Connect with us

Attualità

Sanremo 2024: Massmedia Comunicazione presente nei giorni...

Published

on

Sanremo 2024: Massmedia Comunicazione presente nei giorni del Festival di Sanremo con un mix di eventi, sorprese e vip

Massmedia Comunicazione, agenzia giornalistica leader nel settore, si prepara a un’intensa attività durante i giorni del Festival della Canzone Italiana a Sanremo 2024, con un’inedita sinergia tra presenza fisica e connessione remota. Un connubio di eccellenza che racconta la storia di un evento unico al mondo e tanti prestigiosi eventi collaterali durante la ricca settimana sanremese.

Il 9 Febbraio, ci sarà la Vetrina del Premio Lucio Dalla, un evento imperdibile reso ancora più speciale dalla partecipazione di illustri vip e show indimenticabili, con cura del brand marketing a cura di Gianluca Propoli. Il giorno 8 Febbraio sarà il momento del gran Gala delle Celebrità al Morgana, con “Il salotto delle celebrità”, ormai tra gli appuntamenti più importanti con super celebrities.

Il Salotto delle Celebrità, in partnership di collaborazione e comunicazione con l’Ufficio Stampa della grande kermesse, sarà il cuore pulsante della scena mediatica con una pioggia di talent.

La comunicazione è al centro di Massmedia Comunicazione e tutti i network collegati all’agenzia promettono di essere il punto di riferimento per tutti gli appassionati del Festival. Una fonte di sorprese, approfondimenti e aggiornamenti in tempo reale.

Massmedia affiancherà anche Cinzia Clemente nel suo format social a Sanremo dal titolo “Sa(n)Remo al Festival”.

Il 6 febbraio, da segnare in agenda anche “Vip Show Music Fashion” con la seconda edizione sanremese per Michele Lunella e condotta anche da Maria Monse’.

Il 7 Febbraio, ore 16, durante il Festival della Canzone Italiana, “Casa Sanremo Writers 2024”, il Salotto Letterario sarà animato dalla presenza dell’autore Giuseppe Cossentino e dell’attore e personaggio tv Nunzio Bellino. In questa prestigiosa cornice, sarà presentato “L’Uomo Elastico”, un libro a fumetti coraggioso che affronta tematiche importanti come il bullismo, la discriminazione e la violenza. La storia vera di Nunzio Bellino, affetto dalla rara Sindrome di Ehlers-Danlos, sarà raccontata in un modo unico e coinvolgente.

Massmedia sarà poi presente a due super eventi:

  • “Women for Women against Violence” presentato da Beppe Convertini, conduttore di “Uno Mattina in Famiglia” su Rai1 con ascolti record tutti i weekend;
  • L’8 febbraio Beppe Convertini condurrà il “Premio SanremoSi Novella 2000 Award” al teatro Centrale di Sanremo.

Lo staff di Massmedia ringrazia tutti i partecipanti, collaboratori e sostenitori che rendono possibile questa straordinaria esperienza, in particolare i giornalisti Giulia Bertollini, Roberto Mallo, Junior Cristarella di “Sbircia la Notizia Magazine”. Poi c’è Gennaro Cassini, punta di diamante nello staff di Massmedia e inoltre la testata giornalistica Mio Ticino. La partnership con il Festival della Musica Cristiana di Fabrizio Venturi è solo un esempio della dedizione e passione che caratterizzano Massmedia, posizionandola sempre in pole position nel mondo della comunicazione e degli eventi più trend e importanti tra attività giornalistica, PR e ufficio stampa.

Massmedia ci tiene a ringraziare “Dstyle” per gli occhiali fatti ad hoc, il residence “Modus Vivendi” di Sanremo, “Ciro Morelli Collection” di Afragola, “Elastic Media News” e la stilista Giuseppina Di Bartolo che riserverà una sorpresa nei giorni del Festival.

Massmedia: dove la comunicazione si fa evento, e gli eventi si fanno unici.

Sbircia la Notizia Magazine è una testata giornalistica di informazione online a 360 gradi, sempre a portata di click! Per info, segnalazioni e collaborazioni, contattaci scrivendo a info@sbircialanotizia.it

Continue Reading

Attualità

L’Arte di modellare il tessuto: Luca Giannola e...

Published

on

A cura di Pierluigi Panciroli – Foto di Fabrizio Romagnoli, Tonio De Carlo e Axel Blackmar.

Luca Giannola, un talentuoso scultore di abiti e maestro di moulage incrocia la meticolosa maestria artigianale con la creatività e estrosità dell’alta moda. Questa tecnica artigianale prevede la creazione diretta di capi sul manichino o sul corpo.

La sua storia ha inizio dalle affascinanti esperienze nelle botteghe delle zie a Benevento fino alle prestigiose passerelle delle Fashion Week internazionali.

Tra radici famigliari ed uno stile distintivo

Il percorso di Luca è un viaggio intimo che trova radici profonde nelle origini familiari, in particolare nelle preziose lezioni apprese dalle sue zie e dalla madre sarta. Crescendo in questo affascinante mondo, la moda è diventata parte del suo DNA, tanto da influenzare la sua scelta di iscriversi al liceo artistico, dove ha imparato la scultura.

Dopo un periodo a Milano, studiando fashion design e accumulando esperienze come assistente stylist e coordinatore di centri di creazione moda, Luca ha avvertito un crescente avvicinamento all’ambiente della moda. La sua identità di “designer” trova il suo vero sé a Bologna.

Dal moulage alla passerella 

È proprio a Bologna che il suo stile ha preso forma definitiva. Collabora con un noto couturier per abiti da sposa e da vita alle sue prime opere di “moulage“, riportando, così, in vita il suo spirito di studente-scultore. Questa tecnica ha rappresentato un risveglio artistico e un ritorno alle sue radici creative. Con la sua straordinaria maestria, Luca ha aperto nuove prospettive nel campo della moda evidenziando come questa possa trasformare l’abbigliamento in una vera e propria forma d’arte. La sua singolare fusione di tessuti, forme e colori crea una sinfonia visiva senza precedenti.

Questo suo nuovo stile innovativo e distintivo ha attirato l’attenzione di appassionati di moda, stilisti e criticipermettendogli di guadagnarsi un posto di rilievo nell’industria della moda.

Oggi, Luca Giannola si descrive come uno “scultore di abiti”. Il suo approccio unico e la chiarezza della sua identità creativa lo hanno reso una figura rispettata nelle Fashion Week, dove organizza con passione le sue sfilate a Milano e Parigi. 

Il tema del genderfluid trova spazio nelle sue creazioni, sottolineando il suo desiderio di esplorare nuove prospettive e sfide nella moda contemporanea. Luca Giannola è un esempio di come la costruzione di un’identità chiara e autentica possa aprire porte inaspettate e creare connessioni significative nel mondo della moda.

Il suo approccio alla Body Positivity

Luca Giannola, esperto docente di storia e progettazione della moda presso l’Istituto Rubbiani e la Scuola Moda Cesena, ha innovato l’approccio educativo introducendo la sua tecnica di modellare il tessuto. La sua visione è emersa durante le lezioni con le studentesse più giovani, in un periodo spesso delicato dell’adolescenza. Attraverso sperimentazioni creative, ha cercato di esplorare le silhouette femminili reali, coinvolgendo le aspiranti designer nel processo creativo. Queste iniziative hanno affrontato temi sensibili, come i disturbi alimentari, con l’obiettivo di favorire una percezione più sana del proprio corpo.

L’approccio di Giannola, oltre a trasmettere competenze nella progettazione di abiti, promuove una cultura della consapevolezza e del rispetto per la diversità delle forme corporee. Il suo impegno ha ottenuto riconoscimenti anche in ambito medico e scientifico, portandolo a collaborare con Ananke, un network di aiuto per coloro che vivono situazioni difficili legate al cibo.

Estendendo la sua influenza anche a case-famiglia, Giannola ha organizzato incontri leggeri e creativi incentrati su tessuti e drappeggio. La sua iniziativa di uno shooting di moda con le studentesse ha celebrato la bellezza autentica e naturale dei corpi femminili. Un approccio educativo che va oltre la moda e contribuisce alla formazione di individui consapevoli e sicuri di sé.

Nel contesto della Fashion Week, precisamente al Salon desMiroirs nel cuore di Parigi ho avuto l’onore d’incontrare Luca al fine di conoscere meglio un artista unico nel suo genere.

Ciao Luca, grazie per concedermi la possibilità di questa intervista. L’ambiente familiare, nello specifico le zie e la mamma sarta hanno contribuito molto alla tua formazione. In che modo le lezioni apprese e l’ambiente creativo locale hanno influenzato la tua visione artistica, diventando parte integrante del tuo DNA?

Ciao Pierluigi, intanto grazie a te per avermi dato la possibilità di fare questa intervista. Credo che la fortuna di essere nato in una famiglia di creativi, specie riferendomi alle mie zie e mia madre, siastato un terreno base fondamentale, su cui piantare e coltivare tutto ciò che ho imparato “giocando” innanzitutto. Ciò che le zie facevano infatti, lo ricreavo a mio modo sulle bambole delle mie sorelle e da grande ho scoperto che questo non era altro che fare moulage. 

Quali sono i dettagli e gli elementi distintivi della singolare fusione di tessuti, forme e colori nelle tue creazioni che hanno attirato l’attenzione di appassionati di moda, stilisti e critici?

Credo che ogni appassionato di moda, o addetto ai lavori, sia colpito da fattori differenti. C’è chi rimane affascinato dalla comodità dei capi nonostante siano complessi nella struttura, chi dalla fusione dei tessuti a volte in contrasto tra loro, pur risultando idonei nel fondersi, chi del “fatto a mano” in un ‘epoca in cui a volte rischiamo di dimenticarne l’importanza e la bellezza.

In che modo hai integrato il tema del gender fluid nelle tue creazioni e come questo si riflette nella tua volontà di esplorare nuove prospettive nella moda contemporanea?

La mia interazione col gender fluid è davvero una minuscola parte per il momento. Una sfida che mi ha visto coordinatore di una linea realizzata con giovani designer, il che mi ha fatto capire che posso dare spazio ad un tema così attuale ed affascinante, anche nelle mie capsule, poiché i capi scultura a volte possono essere trasversali rispetto alle canoniche silhouette moda, ed in parte essere indossate senza distinzione di genere, ma ho ancora molto da lavorare su questo tema.

Hai affrontato temi sensibili come i disturbi alimentaricome hai contribuito a favorire una percezione più sana del corpo tra le giovani aspiranti designer, il concetto della Body Positivity?

Ho sempre cercato di portare ciò’ che sono in tutti i progetti, perciò anche la mia sensibilità. Con alcuni gruppi di studentesse abbiamo lavorato accuratamente su disegni di corpi riferiti a forme diverse dallo stereotipo moda. Abbiamo progettato per ogni silhouette con giochi di forme e colori creando equilibrio ed armonia, spesso immedesimandosi nelle forme stesse di quei corpi. È stato un lavoro pieno di soddisfazioni.

Il moulage quindi va oltre la moda, celebra la bellezza autentica e naturale dei corpi femminili. Pensi che possa avere uno spazio in un contesto medico-scientifico? 

Quando mi approccio ad un tema delicato, che non vede come protagonista solo la moda ma l’aspetto emotivo, cerco di essere il più possibile cauto confrontandomi con persone che hanno strumenti specifici riguardo alcune tematiche. Il confronto è necessario e sostengo che sia importante poter sviluppare un legame (laddove sia possibile) tra moda e ambito medico scientifico.

L’esperienza della Fashion Week come ti ha arricchito e quale può essere, secondo te, la percezione e l’accoglienza di questa tecnica da parte degli stilisti e dei designer in una visione futuristica?

Mi sento fortunato perché grazie al Alwaysupportalent, che come ben sai sostiene tanti designer, ho avuto uno spazio durante eventi legati alle fashion week, facendo conoscere non solo le mie capsule, ma la mia personalità, il modo di essere, e nel mio piccolo poter dare un messaggio. Come spesso dico, il moulage non è qualcosa che abbiamo inventato oggi, ma una tecnica naturale usata fin dalle civiltà antiche. Credo che ogni designer, pur conservando e sviluppando la propria identità, può ricordarne l’importanza, sapere quanto sia necessario che l’abito si adatti al corpo e non il contrario.

© Sbircia la Notizia Magazine, è vietata qualsiasi ridistribuzione o riproduzione del contenuto di questa pagina, anche parziale, in qualunque forma.

Continue Reading

Attualità

Come Ottenere CFU e Certificazioni Riconosciute

Published

on

L’importanza dei Crediti Formativi Universitari (CFU) e delle certificazioni professionali si manifesta chiaramente nel contesto accademico e lavorativo attuale. Questi elementi rappresentano non solo un’indicazione del percorso educativo e delle competenze acquisite da uno studente, ma offrono anche opportunità significative di crescita professionale.

CFU sono un elemento chiave del sistema universitario, che permette di quantificare il lavoro dello studente, includendo lezioni, studio individuale, tirocini, e altre attività formative. Avere un numero adeguato di CFU è fondamentale per il completamento di un corso di studi universitario, ma il loro valore va oltre. Essi, infatti, possono arricchire il curriculum, dimostrando non solo il raggiungimento di specifici traguardi accademici, ma anche un impegno costante nel proprio percorso formativo.

Parallelamente, le certificazioni professionali riconosciute offrono un ulteriore strumento per distinguersi nel mercato del lavoro. Queste certificazioni attestano la competenza in specifici ambiti professionali, da quelli tecnologici a quelli linguistici, dalla gestione aziendale alla salute e sicurezza. Il loro riconoscimento a livello professionale significa che possono aprire le porte a nuove opportunità di carriera, migliorando le possibilità di occupazione o di avanzamento.

La combinazione di CFU e certificazioni professionali nel proprio background formativo e professionale rappresenta quindi una strategia efficace per migliorare le proprie prospettive di carriera. La capacità di dimostrare un impegno costante nell’apprendimento e nello sviluppo di nuove competenze è sempre più valutata da datori di lavoro e istituzioni. In questo contesto, comprendere come ottenere CFU e certificazioni riconosciute diventa cruciale per chiunque sia interessato a costruire un profilo professionale competitivo e aggiornato.

Comprensione dei CFU

Crediti Formativi Universitari (CFU) rappresentano un’unità di misura essenziale nel sistema educativo superiore italiano. Questi crediti riflettono la quantità di lavoro, inclusi studio individuale e partecipazione a lezioni, che uno studente deve compiere per completare un determinato corso di studi universitario. Per gli studenti universitari, i CFU sono fondamentali perché determinano il progresso verso il conseguimento della laurea. Per gli ordini professionali, i CFU acquisiti in specifici ambiti di studio possono essere necessari per l’accesso o la permanenza nell’ordine stesso.

Nelle università italiane, i CFU vengono assegnati seguendo criteri ben definiti, che garantiscono l’uniformità e la trasparenza del processo valutativo. Ogni corso di studio richiede il raggiungimento di un numero specifico di CFU, calcolati in base alle ore di impegno previste per le attività didattiche, laboratoriali, di tirocinio e di studio personale. In media, un CFU corrisponde a 25 ore di lavoro dello studente, con variazioni a seconda del tipo di attività formativa. La comprensione approfondita di come i CFU vengono assegnati e calcolati è cruciale per gli studenti, permettendo loro di pianificare efficacemente il proprio percorso accademico e professionale.

Panoramica delle Certificazioni Riconosciute

Le certificazioni professionali riconosciute nel mercato del lavoro coprono una vasta gamma di settori, da quelli tecnologici a quelli linguistici, dalla gestione aziendale alla salute e sicurezza. Queste certificazioni attestano la competenza e le abilità specifiche acquisite attraverso studi, corsi professionali o esperienze lavorative. A differenza delle certificazioni accademiche, che sono legate al conseguimento di titoli di studio presso istituzioni educative e universitarie, le certificazioni professionali si focalizzano su competenze pratiche e tecniche direttamente applicabili nel contesto lavorativo. Mentre le prime dimostrano il completamento di un percorso di studi, le seconde certificano l’idoneità a svolgere specifiche mansioni o professioni secondo standard riconosciuti a livello nazionale o internazionale. Questa distinzione è fondamentale per i professionisti che intendono migliorare la propria posizione nel mercato del lavoro o accedere a nuove opportunità professionali.

Ottenere CFU attraverso Attività Extracurriculari

L’ottenimento di CFU attraverso attività extracurriculari offre agli studenti l’opportunità di arricchire il proprio percorso formativo al di fuori del tradizionale contesto accademico. Tra queste attività si annoverano stagetirocinilaboratori pratici e corsi di lingua, che permettono di acquisire competenze pratiche e di approfondire conoscenze in specifici ambiti di interesse. Per il riconoscimento di queste attività come crediti formativi universitari, è essenziale avvicinarsi all’università con una chiara comprensione delle proprie esigenze e degli obiettivi di apprendimento. Gli studenti dovrebbero consultare il regolamento didattico della propria facoltà per verificare quali attività extracurriculari sono ammissibili e quali procedure seguire per la loro convalida. Spesso, è necessario presentare una documentazione dettagliata dell’attività svolta, inclusi gli obiettivi di apprendimento raggiunti e l’impegno orario complessivo. Approcciare l’università con preparazione e documentazione adeguata è fondamentale per facilitare il processo di riconoscimento dei CFU.

Certificazioni Professionalmente Riconosciute

Le certificazioni professionalmente riconosciute giocano un ruolo cruciale nell’avanzamento di carriera in numerosi settori. Nel campo dell’IT, certificazioni come Cisco (CCNA) o Microsoft (MCSE) dimostrano competenze specifiche nell’ambito delle reti e dei sistemi. Nel settore della gestione aziendale, le certificazioni Project Management Professional (PMP) o Lean Six Sigma offrono riconoscimento delle capacità di gestione progetti e ottimizzazione dei processi. Le certificazioni linguistiche, come il TOEFL o l’IELTS, sono invece fondamentali per attestare il livello di conoscenza di una lingua straniera, requisito spesso richiesto in contesti internazionali.

Scegliere la certificazione giusta richiede un’analisi del proprio percorso di carriera e degli obiettivi professionali. È importante valutare il riconoscimento della certificazione nel proprio settore, la sua rilevanza per le future aspirazioni lavorative e il ROI (ritorno sull’investimento) in termini di tempo e risorse economiche. Informarsi sulle tendenze del mercato e consultare professionisti del settore può fornire ulteriori insight per una scelta informata. Questo approccio consente di mirare a certificazioni che non solo arricchiscono il proprio profilo professionale ma aprono anche concrete opportunità di avanzamento.

Preparazione per le Certificazioni

La preparazione per gli esami di certificazione richiede un approccio metodico e organizzato. Iniziare con un’analisi dettagliata del syllabus dell’esame è fondamentale per comprendere le aree tematiche su cui concentrare lo studio. Stabilire un piano di studio personalizzato, che includa sia la revisione dei concetti teorici sia la pratica attraverso esercizi e simulazioni d’esame, può aumentare significativamente le possibilità di successo.

Per quanto riguarda le risorse consigliate per lo studio, i manuali ufficiali di certificazione rappresentano una fonte primaria di informazioni accurate e aggiornate. Inoltre, i corsi online e i webinar offrono la possibilità di apprendere direttamente da esperti del settore, con il vantaggio aggiunto di poter interagire per chiarire dubbi e condividere esperienze con altri candidati. Tra le risorse disponibili, i Corsi Accreditati per crediti CFU di UniFormare si distinguono per la loro qualità e per il riconoscimento accademico, offrendo una preparazione mirata non solo al superamento delle certificazioni ma anche all’acquisizione di CFU validi per il percorso universitario. La scelta delle risorse giuste è un passo decisivo verso la preparazione efficace per gli esami di certificazione.

Strategie per Massimizzare il Valore di CFU e Certificazioni

Integrare CFU e certificazioni nel proprio percorso accademico e professionale richiede una pianificazione strategica. È essenziale scegliere certificazioni che non solo siano riconosciute nel proprio settore di interesse, ma che possano anche essere valorizzate in termini di CFU dall’istituzione accademica frequentata. Questo approccio permette di ottimizzare il tempo e le risorse investite, garantendo che ogni attività formativa contribuisca concretamente al proprio sviluppo professionale.

La formazione continua e l’aggiornamento professionale sono elementi chiave in questo processo. Il mondo del lavoro è in costante evoluzione, e mantenere le proprie competenze aggiornate è fondamentale per rimanere competitivi. Partecipare a corsi, seminari, e workshop non solo fornisce nuove conoscenze e abilità, ma può anche offrire CFU aggiuntivi, contribuendo così al raggiungimento degli obiettivi accademici e professionali.

Incorporare le certificazioni nel proprio curriculum dimostra un impegno verso l’eccellenza e la professionalità, sottolineando la propria dedizione alla crescita personale e allo sviluppo di competenze sempre più richieste nel mercato del lavoro. La chiave del successo risiede nella capacità di selezionare opportunità formative che siano sia strategiche che rilevanti per il proprio percorso.

Conclusione

In sintesi, ottenere CFU e certificazioni riconosciute richiede comprensione, pianificazione e dedizione. I passaggi chiave includono la valutazione delle proprie esigenze accademiche e professionali, la scelta di attività extracurriculari e certificazioni pertinenti e l’adozione di una strategia di studio efficace. Sfruttare queste opportunità non solo arricchisce il proprio curriculum, ma apre anche porte verso nuove possibilità di carriera. È dunque fondamentale approcciare questo percorso con serietà e proattività, sfruttando ogni risorsa disponibile per il proprio sviluppo professionale. L’incoraggiamento finale è di non lasciarsi sfuggire l’occasione di migliorare le proprie competenze attraverso CFU e certificazioni, poiché rappresentano strumenti preziosi per il progresso nella propria carriera.

Continue Reading

Attualità

Violenze sugli animali, a Milano la manifestazione a favore...

Published

on

“Metter fine alla sostanziale impunità di cui godono gli autori anche dei più crudeli e ripugnanti delitti contro gli animali”. Michela Vittoria Brambilla, presidente dell’Intergruppo parlamentare per i Diritti degli Animali e la Tutela dell’Ambiente e della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, sintetizza così il significato della sua proposta di legge AC30, a favore della quale, oggi, a Milano, si è tenuta la manifestazione “La legge ignora gli animali”.

Centinaia e centinaia i partecipanti al corteo che ha attraversato le vie di Milano, dai bastioni di Porta Venezia  a piazza della Scala. Una manifestazione senza bandiere di partito, che non ha inteso  dare rilievo neppure alle sigle delle associazioni animaliste, per evidenziare la natura spontanea e popolare della protesta contro le violenze sugli animali e del sostegno alla pdl AC30 dell’on. Brambilla. Volontari, attivisti, famiglie, comuni cittadini con i loro amici a quattro zampe hanno accompagnato gli striscioni con le scritte che, tutte, esortavano ad approvare la riforma proposta dalla paladina degli animali: “No alle violenze sugli animali, sì a pene più severe”; “Aron, Grey e gli altri chiedono giustizia”; “In carcere chi maltratta e uccide gli animali”.

Infatti l’approvazione della pdl 30 realizzerebbe una vera e propria svolta, innanzitutto perché andrebbe a punire i reati a danno degli animali e non, come dice l’attuale titolo del codice penale, i reati contro “il sentimento di pietà” che verso gli animali nutrono gli uomini, ma specialmente perché innalza i minimi e i massimi edittali delle pene per il maltrattamento (1-5 anni sempre accompagnati da pena pecuniaria) e l’uccisione con crudeltà e senza necessità (2-6 anni con pena pecuniaria) in modo tale da rendere possibile che i responsabili almeno dei fatti più gravi vadano in carcere (esito oggi escluso) sia nella fase preliminare, sia per effetto della sentenza passata in giudicato. Non solo: la proposta include l’abbandono tra le condotte di maltrattamento, quindi con pene notevolmente inasprite. Prevede una serie di aggravanti che concretamente si riscontrano negli episodi, purtroppo sempre più frequenti, di cui parlano le cronache: ad esempio se il fatto è commesso alla presenza di minori o se ne vengono diffuse foto e riprese su internet. Introduce il reato di diffusione di esche e bocconi avvelenati a danno della salute pubblica e degli animali. In ossequio alla normativa europea, infine, la pdl stabilisce pene adeguate per chi uccide animali di specie protetta, cagiona loro lesioni o ne compromette l’habitat. Ad oggi questi comportamenti sono puniti come semplici contravvenzioni.

“Con questa proposta – spiega l’on. Brambilla – vogliamo dare seguito alla riforma costituzionale approvata nella scorsa legislatura, di cui sono stata promotrice e che introduce nella Carta, tra i principi fondamentali, quello della tutela degli animali, affidando al legislatore il compito di indicarne forme e modalità. Le norme che propongo metterebbero fine alla sostanziale impunità di cui godono gli autori anche dei reati più crudeli e ripugnanti. Che non sia un argomento di serie B per la politica è provato dall’indignazione di milioni di italiani che si esprime sui social e non ultimo dalla mobilitazione di oggi”.

Continue Reading

Ultime notizie

Salute e Benessere1 ora ago

Malattie rare: mese consapevolezza Fabry, rapper Blind la...

L'inedito 'Un pezzo di te' lancia la campagna 'Do Re Mi Fabry' promossa da Aiaf e Gruppo Chiesi Italia "Ciao...

Ultima ora1 ora ago

Visibilia, procura Milano chiude indagini: Santanchè...

In particolare, l'ipotesi di falso in bilancio riguarderebbe le comunicazioni tra il 2016 e il 2020 della quotata La procura...

Economia1 ora ago

Pneumatici estivi per auto, da Altroconsumo test e consigli...

In vista dell’annuale appuntamento con il cambio gomme estive, che deve essere effettuato entro il 15 maggio In vista dell’annuale...

Ultima ora1 ora ago

Fonti Usa: “L’Iran attaccherà oggi Israele con...

La rappresaglia dopo l'attacco israeliano al consolato iraniano a Damasco L'attacco iraniano contro Israele avverrà oggi. E' quanto hanno rivelato...

Salute e Benessere1 ora ago

Leucemia acuta promielocitica, esperti: “Verso cura...

Ne hanno discusso durante l’ottavo Simposio internazionale sulla leucemia acuta promielocitica (Lap) a Roma il 10, 11 e 12 aprile...

Salute e Benessere2 ore ago

L’allarme: “In alcune regioni le sale...

Intervista al presidente dei chirurghi ospedalieri: "Le borse di specializzazione vanno sempre più deserte e i colleghi lasciano il Ssn...

Immediapress2 ore ago

Le telecamere di EQUtv presenti alla 56^ Edizione di...

Dal 14 al 17 aprile 2024 l’emittente dedicata al mondo del cavallo racconterà le novità di Veronafiere dallo stand del...

Economia2 ore ago

La Svizzera è il primo Paese colpevole di inazione...

Un gruppo di attiviste, le Klima Seniorrinen Schweiz, che hanno denunciato il proprio Paese perché non fa abbastanza per contrastare...

Sostenibilità2 ore ago

Emissioni globali: le aziende più inquinanti del Pianeta

Secondo un report del progetto Carbon Majors, l'80% delle emissioni è prodotto da sole 57 grandi aziende Per poter accelerare...

Sport2 ore ago

Milan-Roma, Lazza: “Coro sui napoletani? Solo ironia...

Il rapper su Instagram: "Amare una squadra di calcio non potrà mai farmi odiare nessuna città del mio paese" Con...

Ultima ora2 ore ago

Crolla tetto nel milanese, operaio precipita e muore

Aveva 36 anni Un operaio di 36 anni è morto questa mattina, nel milanese per un incidente sul lavoro. L'uomo,...

Salute e Benessere2 ore ago

Farmaci antidiabetici dimagranti, Ema: “Non ci sono...

Comitato sicurezza Prac: "Evidenze disponibili non supportano un legame causa-effetto" Non ci sono prove sufficienti per dire che i farmaci...

Ultima ora2 ore ago

Natalità, Roccella: “Grande incentivo per...

Così la ministra per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità aprendo i lavoro del convegno 'Per un'Europa giovane....

Salute e Benessere2 ore ago

Allergie in piena fioritura, ecco come difendersi: la...

Domenico Schiavino: "Siamo in piena fase di sensibilizzazione agli allergeni. Questo è il momento della cura, ecco come" Naso chiuso...

Immediapress2 ore ago

Serie A – La Juventus cerca l’ennesimo trionfo nel Derby...

Roma, 12 aprile 2024 – Aprile è stato soprannominato, in questa stagione, il mese dei derby in Serie A. Dopo...

Politica2 ore ago

Natalità, Meloni: “Decrescita non è mai felice, se...

La premier durante il suo intervento all'incontro "Per un'Europa giovane. Transizione demografica, ambiente, futuro": "Invertire drammatica tendenza che compromette sviluppo"...

Politica2 ore ago

Famiglia, Mattarella: “Carta richiede sostegno,...

Il messaggio inviato dal Presidente della Repubblica alla ministra per Famiglia, la natalità e le pari opportunità, Eugenia Maria Roccella,...

Sostenibilità2 ore ago

Valencia 2024, i piani eco-sostenibili della Capitale Verde...

I progetti e le iniziative della EU Green Capital 2024 Nel 2024 Valencia brilla sotto i riflettori internazionali come la...

Cultura2 ore ago

Al Campiello Giovani cinque finalisti

E' il concorso rivolto agli aspiranti scrittori: provengono da Lazio, Lombardia e Sicilia È stata selezionata oggi a Verona la...

Spettacolo3 ore ago

Malagò e i Laganà stasera a ‘Paradise’ su Rai2

Tra gli ospiti del programma di Pascal Vicedomini anche l’attore americano Daniel McVicar Rodolfo e Filippo Laganà insieme al presidente...