in casa per 1-0 contro l'Udinese e retrocede in Serie B con Salernitana e Sassuolo: sono gli ultimi verdetti del 38esimo e ultimo turno del campionato. Il Frosinone chiude a 35 punti ed è terz'ultimo, a una lunghezza da Cagliari e Empoli (36) e due dall'Udinese (37).

Frosinone-Udinese 0-1

Il Frosinone allenato da Di Francesco gioca una buona gara ma subisce al 76' il gol di Davis, il primo in Serie A. La gara viene giocata a viso aperto da entrambe le squadre con i padroni di casa pericolosi al 18' e 19', ma Okoye è decisivo prima sulla conclusione di Zortea, poi sul colpo di testa ravvicinato di Okoli. Il brivido più intenso arriva al minuto 40': Soulé su punizione centra la traversa.

Ad inizio ripresa al 47' altro legno per il Frosinone con Brescianini che con un morbido tocco sotto cerca (e trova...) il palo lontanoo. Poi al 58' ci prova Zortea ma è ancora bravo il portiere bianconero. L'Udinese si difende, resiste e al 76' passa in vantaggio: lancio lungo verso Lucca, che stoppa di petto e fornisce involontariamente la sponda per Davis che con il mancino batte Cerofolini. I padroni di casa ci provano fino alla fine ma senza successo e devono retrocedere in Serie B.

Empoli-Roma

I toscani che si impongono al 93' 2-1 grazie al gol di Niang e si salvano, restando in Serie A- La rete decisiva dell'ex Milan all'ultimo secondo suggella una cavalcata pazzesca dei toscani con Nicola che compie da allenatore l'ennesima impresa di salvare una squadra che sembrava condannata. Nella sfida con la Roma l'Empoli passa in vantaggio al 13' con la rete di Cancellieri. La squadra di De Rossi reagisce, si vede annullare un gol di Cristante al 20' su fuorigioco e trova il pari al 46' con Aouar.

Ad inizio ripresa al 51' occasione per la Roma con Walukiewicz che devia in maniera fortuita verso la sua porta ma è bravo Caprile ad evitare la rete. La Roma trova anche il gol in contropiede con El Shaarawy ma il gol viene annullato per fuorigioco. L'Empoli continua ad attaccare, sfiora il vantaggio ancora con Cancellieri e al 93' trova il gol salvezza con Niang che si trova al posto giusto al momento giusto e non sbaglia davanti a Svilar. Sigla il 2-1 e salva i toscani.

Continue Reading

Ultime notizie

Esteri8 ore ago

Ucraina, armi Nato contro Russia? Zelensky: “Sappiamo...

Dopo le parole di Stoltenberg, che chiede una riflessione agli alleati, la Svezia apre all'uso di armi contro obiettivi in...

Politica8 ore ago

Stoltenberg, Ucraina e armi Nato contro Russia: cosa dice...

Lega pronta a depositare un ordine del giorno o una interrogazione finalizzata a censurare le parole del segretario generale della...

Sport9 ore ago

Frosinone in Serie B, Empoli batte Roma allo scadere e si...

Ciociari sconfitti in casa 1-0 dall'Udinese, toscani vincono 2-1 contro i giallorossi L'Empoli batte 2-1 la Roma nell'ultima giornata della...

Esteri9 ore ago

Rafah, Mezzaluna Rossa: “Molte vittime in attacco...

Almeno 27 morti nell'area della tendopoli degli sfollati. Netanyahu dice no a richieste Hamas per accordo Molte vittime in un...

Lavoro10 ore ago

A Brescia torna la Festa dell’Opera, la città per un giorno...

L'evento sabato 8 giugno, preceduto da una giornata di anteprima Sabato 8 giugno torna il grande evento che dal 2012...

Sport10 ore ago

Gasperini: “Sono legato all’Atalanta e lo sarò...

L'allenatore continuerà a guidare i nerazzurri Gian Piero Gasperini rimane allenatore dell'Atalanta. Al Napoli, salvo sorprese, andrà Antonio Conte. "Quanto...

Ultima ora11 ore ago

Napoli-Lecce 0-0, azzurri fuori dall’Europa dopo 14...

Il Napoli chiude in decima posizione la Serie A di quest'anno, dopo lo scudetto della scorsa stagione Il Napoli non...

Ultima ora12 ore ago

Atalanta-Torino 3-0, nerazzurri quarti e niente Champions...

I bergamaschi travolgono i granata e superano il Bologna L'Atalanta batte il Torino 3-0 nell'ultima giornata di campionato, si prende...

Cronaca12 ore ago

Palio di Siena del 2 luglio 2024, estratte Giraffa, Nicchio...

Si aggiungono a Valdimontone, Pantera, Bruco, Leocorno, Lupa, Civetta e Oca Sono Giraffa, Nicchio e Onda le Contrade estratte a...

Politica12 ore ago

Riforme, Renzi: “Un consiglio a Meloni, se perde...

"O la va o la spacca? La spacca, Giorgia, la spacca" "Un consiglio alla Meloni sul referendum da un esperto...

Sport12 ore ago

Pogacar vince il Giro d’Italia 2024, ultima tappa a...

Il corridore dell'Uae Team Emirates conquista il suo primo successo nella 'Corsa Rosa', sul traguardo a Roma Il campione sloveno...

Sport13 ore ago

Roland Garros, esordio facile per Alcaraz

Avanti anche Rublev e Dimitrov Avvio semplice per Carlos Alcaraz al Roland Garros. Lo spagnolo, numero 3 del mondo e...

Spettacolo13 ore ago

Bruce Springsteen, concerti Milano 1 e 3 giugno rinviati

Problemi vocali per il cantante americano I concerti di Bruce Springsteen in programma a Milano l'1 e il 3 giugno...

Economia13 ore ago

Retribuzioni, i dati della Bce

La crescita delle retribuzioni oggetto di rinnovo si è attestata al 4,7% nel primo trimestre 2024 su base annua Secondo...

Cronaca13 ore ago

Pertosse, allerta anche in Italia

In Italia la maggior parte dei contagi si è registrata in Campania, Sicilia e Lazio Pertosse, anche in Italia è...

Esteri13 ore ago

Francia, aggressione con coltello in metro a Lione: 4 feriti

Due persone ferite all'addome versano in gravi condizioni. L'aggressore è stato arrestato Quattro persone sono rimaste ferite, di cui due...

Sport14 ore ago

Gp Monaco, vince la Ferrari di Leclerc

Il pilota monegasco della rossa ha dominato la gara dal primo all'ultimo giro: "Dedico la vittoria a mio padre" Charles...

Politica14 ore ago

Ucraina, Borghi: “Governo censuri Stoltenberg”

Lega pronta a odg o interrogazione contro il segretario generale della Nato "Con il primo strumento disponibile depositeremo un testo...

Sport15 ore ago

Roland Garros, Nadal potrebbe non lasciare: annullata...

Lo spagnolo avrebbe dovuto ritirarsi alla fine della stagione in corso, ma sabato ha dichiarato di non essere sicuro che...

Sport15 ore ago

Bonucci si ritira: “Oggi l’ultima gara con il...

Il difensore azzurro, ex Juve, disputerà oggi la sua ultima gara da professionista E' arrivato il momento anche per Leonardo...