Connect with us

Politica

Berlusconi, il ritorno di Veronica Lario: “Mi sono...

Published

on

Berlusconi, il ritorno di Veronica Lario: “Mi sono rialzata e ho ricominciato”

Ospite a sorpresa della terza puntata di 'A cena da Maria Latella', l'ex first lady torna dopo 15 anni di silenzio: "Descritta come una velina ingrata. Miliardaria? Il Tribunale di Milano mi ha negato tutti i diritti"

Veronica Lario e Maria Latella - Sky

E' il ritorno che non ti aspetti dopo 15 anni di silenzio. Ai quali si aggiungono gli anni in cui, pur vestendo i panni da first lady, decise di restare quasi sempre nell'ombra, "un passo indietro", come ripete più volte. Veronica Lario è l'ospite a sorpresa della terza puntata di ‘A cena da Maria Latella’, il dinner talk di Sky Tg24. Per lei, oggi 67enne, è l'esordio in un programma tv nonché la prima volta che parla al pubblico da quando, nel 2009, fu avviata la dolorosa e rumorosissima separazione da Silvio Berlusconi, di cui si definì lei stessa, all'epoca, 'la metà di niente', prendendo in prestito il titolo del romanzo di Catherine Dunne. Quel dolore appare ancora vivo nella sala da pranzo di Latella, sua amica da ormai 33 anni e con cui scrisse, un libro a quattro mani, 'Tendenza Veronica', nel 2004, quando era ancora la signora Berlusconi in carica.

Poi sono volati stracci, accompagnati dalle contese, dalle liti, dagli scandali sui giornali. E i titoli che alludevano ai soldi, che la descrivevano come una supermiliardaria. "In realtà - racconta nel suo elegante tailleur color terra, una spilla a forme di ape appuntata sul petto generoso - non è stato nulla di tutto questo, c'è stata una sentenza che mi ha negato qualsiasi diritto, che ho rispettato, e oggi sono una persona normale, un'imprenditrice". A capo di una start-up di gaming -Tambù- nata dall'amore per il gioco con i figli prima e i nipoti poi, lei che alla prole -nonostante le imprese di famiglia- ha sempre centellinato la tv: "Ma il gioco è altra cosa", mette in chiaro.

A giocare con loro non ha mai rinunciato, nemmeno nei mesi più bui. In cui "sono passata dall'essere 'una velina ingrata' al tribunale di Milano che mi ha negato ogni diritto. Un salto di 10 anni in cui mi sono sentita un po’ vessata. Cosa facevo? Subivo: è difficile combattere contro il potere e la stampa, soprattutto quando la stampa è piegata al potere. Io l'unica cosa che potevo fare era qualche passo indietro e quelli ho imparato a farli, forse dall'equitazione...”, di cui racconta nei suoi 15 minuti in solitario con Latella, dopo la cena gustata con gli altri ospiti della trasmissione, tra una lasagna al ragù di pesce e la millefoglie con frutta e chantilly di cui Carlo Calenda, ha raccontato la giornalista ai commensali, va ghiotto, 'ne ha voluto due porzioni...'.

Lario ha un passato da attrice alle spalle, passione messa da parte dopo l'incontro col Cavaliere. Eppure la sua emozione davanti alle telecamere è palpabile, fatica quasi a nasconderla. Subito dopo aver 'vuotato il sacco' appare quasi sollevata, passa nella sala dove sono raccolti i giornalisti d'agenzia a salutare e ringraziare per essere lì per lei. Che, per la prima volta alle telecamere, racconta gli anni bui dopo il 2009. “Finito questo momento per me davvero molto complesso - ricorda ripercorrendo i mesi dopo il divorzio -, mi sono chiesta se era possibile ricominciare, per la mia vita e per delle scelte personali. In un certo momento ho pensato che per me non ci fosse più nulla, mi era stato negato un diritto, ho pensato 'forse ha vinto il potere'. Ma mi sono detta non ho finito e ci ho provato”. A ripartire, a ricominciare.

Ad aiutarla anche la passione per i cavalli, che racconta. La scintilla si accende "per seguire i nipoti, ma poi tutti hanno smesso ed io ho continuato", iniziando a montare a cavallo "a 55 anni: quando uno smette, io ho iniziato. Mi è servito molto, ho usato molto dell'ippoterapia che mi ha aiutato tanto in questi anni di momenti difficili nei quali era meglio chiudersi che aprirsi".

Ancora oggi, fatica a mettere insieme i momenti più complicati dopo il divorzio. "Indicare solo tre momenti", come chiesto da Latella, "è difficile", ammette, "è stato tutto un'altalena: da un lato la speranza di ricongiungermi in modo equilibrato con la mia famiglia, in altri momenti la speranza la perdevo. Sono stata molto vicina ai miei figli e loro vicini a me. Sono stati tutti momenti molto belli - prosegue - perché ho avuto la mia famiglia. Se proprio ne devo dire uno meno edificante: io non ho partecipato alle lauree dei figli perché in due eravamo troppi. E allora ho fatto un passo indietro".

Di passi indietro, del resto, racconta di averne sempre fatti. Al riguardo, nega di non aver amato il ruolo da first lady, che ha tuttavia scelto di interpretare restando spesso nell'ombra: “I personaggi che sono passati nei salotti di Berlusconi sono stati sempre di grande livello e in qualche modo ne ho sempre subito il fascino, ma non ho mai pensato di trovarmi un mio spazio all'interno di quelle dinamiche. Io ero li perché rispettavo un ruolo, cercavo di farlo al meglio e per me il meglio significava anche fare un passo indietro".

E a Latella che, ricalcando parole usate dalla premier Giorgia Meloni, le chiede se si considera una donna non ricattabile, "non ne ho motivo - risponde - perché io non porto con me nessun segreto, non ho segreti dell'impresa di Berlusconi o della sua vita a parte e quindi posso dire quello che penso indipendentemente dal mio passato, un passato che non ha segreti". Ma che resta comunque ingombrante, e a cui racconta di rivolgere ben pochi pensieri: "Io ho una finestra ideale e quando la apro la mattina vedo il futuro, poi ne ho una alle mie spalle che apro poco, guardo sempre quella che mi fa vedere il futuro”.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Politica

Natalità, Meloni: “Decrescita non è mai felice, se...

Published

on

La premier durante il suo intervento all'incontro "Per un'Europa giovane. Transizione demografica, ambiente, futuro": "Invertire drammatica tendenza che compromette sviluppo"

(Fotogramma)

"La decrescita non è mai felice e se la applichi alla natalità e alla demografia rischia di compromettere qualsiasi futuro possibile, di compromettere le fondamenta su cui si regge il nostro welfare". Così la premier Giorgia Meloni, in un passaggio del suo intervento all'incontro "Per un'Europa giovane. Transizione demografica, ambiente, futuro" presso il Tempio di Adriano. "Potevamo assecondare questo pensiero dominante e buttarci anche noi nel precipizio della glaciazione demografica oppure potevamo ribadire che il declino non è mai un destino, che è sempre una scelta. E' una scelta che si può ribaltare, rimboccandosi le maniche", ha rimarcato Meloni.

"Considero un cambio di passo fondamentale -continua la premier- l'approccio con cui questo governo affronta queste tematiche rispetto al passato": la natalità e la demografia sono "sfide prioritarie che devono essere trasversali rispetto all'azione di tutto il governo". "Era ora ci fosse un governo con il coraggio di dire che noi possiamo fare per l'Italia le migliori riforme possibili, possiamo fare scelte importanti ma tutto questo non porta a nulla se a monte non invertiamo la drammatica tendenza della denatalità che compromette ogni possibile sviluppo positivo per la nostra nazione e non solo", ha proseguito la presidente del Consiglio.

Continue Reading

Politica

Famiglia, Mattarella: “Carta richiede sostegno,...

Published

on

Il messaggio inviato dal Presidente della Repubblica alla ministra per Famiglia, la natalità e le pari opportunità, Eugenia Maria Roccella, in occasione della conferenza dal titolo “Per un’Europa giovane: transizione demografica, ambiente, futuro”

(Afp)

"Il futuro del Paese si misura sulla capacità di dare risposte alle giovani generazioni. Occorre che le Istituzioni ne prendano coscienza, per attuare politiche attive che permettano alle giovani coppie di realizzare il loro progetto di vita, superando le difficoltà di carattere materiale e di accesso ai servizi che rendono ardua la strada della genitorialità". Lo scrive il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato alla ministra per Famiglia, la natalità e le pari opportunità, Eugenia Maria Roccella, in occasione della conferenza dal titolo “Per un’Europa giovane: transizione demografica, ambiente, futuro”, organizzata da Global thinking foundation.

"Si tratta -ricorda il Capo dello Stato- di dare attuazione al dettato costituzionale che, all’articolo 31, richiama la Repubblica ad agevolare “con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose”. Proteggendo 'la maternità, l’infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo'. Politiche abitative, fiscali e sociali appropriate, conciliazione dell’equilibrio tra vita e lavoro, pari opportunità, sono questioni fondamentali".

"Il tema demografico -afferma ancora il Presidente della Repubblica- sfida in particolare i Paesi sviluppati, influenzando i diversi aspetti della struttura sociale. L’Italia non fa eccezione. Gli eccellenti risultati ottenuti in materia di tutela della condizione degli anziani, le nuove dinamiche fortemente unifamiliari, il calo delle nascite, impongono una riflessione al fine di soddisfare le nuove esigenze emergenti, per garantire la necessaria coesione sociale". "Le trasformazioni della demografia incidono fortemente sulla struttura territoriale del Paese e sulla sostenibilità dei centri abitati, in particolare delle zone montane, interne, rurali, aggravando la crisi e non permettendo di conseguire l’obiettivo dell’eguaglianza dei cittadini. La crescita abnorme delle aree metropolitane con le conseguenti diseconomie e disagi, basata, un tempo, sull’addensamento occupazionale e la disponibilità di servizi, deve lasciare il posto -conclude Mattarella- a un approccio integrato che includa interventi per promuovere lo sviluppo economico locale, investendo sui servizi del territorio per sostenere la vitalità delle nostre comunità".

"Il tema demografico -afferma ancora il Presidente della Repubblica- sfida in particolare i Paesi sviluppati, influenzando i diversi aspetti della struttura sociale. L’Italia non fa eccezione. Gli eccellenti risultati ottenuti in materia di tutela della condizione degli anziani, le nuove dinamiche fortemente unifamiliari, il calo delle nascite, impongono una riflessione al fine di soddisfare le nuove esigenze emergenti, per garantire la necessaria coesione sociale".

"Le trasformazioni della demografia incidono fortemente sulla struttura territoriale del Paese e sulla sostenibilità dei centri abitati, in particolare delle zone montane, interne, rurali, aggravando la crisi e non permettendo di conseguire l’obiettivo dell’eguaglianza dei cittadini. La crescita abnorme delle aree metropolitane con le conseguenti diseconomie e disagi, basata, un tempo, sull’addensamento occupazionale e la disponibilità di servizi, deve lasciare il posto -conclude Mattarella- a un approccio integrato che includa interventi per promuovere lo sviluppo economico locale, investendo sui servizi del territorio per sostenere la vitalità delle nostre comunità".

Continue Reading

Politica

Lega, 40 anni fa nasceva il partito di Bossi: dal governo...

Published

on

Il Carroccio fondato dal Senatur il 12 aprile 1984. La storia dagli inizi e la secessione alla svolta nazionalista

Umberto Bossi - Fotogramma

La Lega compie 40 anni. All'inizio ci fu l'obiettivo unico dell'indipendenza padana, benedetta da Gianfranco Miglio e dal mito del federalismo. Lo slogan era 'lontani da Roma e vicini all'Europa', i nemici per Umberto Bossi - fondatore di quel movimento che giurò guerra ai Palazzi della Capitale - erano, ad esempio, Ciriaco De Mita e i falsi invalidi campani o Bettino Craxi, rifugiatosi ad Hammamet. Tutto ebbe inizio il 12 aprile del 1984, in piena Prima Repubblica, quando un piccolo editore, una maestra elementare, un rappresentante di commercio, un commerciante, un odontotecnico e un architetto si misero d'accordo per dare vita a una piccola formazione locale, da cui prenderà piede la Lega, oggi il partito più longevo del parlamento italiano.

Umberto Bossi era l'editore, quella che sarà sua moglie, Manuela Marrone, la maestra elementare, Marino Moroni, Pierangelo Brivio, Emilio Sogliaghi e Giuseppe Leoni, cliente del notaio Bellorini di Varese, erano gli altri padani che si diedero da fare per registrare l'associazione 'Lega Lombarda Autonomista', che poi si unirà alla 'Liga Veneta' e alla 'Lega Piemont', creando la Lega Nord. Fu proprio Bossi a scrivere di suo pugno lo statuto federalista-autonomista, scegliendo il simbolo di Alberto da Giussano per il movimento.

Bossi il 'Senatur' e l'alleanza con Berlusconi

Nel frattempo Umberto girava il nord con una vecchia Citroen. Secchielli di colla, vernice e tanti slogan da attaccare ai muri. 'No al colonialismo terrone', 'Fratelli sul libero suol', 'Basta con le rapine del fisco', 'Alt all'invio di mafiosi in Lombardia', 'Al Nord giudici del Nord'. Proselitismo che dà i suoi frutti: Bossi arriva nell'87 in Senato. Il suo diventa, di colpo, il quarto partito della Repubblica. "Ora -chiese in tv, magro, coi capelli ricci, l'uomo che diventava il Senatur - vogliamo che i posti di lavoro vengano assegnati dando la precedenza ai residenti in Lombardia da almeno cinque anni". Poi l'impegno "all'abolizione del soggiorno obbligato e la lotta alla mafia".

Bossi vuole far pesare la sua forza elettorale e rompe gli indugi nel '94, si allea con Silvio Berlusconi, appena sceso in campo. Al Carroccio vanno l'8,4% dei voti e 180 parlamentari. Bossi manda 5 ministri al governo, tra cui Maroni. Ma con il Cavaliere si rompe presto, con reciproche accuse su pensioni e federalismo. Arriva così il 'patto delle sardine', con D'Alema e Buttiglione. Bossi fa nascere, con il leader del Pds e con il popolare, il governo tecnico guidato da Lamberto Dini. E riprende la battaglia secessionista. A Venezia ammaina il tricolore, sostituendolo col 'sole delle Alpi'. Nel mezzo convoca i suoi a Pontida, che negli anni sarà l'appuntamento clou dei militanti, e si inventa riti come l'ampolla del Po, o anche il Parlamento padano con sede a Villa Riva Berni di Bagnolo San Vito, in provincia di Mantova, dimora poi distrutta da un incendio nel 2019.

La Lega punta in quegli anni dritto alla secessione, il suo messaggio più forte, sempre sbandierato ma mai raggiunto. Il centrosinistra va al governo e approva una riforma del titolo V della Costituzione, modificando il regionalismo italiano, cercando di frenare le spinte separatiste. Alla fine degli anni '90, la Lega si riorganizza e si allea nuovamente con 'Berlusconi nella 'casa delle libertà'. Bossi torna al governo, diviene ministro per le riforme istituzionali e per la devoluzione.

L'ictus, i problemi giudiziari, le dimissioni, il Carroccio in caduta libera

Poi il primo marzo del 2004 l'ictus colpisce il Senatur. Intanto si arriva al referendum confermativo sulla devolution, che attribuisce nuovi poteri alle regioni, referendum che blocca di fatto, nel 2006, il progetto leghista.

Nel 2008 la Lega bossiana rifà parte del governo: Berlusconi è di nuovo premier, nella maggioranza tiene banco lo scontro con Fini, poi a novembre del 2011 la crisi economica e le fibrillazioni dei mercati, portano il Cavaliere alle dimissioni. Bossi è l'unico a dire no al governo tecnico di Monti, voluto dal capo dello Stato Giorgio Napolitano, mentre si profilano i problemi giudiziari per il fondatore della Lega, con la tesoreria Belsito, tra scandali per investimenti oscuri all'estero e rendicontazioni poco chiare dei rimborsi elettorali. Il vecchio capo, stanco e malato, deve lasciare e si dimette. E' il 5 aprile del 2012. Le immagini che corrono alla mente sono quelle della 'notte delle scope', quella del 10 aprile a Bergamo, con i militanti che chiedono rinnovamento, accorrendo con le scope per 'pulire il pollaio'. E' la manifestazione dell''orgoglio leghista'. "Chi sbaglia paga, senza guardare in faccia nessuno e chi ha preso i soldi della Lega li dovrà restituire fino all'ultimo centesimo. Umberto Bossi, non un pirla qualsiasi, si è dimesso con un gesto da vero leghista", dice Roberto Maroni. Nelle successive tornate elettorali il partito, che viene poi affidato proprio a Maroni, è in caduta libera, fino al 4,8%.

L'ascesa di Salvini, la svolta nazionalista

Il 7 dicembre 2013, alle primarie Matteo Salvini lancia la sua scalata alla Lega e sfida Bossi, ottenendo l'81,66% dei voti, mentre il fondatore resta fermo al 18,34%. Inizia l'ascesa di Salvini, che nel giro di cinque anni, porterà di nuovo la Lega al governo, con il M5S stavolta, divenendo vicepremier e ministro dell'Interno. Con Conte, premier pentastellato, però finisce male, ad agosto del 2019 c'è lo strappo del Papeete. Poi la storia recente, con la Lega Nord che nel frattempo viene 'clonata' nel nuovo partito 'Lega per Salvini premier', anche per tenere botta alla vicenda della condanna alla restituzione di 49 milioni di euro sottratti in modo illecito allo Stato, tra il 2008 e il 2010, inflitta dal tribunale di Genova al partito. Dopo la rottura del governo gialloverde, Salvini resta all'opposizione del Conte 2, ma poi schiera la Lega con Draghi, quando l'ex governatore della Bce viene chiamato dal presidente Mattarella a formare il governo, a febbraio del 2021.

Salvini negli anni costruisce la sua di Lega, firma la svolta sovranista e nazionalista, scegliendo il Tricolore, dimenticando la secessione e varcando i confini del nord. Il partito nato nel Varesotto ha ormai cambiato pelle, passando pure per il congresso del 2019 a Milano della vecchia Lega Nord, commissariata e affidata a un fedelissimo di Salvini, il deputato milanese Igor Iezzi, di fatto liquidata. Il 'Capitano', mai 'digerito' da Bossi, si rivela leader in grado di portare al massimo storico gli ex lumbard e alle ultime elezioni europee, a maggio del 2019, raggiunge un clamoroso 34,3%. Da quel momento Salvini però sembra avere perso il suo tocco magico, arrivando a un modesto 8,9% alle ultime politiche, ormai distantissimo dall'alleata premier Giorgia Meloni, e a rischio sorpasso nei consensi da parte di Forza Italia, che tallona da vicino la Lega.

Continue Reading

Ultime notizie

Ultima ora1 ora ago

La Ferrari di Elseid Hysaj prende fuoco: “Sto bene,...

"Per fortuna me ne sono accorto e ho subito accostato" Sono stati momenti di paura quelli vissuti giorni fa dal...

Sport1 ora ago

La Ferrari di Elseid Hysaj prende fuoco: “Sto bene,...

"Per fortuna me ne sono accorto e ho subito accostato" Sono stati momenti di paura quelli vissuti giorni fa dal...

Ultima ora1 ora ago

Arriva ‘M.A.D.E’, docuserie in 10 episodi per...

Sviluppato da frame by frame per promuovere la filiera italiana della moda vincitrice del Premio Speciale Film Impresa-Unindustria alla Creatività...

Ultima ora1 ora ago

Mare, Rampelli: “Piano Mattei ha ridato centralità al...

"Recuperare divario rispetto al passato ma negli ultimi due anni è stato fatto un lavoro gigantesco" “Penso che gli investimenti...

Economia1 ora ago

Mare, Rampelli: “Piano Mattei ha ridato centralità al...

"Recuperare divario rispetto al passato ma negli ultimi due anni è stato fatto un lavoro gigantesco" “Penso che gli investimenti...

Ultima ora1 ora ago

Ue, Capaccioli (Gbc Italia): “Direttiva case green...

"Necessario garantire transizione graduale e sostenibile verso ambiente edilizio a basse emissioni di carbonio" “Gbc Italia è a disposizione del...

Economia1 ora ago

Ue, Capaccioli (Gbc Italia): “Direttiva case green...

"Necessario garantire transizione graduale e sostenibile verso ambiente edilizio a basse emissioni di carbonio" “Gbc Italia è a disposizione del...

Economia1 ora ago

Blue Economy, Rampelli: “Sfida del mare diventi...

“Penso che gli investimenti sulle politiche del mare siano multidirezionali. Dobbiamo recuperare un divario rispetto al passato ma penso che...

Economia1 ora ago

Direttiva case green, Capaccioli (GBC Italia): “275...

"Ogni Stato membro avrà due anni per presentare un piano di adeguamento. GBC Italia si è già messa a disposizione...

Ultima ora1 ora ago

Trasporti, Procaccini (FdI): “Cambiare riforma Ue,...

"Da nuovo Parlamento europeo ci aspettiamo investimenti e non ostacoli" “La riforma europea dei trasporti grava sul trasporto marittimo facendo...

Economia1 ora ago

Trasporti, Procaccini (FdI): “Cambiare riforma Ue,...

"Da nuovo Parlamento europeo ci aspettiamo investimenti e non ostacoli" “La riforma europea dei trasporti grava sul trasporto marittimo facendo...

Ultima ora1 ora ago

Rischio cardiovascolare, Bilato (Anmco): “Cura...

"Riduce colesterolo cattivo, migliora aderenza e abbassa nel tempo eventi e costi" Il colesterolo Ldl, causa nota di eventi cardiovascolari,...

Salute e Benessere1 ora ago

Rischio cardiovascolare, Bilato (Anmco): “Cura...

"Riduce colesterolo cattivo, migliora aderenza e abbassa nel tempo eventi e costi" Il colesterolo Ldl, causa nota di eventi cardiovascolari,...

Ultima ora1 ora ago

Porti, Ciacciarelli (Lazio): “Ne avremo 7 nella...

"Sviluppo diportistica volano per l'economia locale" “In fase di bilancio abbiamo fatto inserire fondi per i porti ma la vera...

Spettacolo2 ore ago

Taormina Film Fest, Marco Müller è il nuovo direttore...

Dal 12 al 19 luglio al Teatro Antico Marco Müller è il nuovo direttore artistico della 70esima edizione del Taormina...

Cultura2 ore ago

‘Tra Russia e Ucraina’, libro-diario di...

Ventiquattro febbraio 2022: l’invasione russa dell’Ucraina è un evento drammatico che entra improvvisamente nella vita quotidiana di ognuno. Un conflitto...

Esteri2 ore ago

Israele si prepara all’attacco dall’Iran – Ascolta

Israele si sta preparando a un attacco diretto dall’Iran probabilmente sul suolo israeliano, nelle prossime 24-48 ore: Lo ha detto...

Immediapress2 ore ago

Come rendere unico il proprio spazio esterno? Versatilità e...

Milano, 12 aprile 2024. Tra le realtà più affermate nel settore del benessere e del relax all’aperto, NEPO Piscine si...

Immediapress2 ore ago

Luca Taddei: «Sostituire i serramenti? Con il Progetto...

Grazie all’esclusivo Sistema Unico di Lavoro, l’azienda mantovana, in qualità di referente unico, offre un pacchetto completo per la sostituzione...

Spettacolo2 ore ago

Con ‘Magic flute’ la scena elettronica italiana...

Il brano firmato da tre artisti che hanno contribuito a definire il suono elettronico nel paese La musica elettronica italiana...