Connect with us

Cultura

Gerardo e Viviana Sacco illuminano Aula Magna Università...

Published

on

Gerardo e Viviana Sacco illuminano Aula Magna Università Mediterranea Reggio Calabria

Gerardo e Viviana Sacco illuminano Aula Magna Università Mediterranea Reggio Calabria

Nell'incantevole scenario dell'Aula Magna "Ludovico Quaroni", Plesso di Architettura dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, ieri si è dipinta una mattinata destinata a lasciare un'impronta profonda nell'animo di coloro che hanno avuto il privilegio di farne parte. L'evento, intitolato "Gerardo Sacco Designer" e organizzato con cura dalla professoressa Aurora Pisano insieme ai professori Francesco Armato e Nino Sulfaro, ha inaugurato il secondo semestre dei corsi triennali e magistrali in Design per le culture mediterranee dell’Ateneo reggino. Sotto lo sguardo attento degli studenti e dei presenti, si sono delineate due figure straordinarie, simboli di passione per il proprio mestiere, di creatività inesauribile e di un legame familiare indissolubile: il Maestro Gerardo Sacco e sua figlia, Viviana Sacco, amministratrice dell'Azienda Gerardo Sacco.

Siamo stati testimoni di un viaggio attraverso il passato, guidati dalla voce autorevole e ispirata del Maestro Sacco, che ha dipinto con maestria il percorso creativo intitolato "Dalla Magna Grecia al terzo millennio". In ogni parola, nelle sfumature dei suoi racconti, c'era la testimonianza di una vita dedicata all'arte, alla ricerca della bellezza e alla valorizzazione delle radici profonde della nostra storia mediterranea. Nonostante le sfide e le difficoltà che hanno segnato il suo cammino, iniziato nella povertà, Gerardo Sacco è stato in grado di rialzarsi e trasformare la sua passione per l'arte in una vita piena di successi e realizzazioni. Il suo percorso è stato un viaggio di rinascita, un'opera d'arte in sé, che ha dimostrato la straordinaria forza dell'animo umano nel superare gli ostacoli e perseguire i propri sogni.

Durante il suo intervento, il Maestro Sacco ha toccato le corde più profonde dell'anima, rivelando come il mondo arbëreshe abbia rappresentato per lui un'immensa fonte di ispirazione artistica. Attraverso le sue parole, abbiamo potuto percepire la sua profonda connessione con le radici culturali e storiche della Calabria, e come queste abbiano plasmato il suo spirito creativo e la sua visione del mondo. E poi c'era Viviana, una figura radiosa che ha portato con sé non solo l’esperienza ereditata da suo padre, ma anche un'anima vibrante di determinazione e innovazione. Nel suo intervento intitolato "Capacità di innovare per coniugare abilità tecnologiche a tecniche artigianali", ha saputo incantare l'uditorio con la sua visione audace e il suo impegno a preservare l'eredità familiare, mentre abbracciava il futuro con fiducia e creatività.

Ma dietro il brillare dei riflettori e l'applauso caloroso, si celava un legame prezioso e profondo che ha reso questo evento ancora più straordinario: l'amore e il rispetto reciproco tra padre e figlia. In ogni gesto, in ogni sguardo scambiato tra di loro, si poteva percepire la complicità di una relazione che va al di là dei confini del tempo e dello spazio. Gerardo, con la saggezza degli anni e l'entusiasmo di un giovane, e Viviana, con la sua determinazione e la sua voglia di innovazione, si completano a vicenda, creando un equilibrio armonioso che permea l'intero ambiente circostante. Senza dimenticare gli altri due figli, Antonio e Andrea, i quali con il loro impegno e la dedizione svolgono ruoli altrettanto vitali all'interno dell'azienda. Insieme, costituiscono una squadra coesa e appassionata, determinata a portare avanti il lavoro e il sacrificio compiuti dal loro padre Gerardo, con la stessa passione e dedizione che li ha contraddistinti fin dall'inizio.

Infine, nell'abbraccio caloroso dei docenti e degli studenti, si è potuto percepire un momento di vera gratitudine. Gerardo Sacco, amante della sua terra e dei suoi tesori, ha condiviso con umiltà e passione il suo straordinario percorso di vita e di arte. Senza ergersi a modello, ma piuttosto come custode di una ricchezza culturale senza tempo, ha trasportato gli animi presenti in un viaggio attraverso la bellezza senza confini. Le sue opere, come gemme scintillanti di creatività e dedizione, continueranno a risplendere nel cuore di coloro che hanno avuto la fortuna di incrociare il loro cammino con quello di questo grande maestro. Con tale abbraccio, si è scritto un altro capitolo, carico di emozione e di profonda riconoscenza, che chiude idealmente il cerchio di questa straordinaria giornata all'Università Mediterranea di Reggio Calabria.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Cultura

In 10 Corso Como l’estetica di Yohji Yamamoto

Published

on

La mostra dedicata al 'poeta del nero' dal 16 maggio al 31 luglio negli spazi della Galleria a Milano

In 10 Corso Como l'estetica di Yohji Yamamoto

Nel nuovo capitolo di 10 Corso Como, secondo la visione di Tiziana Fausti, lo spazio espositivo della Galleria continua la sua programmazione dedicata alla cultura della moda con un progetto speciale del designer che ne ha provocato e ispirato estetiche e immaginari: Yohji Yamamoto. Conosciuto come il poeta del nero, fin dall’inizio della sua carriera, il lavoro di Yamamoto è stato riconosciuto per aver sfidato le convenzioni dello stile. Le sue collezioni hanno ridefinito l’idea di bellezza, sovvertendo gli stereotipi, alla ricerca di una nuova geografia del corpo e di una silhouette universale.Presentato da 10 Corso Como e Yohji Yamamoto, il progetto curato da Alessio de’Navasques - curatore e docente di Fashion Archives presso Sapienza Università di Roma - raccoglie un dialogo tra capi iconici di sfilata, collezioni recenti e future, in un climax ascendente e immersivo.

Dal 16 maggio al 31 luglio prossimi, negli spazi della Galleria, saranno protagonisti gli abiti in un flusso dove ogni forma, taglio e geometria, trasmette un’idea di futuro e oltre il tempo. La luminosità della rinnovata Galleria di 10 Corso Como - ritornata alla sua essenza di spazio industriale - evoca un allestimento puro e lineare, per restituire un’infinita e universale, misteriosa bellezza. In un percorso concepito come un’unica installazione, è chiaro il messaggio di Yohji Yamamoto a Milano e all’Italia, come luogo della creatività per antonomasia. “Io voglio disegnare il tempo” aveva affermato nell’idea di continuità tra passato e presente, che ha condiviso in tutta la sua carriera.

Il percorso espositivo indaga l’opera dello stilista che ha fatto della poesia degli abiti strutturati, ma eterei, tagliati e riassemblati - dove penetra lo spazio dei nostri pensieri, delle nostre emozioni - la sua firma di riconoscimento.Una dichiarazione sul senso universale della forma attraverso i colori assoluti del bianco, del nero e del rosso: gli abiti diventano parole di una letteratura sul rapporto tra corpo e spazio. Per il designer non è un corpo oggettivato da segni e codici di riconoscimento del genere, ma è un corpo che agisce sull’abito e lo trasforma: una moda radicale, che valorizza l’interiorità di chi li indossa.

Continue Reading

Cultura

‘Tra Russia e Ucraina’, libro-diario di...

Published

on

 - (Afp)

Ventiquattro febbraio 2022: l’invasione russa dell’Ucraina è un evento drammatico che entra improvvisamente nella vita quotidiana di ognuno. Un conflitto che ha radici profonde. Una vicenda raccontata dal giornalista Alessandro Cassieri nel libro 'Tra Russia e Ucraina – Diario del conflitto dalle origini a oggi' per Rai Libri. Cassieri, giornalista di lungo corso, come corrispondente Rai è stato testimone di eventi cruciali, crisi e guerre in oltre ottanta Paesi, compresa l’Ucraina. "Vai tu a Kiev per il referendum sull’indipendenza?": correva l’anno 1991 quando Cassieri viene raggiunto da una telefonata mentre si trovava in Libia in attesa di un'intervista in esclusiva a Gheddafi. Inizia così il racconto di Cassieri, che si intreccia con tanti personaggi ed eventi vissuti, come giornalista, in prima persona dall’autore.

Il libro è un intenso racconto in prima persona, avventuroso e a tratti rocambolesco. Cassieri si muove lungo l’asse Mosca-Kiev, attraversando decine di volte un confine sempre più armato. Ma gli indizi di nuove contrapposizioni lo spingono anche in Ossezia e Georgia, Crimea e Donbass, Kirghizistan e Afghanistan, America e Cina, per poi tornare nel focolaio ucraino. Durante gli spostamenti in quei vasti territori incontra capi di Stato, spie, militari e leader politici che decideranno le sorti della Regione. Da Gorbaciov a Putin, da William Colby a Shevardnadze, da Vernon Walters a Saakashvili, da Medvedev a Yulia Tymoshenko, da Poroshenko a Yanukovich, a Pushilin, a Massoud, con il contorno di oligarchi e ballerine, campioni di scacchi e pugili, scrittori, biscazzieri e gente comune, le cui vite sono travolte dalle conseguenze di una geopolitica mai così invadente in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale.

Di tutti loro Cassieri raccoglie testimonianze, invettive, paure, minacce, che vanno a comporre il quadro storico e sociale di un mondo in cui si gioca la partita epocale tra grandi potenze. Una sfida che ha riportato nel cuore dell’Europa il clima della Guerra Fredda.

Cassieri, nominato inviato speciale nel 1991 per i suoi servizi sul crollo dell’Urss, corrispondente da Bruxelles, da Mosca e poi inviato speciale del Tg1 fino al 2016, quando diventa capo della sede Rai di Parigi, rientrato al Tg1, è tornato a fare l’inviato, la forma di giornalismo, quella ‘sul campo’, che ha sempre preferito. Diversi i viaggi come inviato nel Donbass, la regione orientale dell’Ucraina in guerra dal 2014 e prima linea del fuoco in questa fase del conflitto.

“Col binocolo è possibile individuare, nella pianura che domina il paesaggio, le zone dove sono acquartierati i soldati ucraini. Si spia l'orizzonte da feritoie scavate sotto il ghiaccio. I camminamenti interrati si sviluppano per un centinaio di metri. Ogni tanto un cartello che dice ‘attenzione ai cecchini’. Ci sono anche un paio di buchi più profondi. ‘Questi li chiamiamo tana della volpe, ci rifugiamo qui sotto durante i bombardamenti’ spiega un soldato. È giovane, come molto giovani sono i suoi commilitoni. Ma incontrerò anche ufficiali anziani, che governano queste truppe locali dall'inizio, dal 2014. Nel minuscolo locale sotterraneo, contiguo alla camerata con una decina di brande, c'è appeso un vecchio quadro, ormai sbiadito, dedicato alla battaglia di Stalingrado”.

Una guerra, quella in Ucraina, che non può essere derubricata a conflitto regionalistico, come scrive Cassieri: “Saltati i vecchi tabù della Guerra Fredda, e al cospetto di nuove e temibili alleanze, l’Europa rischia di diventare il campo di battaglia in cui si decideranno gli equilibri di potere del XXI Secolo”.

Continue Reading

Cultura

Al Campiello Giovani cinque finalisti

Published

on

E' il concorso rivolto agli aspiranti scrittori: provengono da Lazio, Lombardia e Sicilia

Al Campiello Giovani cinque finalisti

È stata selezionata oggi a Verona la cinquina finalista della 29/a edizione del Campiello Giovani, concorso letterario rivolto ai ragazzi di età compresa tra 15 e i 21 anni al momento dell'invio, organizzato dalla Fondazione Il Campiello - Confindustria Veneto.

I cinque finalisti sono: Sofia Aleandri, 21 anni di Monterotondo (Roma), con il racconto "L'ultimo agosto"; Giulia Arnoldi, 18 anni di Dalmine (Bergamo), con il racconto "Appena prima dell'ultimo accordo"; Daniele Camagna, 21 anni di Rocca Sinibalda (Rieti), con il racconto "Vallecupola"; Francesco Maisto, 21 anni di Lodi, con il racconto "Momijigari - All'ombra del pino nero"; Filippo Triolo, 22 anni di Salemi (Trapani), con il racconto "l bambino che non voleva più vivere all’inferno".

I racconti sono stati scelti dal Comitato Tecnico composto da Ermanno Paccagnini, Giulia Belloni, Michela Possamai e Daniela Tonolini. L'annuncio della cinquina è avvenuto durante uno spettacolo al Teatro Nuovo di Verona, organizzato in collaborazione con Confindustria Verona, che ha visto protagonisti i 12 semifinalisti di questa edizione del Campiello Giovani. A condurlo, Federico Basso e Davide Paniate, conduttori e autori di diverse edizioni di Zelig. Durante l'appuntamento il pubblico ha potuto assistere alle esibizioni della scuola di danza veronese "All in Clinic" e degli allievi della Scuola di teatro del Teatro Nuovo di Verona.

Il vincitore del Campiello Giovani verrà proclamato nel corso di una serata speciale e dedicata solo ai giovani in programma al Teatro Goldoni di Venezia e premiato sabato 21 settembre sul palco del Teatro La Fenice di Venezia durante la cerimonia finale del concorso rivolto ai senior.

Il vincitore del Campiello Giovani si aggiudicherà una vacanza-studio di due settimane in un Paese europeo. I finalisti avranno, invece, diritto a una dotazione di libri e all’invito alla cerimonia di premiazione del Premio Campiello. Le cinque opere finaliste saranno raccolte in una collana realizzata a cura della Fondazione Il Campiello. Inoltre, le singole scuole potranno scegliere se assegnare dei crediti formativi agli studenti partecipanti al concorso.

Si è rinnovata anche quest'anno la collaborazione del premio letterario dedicato ai più giovani con il Movimento Nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria, grazie alla quale verrà assegnata una menzione speciale per il miglior racconto che abbia trattato il tema della cultura di impresa nella sua accezione più ampia. Sono previsti inoltre due ulteriori riconoscimenti: per il miglior racconto che abbia trattato il tema della sostenibilità sociale e/o ambientale e quello per il miglior racconto che abbia trattato il tema del viaggio sia esso inteso nel suo più comune significato che in senso astratto.

Mariacristina Gribaudi, presidente del Comitato di Gestione del Premio Campiello, ha dichiarato, durante la cerimonia: "La letteratura rappresenta una guida insostituibile nel percorso di formazione dei giovani, uno strumento per esplorare, scoprire culture diverse e affinare il pensiero critico. Con il Campiello Giovani ci poniamo l'obiettivo di valorizzare la creatività e la sensibilità dei giovani, offrendo loro stimoli e opportunità attraverso la collaborazione con numerosi partner. Il nostro intento è far crescere una generazione di cittadini consapevoli e offrire ai giovani un’occasione per esprimere il loro talento come testimoniano i tanti casi di successo che oggi calcano i palcoscenici dei più prestigiosi concorsi letterari".

Valentina Gagliardo, presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Verona, ha aggiunto: "Oggi abbiamo davanti tanti ragazzi, che portano avanti con coraggio la propria passione e il proprio talento, passione e talento che come le ali ci permettono di volare verso i nostri obiettivi, anche se possono essere diversi da quelli degli altri. Gli imprenditori di successo cercano proprio questo: persone con passione, sogni e idee che possono fare la differenza nel mondo".

Cristina Balbo, direttrice regionale Veneto Ovest e Trentino Alto Adige di Intesa Sanpaolo, Main Sponsor del Premio Campiello e Partner esclusivo del Campiello Giovani, ha commentato: "La nostra banca promuove e valorizza il talento dei giovani che, in qualsiasi ambito, è un motore trainante per il progresso economico e sociale. Siamo lieti di confermare il nostro sostegno al Campiello Giovani perché siamo un’istituzione radicata nei territori e riteniamo che sia nostra responsabilità contribuire allo sviluppo non solo economico, ma anche culturale e civile, riservando un’attenzione particolare ai giovani, alle loro famiglie e alle iniziative di sostenibilità sociale e ambientale".

Il Campiello Giovani si avvale della collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto e della rete dei Giovani Imprenditori di Confindustria, oltre a beneficiare del costruttivo interesse di molti presidi e docenti delle scuole.

Il Premio è realizzato grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo, Umana, Danieli, Save, Pirelli, Feinar, Enel, Consorzio di Tutela di Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg e con la collaborazione di Bdo, Grafiche Antiga, Trenitalia Frecciarossa, Printmateria, Salviati, Community, Rai Cultura, Rai 5, Cpm Music Institute di Franco Mussida e Teatro Stabile del Veneto. Il Premio si avvale del patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e della Regione Veneto.

Continue Reading

Ultime notizie

Economia1 ora ago

Case green, Giorgetti: “Bellissima legge Ue, ma chi...

La direttiva sulla prestazione energetica degli edifici, o sulle case green, approvata oggi dal Consiglio Ue, è "bellissima, ambiziosa, ma...

Salute e Benessere1 ora ago

Farmaci, Campagnoli (Gsk): “Mepolizumab efficace in 4...

"Le patologie respiratorie sono un campo nel quale l'azienda ha sempre investito in ricerca" "Attraverso la ricerca abbiamo sviluppato l'anticorpo...

Economia1 ora ago

Pnrr, Giorgetti: “Ora no proroga, ne riparliamo tra...

"So perfettamente che non esiste disponibilità, oggi, a considerare" una proroga della scadenza della Recovery and Resilience Facility, lo strumento...

Ultima ora1 ora ago

Roma, incidente in viale Angelico: muore 77enne alla guida...

Alla guida dell'auto, una Panda, una 60enne straniera che si è fermata a prestare i primi soccorsi Gli agenti dei...

Sport2 ore ago

Politano torna ad allenarsi in gruppo

Il Napoli ritrova il centrocampista Si avvicina la sfida col Frosinone per il Napoli di Calzona. Una buona notizia in vista...

Economia2 ore ago

‘Il vino nuoce alla salute’, Lollobrigida:...

Il ministro all'Adnkronos: "Facciamo gli interessi di tutti quelli che credono in un'Europa che rispetta le regole e non utilizza...

Sport2 ore ago

Consigli Fantacalcio: 5 nomi per la 32a giornata

Cinque nomi consigliati, uno per reparto e uno Mantra Torna il campionato di Serie A e si riparte con la...

Economia2 ore ago

Blue Economy, Urso: “Disegno di legge...

“Questo è un summit diventato abituale e importante per confrontarsi con tutti gli attori dell’economia del mare. Così come lo...

Ultima ora2 ore ago

Da Martha di Norvegia e lo sciamano a Theodora di Grecia e...

Matrimoni in programma anche per il VII duca di Westminster, Elisabeth de Bourbon Parme e la figlioccia di Felipe VI...

Economia2 ore ago

Design Week, Citroën Ami celebra 50 anni Cubo di Rubik

Dal 15 al 21 aprile prossimi Dal 15 al 21 aprile, durante la Milano Design Week, il cubo Rubik, il...

Cultura2 ore ago

In 10 Corso Como l’estetica di Yohji Yamamoto

La mostra dedicata al 'poeta del nero' dal 16 maggio al 31 luglio negli spazi della Galleria a Milano Nel...

Ultima ora2 ore ago

Blue forum, risorse e formazione per rilanciare economia...

Oggi la terza giornata, investimenti al centro del dibattito Terza giornata per il summit nazionale sull’economia del mare 'Blue Forum',...

Salute e Benessere2 ore ago

Ordini degli infermieri, soddisfazione per...

Mangiacavalli (Fnopi): "Il superamento dei tetti di spesa garantisce sostenibilità e universalità del Servizio sanitario nazionale" "Esprimiamo soddisfazione per l'emendamento...

Esteri2 ore ago

Rischio attacco Teheran, gli arsenali di Iran e Israele a...

Aerei, missili e droni: ecco le differenze tra i due Paesi In attesa di un ormai sempre più imminente attacco...

Sport2 ore ago

La Ferrari di Elseid Hysaj prende fuoco: “Sto bene,...

"Per fortuna me ne sono accorto e ho subito accostato" Sono stati momenti di paura quelli vissuti giorni fa dal...

Ultima ora2 ore ago

Arriva ‘M.A.D.E’, docuserie in 10 episodi per...

Sviluppato da frame by frame per promuovere la filiera italiana della moda vincitrice del Premio Speciale Film Impresa-Unindustria alla Creatività...

Economia2 ore ago

Mare, Rampelli: “Piano Mattei ha ridato centralità al...

"Recuperare divario rispetto al passato ma negli ultimi due anni è stato fatto un lavoro gigantesco" “Penso che gli investimenti...

Economia2 ore ago

Ue, Capaccioli (Gbc Italia): “Direttiva case green...

"Necessario garantire transizione graduale e sostenibile verso ambiente edilizio a basse emissioni di carbonio" “Gbc Italia è a disposizione del...

Economia2 ore ago

Blue Economy, Rampelli: “Sfida del mare diventi...

“Penso che gli investimenti sulle politiche del mare siano multidirezionali. Dobbiamo recuperare un divario rispetto al passato ma penso che...

Economia2 ore ago

Direttiva case green, Capaccioli (GBC Italia): “275...

"Ogni Stato membro avrà due anni per presentare un piano di adeguamento. GBC Italia si è già messa a disposizione...