Connect with us

Ultima ora

Ucraina, Macron e ipotesi invio soldati. Italia: “No...

Published

on

Ucraina, Macron e ipotesi invio soldati. Italia: “No truppe Nato in campo”. Da Europa coro di no

Le nazioni occidentali prendono le distanze dalle dichiarazioni del presidente francese: "Nessun invio militari di Paesi europei e Nato"

Soldati in Ucraina

Dalla Germania all'Ungheria, dalla Polonia alla Gran Bretagna, le nazioni occidentali prendono le distanze dalle dichiarazioni di Emmanuel Macron. Il presidente francese non ha escluso l'ipotesi dell'invio di truppe in Ucraina, sottolineando che bisogna fare "tutto il necessario per garantire che la Russia non possa vincere questa guerra".

Cosa dice l'Italia

La posizione dell'Italia è chiara. "La Conferenza organizzata ieri a Parigi dal Presidente Macron ha costituito l'occasione per riaffermare, con la partecipazione del Vice Ministro Cirielli, il pieno impegno dell'Italia a sostegno dell’Ucraina nella lotta a difesa della propria sovranità e integrità territoriale. Fin dall'aggressione russa di due anni fa vi è stata piena coesione di tutti gli Alleati nel supporto da offrire a Kiev. Questo supporto non contempla la presenza sul territorio ucraino di truppe di Stati europei o Nato", si legge in una nota di Palazzo Chigi.

"E' un'idea di Macron, mi pare che quando si parla di inviare truppe si debba essere molto prudenti, non dobbiamo far pensare che siamo in guerra con la Russia. Il mio giudizio personale è che non sono favorevole a inviare truppe italiane a combattere in Ucraina", dice il ministro degli Esteri Antonio Tajani, parlando a Zagabria a margine della riunione del comitato di coordinamento Italia-Croazia.

Le reazioni dall'Europa

Mentre il Cremlino sottolinea che tale possibilità porterebbe inevitabilmente a uno scontro militare diretto tra Russia e Nato, il cancelliere tedesco Olaf Scholz sottolinea che "ciò che è stato concordato fin dall’inizio tra di noi vale anche per il futuro, vale a dire che non ci saranno truppe di terra, né soldati inviati sul suolo ucraino dai paesi europei o gli Stati della Nato".

Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha affermato che Budapest non è disposta a inviare armi o truppe a Kiev e che la sua posizione sulla questione è "solida come la roccia".

"Non siamo d'accordo", ha detto la portavoce del governo di Madrid, Pilar Alegría. "Quello che è urgente" è "accelerare la consegna di materiale" militare a Kiev, ha aggiunto.

Anche la Gran Bretagna non ha piani per uno spiegamento di truppe su larga scala in Ucraina, ha detto un portavoce del primo ministro britannico Rishi Sunak. "Oltre al piccolo numero di personale che abbiamo nel paese a sostegno delle forze armate dell'Ucraina, non abbiamo alcun piano per un dispiegamento su larga scala", ha detto il portavoce ai giornalisti, aggiungendo che un gran numero di truppe ucraine vengono addestrate in Gran Bretagna e Londra sostiene Kiev con attrezzature e rifornimenti.

Sulla stessa linea, anche "la Polonia non ha piani per inviare le sue truppe in territorio ucraino", ha detto Donald Tusk. "Credo che non dovremmo fare ipotesi oggi se ci saranno circostante che potrebbero cambiare questa posizione", ha aggiunto il premier del paese confinante con l'Ucraina.

"Sono convinto che dobbiamo sviluppare le vie di sostegno che abbiamo intrapreso dopo l'aggressione della Russia", le parole del premier ceco Petr Fiala. "Io credo non dobbiamo aprire ad altri metodi o modi", ha aggiunto Fiala, escludendo quindi l'ipotesi dell'invio di truppe, e sottolineando che il focus al momento è sull'invio di aiuti militari e sul sostegno umanitario ed economico.

Taglia corto il premier svedese, Ulf Kristersson, che ieri ha celebrato "la storica giornata" della ratifica ungherese, l'ultima rimasta, all'adesione della Svezia alla Nato. "Non c'è nessuna richiesta da parte Ucraina per questo, la questione non è rilevante". "Al momento siamo occupati a pieno nell'inviare equipaggiamento avanzato dalla Svezia all'Ucraina in molti modi diversi, come molti altri Paesi sono impegnati a fare", ha detto Kristersson, intervistato dall'emittente Svt, aggiungendo quindi che la questione dell'ipotetico invio di truppe "così è una questione interamente diversa".

"Comunque, possiamo dire che ci sono Paesi diversi che hanno tradizioni diverse nell'impegnarsi in altri Paesi - ha detto commentando ancora le parole del presidente francese - e la tradizione della Francia non è la tradizione svedese, così io rispetto la volontà della Francia di aiutare l'Ucraina. Noi ora aiutiamo l'Ucraina in un modo diverso con molto equipaggiamento avanzato". Alla domanda se può escludere l'invio di truppe svedesi nel caso in cui dovesse arrivare una richiesta, ha poi risposto: "Viviamo in momenti molto speciali, così una generale esclusione di qualcosa". Però poi ha ribadito che la questione "al momento non è rilevante, non c'è una discussione del genere in corso in Svezia, noi partecipiamo inviando risorse, materiale e soldi all'Ucraina e questo è molto apprezzato".

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Cronaca

Scuola, tornano i giudizi e il pediatra boccia...

Published

on

Farnetani: "Troviamo un'altra formula"

Una classe a scuola

Il ritorno dei giudizi 'classici' - come ottimo, buono e così via - nella pagella delle scuole primarie? "Approvato". Parola di pediatra. Ma con una puntualizzazione: "Sostituiamo la parola 'insufficiente', dannosa per tutti, con un'altra formula". E' il suggerimento di Italo Farnetani, professore ordinario di pediatria, che vede positivamente la riforma annunciata dal ministro dell'Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara. Una riforma in base alla quale - come spiegato dallo stesso ministro - accanto a dei giudizi analitici più complessi e tecnici, che servono innanzitutto ai docenti per ricostruire il percorso dello studente, ci dovrà essere una pagella in cui il giudizio sintetico è espresso con un termine chiaro per ogni materia, in modo che le famiglie e gli studenti sappiano esattamente qual è il livello di apprendimento.

L'esperto, commentando all'Adnkronos Salute quanto prospettato da Valditara, fa una premessa che è anche un appello: "Ancora prima di parlare dell'espressione formale del giudizio, l'importante è valutare bene e in modo equo l'alunno. Invito i docenti e le scuole a basarsi sempre sui principi della docimologia, scienza essenziale della didattica che studia i criteri della valutazione". Un giudizio giusto "rappresenta il presupposto fondamentale della scuola, ma nello stesso tempo è essenziale nella crescita e nella formazione dello studente, del minore. Rappresenta un momento importante: da una giusta valutazione ricevuta a scuola deriva la giusta dimensione della propria autostima, ma nello stesso tempo una giusta collocazione dell'alunno nell'ambito della società e del suo ruolo di cittadino".

Una volta valutato in modo corretto il lavoro scolastico, prosegue Farnetani, "certamente si dovrà trasmettere il risultato agli alunni e alla famiglia. Il dibattito avviene principalmente su tre metodi: un giudizio descrittivo; un giudizio sintetico, cioè un termine; un giudizio numerico, cioè il voto. Il giudizio descrittivo presenta due punti di debolezza. Il primo riguarda il punto di vista della comunicazione: si può scrivere tanto e dire poco senza prendersi responsabilità. E non sempre i testi sono comprensibili, magari hanno troppi tecnicismi". Su questo fronte "interviene troppo la soggettività del docente che alla fine, nella molteplicità delle scelte - ragiona il pediatra - può rendere difficoltoso un confronto con altri alunni, con altri insegnanti, o per lo stesso alunno può non essere scientificamente possibile fare un confronto degli effettivi progressi ottenuti nel percorso di studio".

Poi, continua l'analisi di Farnetani, "ci sono i voti, che ormai fanno parte del vissuto collettivo e hanno facilità di comprensione e confronto, anche troppo forse. Di certo sono sempre 'taglienti', ma talvolta anche penalizzanti soprattutto nelle insufficienze. I giudizi sintetici, cioè la singola parola, hanno il vantaggio di 'comunicare' il giudizio unendo anche gli aspetti positivi del voto. Sono in grado cioè di esprimere in modo facilmente comprensibile il risultato senza avere la freddezza del voto numerico, o essere prolissi come li giudizio descrittivo. Perciò il giudizio sintetico è una scelta appropriata".

Per fare un esempio, dice il professore ordinario dell'Università Ludes-United Campus of Malta, "un conto è prendere 6, un conto è prendere 'sufficiente'. Già il valore semantico della parola è importante, proprio perché l'alunno non si sente al bordo dell'insufficienza, ma al contrario avverte di essere nella positività".

"In questa stessa logica - conclude il pediatra - non mi piace il termine 'insufficiente'. Per l'alunno che lo riceve può essere una grossa caduta di autostima e per i genitori ha un impatto negativo sia nel giudizio dei figli sia nella valutazione di se stessi. Magari possono essere portati a chiedersi se sono stati bravi genitori, se hanno saputo ottemperare al loro compito. Ecco perché propongo di sostituire il termine insufficiente con 'in costruzione'".

Continue Reading

Politica

Sardegna, Tenores di Bitti: “Buon lavoro a Todde,...

Published

on

"Speriamo ci sia confronto e ascolto con chi opera nel mondo della cultura, e per quanti ci riguarda della arti musicali e tradizionali"

I Tenores di Bitti Remunnu 'e Locu

"Per governare bene e con la dovuta attenzione la nostra Isola c’è ancora tanto da fare: tra nuovi e vecchi problemi da risolvere. Facciamo quindi il nostro più sincero in bocca al lupo e buon lavoro ad Alessandra Todde”. Così all’Adnkronos i Tenores di Bitti Remunnu ‘e Locu.

"Nei prossimi cinque anni, ma non solo, ci auguriamo che il mondo della cultura, e per quanto ci riguarda delle arti musicali e tradizionali - aggiungono i componenti del gruppo storico di canto - sia seguito da persone capaci e pronte ad assicurare confronto e ascolto con le migliaia di soggetti che operano in questo settore”.

Continue Reading

Politica

Giorgia Meloni, la compagna di scuola: “Amava Michael...

Published

on

"Bravissima in tutte le materie, non faceva troppo copiare i compiti in classe…"

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni (Fotogramma)

"Eravamo sempre all'ultimo banco, lei era bravissima in tutte le materie, non faceva troppo copiare i compiti in classe…”. Il racconto, ai microfoni di Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, è di Guendalina Paolini, amica stretta della presidente del Consiglio ai tempi della scuola, che ha svelato alcuni aspetti inediti della gioventù della presidente del Consiglio e leader di FdI. "Sono stata compagna di banco per cinque anni della premier Meloni in un liceo linguistico sperimentale" racconta.

"Giorgia voleva assolutamente conoscere Michael Jackson"

"Da adolescenti Giorgia voleva assolutamente conoscere Michael Jackson, andò anche sotto il suo hotel per cercare di incontrarlo, ma lo vide solo quando si affacciò al balcone". Quindi il desiderio rimase tale… "Esatto. Però ai tempi c'era un concorso della Coca Cola che prometteva, in caso di vittoria, di poter incontrare l'interprete di Thriller: ci siamo intossicate, ne compravamo 3 o 4 bottiglie al giorno. Ma niente…". Quali erano i suoi pezzi preferiti? "Sicuramente 'Man in the mirror', e poi ci divertivamo a fare il mitico balletto di Jackson, il Moonwalk, nei corridoi della scuola: Giorgia era brava anche in questo".

"Andammo ad un suo concerto allo stadio Flaminio - racconta ancora Paolini -. Ci andammo prestissimo e la leggenda vuole che Giorgia, nella concitazione, perse una scarpa, poi si tolse anche l’altra e poi rimase a piedi nudi per tutto il concerto”. Oltre a Jackson, Giorgia Meloni aveva altri miti adolescenziali? “Essendo una buona giocatrice di pallavolo, gli piaceva moltissimo Andrea Zorzi, ne era quasi innamorata, di quell’amore adolescenziale che l'aveva portata anche ad appendere il suo poster in cameretta”.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca1 ora ago

Scuola, tornano i giudizi e il pediatra boccia...

Farnetani: "Troviamo un'altra formula" Il ritorno dei giudizi 'classici' - come ottimo, buono e così via - nella pagella delle...

Immediapress1 ora ago

…And the Oscar goes to: Oppenheimer! La pellicola di Nolan...

Roma, 28 febbraio 2024–La Notte degli Oscar si avvicina e, aspettando di poter rivedere per la quarta volta sul palco...

Politica2 ore ago

Sardegna, Tenores di Bitti: “Buon lavoro a Todde,...

"Speriamo ci sia confronto e ascolto con chi opera nel mondo della cultura, e per quanti ci riguarda della arti...

Politica2 ore ago

Giorgia Meloni, la compagna di scuola: “Amava Michael...

"Bravissima in tutte le materie, non faceva troppo copiare i compiti in classe…" "Eravamo sempre all'ultimo banco, lei era bravissima...

Esteri2 ore ago

Ferrari tra Sainz e Hamilton, con Gp Bahrain parte staffetta

Ultimo Mondiale in rosso per lo spagnolo, nel 2025 arriva l'inglese Carlos Sainz sta per iniziare l'ultimo Mondiale di Formula...

Economia2 ore ago

LOGiCO: “Legge determina già entità del fondo,...

Per Moreno Marasco, presidente della Lega Operatori di Gioco su Canale Online, "La vicenda si chiude con una secca bocciatura"...

Sport2 ore ago

Juve, ansia Chiesa: nuovo infortunio?

Scontro in allenamento con Alex Sandro C'è apprensione in casa Juventus per le condizioni di Federico Chiesa. L'attaccante ha dovuto...

Spettacolo2 ore ago

Musica: Cidim fa volare all’estero il jazz di Ionata...

Oltre 30 concerti tra Svizzera, Germania, Francia, Giappone, Etiopia e Kazakistan Si chiama 'Suono Italiano - Jazz Session' ed è...

Economia2 ore ago

Agnelli, Berlusconi, Del Vecchio: cosa si muove nelle...

Storie diverse, stesso complesso intreccio di interessi, denaro e potere Storie diverse, stesso intreccio di interessi, denaro e potere. Le...

Cronaca2 ore ago

Cybersicurezza, National Security Hub lancia primo podcast

Esperti di sicurezza e innovazione mettono a disposizione know-how per affrontare sfide e opportunità Per affrontare le nuove sfide della...

Sostenibilità2 ore ago

Produrre legname senza abbattere gli alberi: come funziona...

Pro e contro della tecnica di potatura giapponese, un esempio di coltura sostenibile Creare legname senza abbattere alberi: questa è...

Economia2 ore ago

Everli, Jonathan Hannestad è il nuovo Ceo e Floridi...

Nomine sono il primo passo del piano di rafforzamento, riorganizzazione e rilancio dell'azienda messo in atto da Palella Holdings che...

Economia2 ore ago

Errore umano e scarsa manutenzione, le principali cause dei...

Ogni anno si verificano più di 1.000 casi I danni all'ambiente rappresentano una grave minaccia per le risorse naturali, la...

Economia3 ore ago

‘Tenga il resto’, progetto contro lo spreco...

Promosso da Roma Capitale con Cial, Fipe Confcommercio, Fiepet-Confesercenti e Slow Food Contrastare lo spreco alimentare promuovendo le buone pratiche...

Sostenibilità3 ore ago

Rinnovabili, in Sicilia arriva il più grande parco...

A realizzarlo sarà la spagnola Iberdola: energia verde pari al fabbisogno di 140.000 famiglie Senza investimenti, non si va da...

Sport3 ore ago

Juve, stop per Chiesa: scontro con Alex Sandro in...

L'attaccante si ferma dopo un colpo alla caviglia Ancora problemi per Federico Chiesa. L'attaccante della Juventus ha preso una botta...

Economia3 ore ago

Da rottamazione quater a certificazione unica, le scadenze...

Cosa e entro quando pagare: l'agenda del mese ricca di appuntamenti Rottamazione quater, acconto irpef e adempimenti. E' ricco di...

Lavoro3 ore ago

Cida: “Politica si faccia carico del ceto medio, il...

Open day per la petizione 'Salviamo il ceto medio' Giornata di mobilitazione nazionale "L’erosione della classe media rischia di sommergere...

Immediapress3 ore ago

Kaspersky: oltre 36 milioni di credenziali AI e gaming...

Milano, 28 febbraio 2024 Una quantità enorme di credenziali di accesso rubate è stata scoperta dagli esperti di Kaspersky Digital...

Sport3 ore ago

1000 Miglia, un’altra tappa verso il traguardo della...

Bureau Veritas Italia ha verificato la conformità della carbon footprint di 1000 Miglia srl Lo spirito audace e innovativo è...