Connect with us

Finanza

Saras, Moratti cedono il controllo agli olandesi di Vitol

Published

on

Passa di mano il 35% del capitale

Massimo Moratti

Saras diventa olandese. I membri della famiglia Moratti hanno siglato un accordo con Vitol che porterà quest'ultima a controllare la compagnia attiva nel settore industriale ed energetico. La Massimo Moratti di Massimo Moratti, Angel Capital Management ("Acm") e Stella Holding (collettivamente la "Famiglia Moratti") e Vitol, società olandese hanno stipulato un contratto di compravendita in base al quale la famiglia Moratti si è impegnata a cedere a Vitol, azioni di Saras che rappresentano circa il 35% del capitale azionario di Saras ad un prezzo pari a 1,75 euro per azione. Subordinatamente al verificarsi di determinate circostanze ivi previste, Acm si è impegnata a vendere a Vitol le eventuali azioni di Saras che Acm potrebbe ricevere sulla base dell’esistente contratto derivato di funded collar, avente ad oggetto circa il 5% del capitale azionario di Saras.

Nel caso in cui venga deliberato e distribuito un dividendo da parte di Saras prima della data di completamento dell’operazione, il prezzo per azione sarà ridotto di conseguenza. Il completamento dell’Operazione è esclusivamente subordinato all'ottenimento delle autorizzazioni regolamentari necessarie (i.e., le autorizzazioni ai sensi dei regolamenti dell’Unione europea sulle sovvenzioni estere e in manteria di concorrenza (antitrust) e della normativa golden power italiana).

Al completamento dell’Operazione, l'intera partecipazione detenuta dalla Famiglia Moratti in Saras sarà trasferita a Vitol. L’operazione determinerà l’insorgere di un obbligo di promuovere un'offerta pubblica di acquisto obbligatoria sul capitale azionario di Saras, che sarà promossa da Vitol allo stesso Prezzo per Azione (i.e., €1,75 per azione), ovvero al prezzo rettificato in caso di distribuzione di un dividendo prima del completamento dell’Operazione.

L'obiettivo dell'Opa è ottenere la revoca delle azioni ordinarie di Saras dalla quotazione e dalle negoziazioni su Euronext Milan, che potrà essere conseguita anche attraverso una fusione in presenza delle relative condizioni. Il prezzo di 1,75 euro per azione implica una capitalizzazione di Saras circa 1,7 miliardi di euro e rappresenta un premio del 10% rispetto al prezzo della data di riferimento; 7% rispetto al prezzo medio giornaliero ponderato per i volumi del mese precedente alla data di riferimento; 12% rispetto al prezzo medio giornaliero ponderato per i volumi dei 3 mesi precedenti alla data di riferimento; 21% rispetto al prezzo medio giornaliero ponderato per i volumi dei 6 mesi precedenti alla data di riferimento; 30% rispetto al prezzo medio giornaliero ponderato per i volumi dei 12 mesi precedenti alla data di riferimento. Il prezzo alla data di riferimento indica il prezzo di chiusura di mercato del 6 febbraio 2024.

Saras è un'azienda leader nel settore industriale ed energetico con sede in Italia. Tra i suoi impianti è inclusa la più grande raffineria a sito unico nel Mediterraneo. Posizionata strategicamente in un sito industriale in Sardegna, la raffineria con una capacità di 300 mila barili/giorno fornisce prodotti petroliferi all’Italia e al resto dell’Europa, mentre il suo impianto di generazione di energia elettrica perfettamente integrato, uno dei più grandi nel suo genere, ha una potenza installata di 575MW e contribuisce per oltre il 40% al fabbisogno energetico della Sardegna.

Inoltre, Saras ha un importante portafoglio di rinnovabili che comprende 171MW di impianti eolici operativi e una pipeline di di progetti eolici e solari rispettivamente di 593MW e 79MW. Vitol ha una lunga storia di investimenti in infrastrutture energetiche in tutto il mondo, dalla produzione e raffinazione del petrolio alle energie rinnovabili e allo stoccaggio di CO2. Questa Operazione rappresenta per Vitol un'opportunità di investire in un asset di alta qualità, ben posizionato per soddisfare le esigenze energetiche attuali e future in Italia e in Europa.

Massimo Moratti, Presidente e Amministratore Delegato di Saras, ha dichiarato: “Dopo 62 anni dalla sua fondazione avvenuta ad opera di mio padre, con i miei nipoti Angelo e Gabriele ed i miei figli Angelomario e Giovanni, ho ritenuto che la miglior garanzia per il futuro successo della raffineria di Sarroch fosse l’aggregazione con un primario operatore industriale del settore energetico globale, quale è Vitol, dotato di risorse relazionali, finanziarie e manageriali necessarie per competere nell’attuale contesto di mercato internazionale. Pertanto, ritengo che, questa Operazione sarà positiva per tutti gli azionisti, per le maestranze, per i clienti e tutti gli altri stakeholders, che ringrazio per la fiducia che ci hanno sempre accordato. Oggi Saras è una società solida e profittevole, leader nell’intero bacino del Mediterraneo, e auguriamo a Vitol di poter espandere i successi fino ad ora conseguiti.”

Russell Hardy, Amministratore Delegato di Vitol, ha dichiarato: "La nostra ambizione è quella di investire in una forte società italiana nel settore dell’energia, gestita da un management locale autonomo e supportata dall'esperienza e dall’accesso al mercato di Vitol. Apprezziamo l'importanza di Saras in Sardegna, e nel paese più in generale, e ci impegniamo a portare avanti l'eredità della famiglia Moratti di gestione diligente, operazioni sicure e supporto alla comunità locale e ai dipendenti. Le attività di Saras sono ben complementari al core business di Vitol e questa Operazione rafforzerà la sicurezza energetica europea e migliorerà l'approvvigionamento di un impianto chiave nel settore energetico europeo". Al completamento dell’Operazione, Vitol disporrà di oltre 800 mila barili/giorno di capacità di raffinazione in sette raffinerie, 4GW di produzione di energia termica e oltre 1,4GW di generazione di energia rinnovabile. La Famiglia Moratti è assistita da BofA Securities e Four Partners Advisory in qualità di advisor finanziari e da Linklaters Milano in qualità di advisor legale. Vitol è assistita da J.P. Morgan in qualità di advisor finanziario esclusivo e da Chiomenti e Weil, Gotshal Manges in qualità di advisor legali.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Finanza

Borsa Milano affonda, oggi chiude a -2,81%

Published

on

Le performance peggiori a Piazza Affari sono quelle delle banche

La Borsa

La Borsa di Milano è la peggiore d'Europa nell'ultima seduta della settimana. Piazza Affari, che archivia la seduta a -2,81% con il Ftse Mib a 32.665 punti. A Parigi il Cac 40 cede il 2,66% a 7.503, a Francoforte il Dax perde l'1,43. In rosso anche Madrid, a -0,70%. Più cauta Londra, dove il Ftse 100 chiude a -0,16%.

Le performance peggiori a Piazza Affari sono quelle delle banche: Unicredit maglia nera cede il 5,54% a 32,535 euro. Bper chiude a -3,55%, Mps a -3,45% e Intesa Sanpaolo a -2,49%. Male anche Leonardo (-5,28%), Iveco (-5,12%) e Stellantis (-4,27%). Tra le peggiori anche le utilities, con Hera che chiude a -4,23%, A2a a -3,40% e Enel a -3,31%.

Continue Reading

Finanza

Gli errori comuni da evitare quando si vuole iniziare a...

Published

on

Gli errori comuni da evitare quando si vuole iniziare a fare trading

In collaborazione con: Renditepassive

La possibilità di guadagnare con il trading fa gola a molti. Sarà il fascino di lavorare come i geni dell'alta finanza, sarà l'idea di poter ottenere una rendita mentre si è comodamente seduti davanti al proprio computer... fatto sta che sempre più persone si approcciano con interesse a questo settore.

Effettivamente, il trading finanziario è un'opportunità che consente a molte persone di guadagnarsi da vivere e, in alcuni casi, di portarsi a casa uno stipendio da sogno.

Ma le cose non sono così scontate come possono sembrare. Tante altre persone si ritrovano a perdere soldi e a rimanere delusi dal trading, giungendo facilmente alla conclusione che si tratti di una truffa.

Ma come stanno veramente le cose?

Il trading online è una truffa?

Rispondiamo prima di tutto a questa domanda più che lecita. E quindi, il trading online è una truffa? Detto in maniera semplice, no.

Si tratta di un'attività finanziaria che comporta (come qualsiasi altra attività finanziaria) grandi potenzialità di guadagno e rischi di perdite.

Certo, ci si può imbattere in una vere e propria truffe, che non sono altro che trappole create ad arte da chi promette guadagni facili e a rischio zero.

Esiste anche il rischio di imbattersi in piattaforme non regolamentate e non autorizzate che operano completamente nell'illegalità. Ma, come potete ben immaginare, queste situazioni sono comuni, presenti in qualsiasi settore.

Il principio che sta alla base del guadagno con il trading online è in realtà piuttosto semplice. Il trader (l'investitore), cerca di guadagnare acquistando e vendendo strumenti finanziari, che possono essere di diversa natura: azioni, obbligazioni, valute, materie prime, etc. L'obiettivo del trader è di vendere il proprio asset ad un prezzo maggiore rispetto a quello di acquisto, ottenendo così un profitto.

Grazie a internet, un trader può effettuare questi movimenti operando direttamente dal proprio computer o dal proprio smartphone.

Assodato dunque il fatto che il trading rappresenta un'opportunità di guadagno reale, andiamo scoprire quali sono gli errori più comuni commessi dai principianti.

Approccio sbagliato

Un primo errore commesso dai novizi che vogliono guadagnare con il trading sta proprio nell'approccio.

Diverse persone considerano il trading un modo per arricchirsi facilmente e in poco tempo. Altri pensano che, investendo poche decine di euro, potranno pian piano ottenere dei guadagni cospicui e ottenere in poco tempo la tanto desiderata libertà finanziaria.

In realtà il trading è un lavoro vero e proprio, nel quale è necessario metterci impegno e dove solamente i più preparati riescono a portare a casa un profitto. E il guadagno non dipende nemmeno da quanto siamo fortunati, né dalla capacità di "indovinare" dove si deve investire.

Mancanza di formazione e di aggiornamento

L'ansia di voler iniziare a guadagnare con il trading, di mettersi alla prova e di portare a casa i primi risultati spinge molti trader a trascurare la formazione.

La realtà è che una comprensione profonda delle dinamiche dei mercati finanziari è assolutamente necessaria. Senza conoscenze si rischia di fare esperienza con i propri soldi, subendo perdite sostanziali di capitale.

La buona notizia è che la formazione al giorno d'oggi è più alla portata di quanto non lo fosse una volta. Sul web si possono trovare facilmente corsi e webinar online. A volte questi corsi vengono proposti dalle migliori piattaforme di trading, che mettono a disposizione dei propri iscritti gli strumenti necessari per avere successo in questo campo.

Non utilizzare un conto demo

Un conto demo è importantissimo per iniziare familiarizzarsi con questo mondo prima di mettere a rischio il proprio capitale. Grazie a un contodemo potremo capire quali scenari potrebbero presentarsi, stabilire quale strategia attuare in ciascuna situazione. Il tutto con denaro fittizio.

Assenza di un piano di trading

Questo è un altro punto fondamentale. Hai compreso appieno le regole che determinano il mercato? Ottimo. Hai imparato a fare un'analisi tecnica e fondamentale? Benissimo. Padroneggi in maniera approfondita la materia? Perfetto. È sufficiente per guadagnare con il trading? Assolutamente no!

Quello che ti serve per andare in profitto è una strategia di investimento. Questo principio è valido in tutti i campi lavorativi e in diversi ambiti della vita. Anche la comprensione più ferrea di un argomento non serve a nulla senza una strategia chiara e ben definita.

È la strategia che ti permette di stabilire gli obiettivi, i comportamenti da attuare per gestire il rischio, i criteri di uscita, etc.

Senza una strategia chiara, le tue scelte verranno guidate dall'emotività. E questo ci porta all'errore successivo.

Sottovalutare la psicologia del trading

Sentimenti tipici della natura umana come la paura e l'avidità possono portare a decisioni irrazionali, scollegate dalla propria strategia.

Tra i primi insegnamenti proposti nei corsi di trading vi è la capacità di sviluppare una sorta di distacco dal denaro.

Le emozioni incontrollate sono strettamente correlate al cosiddetto dollar counting. Con questo termine ci si riferisce al desiderio incontrollato di verificare più volte al giorno l'andamento delle posizioni aperte. Si tratta di azioni compulsive che non sono di alcun aiuto.

Il rischio è quello di apportare continue modifiche alla propria strategia, cercando di sfruttare ogni piccola fluttuazione del mercato e riducendo le possibilità di ottenere dei risultati.

Non saper gestire il rischio

Trovare il giusto equilibrio tra freddezza e gestione del rischio è un punto cardine per non perdere soldi con il trading. In generale sono due gli errori più comuni che si possono commettere: investire troppo capitale su una sola operazione e dimenticare di impostare lo stop loss.

Prima di iniziare a investire è importante capire quanto capitale possiamo rischiare. È altrettanto importante diversificare i propri investimenti, di modo da compensare eventuali perdite e sfruttando più asset contemporaneamente.

Lo stop loss è essenziale per limitare le perdite. Dovremmo stabilire dall'inizio qual è la soglia massima di perdita, oltre alla quale non siamo disposti a scendere su una posizione.

Spostare continuamente lo stop loss è un altro errore che accomuna chi è alle prime armi. Questa pratica viene eseguita nella speranza (o convinzione) che prima o poi il valore risalirà. Ma spostare continuamente lo stop loss vanifica di fatto il suo scopo di esistere, portando nella maggior parte dei casi a perdite sempre più consistenti.

Aspettative irrealistiche

Molti nuovi trader si avvicinano al trading con aspettative irrealistiche di guadagni rapidi e facili. Questo atteggiamento può portare a frustrazione e decisioni affrettate. La realtà è che l'attività del trader richiede perseveranza e pazienza. Solo se sei disposto a concederti la possibilità di sbagliare potrai raggiungere i tuoi obiettivi.

Conclusioni

Come tutte le forme di investimento nel campo della finanza, il trading presenta rischi e opportunità. Se pensi che questa possa essere la tua strada per guadagnare, è importante che ti approcci a questo mondo nel modo giusto. Siamo convinti che i consigli contenuti in questo articolo ti aiuteranno ad avere una visione realistica e obiettiva sul trading.

Continue Reading

Curiosità

Psicologi e fatturazione: ecco cosa sapere

Published

on

La gestione della fatturazione è un aspetto spesso tedioso per gli psicologi, poiché implica una comprensione approfondita delle normative fiscali e la capacità di integrare sistemi efficienti e capaci di mitigare gli impegni dovuti agli obblighi burocratici.

Di conseguenza, oltre al continuo aggiornamento in ambito clinico, per i professionisti è altrettanto importante poter accedere a notizie per psicologi sempre aggiornate anche in ambito amministrativo, in modo da poter adempiere ai propri doveri fiscali.

Fattura psicologica: cosa deve includere?

Perché sia conforme alla legge, una fattura psicologica deve includere una serie di elementi che attestino la chiarezza e la completezza dell’informazione. Nella fattispecie, è necessario inserire dati identificativi dello psicologo, dettagli del paziente, descrizione dei servizi forniti, data e totali dettagliati, inclusa l’IVA qualora applicabile.

Inoltre, è importante che ogni fattura sia accompagnata da un numero di registrazione unico che ne faciliti la tracciabilità e l’archiviazione. Non meno importante, bisogna assicurarsi che ogni fattura rispetti i requisiti di privacy e protezione dei dati del paziente, in linea con le normative GDPR vigenti. Per approfondire il tema, è possibile accedere alla seguente fonte delle informazioni sulla fatturazione.

Fatturazione automatizzata

Per risparmiare tempo e gestire le fatture con efficienza, vi sono diverse piattaforme che permettono di automatizzare il processo di fatturazione, riducendo il carico di lavoro manuale e minimizzando gli errori.

Oltre all’emissione automatica delle fatture, è anche possibile accedere a una serie di strumenti che offrono funzionalità di tracciamento dei pagamenti e di reportistica, essenziali per una gestire in maniera adeguata le questioni di natura amministrativa e finanziaria.

Normative e tempistiche di emissione

In Italia, la normativa generale prevede che le fatture debbano essere emesse entro il 15 del mese successivo a quello in cui è avvenuta la prestazione del servizio. Tuttavia, specificatamente per gli psicologi e altri liberi professionisti, le fatture devono essere emesse entro 12 giorni dalla conclusione del servizio reso o dal ricevimento del pagamento.

Si tratta di una disposizione stabilita per garantire la corretta registrazione fiscale e contabile, in linea con i requisiti del sistema di fatturazione elettronica, che è obbligatorio in Italia dal 2019 per la maggior parte dei professionisti, inclusi gli psicologi. Chiaramente, occorre sempre tenersi informati e consultare le novità sulla fatturazione elettronica per il 2024.

Vantaggi della fatturazione elettronica per gli psicologi

L’adozione della fatturazione elettronica offre numerosi vantaggi per gli psicologi, principalmente nel miglioramento della gestione amministrativa e nella riduzione dei tempi di archiviazione.

Il sistema elettronico fornisce una maggiore sicurezza nella trasmissione dei dati e permette una migliore tracciabilità delle transazioni, elemento fondamentale per rispondere con precisione alle eventuali richieste dell’amministrazione finanziaria. Inoltre, la fatturazione elettronica consente agli psicologi di ridurre l’impatto ambientale della loro pratica, eliminando la necessità di utilizzare carta e contribuendo così alla sostenibilità del loro operato professionale.

Implicazioni della non conformità e risorse di supporto

Non adempiere alle normative sulla fatturazione può provocare una serie di sanzioni onerose, inclusi ritardi nei rimborsi fiscali e multe. Di conseguenza, è essenziale che gli psicologi si mantengano costantemente aggiornati sulle ultime disposizioni legali e fiscali.

Per facilitare questo processo, esistono numerose risorse online, come portali dedicati alla professione psicologica e aggiornamenti periodici forniti dai collegi professionali. In tal modo, gli psicologi possono accedere a strumenti e informazioni utili per gestire in sicurezza gli obblighi fiscali, assicurandosi che la loro pratica sia non solo efficace dal punto di vista clinico, ma anche conforme sotto il profilo amministrativo e legale.

In sostanza, l’adeguata gestione della fatturazione, oltre a essere una necessità legale per gli psicologi, si traduce anche in un’opportunità per migliorare l’efficienza e la sostenibilità delle loro pratiche. Mantenendosi informati e sfruttando le tecnologie disponibili, gli psicologi possono trasformare la fatturazione da un compito tedioso a un vantaggio strategico, dedicando più tempo al loro ruolo principale: fornire cure e supporto ai loro pazienti.

Continue Reading

Ultime notizie

Tecnologia9 minuti ago

Intervista a Lama Nachman: pioniere dell’Intelligenza...

Lama Nachman, Direttrice dell'Intelligent Systems Research Lab presso Intel Labs, ha un'esperienza di 26 anni nel campo del computing contestuale,...

Tecnologia16 minuti ago

Oppo lancia in Europa i nuovi smartphone AI, Reno12 e...

Un design completamente rivisto e innovative funzioni di intelligenza artificiale per il nuovo mediogamma Oppo, già disponibile nella sua versione...

Attualità30 minuti ago

Intervista esclusiva a Diego Di Flora, voce e cuore del...

Diego Di Flora, appassionato organizzatore di eventi e fervente sostenitore dei diritti civili, è una figura centrale nel panorama dei...

Cronaca44 minuti ago

Parkinson, un test del sangue per scoprirlo 7 anni prima...

L'esame del sangue sviluppato da ricercatori utilizza l'Ai per analizzare 8 biomarcatori: finora si è rivelato accurato al 100% Un...

Lavoro1 ora ago

Al via ‘Global Welfare Score’, l’algoritmo del...

Ecco come misurare il reale benessere dei lavoratori Al via il 'Global Welfare Score', l’innovativo algoritmo elaborato dall’Osservatorio Italian Welfare...

Lavoro1 ora ago

Mezzogiorno, Sud opportunity: “Partite Iva e liberi...

Il fondatore Giuseppe Matozza: "Le difficoltà non risiedono nell'accesso alle nuove tecnologie, ma nel loro corretto utilizzo" “Quando si parla...

Lavoro1 ora ago

Turismo, in Norvegia Bodo2024 apre l’estate con...

L'evento apre la nuova stagione della prima Capitale europea della cultura a nord del Circolo polare artico Metti una sera...

Cronaca1 ora ago

Maturità, da Luxuria a Cristina D’Avena e Boldi:...

"Sono molto precisina - confessa Vladimir - forse perché sono ascendente Vergine". D'Avena: "La mia notte prima degli esami? Non...

Spettacolo1 ora ago

Eleonora Abbagnato: “Non mi candido alla Scala come...

Sovrintendente Teatro dell'Opera di Roma Giambrone, 'con Eleonora tandem perfetto, per me può rimanere altri 5 anni' "Non mi candido...

Politica1 ora ago

Premierato, 180 costituzionalisti contro la riforma e al...

L'appello: "Si ascoltino gli allarmi che autorevolmente sono stati lanciati e si prevengano i pericoli. Finché siamo in tempo" "Facciamo...

Sport1 ora ago

Sinner al secondo turno a Halle, prima vittoria da numero 1

Battuto l'olandese Griekspoor. Al Queen's avanti Musetti e Arnaldi Buona la prima partita da numero uno del mondo per Jannik...

Economia1 ora ago

Industria: Di Maio in visita a Made 4.0, ‘nel Golfo...

Agevolare la collaborazione tra Paesi del Golfo e Unione europea su industria 4.0, intelligenza artificiale e settori cruciali come infrastrutture...

Salute e Benessere1 ora ago

Aviaria, da italiani database per tracciare casi in tempo...

"L'influenza aviaria H5N1 è una minaccia zoonotica globale che continua a destare preoccupazione per la salute pubblica. Con la sua...

Economia2 ore ago

Congresso Aidp, la finanza del futuro è anche nei fondi...

Appuntamento nel quale sono stati esplorati i contorni della 'rivoluzione' che avverrà nei prossimi anni nel campo delle relazioni umane,...

Sport2 ore ago

Gravina: “Per Uefa e Fifa Agenzia vigilanza viola...

"La Covisoc funziona in modo straordinario" "Ieri è arrivata un'email molto severa di Uefa e Fifa, in cui ci invitano...

Cronaca2 ore ago

Carceri, Minunzio (Cnel): “Allarme suicidi, centrale...

“Il fenomeno dei suicidi in carcere si sta purtroppo trasformando in una vera e propria emergenza nazionale. Dall’inizio dell’anno ad...

Salute e Benessere2 ore ago

Tumori, con screening polmonare +7 anni sopravvivenza e...

Con 34mila nuovi decessi all'anno, il carcinoma polmonare rappresenta la più frequente causa di morte oncologica in Italia. Per quanti...

Immediapress2 ore ago

Ippica – Mill Stream da battere nel Queen Elizabeth II...

Roma, 18 giugno 2024 – Una tradizione unica, e ineguagliabile, iniziata nel lontano 1711. Se si parla di ippica, a...

Economia2 ore ago

Brand Journalism Festival, il 12 a Roma  confronto tra...

In un’atmosfera collaborativa e ispirazionale si riuniranno editori, aziende, giornalisti, decision maker, esperti della comunicazione di marca, appassionati del mondo...

Motori2 ore ago

Osservatorio Luiss, sempre più IA nelle ‘auto...

Tecnologia cambierà l'interazione fra auto e passeggeri. Orecchini 'serviranno forti investimenti, molte le sfide collegate, dalla privacy all'energia' Tempo pochi...