Connect with us

Politica

Scontri Pisa, Piantedosi: “Nessun cambiamento su...

Published

on

Scontri Pisa, Piantedosi: “Nessun cambiamento su ordine pubblico, valuteremo eccessi”

Il ministro riferirà in Parlamento

"Sull'ordine pubblico non ci sono stati cambiamenti, se ci sono stati eccessi li valuteremo". Lo ha detto il ministro dell'Interno Piantedosi affermando di condividere le parole del Presidente Mattarella sulle cariche della polizia contro gli studenti. Piantedosi ha poi affermato che riferirà in Parlamento.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Politica

Lega, 40 anni fa nasceva il partito di Bossi: dal governo...

Published

on

Il Carroccio fondato dal Senatur il 12 aprile 1984. La storia dagli inizi e la secessione alla svolta nazionalista

Umberto Bossi - Fotogramma

La Lega compie 40 anni. All'inizio ci fu l'obiettivo unico dell'indipendenza padana, benedetta da Gianfranco Miglio e dal mito del federalismo. Lo slogan era 'lontani da Roma e vicini all'Europa', i nemici per Umberto Bossi - fondatore di quel movimento che giurò guerra ai Palazzi della Capitale - erano, ad esempio, Ciriaco De Mita e i falsi invalidi campani o Bettino Craxi, rifugiatosi ad Hammamet. Tutto ebbe inizio il 12 aprile del 1984, in piena Prima Repubblica, quando un piccolo editore, una maestra elementare, un rappresentante di commercio, un commerciante, un odontotecnico e un architetto si misero d'accordo per dare vita a una piccola formazione locale, da cui prenderà piede la Lega, oggi il partito più longevo del parlamento italiano.

Umberto Bossi era l'editore, quella che sarà sua moglie, Manuela Marrone, la maestra elementare, Marino Moroni, Pierangelo Brivio, Emilio Sogliaghi e Giuseppe Leoni, cliente del notaio Bellorini di Varese, erano gli altri padani che si diedero da fare per registrare l'associazione 'Lega Lombarda Autonomista', che poi si unirà alla 'Liga Veneta' e alla 'Lega Piemont', creando la Lega Nord. Fu proprio Bossi a scrivere di suo pugno lo statuto federalista-autonomista, scegliendo il simbolo di Alberto da Giussano per il movimento.

Bossi il 'Senatur' e l'alleanza con Berlusconi

Nel frattempo Umberto girava il nord con una vecchia Citroen. Secchielli di colla, vernice e tanti slogan da attaccare ai muri. 'No al colonialismo terrone', 'Fratelli sul libero suol', 'Basta con le rapine del fisco', 'Alt all'invio di mafiosi in Lombardia', 'Al Nord giudici del Nord'. Proselitismo che dà i suoi frutti: Bossi arriva nell'87 in Senato. Il suo diventa, di colpo, il quarto partito della Repubblica. "Ora -chiese in tv, magro, coi capelli ricci, l'uomo che diventava il Senatur - vogliamo che i posti di lavoro vengano assegnati dando la precedenza ai residenti in Lombardia da almeno cinque anni". Poi l'impegno "all'abolizione del soggiorno obbligato e la lotta alla mafia".

Bossi vuole far pesare la sua forza elettorale e rompe gli indugi nel '94, si allea con Silvio Berlusconi, appena sceso in campo. Al Carroccio vanno l'8,4% dei voti e 180 parlamentari. Bossi manda 5 ministri al governo, tra cui Maroni. Ma con il Cavaliere si rompe presto, con reciproche accuse su pensioni e federalismo. Arriva così il 'patto delle sardine', con D'Alema e Buttiglione. Bossi fa nascere, con il leader del Pds e con il popolare, il governo tecnico guidato da Lamberto Dini. E riprende la battaglia secessionista. A Venezia ammaina il tricolore, sostituendolo col 'sole delle Alpi'. Nel mezzo convoca i suoi a Pontida, che negli anni sarà l'appuntamento clou dei militanti, e si inventa riti come l'ampolla del Po, o anche il Parlamento padano con sede a Villa Riva Berni di Bagnolo San Vito, in provincia di Mantova, dimora poi distrutta da un incendio nel 2019.

La Lega punta in quegli anni dritto alla secessione, il suo messaggio più forte, sempre sbandierato ma mai raggiunto. Il centrosinistra va al governo e approva una riforma del titolo V della Costituzione, modificando il regionalismo italiano, cercando di frenare le spinte separatiste. Alla fine degli anni '90, la Lega si riorganizza e si allea nuovamente con 'Berlusconi nella 'casa delle libertà'. Bossi torna al governo, diviene ministro per le riforme istituzionali e per la devoluzione.

L'ictus, i problemi giudiziari, le dimissioni, il Carroccio in caduta libera

Poi il primo marzo del 2004 l'ictus colpisce il Senatur. Intanto si arriva al referendum confermativo sulla devolution, che attribuisce nuovi poteri alle regioni, referendum che blocca di fatto, nel 2006, il progetto leghista.

Nel 2008 la Lega bossiana rifà parte del governo: Berlusconi è di nuovo premier, nella maggioranza tiene banco lo scontro con Fini, poi a novembre del 2011 la crisi economica e le fibrillazioni dei mercati, portano il Cavaliere alle dimissioni. Bossi è l'unico a dire no al governo tecnico di Monti, voluto dal capo dello Stato Giorgio Napolitano, mentre si profilano i problemi giudiziari per il fondatore della Lega, con la tesoreria Belsito, tra scandali per investimenti oscuri all'estero e rendicontazioni poco chiare dei rimborsi elettorali. Il vecchio capo, stanco e malato, deve lasciare e si dimette. E' il 5 aprile del 2012. Le immagini che corrono alla mente sono quelle della 'notte delle scope', quella del 10 aprile a Bergamo, con i militanti che chiedono rinnovamento, accorrendo con le scope per 'pulire il pollaio'. E' la manifestazione dell''orgoglio leghista'. "Chi sbaglia paga, senza guardare in faccia nessuno e chi ha preso i soldi della Lega li dovrà restituire fino all'ultimo centesimo. Umberto Bossi, non un pirla qualsiasi, si è dimesso con un gesto da vero leghista", dice Roberto Maroni. Nelle successive tornate elettorali il partito, che viene poi affidato proprio a Maroni, è in caduta libera, fino al 4,8%.

L'ascesa di Salvini, la svolta nazionalista

Il 7 dicembre 2013, alle primarie Matteo Salvini lancia la sua scalata alla Lega e sfida Bossi, ottenendo l'81,66% dei voti, mentre il fondatore resta fermo al 18,34%. Inizia l'ascesa di Salvini, che nel giro di cinque anni, porterà di nuovo la Lega al governo, con il M5S stavolta, divenendo vicepremier e ministro dell'Interno. Con Conte, premier pentastellato, però finisce male, ad agosto del 2019 c'è lo strappo del Papeete. Poi la storia recente, con la Lega Nord che nel frattempo viene 'clonata' nel nuovo partito 'Lega per Salvini premier', anche per tenere botta alla vicenda della condanna alla restituzione di 49 milioni di euro sottratti in modo illecito allo Stato, tra il 2008 e il 2010, inflitta dal tribunale di Genova al partito. Dopo la rottura del governo gialloverde, Salvini resta all'opposizione del Conte 2, ma poi schiera la Lega con Draghi, quando l'ex governatore della Bce viene chiamato dal presidente Mattarella a formare il governo, a febbraio del 2021.

Salvini negli anni costruisce la sua di Lega, firma la svolta sovranista e nazionalista, scegliendo il Tricolore, dimenticando la secessione e varcando i confini del nord. Il partito nato nel Varesotto ha ormai cambiato pelle, passando pure per il congresso del 2019 a Milano della vecchia Lega Nord, commissariata e affidata a un fedelissimo di Salvini, il deputato milanese Igor Iezzi, di fatto liquidata. Il 'Capitano', mai 'digerito' da Bossi, si rivela leader in grado di portare al massimo storico gli ex lumbard e alle ultime elezioni europee, a maggio del 2019, raggiunge un clamoroso 34,3%. Da quel momento Salvini però sembra avere perso il suo tocco magico, arrivando a un modesto 8,9% alle ultime politiche, ormai distantissimo dall'alleata premier Giorgia Meloni, e a rischio sorpasso nei consensi da parte di Forza Italia, che tallona da vicino la Lega.

Continue Reading

Politica

Puglia, strappo di Conte: Schlein chiede netto cambio fase...

Published

on

M5S lasciano giunta, leader 5 Stelle: "E' il momento di fare pulizia". Forte irritazione segretaria Pd per vicende giudiziarie: "Massimo rigore e atti concreti"

Giuseppe Conte ed Elly Schlein - Fotogramma

Non è stata una decisione dell'ultima ora, sulla scorta dell'ultimo caso giudiziario che coinvolge l'ex assessore Pisicchio. La scelta di uscire dalla giunta Emiliano, spiegano dal Movimento, era "maturata già nei giorni scorsi". Prima in una riunione a Roma mercoledì sera con Giuseppe Conte che ha poi condiviso il ragionamento oggi con i 5 Stelle pugliesi. Impossibile "chiudere gli occhi", ha spiegato il leader M5S nella conferenza stampa a Bari. "Vogliamo dare una fortissima scossa è il momento di fare pulizia e di fare tabula rasa". Non solo a parole, ma con i fatti.

Conte non aveva anticipato nulla né a Emiliano né a Elly Schlein con cui, dicono i suoi, non ci sarebbero stati contatti neanche dopo l'annuncio dell'uscita dalla maggioranza della regione Puglia. E dopo un silenzio lungo tutta la giornata, dal Nazareno arriva una risposta a quanto sta accadendo in Puglia. Non sulla decisione di Conte. Ma sul Pd pugliese con Schlein che si rivolge direttamente a Emiliano per chiedere "un netto cambio di fase".

Dal Pd fanno saper che c'è "forte irritazione della segretaria per le vicende giudiziarie emerse in questi giorni. Schlein ha chiesto massimo rigore e atti concreti al Pd pugliese che ci sta già lavorando, e al Presidente Michele Emiliano di aprire un netto cambio di fase in Puglia". E si ricorda che "già nei giorni scorsi a Bari aveva detto che bisogna tenere lontani trasformisti e interessi sbagliati, e che serve rispetto per la comunità democratica fatta da tanti amministratori e militanti che hanno gli anticorpi per scardinare la cattiva politica".

Conte: "Non è antipolitica, ma buona politica"

Schlein non minimizza e richiama con durezza il Pd pugliese e lo stesso Emiliano. Invocando una "cambio netto di fase". Una richiesta che aveva anticipato anche Andrea Orlando, tra i pochi dirigenti dem a parlare in giornata della vicenda: che deve fare il Pd in Puglia? "Se posso dare un consiglio non provvedimenti arbitrari ma che abbiano l'ambizione di aprire una fase diversa".

Conte e Emiliano oggi, dopo l'uscita dei 5 Stelle dalla giunta, si sono visti. Un faccia a faccia in cui il leader M5S ha consegnato al presidente della regione il 'Patto per la legalità' elaborato dai 5 Stelle. ''Un incontro sicuramente molto positivo, ne esco più sereno - ha detto Emiliano ai cronisti - e anche, secondo me, con buoni suggerimenti''. Tra questi anche l'istituzione di un assessorato alla legalità e i 5 Stelle tengono a sottolineare di non avere alcuna mira per un eventuale incarico di quel tipo. "Noi siamo fuori dalla maggioranza, rispediamo al mittente" le voci in merito.

E dai 5 Stelle ci tengono a sottolineare anche che la decisione di oggi non è un 'ritorno' all'antipolitica della prima ora. Lo spiega Conte così: con questa decisione "non ci limitiamo più a dire che siamo per la legalità e a chiedere onestà ma ci assumiamo la responsabilita' di contribuire alla disinfestazione e all'opera di pulizia nel mondo politico. Non è una decisione nel segno dell'antipolitica ma oggi che siamo nelle istituzioni vogliamo la buona politica".

Continue Reading

Politica

Puglia, Pd: “Schlein irritata, Emiliano apra un netto...

Published

on

Segretaria chiede massimo rigore e atti concreti al pd pugliese, dopo vicende giudiziarie emerse in questi giorni

Elly Schlein (Fotogramma)

"Forte irritazione della segretaria per le vicende giudiziarie emerse in questi giorni. Schlein ha chiesto massimo rigore e atti concreti al Pd pugliese che ci sta già lavorando, e al Presidente Michele Emiliano di aprire un netto cambio di fase in Puglia". Così una nota del Pd. "Già nei giorni scorsi a Bari aveva detto che bisogna tenere lontani trasformisti e interessi sbagliati, e che serve rispetto per la comunità democratica fatta da tanti amministratori e militanti che hanno gli anticorpi per scardinare la cattiva politica".

Continue Reading

Ultime notizie

Cultura2 ore ago

Al Campiello Giovani cinque finalisti

E' il concorso rivolto agli aspiranti scrittori: provengono da Lazio, Lombardia e Sicilia È stata selezionata oggi a Verona la...

Spettacolo2 ore ago

Malagò e i Laganà stasera a ‘Paradise’ su Rai2

Tra gli ospiti del programma di Pascal Vicedomini anche l’attore americano Daniel McVicar Rodolfo e Filippo Laganà insieme al presidente...

Economia2 ore ago

Lavoro, ansia da prima settimana? No, grazie! Ecco la mini...

I consiglio di Infojobs per accompagnare i nuovi talenti in azienda nei primi 5 giorni di lavoro Il cambiamento, per...

Salute e Benessere2 ore ago

Salute: solo 50% cardiopatici aderisce a cure, al via...

Per Giornata nazionale aderenza terapia Siprec e Gruppo Servier lanciano iniziativa per un cuore in salute Le malattie cardiovascolari costituiscono...

Immediapress2 ore ago

Tumori: aumentano gli studi di fase I in Italia, oltre 100...

Si apre oggi a Roma il “Clinical Research Course”, la seconda edizione del corso organizzato in collaborazione con la Società...

Economia3 ore ago

Case green, via libera a direttiva Ue: Italia e Ungheria...

I due Paesi contrari al testo approvato a maggioranza nel Consiglio a Lussemburgo. Giorgetti: "Il tema è 'chi paga?'" Italia...

Cronaca3 ore ago

Scuole aperte anche d’estate, arriva un piano da 400...

Il provvedimento, che interessa gli anni scolastici 2023/24 e 2024/25, è destinato alle scuole primarie e secondarie statali e paritarie...

Esteri3 ore ago

Le infrastrutture energetiche ucraine nel mirino di Mosca...

Nuovo attacco russo su tutta l'Ucraina. Decine di missili e droni russi sono stati lanciati da Mosca con l'obiettivo di...

Sport3 ore ago

Sinner contro Rune oggi, quarti di finale Montecarlo:...

L'azzurro deve vincere per mantenere la seconda posizione in classifica Jannik Sinner contro Holger Rune oggi nei quarti di finale...

Cronaca3 ore ago

Esplosione Suviana, recuperato ultimo disperso: vittime...

Avrebbero tentato di scappare. Cardinale Zuppi: "La sicurezza è un dovere" Recuperato l'ultimo disperso nell'esplosione avvenuta nella centrale a Bargi,...

Spettacolo4 ore ago

De Gregori-Zalone: “Così è nato il nostro...

Francesco De Gregori e Checco Zalone raccontano all'AdnKronos come è nato il loro album 'Pastiche', disponibile dal 12 aprile, il...

Salute e Benessere4 ore ago

Pancreas, scoperta impronta digitale molecolare delle...

Lo studio pubblicato su 'Nature': la ricerca condotta alla Cattolica e al Gemelli Scoperta l’impronta digitale molecolare delle lesioni pre-tumorali...

Cultura4 ore ago

Rosso: “Con la creatività puoi costruire un’azienda,...

Rosso: “La creatività è fondamentale per creare attenzione e fare qualcosa di diverso dall'esistente, altrimenti fai solo una guerra di...

Cultura4 ore ago

Gualtieri: “La comunicazione multimediale aiuta a...

Gualtieri: “Raccontare con il supporto audiovisivo la complessità dell'opera rende più comprensibili i problemi, i rischi, le opportunità, la qualità...

Lavoro4 ore ago

Diana Bracco scala classifica Top Reputation marzo 2024

Guadagna 12 posizioni rispetto al mese precedente e sale al 33esimo posto Nella speciale classifica Top Manager Reputation di marzo...

Immediapress4 ore ago

La nuova Škoda Kamiq arriva da Maldarizzi Automotive: open...

Lecce, 12 aprile 2024. Design più raffinati, materiali nuovi e sostenibili, motori ottimizzati e dettagli innovativi Simply Clever. La storia...

Spettacolo4 ore ago

Tornano gli Ex Otago: “Dopo la crisi siamo pronti a...

Esce ‘Auguri’, il nuovo album del gruppo genovese: “Un invito a crescere e a immergersi nei ricordi". Risanate le ferite...

Ultima ora4 ore ago

Lifestyle e polo, su Netflix due serie prodotte da Harry e...

Gli episodi saranno realizzati dalla compagnia Archewell Productions, di proprietà dei duchi di Sussex Harry e Meghan saranno i produttori...

Economia4 ore ago

Blue Economy, Procaccini: “Riforma trasporti europea...

"Spero che nella prossima legislatura europea ci sia più equilibrio sugli oneri del pescato che oggi gravano sui pescatori. Anche...

Ultima ora4 ore ago

“Su Amadeus infinità di false notizie”, lo...

L'amministratore delegato all'Adnkronos dopo il proliferare di indiscrezioni sulla trattativa in vista della scadenza del contratto del conduttore: "Tutto questo...