Connect with us

Esteri

Russia: Orlov, da volantini contro guerra Afghanistan a...

Published

on

Russia: Orlov, da volantini contro guerra Afghanistan a proteste da solo per Ucraina/Adnkronos

Da volantini contro guerra Afghanistan a proteste da solo per Ucraina, chi è l'esponente di spicco di Memorial

Oleg Orlov - (Afp)

Oleg Orlov, co presidente del Centro per i diritti umani Memorial, è stato condannato a due anni e sei mesi di colonia penale per discredito reiterato delle forze militari russe con l'aggravante dell'odio verso i valori tradizionali. Lo ha reso noto Mediazona e confermato Memorial. La lettura della sentenza è avvenuta presso il tribunale Golovinsky di Mosca in cui si è svolto il processo.

La corte ha ordinato l'arresto immediato di Orlov e il dissidente russo, che ha quasi 71 anni e da poche settimane è stato inserito nell'elenco degli 'agenti stranieri', è stato ammanettato e portato fuori dall'aula, scortato da otto agenti con il volto coperto da passamontagna e il giubbotto anti proiettile, salutato dagli applausi dei sostenitori presenti.

La condanna di Orlov arriva per l'articolo firmato nel novembre del 2022 per Mediapart, intitolato "Volevano il fascismo, lo hanno avuto", una tesi, quella del regime totalitario e fascista in Russia, che ha ribadito ieri, nell''ultima parola', il discorso che ha tenuto a conclusione del processo, prima della lettura della sentenza. Aveva anche detto di "non avere nulla da rimpiangere o di cui pentirsi". Per il suo impegno di una vita a difesa dei diritti umani in Russia, nel 2009 aveva ricevuto anche il Premio Sakharov. Con Memorial, nel 2022, il Premio Nobel per la pace.

Chi è Oleg Orlov

"La storia di Oleg Orlov è quella di un uomo che si è battuto tutta la vita contro la guerra e la dittatura", riassume Alekandr Cherkasov, che con lui ha militato in Memorial sin dalle prime discussioni da cui l'organizzazione ha avuto origine. E lo ha fatto, motivato dal "senso di soffocamento" che provava da tempo, sin dall'inizio degli anni Ottanta, per protestare contro la repressione del movimento Solidarnosc in Polonia e il rischio di un intervento di Mosca, e contro l'invasione dell'Afghanistan da parte dell'Unione sovietica. Inizia a stampare e distribuire volantini per le strade di Mosca, per denunciare la guerra e chiederne la fine immediata e il ritiro delle forze militari o contro la dichiarazione dello stato di emergenza in Polonia.

A lungo non sa bene cosa fare. Non è convinto dal movimento dei dissidenti che trova non efficace. Matura così l'idea dei volantini, di come stamparli da solo con un duplicatore, uno strumento da produrre facilmente in casa per replicare testi, che poi distribuisce la notte intorno alla stazione Kievsky, poi sul Kutuzovsky, negli androni delle case di Mosca.

Nel 1988, inizia a partecipare alle discussioni di Memorial per la riabilitazione delle vittime del terrore sovietico, la denuncia delle violazioni dei diritti umani, la costruzione di monumenti per le vittime. Prende parte a spedizioni in Siberia, per individuare le rovine dei gulag staliniani. Poi c'è stato il Nagorno Karabakh nel 1990, dove è rimasto in territorio di guerra diverse settimane, un conflitto su cui ha contribuito a scrivere il primo rapporto indipendente. Decide in questo periodo di lasciare il lavoro di accademico, per dedicarsi interamente all'impegno di attivista.

Biologo, Orlov, e fisico, Cherkasov, negli anni, sono diventati di fatto giuristi con il loro lavoro sul campo. Per documentare, e riferire a tribunali in Russia o alla Corte europea per i diritti dell'uomo di Strasburgo, le violazioni commesse, in particolare dalle forze militari russe. Hanno fatto ricorso al metodo scientifico, "non credere a tutto ciò che viene detto, ma mettere alla prova, metodo che si è rivelato molto utile nelle zone d'ombra, per non rimanere ostaggio di quello che dice una parte o l'altra".

La morte di Navalny

Dopo la morte di Alexei Navalny "le cose si sono solo fatte più chiare e pericolose. Ma è una situazione che va avanti da molti anni, dalla morte dei nostri compagni di battaglia, fra cui Anna Politkovkaya, Natalia Estemirova, Boris Nemtsov. Comprendiamo bene che questa battaglia è pericolosa e forse lunga, Oleg comprende che sarà molto pericolosa e molto lunga. E' come il cavaliere che lotta contro il drago, che continua a farlo anche se il suo avversario è terribile", aggiunge Cherkasov, che ha 57 anni, è in Memorial dal 1989, ora da diversi mesi ha lasciato la Russia.

L'organizzazione per cui lavorano entrambi è stata presente nelle zone dei conflitti che si sono aperti con il crollo dell'Unione sovietica, dalla Transnistria al Tagikistan. Poi la Cecenia, la prima guerra e la seconda, quando il lavoro è diventato "più sistematico", sono stati aperti uffici, non solo a Grozny, ma anche nel Daghestan e in Inguscetia, per documentare sparizioni forzate, le torture, un lavoro proseguito, a Grozny fino al 2018, nelle repubbliche vicine fino alla chiusura di Memorial poche settimane prima dell'inizio della guerra contro l'Ucraina, contro cui Orlov non solo ha scritto l'articolo pubblicato da Mediapart in cui parla del regime in Russia come di fascismo all'origine del procedimento giudiziario a suo carico ma è sceso in piazza per picchetti individuali (da solo con un cartello in una zona centrale di Mosca).

Il risultato? Su 3-5mila sparizioni forzate avvenute in Cecenia, in Russia ci sono state quattro sentenze di tribunale. Circa trecento sono stati invece i casi aperti alla Corte europea. La Russia ha pagato sanzioni, "l'imposta per l'impunità", come la chiamiamo noi, ma mai avviato una inchiesta effettiva, mai cambiato nulla nella struttura delle forze militari per prevenire la ripetizione di tali crimini. Però, con Orlov, siamo riusciti a "evitare che la tragedia si trasformasse in statistica, a dare un nome a diverse centinaia di vittime".

E anche se oggi in Russia la legge protegge i responsabili delle sparizioni, dal momento che è stata una pratica sistematica, vale a dire di un crimine contro l'umanità, non c'è prescrizione.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Esteri

Ferrari tra Sainz e Hamilton, con Gp Bahrain parte staffetta

Published

on

Ultimo Mondiale in rosso per lo spagnolo, nel 2025 arriva l'inglese

Carlos Sainz e Lewis Hamilton

Carlos Sainz sta per iniziare l'ultimo Mondiale di Formula 1 alla guida della Ferrari. Lewis Hamilton sta per iniziare l'ultima stagione con la Mercedes prima di passare al Cavallino nel 2025. In Bahrain, con il primo Gp della stagione in programma il 3 marzo, parte una sorta di lunga staffetta tra il pilota spagnolo e il campione inglese.

"Non so ancora dove andrò in futuro, voglio dare il massimo in questa stagione in questo team fantastico. Per il resto, ho bisogno di tempo per capire il miglior progetto per me a medio lungo termine e provare a diventare campione", dice Sainz, nel corso della conferenza stampa piloti alla vigilia delle prove libere. "Sembra che l’ultima gara del 2023 sia stata ieri…Il tempo del riposo invernale è sempre più beve, ormai è come stare sempre in gara. Noi abbiamo completato il nostro lavoro e siamo pronti per la prima gara", aggiunge Sainz.

E Hamilton? "Sapere che andrò nel 2025 in Ferrari? Non cambia nulla. Sono andato in fabbrica lunedì e c'è la voglia di attaccare subito. Siamo tutti concentrati sul lavoro e c'è così tanto affetto che tutti hanno capito la mia scelta. Sono pronto a dare il mio meglio, ogni settimana sarà emozionante. Anche l’ultima prova del sedile, l'ultimo test", dice il 39enne inglese al voltante della Mercedes, prima di passare in Ferrari. "L'atmosfera è buona dopo i test, ma come sempre -prosegue Hamilton-. Abbiamo dei problemi da risolvere, situazione non perfetta ma migliore degli anni passati. Ancora non siamo al livello che però vorremmo. Russell leader dopo di me? Sono certo che sia in grado di farlo ma altro non so dire. E' un pilota tecnico, sa coinvolgere la squadra e ha fatto tanta strada".

Continue Reading

Esteri

Il politologo Dupuy: ”Macron arrabbiato con Meloni....

Published

on

''Colto di sorpresa dalla visita della premier a Kiev, il capo dell'Eliseo ha voluto dimostrare di essere leader nella coalizione per aiutare gli ucraini. Ma la sua proposta non ha alcun consenso politico in Francia e non passerà mai''

Il politologo Dupuy: ''Macron arrabbiato con Meloni. Proposta invio truppe in Ucraina è stata prova di forza politica''

Il presidente francese Emmanuel ''Macron è molto arrabbiato con Giorgia Meloni'' perché è stato ''colto di sorpresa dalla mossa politica'' della premier italiana, andata a presiedere il G7 a Kiev in occasione del secondo anniversario dell'inizio dell'aggressione militare russa. Così, a sua volta, Macron ha voluto ''sorprendere tutti'' e fare ''una prova di forza'', annunciando la possibilità di ''inviare truppe dei Paesi della coalizione occidentale per l'Ucraina''. Ma si tratta anche qui di ''una mossa politica'', di un presidente ''sotto pressione'' che vuole far vedere ''risultati nella sua agenda rispetto all'Ucraina'' dopo che sono falliti i tentativi di mediazione e di compromesso con il presidente russo Vladimir Putin. E' l'analisi che fa all'Adnkronos il politologo francese Emmanuel Dupuy, sottolineando che in Francia ''non c'è alcun consenso politico sulla questione'' e ''non ci sarà alcun voto della maggioranza di senatori e deputati che permetterà di inviare truppe francesi direttamente in Ucraina''.

Macron ha voluto quindi ''fare dichiarazioni politiche per dare l'impressione che la riunione di Parigi avrebbe potuto avere un risultato concreto e un grande sviluppo con l'aumento degli aiuti europei'' a Kiev, ha voluto alzare la voce per ''far vedere che la Francia è un Paese leader nella coalizione di 50 Paesi che aiutano l'Ucraina, che ha una posizione forte''. Anzi, ''Macron ha voluto presentarsi come il capo della coalizione internazionale per l'Ucraina, anche se finora non ha contribuito molto in termini di aiuti militari'', meno di un decimo rispetto ad esempio agli aiuti forniti dalla Germania.

A livello nazionale, ''Macron è sotto pressione per via della protesta degli agricoltori, per l'opposizione forte in vista delle elezioni europee e ha dovuto mostrare a livello internazionale, con il vertice sull'Ucraina lunedì e con il successivo meeting con il Qatar, che sta agendo dove altri non stanno facendo''.

Per il presidente dell'Istituto per la Prospettiva e la Sicurezza in Europa (Ispe), ''Macron teme la prospettiva che, nel caso di una sconfitta dell'Ucraina, venga chiesto alla Francia che ruolo ha avuto per impedirlo, quanto aiuto ha fornito''. Ecco perché, prosegue, Macron ha ''cambiato paradigma'' e ha ''illustrato la sua agenda per l'Ucraina. Ecco perché ha proposto di mandare truppe sul terreno anche se nelle ultime 24 ore praticamente tutti i paesi europei hanno detto no''. In ogni caso Macron ha anche parlato di ''truppe non combattenti'' da inviare in Ucraina, come ad esempio ''addestratori, piloti o esperti di intelligence'', precisa.

Continue Reading

Esteri

Il pendolo della guerra favorevole ai russi – Ascolta

Published

on

(Ipa/Fotogramma)

Due anni di guerra, dopo la controffensiva di primavera degli ucraini il momento è ora favorevole alle truppe di Mosca che dopo la conquista di Avdiivka avanzano nel Donetsk.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca2 ore ago

Scuola, tornano i giudizi e il pediatra boccia...

Farnetani: "Troviamo un'altra formula" Il ritorno dei giudizi 'classici' - come ottimo, buono e così via - nella pagella delle...

Immediapress2 ore ago

…And the Oscar goes to: Oppenheimer! La pellicola di Nolan...

Roma, 28 febbraio 2024–La Notte degli Oscar si avvicina e, aspettando di poter rivedere per la quarta volta sul palco...

Politica2 ore ago

Sardegna, Tenores di Bitti: “Buon lavoro a Todde,...

"Speriamo ci sia confronto e ascolto con chi opera nel mondo della cultura, e per quanti ci riguarda della arti...

Politica2 ore ago

Giorgia Meloni, la compagna di scuola: “Amava Michael...

"Bravissima in tutte le materie, non faceva troppo copiare i compiti in classe…" "Eravamo sempre all'ultimo banco, lei era bravissima...

Esteri2 ore ago

Ferrari tra Sainz e Hamilton, con Gp Bahrain parte staffetta

Ultimo Mondiale in rosso per lo spagnolo, nel 2025 arriva l'inglese Carlos Sainz sta per iniziare l'ultimo Mondiale di Formula...

Economia2 ore ago

LOGiCO: “Legge determina già entità del fondo,...

Per Moreno Marasco, presidente della Lega Operatori di Gioco su Canale Online, "La vicenda si chiude con una secca bocciatura"...

Sport3 ore ago

Juve, ansia Chiesa: nuovo infortunio?

Scontro in allenamento con Alex Sandro C'è apprensione in casa Juventus per le condizioni di Federico Chiesa. L'attaccante ha dovuto...

Spettacolo3 ore ago

Musica: Cidim fa volare all’estero il jazz di Ionata...

Oltre 30 concerti tra Svizzera, Germania, Francia, Giappone, Etiopia e Kazakistan Si chiama 'Suono Italiano - Jazz Session' ed è...

Economia3 ore ago

Agnelli, Berlusconi, Del Vecchio: cosa si muove nelle...

Storie diverse, stesso complesso intreccio di interessi, denaro e potere Storie diverse, stesso intreccio di interessi, denaro e potere. Le...

Cronaca3 ore ago

Cybersicurezza, National Security Hub lancia primo podcast

Esperti di sicurezza e innovazione mettono a disposizione know-how per affrontare sfide e opportunità Per affrontare le nuove sfide della...

Sostenibilità3 ore ago

Produrre legname senza abbattere gli alberi: come funziona...

Pro e contro della tecnica di potatura giapponese, un esempio di coltura sostenibile Creare legname senza abbattere alberi: questa è...

Economia3 ore ago

Everli, Jonathan Hannestad è il nuovo Ceo e Floridi...

Nomine sono il primo passo del piano di rafforzamento, riorganizzazione e rilancio dell'azienda messo in atto da Palella Holdings che...

Economia3 ore ago

Errore umano e scarsa manutenzione, le principali cause dei...

Ogni anno si verificano più di 1.000 casi I danni all'ambiente rappresentano una grave minaccia per le risorse naturali, la...

Economia3 ore ago

‘Tenga il resto’, progetto contro lo spreco...

Promosso da Roma Capitale con Cial, Fipe Confcommercio, Fiepet-Confesercenti e Slow Food Contrastare lo spreco alimentare promuovendo le buone pratiche...

Sostenibilità3 ore ago

Rinnovabili, in Sicilia arriva il più grande parco...

A realizzarlo sarà la spagnola Iberdola: energia verde pari al fabbisogno di 140.000 famiglie Senza investimenti, non si va da...

Sport3 ore ago

Juve, stop per Chiesa: scontro con Alex Sandro in...

L'attaccante si ferma dopo un colpo alla caviglia Ancora problemi per Federico Chiesa. L'attaccante della Juventus ha preso una botta...

Economia3 ore ago

Da rottamazione quater a certificazione unica, le scadenze...

Cosa e entro quando pagare: l'agenda del mese ricca di appuntamenti Rottamazione quater, acconto irpef e adempimenti. E' ricco di...

Lavoro4 ore ago

Cida: “Politica si faccia carico del ceto medio, il...

Open day per la petizione 'Salviamo il ceto medio' Giornata di mobilitazione nazionale "L’erosione della classe media rischia di sommergere...

Immediapress4 ore ago

Kaspersky: oltre 36 milioni di credenziali AI e gaming...

Milano, 28 febbraio 2024 Una quantità enorme di credenziali di accesso rubate è stata scoperta dagli esperti di Kaspersky Digital...

Sport4 ore ago

1000 Miglia, un’altra tappa verso il traguardo della...

Bureau Veritas Italia ha verificato la conformità della carbon footprint di 1000 Miglia srl Lo spirito audace e innovativo è...