Connect with us

Sport

Sinner nella storia, da Malagò a Berrettini:...

Published

on

Sinner nella storia, da Malagò a Berrettini: l’omaggio del mondo dello sport

Djokovic: "Bravo, successo meritato". Nadal: "Grandissimo Sinner, bellissimo torneo". Binaghi: "Momenti che uno sogna tutta la vita, sotto 2 set è stato miracolo sportivo"

Jannik Sinner (Afp)

Jannik Sinner vince il suo primo Slam negli Australian Open di tennis battendo in 5 set il russo Daniil Medvedev e diventa, dopo 48 anni, il terzo italiano a conquistare un major in singolare maschile dopo Nicola Pietrangeli, campione al Roland Garros 1959-60, e Adriano Panatta, vincitore a Parigi nel 1976.

Binaghi: "Sotto 2 set è stato miracolo sportivo"

"Sono momenti che uno sogna tutta la vita, che pensa che non possano anche arrivare mai e che diventano indimenticabili", ha detto il presidente della Fitp Angelo Binaghi a Supertennis dopo il successo di Jannik Sinner agli Australian Open. "Io credo - ha aggiunto - che l'emozione sia stata attenuata dal fatto che, due set a zero contro un grande campione come Medvedev che giocava in quel modo, con la partita che si era messa molto male e quindi recuperarla è stato un grande miracolo sportivo, anche se tutto sommato, anche per come è andato il quinto set, sostanzialmente abbastanza facilmente, si vedeva che Yannik era diventato padrone del campo, e questo ha reso la soddisfazione ancora più grande, come è successo in Coppa Davis, con l'ultimo set facile contro De Minur che ci ha attenuato questa grande emozione. Quella che oggi prevale è una grande soddisfazione, oltre che la considerazione che abbiamo una grande fortuna ad avere un grande atleta, una grande persona come Jannik".

"Quando ho capito che la partita stava girando? Io mi ero messo come obiettivo cercare di far superare a Medvedev le tre ore di gioco, che poi è coinciso proprio con la vittoria del quarto set, ma si vedeva già che Medvedev aveva molto acido lattico, faceva fatica negli spostamenti, soprattutto verso il rovescio, è calato anche un po' con la percentuale di servizio, alla quale poi invece si è aggrappato al quinto set, ma Jannik nel frattempo non ha mai mollato quando Medvedev giocava in questo modo incredibile, e come Medvedev è sceso un attimo, è salito in cattedra, è stato coraggioso al momento giusto, un fenomeno", ha aggiunto Binaghi.

Malagò: "Nel Pantheon dei Miti intramontabili"

"Da oggi, più che mai, nel Pantheon dei Miti intramontabili del tennis azzurro e mondiale. Uno stratosferico Sinner è il re dell'Australian Open dopo una maratona di speranza, sofferenza ed emozione, trasformata in gioia incontenibile. Un italiano torna a vincere uno Slam quasi 48 anni…", afferma il presidente del Coni, Giovanni Malagò su X.

Pennetta: "Si è vista la differenza fisica con Medvedev"

"Una domenica indimenticabile, bellissima. Naturalmente l'abbiamo vista tutta, seppur nel caos generale di una domenica con tre figli. E' stata emozionante", afferma Flavia Pennetta, ultima italiana di sempre a essersi aggiudicata un torneo del Grande Slam. "Sapevo sarebbe stata una partita molto dura, Medvedev è partito in una maniera strepitosa, togliendo un po' i punti di riferimento a Jannik - ha detto all'Adnkronos - Jannik non ha servito molto bene, probabilmente in tensione, per poi nel terzo set fare lui un salto in avanti, è cresciuto tanto, il servizio ha iniziato a funzionare e quella è diventata un po' anche una chiave che ha fatto la differenza, anche se a un certo punto con Medvedev fisicamente si è vista la differenza delle 6 ore sul campo".

Bertolucci: "Qualsiasi cosa tocca diventa oro, è fenomenale"

"Quando l'ho visto giocare la prima volta, ho capito che davanti a me c'era un ragazzo con delle qualità eccezionali. Poi, che riuscisse in così poco tempo a raggiungere il vertice, addirittura a vincere lo slam al primo, vero, serio tentativo, obiettivamente nemmeno Nostradamus avrebbe potuto predirlo", afferma l'ex tennista Paolo Bertolucci all'Adnkronos. "E' in un momento, da 4 mesi, che qualsiasi cosa che tocca diventa oro, è fenomenale, fa tutto giusto - continua - fa tutto bene e anche oggi questo recupero pazzesco, che sembrava impossibile. Perché è un ragazzo freddo, tranquillo, educato, con attributi pazzeschi, queste sono partite che si vincono molto con la testa e molto con il cuore, al di là dei colpi".

Berrettini: "Campione dentro e fuori"

"Campione dentro e fuori... Bravo Jan", ha scritto Matteo Berrettini in una storia sul suo profilo Instagram commentando il trionfo del collega Jannik Sinner negli Australian Open di tennis.

Djokovic: "Bravo, successo meritato"

"Bravo Jannik. Meritato, congratulazioni a te, alla tua famiglia e al tuo team". Così sui social il numero uno del mondo Novak Djokovic.

Nadal: "Grandissimo Sinner, bellissimo torneo"

"Grandissimo Jannik Sinner. Bellissimo torneo. Il tuo primo successo a livello di Grande Slam. Un caro saluto a te, alla tua famiglia, al tuo team e a tutta l'Italia, che ha vinto oggi con te". Così, su Instagram, l'ex numero uno al mondo Rafael Nadal.

Furlan: "Oggi Sinner festeggia il primo di una lunga serie di Slam"

"Oggi Jannik festeggia il primo di una lunga serie di Slam. Nei prossimi dieci anni si toglierà altre grandi soddisfazioni". Così Renzo Furlan, ex numero 19 del mondo e attuale coach di Jasmine Paolini, all'Adnkronos dopo la vittoria dell'Australian Open da parte di Jannik Sinner, capace di rimontare due set in finale al russo Daniil Medvedev. "La sua vittoria non mi ha stupito, lo consideravo favorito e ha confermato il pronostico, mi ha invece sorpreso che abbia rimontato due set a un giocatore forte come il russo -sottolinea l'ex azzurro di Coppa Davis-. Ha dimostrato una forza mentale incredibile, trova sempre la strada per vincere perché non smette di cercarla. Tanti complimenti a lui e al suo team, in particolare ai due coach Darren Cahill e Simone Vagnozzi, si meritano una soddisfazione del genere".

Nargiso: "Ha vinto con la testa e con il cuore"

"Oggi abbiamo avuto un'altra dimostrazione della statura di questo giocatore. Sotto due set a zero non ha mollato di un centimetro, ha vinto con la testa e con il cuore. Jannik ha dimostrato di essere un campione anche di resilienza", dice l'ex azzurro di Coppa Davis, Diego Nargiso, all'Adnkronos. "Oggi il russo è stato bravissimo, ha sorpreso Jannik attaccandolo ma il nostro giocatore non si è dato per vinto e ha fatto quello che fanno i grandi campioni -prosegue Nargiso-. Ha giocato con umiltà e ha aspettato l'occasione che si è presentato sul 5-4 nel terzo set dove ha fatto il break e ha cambiato l'inerzia della partita. Vincerà altri Slam e diventerà numero 1. L'investitura l'ha ricevuta da Novak Djokovic che in lui ha riconosciuto il suo erede. Il suo futuro sarà radioso".

Zugarelli: "Sinner ha fatto ricredere scettici, ora no eccessive responsabilità"

"Anche oggi ha confermato il suo valore, non solo tennistico ma di temperamento. Oggi una volta di più ha fatto ricredere gli scettici che fino a qualche mese fa lo criticavano ad ogni sconfitta. ora però non aspettiamoci che vinca ogni torneo, non carichiamolo di eccessive responsabilità. Di sicuro sarà uno dei protagonisti del tennis mondiale per i prossimi 8-10 anni". Così all'Adnkronos Tonino Zugarelli, vincitore della Coppa Davis nel 1976, commenta la vittoria dell'Australian Open da parte di Jannik Sinner. "Di lui mi piace la forza morale che anche oggi non lo ha fatto mollare dopo i primi due set, dove sembrava non ci fossero speranze e questa spesso conta più della capacità tecniche, che comunque Jannik ha affinato e migliorato molto in questi anni. Ora non ha praticamente punti deboli", aggiunge Zugarelli.

Gravina: "Sinner orgoglio nazionale"

“Sinner è un orgoglio nazionale", dichiara il presidente della Figc Gabriele Gravina. "Vederlo trionfare in Australia è stata un’emozione indescrivibile. Tutta l’Italia del calcio ha tifato per lui. Bravissimo Jannik e complimenti alla Federtennis”.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Sport

Napoli-Barcellona 1-1, gol di Lewandowski e Osimhen in...

Published

on

Catalani in vantaggio, pareggia il bomber nigeriano

Osimhen a segno

Napoli e Barcellona pareggiano 1-1 nell'andata degli ottavi di finale di Champions League disputata oggi 21 febbraio 2024. Catalani avanti con Lewandowski, pareggio di Osimhen. Il ritorno si giocherà a Barcellona il 12 marzo.

La partita

Con Calzona al debutto sulla panchina azzurra, la serata inizia in salita per il Napoli. Il Barcellona è padrone del campo in avvio, gestendo il pallone con continuità. Il baby Yamal, 16 anni e qualche mese, si rende subito pericoloso al 3' ma non inquadra la porta. Il ragazzino ci riprova al 9' e Meret deve metterci i pugni per respingere. Il monologo catalano prosegue al 15' con Lewandowski, conclusione sull'esterno della rete. Il Napoli prova a trovare assetto e distanze ma concede ampi spazi per la manovra blaugrana. De Jong ha metri di campo per avviare la manovra, le punte ricevono palla con continuità.

Al 23' serve un miracolo di Meret, che respinge d'istinto la conclusione di Lewandowski. Al 25' si fa vivo Gundogan, il portiere del Napoli è attento. Dopo mezz'ora all'angolo, il Napoli comincia a mettere la testa fuori dal guscio. Politano e Kvaratskhelia provano a strappare, non si vedono tiri verso la porta catalana ma almeno il Barcellona deve preoccuparsi anche di difendere e il primo tempo va in archivio con maggiore equilibrio in campo.

Il Barcellona riprende il pallino del gioco in avvio di ripresa e si presenta al tiro al 49' con Gundogan. La pressione degli ospiti aumenta, Lewandowski è sempre nel vivo della manovra e al 60' colpisce. Il centravanti riceve palla da Pedri, evita Di Lorenzo e batte a rete: Meret non può difendere il primo palo, 0-1. Il Napoli riesce a reagire e a trovare il pareggio con la fiammata di Osimhen. Il nigeriano riceve da Anguissa, si gira e di destro fa centro: 1-1 al 75' tra le proteste dei catalani, che reclamano per un fallo dell'attaccante.

Il gol accende il Napoli, che prova l'assedio finale con un attacco rivoluzionato: fuori Kvaratskhelia, Osimhen e Politano, dentro Lindstrom, Simeone e Raspadori. All'85' Anguissa cerca il jolly di testa, palla sul fondo. All'88' chance per Simeone, mira sbagliata. Prima del fischio finale, il Barcellona sfiora il vantaggio con Gundogan: finisce 1-1, verdetto rinviato al ritorno.

Continue Reading

Sport

Problema muscolare per Ngonge

Published

on

Napoli, contro il Barcellona (e forse non solo) non ci sarà l'ex Verona

(Fotogramma)

Cyril Ngonge non sarà a disposizione di mister Calzona per la sfida in programma domani tra il suo Napoli e il Barcellona

Come vi abbiamo anticipato ieri, l'attaccante ex Verona si è fermato per un problema fisico nell'ultimo allenamento e le sue condizioni verranno valutate nelle prossime ore. Stando alle ultime indiscrezioni, si tratta di un risentimento muscolare. Ecco la nota ufficiale del club partenopeo: "Ngonge non sarà del match per un risentimento muscolare accusato durante l'allenamento di ieri".

Fantacalcio.it per Adnkronos

Continue Reading

Sport

Inter, infortunio per Thuram

Published

on

L'attaccante out nella sfida contro l'Atletico

(Fotogramma)

Brutte notizie per Inzaghi ed i fantallenatori: durante il match vinto contro l'Atletico Madrid, si è fermato Thuram. 

Contrattura al muscolo adduttore della coscia destra: la prima diagnosi parla chiaro e tiene in ansia i tifosi dell'Inter. A naso non dovrebbe essere nulla di grave, ma ad Appiano Gentile non vogliono correre rischi. Soprattutto, non vogliono farlo in un momento così delicato della stagione, dove il vantaggio dalla seconda in campionato è largo e rasserenante.

Certamente, Simone Inzaghi non rischierà Thuram per la sfida di Lecce. Al Via del Mare, l'ex tecnico della Lazio avvierà le grandi rotazioni e riproporrà la coppia Arnautovic-Lautaro a completare il proprio 3-5-2.

Per il rientro del francese, dunque, bisognerà attendere che gli esami strumentali di domani traccino un quadro completo dei tempi di recupero. La speranza è quello di ritrovarlo per il recupero di campionato contro l'Atalanta, in programma il 28 febbraio: si naviga a vista. 

Fantacalcio.it per Adnkronos

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca2 ore ago

Roma, apertura in ritardo metro C nella tratta fra San...

Lo comunica Atac "Per un precedente problema agli impianti di telecomunicazione, attualmente risolto, il tratto urbano della linea metro C...

Spettacolo2 ore ago

“Fabio Fazio, a Mediaset? Pier Silvio come...

Corteggiato da Pier Silvio Berlusconi, Fabio Fazio gli ha ricordato che per ora è impegnato con il Nove, per ora....

Cronaca2 ore ago

Smog, scienziati: “Aumentano ricoveri, non c’è...

Dai risultati di due maxi studi Usa "indicazioni preziose per nuovi standard sulla qualità dell'aria" Lo smog aumenta il pericolo...

Esteri9 ore ago

Ucraina-Russia, Europa non crede a vittoria di Kiev: il...

In Austria, Grecia, Ungheria, Italia e Romania l'opinione pubblica chiede ai governi di spingere Kiev ad accettare un accordo A...

Esteri9 ore ago

Ucraina-Russia, 2 anni di guerra: l’analisi del...

I generali Bertolini, Tricarico e Battisti si esprimono sul quadro in campo e le prospettive Due anni di guerra tra...

Esteri9 ore ago

Ucraina, 2 anni di guerra: 10mila civili morti da inizio...

Hanno lasciato il Paese circa 6,5 milioni di persone e 3,5 milioni sono gli sfollati interni. Danni per 486 miliardi...

Esteri9 ore ago

Navalny, Orsini: “Nessuna prova che dietro ci sia...

"Posso solo pronunciare una condanna morale del regime detentivo, non altro" "Non abbiamo i documenti per dire che Putin abbia...

Sport10 ore ago

Napoli-Barcellona 1-1, gol di Lewandowski e Osimhen in...

Catalani in vantaggio, pareggia il bomber nigeriano Napoli e Barcellona pareggiano 1-1 nell'andata degli ottavi di finale di Champions League...

Ultima ora11 ore ago

Strage Palermo, l’amica di Antonella: “Diceva...

"Era preoccupata, mi chiese anche consiglio" Antonella Salomone "era preoccupata" per l'arrivo di Massimo Carandente e Sabrina Fina, la coppia...

Lavoro11 ore ago

Fenimprese: ecco libro ‘E’ nata una...

In occasione dell'inaugurazione a Bari del 'Villaggio dell'Accoglienza - Trenta ore per la Vita' E' stato presentato a Bari, in...

Cronaca11 ore ago

Smog ‘veleno’ per il cervello, più segni...

Le persone che abitano in zone con livelli maggiori di Pm2,5 presentano più placche amiloidi spia di malattia Lo smog...

Esteri11 ore ago

Israele-Hamas, Gantz: “Primi segnali verso accordo su...

Il ministro del gabinetto di guerra israeliano annuncia "qualche progresso". Si muove il direttore della Cia "Ci sono i primi...

Ultima ora12 ore ago

Re Carlo torna al lavoro dopo il cancro e vede Sunak

Ha ripreso le udienze settimanali per discutere le questioni di governo Re Carlo III ha ricevuto oggi in udienza il...

Esteri12 ore ago

Irene Cecchini: “Sogno la cittadinanza russa,...

La studentessa di 23 anni è stata protagonista ieri del dialogo con il presidente russo "Il mio sogno è avere...

Spettacolo13 ore ago

Vittorio Cecchi Gori, medico: “Sta meglio, forse a...

"Ha superato la crisi respiratoria, da due giorni è uscito dalla terapia intensiva ed è ricoverato in reparto" "Vittorio Cecchi...

Economia13 ore ago

Rotocalco n. 8 del 21 febbraio 2024

Aeroporto dello Stretto, un’occasione da non perdere; Dress Your Story di Amazon, culmine del progetto che dà valore a diversità...

Spettacolo13 ore ago

Linguista De Blasi: “bene Geolier a Sanremo, dialetto...

Professore Università Federico II, 'nuove generazioni hanno bisogno di essere ascoltati anche quando non cantano' Non si ferma il dibattito...

Economia13 ore ago

Italia Economia n. 8 del 21 febbraio 2024

Amazon, formazione Stem per giovani donne; Syensqo investe a Bollate, 10 milioni in tre anni per nuovi laboratori; ‘Work on...

Cronaca13 ore ago

Pro Vita Famiglia: “In consiglio regionale presentato...

Durante l'evento “Custodi del Domani” In difesa dei bambini e della famiglia, sempre più spesso - nella società odierna -...

Cultura13 ore ago

Musa tv n. 8 del 21 febbraio 2024

L’arte di Jago a Palazzo Reale di Palermo La Fondazione Federico II espone “Look Down”